Miti sull'alcol

"Il prezzo della salute". 2006 ottobre

"- Bevi? - Sì. Ma non mi sono mai sdraiato e non sono stato preso da nessuno."
Dalla commedia di A. Volodin "Non separarti dai tuoi cari"

Magalif Alexey Alexandrovich, psichiatra-psicoterapeuta.

Accademico I.P. Pavlov ha scoperto che dopo aver assunto anche piccole dosi di alcol, i riflessi si indeboliscono e talvolta scompaiono completamente e vengono ripristinati solo per 8-12 giorni. Ma i riflessi sono le forme più basse di funzione cerebrale. L'alcol agisce principalmente sulle sue forme superiori. Scienziati danesi hanno scoperto che anche con un consumo "moderato" di alcol, dopo 4 anni nell'85% dei bevitori, si trova un cervello raggrinzito.

Magalif Alexey Alexandrovich, psichiatra-psicoterapeuta:

Mito 1. Esistono bevande alcoliche sicure

Sfortunatamente, le persone non capiscono che l'alcol non è solo vodka. In un prodotto alimentare così ordinario come la birra, ci sono circa 60 ml di vodka in ogni bottiglia! Il pericolo sta proprio nel fatto che non siamo consapevoli del consumo di alcol..

Una persona che beve una bottiglia di birra dovrebbe chiaramente immaginare di bere 60 ml di vodka sciolta in questa birra. Due bottiglie sono da 120 ml, tre bottiglie sono già un bicchiere di vodka.

Le persone spesso non lo sanno nemmeno. Come ragionano? "Bevo birra per dissetarmi, perché mi piace il gusto..." Ma la gente non pensa nemmeno al fatto che la birra maschera l'alcol e ne trascina una dose elevata nel corpo.

Immagina, una persona dice: "Bevo un bicchiere di vodka al giorno". Quale sarà la reazione degli altri? Molto probabilmente, decideranno che una persona del genere è già malata. E le parole "Bevo due o tre bottiglie di birra al giorno" non provocano alcun rifiuto.

La birra inizia a bere adolescenti, giovani donne, solo persone che camminano per strada. Nessuno beve vodka camminando dalla metropolitana a casa? Succede, ovviamente, ma raramente.

La birra non necessita di snack, non necessita di un tavolo, funge da bibita. Ecco perché le persone "senza mangiare" bevono dopo il lavoro..

Le giovani donne amano i cocktail dolci perché nascondono bene il sapore dell'alcol. Spesso non sospettano nemmeno che una lattina da mezzo litro di un cocktail contenga più alcol di mezzo bicchiere di vodka.!

Inoltre, birra e cocktail sono gassati. L'anidride carbonica accelera l'assorbimento di alcol nel flusso sanguigno. Anche i cocktail in scatola sono pericolosi perché non esistono praticamente prodotti naturali, contengono fondamentalmente tutti i tipi di essenze che imitano il gusto dei prodotti naturali. A proposito, più è dolce il prodotto, più duramente colpisce il pancreas..

Per bere una birra o un cocktail a bassa gradazione alcolica, non è necessario uno spuntino, né un tavolo, né un'occasione speciale. E inizia a formarsi un certo stereotipo di comportamento: quasi ogni giorno dopo il lavoro, o durante le pause, una persona beve uno o due o tre barattoli di cocktail o birra.

E ora ha già iniziato a formare la sua dipendenza da alcol. Primo, psicologico: a molte persone piace così semplicemente e rapidamente raggiungere un certo stato di agio attraverso l'effetto inebriante dell'alcol, per ottenere piacevoli sensazioni.

Il corpo si adatta rapidamente alle dosi minime di alcol, e chiede "la continuazione del banchetto", cioè la persona ha voglia di bere di più. E per bere di più, una persona inizia a consumare bevande più forti..

Mito 2. L'alcol costoso e di alta qualità è innocuo

Il veleno alcolico appare sempre! Un grande malinteso è che se bevi solo vodka molto buona, brandy molto buono, non succederà nulla al corpo. Naturalmente, non chiedo sostituti del bere: è molto peggio delle costose bevande di qualità. Ma devi sapere che il prodotto della lavorazione dell'alcol etilico nel corpo è un veleno alcolico: l'acetaldeide. Questo è un veleno molto pesante, che, in effetti, porta alla distruzione del corpo. A poco a poco questo veleno viene neutralizzato dal fegato..

Secondo gli studi effettuati presso l'All-Union Cardiology Research Center dell'Accademia delle scienze mediche dell'URSS, il danno alcolico al muscolo cardiaco è causa di morte improvvisa nel 25-30% dei casi (oltre il 30% nelle persone sotto i 45 anni). Inoltre, il danno al muscolo cardiaco si sviluppa non solo nei pazienti con alcolismo cronico, ma anche nei bevitori ordinari.

MITO 3. L'alcol è un antidepressivo

Molte persone pensano che gli antidepressivi siano pillole divertenti che assomigliano ai farmaci. E fondamentalmente si sbagliano: gli antidepressivi non sono affatto farmaci. Questi farmaci eliminano i sentimenti di ansia e umore depresso. Ma non sono stimolanti dell'umore. Ma l'alcol è uno stimolante, cioè fa produrre al cervello sostanze che migliorano istantaneamente l'umore.

Molto spesso, le persone usano erroneamente l'alcol come antidepressivo. Il problema che ha portato alla depressione non viene risolto e resta l'abitudine di “risparmiare” con l'alcol. Più una persona è emotivamente vulnerabile, più è pericoloso per lui bere alcolici in dosi inebrianti. Inoltre, una dose inebriante non è necessariamente una bottiglia di vodka. Per alcuni è di 100-150 grammi.

Nel tentativo di alleviare lo stress, una persona inizia a bere quasi ogni giorno: per calmarsi, migliorare il sonno e fuggire dai guai. E così, gradualmente, non dalla promiscuità, ma dal desiderio di alleviare lo stress e ottenere rapidamente uno stato psicologico confortevole, si forma la dipendenza dall'alcol. E a un certo punto, una persona nota che il suo sonno non sta migliorando, anche il suo umore, e c'è il desiderio di bere molto di più.

L'alcol è un depressivo, ad es. provoca depressione. L'effetto stimolante dell'alcol risiede nel fatto che entrando nel nostro cervello, l'alcol lo fa produrre in modo intensivo sostanze responsabili del nostro umore. In effetti, stiamo rubando a noi stessi il buon umore di domani, perché dopo che l'alcol ha funzionato, il cervello il giorno dopo con grande difficoltà ripristina il suo normale funzionamento. Otteniamo uno stato d'animo depresso o una vera depressione, che spesso cerchiamo di rimuovere con lo stesso alcol. Segue un circolo vizioso.

Il numero di gravi disturbi mentali sotto l'influenza dell'alcol è un aumento dei suicidi. Secondo l'OMS, ci sono 80 volte più suicidi tra i bevitori che tra gli astemi. In Russia, 146 persone muoiono volontariamente sotto l'effetto inebriante dell'alcol.

Mito 4. Gli alcolisti sono quelli che giacciono sotto la recinzione

La società crede che una persona sia malata quando è affondata, quando è completamente degradata. È allora che tutti dicono: sì, probabilmente è malato. Cioè, la malattia è chiamata la terza, ultima fase dell'alcolismo, quando è già impossibile curarla!

C'è un'opinione secondo cui l'alcolismo è licenziosità. Quindi, dobbiamo rimetterci in sesto. Mancanza di forza di volontà: devi essere codificato o mangiare una pillola che viene mostrata in TV. E anche uno che può essere scivolato all'insaputa del paziente... un altro mito. E sembra che l'alcolismo sia una specie di malattia frivola. Hai solo bisogno di trovare la pillola giusta, tutto qui.

Nella pratica psichiatrica esiste un termine "anosognosia". Ciò significa negare la malattia. Dato che il fegato non fa male, il cuore non gioca cattivo, significa che sei sano e puoi continuare a bere.!

L'alcol porta via la mente in primo luogo. Non per niente gli psichiatri hanno a che fare con questo problema. Perché la malattia alcolica è principalmente una malattia mentale. La persona altera la funzione del cervello. Si fa impazzire con le sue stesse mani - dapprima silenzioso, poi violento.

Prima di tutto, il cervello, il sistema nervoso umano e la sua salute mentale vengono distrutti. E tutti stanno aspettando che il fegato faccia male, quindi smetteranno di bere. Anche questo è un mito! Devi prenderti cura della tua testa, pannello di controllo! Ciò è particolarmente vero per le persone impegnate nel lavoro intellettuale. Per loro, l'intossicazione da alcol è come colpire l'unità di sistema con un martello..

Una forte intossicazione uccide fino a 2-3 miliardi di neuroni cerebrali. Il cervello è il primo obiettivo per l'alcol. Non fegato, non sangue. Pertanto, le persone che credono che la cosa più importante nel trattamento dell'alcolismo sia purificare il sangue e rimuovere le tossine dal corpo sembrano molto ingenue. È come curare la polmonite con cerotti alla senape o aspirina. Ed è necessario trattare la polmonite con antibiotici. Sbarazzarsi del veleno alcolico non è curare l'alcolismo, è fare il primo passo verso il recupero..

Secondo la classificazione russa, ci sono tre fasi dell'alcolismo. Il primo è caratterizzato dalla formazione di dipendenza psicologica e perdita del controllo quantitativo, il secondo da stati di ubriachezza. Quando arriva il terzo stadio, la personalità del paziente con alcolismo è degradata, insorge la demenza. Il paziente conduce uno stile di vita asociale. E in questo stato, è quasi impossibile riportare una persona a una vita sana..

Mito 5. Codifica e ordine!

La codifica è un metodo mediante il quale viene instillato il divieto di consumo di alcol e spesso pena la morte, sul principio del "se bevi, muori". Esistono molti metodi di codifica. Il termine codifica è stato introdotto in pratica dal dottor A.R. Dovzhenko. Questi metodi appartengono alla cosiddetta psicoterapia da stress emotivo. Cosa si intende con questo? Una persona vuole smettere di bere, ma teme che la sua volontà, la sua stessa forza non saranno sufficienti per resistere alla tentazione. E si rivolge all'aiuto di uno specialista per rafforzare la sua mentalità per la sobrietà..

La codifica come metodo di trattamento non elimina le cause che hanno portato alla dipendenza da alcol, non ripristina il sistema nervoso e il metabolismo, non allevia una persona dalla depressione. Una persona smette di bere a causa di gravi complicazioni di salute se viola improvvisamente il divieto suggerito.

Ma tutti guariscono dopo la codifica? Esiste una categoria abbastanza ampia di pazienti che continuano ad ammalarsi anche se non bevono. Il loro sistema nervoso non viene ripristinato in alcun modo, soffrono di stati depressivi, tutto li irrita, sono insopportabili nella vita di tutti i giorni, come se il loro carattere si fosse deteriorato, sono molto dolorosi per sopportare la sobrietà. Il meccanismo per ottenere piacere dalla vita reale non è attivato per loro. Di conseguenza, sopportano, soffrono, il loro desiderio di alcol è semplicemente bloccato nella paura. Soprattutto assomiglia a un bollitore bollente..

La codifica è un tale limite che ha chiuso la possibilità di bere. Una persona non beve per un mese, due, un anno, vuole bere, ma no. E cosa fa un paziente del genere? Attende la fine del periodo indicato nella codifica. Alcuni tengono persino un cosiddetto "calendario di smobilitazione", cancellano i giorni in previsione della fine del termine di sobrietà.

E quando arriva l '"ora X", il "coperchio" si rompe e il desiderio bloccato di alcol scoppia con grande forza. Immagina: un viaggiatore cammina per molti giorni nel deserto, poi trova una sorgente con acqua fresca. E inizia a bere. Non quanto ha bisogno, ma per un uso futuro. Perché ha paura che la fonte possa scomparire. E spesso accade che dopo la codifica, i pazienti inizino a bere più di prima..

Qui è necessario parlare dei principi del trattamento. Lo sviluppo di un atteggiamento di sobrietà e di un atteggiamento negativo nei confronti dell'alcol è la prima fase del trattamento, e per questo esistono vari metodi psicoterapeutici non basati sulla codifica. Ma la seconda fase è il supporto psicologico obbligatorio e, di regola, a lungo termine. Una persona ha bisogno di essere aiutata ad adattarsi comodamente a una vita sobria. E se questa fase viene superata con successo, la persona si riprende davvero, perché fa una scelta volontaria a favore di uno stile di vita sano che gli dia un vero piacere.

Mito 6. Saper bere significa essere sani!

Quando una persona viene introdotta per la prima volta all'alcol, di solito reagisce negativamente a dosi elevate. Ma se una persona ha notato che ha bevuto molto, ma niente gli fa male, non si sente assonnato, rimane uno stato d'animo allegro e allegro, questo significa che il corpo si è adattato ad alte dosi di alcol. Gli enzimi prodotti dall'organismo per processare l'alcol sono aumentati. Da un punto di vista medico, questo è un brutto segno. Tuttavia, nella nostra società, la capacità di bere molto è considerata una virtù. In questi casi, si dice che una persona "sa bere".

La cosa più pericolosa è che è proprio il pericolo che una persona non sente. Può far ubriacare tutti, alzarsi in piedi e poi anche consegnare tutti dopo la festa. Ma! Il veleno nel corpo è sempre formato e in alte concentrazioni. Il sistema cardiovascolare soffre molto: sotto l'influenza di alte dosi di alcol, e quindi del veleno che ne deriva, è in costante stress. Esiste una cosa come la "fatica del metallo": la struttura può sembrare molto rigida, ma a un certo punto si verifica il suo collasso totale!

Le persone con un'elevata tolleranza all'alcol hanno un'alta probabilità di sviluppare rapidamente una dipendenza, di cui non sembrano soffrire. E poi muoiono dall'oggi al domani nel fiore degli anni: più vicino ai quaranta, il cuore smette semplicemente di resistere a colpi così gravi e velenosi. E le persone che sembrano in buona salute e hanno successo all'improvviso "senza motivo" muoiono per un attacco di cuore o per un ictus..

Quando sono ubriachi, le persone si comportano in modo diverso: qualcuno è turbolento, qualcuno diventa sciocco e qualcuno è calmo. Nel nostro paese, sono spesso guidati dal comportamento di una persona: se brandisce i pugni, litiga e cammina sotto la recinzione, allora è malato. E se una persona beve tranquillamente e non importa quanto, allora è sano e fortunato! Sa bere! Una persona assolutamente sana! E il fatto che beva ad ogni occasione, o anche ogni giorno, non infastidisce nessuno. La malattia in questi casi si insinua in una persona impercettibilmente. Ma molti non vogliono vederlo, tk. non vogliono privarsi dell'opportunità di sballarsi in modo così facile e veloce. È vero, quando l'alcol porta via la mente di una persona che beve, non sarà più in grado di resistere alla malattia. Questo è qualcosa da ricordare.

Mito 7. Vedi un dottore? Mai!

L'alcolismo è una malattia multisistemica. Colpisce la sfera mentale, fisiologica, spirituale e sociale di una persona. Pertanto, il trattamento dovrebbe essere completo e individuale..

C'è un'opinione secondo cui la persona che beve è cattiva. Credo che una persona beva perché si sente male. Il suo corpo soffre degli effetti dell'alcol ed è già costretto a bere alcolici non per piacere, ma per esistere in qualche modo.

La malattia si insinua silenziosamente: una persona viene dopo il lavoro e beve. E a volte beve tutti i giorni. Non colpisce nessuno, si siede su una sedia ed è carico di uno sballo alcolico. Perché senza questa droga serale, non può più addormentarsi, non può alleviare lo stress. Se viene privato di questo doping anche solo per un giorno, avrà depressione, ansia, irritabilità e insonnia. E questa è già una malattia.

Prima di decidere da solo se sei malato o meno, devi andare a consultare un medico esperto. Non per essere trattati, ma per ottenere le informazioni necessarie e corrette dalle labbra di un professionista, individualmente! Non per ascoltare amici-amici, non un gruppo di compagni ubriachi, ma uno specialista.

È necessario imparare una certa cultura: andare dal medico non quando è già "schiacciato contro il muro" e si manifesta una grave malattia, ma quando il problema ha appena iniziato a formarsi, quando una persona si rende conto che qualcosa non va in lui. E per essere curata o meno, la persona decide da sola. Forse dopo una conversazione professionale con un medico, aggiusterà il suo atteggiamento nei confronti dell'alcol senza alcun trattamento..

Devi andare dal medico non solo per ottenere cure, ma per non ammalarti.

Possono essere combinati antidepressivi e alcol?

La parola "depressione" è diventata molto di moda nel mondo moderno. Tutti lo associano a un cattivo umore, mancanza di voglia di vivere, ecc. In realtà, questa è una grave condizione medica che richiede un trattamento. A tale scopo sono stati sviluppati farmaci antidepressivi con vari meccanismi d'azione. Alcuni di loro sono disponibili senza prescrizione medica, il che significa che tutti hanno l'opportunità di prendere una pillola del genere "per aumentare l'umore". Naturalmente, ci sono persone che assumono droghe da questo gruppo su consiglio di uno psicoterapeuta. Entrambi sono spesso interessati alla questione della possibilità di combinare antidepressivi e alcol.

Tipi di antidepressivi

La depressione non è solo cattivo umore e mancanza di vitalità, è un vero disturbo mentale. I suoi meccanismi non sono ancora del tutto chiari. Al momento, la teoria biochimica è considerata la più promettente, secondo la quale la malattia si verifica a causa di una diminuzione del livello di sostanze biologicamente attive (serotonina e monoamine) nel cervello o di una diminuzione della sensibilità dei recettori a queste sostanze. È su questo presupposto che si basa l'azione degli antidepressivi: sono progettati per aumentare il livello di monoamine e serotonina nelle sinapsi..

Secondo il meccanismo d'azione, tutti gli antidepressivi sono divisi in due grandi gruppi:

  • inibitori dell'assorbimento neuronale delle monoamine (amitriptilina, ecc.),
  • inibitori delle monoaminossidasi (Prozac, ecc.).

Entrambi possono essere selettivi e indiscriminati. Consideriamo il meccanismo con cui funzionano. Le monoammine vengono trasportate da cellula a cellula attraverso la fessura sinaptica. Ma non tutti raggiungono l'obiettivo. Molti rimangono in questo spazio e vengono poi ripresi dal neurone precedente. Gli inibitori della captazione neuronale delle monoamine interferiscono con questa ricaptazione, aumentando così la concentrazione di queste sostanze nelle sinapsi. L'azione degli inibitori delle monoaminossidasi può essere descritta in modo ancora più semplice: inibiscono l'enzima che scompone le monoamine.

È chiaro che l'indicazione principale per l'uso di tali farmaci è la depressione. In nessun caso non provare a diagnosticare da solo. Assicurati di contattare uno psicoterapeuta se inizi a notare i seguenti sintomi:

  • umore persistente,
  • valutazione pessimistica della realtà circostante,
  • atteggiamento critico,
  • violazione dell'attività intellettuale e fisica,
  • diminuzione della voglia,
  • disturbi vegetativi concomitanti, ecc..

Non provare a prendere le pillole da solo: è del tutto possibile che tu non ne abbia ancora bisogno. Può darsi che non ci sia depressione. Anche se lo è, non sarai in grado di selezionare correttamente il farmaco da solo. Ci si possono aspettare solo nuovi problemi da un'accoglienza così spontanea. In caso di assunzione di antidepressivi senza necessità o di superamento della dose, sono possibili conseguenze come mal di testa, debolezza, disturbi del sonno, deterioramento dell'umore e benessere. Solo un medico competente sarà in grado di prescrivere il farmaco necessario, a seconda del quadro clinico, della presenza di malattie concomitanti e di altri fattori.

Alcol e depressione

Molte persone nel nostro paese preferiscono "combattere la depressione" con l'alcol. Questo può essere spiegato dalla nostra mentalità russa: andare da un medico è come morire per noi (e ancor di più, rideranno di uno psicoterapeuta), ma bere un bicchiere di vodka è una cosa comune. Inoltre, c'è una falsa sensazione di miglioramento dell'umore durante l'intossicazione da alcol.

In effetti, l'alcol è un depressivo: deprime le funzioni cerebrali e può causare depressione. L'etanolo non apporta alcun miglioramento: offusca solo temporaneamente la nostra valutazione dell'ambiente.

Ci sono casi frequenti in cui una persona con alcolismo sviluppa depressione. Di regola, l'inizio dei primi sintomi è associato a una sindrome da astinenza, meno spesso si sviluppano sullo sfondo della psicosi alcolica. Molto spesso, la depressione alcolica colpisce le donne. Dura da una a due settimane a uno o due mesi (molto dipende dal fatto che il paziente continui a bere alcolici durante questo periodo). Questa condizione è estremamente pericolosa: sullo sfondo, vengono spesso effettuati tentativi di suicidio..

Lo sviluppo della depressione alcolica può essere spiegato come segue: l'etanolo ha un potente effetto tossico sulle cellule cerebrali, compreso l'esaurimento delle riserve di serotonina e altri mediatori. La loro carenza porta a conseguenze come lo sviluppo della depressione. Il trattamento di una tale malattia in questo caso dovrebbe essere associato all'eliminazione dell'alcolismo. È impossibile trattare contemporaneamente la depressione alcolica e continuare a bere.

Interazione di alcol e antidepressivi

Come notato sopra, la selezione di un antidepressivo e la sua dose dovrebbero essere strettamente individuali, a seconda di un numero enorme di fattori diversi. Ogni farmaco ha le sue caratteristiche, indicazioni e controindicazioni per l'uso. Ma una cosa si può dire sulla loro combinazione con bevande alcoliche: gli antidepressivi e l'alcol sono assolutamente incompatibili, questo vale per ciascuno di questi farmaci. Questo fatto può essere spiegato dal punto di vista della logica più semplice: è impossibile prendere contemporaneamente un depressivo e un antidepressivo - questo è stupido. Le conseguenze di tale uso congiunto saranno disastrose: l'effetto del trattamento sarà completamente assente, inoltre, si svilupperà una serie di effetti collaterali che aggraveranno solo la depressione.

L'uso combinato di antidepressivi con alcol porta al fatto che i farmaci aumentano l'effetto inibitorio dell'etanolo sul sistema nervoso centrale. Ciò significa che puoi aspettarti una depressione ancora più profonda, debolezza, sonnolenza, ecc. E questo è solo il caso migliore. Nel peggiore dei casi, può verificarsi depressione dei centri respiratorio e vasomotorio e può verificarsi la morte..

Ci si dovrebbero aspettare gravi conseguenze associate all'inibizione degli enzimi epatici da parte di molti antidepressivi. Ciò porta al fatto che il fegato durante il trattamento per la depressione è completamente incapace di far fronte al lavoro di disintossicazione dalle tossine. Di conseguenza, l'alcol non viene completamente scomposto dopo aver bevuto alcolici. I prodotti tossici entrano nel flusso sanguigno, interessando quasi tutti gli organi e sistemi. Puoi aspettarti la comparsa di sintomi di una grave sbornia, che, a seconda dello stato di salute della persona, porterà a gravi disturbi o semplicemente darà al paziente un numero di minuti spiacevoli.

Non dovresti mai bere alcolici durante l'assunzione di antidepressivi. Questo può essere piuttosto pericoloso. Anche se le funzioni respiratorie e circolatorie sono preservate, sono ancora possibili complicazioni da altri organi e, soprattutto, dal sistema nervoso centrale. Gli antidepressivi sono essi stessi farmaci piuttosto "capricciosi", che i medici prescrivono con estrema cautela. E se combinati con bevande alcoliche, diventano ancora più pericolosi. Non c'è bisogno di rischiare così tanto la tua salute psicofisica: non una sola marca di alcol è degna di rovinare consapevolmente il tuo corpo per questo.

Possibili conseguenze dell'uso simultaneo di antidepressivi e alcol

Nella nostra vita con stress, sovraccarico nervoso, ansia e un ritmo frenetico, gli stati depressivi sono un fenomeno comune. Di solito, la depressione dura a lungo e richiede farmaci. Gli antidepressivi vengono in soccorso. Alcune persone tendono a pensare che gli antidepressivi e l'alcol, se presi insieme, migliorino l'umore. Proviamo a capire cosa succede quando ottieni un cocktail da diversi composti chimici.

In che modo il tandem di alcol e psicotropi influisce sul corpo??

I farmaci psicotropi risolvono il problema del cattivo umore, della malinconia, della lotta contro l'ansia. L'appetito, le emozioni positive, la qualità del sonno dipendono dalla loro azione. Gli psichiatri prescrivono questo gruppo di farmaci nei seguenti casi:

  • lo sviluppo dell'insonnia;
  • disordini mentali;
  • attacchi di panico.

Gli antidepressivi inibiscono la disgregazione e aumentano il livello di "ormoni della gioia" - serotonina e dopamina nel corpo, così come "l'ormone dei predatori" - norepinefrina. E se la serotonina e la dopamina aumentano l'umore, allora la norepinefrina migliora le reazioni comportamentali: dona attività, vigore e aiuta a resistere allo stress.

Anche l'alcol migliora l'umore, ma agisce in modo insidioso: un periodo di gioia è sostituito da una sbornia, e questo stato non può essere definito allegro. Il meccanismo di interazione dell'alcol sul corpo è diverso da quello dei farmaci psicotropi e il tandem articolare è imprevedibile e pericoloso. Cosa succede se mescoli antidepressivi e alcol? Le opzioni sono diverse, ma in termini generali il risultato è lo stesso:

  • fermare gli effetti dei farmaci;
  • oppressione dei centri che producono ormoni;
  • aumento degli effetti collaterali dei farmaci psicotropi.

C'è un mito secondo cui una bevanda alcolica costosa e di alta qualità non danneggerà. Ma qualsiasi bottiglia con una bella etichetta e un prezzo costoso contiene una certa concentrazione di alcol etilico, che può ridurre a zero, inibire o aumentare l'effetto degli antidepressivi. Il suo effetto dipenderà dal farmaco specifico..

Gli antidepressivi in ​​tandem con l'alcol sono due forze opposte nel loro effetto. I primi normalizzano e aumentano il livello degli "ormoni della felicità", i secondi inibiscono l'azione dei centri regolatori, modificando alcuni processi del corpo. Le conseguenze della combinazione di "alcool - antidepressivi" - aumento della depressione e cattiva salute dopo un breve periodo di gioia ed euforia dalla generosa libagione.

Nota: l'uso incontrollato di farmaci psicotropi è pericoloso. E se combini un farmaco auto-prescritto con l'alcol, le conseguenze negative sono difficili da prevedere. Il colpo principale cade sul fegato, la cui funzione è di decomporsi e rimuovere i composti velenosi dal corpo.

Sintomi ed effetti collaterali dalla combinazione pericolosa

Se pensi a quale categoria di alcol dovrebbe essere classificato: depressivi o antidepressivi, la risposta è ambigua. Se nelle prime ore dopo averlo preso c'è un miglioramento dell'umore, euforia, gioia e in questo momento l'alcol può essere considerato un antidepressivo, allora l'ulteriore azione è nota ai bevitori e si chiama "sindrome da sbornia". Il fegato converte l'etanolo in aldeide, che è tossica. Il composto velenoso entra nel flusso sanguigno e si diffonde attraverso le cellule, avvelenando il corpo.

Se "combini in una bottiglia" antidepressivi e alcol insidioso, liberarsi degli episodi depressivi sarà problematico. Il tandem di due composti, opposti in azione, porta a una serie di conseguenze negative:

  • si osserva tachicardia;
  • gli sbalzi d'umore sono evidenti;
  • si sviluppa l'insonnia;
  • l'irritabilità cresce;
  • tormentato da mal di testa;
  • La pressione sanguigna "salta".

Con una combinazione di alcol e antidepressivi, il fegato non può far fronte al carico: non ci sono abbastanza enzimi sintetizzati per alleviare l'intossicazione da alcol. L'alcol blocca il lavoro dei farmaci psicotropi, quindi una persona depressa aumenta la dose di droghe (o alcol) nella speranza di trovare un buon umore, provando la gioia della vita. Questo porta all'accumulo di tossine nel sangue..

Le bevande alcoliche sono depressivi. Una persona che assume farmaci e alcol allo stesso tempo ha:

  • sonnolenza;
  • perdita di forza;
  • disordine mentale;
  • risposta lenta agli stimoli esterni;
  • apatia;
  • uno stato di rilassamento e smontaggio;
  • perdita di una chiara coordinazione dei movimenti;
  • difficoltà con la percezione delle informazioni;
  • ritardo mentale.

Le conseguenze dell'assunzione di antidepressivi e alcol sono particolarmente pericolose se il paziente ha una depressione profonda, una delle cui manifestazioni sono i pensieri suicidi. La combinazione di un alcol depressivo con farmaci psicotropi porta alla sintesi di "ormoni predatori": adrenalina e norepinefrina. Causano rabbia, paura, ansia e portano a un aumento dei pensieri suicidi o dei tentativi di suicidio. Il numero di suicidi in questo stato aumenta 3-4 volte..

L'effetto sul corpo di antidepressivi specifici in combinazione con l'etanolo

Le condizioni depressive portano a un cambiamento nella qualità della vita e richiedono un trattamento a lungo termine. I farmaci psicotropi hanno un effetto cumulativo, quindi è necessario un uso a lungo termine. A volte ci vogliono diversi mesi, ma può durare per anni. In alcuni casi, la correzione e la stabilizzazione della psiche mediante farmaci continuano per tutta la vita..

Esistono diversi gruppi di farmaci psicotropi. Il loro effetto sul corpo in combinazione con le bevande alcoliche è diverso. Tutti alleviano gli episodi depressivi, ma il meccanismo d'azione è diverso, che può essere visto dalle classificazioni degli psicotropi:

  1. Gli inibitori delle MAO inibiscono la sintesi della monoamino ossidasi (enzima), che distrugge gli "ormoni della felicità": adrenalina, istamina, serotonina. I neurotrasmettitori che ripristinano la psiche si accumulano gradualmente e l'ansia del paziente scompare, le sue condizioni si stabilizzano.
  2. Il triciclico, formato dalla combinazione di tre molecole, è prescritto per uno stato di apatia.
  3. Gli SSRI o inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina sono usati più spesso di altri, perché sono facilmente tollerati dall'organismo e sopperiscono alla mancanza di un ormone importante per la psiche.
  4. Gli antidepressivi lievi sono farmaci a base di erbe o farmaci come l'afobazolo. L'effetto della loro influenza è sedativo e leggero.

Nota: i farmaci psicotropi sono classificati in modi diversi in base ai loro effetti sul corpo. Hanno un effetto sedativo, riequilibrante o attivante. Dopo aver fatto una diagnosi, il medico prescrive un medicinale specifico che può stabilizzare la psiche..

Inibitori delle MAO

I farmaci in questo gruppo includono Aurorix, Pyrazidol, che si distinguono per un alto livello di tossicità. È facile capire cosa sono i depressivi se si beve una piccola dose di alcol con questo gruppo di composti. L'arresto respiratorio è possibile a causa dell'inibizione del centro respiratorio, che porterà inevitabilmente alla morte. A volte ci sono transizioni dall'aumento alla diminuzione della pressione sanguigna, con conseguente crisi ipertensiva.

Farmaci triciclici (TCA)

Questo gruppo include Amitriptilina, Azafen, Melipramina, Coaxil. La conseguenza dell'assunzione di alcol e antidepressivi è un aumento degli effetti collaterali dei farmaci. Una combinazione indesiderabile influisce negativamente sul fegato e, con una combinazione prolungata, porta allo sviluppo della cirrosi. Anche la birra analcolica è vietata perché contiene tiramina. Questa sostanza aumenta la produzione di adrenalina, che è piuttosto pericolosa..

SSRI

Questi sono medicinali Paroxetina, Escitalopram, Sertralina, Tsipramil. La loro combinazione non è meno dannosa, poiché può provocare:

  • lo sviluppo di allucinazioni;
  • problemi di pensiero e memoria;
  • interruzioni nel lavoro del cuore;
  • aumento della sudorazione;
  • cambiamenti nella pressione sanguigna;
  • disturbi sessuali;
  • scarsa coagulazione del sangue.

Per vostra informazione: l'uso a lungo termine di psicotropi con etanolo porta a cirrosi epatica, sviluppo di distonia vegetativa-vascolare, aumento della pressione sanguigna, aumento e approfondimento della depressione.

Antidepressivi lievi

I farmaci leggeri e parsimoniosi sono Heptor, Deprim, Heptral, Life-600, Negrustin. Sono utilizzati per deviazioni psicoemotive minori, efficaci per apatia, letargia, depressione, sbalzi d'umore. L'assunzione di alcol è possibile con questi farmaci, ma in dosi minime che non portano a una sindrome da sbornia.

Altri gruppi di antidepressivi

Ci sono molti farmaci psicotropi. Alcuni di loro hanno un focus ristretto, altri hanno un ampio spettro di azione. Tra i vari farmaci si segnalano Bupropione (Zyban), Maprotilina, Reboxetina, Mirtazapina, Trazadone, Agomelatina. Sono stati testati dalla pratica e si sono dimostrati buoni..

Quando acquisti un farmaco che colpisce la psiche, dovresti leggere attentamente l'elenco degli effetti collaterali. Il loro numero è significativo e se l'alcol viene aggiunto a questo elenco, è difficile per il corpo far fronte al carico assegnatogli..

Per vostra informazione: il problema della combinazione dell'assunzione di antidepressivi e alcol non è completamente divulgato dagli scienziati. A volte la reazione del corpo a un tale cocktail è completamente imprevedibile. Le conseguenze dipendono dalle caratteristiche individuali, dalla marca di alcol e dal farmaco specifico, nonché dal volume di alcol consumato e dai gradi nella bevanda..

Antidepressivi e alcol: un approccio intelligente al consumo

Le conseguenze dell'assunzione congiunta di antidepressivi e alcol sono ridotte al minimo se si assume alcol non più di 1 volta per mezzo mese in dosi non post-sbornia, in combinazione con psicotropi leggeri. I tassi di consumo per uomini e donne sono leggermente diversi, ma se fornisci cifre approssimative per una persona sana media, allora questo è un bicchiere di una bevanda a bassa gradazione alcolica (vino, birra) e mezzo bicchiere di una bevanda forte (vodka, cognac). Se questa regola d'oro viene violata, l'effetto sul corpo e sul fegato sarà "shock".

È severamente vietato l'uso di alcol con droghe forti che influenzano la psiche. Gli antidepressivi per l'alcolismo non vengono utilizzati (ad eccezione dei polmoni, in via eccezionale), poiché un problema ne provocherà un altro. L'alcolismo, che può essere la causa della depressione, dovrebbe essere trattato inizialmente.

Per capire quali influenze esterne influenzano negativamente la psiche, dovresti studiare attentamente il suo modello:

Dopo la fine del trattamento farmacologico, è possibile assumere un bicchiere di alcol dopo 2 settimane. La terapia farmacologica viene prescritta quando il corpo si è sbarazzato dei prodotti di decadimento dell'alcol etilico. 2-3 giorni sono sufficienti per questo..

L'alcol e le droghe per la depressione sono antagonisti. I farmaci alleviano le condizioni del paziente e l'alcol lo aggrava. Un risultato favorevole quando l'effetto dei farmaci psicotropi è ridotto a zero. Nel peggiore dei casi, si osservano effetti collaterali pericolosi e intossicazione, il cui risultato può essere fatale. Tutto dipende dalla categoria del farmaco e dalla quantità di alcol consumata. Il corpo funziona "per usura", quindi le recensioni dei medici sono categoriche: questo è un tandem pericoloso.

Importante! Articolo informativo. Prima di usare farmaci che influenzano la psiche, è necessario consultare uno specialista.

Antidepressivi e alcol: conseguenze della co-somministrazione

Esistono numerose malattie e patologie per le quali si consiglia di utilizzare farmaci con effetto sedativo..

Ma i medici sconsigliano categoricamente di assumere antidepressivi e alcol allo stesso tempo, perché le conseguenze non sono prevedibili..

L'alcol aumenta gli effetti collaterali, può provocare disturbi mentali, mal di testa e complicazioni più gravi.

Come funzionano gli antidepressivi

Gli antidepressivi includono farmaci la cui azione è volta a normalizzare il funzionamento del sistema nervoso umano..

Questo è un ampio gruppo di medicinali usati per eliminare le condizioni depressive acute e croniche..

Le loro proprietà farmacologiche si basano sulla capacità di regolare i livelli dei più importanti ormoni che influiscono sulla salute e sul benessere: dopamina, serotonina, adrenalina..

Antidepressivi, farmaci volti a normalizzare il sistema nervoso

Il principio di azione degli antidepressivi è quello di agire sulle cellule nervose e sui composti, stimolare la produzione di importanti aminoacidi ed enzimi.

Il cervello riceve i comandi corretti, forma una rete completa di neuroni a tutti i livelli. Dopo aver assunto il farmaco, i processi di eccitazione e inibizione sono più armoniosi.

Ciò consente di utilizzare il farmaco nelle seguenti situazioni:

  • trattamento della depressione in qualsiasi fase,
  • nevrosi prolungata,
  • stato suicida,
  • disordini mentali.

L'assunzione di antidepressivi aiuta ad eliminare i pensieri negativi, ripristinare l'equilibrio mentale, stimola l'interesse per il lavoro, gli hobby.

I pazienti notano un aumento dell'umore, più facile da affrontare situazioni stressanti. Fanno parte della terapia contro le fobie acquisite o congenite, fanno uscire l'apatia nella depressione postpartum.

Tutti questi fondi dovrebbero essere presi per diverse settimane o addirittura mesi per ottenere il risultato desiderato..

Durante questo periodo, può verificarsi una situazione che richiede la partecipazione a un evento festivo. Se gli antidepressivi possono essere assunti con l'alcol dipende dal tipo di farmaco, dal suo dosaggio e dalla composizione chimica..

Tipi di antidepressivi

Per il trattamento di ciascun paziente, i farmaci vengono selezionati individualmente.

Esistono diversi tipi di antidepressivi, a seconda del principio di azione.

A seconda del componente principale e del principio di azione sul sistema nervoso, si distinguono diversi tipi di antidepressivi:

  1. Triciclico: utilizzato per stimolare la produzione di serotonina. Aiuta a migliorare lo stato di depressione prolungata o stagionale, neutralizza gli effetti dello stress (Nortriptilina, Imipramina, Clomipramina).
  2. Inibitori della selezione: aiutano a trattenere la serotonina prodotta dal cervello del paziente, migliorano l'interazione dei propri enzimi nel corpo umano. Questo è l'unico gruppo di antidepressivi in ​​grado di agire selettivamente con alcuni ormoni (dopamina, Cipralex).
  3. Tetraciclici: appartengono alla prima generazione di tali farmaci, quindi hanno un numero enorme di effetti collaterali. Nella maggior parte dei casi, vengono utilizzati nel trattamento di condizioni gravi quando i metodi più leggeri non funzionano (Pirlindol, Mirtazapine).

Tutti questi tipi differiscono nella composizione chimica, possono peggiorare il lavoro degli organi interni, dei sistemi circolatorio e urinario. Ma tra le controindicazioni a ogni farmaco c'è il divieto di usare antidepressivi per l'alcolismo.

La malattia si distingue non solo da un disturbo mentale, ma anche da un danno tossico al fegato, una violazione dei processi metabolici. L'uso di potenti farmaci può peggiorare la condizione e persino un esito letale.

Antidepressivi e alcol

Le sostanze con sedativi non funzionano immediatamente dopo l'ingestione. Si accumulano nelle cellule dei neuroni e dei tessuti molli, normalizzando gradualmente i processi nel cervello e nel corpo del paziente..

Non tutti i pazienti hanno la pazienza di completare il ciclo di trattamento: quando compaiono dinamiche positive, la maggior parte delle persone cerca di tornare alla propria vita normale, interrompe la terapia o smette di aderire alle restrizioni. A volte una persona non aspetta sollievo, cerca di alleviare la tensione con l'alcol.

L'alcol con antidepressivi peggiora lo stato emotivo

Gli antidepressivi e l'alcol hanno un forte effetto sul corpo, quindi le conseguenze dell'assunzione insieme possono essere disastrose..

L'alcol etilico ei suoi derivati ​​spesso aumentano o neutralizzano completamente l'effetto del farmaco.

Sullo sfondo dello stress, l'alcol allevia temporaneamente il nervosismo, aiuta a far fronte all'insonnia. Ma dopo una sbornia, lo stato di depressione rimane, aggravato da sintomi spiacevoli..

Il meccanismo d'azione di alcol e antidepressivi

La manifestazione degli effetti collaterali dipende dal tipo di farmaco e dalla quantità consumata:

  • Dopo la combinazione con l'alcol, gli inibitori reagiscono a livello cellulare. Esiste il rischio di sindrome serotoninergica, che si manifesta in una forte sovraeccitazione del sistema nervoso. In risposta, il cervello blocca la fornitura di ossigeno, inibisce la respirazione. Il paziente può cadere in coma, morire per arresto cardiaco.
  • La combinazione di antidepressivi triciclici e bevande alcoliche converte le sostanze medicinali in composti tossici. Infliggono un potente colpo alle cellule del fegato, i reni non possono far fronte alla maggiore quantità di tossine. La conseguenza è insufficienza epatica, aritmia, ipossia.
  • L'uso simultaneo di alcol e antidepressivi tetraciclici provoca gravi complicazioni. I composti agiscono direttamente sul sistema nervoso, inibendo le funzioni vitali.

Complicazioni comuni con una combinazione di alcol e droghe pesanti: aumento della pressione sanguigna, esacerbazione di malattie gastrointestinali croniche, disturbi del ritmo cardiaco. Nei pazienti si verifica uno squilibrio del background ormonale, la produzione di alcuni enzimi è inibita. A volte la situazione è aggravata da un ictus cerebrale.

Le conseguenze dell'assunzione di alcol e antidepressivi

Gli esperti raccomandano vivamente di abbandonare completamente i potenti farmaci durante la terapia..

La necessità di utilizzare antidepressivi per la dipendenza da alcol è discussa separatamente.

Possono essere inclusi nel piano di trattamento dopo completa intossicazione del corpo, esame e solo con la piena supervisione del medico curante in ospedale.

La combinazione di antidepressivi con alcol provoca effetti collaterali spiacevoli

In rari casi, è consentita un'assunzione una tantum di alcol equivalente a 50 grammi. Se una persona ha bevuto accidentalmente alcol in un cocktail o una tintura medicinale, è necessario prendere una dose di assorbente: Enterosgel, carbone attivo, Atoxil.

Ciò ridurrà il contenuto di derivati ​​dell'alcol nel sangue, ridurrà il rischio di conseguenze pericolose. La persona ha bisogno di consultare lo psichiatra curante su ulteriori azioni.

Assumendo antidepressivi e alcol contemporaneamente, è possibile prevedere le complicazioni? Prima dell'uso, è necessario studiare attentamente le istruzioni, attenersi rigorosamente al dosaggio raccomandato.

Le possibili conseguenze sono ugualmente pericolose per un alcolizzato cronico e una persona senza cattive abitudini:

  1. La coordinazione dei movimenti è compromessa, si verificano sonnolenza e completa apatia, in cui il paziente cerca di evitare la comunicazione.
  2. L'alcol appartiene ai mezzi di azione deprimente, quindi aggrava lo stato depressivo. Spesso il paziente ha pensieri suicidi..
  3. Alcuni antidepressivi, se combinati con la vodka, danno l'effetto di euforia, quindi una persona continua a consumare un cocktail pericoloso. Il sistema nervoso non può sopportare il carico, le nevrosi peggiorano.
  4. Un sovradosaggio di alcol durante il trattamento di farmaci triciclici agisce come un potente ipnotico. Se non viene aiutato, il paziente rischia di danneggiare l'arteria coronaria e il muscolo cardiaco.

Una tale combinazione è pericolosa per le persone il cui lavoro è associato a strumenti di precisione, guida di veicoli e aumento dello sforzo fisico. Una riacutizzazione può iniziare in qualsiasi momento: il paziente smette di controllarsi, perde la vigilanza.

Dopo la fine della terapia antidepressiva, l'alcol in una quantità limitata è consentito dopo 2-3 mesi, quando il corpo è completamente pulito dalle sostanze chimiche accumulate.

Conclusione

La combinazione di alcol e potenti sedativi nella pratica medica è considerata la più pericolosa per la salute..

Nella depressione aumenta il livello degli ormoni che provocano paura e ansia..

Pertanto, è necessario scegliere tra il piacere a breve termine e la capacità di riprendersi completamente, imparare a controllare la vita senza sostanze chimiche..

Alcol e antidepressivi

I medici non raccomandano di bere alcolici e antidepressivi allo stesso tempo. Perché non possono essere combinati? Durante l'assunzione di farmaci che agiscono sul sistema nervoso centrale, l'etanolo può comportarsi in modo imprevedibile. Se consumato, il cuore, gli organi di filtrazione ed escrezione soffrono. Il livello di ansia aumenta, sorgono paure e tendenze suicide. Di conseguenza, l'effetto della terapia farmacologica è ridotto a nulla e anche la vita del paziente è minacciata. Di norma, il corso del trattamento è lungo e se questo divieto viene violato, dovrà ricominciare da capo.

Vale la pena notare che i farmaci possono influenzare seriamente il funzionamento del corpo, quindi hanno molte controindicazioni e divieti di combinazione con altre sostanze. Gli antidepressivi sono incompatibili con il binge drinking. Il trattamento della depressione sullo sfondo dell'alcolismo inizia con la disintossicazione e il completo rifiuto dell'alcol durante il corso, così come per diverse settimane dopo. Il trattamento a lungo termine ha un effetto cumulativo. Anche dopo il completamento della terapia farmacologica, non è possibile tornare immediatamente all'assunzione regolare di alcol, altrimenti il ​​sistema nervoso non avrà il tempo di adattarsi e lo stato mentale del paziente peggiorerà solo. La pausa media tra la fine del trattamento e la prima bevanda è di 14 giorni.

È controindicato mescolare alcol e antidepressivi. Questa combinazione non solo distrugge l'effetto positivo della terapia farmacologica e influisce negativamente sulla salute del paziente, ma rappresenta anche un pericolo mortale. Esistono antidepressivi che possono essere presi insieme all'alcol, ma hanno un effetto lieve e l'alcol è consentito in quantità molto limitate. Per evitare effetti negativi, è meglio abbandonare del tutto l'etanolo..

Conseguenze della ricezione simultanea

Bere durante l'assunzione di antidepressivi può essere fatale. Non tutti i farmaci sono vietati, ma gli psicoterapeuti consigliano sempre di limitare il consumo di alcol durante la terapia. Se decidi di bere durante il corso di antidepressivi, con i quali l'alcol è severamente vietato, controlla le reali conseguenze:

  • ridurre a zero l'effetto del trattamento e tornare al punto di partenza della terapia;
  • stato psico-emotivo depresso;
  • un aumento del carico su tutti i sistemi del corpo, principalmente sul cuore;
  • salti di pressione sanguigna fino a uno stato pre-ictus;
  • spasmi vascolari e mal di testa insopportabili che non possono essere alleviati dai farmaci;
  • diminuzione della capacità di filtrazione del fegato e dei reni, intossicazione del corpo;
  • insonnia e incubi;
  • ansia, paure, stati ossessivi;
  • sonnolenza, bassa velocità di reazione, letargia.

La pratica medica mostra che sullo sfondo dell'assunzione costante di alcol in combinazione con antidepressivi, si sviluppa l'ansia, che aggrava lo stato depressivo fino a stati d'animo suicidi. Una grande percentuale di suicidi di persone depresse si verifica durante il periodo in cui hanno bevuto alcolici. Un prerequisito per una terapia di successo è l'aderenza a uno stile di vita sano, ma è anche influenzato dall'interazione di vari fattori. Il paziente ha bisogno di riposo, sonno prolungato, cammina all'aria aperta. L'alcol cancella questi fenomeni positivi nella vita di una persona, ma anche questo non è il pericolo principale.

Gli antidepressivi influenzano i livelli di serotonina e norepinefrina, ma non correggono la causa, ma alleviano i sintomi. Ecco perché devono essere bevuti a lungo, sotto la supervisione di uno specialista. Iniziano a lavorare 2-3 settimane dopo l'inizio dell'ammissione e il corso dura almeno 3-4 mesi. Anche se le pillole non sembrano aiutarti, non cercare di trattare i sintomi della depressione con l'alcol. I medici ripetono che è necessario attendere l'azione sotto controllo medico, in nessun caso rinunciare all'appuntamento e accompagnarlo con sedute di psicoterapia.

L'alcol aiuta la depressione??

È difficile affrontare da soli il cattivo umore e la depressione, che durano a lungo e interferiscono con la vita e il lavoro. Ma in Russia non è consuetudine rivolgersi a psicologi e psicoterapeuti, quindi le persone iniziano ad auto-medicare e cercano metodi alternativi, uno dei quali è l'uso di una certa quantità di alcol. Tuttavia, l'etanolo non è l'antidepressivo casalingo e conveniente che si pensa comunemente..

L'alcol aiuta davvero a dimenticare, a soffocare i sintomi della depressione. Ma solo per brevissimo tempo. I postumi di una sbornia si manifestano abbastanza rapidamente e oltre allo stato mentale allarmante iniziano i problemi di salute. Sullo sfondo della depressione, la dipendenza si forma più facilmente, una persona si ritira in se stessa, scivola rapidamente lungo la scala sociale. Cercando di soffocare la tristezza e le paure con l'aiuto dell'alcol, il paziente si fa un disservizio: al disturbo mentale si aggiungono l'alcolismo e le malattie concomitanti. Tutto ciò può portare alla perdita del senso della vita e ai tentativi di suicidio. Queste conseguenze valgono la momentanea dimenticanza, che dà alcol forte nelle prime ore di consumo??

I neurofisiologi notano che l'etanolo funziona come un rapido antidepressivo, ma il suo effetto neuropsichiatrico è estremamente breve. È importante qui distinguere tra depressione reale e apatia, che nella vita di tutti i giorni viene solitamente chiamata la stessa parola. Gli stati d'animo depressivi sono facilmente corretti e una persona non è in grado di far fronte alla depressione da sola. Ma è meglio non trattare il cattivo umore con l'aiuto dell'alcol: i rischi di avere problemi seri sono troppo grandi. Rivolgiti a uno specialista se i tuoi pensieri e il tuo umore non ti permettono di vivere normalmente. La depressione viene curata ed è meglio iniziare la terapia quando si ha ancora la forza per farlo.

Come l'alcol influisce sull'assorbimento del farmaco?

L'alcol aggrava significativamente le condizioni psicoemotive e fisiche di un paziente con depressione sullo sfondo della terapia farmacologica. La particolarità del lavoro degli antidepressivi è l'effetto cumulativo. È necessario assumere farmaci a lungo in modo che appaiano nei tessuti del corpo nelle giuste quantità. Questo è il modo in cui funzionano assolutamente tutti i gruppi farmaceutici di antidepressivi..

Mentre si forma l'effetto cumulativo, devono essere seguite le prescrizioni mediche. Perché? Alcuni farmaci hanno una controindicazione all'alcol, perché un aumento della concentrazione di etanolo nel sangue rallenta l'accumulo del principio attivo nei tessuti del corpo. Anche una singola assunzione di alcol non comporta solo reazioni collaterali, ma anche la riduzione a nulla dell'efficacia della terapia. Di conseguenza, diverse settimane o mesi di trattamento vengono azzerati e se il paziente non è influenzato da questa interazione, sarà necessario riprendere la terapia farmacologica. Questo è tempo, denaro e risorse del corpo sprecati.

L'alcol influenza direttamente l'assorbimento del farmaco, poiché ha l'effetto opposto degli antidepressivi sul sistema nervoso centrale. Il sistema nervoso è inibito dall'alcol e gli antidepressivi, al contrario, hanno un effetto eccitante su di esso. All'incrocio di queste influenze, l'effetto terapeutico dei farmaci viene a mancare.

Elenco di antidepressivi che si combinano con l'alcol

Alcuni antidepressivi consentono l'alcol in dosi che non causano effetti. Ma non tutti i giorni, ma ogni pochi giorni o una settimana. Questi farmaci sono generalmente sostanze naturali ea basso dosaggio. I medici consentono l'assunzione di alcol in dosi non alcoliche in combinazione con i seguenti antidepressivi:

    • "Heptral", "Heptor" (principio attivo ademetionina);
  • "Deprim", "Negrustin", "Life 600" (a base di erba di San Giovanni).

Questi fondi agiscono con parsimonia sul corpo, quindi non hanno un ampio elenco di controindicazioni e possono essere combinati con una moderata quantità di alcol. Tuttavia, ricorda che l'alcol è un depressivo del SNC in ogni caso. Cioè, assumendo alcol nelle dosi indicate insieme agli antidepressivi, si corre il rischio di ridurre a zero il risultato del trattamento, seppur senza significativi effetti collaterali..

Un dosaggio sicuro è mezzo bicchiere di vino, un bicchiere di birra o un bicchierino di vodka. Questa quantità di alcol non ha conseguenze negative sotto forma di postumi di una sbornia, motivo per cui viene chiamata dose da sbornia. È vietato bere alcolici ogni giorno, la bevanda successiva dovrebbe avvenire non prima di pochi giorni dopo in modo che il corpo abbia il tempo di sbarazzarsi dei prodotti di decomposizione dell'etanolo.

Combinazione di etanolo, inibitori MAO e altre categorie di antidepressivi

Diversi tipi farmaceutici di antidepressivi influenzano il corpo in modi diversi. Fondamentalmente, lavorano con ormoni ed enzimi responsabili dell'umore normale, del desiderio di vivere e di svilupparsi. I farmaci alleviano i sintomi, ma di solito funzionano con la psiche e il subconscio del paziente. Esistono tre classi di farmaci per il trattamento della depressione. L'alcol non è combinato con nessuno di essi, ma in ogni caso ci saranno conseguenze diverse..

Gli inibitori delle MAO rallentano l'azione dell'enzima monoamino ossidasi. Questi sono farmaci "Auroriks", "Pyrazidol" e altri contenenti il ​​principio attivo moclobemide o pirlindol. L'uso simultaneo di bevande alcoliche con inibitori MAO può causare sindromi da tiramina e serotonina, che sono fatali. Bere alcol sullo sfondo di questo gruppo di antidepressivi, una persona può iniziare a soffocare. Gli inibitori delle MAO hanno un ampio elenco di cibi e farmaci che sono pericolosi da combinare e l'alcol è in cima alla lista. Anche la birra analcolica è vietata da bere con MAO.

I farmaci triciclici per il trattamento della depressione, tra cui i farmaci più popolari chiamati Melipramina, Clominal, Eliven, Azafen e altri, contengono principi attivi tossici. Ciò significa che quando queste sostanze si combinano con l'etanolo, si forma un veleno che avvelena il corpo. La combinazione di farmaci di questo gruppo farmaceutico con l'alcol porta quasi sempre alla comparsa di effetti collaterali sotto forma di aumento della pressione sanguigna, sovraccarico del fegato e dei reni, lavoro instabile del sistema cardiovascolare.

Per quanto riguarda gli inibitori selettivi, quando l'alcol viene consumato sullo sfondo della terapia con Fluoxetina, Prozac, Pram e altri, compaiono effetti collaterali psicotropi. Compaiono allucinazioni, deliri, psicosi e altre conseguenze che peggiorano l'effetto dei farmaci. Bere alcol con tali antidepressivi è severamente vietato..

Come l'alcol influisce sull'effetto degli antidepressivi

Quando l'alcol è combinato con vari farmaci, l'effetto del trattamento viene solitamente annullato. Il consumo di alcol durante il trattamento con antidepressivi porta a conseguenze negative e distruttive nel lavoro della psiche e di tutti i sistemi del corpo. Ciò è dovuto al fatto che i medicinali e l'etanolo hanno l'effetto opposto sugli ormoni e sugli enzimi prodotti dal corpo umano..

Quando queste sostanze polari entrano in collisione, si verificano effetti collaterali che minacciano la vita e la salute del paziente. Gli antidepressivi stimolano il sistema nervoso centrale e l'alcol lo deprime. Un tale tandem diventa pericoloso per gli altri, ad esempio, se una persona ubriaca guida sotto l'influenza di antidepressivi. La maggior parte dei farmaci in questa categoria influisce sulla capacità di concentrazione e, in combinazione con l'intossicazione, rappresentano una vera minaccia per la vita..

Quando gli antidepressivi sono combinati con l'alcol, si verifica un'intossicazione, con la quale il fegato ei reni non possono sempre far fronte, la pressione aumenta. Oltre a ciò, si verifica uno stato mentale depresso, non immediatamente durante l'uso, ma un po 'più tardi. Letargia, ansia, perdita di concentrazione portano a pensieri negativi che possono portare a tentativi di suicidio.

È vietato bere alcol durante la terapia antidepressiva. Anche l'alcol non è un sostituto di un corso di farmaci. Riduce a zero l'effetto della terapia, provoca effetti collaterali fino alla morte inclusa..