Comportamento aggressivo nella demenza

Lo sviluppo della demenza può portare alla comparsa di aggressività nel comportamento del paziente, che si manifesta in una varietà di forme: in una reazione eccessivamente emotiva a parole o eventi, in minacce e insulti, anche in aggressione.

Come reagire?

Qualsiasi manifestazione di aggressività, anche se non è associata all'inflizione di danni fisici, provoca danni emotivi agli altri. Imparare a rispondere in modo appropriato in tali situazioni è di fondamentale importanza. La prima cosa da consigliare è: NON PRENDERE AZIONI AGGRESSIVE SUL TUO ACCOUNT. Anche se esternamente sono diretti a te, è solo perché sei vicino.

Il paziente non cambia il suo atteggiamento nei tuoi confronti personalmente, ma le sue reazioni al mondo che lo circonda nel suo complesso. E il paziente non può controllare queste reazioni, poiché sono associate a cambiamenti irreversibili nel suo cervello..

Naturalmente, la capacità di rispondere con calma all'aggressività e prendere il controllo della situazione non può svilupparsi immediatamente. Verrà con l'esperienza se fai uno sforzo. Ma alcune tecniche ben note per la prima volta non faranno male.

Al momento dell'aggressione:

  • Se pensi bene e provi le tue reazioni in anticipo, l'aggressività non ti colgerà alla sprovvista..
  • Se, tuttavia, l'aggressione di una persona cara si è rivelata inaspettata per te, non cedere al primo impulso. Un trucco ben noto funziona bene: fai un respiro profondo, fai un passo indietro dal paziente e conta fino a dieci. Questo darà l'opportunità di calmare te e lui..
  • Qualsiasi risposta emotiva non farà che peggiorare la situazione. Non litigare, cerca di controllarti, mantieni la calma.
  • Prova a dimostrare la tua cordialità. Mostra di comprendere le sue condizioni, di vedere che sta male e di essere pronto ad aiutare..
  • Invece di una risposta "simmetrica", cerca di distogliere l'attenzione del paziente dalla situazione che ha causato l'aggressione. Poiché il controllo dell'attenzione nella demenza è indebolito, la probabilità di una manovra di successo è molto alta..
  • Se il paziente è sopraffatto da un'ondata di emozioni negative, non è la soluzione migliore cercare di rinchiuderlo o limitare la sua mobilità. Ciò aggraverà ulteriormente la situazione..
  • L'atto più insensato sarà punire il paziente, ad esempio, dimostrando insoddisfazione o rifiutandosi di comunicare. Molto probabilmente, ha già dimenticato cosa è successo e semplicemente non capisce le ragioni del cambiamento di atteggiamento. Cerca di comportarti come se non fosse successo niente.
  • Se hai ricorrenti attacchi di rabbia che ti stanno causando serie preoccupazioni, consulta uno psichiatra.
  • L'intervento farmacologico non è la soluzione migliore per i pazienti con deficit cognitivo. I sedativi sopprimono il comportamento aggressivo, ma non risolvono il problema che lo provoca. Inoltre, aggravano alcuni dei sintomi, influenzando negativamente la chiarezza della coscienza. Se non c'è altro modo, il medico prescriverà farmaci, ma in futuro ha senso regolare in modo flessibile il trattamento, sostituendo le pillole con metodi più delicati..

Come identificare la causa dell'aggressività

Prova a confrontare le situazioni che precedono la manifestazione dell'aggressività. Potrebbe essere possibile trovare il common. Se non funziona subito, prova a prendere appunti, che ti aiuteranno a identificare lo schema. Per rendere le cose più facili, controlla questo elenco di cause comuni di comportamento violento..

Il paziente mostra aggressività se:

  • prova paura o stress per non essere in grado di svolgere attività di routine. La consapevolezza della loro incapacità di lavorare con la stessa efficienza porta a conflitti interni, che si manifestano in comportamenti aggressivi.
  • si rende conto della perdita di indipendenza e di privacy. Il paziente è costretto ad accettare l'aiuto nelle procedure più intime, che causa stress e attacchi agli altri.
  • sente la preoccupazione dei propri cari, la loro insoddisfazione per gli errori e gli errori commessi nello svolgimento delle attività quotidiane e viene infettato da emozioni negative.
  • diventa irrequieto in un luogo rumoroso e affollato (ad esempio, quando arrivano gli ospiti) o quando non riesce a orientarsi. Stare in un posto nuovo, come gli sembra, con estranei provoca un eccessivo nervosismo nel paziente e può generare aggressività.
  • è fisicamente a disagio (come la sete), soffre o è semplicemente stanco.

L'aggressività può anche essere spiegata dalla perdita di autocontrollo del paziente e dalle idee sulle regole di comportamento nella società..

Prima vengono rivelate le cause dell'aggressività, più velocemente e con successo imparerai a prevenirne le manifestazioni..

Se viene stabilita la causa dell'aggressività, diventa possibile ridurre al minimo il suo effetto sul paziente ed evitare conseguenze indesiderabili..

Come prevenire l'aggressività

Se il paziente non può far fronte alle normali attività o le svolge molto lentamente, accettalo. Per prenderlo con calma, devi solo accettarlo. Se stai solo cercando di nascondere la tua insoddisfazione, prima o poi si manifesterà e causerà un contraccolpo..

Sii consapevole che la percezione del paziente cambia a causa della malattia. Le cose che sono ovvie per te non lo sono affatto per lui. Spiega le tue intenzioni al paziente e dagli il tempo di pensare. Ha bisogno di molto più tempo adesso rispetto a prima.

L'assistenza fornita deve essere delicata. Altrimenti, offende e viene percepita con ostilità..

Criticare le azioni del paziente è un altro modo non solo per perdere tempo, ma anche per provocare aggressività. È meglio evitare situazioni che condannano il paziente a un errore. E se è successo, non lasciare che la tua amarezza si manifesti.

Controlla l'insorgenza dei primi segni di ostilità (ansia pronunciata, ansia). In questo caso, cerca urgentemente di calmare il paziente, distrailo con il tuo passatempo preferito.

Assicurati che il paziente veda regolarmente un medico per prevenire disturbi cronici. Il malessere costante può anche trasformarsi in aggressività..

Se non riesci a trovare da solo la causa dell'aggressione, contatta uno psichiatra.

Anche se ti convinci a non reagire a un comportamento provocatorio, le sue manifestazioni influenzano negativamente la tua condizione: creano nervosismo, stancano, devastano. Pertanto, è necessario prestare attenzione a recuperare sia immediatamente dopo l'incidente che a lungo termine..

La decisione di mantenere le emozioni in te stesso può solo farti del male. Meglio cercare di esprimere il dolore. E se ti sei rotto e hai ceduto, non dovresti tormentarti con il rimorso. Non dimenticare che stai vivendo sotto stress. Chatta con i tuoi amici, condividi le tue esperienze con loro.

Demenza con attacchi di aggressività

Domande correlate e consigliate

4 risposte

Ricerca nel sito

E se avessi una domanda simile ma diversa?

Se non hai trovato le informazioni necessarie tra le risposte a questa domanda, o se il tuo problema è leggermente diverso da quello presentato, prova a fare una domanda aggiuntiva al medico sulla stessa pagina, se è sull'argomento della domanda principale. Puoi anche fare una nuova domanda e dopo un po 'i nostri medici risponderanno. È gratis. Puoi anche cercare le informazioni di cui hai bisogno in domande simili in questa pagina o tramite la pagina di ricerca del sito. Ti saremo molto grati se ci consiglierai ai tuoi amici sui social network..

Medportal 03online.com effettua consultazioni mediche in modalità di corrispondenza con i medici del sito. Qui ottieni risposte da veri praticanti nel loro campo. Al momento, sul sito è possibile ottenere consigli in 50 aree: allergologo, anestesista-rianimatore, venereologo, gastroenterologo, ematologo, genetista, ginecologo, omeopata, dermatologo, ginecologo pediatrico, neurologo pediatrico, urologo pediatrico, chirurgo endocrino pediatrico, chirurgo endocrino pediatrico, specialista in malattie infettive, cardiologo, cosmetologo, logopedista, specialista ORL, mammologo, avvocato medico, narcologo, neuropatologo, neurochirurgo, nefrologo, nutrizionista, oncologo, urologo, ortopedico-traumatologo, oftalmologo, pediatra, chirurgo plastico, reumatologo, psicologo, reumatologo radiologo, sessuologo andrologo, dentista, tricologo, urologo, farmacista, fitoterapista, flebologo, chirurgo, endocrinologo.

Rispondiamo al 96,64% delle domande.

Aggressività nella demenza

La demenza è una conseguenza dei processi degenerativi nel sistema nervoso centrale, che sono accompagnati dalla morte dei neuroni.

Si manifesta negli uomini e nelle donne, principalmente nella vecchiaia e nella vecchiaia, tuttavia, la malattia è raramente registrata nei giovani. Gli stadi avanzati della patologia sono caratterizzati da un comportamento aggressivo dei pazienti, che può essere pericoloso sia per il paziente stesso che per gli altri.

L'aggressività è una reazione comportamentale volta a causare danni psicologici o fisici. Va notato che l'aggressività è diversa dalle manifestazioni emotive (rabbia, rabbia).

Cause

La demenza e l'ostilità possono essere innescate da una serie di cause che danneggiano i neuroni nel sistema nervoso centrale..

  • Malattie croniche. Patologie cardiovascolari, malattie degli organi viscerali, disturbi metabolici influenzano negativamente lo stato dei tessuti nervosi e gliali del cervello.
  • Patologia tiroidea. Con l'ipertiroidismo, il metabolismo accelera, il livello di ansia e nervosismo di una persona aumenta, i ritmi circadiani vengono interrotti.
  • Obesità. Sullo sfondo di un rallentamento generale dei processi vitali nei pazienti anziani, aumenta l'appetito e aumenta il consumo di cibi ipercalorici, che porta all'obesità. Il grasso corporeo aiuta ad aumentare la produzione di estrogeni. La comparsa di estrogeni in eccesso negli uomini, provoca disturbi mentali su uno sfondo di irritabilità.
  • Deviazioni personali. Con i disturbi della personalità, i pazienti sono inclini all'aggressività immotivata e sono in grado di danneggiare se stessi e gli altri. Questi pazienti dovrebbero ricevere un trattamento psichiatrico periodico..
  • Lesioni e neoplasie nella zona della testa. La presenza di danni nel lobo frontale del cervello contribuisce allo sviluppo di disturbi mentali. Si osserva un'eccessiva agitazione nei pazienti. In questo momento, la persona esprime rabbia e rabbia, che vengono sostituite da letargia e apatia..
  • Sindrome post-traumatica. Si sviluppa in persone che hanno subito un forte stress: ostilità, violenza, disastri naturali, disastri causati dall'uomo, ecc..
  • Malattie neurologiche. Tali malattie del sistema nervoso centrale come l'encefalopatia, il morbo di Alzheimer, l'atrofia di Pick e altre, portano al danno cellulare e all'interruzione delle connessioni nervose nel cervello;
  • Abuso di alcol, uso di droghe, fumo.

Ciò che provoca un comportamento aggressivo?

Nelle persone di età avanzata, i processi metabolici rallentano e la capacità dei tessuti del corpo di rigenerarsi diminuisce, l'adattamento alle mutate condizioni è più difficile. Qualsiasi fattore di stress può influenzare il funzionamento del sistema nervoso centrale, provocando sbalzi d'umore o risposte comportamentali inappropriate. Nel tempo, si accumulano danni al cervello, che portano a demenza senile e aggressività verbale o fisica..

La ragione dell'ostilità verso le persone intorno a te può servire:

  • disagio o indolenzimento;
  • effetti collaterali dei farmaci;
  • stimoli luminosi o sonori;
  • disturbi degli organi di senso (vista, udito, olfatto, ecc.), Che creano difficoltà con l'orientamento nello spazio;
  • allucinazioni.

Inoltre, le cause sociali e psicologiche della demenza sono comuni tra gli anziani:

  • solitudine, mancanza di comunicazione con parenti e amici;
  • mancanza di attività;
  • sospettosità nei confronti dei propri cari;
  • sensazione di impotenza;
  • condizioni depressive, disturbi neurologici;
  • rifiuto dell'aiuto esterno nelle attività quotidiane.

La demenza è aggravata dall'incapacità dei pazienti di svolgere attività di routine come camminare fuori o fare la spesa, radersi, cucinare e mangiare, igiene, ecc. Diventano sospettosi, esprimono ostilità nei confronti di tutori, personale medico, parenti.

Ignorare le richieste del paziente gli fa pensare che gli altri non abbiano bisogno di lui. Il crescente senso di ansia porta a paure infondate per la propria sicurezza e vita. Queste persone si ritirano e qualsiasi manifestazione di attenzione nei loro confronti o altre azioni possono causare aggressività..

Demenza negli anziani - sintomi

L'aggressività nella demenza senile si sviluppa gradualmente. Di regola, questa condizione è preceduta da reazioni comportamentali inappropriate come:

  • sospetto;
  • diffidenza;
  • tossicofobia;
  • tenuta eccessiva;
  • comportamento ipersessuale.

Nel tempo, il paziente smette di prendersi cura di se stesso e segue le regole dell'igiene, perde le capacità di cura di sé. I tentativi da parte di parenti o personale medico di intraprendere qualsiasi azione nei confronti del paziente sono percepiti come ostili. Una persona può usare un linguaggio volgare, tentare di danneggiare fisicamente gli altri o esercitare pressioni morali su di loro.

Demenza senile: come rispondere?

La scontrosità negli anziani non indica sempre patologie mentali, tuttavia, la comparsa di una serie di segni di aggressività senile è un motivo per condurre un esame psichiatrico. Se un parente anziano rifiuta di sottoporsi a un esame neurologico in un istituto, i suoi parenti possono chiamare un medico a casa.

Considerando un comportamento inappropriato, è necessario osservare le misure di sicurezza in modo che il paziente non danneggi se stesso e gli altri. È necessario rimuovere oggetti appuntiti dalla stanza in cui si trova il paziente, ed è consigliabile chiudere la stanza stessa con una chiave dall'esterno, soprattutto quando a casa non è lasciato nessuno.

Cerca di mostrare più attenzione e cura al tuo parente anziano. Non puoi alzare la voce con lui o mostrare cattiva volontà. Le emozioni negative esacerbano lo stato e portano al fatto che una persona diventa ancora più chiusa in se stessa.

Quando si mostra preoccupazione, è necessario sottolineare l'importanza e il significato del paziente. Sii paziente con le peculiarità del suo carattere e la manifestazione delle emozioni, fai i complimenti appropriati, approva le azioni utili.

Ogni caso di demenza richiede un approccio, ma ci sono una serie di principi per aiutarti a prendere contatto:

  • Quando esprimi ostilità ai pazienti, non prendere le loro parole o azioni sul personale. Non c'è bisogno di difendersi verbalmente o rispondere in modo sgarbato alle sue azioni.
  • Frasi convenzionali come "Ti capisco" e "Ti ho sentito" possono irritare le persone anziane. È meglio sostituirli con espressioni più umane "Vedo che non è facile per te", "Capisco che ti turbi", ecc..
  • Chiedi all'interlocutore come puoi essergli utile, come puoi migliorare la situazione, di cosa ha bisogno. Se la persona inizia a infastidirsi, fermati e riprova..
  • Presta attenzione all'espressione non verbale dei sentimenti del paziente, non affrettarlo con le risposte. Nella vecchiaia, le reazioni del sistema nervoso centrale rallentano, quindi gli anziani hanno bisogno di più tempo per padroneggiare ed elaborare le informazioni in arrivo. Dopo un'adeguata pausa, poni le domande al tuo interlocutore.

Demenza e aggressività, cosa fare?

Se ti trovi di fronte a un comportamento aggressivo di un paziente con demenza, è importante capire che la persona è malata e non può controllare le proprie emozioni e azioni..

Presta attenzione alla tua intonazione mentre parli. Parla con calma e gentilezza e sii il più disinvolto possibile. Non devi mostrare pietà o prestare troppa attenzione..

Provando irritazione, il paziente può provocare conflitti con il proprio comportamento o azioni immorali. Sarebbe più corretto non prestare attenzione alle provocazioni, continuando a condurre un dialogo con sicurezza e calma.

Se l'irritazione sfugge al controllo, dovresti allontanarti dall'interlocutore a una distanza di sicurezza o lasciare la stanza. Quando questo stato sarà passato, sarai in grado di condurre di nuovo un dialogo. In caso di vera minaccia, è necessario chiamare un'ambulanza.

Dopo l'incidente, non è necessario ricordare alla persona cosa è successo, è meglio comportarsi come se nulla fosse accaduto. Tuttavia, analizza le ragioni che hanno causato lo scoppio di rabbia e in futuro cerca di proteggere il paziente da fattori provocatori..

Demenza e aggressività - trattamento

Dato che l'aggressività si verifica nelle ultime fasi della demenza, è quasi impossibile curare questa patologia. Tuttavia, una terapia complessa può ridurre la manifestazione della malattia e migliorare la qualità della vita..

Il trattamento della malattia viene effettuato in un'istituzione medica speciale e il corso dura da diverse settimane a 3-4 mesi. Il trattamento comprende terapia farmacologica, terapia fisica e riabilitazione. Dopo la dimissione, il paziente deve assumere farmaci di mantenimento per tutta la vita..

La scelta dei farmaci viene effettuata tenendo conto delle condizioni del paziente, delle comorbidità e del trattamento precedentemente prescritto.

Per sopprimere l'aggressività, vengono prescritti antidepressivi e antipsicotici, che aiutano a far fronte alle emozioni negative e normalizzano il funzionamento del cervello. Per sostenere il corpo, rafforzare le pareti dei vasi sanguigni e aumentare la resistenza generale, vengono utilizzati complessi vitaminici e minerali.

Il paziente richiede attenzione e cura costanti. È importante che nel processo di trattamento e riabilitazione parenti e amici lo visitino.

Come affrontare l'aggressività senza farmaci?

Nella maggior parte dei casi, l'aggressività nelle persone anziane è aggravata senza un trattamento appropriato, quindi è quasi impossibile far fronte a questa patologia senza farmaci. Tuttavia, le complicazioni possono essere prevenute nelle prime fasi della demenza. Per prevenire la malattia, dovresti:

  • eseguire un'attività fisica moderata, camminare di più, rilassarsi all'aria aperta;
  • rinunciare all'alcool, al fumo di tabacco, all'uso di droghe;
  • mangiare bene includendo più cibi ricchi di carboidrati lenti e fibre nella dieta;
  • evitare il contatto con sostanze tossiche;
  • trattare tempestivamente malattie infettive e malattie degli organi interni;
  • fare nuove conoscenze, allenare la memoria e il pensiero.

Aggressione nella demenza: cosa fare?

Questioni trattate nel materiale:

  • Quali sono i tipi di comportamento aggressivo nella demenza?
  • Quali sono le cause dell'aggressività nella demenza?
  • Cosa fare e come rispondere all'aggressività di una persona nella demenza
  • Quale dovrebbe essere la prevenzione del comportamento aggressivo nella demenza?

La manifestazione di aggressività è molto spesso inaspettata. In misura maggiore, è inerente ai pazienti che assumono molti farmaci per aiutare ad eliminare i sintomi della demenza, come risposta. A causa di continui litigi e dimostrazioni di forza, i rapporti tra gli anziani ei loro cari stanno cambiando radicalmente, la connessione sensuale si interrompe, la comprensione reciproca scompare. Tuttavia, quando si lavora su un problema, si ottengono risultati positivi. Quindi, le risposte alla domanda: se l'aggressività si verifica nella demenza, cosa fare - nel nostro articolo.

Tipi di comportamento aggressivo nella demenza

È espresso dal fatto che il paziente parla ad alta voce e indignato, usa minacce nel suo discorso, manifesta protesta.

Con questo tipo di comportamento, il paziente, di regola, inizia a litigare con i parenti, può pizzicare, graffiare, mordere una persona cara, tirargli i capelli.

La manifestazione dell'aggressività è in gran parte dovuta alle qualità che una persona possedeva anche prima della comparsa della demenza. Ma ci sono anche eccezioni alla regola. Ad esempio, le persone anziane potevano essere molto calme prima della malattia, ma in seguito sono diventate irascibili. Questo dovrebbe essere ricordato quando si decide come comportarsi in caso di aggressione di una persona cara..

Come notato nel Journal of Clinical Psychiatry (USA), circa il 46% delle persone con demenza è aggressivo.

I migliori prezzi per i servizi di assistenza agli anziani a Mosca e nella regione!

10 giorni gratis!

Casa di cura nel microdistretto Levoberezhny

10 giorni gratis!

Casa di cura nel quartiere di Terekhovo

10 giorni gratis!

Casa di cura a Levoberezhny

10 giorni gratis!

Casa di cura a Khimki

Una ricerca condotta dai ricercatori dell'Università di Lund in Svizzera ha scoperto che 1/3 delle persone affette da demenza presenta sintomi di comportamento aggressivo.

Inoltre, i pazienti mostrano agitazione, che di solito è intesa come irrequietezza motoria, irritabilità, tentativi di uscire di casa, comportamento sessuale non standard.

Consigliato

Quali sono le cause dell'aggressività nella demenza

Vale la pena capire perché il paziente inizia a mostrare aggressività e cosa fare al riguardo.

In un tale stato emotivo, le persone anziane vogliono ottenere ciò che vogliono. A causa dello sviluppo della demenza, le funzioni fisiche e mentali diminuiscono, ma i bisogni non scompaiono da nessuna parte. Una persona malata, come una persona sana, desidera un ambiente confortevole intorno a sé, non sente dolore, interagisce con le persone, si sente necessario e vede l'atteggiamento rispettoso degli altri intorno a lui..

Le persone con demenza non capiscono come soddisfare questo o quel bisogno, come ottenere ciò che vogliono e come esprimere il bisogno di aiuto. Il loro comportamento è aggressivo, attirano l'attenzione degli altri. All'inizio, questo segnala che all'anziano manca qualcosa e non sa come comunicarlo agli altri..

Cosa fare in caso di aggressione? Prima di tutto, vale la pena capire le ragioni della sua manifestazione. Questo diventerà più facile se prendi in considerazione i problemi che ha la persona malata. Questi possono includere:

  • fisico - associato a determinate malattie;
  • sociale - accompagnato da un deterioramento delle relazioni con altri membri della società;
  • psicologico - manifestato da contraddizioni nei pensieri e nei sentimenti.

Soffermiamoci su ciascuna delle posizioni separatamente.

Bisogni fisici

In alternativa, una persona malata può provare qualche tipo di disagio causato da infezione, malattia cronica, costipazione, mancanza di liquidi o inattività fisica. A causa del consumo di grandi quantità di farmaci in una persona con demenza, non solo può diminuire la concentrazione dell'attenzione, ma può anche verificarsi aggressività, che è un effetto collaterale.

A causa delle loro limitate opportunità, le persone anziane non sono in grado di trovare la soddisfazione dei loro bisogni. Stanno perdendo peso, non riescono a ricordare come possono soddisfare questo o quel desiderio, cosa devono fare. Inoltre, l'atmosfera circostante a volte influisce negativamente anche sulla persona con demenza. In questo caso, prima dell'inizio della malattia, la situazione potrebbe essere l'opposto. Ad esempio, il paziente si sente depresso, irritabile quando è circondato da un gran numero di persone, anche se prima era una gioia per lui.

Queste persone anziane sono molto a disagio con il caldo, il freddo, la luce intensa, il rumore in un momento in cui coloro che li circondano potrebbero non sperimentare tali inconvenienti. Se il paziente non ha scelta, anche l'aggressività può iniziare a manifestarsi. Questo di solito accade in situazioni in cui il paziente non è in grado di cambiare determinati eventi nella sua vita. A causa del deterioramento dell'udito e della vista, sorgono conflitti e omissioni: una persona anziana può interpretare male ciò che ha sentito o visto.

I migliori prezzi per i servizi di assistenza agli anziani a Mosca e nella regione!

Casa di cura nel microdistretto Levoberezhny

Casa di cura nel quartiere di Terekhovo

Casa di cura a Khimki

Ci sono persone anziane che sono eccessivamente sospettose. A causa sua, i rapporti con i propri cari si deteriorano. Spesso ci sono allucinazioni, tutti i tipi di manie che spaventano i parenti che non sono abituati a un comportamento così non standard. Di conseguenza, la risposta alle reazioni emotive è l'aggressione non solo dei malati, ma anche dei loro cari..

A causa dello sviluppo di processi degenerativi nel cervello, le reazioni e gli atteggiamenti responsabili dell'autocontrollo, la valutazione di ciò che sta accadendo e la formazione della propria opinione cambiano. Le persone malate affrontano la perdita dei meccanismi di contenimento e non riescono a capire cosa fare, come comportarsi, in modo che non sia in contraddizione con le norme di comportamento.

Problemi sociali

Ci sono 5 ragioni sociali che portano alla comparsa dell'aggressività:

Il paziente si sente male per il fatto che si sente solo e non passa il tempo con gli altri. Il suo disagio provoca una sensazione di isolamento dalle conversazioni di amici o parenti.

La manifestazione della noia è spesso associata all'assenza di qualsiasi impiego del paziente. Non è molto interessato a nulla, da questo il lavoro dei suoi sensi rallenta.

Per ottenere una disabilità o in qualche modo migliorare il benessere del paziente, è necessario visitare costantemente un medico o chiamare uno specialista a casa. Tuttavia, a causa dei diversi approcci e dei diversi programmi per alleviare la demenza, nonché a causa dell'abuso, le persone anziane possono sperimentare stress..

L'irritazione può manifestarsi nei confronti di una persona cara, un'infermiera o una badante.

Distacco dai parenti in modo che non sappiano della malattia. In questa situazione, a causa delle domande, possono iniziare scoppi di rabbia e i rimproveri possono provocare indignazione..

Fattori psicologici

Una persona può avere l'impressione sbagliata che nessuno tenga conto dei suoi diritti. Nella maggior parte dei casi, la causa di questo problema risiede in una percezione distorta della realtà, nella memoria alterata e nel processo di analisi dei dati. E raramente è vero.

Le persone anziane spesso non riescono a fare ciò che vogliono. Per questo motivo hanno una sensazione di solitudine e vuoto. Sono frustrati per non poter fare da soli una tazza di caffè o dei lavori domestici in giardino. Sulla base di ciò, sorgono stati depressivi e disturbi mentali..

Succede che le persone con demenza non riescano a valutare sobriamente il buon atteggiamento nei loro confronti, è difficile per loro accettare adeguatamente le cure degli altri. Se uno dei parenti cerca di aiutare in materia di igiene intima, il paziente lo considera un pericolo e una violazione dei confini personali. Anche l'assistenza nelle faccende domestiche quotidiane, che si tratti di lavare, pulire o andare in bagno, i pazienti non possono accettare con calma e adeguatamente.

Quando i parenti praticano la convivenza con un malato di demenza, si prendono cura degli affari del paziente da soli. Questo fatto provoca spesso una forte irritazione e indignazione tra gli anziani: perché vengono allontanati da ciò che li riguarda direttamente. Nei momenti in cui il ragionamento comune ritorna ai pazienti, spesso sono arrabbiati perché nessuno tiene conto della loro opinione..

I problemi legati al lavoro del cervello portano al fatto che il paziente inizia a provare paura in relazione al mondo che lo circonda e alle persone. Le persone anziane considerano il loro habitat abituale incomprensibile e alieno. Sembra loro di trovarsi in un luogo sconosciuto, anche se in realtà questo è il loro appartamento. Inoltre, a loro sembra che ci siano estranei e sconosciuti in casa..

Le persone anziane con una diagnosi di demenza hanno difficoltà in tutto ciò che riguarda le interazioni con il mondo, sembrano essere in una realtà diversa. Quindi, la nonna è sicura di aver bisogno di mettere in valigia il suo giovane figlio, che in realtà ha molti anni, ed è lui stesso un padre da molto tempo, e inoltre vive in un'altra città del tutto. Quando altri cercano di dire che il desiderio di una persona anziana non è realizzabile, possono provocare aggressività, che si tradurrà in urla, aggressioni, imprecazioni.

Se parliamo dell'aspetto medico del problema, l'aggressività che si verifica nella demenza è dovuta al fatto che un gran numero di neuroni iniziano a morire, le connessioni tra di loro si perdono e la personalità si disintegra gradualmente. Il primo personaggio scompare, il paziente è soggetto a paura e negativismo, che si alternano a esplosioni di emozioni negative.

Spesso, un tipo di demenza o un altro determina la frequenza con cui si manifesterà un particolare disturbo mentale. Ad esempio, è generalmente accettato che esista un legame inestricabile tra demenza da cerebrastenia aterosclerotica e psicosi. L'aggressività è più comune nell'Alzheimer.

La posizione occupata dall'aggressività nella struttura dei disturbi psicotici che accompagnano la malattia di Alzheimer può essere vista nella tabella:

Aggressione nella demenza: cosa fare e come reagire

Con qualsiasi manifestazione di aggressività, indipendentemente dal fatto che ci sia o meno un danno fisico, le persone che si trovano nelle vicinanze ricevono un colpo emotivo. Prima di tutto, devi capire come rispondere adeguatamente a tali situazioni. Non dare per scontato che l'aggressione sia diretta esclusivamente a te. Molto spesso, fuoriesce, perché sei appena caduto sotto una mano calda al momento di uno scoppio di rabbia di una persona malata.

I cambiamenti riguardano l'atteggiamento della persona anziana non solo specificamente nei tuoi confronti, ma nei confronti del mondo in generale. Il paziente non è più in grado di mantenere il controllo sulle sue reazioni, poiché i processi che si verificano nel cervello sono irreversibili..

Naturalmente, la capacità di ignorare l'aggressività e la capacità di mantenere la calma non si acquisiscono dall'oggi al domani. Ci vuole tempo, esperienza e pazienza. Allo stesso tempo, possiamo evidenziare alcuni suggerimenti che saranno molto efficaci nelle prime fasi..

Quindi, cosa fare con l'aggressività che accompagna la demenza:

  • pensa in anticipo a come reagire al comportamento inappropriato del tuo parente anziano, e quindi la sua rabbia non ti sorprenderà;
  • quando ti sembra di essere colto di sorpresa, non comportarti in modo impulsivo, è meglio fare un respiro profondo, conta fino a dieci - in questo momento puoi calmarti entrambi;
  • ricorda che qualsiasi tua risposta emotiva peggiorerà lo stato delle cose, quindi non c'è bisogno di discutere e cercare di dimostrare che hai ragione, mantieni il controllo;
  • cerca di essere amichevole, dimostra la comprensione dello stato del malato, esprimi la tua disponibilità ad aiutarlo;
  • distrarre l'anziano dal motivo che gli ha causato l'aggressività (poiché un paziente con demenza non è in grado di mantenere il controllo totale sulla sua attenzione, molto probabilmente è possibile eseguire con successo una manovra di distrazione);
  • nel momento in cui il paziente è sopraffatto da emozioni negative, non chiuderlo in una stanza separata o legarlo, questo non farà che aggravare la situazione.

Cosa fare quando l'aggressività nella demenza è passata:

- in primo luogo, dimentica qualsiasi opzione per punire il paziente, non mostrare il tuo malcontento (la persona potrebbe anche non ricordare cosa è successo e non capire il tuo atteggiamento cambiato nei suoi confronti), comportarti come se nulla fosse accaduto;

- in secondo luogo, portare il paziente da uno psichiatra se ripetute manifestazioni di aggressività iniziano a preoccuparti seriamente;

- in terzo luogo, ricorda che il trattamento dei disturbi cognitivi con le pillole non è la soluzione più efficace (i sedativi possono sopprimere l'aggressività, ma il problema rimane, inoltre, l'assunzione di farmaci porta ad un aggravamento di alcuni sintomi, altera la chiarezza della coscienza), in assenza di un'altra opzione uno specialista deve prescrivere un trattamento e offrire un'alternativa ai farmaci.

Consigliato

Le basi per prevenire il comportamento aggressivo nella demenza

Molto spesso, l'aggressività si verifica dopo le stesse situazioni. Se capisci il loro schema, puoi facilmente iniziare a prevedere i momenti del prossimo attacco. L'irritazione del paziente si verifica spesso quando:

  • c'è stress o paura causati dal non essere in grado di completare le solite attività;
  • è necessario richiedere un aiuto esterno durante l'esecuzione di procedure intime;
  • i parenti esprimono la loro indignazione per gli errori e gli errori commessi da una persona anziana quando fa qualcosa nella vita di tutti i giorni;
  • l'orientamento è disturbato e appare un'eccessiva irritabilità, associata al fatto che gli ospiti sono venuti a casa o il paziente si trovava in un luogo pubblico dove è troppo rumoroso;
  • qualcosa fa male o dà fastidio, c'è disagio e stanchezza.

I parenti devono identificare le cause del comportamento aggressivo in una persona anziana il più presto possibile, quindi sarà possibile evitare la psicosi che si verifica con la demenza. Vieni a patti con la nuova realtà in cui il tuo familiare non può più svolgere le attività quotidiane. Reagisci con calma al fatto che ora sta meditando su azioni completamente semplici da molto tempo..

Se c'è poca negatività, le manifestazioni di aggressività diminuiranno in modo significativo. Con la demenza senile e la psicosi, è importante aiutare delicatamente con la vita quotidiana e l'igiene. Non criticare in alcun modo il paziente, cerca di evitare situazioni che dimostrano la sua impotenza.

Se noti segni di qualche tipo di ansia o paura, inizia immediatamente a distrarre la persona anziana con ciò che potrebbe trovare interessante..

Consigliato

Case per anziani nella regione di Mosca

La rete di pensioni per anziani offre case di cura, che sono tra le migliori in termini di comfort, intimità e si trovano nei luoghi più belli della regione di Mosca.

Siamo pronti ad offrire:

  • Comode case di cura per anziani a Mosca e nella regione di Mosca. Offriremo tutte le opzioni possibili per mettere una persona vicino a te.
  • Ampia base di personale qualificato per l'assistenza agli anziani.
  • Assistenza 24 ore su 24 per gli anziani da parte di infermieri professionisti (tutto il personale è cittadino della Federazione Russa).
  • Se stai cercando un lavoro, offriamo posti vacanti per infermiere.
  • Sistemazione da 1-2-3 posti letto in pensioni per anziani (letti comodi specializzati per costretti a letto).
  • 5 pasti al giorno pieni e dietetici.
  • Tempo libero quotidiano: giochi, libri, visione di film, passeggiate all'aria aperta.
  • Lavoro individuale degli psicologi: arteterapia, lezioni di musica, modellismo.
  • Esame settimanale da parte di medici specializzati.
  • Condizioni confortevoli e sicure: confortevoli case di campagna, splendida natura, aria pulita.

In qualsiasi momento del giorno e della notte, gli anziani verranno sempre in soccorso, qualunque sia il problema che li preoccupa. Tutti i parenti e gli amici sono in questa casa. Qui regna un'atmosfera di amore e amicizia.

Puoi ricevere consigli sull'ammissione alla pensione telefonicamente:

Domande frequenti sulla demenza: cosa fare con l'aggressività e le allucinazioni

  • demenza

La demenza è una malattia incurabile associata a una ridotta funzione cognitiva del cervello a causa di cambiamenti degenerativi causati dalla morte neuronale. Molto spesso, la patologia si sviluppa dopo 65-70 anni, ma a volte i primi segni della malattia si trovano in giovane età (a 40-45 anni).

La demenza distrugge la memoria di una persona e altera notevolmente la percezione del mondo che la circonda. I pazienti perdono non solo la capacità di apprendere, ma anche le loro conoscenze e abilità precedenti, motivo per cui non possono eseguire nemmeno le azioni di cura di sé di base, soffrono di problemi di memoria. Pertanto, i propri cari devono sapere come prendersi cura delle persone con demenza..

Cause di demenza

Le cause più comuni di processi degenerativi:

  • Morbo di Alzheimer (il principale fattore provocante);
  • malattia metabolica;
  • carenza di ossigeno nel cervello;
  • malattie del sistema cardiovascolare;
  • malattie infettive;
  • tumore maligno.

La situazione è aggravata da ictus, ipertensione arteriosa, aterosclerosi cerebrale.

Sintomi della malattia

La demenza progredisce molto lentamente e può svilupparsi nel tempo. Il primo sintomo della demenza è il ritardo mentale. Una persona impiega più tempo del solito per risolvere anche compiti semplici. La sua capacità di concentrarsi e pensare diminuisce rapidamente..

Un parente anziano dovrebbe essere mostrato a uno specialista se vengono rilevati i seguenti segni:

  • un cambiamento di carattere - una manifestazione di maleducazione, irritabilità e testardaggine;
  • letargia, apatia, depressione;
  • instabilità dello stato emotivo (una brusca transizione dalla gioia al dolore);
  • paure infondate, panico;
  • disordine alimentare;
  • mancanza di tatto e incontinenza sessuale;
  • attività fisica senza scopo (camminare per la stanza, smistare carte, raccogliere vestiti in pieghe);
  • dimenticare l'attualità e un bel ricordo di ciò che è stato tanto tempo fa;
  • difficoltà a concentrarsi;
  • difficoltà con l'orientamento nello spazio in un'area familiare.

Se scegli il trattamento giusto in una fase iniziale, sarà possibile rallentare in modo significativo i processi degenerativi e mantenere la chiarezza della coscienza per un lungo periodo di tempo..

Come prendersi cura delle persone affette da demenza?

È importante organizzare adeguatamente il regime quotidiano per il paziente. Si consiglia di preservare almeno una parte delle attività che l'anziano ha svolto in precedenza, che gli consentiranno di sentirsi protetto. Si raccomanda inoltre di fornire al paziente la massima indipendenza possibile in modo che possa mantenere l'autostima e l'autostima. Devi sapere che le persone anziane sono molto vulnerabili. Pertanto, non dovresti entrare in conflitto, è necessario rimanere calmi in qualsiasi situazione e ricordare costantemente che in questa situazione non è una persona cara la colpa, ma la malattia.

Dovresti costantemente trovare attività per il paziente, assegnargli compiti semplici (quelli complessi causano stress e peggiorano la condizione), creare situazioni in cui la persona anziana possa mostrare le proprie capacità e capacità.

Nelle fasi iniziali, non limitare la comunicazione con gli altri. Posticiperà la progressione attiva del degrado. Devi anche venire dal paziente più spesso ed è meglio portarlo a casa tua. Parla con il rione lentamente e chiaramente, con tono benevolo..

Diagnosi di demenza: cause, primi sintomi e trattamento

La demenza è un disturbo del sistema nervoso superiore che si sviluppa quando i neuroni del cervello sono danneggiati e si manifesta come un marcato deterioramento della funzione cognitiva. La memoria, il pensiero, le reazioni comportamentali del paziente e la capacità di svolgere le attività quotidiane si deteriorano. La malattia è tipica degli anziani, ma non è solo una conseguenza dei cambiamenti legati all'età.

I sintomi della demenza progrediscono costantemente. Ciò crea difficoltà nella diagnosi della malattia in una fase iniziale del processo patologico. Più spesso, i pazienti oi loro parenti cercano assistenza medica in caso di gravi danni neuronali.

I neurologi dell'ospedale Yusupov, utilizzando gli ultimi metodi diagnostici, identificano la causa della demenza, il grado di compromissione delle funzioni cognitive, conducono una terapia complessa, il cui scopo è fermare la progressione della malattia. I casi gravi di demenza vengono discussi in una riunione di un consiglio di esperti con la partecipazione di professori, medici e candidati di scienze mediche, medici della più alta categoria di qualifica. I principali specialisti nel campo della neurofisiologia redigono un piano di gestione individuale del paziente.

Statistiche

La demenza può essere diagnosticata e curata all'ospedale Yusupov. La clinica dispone di moderne attrezzature che consentono di stabilire cambiamenti nelle fasi iniziali, quando la malattia può avere un decorso reversibile.

Le ragioni per lo sviluppo della malattia

Fino ad ora, gli scienziati non sono stati in grado di stabilire la causa esatta dello sviluppo della demenza senile. I seguenti fattori predispongono allo sviluppo della demenza:

  1. Malattie autoimmuni. Un gran numero di composti autoimmuni prodotti nel corpo umano influenzano negativamente le cellule cerebrali. Senza un'adeguata terapia, a causa di processi degenerativi, le cellule cerebrali vengono distrutte, il che porta alla disintegrazione della personalità;
  2. Eredità pesata. Il gruppo di sviluppo della demenza senile comprende persone i cui parenti soffrivano di demenza;
  3. Tumori cerebrali benigni e maligni. Le masse comprimono il tessuto cerebrale e causano demenza;
  4. Intossicazione cronica. La demenza senile è più probabile che si sviluppi nelle persone che fumano e abusano di alcol;
  5. Malattie infettive. La demenza senile può verificarsi dopo aver sofferto di encefalite, meningite.
  6. Patologia somatica concomitante. Demenza senile La demenza si verifica spesso sullo sfondo di aterosclerosi cerebrale, diabete mellito, ipertensione arteriosa, dopo un precedente ictus.
La demenza può svilupparsi a seguito di lesioni cerebrali traumatiche, malattie del sistema nervoso centrale che causano la degenerazione e la morte delle cellule nella materia grigia del cervello. La demenza è un sintomo comune dell'Alzheimer.

La causa del danno cerebrale secondario può essere la patologia dei vasi cerebrali. La demenza può svilupparsi nelle persone con meningite, AIDS, neurosifilide o encefalite virale. La causa della demenza può essere complicazioni dell'emodialisi, insufficienza renale ed epatica cronica, processi autoimmuni, patologia del sistema endocrino. La demenza a volte si sviluppa con più fattori scatenanti.

La demenza si sviluppa prevalentemente negli anziani, ma può manifestarsi in tenera età. La ragione per lo sviluppo della demenza precoce può essere una predisposizione ereditaria, malattia alcolica, ipertensione arteriosa, uso di droghe e masse cerebrali. Lo sviluppo della demenza è promosso dal basso status sociale di una persona.

Opinione di un esperto

Autore: Vladimir Vladimirovich Zakharov

Neurologo, Dottore in Medicina, Professore, Capo del Centro per la Diagnostica e il Trattamento dei Disturbi della Memoria

In termini semplici, la demenza è demenza. Spesso si rifiutano di trattarlo, citando l'età. Sebbene la demenza possa e debba essere lavorata. Questo è l'unico modo per migliorare significativamente la qualità della vita, specialmente dopo trauma cranico e ictus..

La demenza non è una malattia indipendente, accompagna il morbo di Alzheimer, è conseguenza di patologie vascolari del cervello e disturbi circolatori di varia origine. Se parliamo di demenza in giovane età, stiamo parlando di malattie autoimmuni e malattie infettive..

Se ti rendi conto che la tua memoria e le capacità cognitive si sono deteriorate o che problemi simili sono accaduti ai tuoi cari, dovresti assolutamente fare un test. Prima di tutto, questi sono MRI, TC ed EEG del cervello. I test cognitivi sono obbligatori.

Lo sviluppo della demenza può essere rallentato e in alcuni casi invertito. Nel nostro ospedale, gli specialisti selezionano individualmente lo schema di riabilitazione e trattamento, a seconda dei motivi che hanno portato a questa condizione. Trattiamo non solo con i farmaci, ma utilizziamo un approccio integrato: questo aiuta ad eliminare le cause e allo stesso tempo a fermare le conseguenze.

Il meccanismo di sviluppo della demenza senile

Il meccanismo di sviluppo della demenza senile è un processo patogenetico complesso. L'anello principale nello sviluppo della demenza è una disfunzione dell'ipotalamo. All'inizio della malattia, il metabolismo è disturbato, si sviluppa una disfunzione ormonale. Come risultato dello squilibrio ormonale, l'attività funzionale di molti organi e sistemi cambia. Uno dei primi ad essere colpito è il cervello. La demenza può essere innescata da stress o stress emotivo.

Nella demenza senile, i neuroni muoiono gradualmente. Per questo motivo, non c'è un forte calo delle funzioni intellettuali e mentali. All'inizio della malattia, le persone hanno ridotta memoria, attenzione e capacità di apprendimento. Questo è spesso percepito come un segno di superlavoro o un sintomo di altre malattie del sistema nervoso. Durante l'esame istologico del cervello in pazienti con demenza senile, i morfologi rivelano focolai necrotici arrotondati. Come risultato del processo patologico, la massa e il volume dell'organo principale del sistema nervoso centrale diminuiscono.

Classificazione

A seconda della localizzazione della lesione, si distinguono i seguenti tipi di demenza:

  • corticale. Cambiamenti generalizzati si verificano nella corteccia cerebrale. La demenza corticale è comune nella malattia di Alzheimer, nella malattia di Pick e nelle persone che soffrono di alcolismo;
  • corticale-sottocorticale. La sconfitta cattura la corteccia e le strutture sottocorticali del cervello. Viene rilevato in presenza di malattie vascolari;
  • sottocorticale. Il processo patologico colpisce le strutture sottocorticali. La demenza è accompagnata da rigidità muscolare, tremori agli arti e instabilità dell'andatura. La forma sottocorticale della malattia è caratteristica del morbo di Parkinson, della malattia di Huntington e degli ictus;
  • multifocale. Colpisce varie parti del sistema nervoso centrale. Come risultato dei cambiamenti, si formano più aree di necrosi. Il quadro clinico è vario..

In base all'entità della lesione, si distinguono le seguenti forme di demenza:

  • totale. È caratterizzato da una graduale disintegrazione della personalità. Man mano che la malattia progredisce, le capacità cognitive diminuiscono, la sfera psicoemotiva è compromessa. La demenza totale appare sullo sfondo delle formazioni tumorali del cervello, nonché come conseguenza di un incidente cerebrovascolare acuto.
  • lacunare. I cambiamenti generalizzati influenzano alcune strutture. La demenza lacunare è caratterizzata da un disturbo della memoria a breve termine. I pazienti non sono guidati nel tempo e nello spazio, non ricordano l'essenza della conversazione che hanno avuto pochi minuti fa. Demenza lacunare accompagnata da labilità emotiva.

La demenza è lieve, moderata o grave, a seconda della gravità. Per valutare la gravità del decorso della malattia, vengono presi in considerazione l'orientamento nel tempo e nello spazio, la memoria, la capacità di self-service e le relazioni con la società. Poiché i cambiamenti generalizzati nel cervello si verificano più spesso negli anziani, è stata sviluppata la seguente classificazione di demenza:

  • atrofica. Si verifica in connessione con il danno primario ai neuroni del cervello;
  • vascolare. Si manifesta sullo sfondo di altre malattie;
  • misto. Combina i segni dei primi due tipi di patologia.

Fasi

Nel decorso clinico della demenza, i medici distinguono tra diverse fasi. Una persona sana è adeguata. Si serve in modo indipendente, ha le capacità per eseguire varie azioni. Con lo sviluppo della malattia, queste funzioni vengono parzialmente o completamente perse. All'inizio della malattia, l'umore dei pazienti peggiora, il loro interesse per la vita scompare, la loro prospettiva si restringe. Provano apatia, stanchezza, diventano mancanza di iniziativa, aggressivi, irritabili.

Nella seconda fase della malattia, i sintomi della demenza sono più pronunciati e le capacità della persona sono ridotte. Potrebbe dimenticare eventi recenti e nomi di persone e avere difficoltà a comunicare. In questa fase della demenza, una persona non può servire pienamente se stessa. Diventa disorientato, quindi una persona malata ha bisogno dell'aiuto dei propri cari.

Nella fase finale della malattia, una persona diventa quasi completamente dipendente dall'aiuto di altre persone. I sintomi della malattia diventano al massimo pronunciati. Una persona non è orientata nel tempo e nello spazio, perde la capacità di muoversi in modo indipendente. La compromissione della memoria progredisce, ci sono serie difficoltà nel riconoscere persone familiari e parenti.

Demenza precoce

La demenza è considerata una malattia senile, ma può svilupparsi in età precoce. I seguenti fattori possono portare allo sviluppo della demenza in tenera età:

  • ictus;
  • predisposizione ereditaria;
  • ipertensione;
  • alcolismo;
  • dipendenza;
  • tumori cerebrali;
  • trauma cranico;
  • varie infezioni, patologie endocrine, gravi malattie autoimmuni, diabete mellito, obesità;
  • il basso status sociale contribuisce allo sviluppo della demenza.

Sintomi

Nella fase iniziale della malattia, il paziente e le persone intorno a lui potrebbero non notare i segni della demenza. Nel tempo, sorge il sintomo principale della demenza: memoria compromessa, capacità di pensare e valutare adeguatamente gli eventi in corso. I pazienti spesso sviluppano i seguenti segni di problemi di salute mentale:

  • Paranoia;
  • Ansia;
  • Sindrome depressiva;
  • Comportamento inaccettabile nella società;
  • Cambiamenti di personalità;
  • Allucinazioni;
  • Eccessiva eccitazione.
Nei pazienti con demenza, i neurologi definiscono i disturbi cognitivi:
  • Compromissione della memoria;
  • Violazione dell'orientamento nello spazio;
  • Difficoltà a comunicare con le persone, trovare parole;
  • Disturbo del pensiero logico;
  • Difficoltà a prendere decisioni e scegliere il modo giusto per risolvere il problema;
  • Difficoltà nell'organizzare la propria vita, pianificare il lavoro.
Può svilupparsi labilità emotiva. Nei pazienti, l'irritazione e l'aggressività possono essere rapidamente sostituite da depressione e apatia. La concentrazione dell'attenzione, l'orientamento nello spazio e nel tempo sono disturbati. I pazienti diventano incapaci di valutare criticamente la loro condizione. Possono mostrare attività sessuale eccessiva o asessualità. Quindi c'è una rapida perdita di peso, atrofia muscolare, compaiono tremori delle estremità, instabilità, instabilità dell'andatura. Man mano che il processo patologico progredisce, la gravità dei sintomi della demenza aumenta.

Diagnostica

I neurologi dell'ospedale Yusupov utilizzano metodi diagnostici moderni per condurre un esame completo del paziente, il cui scopo è scoprire la causa e la gravità della demenza. Comprende i seguenti studi:

  • Raccolta di reclami, scoperta della storia della vita, sviluppo dei sintomi della malattia;
  • Valutazione dello stato neurologico;
  • Condurre test psicologici, con l'aiuto dei quali il medico valuta la qualità della memoria a breve termine, lo stato psicologico, l'attenzione e la parola;
  • Un esame del sangue per gli ormoni tiroidei (TSH, T3, T4), un cambiamento nel cui livello può portare allo sviluppo della demenza;
  • Un esame del sangue per la presenza di anticorpi contro l'HIV, agenti patogeni dell'epatite B e C, sifilide - per escludere o confermare la natura infettiva della malattia;
  • Computer e risonanza magnetica per determinare la posizione del processo patologico nel cervello;
  • Esame ecografico doppler dei vasi della testa e del collo, che consente di rilevare la vasocostrizione, per valutare la qualità dell'afflusso di sangue al cervello;
  • Elettroencefalografia: per determinare il livello di attività cerebrale.
Nell'ospedale Yusupov, i medici eseguono procedure diagnostiche utilizzando moderne apparecchiature dei principali produttori mondiali. Ti consente di stabilire rapidamente la causa e la gravità delle manifestazioni della demenza senile.

Varianti cliniche della demenza

I sintomi della demenza differiscono a seconda del tipo di malattia. Esistono diverse varianti cliniche della malattia. Consideriamo i principali.

Demenza di tipo Alzheimer

Molto spesso, la malattia si manifesta nelle persone di età superiore ai 50-65 anni. Una caratteristica della demenza sullo sfondo della malattia di Alzheimer è la compromissione primaria della memoria a breve termine con conseguente perdita della memoria a lungo termine. Per la maggior parte delle fasi della malattia, viene mantenuta la capacità di autocritica. La demenza è accompagnata da labilità emotiva. L'aggressività non è tipica. La malattia ha un andamento ondulato. A seconda dei parametri emodinamici, le condizioni del paziente possono migliorare o peggiorare. Con una forte violazione della circolazione cerebrale, possono comparire sintomi psicotici.

Demenza vascolare

A seconda del fattore eziologico, si distinguono i seguenti tipi di demenza vascolare:

  • sullo sfondo di un ictus;
  • a seguito di accidente cerebrovascolare cronico.

Nel primo caso predominano i disturbi focali. Questi includono disturbi del linguaggio, paresi o paralisi. La gravità dei sintomi clinici dipende dalla localizzazione del focus patologico. La compromissione cronica della circolazione cerebrale è caratterizzata da segni di demenza.

La demenza vascolare si verifica più spesso in presenza di aterosclerosi o ipertensione arteriosa. Fumo, eccesso di peso, malattie del sistema cardiovascolare sono considerati fattori predisponenti per lo sviluppo di questa condizione patologica. Tra i principali sintomi della demenza vascolare ci sono:

  • incapacità di concentrarsi;
  • aumento della fatica;
  • ridotta capacità di analizzare i dati;
  • dimenticanza;
  • labilità emotiva;
  • possibile sviluppo di depressione;
  • disartria;
  • disfonia;
  • instabilità dell'andatura;
  • rallentare.

La diagnosi della malattia consiste nella conduzione di ultrasuoni, MRA dei vasi cerebrali. La terapia viene selezionata in base alla gravità della demenza.

Demenza alcolica

L'abuso di alcol a lungo termine porta alla demenza alcolica. La sconfitta generalizzata è accompagnata da un'interruzione dell'attività di altri organi e sistemi. La demenza alcolica è caratterizzata da tipici cambiamenti di personalità. I pazienti diventano scortesi, perdono il contatto con la società, perdono i valori morali. La malattia porta a capacità mentali compromesse, disturbi della memoria.

È possibile eliminare i sintomi della demenza alcolica nelle fasi iniziali se smetti di bere alcolici in tempo. Con il progredire della malattia, l'eliminazione del fattore eziologico non avrà questo effetto. Nella maggior parte dei casi, è impossibile affrontare il problema da soli. Ciò è dovuto alla perdita di atteggiamenti motivazionali, una diminuzione della forza di volontà. Tra le cause di morte nella demenza alcolica, si nota un complicato decorso di comorbidità.

Demenza da corpi di Lewy

La malattia diffusa a corpi di Lewy è accompagnata da gravi disturbi del movimento. La demenza di questo tipo è caratterizzata dalla presenza di un gran numero di inclusioni patologiche intraneuronali. I sintomi clinici della malattia sono molteplici. I segni includono:

  • ridotta capacità di concentrazione;
  • errori nel riconoscimento degli oggetti;
  • errori nel riconoscere i propri cari e, successivamente, la propria riflessione;
  • allucinazioni visive, uditive, tattili;
  • disordine depressivo;
  • delirio;
  • apatia;
  • labilità emotiva.

La demenza da corpi di Lewy è caratterizzata da un decorso ondulato. La confusione della coscienza è sostituita da lacune leggere. I disturbi del movimento includono aumento del tono muscolare, instabilità e possibili tremori. La gravità dei sintomi clinici dipende dalla gravità della demenza. Con il progredire della malattia, i sintomi parkinsoniani si intensificano. In alcuni casi, appare il mioclono. Inoltre, la demenza è accompagnata da bradicardia, tendenza alla perdita di coscienza, diarrea, incontinenza urinaria e un cambiamento nel ciclo sonno-veglia..

Demenza senile

La demenza senile è una condizione in cui si verifica un'involuzione patologica del cervello legata all'età. Secondo le statistiche, la demenza senile rappresenta il 20% dei casi. La malattia è comune nelle persone di età superiore ai 60 anni. Le cause esatte della demenza senile non sono state ancora stabilite. Le prime fasi della malattia possono essere asintomatiche. Man mano che il processo patologico progredisce, compaiono i seguenti segni:

  • diffidenza;
  • mancanza di emozioni;
  • avidità;
  • sospetto;
  • ipersessualità;
  • sonnolenza durante il giorno;
  • insonnia;
  • dimenticanza di eventi recenti con conseguente perdita di memoria a lungo termine;
  • mancanza di autocritica.

Negli stadi gravi della demenza senile, i pazienti smettono di riconoscere i loro parenti. Idee deliranti, allucinazioni sono caratteristiche. Il trattamento viene selezionato in base alla gravità della condizione. La terapia ha lo scopo di alleviare la condizione e ridurre la velocità di progressione del danno alle cellule nervose nel cervello.

Trattamento

Attualmente non esistono farmaci in grado di curare un paziente dalla demenza. Gli sforzi dei neurologi dell'ospedale Yusupov sono volti a ridurre le manifestazioni della malattia e rallentare la progressione dei disturbi di salute mentale. I medici della clinica di neurologia dell'ospedale Yusupov considerano le seguenti aree prioritarie nel fornire assistenza medica qualificata ai pazienti con demenza come priorità:

  • Rivelare i sintomi della malattia nella fase preclinica della malattia, che consente di iniziare la terapia specifica il prima possibile;
  • Determinazione e trattamento dei sintomi psicologici, correzione delle reazioni comportamentali;
  • Migliorare la salute fisica, l'attività e le capacità di pensiero del paziente;
  • Fornire informazioni complete sulla malattia alle persone che si prendono cura del paziente.
I neurologi iniziano la terapia farmacologica per la demenza istruendo il paziente sulla malattia e sui suoi sintomi. I medici della clinica neurologica selezionano individualmente gli agenti farmacologici per ciascun paziente che sono più efficaci per uno specifico caso clinico della malattia. I neurologi effettuano trattamenti mirati all'ottimizzazione delle capacità cognitive del paziente, aumentando la sua attività, migliorando la salute fisica.

I neurologi usano i seguenti farmaci per trattare la demenza senile:

  • Nootropics - per migliorare le funzioni cognitive;
  • Antipertensivi - per stabilizzare la pressione sanguigna;
  • Ipoglicemico: normalizza i livelli di glucosio nel sangue;
  • Anticoagulanti: fluidificano il sangue, prevengono la formazione di coaguli di sangue;
  • Antipsicotici: stabilizzano lo stato psico-emotivo del paziente.
Gli specialisti della riabilitazione hanno sviluppato esercizi speciali per allenare la memoria nella demenza senile. I neurologi raccomandano ai pazienti di leggere di più, ascoltare canzoni, audiolibri, ricordare fatti storici o eventi della propria vita. Gli specialisti della clinica di riabilitazione selezionano l'intensità delle lezioni in base alla gravità della malattia. Tali esercizi attivano processi di pensiero che stanno svanendo a causa di danni neuronali..

Tutti i tipi di trattamento per la demenza senile sono disponibili presso l'ospedale Yusupov. Psicoterapeuti professionisti e neurologi si occupano dei pazienti. L'ambito del trattamento è selezionato su base individuale. Ciò tiene conto delle caratteristiche del decorso della malattia. Un approccio multidisciplinare consente la terapia più efficace per ogni paziente.

Allo stesso tempo, i medici identificano e curano le malattie che hanno causato la demenza, forniscono ai propri cari informazioni sullo stato di salute del paziente e forniscono supporto a lungo termine. La terapia non farmacologica consiste in misure per adattare l'ambiente per il paziente, sviluppare e attuare istruzioni quotidiane per la cura, aderenza al regime quotidiano e misure di recupero.

Prevenzione

Organizzazione della vita del paziente

La demenza cambia radicalmente la vita di una persona. Perde la capacità di pensare in modo logico, ricordare e comprendere nuove informazioni, riconoscere le persone vicine ei suoi figli e perde i tratti della personalità. Allo stesso tempo, una persona deve cambiare vita, che si assume la responsabilità di prendersi cura della persona malata. Gli psicologi dell'ospedale Yusupov forniscono assistenza non solo ai pazienti con demenza, ma anche ai loro parenti. Ti consigliano di apprendere nuove capacità di comunicazione:

  • Parla fluentemente, lentamente;
  • Evita l'aumento del tono;
  • Durante una conversazione, tocca delicatamente il paziente, guardalo negli occhi;
  • Inizia una conversazione per primo, perché le persone con demenza hanno difficoltà a iniziare una conversazione da sole.
È necessario formulare la domanda in modo che l'intervistato possa dare una risposta univoca: sì, no, non lo so. Se il paziente non capisce cosa gli viene chiesto, il pensiero dovrebbe essere formulato in modo diverso. Le persone con demenza ricordano gli eventi del passato meglio che nel presente. Va ricordato che il comportamento delle persone con demenza è imprevedibile e illogico. Non sono in grado di valutare criticamente la loro condizione. Possono essere migliorati in termini di qualità e aspettativa di vita fornendo assistenza professionale. I neurologi dell'ospedale Yusupov lavorano da molti anni con i pazienti con demenza.

Se si prevede che una persona con demenza vivrà a casa, deve attrezzare una stanza per vivere:

  • Lascia un minimo di cose e mobili;
  • Rimuovere oggetti perforanti e taglienti;
  • Installa serrature.
La maggior parte delle persone con demenza è incline al vandalismo e all'aggressività. Non sapendo cosa stanno facendo, possono danneggiare se stessi e gli altri. Dovresti anche trasferirti in un luogo inaccessibile al paziente o nascondere cose di valore, documenti importanti in modo che il paziente non possa distruggerli o gettarli via.

Gli psicologi ritengono che al paziente con demenza debba essere detta la verità sulla diagnosi e sulla prognosi. In questo caso, sarà in grado di pianificare il suo lontano futuro, risolvere problemi finanziari, redigere un testamento e realizzare un sogno. Nelle prime fasi della malattia, i pazienti partecipano attivamente alla discussione del programma terapeutico. Se c'è un eufemismo in famiglia, il paziente avrà ansia, ansia.

Alcuni disturbi della memoria sono reversibili. A volte, attraverso gli sforzi congiunti dei medici dell'ospedale Yusupov e delle persone che si prendono cura del paziente, è possibile migliorare la qualità della sua vita, per ripristinare parzialmente le funzioni compromesse. Psicoterapeuti, terapisti della riabilitazione, insieme ai neurologi dell'ospedale Yusupov, elaborano un programma di trattamento individuale per ogni paziente con demenza. Questo garantisce il massimo effetto della terapia..

Demenza e aggressività senile

Le persone anziane non si adattano bene alle condizioni di vita in costante cambiamento, quindi sono preoccupate per le nuove tecnologie e informazioni, tutto ciò che può cambiare la loro vita abituale. Ciò può provocare maggiore ansia, la comparsa di infinite controversie e scandali, aggressività e anche influire negativamente sulle condizioni generali di una persona anziana in presenza di varie malattie.

L'aggressività è una delle manifestazioni del comportamento distruttivo, il cui scopo è offendere gli altri e causare danni. Ma l'aggressività nella demenza non si basa sul pensiero logico, i pazienti stessi non si rendono conto della gravità delle loro azioni, azioni e parole, l'aggressività è causata dal disturbo della personalità e dal deterioramento cognitivo.

Segni di aggressività nelle persone anziane

Cosa fare con l'aggressione senile

L'aggressività senile influisce negativamente sulle relazioni interpersonali in famiglia, crea un ambiente sfavorevole, quindi è estremamente difficile vivere con queste persone. Non dovresti cercare la logica nel comportamento aggressivo nella demenza; dovresti accettare la situazione attuale e la malattia. Se aderisci a determinati principi di comportamento, puoi posizionare il paziente e migliorare le relazioni: fai attenzione nelle azioni e nell'intonazione, non indicare al paziente i suoi errori, non rimproverarlo, dare l'opportunità di parlare, mostrare partecipazione e attenzione.

Ma prima di tutto, quando compaiono sintomi persistenti di aggressività senile, è necessario cercare urgentemente l'aiuto di un medico. È abbastanza difficile convincere un paziente dell'importanza di visitare un medico a causa della sua sfiducia nei confronti degli altri, quindi vale la pena trovare argomenti pesanti. Se ciò non riesce, puoi invitare un medico a casa. Molti anni di esperienza e professionalità dei neurologi dell'ospedale Yusupov consentono di rilevare disturbi psicologici e neurologici nelle prime fasi dello sviluppo; se si sospetta una demenza, vengono prescritti vari metodi di ricerca per confermare la diagnosi e determinare la causa della malattia.

Sulla base dei dati ottenuti, i medici redigono un piano di trattamento individuale che arresta la progressione della patologia, elimina i sintomi avversi e migliora la qualità della vita dei pazienti. I medici consigliano anche ai parenti di prendersi cura dei malati per aiutarli ad adattarsi alla situazione. Puoi fissare un appuntamento con un neurologo all'ospedale Yusupov e ottenere una consulenza dettagliata per telefono.

Previsione

La prognosi dipende dal momento in cui vengono rilevati i segni di demenza, l'inizio tempestivo del trattamento e l'adeguatezza della terapia. La durata e la qualità della vita dipendono dai seguenti fattori:

  • Intelligenza di base;
  • Condizione fisica;
  • La presenza di malattie concomitanti;
  • Eredità;
  • La presenza di cattive abitudini;
  • I parenti aiutano.
L'aspettativa di vita delle persone con demenza varia da 7 a 12 anni. Alcuni pazienti vivono fino a 25 anni. Nella demenza da corpi di Lewy, l'aspettativa di vita è di 5-7 anni. Ciò è dovuto all'insorgenza della malattia con manifestazioni implicite, una progressione abbastanza rapida delle menomazioni nelle funzioni cognitive. La demenza progressiva porta inevitabilmente alla disabilità, alla morte.

La prognosi per il recupero è pessimistica. La malattia prima o poi porta a grave disabilità e morte. Potrebbero essere necessari 10 anni dalla comparsa dei primi segni della malattia allo sviluppo del marasma senile. Quanto prima si inizia il trattamento, tanto più ottimistica è la prognosi. Contatta i neurologi dell'ospedale Yusupov quando compaiono i primi segni della malattia.

Trattamento a seconda dello stadio

La terapia viene selezionata in base ai sintomi clinici esistenti. All'ospedale Yusupov, i medici sviluppano un piano di trattamento individuale.

  • grado lieve. Gli obiettivi principali della terapia sono ridurre la gravità dei sintomi depressivi, stabilizzare il background emotivo e ripristinare il pensiero e la parola. Per questo vengono utilizzati antidepressivi e sedativi;
  • grado medio. È accompagnato da sintomi più gravi. Per la loro correzione vengono utilizzati antipsicotici e antiossidanti. L'obiettivo della terapia è proteggere i neuroni da danni progressivi, ridurre la confusione ed eliminare le allucinazioni;
  • stadio grave. La forma più pronunciata di demenza. Accompagnato da una completa mancanza di capacità di self-service. Per il trattamento vengono utilizzati inibitori dell'acetilcolinesterasi. Inoltre, i pazienti richiedono cure costanti..

Oltre al trattamento farmacologico, la psicoterapia dà un buon effetto. Il trattamento comprende esercizi speciali volti ad allenare la memoria e il pensiero. Di conseguenza, la parola migliora, le funzioni cognitive si stabilizzano. Tuttavia, con la rapida progressione della demenza, non sono possibili risultati duraturi dopo la psicoterapia..

Disturbi mentali nella demenza

La demenza è caratterizzata dalla comparsa di disturbi mentali. Questi sintomi si verificano nelle fasi successive della malattia. Tra loro ci sono:

  • paranoico involutivo. Le idee deliranti appaiono su uno sfondo di umore ansioso e represso. La condizione ha una prognosi favorevole con un trattamento tempestivo iniziato;
  • malinconia involutiva. Tipico per le donne sopra i 65 anni. Tra i sintomi principali vi sono ansia persistente, depressione, delirio. La malinconia involutiva è caratterizzata da un lungo corso. Il pieno recupero è possibile con un trattamento tempestivo.

Se compaiono i segni di cui sopra, dovresti consultare un medico. L'autotrattamento è escluso. Senza una terapia corretta, la malattia progredirà e svilupperà disturbi mentali persistenti. Psicologi e psicoterapeuti esperti affrontano condizioni simili nell'ospedale Yusupov..

Assistenza infermieristica

Le persone anziane con demenza di qualsiasi gravità possono aver bisogno di cure esterne. Nelle fasi iniziali, i pazienti mantengono la capacità di prendersi cura di sé. In rari casi, è richiesto un promemoria di determinati eventi o azioni. La demenza grave richiede cure continue, compreso l'alimentazione e l'aiuto con attività semplici. Il paziente perde completamente la capacità di self-service. I medici sottolineano le seguenti raccomandazioni, la cui osservanza aiuterà a facilitare la cura dei pazienti con demenza:

  • nelle prime fasi, è necessario spingere il paziente a compiere azioni mentali. Questo può essere fare cruciverba, cucinare sotto supervisione, chiacchierare con altre persone. È impossibile che il paziente perda interesse per la vita;
  • la necessità di creare un ambiente sicuro. A poco a poco la demenza porta al fatto che il paziente dimentica molte cose. Il compito degli assistenti è rimuovere dalla casa gli oggetti perforanti e taglienti, inserire le marmitte nelle prese;
  • ricordare come mangiare. Nelle fasi successive della demenza, il paziente ha bisogno di un aiuto costante con l'assunzione di cibo. Alcuni pazienti smettono di riconoscere il cibo, lo sputano o dimenticano come deglutire. In questi casi, è necessario utilizzare un frullatore per macinare il cibo;
  • assistenza nell'esecuzione delle procedure igieniche. La demenza vascolare rapidamente progressiva porta i pazienti a dimenticare di usare il bagno. La maggior parte di loro smette di controllare lo svuotamento. In questa situazione, è necessario incoraggiare viaggi indipendenti in bagno, mettere la pentola accanto al letto. Nei casi più gravi, si consigliano i pannolini.

Benefici del trattamento presso l'ospedale Yusupov

L'ospedale Yusupov offre un corso completo di diagnostica e trattamento della demenza di varia origine. I neurologi esperti prescrivono la terapia a seconda dello stadio della malattia. I farmaci soddisfano gli standard di qualità e sicurezza. Se necessario, i pazienti vengono consultati da uno psicologo.

Il team di medici dell'ospedale Yusupov aiuta i pazienti con tutti i tipi di demenza: tipo di Alzheimer, vascolare, frontotemporale, demenza da corpi di Lewy e altri disturbi cognitivi. Per ogni paziente viene sviluppato un piano di trattamento individuale.

I pazienti anziani richiedono un approccio speciale, completamente fornito da medici, infermieri, infermieri e specialisti della riabilitazione della Clinica Neurologica. Forniamo assistenza e cure mediche in modo completo, prestando grande attenzione al supporto psicologico.

La riabilitazione sportiva dei pazienti con demenza gioca un ruolo importante nell'ospedale Yusupov. Le lezioni sono condotte da un team di specialisti con una vasta esperienza nel lavoro con gli anziani e chissà quali tipi di esercizi di fisioterapia, fisioterapia e massaggi sono adatti in un caso particolare.

È possibile fissare un appuntamento, nonché porre domande di interesse per telefono.