Terapia di biofeedback

Biofeedback (terapia di biofeedback).

Definizione ed essenza del metodo.

Il biofeedback è uno dei metodi più comuni di trattamento riparativo in neurologia senza l'uso di farmaci..

Per capire chiaramente di cosa si tratta, ricordiamo uno specchio: guardandoci allo specchio, otteniamo informazioni sul nostro aspetto e, se ne abbiamo bisogno, possiamo pettinarci i capelli o stendere i nostri vestiti. Inoltre, durante la terapia di biofeedback con l'aiuto di attrezzature speciali, una persona può vedere o sentire i parametri del suo corpo (cambiamento di polso, tensione muscolare, temperatura, ritmi cerebrali) e imparare a controllarli, il che porta a cambiamenti positivi nel funzionamento dei nostri organi e sistemi: puoi imparare respirare e rilassarsi correttamente, controllare la postura, la funzione di minzione.

Storia della creazione e sviluppo del biofeedback.

A metà del 20 ° secolo, una crisi iniziò a farsi sentire nella medicina moderna, basata sull'insufficiente efficacia della terapia conservativa e della chirurgia: a seguito del trattamento chirurgico, l'integrità del corpo fu violata e l'assunzione di farmaci aveva effetti collaterali. A questo proposito, c'è stata una ricerca di nuovi metodi efficaci di esposizione non farmacologica. Sono stati accumulati dati sufficienti sulla struttura e sulle funzioni della corteccia cerebrale, sui riflessi condizionati e incondizionati e sulle funzioni adattive superiori. Grazie a questa conoscenza e allo sviluppo della tecnologia informatica, è apparso il metodo del biofeedback..

Tipi di biofeedback.

Esistono due tipi di terapia di biofeedback: diretta e indiretta. Il biofeedback diretto è mirato solo al processo del corpo in cui ci sono violazioni ed è stata la causa della malattia, ad esempio, con l'ipertensione arteriosa, il biofeedback sarà mirato a correggere il livello di pressione sanguigna.

Il biofeedback indiretto registra tutti gli indicatori del corpo, anche se non sono direttamente correlati alla malattia stessa, molto spesso si tratta di temperatura cutanea, frequenza respiratoria, attività bioelettrica cerebrale, tensione muscolare. Sono questi indicatori che riflettono meglio lo stato psico-emotivo di una persona..

Dispositivi di biofeedback.

Come accennato in precedenza, durante la terapia è possibile utilizzare la registrazione di uno o più parametri del corpo. Oggi, i più efficaci sono quei sistemi e apparecchiature che possono riflettere più indicatori contemporaneamente: frequenza cardiaca, condizione muscolare, respirazione, funzione cerebrale, temperatura della pelle).

Il software moderno consente di codificare i segnali ricevuti dal corpo umano sotto forma di immagini e suoni. La formazione di autoregolamentazione si svolge durante il gioco, la visione di un film o di un cartone animato.

La clinica per la neurologia riparativa utilizza il dispositivo Neuron-Spectrum BFB, che consente l'allenamento sui seguenti parametri: elettroencefalogramma, frequenza respiratoria, frequenza cardiaca, elettromiografia, risposta galvanica della pelle o temperatura. Questo dispositivo offre la possibilità di scegliere una varietà di opzioni di feedback: foto, immagini, giochi, film o persino di utilizzare la propria versione. Il vantaggio è che è possibile utilizzare non solo i protocolli incorporati, ma anche selezionare un programma di allenamento individuale per ogni singolo paziente, tenendo conto delle caratteristiche del suo corpo, per monitorare l'efficacia della terapia attraverso la storia delle sessioni e le dinamiche di apprendimento.

Come viene eseguita una sessione di terapia di biofeedback?.

Il paziente si siede comodamente (puoi sdraiarti, ma, come mostra la pratica, l'apprendimento ha più successo se c'è il controllo sul processo), sensori speciali (sensoriali, elettromiografici, registrazione dell'attività cerebrale, EEG, potenziali evocati, ecc.) Sono collegati a varie parti del suo corpo, a seconda di formazione selezionata. Dopo essere stati elaborati da un computer, il paziente vede o sente questi dati sotto forma di segnali visivi o sonori. Il medico spiega le informazioni ricevute e consiglia al paziente cosa è necessario fare per ottenere il risultato. Il paziente impara a controllare le funzioni del suo corpo e cambia l'immagine sullo schermo regolando l'attività del suo cervello, rilassando i muscoli e migliorando la respirazione. La motivazione del gioco è una delle condizioni che fanno funzionare il cervello in modo corretto e stabile (l'aereo volerà, l'auto partirà, il personaggio continuerà il viaggio e l'arcobaleno rimarrà colorato con un lavoro cerebrale stabile).

Quante sedute sono necessarie per consolidare il risultato.

La durata della sessione è di 20-40 minuti, la modalità di allenamento viene selezionata individualmente. Occorrono circa 10-20 sessioni, durante le quali si ha un allenamento alla gestione consapevole del proprio stato, e solo allora questa abilità viene utilizzata nella vita di tutti i giorni senza l'ausilio di dispositivi speciali.

Ambiti di applicazione del metodo.

La terapia di biofeedback è ampiamente utilizzata in vari campi della medicina - in psicoterapia, neurologia, cardiologia, ortopedia, logopedia ed è una componente importante nella riabilitazione complessa e nel trattamento riabilitativo. Il biofeedback è utilizzato nel trattamento di malattie come depressione clinica, tinnito, stress cronico, distonia vegetativa, vari tipi di mal di testa, epilessia, stanchezza cronica, morbo di Parkinson, disturbo da deficit di attenzione e iperattività, tic, logoneurosi, disartria, sviluppo ritardato del linguaggio, con patologia della postura, scoliosi 2-3, con enuresi e costipazione cronica.

La terapia di biofeedback non ha effetti collaterali, è ampiamente utilizzata nella Clinica di Neurologia Ricostruttiva nei bambini e negli adulti sopra i 20 anni, spesso consente di sostituire o ridurre il dosaggio dei farmaci e la durata della loro somministrazione.

Metodo di biofeedback

L'area prioritaria della medicina riparativa nella pratica pediatrica è l'uso di metodi di trattamento non farmacologici. Uno di questi metodi è il metodo del biofeedback, che trova largo impiego nella riabilitazione di varie patologie..
Il Biofeedback (BFB) è uno "specchio fisiologico" che aiuta il paziente a vedere e controllare alcune funzioni fisiologiche.
Il metodo si basa sul principio di tradurre le informazioni ricevute con l'aiuto di speciali sensori dal corpo umano (segnali fisiologici elettrici) in un'immagine o suono - segnali di feedback.

Il biofeedback è una tecnica hardware-computer che utilizza vari sensori (acustici, visivi, tattili, elettromiografici, ecc.). La terapia di biofeedback è un tipo di terapia comportamentale. Impari a non reagire a certe situazioni, anche se in un modo tipico, ma per te indesiderabile. I moderni mezzi tecnici consentono di ottenere informazioni in tempo reale sul lavoro di quasi tutti i sistemi del corpo umano: sistema nervoso cardiovascolare, motore, centrale e autonomo. Le letture caratterizzano il funzionamento di questi sistemi, sia in uno stato normale che in uno stato deviante dalla norma soggettiva. La terapia di biofeedback ci dimostra chiaramente come possiamo usare la nostra coscienza per il controllo diretto del nostro corpo, analizzando i segnali del sistema nervoso, ci permette di ottimizzare le normali funzioni fisiologiche e correggere le funzioni del corpo compromesse in modo naturale e senza farmaci. Un prerequisito per la terapia di biofeedback è la motivazione del paziente a raggiungere un risultato. Pertanto, l'uso del Biofeedback trasforma il paziente da oggetto di intervento medico in un partecipante attivo e interessato al processo di trattamento..

La durata di una sessione è di 20-30 minuti. Tuttavia, per ottenere il controllo e consolidare queste abilità, è necessario un numero sufficientemente elevato di sessioni, in media 15-20.
Al termine del biofeedback training, il paziente acquisisce le capacità per controllare lo stato del proprio corpo, che gli consente di utilizzare le proprie riserve con elevata efficienza.

La terapia BFB viene utilizzata per trattare e prevenire molte malattie croniche:

  • malattia ipertonica;
  • aumento della pressione sanguigna, distonia vegetativa-vascolare;
  • mal di testa da tensione, emicrania;
  • disturbo dell'attenzione e disturbo dell'iperattività nei bambini e negli adolescenti;
  • enuresi notturna e diurna;
  • sindrome da difficoltà respiratorie, asma bronchiale;
  • stress cronico;
  • ansia, paure e insonnia;
  • depressione;
  • balbuzie;
  • "Sindrome dell'affaticamento cronico"
  • ripristino delle funzioni motorie del corpo in una varietà di malattie neurologiche e ortopediche
  • ripristino della funzione contrattile dei muscoli, rilassamento dei muscoli durante la loro spasticità riflessa, superamento delle sinergie patologiche, sviluppo della coordinazione motoria sia semplice (presa, tenuta) che complessa (orientamento verticale del corpo, camminata);
  • restauro di acutezza visivo in tutti i casi della sua diminuzione stabile.

La tecnica del biofeedback fornisce informazioni sullo stato attuale di una particolare funzione fisiologica per addestrare il paziente a controllare e gestire consapevolmente questa funzione.
La tecnologia BFB viene attivamente implementata nel trattamento complesso di malattie croniche dei profili neurologici, cardiologici, gastroenterologici, urologici, nonché nella riabilitazione e nella medicina preventiva..

  • correzione rapida dei disturbi psicosomatici (i cambiamenti durante le sessioni di biofeedback si verificano a livello neuronale);
  • eliminazione della causa stessa della malattia e non delle sue conseguenze;
  • conservazione a lungo termine delle capacità di autoregolazione acquisite durante il corso della terapia di biofeedback;
  • nessun effetto collaterale, poiché la tecnica del biofeedback non è farmacologica;
  • ridurre il bisogno di farmaci del paziente;
  • impatto non sulle singole malattie, ma sui principali tipi di disfunzioni dei sistemi regolatori del corpo: nervoso, immunitario, umorale;
  • mancanza di influenze esterne sul paziente;
  • il regime terapeutico è prescritto rigorosamente individualmente, a seconda del tipo e del grado di disturbo nel paziente;
  • coinvolgimento attivo nel processo di cura del paziente stesso, al quale, dopo ogni seduta, vengono fornite le informazioni sui risultati di apprendimento da lui raggiunti e la loro accurata valutazione quantitativa.

I vantaggi del metodo dal punto di vista del paziente:

  • La semplicità del metodo;
  • Non invasività (la procedura è assolutamente indolore per il paziente);
  • Mancanza di effetti collaterali;
  • Possibilità di candidatura a partire dai 4 anni;
  • Può essere combinato con qualsiasi altro trattamento e metodo di riabilitazione;
  • Alto livello di motivazione del paziente (sotto forma di un film, cartone animato o gioco interessante);
  • Alta efficienza;
  • La procedura si svolge in modo giocoso e consiste nella visione di un film interessante (cartone animato) e nell'esecuzione di determinati compiti.


Breve descrizione della procedura:

In un ambiente amichevole e psicologicamente confortevole, sul corpo del bambino sono installati sensori che registrano i singoli indicatori fisiologici, che sono una linea guida nel lavoro del paziente.
La durata della procedura è di 30-40 minuti.
Durata del corso - 10-15 procedure.

Salute e yoga

Nell'articolo precedente, abbiamo esaminato il biofeedback, le biocorrenti cerebrali (onde cerebrali) e le loro caratteristiche.

Le onde cerebrali vengono studiate dalla scienza utilizzando un dispositivo elettroencefalografico (EEG), uno speciale amplificatore che raccoglie gli impulsi elettrici dal cervello con elettrodi attaccati alla testa. È possibile registrare i segnali cerebrali e quindi determinare il tipo di onda e identificare lo stato della persona.

Tali costose apparecchiature sono utilizzate nella ricerca scientifica, in medicina e non sono disponibili per la maggior parte delle persone comuni. Tuttavia, attualmente, vengono già prodotti dispositivi di biofeedback semplici e relativamente economici, che consentono a ogni persona di testare le biocorrenti del proprio cervello o di imparare a controllarle..

Uno di questi dispositivi di biofeedback è un set di "Mental Games" ("MentalGames"), sviluppato da VERIM, costituito da un sensore di biofeedback, un dispositivo "MindReflection" e un disco con giochi mentali, in cui devi controllare gli eventi sullo schermo del monitor solo utilizzando gestire gli stati del tuo cervello, il grado di rilassamento del corpo.

In questo dispositivo, il sensore viene posizionato sulle dita e durante la sessione trasmette le informazioni al dispositivo BFB, quindi il dispositivo le visualizza sullo schermo del computer.

La resistenza elettrica della pelle delle dita cambia a seconda del grado di rilassamento o attività, questi cambiamenti vengono convertiti dal dispositivo in segnali luminosi e sonori. Una volta ricevuti segnali audiovisivi sulla tua condizione, puoi iniziare a imparare come gestirla.

I "Mental Games" sono stati sviluppati specificatamente per i seguenti scopi:

- insegnare una transizione rapida ed efficace tra stati di profondo rilassamento e massima concentrazione fisica e mentale e viceversa.
- formazione nelle capacità di massima concentrazione dell'attenzione "fine tuning".
- insegnare l'equanimità e la calma in situazioni stressanti e difficili.
- raggiungere uno stato permanente e continuo di chiarezza cristallina di coscienza.
- e altro ancora!

Controllo mentale. Biofeedback (BFB) e meditazione - nel prossimo articolo

Feedback biologico. Informazione Generale

La base fondamentale del metodo di biofeedback in Russia è stata creata da P.K.Anokhin, K.M.Bykov e V.N. Chernigovsky. I primi risultati nell'insegnamento della regolazione volontaria del lume dei vasi sanguigni furono ottenuti nel 1955 da MI Lisina. Nel 1983, per ordine del Ministero della Salute dell'URSS, il metodo del biofeedback e il suo hardware furono autorizzati e raccomandati come metodo di trattamento in neurologia pediatrica.

Tuttavia, i medici d'oltremare divennero i pionieri generalmente riconosciuti nello studio del nuovo metodo. Nel 1957, Neil Miller dimostrò in modo convincente la possibilità di una regolazione volontaria del lavoro degli organi interni utilizzando un esperimento originale. Ha collegato gli indicatori del lavoro del cuore, dello stomaco e dei reni agli elettrodi collegati al "centro del piacere". Abbiamo usato ratti immobilizzati (paralizzati) che potevano ottenere un piacere ultraterreno cambiando il bersaglio..

Per la prima volta (dagli americani) la possibilità del biocontrollo negli esseri umani è stata scoperta da J. Kamiya. Nel 1958, notò per caso che se, quando appariva un certo tipo di segnali sull'EEG (attività alfa), si accendeva una luce verde davanti al soggetto, allora l'attività alfa si verificava più spesso. Gli ci vollero più di dieci anni per rendersi conto dell'importanza della sua scoperta e pubblicare i risultati..

Il biofeedback è una moderna tecnologia terapeutica e di miglioramento della salute basata su computer basata sui principi del biofeedback adattivo. Il compito principale del biofeedback è insegnare abilità di autoregolazione, il feedback facilita il processo di apprendimento del controllo fisiologico e l'apparecchiatura rende disponibili informazioni che non vengono percepite in condizioni normali.

Il biofeedback è un complesso di procedure, durante le quali a una persona, attraverso speciali dispositivi tecnici, vengono trasmesse informazioni sullo stato di una particolare funzione fisiologica del proprio corpo. Sulla base delle informazioni ricevute con l'aiuto di attrezzature e utilizzando tecniche speciali, una persona sviluppa capacità di autoregolamentazione, ad es. acquisisce la capacità di modificare arbitrariamente le funzioni fisiologiche del corpo. Questo è un tipo speciale di allenamento che fornisce la regolazione volontaria di molti parametri fisiologici: frequenza cardiaca, resistenza elettrica e temperatura della pelle, grado di tensione muscolare, resistenza elettrica della pelle, parametri respiratori, ecc..

Il biofeedback non è solo una tecnologia, ma anche un approccio concettuale fondamentalmente nuovo alla regolazione delle funzioni e delle condizioni del corpo umano, ampiamente utilizzato per scopi diagnostici, terapeutici, riabilitativi e profilattici..

PROCEDURE DI BIOCONTROL

Neurobiofeedback (neurofeedback) - la direzione all'interno della quale viene eseguita la modifica di vari parametri dell'elettroencefalogramma, come ampiezza, potenza, coerenza, ecc. ritmi EEG di base;

Il biofeedback è la direzione entro la quale i seguenti indicatori sono soggetti a variazioni: frequenza cardiaca (HR), temperatura, risposta galvanica cutanea (GSR), parametri respiratori, elettromiogramma - es. indicatori di attivazione autonomica.

SCOPO DELLA TECNOLOGIA BIOCONTROL

Negli ultimi 10 anni, le aree di applicazione del biofeedback si sono notevolmente ampliate e ora si possono distinguere due aree principali: clinica e non clinica.

In campo clinico, il biofeedback è particolarmente utilizzato nella clinica dei disturbi psicosomatici, essendo sia una tecnica psicoterapeutica indipendente che uno strumento efficace che aiuta un medico a ottenere un effetto terapeutico più pronunciato e duraturo. E anche per la riabilitazione di disturbi e problemi muscolari - paresi, scaliosi, conseguenze di ictus e infarto.

L'ambito di applicazione non clinico è associato all'uso della tecnologia del biofeedback nell'istruzione (aumento dell'efficienza dell'educazione, prevenzione delle malattie psicosomatiche); nella gestione dello stress, consentendo di migliorare gli indicatori di performance nelle attività professionali; nei grandi sport, così come in qualsiasi attività che richieda uno sforzo prolungato, responsabilità, prontezza a lavorare in condizioni estreme (Funzionamento ottimale).

MODIFICHE BIOCONTROL

Il biofeedback elettromiografico viene utilizzato principalmente nel trattamento dei disturbi del movimento e nell'allenamento al rilassamento..

Biofeedback secondo i parametri che caratterizzano l'attività del sistema cardiovascolare (pressione sanguigna, durata degli intervalli cardio, frequenza cardiaca, tempo di propagazione delle onde del polso, ecc.).

Biofeedback per la risposta termica e galvanica della pelle per migliorare l'afflusso di sangue a varie parti del corpo.

Biofeedback elettroencefalografico per modificare il grado di concentrazione dell'attenzione, controllare il livello di eccitazione emotiva (depressione, disturbi da dipendenza, disturbo da deficit di attenzione).

Il biofeedback respiratorio (contenuto di CO2, durata di inspirazione / espirazione, ecc.) È utilizzato con successo nel trattamento della sindrome da iperventilazione, asma bronchiale.

Biofeedback con utilizzo di carichi di stress e utilizzo di tecniche psicoterapeutiche (allenamento per il funzionamento ottimale di atleti, militari, persone di professioni pericolose).

AREA DI APPLICAZIONE

La medicina. Le organizzazioni assicurative dello stato della Virginia negli Stati Uniti hanno annunciato il pieno risarcimento dei costi dei cittadini per il trattamento del disturbo da deficit di attenzione e iperattività utilizzando il biofeedback EEG. In un certo numero di altri stati, l'assicurazione copre fino all'80% dei costi di vari tipi di formazione sul biofeedback (mentre le procedure di trattamento che non sono il metodo di scelta - cioè la scelta predefinita - o hanno un'efficacia dubbia, sono interamente coperte dai pazienti). In Russia, le compagnie di assicurazione pagano la terapia di biofeedback allo stesso modo. Il numero di stanze di biofeedback in Europa non è inferiore al numero di psicologi!

L'Associazione per la psicofisiologia applicata e il biofeedback (AAPB) ha pubblicato un elenco di malattie per le quali sono stati condotti studi sull'efficacia delle tecniche di biofeedback. In questo elenco, tutti gli studi (nell'ambito dei requisiti della medicina basata sull'evidenza) sono già stati eseguiti per una carenza come l'incontinenza urinaria. Il potenziale di biofeedback è alto nel disturbo d'ansia, disturbo da deficit di attenzione e iperattività, mal di testa e ipertensione. Per queste malattie, l'efficacia è stata dimostrata in studi separati su piccoli gruppi di persone o in un grande studio randomizzato controllato con placebo. Per più di tre dozzine di nosologie, i dati sull'efficacia vengono perfezionati.

Sport. Una delle applicazioni più promettenti per il biofeedback è lo sport. Lo spettro di applicazioni sportive della tecnologia è ampio: dall'ottimizzazione dello stress e dalla garanzia delle massime prestazioni dei muscoli scheletrici all'insegnamento del rilassamento e del recupero dopo lo stress. I vantaggi del biofeedback sono evidenti: rafforzare le capacità del corpo senza l'uso di "tecniche proibite".

Esistono anche strategie per l'ottimizzazione dei parametri respiratori (utilizzati principalmente in atletica leggera), che si basano sulla misurazione di ossigeno, anidride carbonica, glucosio e acido lattico nel sangue..

Arte. Il feedback visivo in tempo reale per analizzare e migliorare i dati vocali è fornito da un nuovo pacchetto software chiamato ALBERT. È in grado di combinare un numero qualsiasi di parametri vocali, visualizzare in tempo reale la frequenza di base, il jitter e il rapporto di chiusura laringea.

Puoi anche considerare l'uso dell'allenamento con biofeedback in un'attività così complessa come l'esecuzione musicale, il movimento è soggetto ai requisiti di precisione, fine differenziazione della tensione muscolare, abilità di velocità. Quanto razionale, comodo e perfetto nella sua struttura sarà il metodo di esecuzione di un movimento di gioco è di importanza significativa per i futuri musicisti..

Pertanto, uno dei compiti urgenti nell'insegnamento dell'abilità tecnica è la selezione delle tecniche di gioco motorio più razionali..

La scienza. La ricerca si svolge in diverse direzioni fondamentali.

In primo luogo, è una ricerca di situazioni e persone per le quali il biocontrollo è efficace. Molti ricercatori ritengono che la tecnica del biofeedback sia più efficace per le persone con bassa suggestionabilità, che vogliono provare tutto da sole, che non danno nulla per scontato. Ci sono molti modi per migliorare la tua capacità di rilassarti. Sono sia istruzioni banali "chiudi gli occhi e immagina di essere..." con la sostituzione della situazione a tuo piacimento, e più esotiche, come "immaginare lo spazio tra gli occhi". In alcuni soggetti, principalmente di sesso femminile, è stato notato un aumento della capacità di percezione di sé osservando le loro reazioni allo specchio. Ci sono suggerimenti sul feedback della capacità di percepire una serie di parametri, ad esempio, il battito cardiaco, con l'attività dell'emisfero destro del cervello, che è più sviluppato, come sapete, nella metà meno logica dell'umanità..

In secondo luogo, la comunicazione biologica viene utilizzata per acquisire nuove conoscenze sui meccanismi del cervello. A volte l'unico modo per decifrare i segnali è chiedere al cervello stesso cosa significhi un particolare segnale. Ottenere una risposta a una "domanda" (può essere non solo una parola, ma anche uno stimolo elettrico e qualsiasi altro stimolo) è anche un feedback. Un classico esempio è il lavoro di Wilder Penfield, che a metà del XX secolo costruì mappe dell'attività funzionale del cervello stimolando singole aree e riportando le sensazioni dei soggetti [Wilder Penfield, Theodore Rasmussen, The Cerebral Cortex of Man (Macmillan, 1950)]. Nel 1978, BL Bird et al., Utilizzando anche il feedback biologico, hanno mostrato la dipendenza del benessere dei soggetti dall'intervallo prevalente di attività cerebrale [Bird B. L., Newton F. A., Sheer D.E., Ford M. Biofeedback training of 40-Hz EEG in human. Biofeedback e Self-Regulation, 1978, volume 3, p. 1]. Così, con la predominanza del ritmo theta (frequenza 4–8 Hz), i soggetti hanno riportato sonnolenza, percezione della realtà poco chiara, vaga, favolosa. L'aumento dell'attività cerebrale, la dominanza dell'attività alfa (8-13 Hz) era percepita come uno stato rilassato, leggero e pacifico. Un ulteriore aumento della frequenza dell'attività cerebrale, un aumento del ritmo beta-2 (18-30 Hz) è stato percepito come uno stato energetico, agitato, ansioso. Il ritmo gamma oltre i 40 Hz è stato descritto come uno stato esplorativo attento, professionale.

INTRODUZIONE ALLA TEORIA DEL RESPIRO

L'importanza del processo di respirazione difficilmente può essere sopravvalutata. La respirazione è una delle funzioni vitali (cioè funzioni vitali) del corpo. La natura della respirazione la dice lunga sullo stato di una persona: la profondità, la frequenza respiratoria, il rapporto tra le fasi del ciclo respiratorio determinano una serie di processi psicofisiologici. Pertanto, è importante essere in grado di regolare arbitrariamente i parametri della respirazione, fornendo un regime respiratorio adeguato alla situazione. Gli esercizi respiratori, poiché sono automatizzati, contribuiscono ad aumentare la forza e la resistenza dei muscoli respiratori, un aumento dell'efficienza della funzione del sistema respiratorio e migliorano anche la ventilazione polmonare..

È noto che a riposo, in posizione seduta in un adulto, il numero di respiri è di 16-20 al minuto. Per le persone fisicamente preparate, questo indicatore è ridotto a 8-12.

In generale, la frequenza respiratoria, così come la durata delle singole fasi del ciclo respiratorio, riflette lo stato di salute e il livello di efficienza del sistema respiratorio, le capacità di riserva dell'organismo, cioè il suo potenziale vitale. Pertanto, vari programmi medici, sanitari e sportivi comportano determinati esercizi di respirazione per ridurre la frequenza respiratoria. Tali approcci sono praticati in particolare in vari metodi di guarigione orientali (qigong, meditazione zen, hatha yoga).

Il processo di respirazione è allenabile. Possiamo controllare la durata e la profondità dell'inspirazione, dell'espirazione e della durata delle pause dopo l'inspirazione e l'espirazione. La profondità e la frequenza della respirazione dipendono anche dalla forza e dalla resistenza dei principali muscoli respiratori (muscoli del diaframma, muscoli intercostali esterni ed interni). Migliore è lo sviluppo di questi muscoli, più economicamente funziona il sistema respiratorio, maggiore è la sua capacità di riserva.

“L'allenamento dei muscoli respiratori porta al loro sviluppo più rapido e migliore, ad un'espansione dell'escursione toracica, ad un aumento della riserva respiratoria, della potenza dell'apparato respiratorio, del volume del serbatoio alveolare, della velocità del movimento dell'aria durante l'inspirazione e l'espirazione. Tutto questo, insieme ad un aumento della superficie di diffusione dei polmoni, crea le condizioni per rallentare la respirazione, per aumentare l'utilizzo dell'ossigeno nei polmoni, che a sua volta porta ad una diminuzione del volume d'aria che deve entrare nei polmoni ".

La corretta respirazione di una persona è la respirazione naturale; Funzionando sulla base di un apparato respiratorio sviluppato in modo completo, fornisce uno scambio di gas ottimale con un'ampia gamma di carichi funzionali, creando le opportunità più favorevoli per l'adattamento del corpo alle mutevoli condizioni ambientali (Ermolaev O.Yu., Sergienko V.P. Fundamentals of three-phase respiration. M. Knowledge. 1991 g.)

Questa definizione deve essere completata con una serie di dettagli: il diaframma è il principale muscolo respiratorio della corretta respirazione; la corretta respirazione viene eseguita solo attraverso il naso; mentre le spalle rimangono immobili, e le costole inferiori divergono in avanti e ai lati. Inoltre, una corretta respirazione si basa sull'ottimizzazione del rapporto tra le fasi "inspirazione - espirazione", che garantisce il miglior apporto di ossigeno all'organismo. La regolazione del rapporto tra inspirazione ed espirazione è uno dei fattori importanti per garantire il funzionamento ottimale del sistema respiratorio. Il più efficace in fisiologia è il ciclo respiratorio, in cui l'espirazione è più lunga dell'inspirazione. In media, la fase espiratoria dovrebbe essere lunga il doppio della fase inspiratoria.

Prima di procedere direttamente alla descrizione dei principi dell'allenamento alla corretta respirazione, prenderemo in considerazione le caratteristiche di ciascuna delle sue fasi..

La prima fase è l'espirazione. L'espirazione correttamente organizzata attiva i muscoli respiratori e garantisce un'ulteriore respirazione ottimale. L'espirazione dovrebbe essere naturale, senza sforzo..

L'espirazione avviene attraverso il naso. Dovrebbe avvenire senza scosse, in un flusso anche lungo. Non dovresti sforzarti di espirare tutta l'aria dai polmoni fino alla fine, il resto è necessario per la pausa successiva dopo l'espirazione..

La pausa dovrebbe essere naturale e non violenta. È la pausa che determina il volume d'aria necessario per l'inalazione, a seconda dello stato del corpo. Se nelle prime 2-3 settimane dopo l'inizio dell'allenamento respiratorio, la pausa è ancora controllata consapevolmente, in futuro diventa completamente e completamente naturale, non determinata dalla coscienza e dipenderà dall'entità del carico e dallo stato funzionale del corpo umano. Ecco perché una pausa è estremamente dinamica, instabile e talvolta, durante l'esecuzione di qualsiasi compito che deve affrontare una persona, può scomparire completamente.

La seconda fase è l'inalazione. L'inalazione dovrebbe essere naturale e solo attraverso il naso.

L'inalazione deve essere eseguita abbassando il diaframma, liscio e silenzioso, prima che inizi l'espansione delle costole inferiori del torace, ad es. a causa della respirazione addominale.

L'inalazione viene eseguita in modo fluido, silenzioso, senza il minimo sforzo sulle vie respiratorie. La pausa dopo l'espirazione dovrebbe sollecitare il momento del naturale desiderio di inspirare, quindi l'aria, per il movimento spontaneo delle costole e del diaframma, entrerà nei polmoni e li riempirà quanto necessario (vedi figura).

Le tecniche di respirazione possono essere eseguite in qualsiasi posizione. È necessaria una sola condizione: la colonna vertebrale deve essere in una posizione rigorosamente verticale o orizzontale. Ciò consente di respirare in modo naturale, libero, senza tensione, per allungare completamente i muscoli del torace e dell'addome. Se la schiena è dritta, i muscoli respiratori (principalmente il diaframma) possono funzionare facilmente e liberamente.

Anche la posizione della testa è molto importante: in posizione seduta, dovrebbe stare dritta sul collo. Questo allunga il torace e altre parti del corpo fino a un certo punto. Attenzione: il collo non deve essere teso in alcun modo!

Quando si esegue l'esercizio di respirazione, respirare attraverso il naso, le labbra sono leggermente chiuse (ma non compresse). È necessario prestare attenzione al fatto che durante l'inspirazione le spalle non si raddrizzano e non si alzano..

GESTIONE DEL TONO MUSCOLARE DURANTE L'ALLENAMENTO EMG BIOCONTROL

L'elettromiografia è un metodo per registrare le fluttuazioni biopotenziali che si verificano in un muscolo al momento della sua eccitazione. I potenziali registrati vengono catturati da elettrodi cutanei o ad ago. Dopo l'amplificazione, vengono trasmessi a un dispositivo che consente di visualizzare potenziali fluttuazioni.

Per studi più accurati, gli elettrodi ad ago vengono utilizzati per rivelare la dinamica dei processi elettrochimici nelle singole fibre muscolari..

Gli elettrodi cutanei (di superficie) rimuovono la differenza di potenziale dalla superficie della pelle. Pertanto, non vengono registrati solo i cambiamenti nell'attività elettrica di tutti i muscoli situati nella zona di registrazione del segnale, ma anche dei tessuti tegumentari..

Il metodo dell'elettromiografia di superficie è indolore e innocuo, il che consente di utilizzare attivamente questo metodo per determinare l'attività bioelettrica del sistema muscolo-scheletrico.
La gestione del tono muscolare mediante la tecnologia del biocontrollo è ampiamente ed efficacemente utilizzata nella medicina riabilitativa. Ciò è dovuto a una serie di ragioni e, prima di tutto, al fatto che l'attività del sistema motorio nella massima misura, rispetto a tutti gli altri sistemi del corpo, è controllata da processi volitivi e coscienti. Per tutta la vita, il sistema motorio viene costantemente allenato, il che porta alla sua elevata plasticità e relativa facilità di riqualificazione durante il processo di riabilitazione.

Qualsiasi contrazione muscolare è accompagnata dalla comparsa di attività elettrica, la cui natura e ampiezza è determinata dalla dimensione del muscolo (il numero di unità motorie attive) e dal grado di tensione muscolare. Quando si utilizzano elettrodi di superficie, l'attività elettrica registrata viene determinata sommando l'attività di molte unità motorie situate nell'area degli elettrodi. Con un aumento della forza della contrazione muscolare, aumenta non solo l'ampiezza delle oscillazioni elettriche, ma anche la frequenza di generazione dei potenziali d'azione. La contabilizzazione simultanea di questi due indicatori nell'EMG integrale consente con un grado sufficiente di precisione di considerare la sua ampiezza come un indicatore del tono muscolare.

BIOCOMANDO MIOGRAFICO (EMG-BFB)

Come sapete, l'attività muscolare può variare notevolmente, ma una persona è consapevole solo della tensione muscolare associata al movimento. Tono muscolare elevato durante la tensione psicoemotiva, lo stress spesso rimane al di sotto della soglia di percezione. Il paziente, vedendo la dinamica dell'attività elettrica dei muscoli sul monitor, ottiene un'opportunità unica di controllare la tensione muscolare, rilassando i muscoli, riducendo gli indicatori associati: frequenza cardiaca, pressione sanguigna, frequenza respiratoria.

Come dimostrano la nostra esperienza e l'esperienza di colleghi stranieri, in caso di malattie del corpo, il biofeedback secondo il miogramma integrale dei muscoli frontali è particolarmente efficace, poiché questi, in misura minore rispetto ad altri, sono sotto il controllo della coscienza e sono alla base delle componenti emotive ed espressive delle emozioni..

Prevenzione e riabilitazione dei disturbi del movimento come le condizioni post-traumatiche; disturbi del movimento (paralisi cerebrale); malattie ortopediche (disturbi della postura, scoliosi, piede torto, torcicollo).

L'utilizzo della tecnologia del biocontrollo miografico computerizzato consente di ripristinare completamente o parzialmente la funzione motoria dei muscoli, abbreviando notevolmente il periodo di recupero.
La durata del corso dipende dal grado di disabilità motoria, le lezioni individuali sono condotte da un medico, infermiere.

FORMAZIONE RELAX CON LA TECNOLOGIA BIOCONTROL

Rilassamento (dal latino Relaxatio - indebolimento, rilassamento) - il processo di rilassamento, accompagnato dalla rimozione dello stress mentale. Il rilassamento può essere sia involontario che volontario, ottenuto grazie all'uso di speciali tecniche psicofisiologiche.

La teoria del rilassamento si basa sull'affermazione che la mente e il corpo umano sono strettamente interconnessi. Si presume che una persona in uno stato di stress mentale (emotivo) provi anche stress fisico (fisico). E viceversa: una persona in uno stato di stress fisico inizia a provare stress mentale. Pertanto, per rilassare il corpo, bisogna rilassare la mente (e viceversa); e il rilassamento mentale porta al rilassamento fisico e fisico. Il rilassamento cosciente è l'incarnazione di questa conclusione..

L'uso di metodi di rilassamento è diventato particolarmente importante dalla seconda metà del 20 ° secolo, quando il ritmo della vita nei paesi sviluppati è notevolmente aumentato, a seguito del quale le persone sono diventate più suscettibili all'influenza distruttiva dello stress psicologico. Pertanto, il rilassamento consapevole è diventato molto importante come mezzo per contrastare lo stress quotidiano. I benefici delle sedute di rilassamento sistematiche sono riconosciuti dalla moderna psicoterapia. Inoltre, il rilassamento è alla base delle più moderne tecniche psicoterapeutiche..

Quando ci si impegna in un allenamento di rilassamento, un punto importante è la generalizzazione, cioè la diffusione dell'effetto di rilassamento. Il fatto è che esercizi di rilassamento non sistematici e superficiali danno solo un effetto temporaneo e incompleto. E solo esercizi regolari che utilizzano il metodo corretto portano alla generalizzazione dell'effetto - quindi lo stress generale (compreso quello mentale) della persona viene costantemente ridotto, la resistenza allo stress aumenta, l'attenzione migliora, compaiono altri effetti positivi del rilassamento generalizzato.

L'allenamento di rilassamento del biofeedback ha lo scopo di prevenire possibili stress, auto-alleviare lo stress emotivo, superlavoro. Con l'aiuto di esercizi di rilassamento e calmanti, vengono ripristinate le funzioni disturbate del corpo, viene aumentata la capacità di lavorare e viene prevenuta una serie di malattie dell'eziologia psicosomatica.

Ovviamente, l'allenamento al rilassamento è uno strumento per controllare le risposte allo stress e gli stati di tensione. Pertanto, per poter scegliere un modo individuale di rilassamento con la massima efficienza, è importante sapere quali processi psicofisiologici sono più suscettibili alle influenze stressanti e come questo si esprime..

Il rilassamento porta a un cambiamento in una serie di caratteristiche psicofisiologiche, indicando una diminuzione dello stress, espresso a vari livelli. Al fine di determinare il grado di stress, i parametri psicofisiologici del paziente vengono monitorati in uno stato di calma. L'allenamento di rilassamento del biofeedback viene svolto attraverso la dimostrazione sullo schermo del computer di quei segnali che vanno oltre la norma individuale dello stato dei sistemi corporei. Durante l'allenamento di rilassamento, il paziente impara a modificare questi parametri del corpo nella giusta direzione al fine di alleviare la tensione e quindi migliorare il suo stato funzionale e consolidare questo miglioramento.

Ci sono un gran numero di parametri con cui viene effettuato l'allenamento di rilassamento del biocontrollo. L'effetto di generalizzazione è noto: se nel corso dell'allenamento è possibile ottenere un cambiamento persistente dei valori per uno dei parametri, si osserverà una tendenza simile per il resto

ELETTROENCEFALOGRAFICO ALPHA-BIOCONTROL (EEG-BFB)

È noto che un certo spettro di attività elettrica (EEG) del cervello corrisponde a determinati stati di coscienza. Quando una persona è preoccupata, arrabbiata, infastidita, depressa, depressa, triste o depressa, ciò si riflette nello spettro della forma d'onda EEG. Le persone con comportamento di dipendenza sperimentano costantemente disagio mentale, un deficit di emozioni positive, la necessità di ridurre l'ansia e rilasciare i loro impulsi aggressivi. Per loro, l'unico modo per raggiungere questo obiettivo facilmente e rapidamente è assumere alcol o droghe..

L'allenamento con la stimolazione alfa è una terapia patogena. Un paziente incluso in un ciclo di biofeedback (uditivo o visivo) utilizzando un computer può vedere o sentire segnali che riflettono i cambiamenti nei parametri dell'attività del suo cervello e dell'ambiente interno del corpo. Allo stesso tempo, utilizzando le capacità di autoregolazione, il paziente impara a controllare questi parametri nella giusta direzione. Modificando l'attività bioelettrica del cervello e ripristinando l'equilibrio neurodinamico dei sistemi regolatori, una persona impara a portarsi autonomamente in uno stato stabile di calma veglia e comfort senza assumere farmaci, alcol o droghe. Allo stesso tempo, lo stato alfa stabile risultante dall'allenamento EEG - lo stato di calma veglia - "cancella" le abilità di dipendenza che formano il modello dell'elettrogenesi nel cervello. Dopo aver completato il corso di alfa-biofeedback, il paziente acquisisce le capacità di utilizzare l'autoregolazione nella vita di tutti i giorni.

Le indicazioni per la nomina di pazienti con biofeedback EEG-alfa sono:

Dipendenza da alcol. I migliori risultati sono stati ottenuti nel trattamento di pazienti con dipendenza psichiatrica da alcol (alcolismo alfa). La durata media della remissione in questi pazienti è stata di 12,7 mesi. Inoltre, il 60% dei pazienti ha rifiutato completamente di assumere alcol. Nel trattamento di pazienti con dipendenza fisica dall'alcol (alcolismo gamma secondo la classificazione di Jelinnek-Korolenko), l'effetto della terapia è stato leggermente inferiore (solo il 20% dei pazienti è riuscito a ottenere una remissione superiore a 6 mesi.

Dipendenza da oppio. Dopo 30 sessioni, il 75% dei pazienti che padroneggiava la tecnologia dell'allenamento stimolante alfa ha raggiunto la remissione in media 10,2 mesi. Il comportamento di questi pazienti ha acquisito tratti di efficacia. I pazienti hanno iniziato a partecipare attivamente a vari programmi educativi, hanno ottenuto un lavoro e hanno ripristinato i legami sociali perduti. I pazienti hanno notato un aumento dell'autostima, un ampliamento della gamma di interessi, l'emergere di stabilità emotiva e, di conseguenza, la riduzione della dipendenza mentale da un farmaco.

Dipendenza da cibo (eccesso di cibo). Dopo il corso del trattamento, tutti i pazienti in questo gruppo hanno notato un tale effetto come una diminuzione del peso corporeo di 500 g a settimana per un mese. Riduzione dell'irritabilità, normalizzazione del ciclo sonno-veglia, aumento dell'autostima.

BETA-BIOCONTROL ELETTROENCEFALOGRAFICO

Il disturbo da deficit di attenzione (ADHD o sindrome ADD / HD), secondo diversi autori, colpisce fino al 20% dei bambini e degli adolescenti. Non sono in grado di concentrare la loro attenzione per molto tempo sulla risoluzione di vari problemi e fino a poco tempo fa sono rimasti senza trattamento, oppure hanno utilizzato farmaci psicotropi, stimolanti come il Ritalin o anticonvulsivanti. Tuttavia, va notato che l'effetto del trattamento con farmaci psicotropi e stimolanti è instabile, devono essere assunti per anni, tutti hanno effetti collaterali pronunciati e formano dipendenza da droghe.

Per molti anni, la causa della sindrome ADD / HD è stata considerata una cattiva educazione, "deterioramento" del bambino, ma a metà degli anni '90 è stato stabilito che nella maggior parte dei casi la causa della malattia è una diminuzione dell'intensità del flusso sanguigno cerebrale e un calo del livello di dopamina nei lobi frontali della corteccia cerebrale., soprattutto quando si esegue un compito intellettuale: più il paziente cerca di concentrarsi, più gravemente soffre il metabolismo corticale. Anche se il bambino vuole davvero far fronte al compito, non è in grado di farlo.
Secondo i dati della mappatura elettroencefalografica in pazienti con disturbo da deficit di attenzione, si registra un aumento dell'attività theta e una forte diminuzione dell'attività beta nelle aree corticali e sottocorticali dei lobi frontali.

La tecnologia di correzione del disturbo da deficit di attenzione biofeedback elettroencefalografico beta-stimolante nel circuito di biofeedback del computer insegna al bambino le capacità di normalizzare il funzionamento di alcune strutture del cervello, cioè impara a fare ciò che gli stimolanti o gli antidepressivi erano soliti fare per lui.

Le indicazioni per la prescrizione di EEG-beta-biocontrollo ai pazienti sono:

  • Disturbi dello sviluppo specifici
  • Disturbi del comportamento dirompente
  • sindrome da deficit di attenzione e iperattività
  • Condotta disobbedienza e disobbedienza

L'efficacia di vari trattamenti per il disturbo da deficit di attenzione e iperattività:

  • terapia farmacologica - 60-70%;
  • terapia comportamentale - 40-50%;
  • biocontrollo (allenamento beta-stimolante) - 70-90%.

Risultati della formazione beta stimolante sul biocontrollo:

  • significativa riduzione dell'impulsività generale del comportamento
  • maggiore autostima, perseveranza e resistenza
  • migliorare il contatto con altri bambini.

Inoltre, l'attenzione viene allenata in parallelo, la memoria e le capacità logiche vengono sviluppate, si forma l'interesse per la soluzione efficace del compito..

Il disturbo da deficit di attenzione è l'incapacità di concentrarsi sulla risoluzione di qualsiasi problema. Si basa su un basso tasso metabolico nelle regioni anteriori del cervello.

Il tentativo di concentrazione porta a una diminuzione del flusso sanguigno cerebrale, diminuzione del consumo di ossigeno e glucosio.

L'iperattività (auto-stimolazione) è un modo per "svegliare" il cervello, portarlo in uno stato attivo. Pertanto, è praticamente inutile affrontare l'iperattività solo con misure pedagogiche..
L'allenamento beta-stimolante elettroencefalografico porta ad un miglioramento del metabolismo cerebrale. Più il potere beta-ritmo, maggiore è il flusso sanguigno cerebrale, il consumo di glucosio e ossigeno.

BIOCONTROLLO DELLA TEMPERATURA

Il nostro corpo reagisce allo stress con uno spasmo dei vasi periferici, mentre il flusso sanguigno agli arti e agli organi interni diminuisce, la temperatura degli arti diminuisce. Aumentando la temperatura delle mani durante l'allenamento termico, il paziente migliora il flusso sanguigno, impara a regolare le caratteristiche solitamente non regolate, ad esempio, resistenza vascolare periferica, volume sistolico del cuore. Allo stesso tempo, il benessere generale - emotivo e corporeo - migliora, il che è confermato da studi di laboratorio e psicodiagnostici..

Biofeedback vivo

Medico-psicoterapeuta, dottore in scienze mediche, professore
Golubev Mikhail Viktorovich

Psicoterapia biofeedback.

Il principio di feedback è il principio di base e universale per il controllo di vari sistemi. Sulla base, viene costruito il lavoro degli elettrodomestici a noi familiari: un frigorifero e un ferro da stiro. Usano il feedback per mantenere una certa temperatura. I processi fisiologici e mentali nel corpo umano si formano secondo lo stesso principio..
L'essenza del feedback biologico (BFB) è creare un canale aggiuntivo di informazioni sulle funzioni vegetative e controllare queste funzioni sulla sua base. Ciò è diventato possibile relativamente di recente, quando sono apparsi dispositivi elettronici che consentono di fornire tali informazioni (cambiamenti minimi in qualsiasi indicatore fisiologico in tempo reale).

Storia del biofeedback.

Il termine biofeedback stesso è apparso negli Stati Uniti alla fine degli anni '60. Ma già negli anni '30, durante studi fisiologici, si scoprì che gli animali, in particolare i ratti, sono in grado di modificare gli indicatori del funzionamento degli organi interni se la dinamica della direzione desiderata viene incoraggiata e punita con cambiamenti indesiderati. In questo modo è stato possibile addestrare l'animale a produrre una certa quantità di succo gastrico, a mantenere un dato valore di pressione sanguigna, numero di battiti cardiaci, ecc. Successivamente, tali studi sono stati condotti con le persone e si è prestata attenzione al fatto che una persona non ha bisogno di ricevere incoraggiamento o punizione per consolidare le reazioni desiderate, ma è sufficiente avere informazioni in tempo reale sui cambiamenti minimi nell'indicatore selezionato..
Le prime pubblicazioni negli anni '40 descrivevano soggetti che erano in grado di modificare arbitrariamente il livello della loro attività cardiaca. Più recentemente sono stati effettuati studi sulla possibilità di utilizzare il miogramma come parametro per l'insegnamento del rilassamento generale e per il trattamento del dolore di origine neuromuscolare. Tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli anni '80, si iniziò a studiare il problema dell'utilizzo della temperatura e del feedback biologico elettroencefalografico per il trattamento di varie patologie. Recentemente sono stati raggiunti alcuni successi in questo settore e la ricerca continua..

Caratteristiche della psicoterapia con biofeedback

La psicoterapia del biofeedback ha sia una componente rilassata che comportamentale. L'uso del biofeedback per il rilassamento è chiamato terapia di psicorelaxation utilizzando il principio del biofeedback o biofeedback adattivo, metodo di biofeedback del trattamento psicoterapeutico, auto-training hardware.
Il biofeedback si basa sulla relazione tra funzioni autonome e mentali. Con il biofeedback, il paziente, attraverso un sensore, un dispositivo di conversione e registrazione, riceve informazioni sui cambiamenti minimi in uno qualsiasi dei suoi indicatori fisiologici (tensione muscolare, temperatura corporea, resistenza elettrica della pelle, pressione sanguigna, ecc.) Associati allo stato emotivo e cerca di modificarlo in una determinata direzione, che gli consente di acquisire e sviluppare capacità di autoregolazione diretta, influenzando così l'andamento del processo patologico.

Esistono due tipi principali di biofeedback: diretto e indiretto..
Il biofeedback "diretto" viene effettuato in base alla funzione fisiologica che è compromessa in questa malattia ed è la sua manifestazione principale (ad esempio, in termini di livello di pressione sanguigna nell'ipertensione),
Biofeedback "indiretto" secondo indicatori, il cui cambiamento non è specifico per la malattia data.
I più comuni di questi sono i biofeedback per la temperatura e la resistenza elettrica della pelle. Ciò è dovuto al fatto che riflettono bene il livello di stress psico-emotivo di una persona. Un aumento della tensione porta ad una diminuzione della temperatura e della resistenza della pelle e il rilassamento ad un aumento di questi indicatori..
I moderni sistemi informatici per l'automazione del biofeedback consentono di utilizzare quasi tutti gli indicatori del lavoro del corpo come parametro di controllo (il numero di contrazioni cardiache, movimenti respiratori, livello di pressione sanguigna, velocità di propagazione delle onde del polso, resistenza elettrica della pelle, caratteristiche di un elettrocardiogramma ed encefalogramma).
Esistono dispositivi per registrare una e più caratteristiche fisiologiche contemporaneamente. Alcuni ricercatori ritengono che il biofeedback multiparametrico sia più efficace. Per la sua implementazione sono stati sviluppati sistemi software e hardware basati su personal computer. Esistono programmi per computer che ti consentono di apprendere l'autoregolamentazione nel processo di un gioco interessante..
Il ruolo dell'apparato in questo metodo è ottimo, ma i meriti del medico non dovrebbero essere ignorati. Quindi lo stesso psicoterapeuta è un anello importante nel biofeedback e influenza attivamente il corso dell'apprendimento. E i risultati del trattamento dipendono in gran parte dalla sua abilità e il dispositivo, oltre a presentare informazioni, è un mezzo ausiliario per stabilire una relazione terapeutica. Ed sono queste relazioni che aiutano il paziente a svilupparsi, a cambiare il proprio comportamento.

Nella prima fase preparatoria, il medico, in una conversazione, motiva il paziente a partecipare alla formazione, infonde speranza nel successo della formazione, spiega al paziente l'essenza del metodo, il meccanismo del suo lavoro, dà un'idea del processo patologico in atto nel corpo e perché il trattamento sarà efficace in questo caso.
Nel processo di formazione, lo psicoterapeuta, avendo informazioni sul paziente dal dispositivo e da se stesso, aiuta il paziente a utilizzare meglio i dati ottenuti. Il medico dà consigli e istruzioni su come comportarsi, sperimentare, cercare i modi migliori per controllare le proprie funzioni. In presenza dei primi minimi risultati e anche in loro assenza, fissa l'attenzione del paziente sui suoi successi.
Il ruolo dello psicoterapeuta aumenta ancora di più quando il paziente ha imparato il metodo in ufficio e passa alla fase successiva dell'applicazione delle sue capacità nella vita di tutti i giorni. In questa situazione, l'enfasi principale è sullo sviluppo di un atteggiamento attivo nel paziente nei confronti del processo di trattamento, aumentando la responsabilità per se stesso e per la sua salute..
I vantaggi di questa terapia sono la partecipazione attiva cosciente dei pazienti al processo di trattamento, la sicurezza e l'innocuità del metodo, l'estrema rarità degli effetti collaterali, tuttavia, il medico dovrebbe essere preparato ad affrontarli..

Meccanismi d'azione BFB

Si è riscontrato che nel processo di allenamento con biofeedback si sviluppano reazioni fisiologiche e biochimiche, opposte a quelle che si verificano sotto stress: aumenta l'a-ritmo del cervello; il livello di pressione arteriosa diminuisce, il numero di contrazioni cardiache diminuisce, la resistenza vascolare periferica, il consumo di ossigeno diminuisce; diminuisce l'attività elettrica dei muscoli, il livello di catecolamine, cortisolo, renina e colesterolo nel plasma sanguigno. Inoltre, vi è un aumento dell'attività del sistema oppioide endogeno e una diminuzione della reattività vascolare.
Pertanto, il biofeedback aiuta a migliorare la capacità di una persona di resistere allo stress. Un ruolo importante in questo è assegnato alle capacità di riserva del paziente, alla sua capacità di superare la malattia.
Durante il biofeedback, il paziente partecipa attivamente al suo trattamento, che contribuisce all'attivazione delle riserve naturali nascoste del corpo. Durante le lezioni appare una consapevolezza dei meccanismi psicologici della malattia e del loro sviluppo inverso. Le attività di autoregolamentazione di successo migliorano il benessere, promuovono l'autostima, ampliando così le opportunità e migliorando l'adattabilità. I malati vedono che i loro sforzi sono utili e diventano più ottimisti. A sua volta, la crescita delle emozioni positive stimola i processi motivazionali e le attività svolte diventano più efficaci. L'allenamento ad alte prestazioni aumenta ulteriormente l'autostima e così via.
Infine, nel corso del biofeedback, la fissazione sui propri sentimenti diminuisce, l'ipocondriacalismo, l'aggressività diminuisce, la fiducia nelle proprie capacità aumenta e l'umore migliora..

Efficacia del biofeedback

Ad oggi, l'efficacia del biofeedback è stata dimostrata nel trattamento di molti disturbi funzionali (inclusi mal di testa, disturbi del sonno, ecc.), Oltre a una serie di malattie psicosomatiche. In particolare, è stato dimostrato che il biofeedback nel trattamento di una malattia così diffusa come l'ipertensione, consente di ottenere una significativa diminuzione della pressione sanguigna, porta ad una migliore prognosi della malattia. L'efficacia del biofeedback nel trattamento delle malattie gastrointestinali (gastrite, colecistite cronica, ulcera gastrica e ulcera duodenale) e delle malattie broncopolmonari spastiche è stata scientificamente dimostrata. La scelta di un programma adeguato per la gestione della sua condizione consente al paziente di riorientare il suo mondo interiore e quindi correggere stati depressivi e ossessivi, comportamenti iperattivi e bloccare paura e tensione.
Buoni risultati sono stati ottenuti nel trattamento dei disturbi mentali borderline utilizzando il biofeedback. Una formazione di successo consente ai pazienti con stati di ansia di aumentare l'autocontrollo, migliorare l'adattamento alle condizioni esterne.

Il dispositivo individuale per terapia di rilassamento BOS-IP è progettato per fornire un biofeedback sulla resistenza elettrica della pelle

BOS-IP include:
elettrodi per la misura della resistenza elettrica della pelle, che vengono fissati sulle dita con nastro adesivo e collegati con una spina alla presa _EL del dispositivo;
unità elettronica, comprendente: controllo del volume - _tom, controllo continuo della frequenza del suono - "impostazione" e controllo della frequenza del ritmo del suono intermittente (simulatore della frequenza cardiaca) - "ritmo", nonché un indicatore visivo sul corpo velocità);
auricolare collegato alla presa "TM" del dispositivo.
Vantaggi del dispositivo BOS-IP

BOS-IP ha un'elevata sensibilità. Ciò consente ai pazienti di ricevere informazioni sui cambiamenti minimi nella resistenza elettrica della pelle e, di conseguenza, sul loro stato psicoemotivo, che aumenta l'efficacia del metodo e contribuisce alla formazione di un atteggiamento positivo nei confronti del trattamento..
La possibilità di utilizzare BOS-IP non solo per i destrimani, ma anche per i mancini, fissando gli elettrodi sulle dita (e non "rigidamente" sul dispositivo) aumenta la comodità di utilizzo del dispositivo.
Fondamentalmente nuova è anche l'indicazione acustica che utilizza sia un segnale acustico continuo che l'imitazione sonora della frequenza cardiaca (uno di questi segnali o la loro combinazione può essere utilizzato durante l'allenamento). La possibilità di indicazione acustica e visiva simultanea consente al medico di monitorare i cambiamenti nello stato psicoemotivo del paziente direttamente durante l'esercizio.

Metodo di utilizzo del dispositivo BOS-IP

Le lezioni possono essere svolte sia individualmente che in gruppi di 4-8 persone. Prima dell'inizio delle lezioni con i pazienti, si tiene una conversazione individuale, il cui scopo è stabilire un contatto psicologico con i pazienti, aumentare la loro motivazione per il trattamento.
Le lezioni si svolgono in posizione seduta o sdraiata. È preferibile condurre esercizi in posizione seduta, poiché in questo caso le capacità di rilassamento acquisite sono più facilmente utilizzate dai pazienti in situazioni di vita reale.
Ogni lezione inizia con una conversazione. Al primo incontro, il medico spiega lo scopo della formazione, l'essenza della tecnica e il principio di funzionamento del dispositivo BFB-IP. Per aumentare la motivazione dei pazienti per il trattamento, è necessario spiegare cosa questo darà a ciascuno di loro. All'inizio delle lezioni successive, viene condotto un breve sondaggio sui pazienti sul loro benessere, sul successo della padronanza della tecnica.
La durata dell'allenamento è di 20-25 minuti, dopodiché ai pazienti viene offerto di fare un respiro profondo, espirare e aprire gli occhi. Al termine della lezione viene nuovamente condotta un'indagine sul benessere dei pazienti e sul successo della formazione..
La durata totale di ogni lezione è di 45-50 minuti. La frequenza delle lezioni di gruppo nell'insegnamento della metodologia è di 2-5 volte a settimana. Il corso generale di studio è di 10-15 lezioni.
Per una padronanza più approfondita della tecnica, ottenendo ulteriori capacità di rilassamento e autoregolazione in situazioni di stress, dopo la quinta lezione si consiglia ai pazienti di affidare il seguente compito prima di iniziare l'allenamento:
immagina qualsiasi situazione spiacevole. Se allo stesso tempo il tono del suono aumenta, prova a rilassarti di nuovo (il tono del suono dovrebbe scendere di nuovo) - 6a e 7a sessione;
immagina la situazione che causa ansia e cerca di non aumentare il tono del suono - 8a e 10a sessione.
Queste attività vengono eseguite solo durante l'allenamento con BFB-IP dopo l'inizio di uno stato di rilassamento.
Oltre a lavorare con un medico, ai pazienti viene consigliato un allenamento quotidiano di rilassamento indipendente:
in posizione seduta - 15-20 minuti. Ai pazienti viene offerto di rilassarsi e riprodurre le sensazioni che sorgono durante il rilassamento durante le lezioni con un medico (se possibile - con il dispositivo BOS-IP, se questo non è possibile - senza di esso),
in posizione supina prima di andare a letto - 3-5 min, (senza BOS-IP),
in varie condizioni (stress compreso) più volte al giorno per un breve periodo (senza biofeedback-IP).
Viene sottolineata l'importanza di un regolare autoformazione per padroneggiare la tecnica e garantire l'efficacia del trattamento..
Al fine di aumentare la motivazione dei pazienti al trattamento e consolidare le capacità di rilassamento, dopo la fine del corso principale, si consiglia inoltre di condurre esercizi di "supporto" di gruppo utilizzando il dispositivo BFB-IP (con una frequenza di 2-4 volte l'anno), ricordando ogni volta ai pazienti la necessità di una formazione indipendente.

Terapia di biofeedback

BFB viene applicato:

· Riabilitazione di pazienti con diverse patologie;

· Migliorare la motivazione per scopi diversi;

· Migliorare l'efficacia della formazione;

· In preparazione alla competizione degli atleti;

· Per lo sviluppo delle capacità creative;

Nella correzione dei disturbi mentali deboli derivanti da stress cronico.

È una sorta di processo educativo che consente a un individuo di osservare i segnali del proprio corpo e imparare a migliorare la propria salute mentale e fisica. Cioè, il paziente è in grado di regolare in modo indipendente le funzioni fisiologiche del corpo, non controllate dalla coscienza.

Su cosa si basa il biofeedback

Questa tecnica hardware-computer (metodo biofeedback) prevede l'uso di un intero complesso: un apparato speciale che legge i parametri dell'attività vitale di una persona e un programma per computer che elabora questi segnali in immagini visive o suoni comprensibili al paziente. Quest'ultimo, sotto la guida di uno specialista, è in grado di imparare a controllare e adattare il lavoro del proprio corpo grazie alle tecniche da lui suggerite e alle riserve fisiologiche nascoste. Pertanto, l'individuo non diventa un oggetto di intervento medico, ma un partecipante attivo al processo di guarigione. Un apparato di biofeedback funziona come un elettroencefalogramma, che valuta l'attività elettrica del cervello, o un poligrafo, una macchina della verità. Registra parametri come questo:

· Frequenza cardiaca;

· Impulsi del cervello;

Il complesso di biofeedback aiuta a svolgere una diagnostica espressa dell'attività del sistema nervoso autonomo (e controlla tutti i sistemi e gli organi del corpo), a valutare lo stato psico-emotivo e la sua resistenza allo stress.

L'efficacia del metodo del biofeedback è una sorta di formazione mirata a:

· Miglioramento delle funzioni cognitive - attenzione, memoria, pensiero;

· Normalizzazione del sistema nervoso;

· Soppressione dell'eccessiva attività vegetativa in risposta a stimoli esterni;

Rimborso dello stress emotivo.

Esistono questi tipi di biofeedback:

1. Basato su indicatori di resistenza della pelle (elettrica), direttamente dipendenti dallo stato mentale di una persona. I sensori vengono posti sulla mano del paziente. Nelle cuffie si sente un aumento e una diminuzione del tono del suono: in uno stato rilassato di una persona è più alto, in uno stato teso è più alto.

2. Basato sulla misurazione della tensione muscolare. Sulla testa viene applicata una fascia con sensori attorno alla circonferenza, così come le cuffie con un'interfaccia. Quando i muscoli della fronte sono rilassati, il che aiuta a ridurre la tensione dei muscoli masticatori, il mal di testa e il rilassamento della regione cervicobrachiale, si verifica una diminuzione del tono.

3. Sulla base degli indicatori dell'attività delle onde bioelettriche del cervello, che aiuta la concentrazione, l'apprendimento, il rilassamento rapido, migliora il sonno. Gli elettrodi vengono posizionati sulla testa e i risultati vengono visualizzati sullo schermo sotto forma di linee ondulate. Se sono regolari, la persona è concentrata, se sono uno accanto all'altro, è attivo e se divergono, è rilassato..

4. Sulla base della registrazione della temperatura della pelle - per questo, i sensori di temperatura sono posizionati su di essa. La pelle calda è segno di rilassamento, ma quando lo stress è alto fa freddo. Ciò è dovuto alla circolazione del sangue nello strato sottocutaneo..

5. Basato sulla variabilità della frequenza cardiaca. Questa misurazione dimostra la risposta del nostro "motore" ai cambiamenti nelle condizioni mentali, emotive e fisiche. Un sensore posizionato su un dito trasmette una forma d'onda al monitor. Le onde in costante cambiamento sono la prova della facilità di cambiare umore per qualsiasi motivo e quelle morbide - la capacità di essere calmi in diverse situazioni..

Ambito clinico e vantaggi

Il biofeedback (biofeedback) può essere utilizzato per prevenire e curare varie malattie:

Emicrania e mal di testa;

· Sindrome dell'affaticamento cronico;

Iperattività e ADHD;

I vantaggi di questo metodo sono eliminare non le conseguenze, ma le cause della malattia esistente e l'assenza di effetti collaterali. La correzione delle malattie psicosomatiche avviene rapidamente, quindi il paziente ha bisogno di meno farmaci.

Dopo aver completato il corso, le capacità di autoregolamentazione vengono preservate per lungo tempo. Il paziente stesso partecipa al processo di trattamento, quindi, ha un interesse crescente.

L'addestramento al biofeedback è adatto a pazienti di qualsiasi età, lo schema è sviluppato per ciascuno rigorosamente individualmente. La sessione dura 20-30 minuti. Allo stesso tempo, sono necessari almeno 15-20 di essi, poiché è questo numero che consentirà al paziente di raggiungere l'autocontrollo e consolidare le abilità.

Biofeedback vivo

Questa base di conoscenza contiene materiali dedicati alla tecnologia del biofeedback, che include una serie di procedure di ricerca, non mediche, fisiologiche, preventive e terapeutiche, durante le quali le informazioni vengono presentate a una persona attraverso un ciclo di feedback esterno, organizzato principalmente con l'aiuto di microprocessore o tecnologia informatica sullo stato e sui cambiamenti nell'uno o nell'altro dei suoi processi fisiologici. Per presentare queste informazioni, vengono utilizzati segnali visivi, uditivi, tattili e altri segnali di stimolo, che consentono di sviluppare capacità di autoregolazione attraverso la formazione e l'aumento della labilità dei meccanismi di regolazione.

Scienziati del Massachusetts Institute of Technology hanno insegnato ai partecipanti all'esperimento a regolare l'attività del lobo parietale dell'emisfero destro o sinistro nell'intervallo alfa. Per fare ciò, hanno registrato l'attività del loro cervello usando un magnetoencefalografo e regolato la distribuzione dell'attività alfa ricevuta che i partecipanti vedono sullo schermo. Di conseguenza, i partecipanti hanno iniziato a prestare maggiore attenzione a ciò che era ipsilaterale rispetto all'emisfero, l'attività di cui sono cambiati. Da un lato, questo indica la funzione inibitoria dei ritmi alfa nel processo di attenzione e, dall'altro, indica l'effetto diretto di tale attività sulle funzioni cognitive, scrivono gli scienziati sulla rivista Neuron.

I neuroscienziati del MIT possono trovare una soluzione per te: ridurre le onde cerebrali alfa. In un nuovo studio, i ricercatori hanno scoperto che le persone possono aumentare la loro attenzione controllando le proprie onde cerebrali alfa in base al neurofeedback che ricevono durante l'esecuzione di un compito specifico..

Il nostro stato di eccitazione - essere paurosi, agitati o calmi - può influire in modo significativo sulla nostra capacità di prendere decisioni, giudizi e azioni ottimali in ambienti dinamici del mondo reale. Immagina, ad esempio, di camminare su una trave di equilibrio. Le tue prestazioni - velocità attraverso il raggio e le probabilità di attraversarlo senza cadere - sono notevolmente migliori se il raggio si trova a soli sei pollici da terra e sei rilassato piuttosto che terrorizzato su un raggio di 60 piedi più alto. Per mantenerti nella zona delle massime prestazioni, la tua eccitazione deve essere a livelli moderati, non così alti da spingerti oltre il limite.

. l'allenamento con il biofeedback sarà più efficace se il parametro è selezionato correttamente. Sull'EEG, non è necessario prendere la potenza media, ma il valore che cambia davvero.

Home Of Attention (HOA) è un programma professionale creato da specialisti nel campo della psicologia e dello studio del cervello umano, per allenamenti mentali dello stato di coscienza, allenamenti di rilassamento, concentrazione, consapevolezza.

Il software HOA è un potente strumento per analizzare l'attività cerebrale utilizzando il biofeedback EEG.

Secondo la definizione dell'American Association for Applied Psychophysiology and Biological Feedback (AAPB): “Il biofeedback è un trattamento non farmacologico che utilizza attrezzature speciali per registrare, amplificare e" restituire "informazioni fisiologiche al paziente. Il compito principale del metodo è insegnare l'autoregolazione, il feedback facilita il processo di insegnamento del controllo fisiologico allo stesso modo del processo di insegnamento di qualsiasi arte. L'apparecchiatura mette a disposizione del paziente informazioni che normalmente non vengono percepite da lui "

Il Biofeedback è un complesso di idee, metodi e tecnologie basate sui principi del feedback biologico (BFB), finalizzato allo sviluppo e al miglioramento dei meccanismi di autoregolazione delle funzioni fisiologiche in varie condizioni patologiche e per la crescita personale. Nel corso delle procedure di biocontrollo, a un oggetto con l'aiuto di feedback esterno, il più delle volte organizzato sulla base di un computer, verranno fornite informazioni sullo stato di alcuni processi fisiologici, che consentono al soggetto di apprendere come controllare i parametri fisiologici e consolidare queste abilità per utilizzarli ulteriormente nella vita di tutti i giorni.... La tecnologia del biofeedback si basa su concetti cibernetici dei meccanismi di regolazione e controllo dei sistemi che utilizzano il feedback..

Il lavoro proposto è dedicato alla considerazione di studi pionieristici che hanno aperto la possibilità di utilizzare il biofeedback training (training con biofeedback) sull'attività cerebrale nella correzione di malattie mentali di varia origine

Il neurofeedback (neurofeedback), uno dei principali esempi di autoregolazione, è una raccolta di metodi che allenano il cervello e aiutano a migliorarne la funzione.

Le procedure di neurofeedback, progettate per alterare l'attività cerebrale umana, sono note da quasi quattro decenni e rappresentano uno dei primi usi dell'interfaccia cervello-computer (BCI).

Al fine di meglio specificare il concetto di "controllo" nella ricerca sull'interfaccia cervello-computer (BCI) e sul neurofeedback (NF), si propone di distinguere "autocontrollo dell'attività cerebrale" dal concetto più ampio di "controllo BCI", poiché la prima descrive un fenomeno neurocognitivo ed è solo una delle tante componenti della "gestione BCI".

Risolvere i problemi di reingegnerizzazione dei sistemi cognitivi, ovvero lo sviluppo di dispositivi con proprietà cognitive, basati sui loro prototipi biologici, è impossibile senza comprendere le caratteristiche dell'architettura dei sistemi biologici, le proprietà dell'informazione e l'organizzazione molecolare delle principali cellule elementari che formano questa architettura - le cellule nervose. cellule

Si evidenzia l'effetto ottimizzante dell'allenamento cutaneo galvanico prolungato con biofeedback sulla regolazione di alcune funzioni psicofisiologiche nei ragazzi e nelle ragazze.

Per aumentare l'efficacia della terapia utilizzando radiazioni elettromagnetiche a bassa intensità (NI EMR), un'unità di biofeedback (BFB) viene introdotta nella composizione dei complessi diagnostici medici (MDC).

Vengono considerati gli aspetti metodologici del biocontrollo del gioco. Vengono discusse le possibilità di utilizzare giochi e giocattoli bioadattivi (sia computer che hardware) nel contesto dell'area di ricerca, le loro caratteristiche generali e distintive. Per l'organizzazione del biocontrollo viene applicato il feedback biologico semantico e "classico".

I dati di letteratura indicano l'elevata importanza del tono vascolare cerebrale per valutare la resistenza del corpo allo stress [1]. Uno dei modi in via di sviluppo attivo per formare un comportamento adattivo è il metodo di autogestione con biofeedback (BFB) [2]. Tuttavia, i lavori dedicati alle possibilità di utilizzare la tecnica del biofeedback per la regolazione della maggior parte dei parametri fisiologici non forniscono raccomandazioni pratiche..

In questo lavoro vengono proposti metodi di correzione non farmacologica dello stato funzionale di una persona, il cui compito era insegnare i processi di autoregolazione basati sull'avvio di meccanismi volitivi in ​​grado di aumentare il livello di autoconsapevolezza, internalità e qualità della vita dei pazienti neurologici..

I dispositivi della famiglia SCENAR hanno recentemente attirato sempre più l'attenzione degli specialisti non solo in termini di applicazione pratica, ma anche in termini di elaborazione teorica. Una seria analisi è stata condotta in [1], dove, insieme ad altri aspetti, vengono considerate questioni di terminologia. In particolare, si nota l'uso scorretto dei termini "biofeedback" (BFB), "esame" (esame SCENAR)..

Viene considerata la composizione del complesso hardware e software per confrontare vari algoritmi dell'interfaccia "cervello-computer". Si basa su un elettroencefalografo wireless portatile; un software aggiuntivo consente di simulare diversi tipi di lavoro dell'operatore e di implementare la tecnica del biofeedback.

L'articolo discute le possibilità di ottimizzare la funzione di attenzione utilizzando il biocontrollo adattivo in base al parametro dell'aritmia sinusale respiratoria. L'effetto modulante della tecnica con dinamiche positive degli indicatori dei parametri di attenzione e attività bioelettrica del cervello e l'efficacia della sua applicazione nei programmi di lavoro correttivo.

L'articolo è dedicato all'uso delle tecnologie per il risparmio della salute sull'esempio del metodo del biofeedback (biofeedback) nel processo educativo. I risultati di uno studio empirico hanno mostrato un aumento del livello di gravità dello stress tra gli studenti. Sono stati identificati i fattori che contribuiscono allo sviluppo dello stress e sono stati identificati i segni di uno stato di stress. Vengono rivelate le possibilità del complesso di correzione hardware BFB nella formazione delle capacità di autoregolamentazione, che contribuisce allo sviluppo professionale della personalità.

L'allenamento elettroencefalografico ha un effetto positivo sulla qualità dell'istruzione e sullo stato funzionale degli studenti atleti.

Lo scopo della ricerca è stato quello di studiare l'influenza dell'aerobica correlata alla salute e dell'allenamento con biofeedback sull'equilibrio vegetativo e sulla forma fisica delle studentesse.

"Le persone intelligenti vivono a lungo" di N. P. Bekhterev

Lo scopo di questo studio era determinare in che misura i meccanismi cerebrali che determinano l'attività alfa dell'EEG possono essere coinvolti nella formazione della capacità di controllo di oggetti esterni modificando questa attività. Come parte di questo obiettivo, è stata formulata un'ipotesi di lavoro che ci sono modelli di attività alfa EEG e uno schema del loro condizionamento operante, in cui diventa possibile sviluppare un'abilità automatizzata di controllo di oggetti esterni cambiando l'EEG.

La tecnica che abbiamo utilizzato nel trattamento complesso dell'IBS non era precedentemente utilizzata nel trattamento della patologia funzionale..

DisserCat biblioteca scientifica di dissertazioni e abstract http://www.dissercat.com/content/terapiya-s-ispolzovaniem-biologicheskoi-obratnoi-svyazi-v-kompleksnom-lechenii-sindroma-razd#ixzz472d7Jipo

L'invenzione si riferisce alla medicina, in particolare alla neurofisiologia. Viene utilizzato il biofeedback risonante con feedback dell'elettroencefalogramma (EEG). Allo stesso tempo, gli oscillatori EEG dominanti a frequenza stretta negli intervalli theta e alfa vengono rilevati in tempo reale, i segnali di feedback sonoro vengono forniti con un'intensità corrispondente alla soppressione dell'oscillatore EEG theta e allo stesso tempo vengono forniti segnali ritmici leggeri, sintonizzati sulla frequenza dell'oscillatore EEG alfa dominante.

Metodo del biofeedback (BFB): descrizione, indicazioni per la terapia, vantaggi

Al momento, il metodo del biofeedback (biofeedback) è una delle pratiche più comuni per la terapia riparativa senza l'uso di farmaci. Può essere paragonato a uno specchio fisiologico che può aiutare una persona a controllare consapevolmente determinate funzioni. Consiste nel reindirizzare i dati ricevuti per mezzo di sensori collegati al corpo umano, che il dispositivo è in grado di tradurre in un'immagine o suono più familiare alla percezione umana..

Informazioni di base

Il metodo del biofeedback (BFB) è principalmente un principio universale dell'interazione umana con i vari sistemi del suo corpo. Alcuni elettrodomestici, come il ferro da stiro, funzionano allo stesso modo. Lì, il feedback viene utilizzato come regolatore del flusso di temperatura. Il corpo umano utilizza lo stesso sistema per regolare i processi mentali e fisiologici..

L'essenza della terapia di biofeedback (biofeedback) è costruire un canale dati aggiuntivo che rifletta le funzioni autonome del corpo e ti permetta di controllarle. È diventato possibile eseguire tali manipolazioni abbastanza di recente, solo dopo la creazione di un certo tipo di dispositivi elettronici che potrebbero riflettere cambiamenti minimi nelle caratteristiche fisiologiche contemporaneamente all'esperimento..

Storia della creazione e dello sviluppo

Fu solo alla fine degli anni Sessanta del secolo scorso che il termine biofeedback apparve per la prima volta negli Stati Uniti. Il biofeedback è stato effettivamente utilizzato negli anni Trenta sui ratti. Gli scienziati hanno scoperto che gli animali cambiano le prestazioni dei loro organi se vengono incoraggiati o puniti. Gli esperimenti hanno dimostrato che usando questa tecnica, puoi insegnare al soggetto a produrre una certa quantità di succo gastrico o mantenere un certo livello di pressione sanguigna. Può anche influenzare il cuore e altri organi interni. Dopo un po 'di tempo, si è deciso di testare il metodo del biofeedback negli esseri umani. Ciò ha permesso di capire che una persona è in grado di registrare gli indicatori del suo corpo semplicemente apprendendo una deviazione, non ha bisogno di incoraggiamento e punizione per questo..

Le primissime pubblicazioni di documentari apparvero negli anni Quaranta e riguardavano la capacità di controllare l'attività cardiaca. Un po 'più tardi, si sono resi disponibili lavori sull'uso del miogramma come parametro per insegnare alle persone a rilassarsi. Ciò ha permesso di trattare i dolori di origine neuromuscolare. E solo alla fine del secolo scorso hanno notato i benefici del biofeedback come metodo psicoterapeutico. Al momento sono ancora in corso studi su questo tipo di effetto sul corpo umano. Tuttavia, già in vari campi della terapia medica, questo tipo di terapia è utilizzato con molto successo, il che consente di ridurre al minimo o eliminare il trattamento farmacologico dei pazienti..

Caratteristiche della psicoterapia

Il biofeedback in psicologia è applicabile come componente di rilassamento e comportamentale. La base di questo principio era il rapporto tra le funzioni mentali e vegetative del corpo umano. Il feedback è organizzato utilizzando un sensore. Si tratta di un dispositivo in grado di registrare e convertire tutti i dati riguardanti eventuali variazioni dei parametri fisiologici.

Questo si riferisce a tensione muscolare, temperatura, resistenza della pelle, contrazione del muscolo cardiaco, pressione sanguigna e altro. Tutti questi indicatori sono effettivamente collegati allo stato emotivo del paziente e il suo compito del metodo è di cambiarli nella giusta direzione. Ciò consente a una persona di imparare come autoregolare il proprio corpo per influenzare ulteriormente i processi patologici che si verificano in esso..

Varietà di biofeedback

Al momento, esistono due tipi principali di comunicazione, diretta e indiretta. Per biofeedback diretto si intende un processo svolto sulla funzione dell'organismo che non funziona correttamente ed è proprio qui che si esprime la patologia stessa. Cioè, se una persona ha ipertensione, l'effetto influisce solo sul livello di pressione sanguigna.

E il biofeedback indiretto è chiamato quello che colpisce tutti gli indicatori, anche se non sono direttamente correlati alla malattia di una persona. Molto spesso, il trattamento di biofeedback utilizza indicatori di temperatura e resistenza elettrica della pelle. Il fatto è che sono queste caratteristiche che riflettono meglio lo stato psico-emotivo di una persona. Con l'aumento della tensione, questi indicatori sono bassi, con il rilassamento del corpo, al contrario, aumentano.

Dispositivi BFB

Per i moderni sistemi informatici, non è affatto un problema utilizzare qualsiasi indicatore del funzionamento del corpo umano, inclusi un encefalogramma e un elettrocardiogramma. Esistono diversi dispositivi: alcuni registrano un solo indicatore, mentre altri ne tengono conto di più contemporaneamente. Secondo alcuni ricercatori, il più efficace è ancora un sistema che può riflettere più caratteristiche contemporaneamente. A tale scopo, sono stati sviluppati appositamente sistemi software e hardware che funzionano su base PC..

Software

È stato sviluppato un software specializzato per insegnare l'autoregolamentazione nel processo di giochi interessanti. Fondamentalmente, tale apparecchiatura viene utilizzata come biofeedback separato per i bambini. Il biofeedback è, ovviamente, efficace a livello di utilizzo dell'hardware, ma il medico influenza anche la terapia. In altre parole, lo psicoterapeuta può essere definito il principale collegamento tra il metodo stesso e la formazione. È dal livello di professionalità del medico che dipendono i risultati successivi del trattamento del paziente. Il computer in questo processo è solo un mezzo per costruire relazioni terapeutiche che aiutano il paziente ad apprendere cose nuove ea cambiare il proprio comportamento..

Ruolo del medico nella terapia di biofeedback

Il medico deve preparare immediatamente il paziente a questo tipo di trattamento. Conduce conversazioni motivazionali, dà speranza che tutto funzioni. Il medico spiega anche l'essenza del metodo, con quale meccanismo funziona, fornisce informazioni di base sul processo patologico che si verifica nel corpo del paziente. Inoltre, il compito del medico è spiegare perché questa tecnica dovrebbe aiutare il paziente.

All'inizio della formazione, il terapista deve analizzare le informazioni fornite dall'attrezzatura e le informazioni ricevute dal paziente stesso. Sulla base di questi dati, spiega al paziente come utilizzarli al meglio. Il medico è anche obbligato a dare consigli sul comportamento umano e suggerire di sperimentare per trovare il metodo migliore per gestire le funzioni del corpo in un caso particolare. Non importa se ci sono risultati positivi degli esperimenti o meno, motiva il paziente parlando della loro presenza.

Benefici del biofeedback

Quando un paziente riesce a padroneggiare le capacità di gestione del proprio corpo all'interno dell'ufficio, ha bisogno di trasferirle nella vita di tutti i giorni. Qui lo psicoterapeuta deve sviluppare un atteggiamento attivo nei confronti della terapia nel paziente, per aumentare la sua responsabilità per la salute e l'importanza della persona stessa. Tra i vantaggi del metodo del biofeedback ci sono i seguenti:

  • la persona prende personalmente parte attiva alla terapia;
  • il metodo è sicuro e innocuo per la salute;
  • praticamente nessun effetto collaterale (solo in casi molto rari).

Meccanismi d'azione

È stato notato che quando si esercita con l'uso del biofeedback, una persona inizia a sviluppare reazioni biochimiche e fisiologiche che sono opposte al riflesso dello stress:

  • il ritmo a del cervello diventa più forte;
  • la pressione sanguigna diminuisce;
  • i battiti cardiaci diventano più rari;
  • la resistenza vascolare periferica diminuisce;
  • il corpo ha bisogno di meno ossigeno;
  • l'attività elettrica dei muscoli si riduce;
  • il livello di renina, colesterolo, catecolamine e cortisolo diminuisce;
  • il sistema oppioide endogeno funziona in una modalità più avanzata;
  • ridotta reattività vascolare.

In altre parole, questo metodo aiuta una persona a migliorare la propria capacità di resistere allo stress. Poiché il paziente stesso partecipa attivamente alla terapia, le sue riserve personali vengono aperte per combattere la patologia. Nel corso del trattamento, una persona inizia a realizzare il meccanismo del lavoro del corpo e come rendere positivo il processo patologico per lui. Se una persona riesce nell'autoregolamentazione, la sua salute migliora, l'autostima e le capacità di adattamento aumentano. Le emozioni positive ottenute dall'osservazione di risultati positivi motivano una persona a combattere il problema in modo più vigoroso, il che aumenta le possibilità di recupero. Il risultato di tale trattamento è una diminuzione della fissazione sulle esperienze del paziente, che a sua volta influisce sulla diminuzione dell'ipocondria e del livello di aggressività. Il paziente sviluppa fiducia in se stesso, nella sua forza e inizia a guardare alla vita in modo più positivo.

L'efficacia della tecnica

Al momento, è stato dimostrato che il metodo del biofeedback dopo un ictus, con disturbi del sonno, emicranie e altre malattie è molto efficace. Particolare attenzione dovrebbe essere prestata al trattamento delle malattie psicosomatiche: BFB affronta questo compito molto meglio di altri tipi di terapia.

La capacità di una persona di guardare il mondo in modo diverso, di cambiare il suo pensiero ha una grande influenza sull'efficacia della pratica. Se scegli il giusto programma di gestione, puoi sbarazzarti di stati depressivi e ossessivi, reazioni iperattive, bloccare paure e tensioni. Grazie a questa tecnica, i pazienti con condizioni di ansia possono aumentare il loro autocontrollo, che consente loro di adattarsi meglio al mondo esterno..

Vantaggi del dispositivo BOS-IP

Al momento, è molto comune per un singolo dispositivo eseguire una terapia di rilassamento. Permette di creare un legame basato sulla resistenza elettrica della pelle. È uno dei dispositivi di biofeedback più avanzati. Tra i principali vantaggi di questo dispositivo ci sono i seguenti..

  • Alta sensibilità dell'attrezzatura. In altre parole, una persona vede i più piccoli cambiamenti nello stato di resistenza della pelle. Questa caratteristica riflette direttamente lo stato psicoemotivo del paziente..
  • Si attacca facilmente alla mano e può essere utilizzato non solo per i destrimani, ma anche per i mancini.
  • Metodo di indicazione acustica all'avanguardia integrato con suono continuo e simulazione della frequenza cardiaca. Allo stesso tempo, puoi visualizzare e ascoltare i risultati dei cambiamenti nello stato psicoemotivo di una persona. Ciò semplifica notevolmente il lavoro dello psicoterapeuta..

Metodo di utilizzo di BOS-IP

Il medico può lavorare individualmente con il paziente o riunire un gruppo di massimo otto persone. Il paziente deve sedersi o sdraiarsi durante la lezione. La pratica ha dimostrato che gli esercizi in posizione seduta vengono ricordati meglio e le abilità acquisite sono quindi molto più facili da trasferire nella vita di tutti i giorni. Prima dell'inizio della lezione, lo psicoterapeuta conduce conversazioni, prima esplicative, dopo di che apprende semplicemente lo stato e il benessere dei pazienti. Gli allenamenti durano non più di mezz'ora. Le conversazioni richiedono circa 15-20 minuti. Vale la pena condurre corsi di formazione da 2 a 5 volte a settimana. Il corso generale è di solito da 10 a 15 lezioni.

Conclusione

Il biofeedback è stato scoperto nel secolo scorso ed è ora utilizzato attivamente per il trattamento non farmacologico di un'ampia varietà di malattie. È particolarmente efficace per il trattamento dei disturbi psicosomatici. Tale terapia consente non solo di far fronte alla malattia, ma anche di aumentare l'autostima del paziente, cambiare la sua visione del mondo in una direzione più positiva..

È più spesso utilizzato in psichiatria, ma è efficace anche per altri campi medici. Con lo sviluppo delle moderne tecnologie e l'avvento dei personal computer, si è rivelato essere ottimizzato non solo per il trattamento degli adulti, ma anche per il trattamento dei bambini. Il trattamento si svolge sotto forma di gioco ed è molto interessante per i bambini.

Condurre la terapia di biofeedback in un ospedale e simulatori per le condizioni domestiche

Lo stress ha un effetto dannoso sulla salute umana. Se il paziente ha mal di testa, depressione, apatia, insonnia, ansia eccessiva causata dallo stress, allora è il momento di suonare l'allarme.

Puoi combattere i disturbi psicosomatici utilizzando l'ultimo metodo di biofeedback o, in altre parole, la terapia di biofeedback.

Cos'è la terapia di biofeedback: descrizione della tecnica, storia della formazione

La terapia di biofeedback (neuroterapia) è un tipo di allenamento del cervello per lo sviluppo dell'autocontrollo e dell'autoregolazione. Grazie a questo metodo, il cervello trova le migliori opzioni per funzionare. Questo metodo è progettato per utilizzare le riserve nascoste del corpo.

Lo studio della terapia del biofeedback è iniziato negli anni '50 del secolo scorso. Oggi è uno dei trattamenti più apprezzati per i disturbi neurologici, psicologici e somatici..

Durante una sessione di neuroterapia, gli elettrodi vengono posizionati in alcune aree della testa. Lo specialista crea varie condizioni affinché il paziente modifichi l'attività cerebrale e monitora la reazione del cervello. Le reazioni vengono visualizzate come segnali video e audio. Quindi, con l'aiuto di immagini e suoni, una persona controlla le sue azioni..

Come funziona

Il compito principale del metodo biofeedback è, prima di tutto, l'allenamento. Attraverso i segnali di comunicazione, il cervello impara diversi modi di lavorare attraverso tentativi ed errori..

Questa tecnica aiuta a migliorare rapidamente lo stato del sistema nervoso, a riprendersi da lesioni fisiche, a sbarazzarsi dei disturbi psicosomatici.

Sessione di correzione in corso

Quando la tecnica è particolarmente efficace

La terapia BFB è un modo efficace per aiutare con una funzione cerebrale regolatoria insufficiente.

La neuroterapia viene utilizzata per la regolazione in caso di violazioni dei seguenti sistemi corporei:

  1. Disturbi respiratori:
    • sindrome da deficit di attenzione e iperattività;
    • problemi nel lavoro del sistema respiratorio;
    • problemi con la parola;
    • distonia vegetativa;
    • allergie.
  2. Malfunzionamenti del sistema nervoso autonomo:
    • malattie del sistema cardiovascolare;
    • ansia e altri disturbi del sistema nervoso.
  3. Migliora i parametri dell'attività muscolare:
    • periodo di recupero dopo l'infortunio;
    • problemi al sistema muscolo-scheletrico (scoliosi, piedi piatti, cattiva postura);
    • conseguenze di ictus, paralisi, paralisi cerebrale;
    • mal di testa gravi e persistenti.
  4. Disturbi del cervello e del sistema nervoso centrale:
    • disturbi nevrotici;
    • riabilitazione dopo lesioni cerebrali traumatiche, nonché le loro conseguenze.

Quando una procedura non è consigliata

  • obesità estrema;
  • bambini sotto i 5 anni;
  • convulsioni, epilessia;
  • malattie infettive acute;
  • malattie esacerbate del sistema endocrino;
  • disturbi dell'intelligenza, della memoria, dell'attenzione distratta, ecc..

Com'è la seduta

Durante la terapia di biofeedback, dispositivi o complessi speciali sono collegati alla testa umana. La stessa terapia si svolge sotto forma di addestramento speciale. Quando una persona si allena, i dispositivi registrano il suo stato fisiologico. Ma sono mostrati non nella forma solita, come, ad esempio, i cardiogrammi, ma sotto forma di segnali uditivi e visivi.

Una persona percepisce questi segnali, grazie ai quali può capire come funzionano attualmente il suo cervello e il corpo nel suo insieme. Grazie a questo trasferimento di dati, una persona con l'aiuto di determinate tecniche può regolare il lavoro del corpo, che aiuta nello sviluppo dell'autoregolazione e dell'autocontrollo. Le sessioni di terapia sono individuali e supervisionate da un istruttore.

Simulatori e dispositivi BFB

I simulatori BFB sono dispositivi di ultima generazione. Le macchine sono collegate a computer che visualizzano i risultati dell'esercizio sullo schermo. Se una persona fa qualcosa di sbagliato durante l'allenamento, il computer lo segnala, controllando così la forza e l'ampiezza del movimento.

I simulatori BFB sono dei seguenti tipi:

  • estensione del dorso: impegna i muscoli interspinali e i muscoli estensori della schiena;
  • flessione della schiena: coinvolge i muscoli addominali diritti e obliqui (interni ed esterni);
  • per la torsione: impegna i muscoli obliqui interni ed esterni della pressa, nonché i muscoli della cuffia dei rotatori;
  • per la flessione laterale: impegna il muscolo psoas, i muscoli obliqui interni ed esterni della pressa;
  • trainer cervicale: impegna i muscoli cervicali e le semi-ossa della testa.

I simulatori di questo tipo sono prodotti da varie aziende, come Tergumed, Medicom, MIST, ecc..

Elettrodomestici

Il biofeedback, come metodo, è disponibile a casa, per questo vengono utilizzati simulatori speciali, ad esempio dispositivi MIST. Tuttavia, è possibile avviare studi indipendenti solo dopo una formazione specifica da parte di un medico. Il simulatore è piccolo e può essere utilizzato lontano dal computer.

Simulatore BFB con funzione di elettromioostimolazione

Molto spesso, la neuroterapia viene eseguita in centri speciali sotto la supervisione di un istruttore professionista.

La terapia BFB è il metodo più efficace per trattare i disturbi psicosomatici, così come le conseguenze fisiche e neurologiche.

Il trattamento viene effettuato con l'aiuto di dispositivi speciali e simulatori, che inviano segnali video e audio al paziente. Ricevendo questi segnali, una persona può correggere in modo indipendente i suoi movimenti e il lavoro cerebrale, il che contribuisce allo sviluppo dell'autocontrollo e dell'autorealizzazione..

Le lezioni sono strettamente individuali e sotto la supervisione di un istruttore, sebbene il trattamento possa essere effettuato a casa dopo essere stato addestrato da un medico. Questa tecnica è stata a lungo dimostrata. Grazie a lei, i pazienti mostrano risultati rapidi nel trattamento e nello sviluppo del cervello..