Sociopatico

- un individuo aggressivo e impulsivo con comportamento antisociale, che viola grossolanamente le norme sociali prevalenti, le regole generalmente riconosciute, i modelli di comportamento e altre norme in vigore in una particolare società.

È consuetudine ritrarre un sociopatico come arrabbiato, aggressivo e incontrollabile, ma non è sempre così..

I sociopatici sono di due tipi:

Sociopatico passivo

Vale la pena sottolineare che i sociopatici passivi difficilmente percepiscono la legge o altre regole di natura giuridica, così come la religione e la moralità come un dogma o una guida all'azione, sono quasi incapaci di rispettare le regole di comportamento e attività generalmente accettate, non provano rimorso, o piuttosto lo hanno in un sottosviluppato o forma perversa.

Si manifestano come un comportamento scortese che non è formalmente punito, ma condannato dalla società. Per la loro sicurezza, i sociopatici passivi raramente commettono reati..

Sociopatico attivo

Il conflitto con la società e la successiva punizione sotto forma di reclusione porta i sociopatici attivi verso un percorso criminale, dove possono auto-attualizzarsi come leader di gruppi criminali.

Un sociopatico attivo può essere d'accordo con le norme di comportamento per un po 'e pacificarsi, ma solo per sembrare rispettabile. Un sociopatico può essere un buon attore e, una volta raggiunto il suo obiettivo, smette di trattenersi..

Mostrarsi scortese, comportamento aggressivo, commettere reati e reati penali.

COME RICONOSCERE UN SOCIOPATO?
Il sociopatico non è in grado di seguire regole e responsabilità sociali e mostra disprezzo per le leggi e le norme legali. Ipocrita, spesso mente. Impulsivo, impaziente e irresponsabile. Irritabile e aggressivo, incline a incolpare gli altri. Meno di altri, prova sentimenti di paura e ansia che, insieme all'aggressività, porta un sociopatico a entrare in conflitto con la società, ma non si preoccupa della sua sicurezza e non ricava l'esperienza di vita dalla punizione. Senza cuore e indifferente ai sentimenti degli altri. Non ha colpa o rimorso.

Hai domande o qualcosa da dire? Lascia qui il tuo commento!

Sociopatico: chi è, pro e contro

Saluti amici!

La parola "sociopatico" il più delle volte causa associazioni negative nelle persone. Allo stesso tempo, non molte persone conoscono il vero significato di questa parola. Da questo articolo scoprirai con certezza chi è un sociopatico, con quali segni puoi identificarlo e come comunicare con lui. Iniziamo.

Chi è un sociopatico?

Un sociopatico è una persona con un disturbo della personalità che si manifesta in atteggiamenti estremamente negativi nei confronti delle altre persone e della società in generale.

I sociopatici hanno serie difficoltà a percepire le emozioni degli altri, quindi le loro vite sono spesso drammatiche. Trovano difficile fare amicizia e le relazioni personali di solito non hanno successo. Allo stesso tempo, molti di loro in età adulta capiscono in modo indipendente di percepire il mondo in modo errato, quindi si rivolgono a uno psicoterapeuta per chiedere aiuto.

A proposito, nella psicologia ufficiale, viene usato il termine "disturbo dissociale di personalità" (nell'ICD-11 - "dissocialità"). La parola "sociopatia" è considerata obsoleta e non viene utilizzata nella diagnosi, ma si trova nella letteratura professionale. Il termine "sociopatico" è anche popolare per la sua brevità e praticità..

La caratteristica principale dei sociopatici è la mancanza di intelligenza emotiva (EQ), che ci permette di sentire e anticipare le emozioni degli altri. Le persone con disturbo dissociale di personalità tendono ad essere impulsive e aggressive nelle loro interazioni e si rivolgono rapidamente agli insulti o alla colpa. Tuttavia, sono abbastanza convincenti da far sentire in colpa l'interlocutore..

Di solito i sociopatici si comportano negativamente anche con i propri cari. Ma questo non significa che siano cattivi naturali. Si limitano a percepire la realtà in modo diverso e non sono consapevoli dei loro effetti dannosi sugli altri. Le persone che diventano loro vittime spesso non comprendono neppure tutta la complessità della situazione in cui si trovano. Per capire meglio chi è un sociopatico, esaminiamo i principali segni di un sociopatico..

Come riconoscere un sociopatico: 7 segni

Le persone con disturbo dissociale di personalità riconoscono in tenera età di essere diverse da chi le circonda. Per tutta la vita imparano a non distinguersi ea non attirare attenzioni indebite. Nonostante il basso livello di intelligenza emotiva, sono bravi a manipolare le persone, quindi è piuttosto difficile riconoscerli in un'azienda normale..

Ci sono 7 caratteristiche principali di un sociopatico:

  1. Irragionevole maleducazione e sfacciataggine. Un sociopatico dice spesso cose offensive. Se l'interlocutore si offende, cerca di far passare quanto detto per scherzo e non si scusa quasi mai.
  2. Abuso emotivo e fisico. Spesso mette pressione emotiva sull'interlocutore, lo critica aspramente e lo incolpa, si rivolge rapidamente alle minacce, cercando di mantenere la tensione. Quando comunica con una persona familiare, ricorda i casi di violenza fisica.
  3. Uno stile di comunicazione che cambia radicalmente. Può sembrare estroverso e affascinante, quindi rivolgersi all'improvviso agli insulti e in seguito dire che stava scherzando.
  4. Il desiderio di prendersi tutto il merito per sé. È normale che un sociopatico ignori gli sforzi degli altri. Pertanto, considera i risultati collettivi suoi. Può anche raccontare più volte le storie delle sue "imprese", impreziosendole ogni volta sempre di più..
  5. La tendenza a incolpare gli altri per i propri errori. Poiché un sociopatico di solito non è responsabile, trasferisce la colpa dei propri fallimenti sugli altri..
  6. Insulti di genere. È piuttosto poco cerimonioso quando ha a che fare con il sesso opposto e sostiene "cliché" e stereotipi di genere offensivi.
  7. Bugie costanti (spesso infondate). Il sociopatico mente quasi costantemente e trova scuse, anche se sono completamente inutili. Ad esempio, potrebbe dire che si è ammalato (o l'autobus è rimasto bloccato in un ingorgo), solo per non ammettere che era in ritardo di 5 minuti per colpa sua..

Tieni presente che le qualità elencate possono essere presenti in qualsiasi persona, anche se non soffre di disturbo antisociale di personalità. Pertanto, è possibile concludere che una persona è un sociopatico solo se ci sono 3 o più segni.

Contro di un sociopatico

Irresponsabilità

Dal momento che un sociopatico non si cura degli altri, non ha responsabilità. Anche cercando di conformarsi alle norme generalmente accettate, spesso non nota le circostanze ovvie. Quando negoziate con lui, tenete sempre presente che può infrangere una promessa..

Mancanza di empatia

Se capisci correttamente chi è un sociopatico, hai già intuito che non è capace di empatia o empatia. Vedendo che qualcuno sta soffrendo, non cerca di aiutare. Inoltre, i criminali violenti tendono ad essere sociopatici. Una persona senza questo disturbo di solito non può causare consapevolmente sofferenza a qualcuno..

Una persona con disturbo dissociale di personalità mente quasi sempre. Questo rovina la sua relazione con gli altri, e lui stesso non dà piacere, semplicemente non sa come comunicare altrimenti.

Narcisismo

Nella maggior parte dei casi, i sociopatici si sovrastimano. Sono immensamente orgogliosi dei propri risultati, accettano volentieri le lodi e rifiutano qualsiasi critica. L'elevata autostima crea fiducia nel sociopatico e può essere di beneficio a breve termine, ma non buona a lungo termine.

Manipolazione

Il sociopatico è abbastanza veloce nel capire le persone di carattere debole che possono essere manipolate. Notando che qualcuno non cede ai suoi trucchi, lascia semplicemente questa persona da sola. E da chi si lascia manipolare, spremerà tutti i succhi.

I pro di un sociopatico

Controllare le proprie emozioni

Le persone con disturbo dissociale di personalità fin dall'infanzia cercano di non distinguersi, quindi sviluppano bene la capacità di controllare le proprie emozioni. A causa di ciò, nell'età adulta, non spendono energia emotiva in sciocchezze. Inoltre, un buon controllo delle proprie emozioni è utile in molte professioni..

Meticolosità

Un sociopatico può ottenere qualsiasi cosa dagli altri. Quando una persona comune ha già rinunciato, continua a cercare, chiedere o chiedere. Grazie a questo, la possibilità di un risultato positivo è sempre maggiore..

Capacità di dire "No!"

La maggior parte di noi trova estremamente difficile dire "No!" Pertanto, perdiamo molto tempo, ci preoccupiamo, ci innervosiamo, ma assumiamo comunque ciò che non vorremmo fare. I sociopatici sono più fortunati in questo senso. Si limitano a rifiutare (educatamente o no) e fanno i loro affari..

Cause di sociopatia

Gli scienziati capiscono abbastanza bene chi è un sociopatico e cosa aspettarsi da lui, ma stanno ancora cercando le vere cause di questo disturbo. Le opzioni più probabili includono ereditarietà, lesioni cerebrali, influenze ambientali, traumi, errori genitoriali e violenza domestica..

Altre opzioni sono allo studio. Ad esempio, un bambino può diventare un sociopatico a causa del desiderio di imitare un adulto con il disturbo. Poiché le personalità antisociali tendono ad apparire forti e dure, spesso diventano autorità per i bambini e ne prendono volentieri l'esempio..

Di solito, le prime manifestazioni del disturbo dissociale di personalità si osservano già nell'infanzia e si intensificano durante la pubertà. Quasi tutti gli adolescenti si comportano in modo brusco, impulsivo e provocatorio, ma la maggior parte di loro tiene conto dei sentimenti degli altri e i futuri sociopatici no.

Come comunicare con un sociopatico?

Nelle relazioni strette, le personalità antisociali diventano quasi sempre tiranni. Non sempre si tratta di abusi fisici, ma a livello emotivo esercitano costantemente pressioni su coniugi, genitori, figli e persino amici. Ma se un partner forte incontra un sociopatico, l'unione può rivelarsi uguale e armoniosa..

Se hai una personalità asociale tra i tuoi cari, puoi imparare a comunicare pienamente con lui usando i seguenti suggerimenti:

  1. Non cercare di rieducarlo. Tieni presente che la dissocialità è considerata un disturbo incurabile e persiste per tutta la vita. Dovrai sempre seguire queste regole (e anche il minimo allentamento può distruggere l'armonia);
  2. Non essere sincero. Un sociopatico non è una persona a cui dovrebbero essere raccontate cose intime. Anche se questo è il tuo coniuge o un amico intimo, tienilo a una certa distanza. Altrimenti, al minimo litigio, cercherà di infliggerti il ​​massimo dolore, utilizzando le informazioni che gli hai affidato in un impeto di rivelazione;
  3. Non parlare di moralità e moralità. Non cercare di convincerlo che certe azioni sono inaccettabili perché non etiche o brutte. Disdegnerà tali argomenti. Semplicemente seccamente e senza emozione, comunica che non tollererai alcune caratteristiche del suo comportamento;
  4. Riduci al minimo la comunicazione. Se possibile, cerca di comunicare con il sociopatico il meno possibile. Ad esempio, molti hanno colleghi prudenti che a volte riescono a trasformare l'intera giornata lavorativa in caos. Cerca di diventare noioso per una persona del genere e smetterà di tormentarti..

I sociopatici non sono interlocutori particolarmente piacevoli, non i migliori coniugi e non gli amici più profondi. Ma spesso si rivelano grandi professionisti e grandi lavoratori. Avendo una buona motivazione finanziaria e professionale, adottano un approccio responsabile per risolvere i problemi di lavoro. Spesso occupano posizioni di leadership e, nonostante il conflitto, svolgono un ottimo lavoro con compiti manageriali..

Conclusione

Un sociopatico è una personalità ambigua. Il suo cinismo attrae, è interessante parlare con lui di argomenti astratti. Ma piuttosto rapidamente inizia a "smontare" le ossa del suo interlocutore e la comunicazione diventa sgradevole. Solo una persona molto forte e volitiva può costruire buone amicizie o relazioni sentimentali con una personalità asociale, mentre per il resto è meglio ridurre subito al minimo la comunicazione.

Cosa hanno in comune Sherlock Holmes, il dottor House e Hannibal Lecter? Diagnosi - Sociopatico altamente attivo!

Sociopatico altamente attivo è una definizione espressa per la prima volta in Sherlock dal personaggio di Benedict Cumberbatch. Gli psicologi e gli psichiatri considerano la sociopatia un disturbo della personalità, un tipo di psicopatia in cui una persona è aggressiva nei confronti degli altri, non accetta le norme sociali.

Chi è un sociopatico molto attivo?

Gli esperti definiscono chi è un sociopatico come "una persona con disturbo antisociale di personalità". Il disturbo colpisce circa il 5% degli uomini e il 3% delle donne. Più dell'80% dei pazienti diventa criminale. Queste persone non sanno come vivere nella società, perché trattano gli altri con negligenza, causando loro sofferenza fisica e psicologica..

Non sono fobie sociali, poiché non hanno paura delle persone che li circondano, non si nascondono da loro.

I medici non distinguono una categoria separata di sociopatici altamente attivi. Questa definizione non è scientifica. Nella serie "Sherlock" si afferma che questi pazienti si sono adattati all'esistenza nella società, capaci di interagire con altre persone, se ne hanno bisogno per soddisfare i loro bisogni o desideri.

Gli esperti non danno una risposta unica alla domanda sulla capacità di tali pazienti di provare sentimenti forti, amore, amicizia. Si ritiene che la maggior parte di loro non possa sperimentare nulla di simile. Un forte shock, invece, può provocare l'apparenza di simpatia, affetto.

Come diventare sociopatici?

Le cause del disturbo antisociale di personalità sono poco conosciute. Si ritiene che la probabilità di manifestazione di patologia sia maggiore nelle persone con predisposizione genetica (presenza di un disturbo in parenti stretti o anomalie genetiche nel feto stesso). La comparsa di patologia è possibile con un'educazione impropria: eccessiva crudeltà verso il bambino o in sua presenza.

La malattia può anche manifestarsi in quei casi in cui una persona cerca di imitare una persona che è un'autorità per lui con questo disturbo..

Un danno mentale o cerebrale è una possibile causa. I sintomi sociopatici possono manifestarsi a vari livelli. Una persona può commettere azioni che la società non approva, ma non comportare punizioni penali: fare piccoli scherzi sporchi, parlare sgarbatamente con altre persone. È anche possibile commettere crimini che sono più spesso associati alla crudeltà: omicidio, stupro.

Sintomi

L'irritabilità aumentata è caratteristica. Una persona può mostrare aggressività fisica, ma questo comportamento non è sempre trovato. A volte i pazienti all'inizio riescono a nascondere l'aggressività, ma dopo un po 'si manifesta ancora. La famiglia è spesso tirannica.

Il paziente è indifferente ai sentimenti degli altri, può causare deliberatamente disagio psicologico al fine di ottenere qualsiasi beneficio o emozioni piacevoli. Non in grado di assumersi la responsabilità, rompe facilmente le promesse, incl. e impegni finanziari. Il paziente può avere un alto livello di intelligenza.

I sociopatici non si sentono in colpa per il loro comportamento. Spesso spiegano le proprie azioni immorali con le azioni degli altri: attribuiscono la colpa ad altre persone, meno spesso alle circostanze. In questo caso, potrebbe sorgere un conflitto con un'altra persona, squadra o società. Non c'è neppure sofferenza dovuta all'incapacità di costruire contatti. Lezioni apprese dall'esperienza passata, nessuna punizione.

Possibile incapacità di contattare le persone. A volte, tuttavia, gli individui con sociopatia possono non solo costruire legami sociali, ma anche essere estroversi. L'interesse per l'azienda scompare rapidamente non appena una persona cessa di beneficiare di tale comunicazione, dopodiché è facile sostituire le persone con nuove..

Spesso usano manipolazioni a contatto con gli altri..

Sono inclini ad azioni rischiose che possono rappresentare una minaccia non solo per gli altri, ma anche per il paziente stesso. Mentono bene. Possono usare nomi fittizi, storie, usare documenti falsi. Sono inclini a commettere crimini di varia gravità. Impulsivo, agisce sotto l'influenza delle emozioni, senza pensare alle possibili conseguenze. Caratterizzato da sbalzi d'umore, improvvisi cambiamenti di attività.

Durante l'infanzia, queste persone mostrano spesso crudeltà verso gli animali. Possono uccidere animali domestici in modi brutali. Si fanno beffe dei loro coetanei. Spesso scappa di casa, incline al vagabondaggio.

Famosi sociopatici

Famosi sociopatici sociali sono molti maniaci. Jeffrey Dahmer, John Gacy, Chikatilo avevano questa diagnosi. La parola "sociopatico" può anche essere usata per descrivere molti governanti totalitari: Adolf Hitler, Joseph Stalin, Caligola.

I registi e gli scrittori usano spesso il tipo per creare personaggi in gialli e thriller. Personaggi di fantasia con sociopatia includono Sherlock Holmes della serie TV "Sherlock", Dr. House, Hannibal Lecter.

Terapia

Questo disturbo mentale risponde male al trattamento, poiché i pazienti non si rendono conto della presenza del problema, non cercano di curare, volontariamente non tendono a visitare gli psichiatri. Sorgono anche difficoltà nello stabilire una connessione tra il paziente e il terapeuta, che è una necessità per la guarigione..

La terapia ha lo scopo di costruire connessioni con gli altri: famiglia, colleghi. Inoltre, lo psicoterapeuta aiuta il paziente a sviluppare un atteggiamento rispettoso nei confronti delle leggi e delle norme morali accettate nella società..

Vengono prescritti farmaci speciali per ridurre il livello di aggressività. In presenza di uno stato depressivo, vengono prescritti anche antidepressivi. Può essere utilizzato il placebo.

Ai genitori è vietato usare metodi violenti di correzione, dure punizioni ai bambini con sociopatia: questo non può che aggravare il problema.

Non è necessario provare a trattare da soli i parenti con questa diagnosi: non funzionerà per curare il paziente a casa, potrebbero esserci manifestazioni di aggressività in risposta a tali tentativi.

Cos'è un sociopatico: 10 segni di disturbo

La sociopatia è un disturbo mentale in cui una persona non riconosce le norme e le regole sociali. Nelle sue azioni, è guidato solo dai propri benefici, desideri e cerca di usare tutti coloro che gli sono accanto.

I sociopatici sono affascinanti e carismatici. Ma una stretta comunicazione con loro è sempre accompagnata da umiliazione, autostima calpestata, spesso - violenza fisica..

In questo articolo, abbiamo discusso come riconoscere un sociopatico. E come comportarsi se questo disturbo è con una persona cara con cui vivi sotto lo stesso tetto.

Chi è un uomo sociopatico

Quando si comunica per la prima volta con i sociopatici maschi, è impossibile sospettare anomalie mentali. Sono carismatiche, coraggiose, disposte a correre dei rischi: queste sono le qualità che attraggono molte donne. Un uomo sociopatico è uno psicologo sottile, sente le persone e dice esattamente quello che vuole sentire il suo interlocutore.

In effetti, la cortesia e le maniere dolci sono solo un modo per conquistare una persona e poi usarle a proprio vantaggio. I sociopatici valutano tutte le persone dalla posizione di "redditizio-non redditizio".

I sociopatici maschi condividono tratti simili:

  • Violano costantemente le norme sociali generalmente accettate;
  • Incline a rapporti sessuali promiscui;
  • L'esperienza non insegna loro nulla: vivono qui e ora;
  • Non possono far fronte all'impulso - non controllano i loro impulsi;
  • Possono ferire moralmente e fisicamente il loro vicino - non hanno confini;
  • Incline al crimine;
  • Amano i piaceri semplici: il sesso, il cibo, i circhi;
  • Questi sono distruttori di persone;
  • Una relazione stretta con un sociopatico è irta di gravi conseguenze: umiliazione, bassa autostima, depressione, insonnia e persino lesioni fisiche..

Molti politici e oligarchi soffrono di disturbo antisociale di personalità. Un esempio di patologia grave sono assassini, maniaci, spacciatori, magnaccia.

Cause della sociopatia maschile

I sociopatici maschi sono convenzionalmente divisi in tre gruppi, a seconda della causa del disturbo.

  1. Psicopatici nucleari: coloro a cui il disturbo viene trasmesso geneticamente
  2. Psicopatici di bordo - hanno acquisito questa condizione a seguito di una situazione traumatica. Ad esempio, se un genitore umilia un bambino in qualsiasi modo, un sociopatico crescerà. Anche i bambini cresciuti per strada sono spesso antisociali..
  3. La psicopatia organica è associata a disturbi cerebrali.

Di solito queste persone non si considerano malate e non vanno dagli specialisti. Ma in alcuni paesi il trattamento è obbligatorio.

Gli psicologi lavorano con i sociopatici. La psicoterapia ha lo scopo di insegnare a una persona a controllare gli impulsi, la fiducia, stabilire connessioni interpersonali. Ancora più importante, sono addestrati a pianificare e prendere decisioni a lungo termine..

Due tipi di sociopatia nelle donne

Di solito, la sociopatia è più lieve nelle donne che negli uomini. Il disturbo può manifestarsi sullo sfondo di schizofrenia, alcolismo, tossicodipendenza, dipendenza dal gioco d'azzardo e malattie del cervello. Gli specialisti identificano due tipi di sociopatia: attiva e passiva.

Sociopatia attiva

Un sociopatico attivo è socievole, spesso l'anima dell'azienda. Ma non è capace di empatia, compassione per le altre persone..

Per le donne con questo disturbo, non esiste la parola "non": possono fare qualsiasi cosa. Ecco perché prima o poi finiscono in prigione..

Caratteristiche caratteristiche della sociopatia attiva:

  • Le donne sono private della capacità di pensare strategicamente e di agire;
  • Non riescono a mantenere il loro impulso - quindi, sono spesso dipendenti dalla dipendenza dal gioco, dalla dipendenza dalla droga, dall'alcolismo;
  • Non possono mantenere la loro attenzione su una cosa, quindi cambiano spesso lavoro;
  • Sono inclini all'aggressione, al furto, al vagabondaggio, al sesso promiscuo.

I sociopatici diventano prostitute o hostess e tenute donne dagli oligarchi, cioè entrano in relazione a scopo di lucro.

Sociopatia passiva

Solo uno specialista può riconoscere un sociopatico passivo. Di regola, l'ambiente non sa del suo turbamento - solo i parenti lo sanno.

Queste donne hanno un deterrente, qualcosa che temono: l'opinione pubblica, i capi, Dio, ecc. Pertanto, la loro frustrazione non è così evidente. Ma ci sono caratteristiche della psicopatia passiva:

  • Mancanza di disgusto;
  • La casa è un cortile e la padrona di casa stessa è ospitale, disponibile, adora le feste;
  • Non può assumersi la responsabilità della sua vita, del futuro;
  • Non riesce a trattenere l'impulso - è dipendente da alcol, droghe, giochi;
  • Temperato;
  • Quando qualcosa non funziona, non può sopportarlo e cerca di far fronte a emozioni difficili con l'aiuto di alcol, droghe;
  • Entra costantemente in storie, situazioni spiacevoli;
  • Gli uomini percepiscono queste donne come un'opzione intermedia, quando hanno bisogno di voltarsi da qualche parte. Ma nessuno sta progettando una famiglia, i bambini con loro.

Cause della sociopatia femminile

Una combinazione di fattori porta alla sociopatia femminile:

  1. Genetica: il disturbo potrebbe essere stato in antenati lontani, ad esempio un bisnonno. E si manifestano dopo diverse generazioni.
  2. Fattore psicologico. Ad esempio, una madre codipendente alleverà un sociopatico (la codipendenza è un attaccamento patologico a livello emotivo o fisico). Potrebbe esserci un trauma psicologico ai bambini..

Le donne sociopatiche non si considerano malate e non vanno in cura, nemmeno con la forza. In questo caso, i loro cari hanno bisogno della psicoterapia..

10 segni che puoi riconoscere in un sociopatico

I sociopatici portano molti problemi, quindi non dovresti lasciarli entrare nella tua vita se non sono parenti. Ma queste persone affascinano per acquisire fiducia e legare emotivamente una persona a se stesse. Puoi riconoscere un sociopatico da questi 10 segni.

1. Sono esperti nelle persone

Il sociopatico conosce bene le persone e ne ha un acuto senso. Quindi sa quali "pulsanti" premere per obbligare gli altri a fare ciò di cui ha bisogno. E poiché i sociopatici non hanno né moralità né etica, possono causare gravi traumi psicologici attraverso le loro manipolazioni..

2. La parola "non può" non esiste

Per un sociopatico non ci sono inibizioni e principi morali: fa quello che vuole. Spesso queste violazioni rasentano la criminalità. Se noti che i tuoi amici spesso vanno oltre la struttura della moralità generalmente accettata, fai attenzione.

3. Con una più stretta conoscenza, le buone maniere vengono sostituite dall'aggressività

Il fascino e il fascino scompaiono senza lasciare traccia con una conoscenza più ravvicinata. Ma un temperamento caldo, aggressività, desiderio di controllare tutto si manifesta pienamente. Il sociopatico è un manipolatore. E se sente che la situazione sta andando fuori controllo, diventa furioso. In tali momenti, non solo può offendere, ma anche colpire. Ma poi non chiedere mai perdono.

4. Soprattutto - interesse personale

Questo è il segno distintivo principale di tutti i sociopatici. Sono interessati alle persone solo nel contesto del proprio vantaggio. I sociopatici mentono, gli ipocriti insistono sulla pietà per ottenere ciò che vogliono. Non si preoccupano dei sentimenti e dei problemi degli altri..

5. Mancanza di affetto e amore

È impossibile creare una relazione umana a tutti gli effetti con un sociopatico, il che implica rispetto reciproco, attenzione, amore. Queste persone non possono attaccarsi, mostrare tenerezza, amore - in una relazione sfruttano e vivono solo per se stesse.

6. Mancanza di sistema

I sociopatici non sanno come costruire il loro futuro: vivono il momento. Molti di loro cambiano spesso lavoro: si annoiano con la monotonia e la routine. Non sono in grado di concentrarsi: la loro attenzione si sposta costantemente da un oggetto all'altro..

7. Incapacità di calcolare la situazione in prospettiva

I sociopatici possono pianificare solo a breve termine. Non possono calcolare le conseguenze delle loro azioni in futuro. Ecco perché fanno passi avventati, di cui soffrono loro stessi in seguito..

8. Incapacità di mantenere il tuo slancio

I sociopatici non possono controllare i desideri e non sono in grado di mantenere il loro slancio. Se vogliono, lo fanno. Non importa che sia contro la legge o la moralità. Gli uomini spesso commettono atti sconsiderati: vengono coinvolti in crimini, corrono rischi inutili. Le donne per lo stesso motivo sono predisposte all'ubriachezza, alla tossicodipendenza e al gioco d'azzardo.

9. Talenti criminali

Le persone in questa categoria hanno talenti criminali. Arrampicati, apri, ruba: si tratta di loro. I sociopatici sono attratti da qualsiasi opportunità di "camminare sul bordo", per ottenere l'adrenalina. Questo è il motivo per cui così tanti ricevono pene detentive. E se un sociopatico parla della sua fedina penale, non si assumerà mai la responsabilità per il reato - condannato ingiustamente.

10. Nessun sentimento di vergogna e colpa

Questi due sensi governano il nostro comportamento nella società. I sociopatici non hanno né vergogna né colpa. Invece c'è paura e senso della gerarchia: se qualcuno è più forte, dovresti aver paura di lui. E un'altra caratteristica: le persone con disturbo antisociale hanno paura del futuro..

Come comportarsi se la persona amata è un sociopatico

Succede che il contatto con queste persone non può essere evitato. Ad esempio, se il sociopatico è un parente stretto. In una situazione del genere, è necessario comportarsi correttamente per non diventare una vittima di una persona con disturbo antisociale..

La regola principale è non cercare di insegnare loro compassione, pressione sui sentimenti di colpa o vergogna, perché i sociopatici non sono capaci di queste emozioni. Puoi controllare queste persone solo con l'aiuto della paura, dimostrazione di superiorità. Usa il vocabolario dello sfruttamento: ti sarà utile.

In una relazione con un sociopatico, ogni punto di interazione deve essere rigidamente articolato e devono essere tracciati confini chiari. Nessuna indulgenza, pietà e condiscendenza. Non accettano una normale relazione umana, quindi più sei gentile nei loro confronti, peggio sono nei tuoi confronti..

La soluzione ideale è convincere una persona cara a seguire un corso di psicoterapia.

Ricapitolare

La sociopatia è il disturbo di personalità più pericoloso perché queste persone sono imprevedibili, incoerenti e incontrollabili. Non ci sono leggi, standard morali o etici per loro..

Nella vita ordinaria, non è facile riconoscere un sociopatico: sono persone socievoli e carismatiche che sentono bene l'interlocutore e si adattano magistralmente a lui. Ma una stretta comunicazione è irta di traumi psicologici e persino fisici. La compassione, la pietà, il rispetto, l'affetto sono estranei ai sociopatici: valutano le persone dalla posizione di "redditizie o svantaggiose".

Ci sono 10 segni che puoi identificare un sociopatico. Se un parente stretto soffre del disturbo, segui le regole che abbiamo descritto. In ogni caso, devi essere in contatto con il terapeuta e aderire alle sue raccomandazioni..

Preparato da: Alexander Sergeev
Foto di copertina: Depositphotos

Sociopatici: caratteristiche, caratteristiche e strategie di comportamento

Un sociopatico è qualcuno che è privato di sentimenti come rimorso, rimpianto, empatia, misericordia, colpa e vergogna..

Possono essere suddivisi in 4 tipologie:

Ogni tipo di sociopatico ha la sua strategia, tattica e metodo di attrazione..

Sociopatico attivo

Un sociopatico attivo attrae con la sua persistenza e ossessione, non importa cosa, attacca e attacca di nuovo finché non ottiene la sua strada. Le vittime sono attratte dalla sua intransigenza alla sconfitta e dal desiderio di ottenere il risultato desiderato, dal suo successo e dal suo carisma. Perché le difficoltà di comunicazione con lui (attacchi, molestie, pignoleria, perfezionismo, arroganza), le vittime vengono attribuite alle stranezze di un genio. Le vittime e gli estranei non possono essere persuasi che questo non sia affatto i capricci di un genio, questo è l'atteggiamento più malsano nei confronti delle persone, con lo stesso successo, non possono provarlo, coloro che hanno sperimentato "pienamente" un atteggiamento malsano verso se stessi o ha un talento innato per questi "geni", ma non ha l'influenza necessaria per essere ascoltato. Per chi crede che un genio sia sempre una persona difficile, è necessario guardare di più al mondo, ci sono molti esempi in cui le persone-geni sono facili da comunicare, aperti a critiche costruttive e tolleranti verso le debolezze degli altri. Chi ha deciso di resistere ha scelto per sé un compito difficile. Per coloro che sono diventati vittima di un sociopatico attivo, consiglio: sforzati di proteggerti dagli errori professionali e con una situazione conveniente, vattene e non tornare mai da lui e non sperare che cambierà.

Sociopatico passivo

Un sociopatico passivo è qualcuno che evoca compassione e pietà. Chiunque può avere un appello alla pietà, ma, di regola, è di natura temporanea, è sostituito dall'orgoglio e da un sincero desiderio persistente di vivere con il seno pieno. In un sociopatico passivo, gridare pietà e compassione è cronico. La situazione stessa lo mostra abbandonato e infelice, sembra che viva tra persone senza cuore e indifferenti. Ma devi capire che non è aiutato ed è abbandonato, perché la maggior parte delle persone sente il pericolo rappresentato da un sociopatico e reagisce con amarezza o sordità..

Le vittime di un sociopatico passivo dicono che dopo essere stato aiutato ripetutamente, non può parlargli di "è ora di rimettersi in sesto e agire". Celebrano il suo discorso emotivo, i rimproveri al filantropo e ogni scusa per allontanarsi dalla conversazione..

Le vittime di un sociopatico passivo devono capire che dimenticheranno facilmente il tuo aiuto quando consumeranno completamente le tue risorse e troveranno un'altra vittima..

Sociopatico latente

Un sociopatico nascosto è un sociopatico che non si mostra da molto tempo e, quando lo fa, lascia domande che perseguitano le vittime di sociopatici nascosti come un terribile incubo..

La sua tattica: vive con te, fa amicizia o lavora con te, e poi improvvisamente ti lascia o ti allontana con incredibile crudeltà. E tutto questo viene fatto senza alcun illecito da parte tua, che potrebbe farti raffreddare..

Le vittime di un sociopatico nascosto riportano completa confusione nei primi minuti dopo aver realizzato l'ovvio. Qualsiasi tentativo, conversazione, ricordo di anni passati, cooperazione o quantità di aiuto incontra l'indifferenza e talvolta la crudeltà e la persecuzione.

Le vittime di un sociopatico nascosto devono capire: se sei stato dimenticato senza motivo o cacciato dalla tua vita, e anche gravemente perseguitato e non ti vengono fornite solo le ragioni che ti hanno spinto a farlo. Devi dimenticare una volta per tutte quel pensiero o desiderio che lui o lei una volta si pentirà o si pentirà, questo non accadrà mai.

Non tutti i sociopatici nascosti lasciano la tua vita, lasciando un retrogusto sgradevole sulla tua anima, alcuni di loro se ne vanno delicatamente, lasciandosi dietro un'incomprensibilità e una leggera sensazione di ansia..

Ad esempio, una persona cara può dire: "Ti amo, ma devo andare avanti" o un amico: "Ho bisogno di stare da solo per un po ', ma siamo anche amici". A prima vista, c'è una logica nelle loro parole e azioni, ad esempio, una persona cara vuole essere realizzata socialmente e ha bisogno di lasciare la città, ma non sarai in grado di andare con lui, un amico ha fatto questo, perché a volte ti stanchi davvero ritmo di vita e voglia di stare in solitudine per raccogliere i tuoi pensieri. Ma in questo caso, bisogna ricordare che una persona con una psiche sana ha una sensazione di esperienza, spiegherà le sue ragioni in dettaglio o il suo impulso sarà fugace. Il sociopatico nascosto non è consapevole di questa sensazione e non ha un impulso fugace, questo è il suo modo di vivere: partire e cercare una nuova vittima.

Sociopatico super pericoloso

Il sociopatico iper-pericoloso è il tipo più pericoloso di sociopatico; una persona del genere si distingue per l'immoralità aperta, il completo disprezzo per le norme morali ed etiche e l'aggressività spietata e irragionevole. Devi scappare da questo, e se non puoi scappare, resisti, gettando via pietà e rimpianto.

C'è un tratto comune che le vittime di tutti questi tipi di sociopatici sperimentano, un po 'di tregua dal contatto attivo con loro porta al fatto che ti riprendi rapidamente e ti piace vivere di nuovo..

Tutto ciò che viene descritto è l'elaborazione della letteratura psicologica, l'esperienza lavorativa come esperto di Astro7.ru e l'esperienza di vita personale.

In caso di domande, risponderò volentieri e con entusiasmo..

NB: il parere dell'autore potrebbe non coincidere con il parere della redazione.

Sociopatia - un programma educativo per i laici

Sezione I. Caratteristiche generali.

Il disturbo dissociale di personalità è una malattia mentale, una forma di psicopatia caratterizzata da aridità emotiva, disprezzo per le norme sociali e incapacità di provare compassione e rimorso. Nell'ICD-10 è classificato come F60.2 - è incluso nel blocco dei disturbi della personalità e del comportamento in età adulta, si riferisce a specifici disturbi della personalità:
“Questa rubrica include gravi disturbi della personalità e pronunciate deviazioni nel comportamento di un individuo, che non sono una conseguenza diretta di malattie, lesioni o altri danni cerebrali acuti o altri disturbi mentali. In genere, questi disturbi abbracciano più aree della personalità; sono quasi sempre strettamente associati a intense sofferenze personali e decadimento sociale. Questi disturbi di solito si manifestano durante l'infanzia o l'adolescenza e continuano nella vita successiva "..

I termini più neutri e accettabili per denotare una malattia sono: disturbo di personalità dissociale (o antisociale), sociopatia e psicopatia antisociale. Designazione obsoleta: disturbo della personalità dei disabili emotivi. Il termine psicopatia, apparso nel XIX secolo e ampiamente applicato a tutti i disturbi della personalità, è stato recentemente soppiantato dalla letteratura scientifica a causa della colorazione negativa data dalla radice "pat-" (patologia). Nel linguaggio quotidiano, nella maggior parte dei casi, i termini psicopatico e socipato sono intesi precisamente come una persona che soffre di un disturbo dissociale di personalità o, meno spesso, di un disturbo di personalità emotivamente instabile (ICD-10: F60.3).

I sintomi di un disturbo dissociale includono:
a) spietata indifferenza ai sentimenti degli altri;
b) una posizione rude e persistente di irresponsabilità e disprezzo per regole e doveri sociali;
c) incapacità di mantenere rapporti in assenza di difficoltà nella loro formazione;
d) capacità estremamente bassa di resistere alla frustrazione, nonché una bassa soglia per lo scarico dell'aggressività, inclusa la violenza;
e) incapacità di sentirsi in colpa e beneficiare dell'esperienza di vita, in particolare della punizione;
f) una spiccata tendenza a incolpare gli altri oa fornire spiegazioni plausibili per il loro comportamento, portando il soggetto a conflitto con la società.

Lo psicologo e psichiatra americano Eric Berne ha diviso i sociopatici in due tipi, a seconda della forma della malattia:
“Il primo tipo, il sociopatico latente o passivo, si comporta abbastanza bene la maggior parte del tempo, accettando la direzione di qualche autorità esterna, come la religione o la legge, o affezionandosi a volte a una personalità più forte, considerata l'ideale. (Non stiamo parlando di coloro che usano la religione o la legge per guidare la loro coscienza, ma di coloro che usano tali dottrine invece della coscienza.) Queste persone non sono guidate da considerazioni ordinarie di decenza e umanità, ma obbediscono semplicemente alla loro interpretazione accettata di ciò che è scritto nel libro". Esempi interessanti di sociopatici latenti sono i "cristiani" che discriminano altre persone e avvocati senza principi etici che insegnano ai criminali come infrangere le leggi della decenza umana senza andare in prigione..

Il secondo tipo è un sociopatico attivo. È privo di ritardi sia interni che esterni, se riesce a pacificarsi per un po 'e indossare una maschera di decenza, soprattutto in presenza di persone che si aspettano da lui un comportamento dignitoso e responsabile. Ma non appena queste persone si trovano fuori dalla portata di adulti o figure autoritarie che richiedono un buon comportamento, cessano immediatamente di trattenersi "..

A mio parere, la differenza tra i due tipi di sociopatia sta principalmente nella presenza o assenza di tendenze violente. Il resto sono differenze comportamentali esterne. Tuttavia, la selezione di almeno queste due forme è necessaria.

La questione se il disturbo dissociale di personalità sia o meno una malattia organica è complicata dalla mancanza di consenso sulle cause del disturbo. Nell'ICD-10, il disturbo dissociale non è incluso nella sezione sui disturbi organici (F00-F09) causati da malattie cerebrali, lesioni cerebrali o ictus. Tuttavia, il termine "organico", utilizzato nel sommario di questa sezione, non significa che le condizioni in altre sezioni di questa classificazione siano "inorganiche" nel senso che non hanno substrato cerebrale. Nel presente contesto, il termine "organico" significa che le sindromi così qualificate possono essere spiegate da una malattia o disturbo cerebrale o sistemico auto-diagnosticato.
Ma se intendiamo i disturbi organici come malattie mentali, che sono caratterizzate da una persistente interruzione del cervello e da cambiamenti significativi nel comportamento del paziente, si manifestano in tenera età e si fanno sentire per tutta la vita, allora un disturbo dissociale rientra sicuramente in questa definizione..

Non è possibile dire esattamente quanto sia diffuso al momento il disturbo dissociale di personalità. Tuttavia, possiamo affermare con sicurezza che la sociopatia è un fenomeno molto diffuso. Di volta in volta ho visto numeri dall'1 al 4% di sociopatici nell'intera popolazione, tuttavia, qualsiasi statistica di questo tipo dovrebbe essere trattata con scetticismo a causa della complessità della diagnosi del disturbo, specialmente della forma latente. Statistiche più o meno accurate sono disponibili solo per il contingente di istituti penitenziari. Gli individui con un disturbo dissociale (se non ci sono altre malattie, ad esempio la schizofrenia), di regola, sono riconosciuti sani e consapevoli delle proprie azioni, quindi, in caso di reato, finiscono nelle colonie, e non negli ospedali. Uno studio in lingua inglese condotto nel 2002 ha rilevato che il 47% dei detenuti maschi e il 21% delle detenute erano affetti da sociopatia. Lo stesso studio indica che il disturbo dissociale è 5 volte più comune tra gli uomini che tra le donne e 10 volte più comune tra i detenuti negli istituti penitenziari rispetto alla popolazione generale..

Dato che molti sociopatici non vengono mai all'attenzione delle forze dell'ordine o degli psichiatri e, quindi, non vengono diagnosticati, è logico presumere che tutti abbiano incontrato qualcuno con questo disturbo almeno una volta nella vita, ma non lo sanno.... Una comunicazione lunga e stretta con un sociopatico, soprattutto all'interno della famiglia, è sempre stressante per una persona comune, tuttavia, le persone a contatto con un sociopatico potrebbero non capire per molto tempo che la ragione della loro condizione è proprio in lui.

Sezione II. Storia.

È molto difficile parlare di disturbo dissociale di personalità in un contesto storico, poiché questa malattia è arrivata all'attenzione dei medici solo nella prima metà del 20 ° secolo. Questo problema è stato sollevato per la prima volta dallo psichiatra Harvey Cleckley nel suo libro The Mask of Normalcy, pubblicato nel 1941. Ha scritto che questo disturbo è difficile da diagnosticare, poiché psicopatici e sociopatici spesso non mostrano sintomi pronunciati di disturbo mentale. Cleckley chiamava la "maschera della normalità" (o "sanità mentale") la capacità degli psicopatici di apparire normali all'esterno. descritto, prendendo la classificazione di Berne, sociopatici di tipo latente.

Indubbiamente, il disturbo dissociale di personalità nel senso moderno esisteva prima di essere isolato da altre malattie mentali e studiato, ma passò inosservato. Ciò è stato facilitato dai seguenti motivi:
- in contrasto con il disturbo isterico di personalità, la schizofrenia, l'autismo e altre malattie in cui lo stato morboso di una persona è evidente, il disturbo dissociale non ha tali manifestazioni esterne che potrebbero essere interpretate come "follia";
- i sociopatici non sono inclini a informare gli altri sulla loro autoconsapevolezza interiore, anche se capiscono che è in qualche modo diversa dal normale;
- le percezioni sulla liceità della violenza e della crudeltà cambiano a seconda del periodo storico e della comunità culturale; molte azioni che ai nostri tempi sarebbero state considerate comportamenti antisociali in un periodo precedente sarebbero passate inosservate (ad esempio, un atteggiamento aggressivo-dominante nei confronti dei parenti più giovani, moglie e figli, che è molto caratteristico dei sociopatici, è accettabile in una società patriarcale);
- Infine, se il sociopatico condizionale violava gravemente le tradizioni e le norme stabilite nella società o commetteva un crimine violento, ma non mostrava segni evidenti di "follia" o "ossessione", i contemporanei non pensavano alla presenza di anime nascoste malattie, abbastanza soddisfatto della spiegazione che è solo un mascalzone (beh, o in collusione con il diavolo).

Di conseguenza, nel periodo pre-scientifico, il disturbo dissociale di personalità non è stato interpretato in alcun modo, tanto meno trattato. Vale la pena notare che i meccanismi di socializzazione stessi, ad esempio, nel Medioevo, erano lontani dai principi dell'umanesimo, erano spesso ridotti a punizione fisica e intimidazione, e potevano piuttosto contribuire allo sviluppo di tratti di personalità antisociali in una persona inizialmente normale piuttosto che correggere un sociopatico già stabilito.

Per quanto riguarda i personaggi storici famosi, le cui azioni suggeriscono che hanno alcune deviazioni mentali, compresa la sociopatia, la diagnosi retrospettiva è ostacolata da due circostanze: il contesto storico (quando è difficile distinguere la crudeltà patologica dal pragmatico) e la mancanza di fonti oggettive. Così, ad esempio, i famosi serial killer medievali - Gilles de Rey ed Elizabeth Bathory - molto probabilmente divennero vittime di giochi politici e della "leggenda nera" emersa in seguito, governanti come Dracula o Ivan il Terribile semplicemente rafforzarono il loro potere (quest'ultimo certamente non soffriva di disordine dissociale, quindi come sono sopravvissute fonti di origine personale, a testimonianza di riflessioni e sensi di colpa, che però non erano modulatori di comportamento per Grozny).

Personalmente, secondo me, l'unica persona storica a cui la sociopatia è ragionevolmente "messa" è Joseph Vissarionovich Stalin. Vale la pena notare che gli storici e gli psicoanalisti occidentali generalmente guardano con grande entusiasmo alle anomalie mentali in Stalin, trovandole spesso incompatibili con le sue attività di capo di stato, ma è proprio il disturbo dissociale che mi sembra abbastanza probabile, in base a ciò che sappiamo della personalità di Stalin. I seguenti aspetti della sua biografia si inseriscono nel ritratto di una tipica personalità sociopatica:
- problemi con la legge, incapacità di vivere secondo le norme sociali stabilite (in seguito ricostruì le norme per se stesso e tutti coloro che lo circondavano sperimentarono uno stress incessante);
- istruzione superiore incompleta per motivi disciplinari;
- mancanza di rapporti genuini, amichevoli e fiduciosi (anche quelli della cerchia ristretta di Stalin, che trascorrevano molto tempo con lui al lavoro e in vacanza, non si sentivano al sicuro con lui e furono oggetto di rappresaglie);
- relazioni familiari difficili - con la seconda moglie, con tutti i bambini, ad eccezione del figlio adottivo; l'unica persona di cui Stalin rispettava e si curava era sua madre;
- diffidenza di base verso le persone, egoismo e allo stesso tempo timidezza, una combinazione molto particolare di cautela e risolutezza;
- seguire l'ideologia scelta e al tempo stesso manipolarne le posizioni e giocare sulla sostituzione dei concetti, cosa non tipica dei fanatici;
- mancanza di prove di riflessione, dubbi sulle proprie azioni, rimorso o sensi di colpa.

Allo stesso tempo, considero irragionevoli le supposizioni di alcuni autori che Stalin avesse inclinazioni sadiche (permettere la tortura per scopi pratici non significa godere della violenza, soprattutto perché non ci sono prove di coinvolgimento personale) e la paranoia o la mania della persecuzione (questi ultimi sono solitamente citati come prove all'amore di Stalin per le cospirazioni, ma il fatto che abbia creato cospirazioni non significa che ci credesse davvero).

Sezione III. Eziologia e patogenesi.

Le cause del disturbo dissociale di personalità non sono state identificate in modo affidabile al momento. Ci sono due modi per vedere la sociopatia come una malattia congenita o acquisita. La maggior parte degli specialisti assume una posizione intermedia e tende a credere che una combinazione di molti fattori abbia un ruolo nell'emergere della sociopatia..
Uno dei concetti principali è che la sociopatia è una conseguenza della mancanza di attenzione e amore della madre nei primi mesi o addirittura nelle settimane di vita. Tuttavia, il problema con questa versione è che non può essere né confermato né smentito (a proposito, anche l'autismo è stato spiegato contemporaneamente).

Nonostante il fatto che la diagnosi di solito non venga fatta nei bambini, le manifestazioni di disturbo dissociale iniziano proprio nell'infanzia e la pubertà può essere descritta come un "picco". Il primo segno indiretto della presenza di deviazioni da parte di un bambino, che si può notare nei primi mesi di vita, è l'assenza di un complesso di rivitalizzazione (cioè una vivace reazione positiva alla madre).
Per qualche ragione, nella primissima fase dello sviluppo della personalità, quando una persona normale si forma attraverso la comunicazione con sua madre, la cosiddetta. fiducia di base nel mondo, si forma una "sfiducia di base" nel futuro sociopatico. Il termine "fiducia di base" è stato introdotto dallo psicologo americano E. Erickson, che ha collegato il grado di sviluppo di un bambino di un senso di fiducia nelle altre persone e nel mondo con la qualità delle cure materne ricevute..

Le versioni traumatiche dell'emergere dello sviluppo dissociale lo associano a strategie genitoriali scorrette, in cui il bambino si trova in "isolamento emotivo". Questo accade nelle famiglie in cui il bambino era inizialmente indesiderato, non necessario a nessuno, nato per caso o per motivi materiali, fin dalla nascita si è ritrovato in un'atmosfera di totale antipatia - sia dei suoi genitori verso se stesso che dei genitori tra di loro.

Opzione uno. Il bambino è nato in una famiglia benestante dove non è amato, ma tutti i suoi bisogni e capricci sono soddisfatti, non ci sono divieti e nessun sistema di punizione. Il bambino viene affrontato da uno staff di tate ed educatrici, che spesso si sostituiscono a vicenda, in modo che il bambino non abbia un attaccamento con loro. Questi bambini in futuro non capiscono o si trovano a capire la differenza tra la vera amicizia e l'amore e la loro imitazione, o meglio, considerano una tale differenza insignificante. Allo stesso tempo, avendo un'esperienza positiva nel soddisfare i loro bisogni di denaro, di regola non sono inclini alla violenza..

Opzione due. Ai genitori del bambino non piace e lo dimostrano apertamente, non si preoccupano di soddisfare i suoi bisogni - questo è particolarmente tipico per le famiglie marginali. Il bambino è lasciato a se stesso, i genitori gli prestano attenzione solo per punirlo e semplicemente non notano un buon comportamento e il successo. Il bambino si rende conto che non può essere “buono” per definizione, che la punizione e gli atteggiamenti negativi sono inevitabili, quindi sceglie di essere “cattivo”, ma per soddisfare i suoi bisogni. Questi bambini soffrono di abbandono pedagogico, a causa dell'indifferenza dei loro genitori sono in ritardo nello sviluppo, non ricevono un'istruzione e un'educazione decenti, che influiscono sull'età adulta.

Opzione tre. Incapacità dei genitori di seguire chiaramente un'unica strategia di comportamento, mancanza di un chiaro sistema di punizioni e ricompense in famiglia. Nell'educazione non c'è logica e coerenza, il bambino non riesce a capire che tipo di comportamento gli è richiesto in un dato momento e giunge alla conclusione che la reazione dei genitori non dipende dal suo comportamento e non può essere influenzata. A titolo di esempio, una famiglia in cui uno o entrambi i genitori soffrono di alcolismo è adatta e il comportamento di un genitore sobrio e ubriaco è diametralmente diverso.

I tre modelli educativi di cui sopra non sono gli unici che possono influenzare negativamente la psiche del bambino. Inoltre, il fattore traumatico non dovrebbe essere assolutizzato, poiché anche le famiglie marginali lasciano (anche se raramente) bambini abbastanza normali, e talvolta i sociopatici compaiono in famiglie abbastanza prospere, ei loro fratelli o sorelle non hanno anomalie. Per ribadire quanto detto, l'eziologia del disturbo dissociale non è chiara..

Sezione IV. Quadro clinico.

Secondo E. Erickson, una persona deve attraversare otto fasi di età nella vita, il cui passaggio di successo porta a qualche risultato positivo per l'individuo. Il fallimento in uno di essi, di conseguenza, porta a fallimenti nelle fasi successive. La formazione della fiducia di base nel mondo avviene nella primissima fase sensoriale orale, che dura dalla nascita a un anno. Di conseguenza, tutti gli ulteriori problemi dei sociopatici derivano da questo primissimo fallimento..
Il disturbo dissociale di personalità è caratterizzato da quanto segue:
• conseguenza della diffidenza di fondo del mondo è l'incapacità di costruire rapporti armoniosi con le persone, soprattutto quelle intime, infatti un sociopatico non ha persone veramente vicine;
• i sociopatici mancano di empatia, così come la capacità di entrare in empatia e simpatizzare;
• la sfera emotiva di una personalità sociopatica è allo stadio di "proto-emozioni", quali: paura, rabbia, ansia, piacere; i sociopatici non possono provare emozioni e sentimenti complessi, come l'amore e l'odio (i sociopatici tendono a sostituirli con emozioni più semplici, ad esempio, odio - irritazione, amore - attrazione sessuale, ecc.);
• non sono inoltre caratterizzati da riflessione, senso di colpa e rimorso per le proprie azioni; i sociopatici intendono la vergogna solo come imbarazzo, imbarazzo, ma non come reazione al proprio comportamento immorale;
• i sociopatici sperimentano continuamente paura di fondo e depressione di fondo, e non se ne rendono conto, perché non possono confrontarsi con lo stato normale;
• Inoltre, la depressione nei sociopatici spesso non è accompagnata da apatia, diminuzione dell'attività, disturbi del sonno o comportamento alimentare, ecc., Ma, al contrario, è agiotica;
• la conseguenza della stessa diffidenza di base è il conflitto e l'aggressività, i sociopatici sono facilmente provocati all'aggressione di ritorsione e si accingono volentieri all'escalation del conflitto;
• molti sociopatici hanno problemi con la legge con un'enfasi sui crimini violenti, e spesso questi problemi si trascinano dall'infanzia (anche se questo punto soffre delle peculiarità del campione - un sociopatico che non ha problemi con la legge semplicemente non cadrà nel campo di vista degli specialisti).

Il disturbo dissociale di personalità non deve essere confuso con l'ansia sociale (a proposito, i sociopatici possono essere piuttosto estroversi). Altri disturbi di personalità dello stesso gruppo sono i più vicini al disturbo dissociale. Lo stato borderline per il disturbo dissociale (variante estrema della norma) può essere accentuazioni, ad esempio, tipo epilettico o instabile.

Sezione V. Diagnostica.

La diagnosi del disturbo dissociale di personalità è difficile, principalmente a causa del disinteresse degli individui con questo disturbo da esaminare. Da soli, i sociopatici non si rivolgono quasi mai agli psicologi, perché pensano di non avere problemi. (A proposito, anche alcuni sociopatici evitano i medici regolari.) Di norma, i sociopatici che sono inclini alla violenza, che hanno già commesso crimini, entrano nel campo visivo degli psichiatri e i parenti, ad esempio i genitori o il coniuge, possono portare un sociopatico dagli psicologi. Ci sono situazioni in cui le "vittime" di sociopatici si rivolgono a uno psicologo per chiedere aiuto, cioè persone che devono contattare una persona dissociale per un lungo periodo, il che si trasforma sempre in stress e può portare a depressione, psicosi, alcolismo e altre conseguenze negative.

Il principale metodo diagnostico è la valutazione dello stato mentale del paziente durante il colloquio e il colloquio. La sfiducia patologica dei sociopatici e la tendenza a mentire sono molto difficili da diagnosticare. Esistono test per determinare il coefficiente di intelligenza emotiva (EQ, per analogia con QI), ma a differenza dei test di intelligenza, le risposte "corrette" in essi sono spesso ovvie e non sarà difficile per un sociopatico indovinarle.

In alcuni casi, è necessario diagnosticare un disturbo dissociale in base al comportamento marginale corrispondente (alcol e / o tossicodipendenza, violazioni sistematiche della legge, vita sessuale promiscua, ecc.). I sociopatici latenti (passivi) non mostrano affatto questo comportamento o lo nascondono.

Sezione VI. Trattamento.

Il disturbo dissociale di personalità non è una base per il ricovero involontario, il riconoscimento come pazzo, la limitazione della capacità giuridica, sebbene in pratica la discriminazione sia possibile quando si fa domanda per un lavoro o si presta servizio nell'esercito.
Il disturbo dissociale non è curabile, quindi il lavoro di uno specialista (principalmente psicologi) è ridotto alla compensazione e alla socializzazione del sociopatico. La psicoterapia ha lo scopo di rafforzare i legami con la famiglia, sviluppare il rispetto delle leggi e dei regolamenti e combattere le dipendenze. Lavoro produttivo solo a condizione della collaborazione tra psicologo e cliente, che in pratica non è sempre possibile ottenere.

Non è stato possibile trovare informazioni affidabili sul trattamento farmacologico. Ci sono stati rapporti vaghi sulla possibilità di utilizzare l'ossitocina (come nel caso degli autisti), ma senza indicare il risultato. Suggerisco che alle persone con disturbo dissociale possano essere prescritti farmaci per combattere la depressione e le manifestazioni aggressive.

Sezione VII. Cultura.

Il disturbo dissociale di personalità è molto popolare nella moderna cultura popolare, specialmente negli spettacoli televisivi. I rappresentanti più famosi sono i personaggi principali della serie omonima: Dr.House (un drogato di conflitti), Dexter (un serial killer ben adattato) e Sherlock Holmes nella versione della BBC, così come Lisbeth Salander, il personaggio principale della trilogia di S. Larsson Millennium. Tutti e quattro hanno la caratteristica principale: prima di tutto sono geni e solo allora sociopatici. Inoltre, per l'attrattiva dell'immagine, la loro "sociopatia" è stata stemperata dalla presenza di costanti amicizie. Nella vita reale, una persona che ha trascorso molti anni a stretto contatto con un sociopatico sarebbe uno spettacolo estremamente triste e avrebbe bisogno di aiuto psicologico. Di questi personaggi, Lisbeth Salander è più coerente con il quadro clinico - spesso commette crimini (nel processo di risoluzione di altri crimini - un cliché classico), è piuttosto aggressiva e ha il desiderio di danneggiare le persone, che di solito sopprime deliberatamente, ma alla prima occasione "lascia andare", conduce un vita sessuale, non ha un lavoro fisso e un'istruzione completa, è difficile convergere anche con quelle persone che la trattano con gentilezza.

Nella vita reale, il disturbo dissociale di personalità è un fenomeno molto meno attraente di quanto dimostrato nella moderna cultura popolare. Anche i sociopatici non violenti sono molto spiacevoli nella comunicazione e danneggiano la salute mentale degli altri, producendo inconsciamente la loro percezione distorta del mondo su di loro. Particolarmente colpiti sono i familiari di un sociopatico, che letteralmente non sanno dove andare da lui, molto spesso diventano vittime di violenza domestica.
Tuttavia, possiamo notare il "fascino superficiale" insito in alcuni sociopatici, descritto per primo da H. Cleckley.