La terza fase dell'alcolismo: l'aspettativa di vita

La dipendenza da alcol non è solo una cattiva abitudine, ma una grave malattia derivante dal consumo regolare di bevande alcoliche in grandi quantità. Nel tempo, una persona sviluppa una dipendenza sfrenata dall'alcol, il lavoro di tutti gli organi e sistemi del corpo viene interrotto.

Fasi dell'alcolismo

La prima fase dell'alcolismo. La persona beve alcol per piacere senza avere i postumi di una sbornia o con gravi sintomi di astinenza.

La seconda fase dell'alcolismo. Bere alcol è sistematico. Approssimativamente ogni 7-10 giorni una persona si ubriaca finché non perde conoscenza. Diventa più difficile raggiungere l'euforia e quindi la quantità di alcol consumata aumenta. I riflessi del rifiuto naturale dell'alcol smettono di funzionare. Una persona del genere sembra spesso depressa e quasi mai rifiuta di offrire da bere..

La terza fase dell'alcolismo. Bere alcol diventa un culto, un rituale senza il quale la vita è impossibile. La psiche è seriamente colpita: anche lievi fallimenti ti portano alla depressione, sorgono difficoltà nel comunicare con gli altri, i legami sociali vengono distrutti, anche all'interno della famiglia. Nei casi più gravi, viene registrato il degrado della personalità. I tentativi di smettere di bere alcolici portano non solo disagio psicologico, ma anche fisico e sono accompagnati da un forte dolore. Il sonno di una persona è disturbato, il fegato viene rapidamente distrutto, il che colpisce la carnagione e le unghie e le malattie del tratto gastrointestinale sono esacerbate.

Condanna a morte o ultima fase dell'alcolismo?

È impossibile non essere d'accordo con il fatto che l'alcol influisca negativamente non solo sulla qualità, ma anche sull'aspettativa di vita.
Fase 3 alcolismo - un problema grave che richiede un trattamento immediato. Altrimenti, l'aspettativa di vita del paziente non è lunga. A seconda dello stato del corpo, un alcolizzato può vivere dai 5 ai 15 anni. È estremamente importante fermarsi in tempo: vedere un medico o un centro di riabilitazione, dove specialisti qualificati ti aiuteranno a uscire dalla "fossa dell'alcol".

La situazione è complicata dal fatto che un alcolizzato, essendo una persona con una psiche disturbata, non nota cambiamenti seri, i suoi valori stanno cambiando rapidamente e l'unico desiderio viene a sostituire semplici verità: bere.

Amici e persone care possono notare segni di dipendenza da alcol durante il terzo stadio. In questa fase, la persona avverte i seguenti sintomi:

  1. Cattivo sonno o incubi
  2. Faccia rossa con sfumature bluastre
  3. Cianosi e tremori degli arti
  4. Picchi di pressione sanguigna, problemi cardiaci
  5. Sviluppo di ulcera gastrica
  6. Ansia o paura irragionevoli
  7. Previsione per un futuro sano

Vale la pena notare che terza fase dell'alcolismo accompagnato da cambiamenti irreversibili in tutti i sistemi del corpo. Fegato, cuore, vasi sanguigni, digestione soffrono. Molte malattie diventano croniche e quindi una persona è costretta a prendere determinati farmaci per il resto della sua vita..

Affrontare da solo una grave dipendenza da alcol non è solo difficile, ma anche pericoloso. La sospensione improvvisa dalla dose abituale di alcol può causare un attacco o problemi mentali. Questo è il motivo per cui il trattamento degli alcolisti si svolge spesso in un ospedale o in un centro di codifica per l'alcolismo. Fatte salve le raccomandazioni mediche, la prognosi per un futuro luminoso è favorevole. L'alcolismo oggi non è un vizio, ma una malattia curabile.

La terza fase dell'alcolismo

L'alcolismo è una malattia grave e mortale. Secondo l'OMS, ogni anno muoiono 2,5 milioni di persone. Molto spesso ciò si verifica a causa della cirrosi epatica e delle escrescenze cancerose..

Nella pratica medica, la malattia è solitamente divisa in 4 fasi, 1, 2, 3 e zero. Nei primi due la dipendenza è curabile. In quest'ultimo caso, la terapia diventa difficile. Se non viene intrapresa alcuna azione, il paziente morirà entro pochi anni.

Sintomi

L'ultimo stadio è caratterizzato da una diminuzione della dose di alcol necessaria per l'intossicazione. Alcuni lo vedono come un indicatore positivo. Questa è un'opinione errata: un tale segno non significa che la malattia si sta attenuando, ma, al contrario, che sta progredendo..

L'intossicazione da una minore quantità di alcol si verifica a causa di anomalie nel fegato. Cessa di produrre la quantità richiesta dell'enzima responsabile della degradazione dell'etanolo. La sostanza entra immediatamente nel sistema circolatorio, una persona si ubriaca più velocemente.

  • Deterioramento della tolleranza dei prodotti alcolici. I tossicodipendenti passano a bevande più leggere. Il loro corpo perde la capacità di assorbire alcolici forti.
  • Ritorno dei riflessi del vomito e nausea. Nelle fasi iniziali della dipendenza, si osservano tali sintomi. Il corpo cerca di resistere alle tossine penetranti. Nella seconda fase, questi fenomeni scompaiono, perché si verifica l'adattamento all'etanolo. Nell'ultima fase ritornano i segni di intossicazione, ma indicano non l'inserimento di funzioni protettive, ma la completa intolleranza all'alcol.
  • La terza fase dell'alcolismo è accompagnata da un prolungato consumo di alcolici. Ciò significa che la dipendenza è in aumento. Il paziente non può fare a meno di bere un solo giorno. Nonostante il fatto che la quota una tantum di alcol diminuisca, la quota giornaliera, al contrario, aumenta.
  • Nella seconda fase, il bere forte dura dai cinque ai sette giorni. Se una persona ha cose importanti da fare, è in grado di uscirne da solo. Nella fase finale, l'ubriachezza dura da diverse settimane a mesi. Il paziente non è interessato ad altro che all'alcol: salta il lavoro, non presta attenzione ai membri della famiglia, trascura l'igiene personale, ecc. Puoi farlo uscire da questo stato solo con i farmaci..
  • I pazienti perdono peso drasticamente. Perdono l'appetito. L'etanolo colpisce il cervello, i segnali vengono soppressi, una persona non ha fame. Questa condizione patologica è anche associata all'esaurimento del tratto gastrointestinale sotto l'influenza di tossine. Gli organi digestivi non sono in grado di metabolizzare il cibo normalmente.
  • L'eccessiva magrezza è causata non solo da una mancanza di appetito e problemi nel tratto digestivo. Il paziente sviluppa polineuropatia. Con questa patologia, i nervi periferici vengono distrutti. La formazione della malattia inizia con debolezza muscolare, dolore alle braccia e alle gambe. Successivamente, i tessuti si atrofizzano, la sensibilità delle mani e dei piedi peggiora, la pelle si stacca, diventa secca e cianotica.

Nell'ultima fase della progressione dell'alcolismo, compaiono i sintomi di astinenza. È caratterizzato da un forte deterioramento del benessere anche dopo una piccola dose di alcol: tremore, tachicardia, emicrania, problemi di coordinazione, vertigini, svenimenti, ecc..

Degrado personale e sociale

Nella fase finale dello sviluppo della dipendenza, si manifesta l'encefalopatia alcolica. Provoca problemi mentali..

Il paziente inizia a degradarsi personalmente e socialmente:

  • deterioramento dell'attività mentale, memoria;
  • sensazione inspiegabile di ansia, attacchi di panico, irritabilità eccessiva e aggressività;
  • insonnia, incubi;
  • perdita di cure;
  • pensare mal di testa.

Alcuni alcolisti mostrano una forte aggressività nei confronti degli altri, hanno una forte sovraeccitazione. Altri, al contrario, cadono nell'apatia. I pazienti all'ultimo stadio di solito perdono il lavoro, la famiglia, gli amici. La loro cerchia sociale si restringe ai compagni di bevute. Quando sono ubriachi, sono capaci di gravi crimini. I tossicodipendenti non possono rendere conto delle loro azioni e azioni.

Degradazione fisica

Con la dipendenza da alcol, si verificano cambiamenti patologici nel corpo. Gli effetti nocivi dell'etanolo hanno l'effetto peggiore sul sistema nervoso centrale. Le tossine distruggono le membrane protettive degli eritrociti. Si attaccano e intasano i vasi. I globuli rossi sono responsabili dell'apporto di ossigeno. Perché non possono trasportarlo al cervello, inizia l'ipossia. Le cellule degli organi muoiono e si sviluppano gravi patologie: epilessia, psicosi, amnesia, allucinazioni.

L'ostruzione dei vasi sanguigni porta a problemi nel CVS: il sangue si ispessisce, si verificano aneurismi. La conseguenza di ciò è un ictus emorragico. Il cuore soffre anche di tossine alcoliche. L'organo funziona per usura, di conseguenza si sviluppa l'ipertrofia miocardica. Porta all'angina e alla morte.

Si osservano cambiamenti patologici negli organi responsabili del filtraggio e della rimozione delle tossine. L'etanolo distrugge gli epatociti, si sviluppa la cirrosi epatica. A causa di problemi ai reni, il corpo accumula liquidi e sostanze nocive. Gonfiore, pallore e cianosi della pelle si osservano nei tossicodipendenti alcolici. Questo indica lo sviluppo di insufficienza d'organo.

Le mucose del tratto gastrointestinale sono costantemente irritate dall'azione dell'etanolo. Gli organi digestivi sono denutriti e si infiammano. Si verificano gastrite e ulcera peptica.

Viene spesso diagnosticata un'infiammazione dell'apparato respiratorio di natura cronica. A causa di problemi nel lavoro del cervello, la funzione di inspirazione ed espirazione viene interrotta. È probabile anche la paralisi del centro respiratorio. Questo è fatale..

Negli uomini si verifica una disfunzione sessuale, la qualità e la quantità di sperma sono compromesse. In entrambi i sessi, aumenta il rischio di cellule con anomalie cromosomiche e può svilupparsi infertilità. Le donne mostrano problemi alle ovaie.

Trattamento

Si consiglia di iniziare la terapia dell'alcolismo nelle fasi iniziali di sviluppo. In questo caso, la previsione sarà favorevole. Anche il terzo stadio della dipendenza può essere curato, ma ci vorrà molto tempo e fatica. Questo può essere fatto solo se il paziente capisce di essere malato, non ha perso completamente la sua funzione mentale ed è pronto ad ascoltare i medici.

Il trattamento di un alcolista viene effettuato in ambiente ospedaliero. Viene tolto dall'abbuffata con l'aiuto di un contagocce con farmaci:

  • solcoseryl;
  • solfato di magnesio;
  • bicarbonato;
  • glucosio;
  • gelatinolo;
  • disol.

Queste soluzioni purificano il sangue, ripristinano il funzionamento di organi e sistemi e reintegrano le riserve di nutrienti. La terapia viene avviata solo dopo la disintossicazione.

Durante il trattamento, l'alcol è severamente vietato, anche a piccole dosi..

La dipendenza viene eliminata utilizzando le seguenti tecniche:

  • codifica dei farmaci;
  • ipnosi.

Il trattamento con la medicina tradizionale nella terza fase non porterà alcun risultato. Il tossicodipendente deve essere influenzato psicologicamente. Con l'aiuto dell'ipnosi, si sviluppa la paura della morte dovuta al bere. Di conseguenza, appare una persistente avversione per l'alcol. La codifica funziona allo stesso modo e rimuoverà le voglie di alcol..

Il trattamento complesso include l'aiuto di uno psicologo. È in grado di:

  • creare un normale modello comportamentale;
  • libero da sensi di colpa;
  • determinare la patogenesi della malattia;
  • adattarsi nella società.

La terapia include l'eliminazione delle patologie degli organi e dei sistemi interessati, nonché il rafforzamento generale del corpo.

Il tuo narcologo avverte: la prognosi del recupero

Se nella fase finale dello sviluppo dell'alcolismo il paziente non cerca aiuto medico, la prognosi sarà sfavorevole. Vivrà per un massimo di 10-15 anni. La durata dell'esistenza dipende dal grado di danno agli organi vitali.

Un alcolista dovrebbe capire a cosa porta la sua dipendenza e volerne sbarazzarsi. Il paziente è obbligato a seguire incondizionatamente tutte le raccomandazioni del medico e ad abbandonare completamente le bevande alcoliche. Anche l'aiuto dei propri cari è importante. Dovrebbero fare del loro meglio per fornire supporto morale e prevenire guasti. In questo caso, si rivelerà per superare la dipendenza fatale..

3 fasi di alcolismo e sue conseguenze

Il terzo stadio dell'alcolismo è una malattia provocata dall'uso regolare di bevande alcoliche per 10-20 anni. La velocità della transizione a questa fase dipende dalle caratteristiche individuali dell'organismo. In questa fase, tutti i sintomi e le manifestazioni della malattia sono aggravati e si sviluppano gravi disturbi mentali. A volte è persino schizofrenia.

Concetto

Nella terza fase dell'alcolismo, i cambiamenti si verificano in tutto il corpo. Poiché le sue capacità compensative sono completamente esaurite. Pertanto, tutti i sintomi di avvelenamento tossico sono pronunciati. La tolleranza all'alcol diminuisce, quindi la dose per l'intossicazione è molto più bassa.

La voglia di alcol è già patologica e irresistibile. Cioè, una persona vuole bere alcolici e questa sensazione è simile alla sete o alla fame. Questo desiderio porta a una totale inosservanza dei doveri professionali o dei principi morali. Per ottenere alcolici l'alcolista è pronto per molto. Persino crudeltà verso la loro famiglia e azioni illegali. Se non ci sono soldi per l'alcol di alta qualità, utilizzerà surrogati.

Attenzione! Per la terza fase dell'alcolismo, è caratteristico che una persona beva da sola in luoghi diversi (parco, trasporto, sosta, ecc.).

Sintomi e segni

La terza fase dell'alcolismo è caratterizzata da abbuffate prolungate, che si alternano a brevi periodi di sobrietà. Quando una persona non beve alcol, ha i sintomi dei sintomi di astinenza:

  • mal di testa;
  • Dolori muscolari.
  • Dilirium alcolico - "delirium tremens", cioè allucinazioni.
  • Disturbo dell'appetito, o meglio la sua completa assenza.
  • Tachicardia.
  • Nausea e vomito. Il vomito non si manifesta come reazione difensiva, ma come segnale di intolleranza all'alcol.
  • Tremore.
  • Convulsioni.
  • Aumento della sudorazione.
  • Insonnia. Il sonno non dura a lungo, ma è accompagnato da incubi.

Il delirio alcolico si manifesta con allucinazioni visive, uditive e tattili. Secondo questo stato, un alcolizzato può essere identificato, poiché una persona inizia a sostenere di vedere mosche bianche (da questo deriva il nome "delirium tremens"). Oppure l'alcolista vede alcune creature e ha il desiderio di proteggersi da esse, quindi può essere pericoloso per gli altri. Le allucinazioni uditive dovute all'uso di alcol sono spesso fastidiose e anche la persona può comportarsi in modo imprevedibile. Gli alcolisti sentono voci ossessive che dicono loro di fare qualcosa.

Le allucinazioni tattili includono la sensazione di insetti o serpenti sul corpo, capelli in bocca, ecc. I parenti riconoscono rapidamente questo strano comportamento. Questo è già un motivo per un'azione seria..

La terza fase dell'alcolismo: negazione del problema

In questa fase, ci saranno già disturbi pronunciati nel funzionamento del tratto gastrointestinale (gastrite più spesso si verifica), fegato (cirrosi, epatite, epatosi grassa). I disturbi del sistema nervoso centrale sono i più critici per l'uomo. Ciò accade a causa di enormi danni alle cellule del cervello e del midollo spinale..

Dopo aver bevuto una dose di alcol, le persone con il terzo stadio della malattia possono essere estremamente aggressive o passive a tutto ciò che accade intorno. Tutto dipende dal carattere e dal temperamento della persona..

Il degrado della personalità si verifica anche a causa del fatto che l'alcolista perde i normali contatti sociali e inizia a comunicare con le stesse persone. Pertanto, tutte le aspirazioni sono solo per ottenere alcol.

Nella terza fase della malattia viene attivata l'encefalopatia alcolica. Questa condizione è caratterizzata da cambiamenti di tipo distrofico che si verificano nella corteccia cerebrale. A causa di questo infortunio, gli alcolisti soffrono di crisi epilettiche. Inoltre, si sviluppano demenza pronunciata e amnesia..

La psiche di un alcolizzato

La fase 3 dell'alcolismo è molto pericolosa come manifestazione di psicosi acute, poiché il loro sviluppo è rapido e termina in un grave pre-coma.

Disturbi mentali provocati dall'uso regolare di alcol:

  • Attacchi di panico di paura, aggressività, gelosia, ansia.
  • Attenzione sparsa, una persona non può concentrarsi completamente su nulla.
  • Con il lavoro mentale, l'alcolista inizia ad avere mal di testa e rovina immediatamente l'umore.
  • Degradazione della personalità, che si manifesta con una diminuzione delle capacità intellettuali di una persona, compaiono lacune di memoria. Con l'abuso di alcol, una persona diventa noiosa proprio davanti ai nostri occhi e i parenti se ne accorgono prima di tutto.

Un alcolizzato ha anosognosia al grado 3 della malattia. Questo è uno stato in cui una persona nega completamente la sua dipendenza, non capisce che è l'alcol a distruggere la sua vita. E a ogni menzione di questo, una persona sviluppa una reazione inadeguata, l'aggressività.

Esistono diverse forme di degradazione dell'alcol. È una forma psicopatica, degrado con euforia e degrado con aspontaneità..

La forma psicotica è caratterizzata da manifestazioni negative come il cinismo e l'aggressività. Pertanto, non è difficile per un alcolizzato fare osservazioni senza tatto agli altri, denigrare un'altra persona è assolutamente infondato. Inoltre, con questa forma, una persona ha attacchi di franchezza, che a volte sono fastidiosi.

Il degrado alcolico con euforia consiste nel buon umore di un alcolizzato, la critica di se stesso e di tutto ciò che lo circonda è completamente assente. Allo stesso tempo, un alcolizzato può discutere con nonchalance di cose insignificanti e di momenti importanti della vita. Può discutere di questioni intime con estranei. Nella comunicazione, una persona usa spesso battute..

La degradazione con spontaneità è una forma in cui l'alcolizzato è letargico e passivo. Una persona diventa mancanza di iniziativa e qualsiasi incentivo all'azione ha una reazione passiva. Una persona rinasce solo quando appare una nuova dose di alcol. Una persona in questa fase di degrado conduce uno stile di vita parassitario. Pertanto, questi alcolisti hanno maggiori probabilità di perdere la famiglia, il lavoro, gli amici, l'alloggio..

Trattamento

Le misure di trattamento per l'alcolismo in 3 fasi saranno efficaci solo con un completo rifiuto dell'alcol. Per fare questo, una persona deve essere aiutata a capire che è dipendente e che questa è una malattia. In considerazione di ciò, il trattamento dovrebbe consistere in diverse fasi:

  • Terapia farmacologica (disintossicazione, trattamento sintomatico).
  • Riabilitazione psicologica.
  • Adattamento sociale.
torna al contenuto ↑

Trattamento farmacologico

Se una persona beve da molto tempo, la terapia dovrebbe essere intensiva. In questo caso, i narcologi prescrivono una serie di misure terapeutiche. La disintossicazione è il primo passo. Allo stesso tempo, le tossine vengono rimosse dal corpo mediante farmaci. Pertanto, a una persona vengono somministrati contagocce per diversi giorni. I diuretici sono necessari, poiché rimuovono rapidamente i prodotti di degradazione dell'alcol.

Per rimuovere l'alcol etilico dal corpo, sono prescritti:

  • La soluzione di Ringer. La composizione chimica di questa soluzione include cloruro di sodio, potassio, calcio. Questi microelementi rimuovono efficacemente le tossine pesanti e ripristinano il normale equilibrio salino nell'organismo..
  • Soluzione di glucosio in combinazione con vitamine. Grazie a questo strumento, il funzionamento dei processi metabolici viene normalizzato, viene stimolata la rigenerazione dei tessuti. Anche la funzione epatica è normalizzata. Pertanto, tale soluzione viene prescritta per l'iniezione in una vena lentamente.
  • Diazepam. Questo è un medicinale che viene somministrato per via intramuscolare. Si consiglia di utilizzarlo per continuare il trattamento a casa. Il diazepam aiuta a prolungare il periodo di remissione.
  • A un'altra persona vengono iniettati adsorbenti per infusione. Questi sono i farmaci Gemodez, Unithiol, Magnesia, ecc..
  • Il naltrexone è un farmaco che, se usato, riduce il desiderio di bere alcolici.

La soluzione di Ringer per l'alcolismo

Sono necessari sedativi, dai quali la persona dormirà bene e questo periodo sarà più facile. A volte sono necessari anche tranquillanti. Sono selezionati individualmente e solo su prescrizione medica.

Inoltre, una persona deve curare malattie concomitanti che già esistono nella fase 3 della dipendenza da alcol. Molto spesso si tratta di pancreatite, gastrite, steatoepatite, nefropatia, cardiomiopatia e cancro del fegato, dell'intestino e dello stomaco..

Aiuto psicologico

Il periodo di riabilitazione psicologica è lungo, ma solo grazie a questo metodo una persona può imparare a fare a meno dell'alcol. Secondo il programma in 12 fasi, utilizzato in tutto il mondo per il trattamento degli alcolisti, questo periodo può durare fino a 6 mesi. In questo momento, gli psicologi lavorano con una persona, sviluppa nuove abitudini, trova il significato della vita, acquisisce fede e fiducia nelle sue capacità grazie a un'introspezione condotta correttamente.

Attenzione! È meglio che dopo un periodo di disintossicazione la persona si trovi in ​​un centro di riabilitazione. Solo in questo modo potrà distrarsi da tutte le tentazioni e cominciare a riprendersi..

L'adattamento sociale è necessario affinché il tossicodipendente impari a vivere senza alcol, per essere in grado di riprendersi sul lavoro e in famiglia. Allo stesso tempo, un alcolista ha bisogno anche dell'aiuto di uno psicologo-narcologo e un buon metodo è visitare gruppi di Alcolisti Anonimi.

Previsione

Quale sarà il risultato del trattamento dipende dal fatto che la persona sia a conoscenza della propria malattia. Con il giusto approccio e l'aiuto dei parenti, una persona può sbarazzarsi della sua dipendenza. Ma come mostrano le statistiche, ci sono pochissime persone di questo tipo, poiché nella terza fase della malattia ci sono già malattie fisiche e mentali concomitanti.

Alcolismo cronico del terzo stadio

Per il terzo stadio (finale) dell'alcolismo cronico, sono caratteristici sintomi qualitativamente nuovi, determinati da encefalopatia tossica espressa in questa fase, danno profondo agli organi interni, processi metabolici che portano a un indebolimento dei meccanismi protettivi. La fase 3 si verifica quando l'alcolismo ha 10-20 anni, tuttavia, non necessariamente nei pazienti anziani, l'età media dei pazienti in questa fase è di 45 anni.

Il desiderio patologico primario di alcol è significativamente modificato. La sua natura ossessiva diminuisce, la sensazione di disagio durante i periodi di astinenza è spiegata non tanto da fattori situazionali quanto da disturbi dell'umore con un colore depressivo. A causa della completa perdita del controllo situazionale, anche un trauma mentale minore può causare un desiderio sfrenato di alcol, che porta a un altro eccesso alcolico..

La tolleranza all'alcol inizia a diminuire nella fase di transizione 2-3 e nella fase 3 formata è significativamente ridotta. Il primo segno del passaggio dallo stadio 2 allo stadio 3 è un calo della tolleranza una tantum, ad es. l'intossicazione proviene da una quantità significativamente inferiore di alcol.

Una diminuzione della tolleranza è spiegata da una diminuzione dell'attività dell'alcol deidrogenasi e di altri sistemi enzimatici, nonché da una diminuzione della resistenza all'alcol del sistema nervoso centrale (encefalopatia tossica) e da una diminuzione delle capacità compensatorie.

La combinazione di una diminuzione della tolleranza con l'inizio del vomito dopo l'intossicazione è un segno diagnostico essenziale, che indica il passaggio dell'alcolismo allo stadio 3.

La natura dell'intossicazione nell'III stadio dell'alcolismo è strettamente associata a una diminuzione della tolleranza. Poiché la quantità una tantum di alcol è significativamente ridotta, un'intossicazione così grave non si verifica come nella fase 2.

Nell'ubriachezza, di regola, l'euforia è assente o leggermente espressa, la disinibizione, la malizia, l'aggressività sono molto meno, quindi il comportamento di un paziente alcolista diventa più tollerante nei luoghi pubblici ea casa.

Passa da "violento" a "tranquillo". Quando si consumano quantità significative di alcol, si verificano rapidamente fenomeni di stordimento e sopore. Nella fase 3, l'ubriachezza, anche dopo quantità relativamente piccole di alcol, può essere accompagnata da amnesia per un periodo significativo.

La perdita del controllo quantitativo in 3 fasi si nota dopo le più piccole quantità di alcol: un bicchiere di vodka o vino. La "dose critica" che provoca un'attrazione violenta e irresistibile è ridotta al minimo. Il controllo della situazione in 3 fasi è completamente assente, il che è una conseguenza della grave degradazione dell'alcol.

La sindrome da astinenza da alcol nella fase III si verifica dopo il consumo di dosi relativamente piccole di alcol, è accompagnata da più persistenti e prolungati rispetto allo stadio 2, disturbi somatovegetativi e neurologici, uno stato doloroso generale e un'irresistibile voglia di intossicare (la seconda variante del desiderio patologico secondario di alcol).

Poiché nei 3 stadi dell'alcolismo le singole dosi di alcol sono relativamente piccole, i sintomi dell'astinenza compaiono entro poche ore, mentre la voglia di ubriacarsi è molto intensa e irresistibile. Per gli estranei, un alcolizzato allo stadio 3 della malattia è meno evidente in uno stato di intossicazione, quando è passivo, sperimenta uno stato di benessere, ma in astinenza è pignolo, implorante, umiliato, a volte aggressivo e può immediatamente usare qualsiasi surrogato contenente alcol.

Forme di ubriachezza. Per la fase di transizione 2-3, l'ubriachezza intermittente è caratteristica, indicando l'inizio di una diminuzione della tolleranza all'alcol. In futuro, o l'ubriachezza costante si forma sullo sfondo di una ridotta tolleranza, o la più caratteristica della fase 3, le abbuffate cicliche.

L'ubriachezza costante sullo sfondo di una ridotta tolleranza è caratterizzata dall'uso di porzioni frazionarie di alcol durante il giorno a intervalli di 2-4 ore. L'alcolizzato è costantemente in uno stato di intossicazione leggera o moderata.

Per fermare i sintomi di astinenza, beve non solo durante il giorno, ma anche di notte, facendo scorta di bevande alcoliche per questa volta. Una interruzione forzata dell'assunzione di alcol, anche per diverse ore, provoca dolorosi disturbi somatovegetativi e neurologici. L'ubriachezza in questa forma continua per molti mesi, a volte anni.

L'ubriachezza in 3 fasi dell'alcolismo, che procede sotto forma di abbuffate periodiche o cicliche, è il sintomo più caratteristico e clinicamente delineato della fase 3 della malattia.

Durante un'abbuffata ciclica, nei primi giorni di essa, i pazienti usano porzioni frazionarie di dosi relativamente elevate di alcol. Intossicazione di gradi piuttosto gravi con agitazione, forme di comportamento antisociali, soporosi, amnesia profonda. Dopo 3-4 giorni di ubriachezza, la tolleranza è significativamente ridotta, per fermare i sintomi di astinenza, il paziente è costretto a bere una piccola dose di alcol ogni 2-3 ore.

Questo è accompagnato da disturbi somatovegetativi pronunciati, anoressia, sintomi dispeptici gravi (vomito, diarrea), debolezza, disturbi del sistema cardiovascolare. Nei 7-8 giorni di bevute pesanti, il paziente non può tollerare anche piccole dosi di alcol. A poco a poco le sue condizioni migliorano, viene "allattato".

In precedenza, questa forma di bere era chiamata "binge drinking lassativo". Dopo la fine dell'abbuffata, il paziente si astiene dal bere alcolici per un po 'di tempo, ma la primissima bevanda bevuta porta all'emergere di un'attrazione secondaria e di una nuova abbuffata.

Degradazione alcolica della personalità. Se nelle 1-2 fasi della malattia, in larga misura, si può parlare di deformazione della personalità alcolica - cambiamenti di personalità reversibili, allora per il secondo stadio di alcolismo cronico, è caratteristico il degrado sociale e mentale più o meno pronunciato della personalità (cambiamenti irreversibili).

Il segno più significativo del degrado sociale di una personalità è una diminuzione e, in futuro, una perdita di conoscenze e abilità professionali. Alcuni pazienti cessano di rispettare l'ordine stabilito di lavoro, la disciplina del lavoro, cambiano lavoro, declinano professionalmente, svolgono un lavoro occasionale poco qualificato, possono condurre uno stile di vita parassitario.

La degradazione mentale in 3 fasi dell'alcolismo è determinata dall'effetto tossico dell'intossicazione cronica da alcol sul cervello e dalla conseguente encefalopatia alcolica cronica. Inoltre, sono essenziali profondi cambiamenti di personalità..

Degradazione del tipo alcolico-psicopatico. È più corretto qualificare questo tipo come sviluppo patologico della personalità, a causa dell'assenza di segni di psicosindrome organica.

Per questo gruppo di pazienti, la più tipica perdita di norme morali ed etiche di comportamento, manifestata in inganno, vanagloria, umorismo maleducato, sopravvalutazione delle proprie capacità, completa acriticità nei confronti dell'ubriachezza in combinazione con instabilità affettiva, esplosività, incontinenza di affetti, rabbia con elementi di aggressività e al di fuori dell'intossicazione, rapida transizione dall'euforicità agli stati subdepressivi.

In questi pazienti i disturbi intellettuali-mnestici sono insignificanti; le riserve di conoscenze pregresse e capacità professionali possono essere conservate per lungo tempo. Ma queste opportunità, di regola, non vengono realizzate..

Degradazione per tipo organico-vascolare. In prima linea nei pazienti c'è un declino intellettuale-mnestico, che si manifesta in un deterioramento della memoria e dell'attenzione, apatia, affaticamento e diminuzione della capacità lavorativa. Insieme a questo, ci sono disturbi del sonno, umore basso, debolezza. Questi pazienti sono caratterizzati da stati depressivi con tendenze suicide derivanti dall'astinenza.

Le forme estreme di degradazione dell'alcol, secondo il tipo organico-vascolare, sono le sindromi pseudoparalitiche e pseudotumorose. Con una sindrome pseudo-paralitica, compiacenza, loquacità, vantarsi con una completa perdita di un atteggiamento critico nei confronti della propria condizione si rivelano in primo piano.

Meno comune è la sindrome pseudotumorosa, che si verifica quando l'alcolismo è combinato con forme gravi di encefalopatia, aterosclerosi cerebrale e altre malattie organiche del cervello. Si manifesta come apatia, ottusità emotiva, raggiungendo livelli tali che il paziente dà l'impressione di essere in uno stato di stordimento.

I pazienti con sintomi di degrado organico-vascolare non sono così difficili nella vita di tutti i giorni come i pazienti con cambiamenti di personalità nel tipo alcol-psicopatico, cercano volentieri aiuto medico, non rifiutano il trattamento anti-alcolico.

Degradazione di tipo misto. Più spesso, non ci sono forme estreme di degradazione dell'alcol, ma forme miste, inclusi elementi sia di disturbi intellettuali-mnestici associati all'effetto dannoso dell'alcol, sia cambiamenti di personalità a seconda del tipo alcol-psicopatico.

Oltre al tipo di cambiamento alcolico nella personalità del paziente, è necessario distinguere tra il suo grado e profondità. I cambiamenti iniziali nella personalità dei pazienti con alcolismo, manifestati in una leggera diminuzione delle capacità intellettuali, violazioni degli standard morali ed etici pur mantenendo le capacità professionali e la capacità di adattamento, sono caratteristici dello stadio 2 dell'alcolismo.

Con l'aggravamento dei segni elencati, è possibile diagnosticare la demenza parziale, che corrisponde allo stadio di transizione 2-3 della malattia. Con gradi pronunciati di degradazione dell'alcol, le capacità di adattamento sono compromesse e la capacità di lavorare è persa.

Psicosi alcoliche. Le psicosi alcoliche acute si verificano spesso nelle fasi di transizione 2-3 o 3. Nelle stesse fasi, oltre al delirio, possono verificarsi allucinosi, paranoide, psicosi di Korsakov, encefalopatia alcolica di Gaie-Wernicke, psicosi atipiche con sintomi allucinatorio-paranoidi..

Diagnostica del 3 ° stadio dell'alcolismo. Un segno oggettivo essenziale del passaggio dell'alcolismo dallo stadio 2 allo stadio 3 è una diminuzione della tolleranza all'alcol del 25% o più..

Lo stadio 3 formato è caratterizzato da segni come la perdita del controllo quantitativo da dosi minime di alcol, l'inizio del vomito in intossicazione, una componente somato-vegetativa pronunciata con gravi fenomeni somatici generali, con un desiderio irresistibile di intossicazione da alcol (la seconda variante del desiderio patologico secondario di alcol), la forma di ubriachezza - intermittente o costante sullo sfondo di una tolleranza decrescente (fasi 2-3) e dosi frazionarie costanti di alcol sullo sfondo di una tolleranza ridotta e sotto forma di abbuffate cicliche (fase 3). Fenomeni di degrado della personalità moderati (2-3 stadi) o pronunciati (3 stadi).

Sintomi e segni del terzo (ultimo) stadio dell'alcolismo. Quanti vivono con questa diagnosi?

L'alcolismo è una malattia mortale. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), l'abuso di bevande alcoliche provoca 2,5 milioni di morti ogni anno. Molto spesso, i bevitori muoiono di cirrosi epatica e cancro. La dipendenza da alcol si insinua inosservata.

Tuttavia, la sua formazione attraversa alcune fasi. Se nella prima e seconda fase è ancora possibile salvare il paziente, l'ultima fase dell'alcolismo è molto difficile da trattare. Senza cure mediche, l'aspettativa di vita in questo caso sarà molto piccola, non più di tre mesi..

Formazione di dipendenza dal bere

Puoi diventare schiavo del "serpente verde" molto rapidamente e inosservato per te stesso. Da un punto di vista fisiologico, l'iniziazione al bere può essere spiegata brevemente e semplicemente. Il corpo di ogni persona produce un ormone speciale: la dopamina. Grazie a questo componente, l'individuo sperimenta un senso di beatitudine e gioia. Quando l'alcol entra nel flusso sanguigno, viene rilasciata una grande quantità di dopamina.

Il bevitore ottiene un grande piacere. Il pericolo sta nel fatto che più spesso bevi alcolici, meno il corpo produrrà questo ormone stesso. Tutto finisce con il fatto che l'alcolista può essere soddisfatto solo dopo la successiva dose di alcol. Il tossicodipendente si sente depresso e depresso quando è sobrio..

Ecco un elenco dei principali fattori che influenzano lo sviluppo dell'alcolismo:

  • I tipi di bevande alcoliche che una persona beve. Qualsiasi consumo di alcol può causare dipendenza, tuttavia, maggiore è il grado, più luminoso e veloce avverrà questo processo. Ad esempio, in Moldova, il vino viene consumato in ogni famiglia, ma, tuttavia, la percentuale di alcolizzazione nel paese è inferiore rispetto alla Russia;
  • Stabilità finanziaria. Molto spesso, le persone degli strati inferiori della società bevono, coloro che non hanno un reddito regolare;
  • Atteggiamento verso l'alcol nell'ambiente. Se un individuo comunica con persone fedeli all'alcol e spesso bevono, prima o poi lui stesso adotterà questo modello di comportamento;
  • Eredità. Le voglie di alcol sono trasmesse dal genoma.

Cambiamento personale e sociale

A causa dell'alcol, si verifica il degrado della personalità, le barriere restrittive scompaiono. Un tossicodipendente può colpire una donna o una persona anziana. Il paziente diventa un parassita, smette di funzionare. Tuttavia, le capacità professionali rimangono. Un alcolizzato trascura i suoi doveri, diventa disordinato, dimentica gli standard igienici di base. Nelle fasi successive, l'interesse anche per l'alcol scompare, l'individuo continua a bere per inerzia.

La fase 3 dell'alcolismo è caratterizzata dal fatto che una persona inizia a ubriacarsi con gli altri. Rifornire le fila dei bevitori diventa l'obiettivo principale della sua vita. L'alcolista cerca di restituire alla bottiglia i conoscenti in codice, offre da bere a tutti quelli che incontra.

Sintomi di problemi fisiologici del terzo stadio dell'alcolismo

Nell'ultima fase della dipendenza, si verifica un forte deterioramento della salute. Tutte le malattie precedentemente acquisite si stanno ora trasformando in una fase grave.

Prima di tutto, il colpo viene applicato al tratto gastrointestinale. L'alcolismo cronico porta a danni alla mucosa di tutti gli organi digestivi. Il processo di assorbimento dei liquidi viene interrotto, motivo per cui le persone che bevono sono spesso disidratate.

Il terzo grado di dipendenza è caratterizzato dall'infiammazione del pancreas, ma questo è nella migliore delle ipotesi. L'organo può essere completamente danneggiato. La necrosi pancreatica, come viene chiamato questo fenomeno nel linguaggio medico, è una diagnosi senza speranza, puoi conviverci molto poco.

Un'altra malattia del pancreas, la pancreatite, non è meno pericolosa. Con questa malattia, l'organo "mangia" se stesso, provocando la sofferenza dei reni, del fegato, del cervello e dei polmoni. L'ultimo, terzo stadio dell'alcolismo è spesso caratterizzato dall'insorgenza del cancro. Gli studi hanno dimostrato che l'alcol è un agente cancerogeno che porta al cancro. Di solito gli alcolisti muoiono di cancro allo stomaco, all'intestino e al seno.

I problemi al fegato diventano evidenti nelle fasi successive della malattia. Questa caratteristica è spiegata dal fatto che il fegato è un organo che praticamente non fa male e viene distrutto impercettibilmente. Il disturbo alcolico più comune è la cirrosi. La distruzione del fegato rende difficile il flusso di sangue al cuore. Il ristagno si verifica nelle vene dell'esofago, si formano grandi nodi che possono scoppiare in qualsiasi momento. L'emorragia iniziata è difficile da fermare, può portare alla morte del paziente.

A causa della grande quantità di alcol, il cuore diventa flaccido e perde la sua capacità di contrarsi. Questo fenomeno è chiamato cardiomiopatia alcolica..

Coma alcolico

Il terzo stadio della dipendenza da alcol può essere caratterizzato dal fatto che il paziente cade in coma. In questa condizione, una persona non è in grado di respirare, deglutire e muoversi da sola. Tutti i muscoli sono rilassati.

La causa del coma è il danno cerebrale alcolico. L'alcol prima eccita tutto il corpo e poi lo rilassa. Il cervello ubriaco spegne i centri responsabili del movimento e della respirazione. Durante un coma, si verifica edema tissutale, diminuzione del volume sanguigno. Tutto ciò porta a convulsioni e una diminuzione della pressione a un livello pericoloso..

L'alcol riduce la quantità di zucchero nel corpo umano e questo può contribuire all'insorgenza di un coma. Per avviare questo processo, il sangue del paziente deve contenere solo 3 ppm di alcol..

Trattamento dell'alcolismo avanzato

Molte persone credono che la terza fase dell'alcolismo sia incurabile. Questo malinteso è rafforzato dal fatto che i medici non amano molto trattare con pazienti così gravemente malati. Spesso ciò è dovuto all'età dei tossicodipendenti (oltre i 40 anni) e alla presenza di malattie croniche..

In effetti, l'alcolismo del terzo stadio può essere curato, ma il processo sarà lungo e difficile. L'efficacia dipende in gran parte dallo stato mentale della persona. Se il paziente non ha ancora perso la capacità di ascoltare le altre persone, entra in contatto e conserva i rudimenti dell'intelligenza, le possibilità di guarigione aumentano.

Più a lungo una persona ha bevuto, più lungo e difficile sarà il suo trattamento. Prima di tutto, il paziente viene tolto dall'abbuffata. In questa situazione, questo può essere fatto solo in ospedale. Il paziente viene instillato.

Il sistema include:

  • solcoseryl;
  • solfato di magnesio;
  • bicarbonato;
  • glucosio;
  • gelatinolo;
  • disol.

I componenti elencati purificano il sangue, ripristinano le funzioni di base del corpo e reintegrano le riserve di sostanze necessarie. Il trattamento di un alcolista inizia solo dopo l'eliminazione dei sintomi dell'intossicazione da alcol.

La caratteristica della terza fase della dipendenza prevede un rigoroso divieto di utilizzo di bevande alcoliche. Mentre nelle prime due fasi della malattia, si tratta di ridurre la dose.

I metodi comuni per sbarazzarsi dell'ultimo stadio della dipendenza includono:

  • codifica;
  • ipnosi.

Diverse compresse, gocce e preparati a base di erbe sono inefficaci in questa situazione. Un alcolista esperto può essere influenzato solo psicologicamente. Con l'aiuto dell'ipnosi, sarà possibile instillare la paura di morire anche da una piccola quantità di alcol. Date le cattive condizioni di salute, la paura dell'alcol arriva rapidamente.

La codifica non solo intimidirà il paziente, ma libererà anche dal desiderio ossessivo di sorseggiare anche una goccia di alcol.

Un enorme livello di trattamento per l'alcolismo avanzato è la psicoterapia. È necessario ripristinare le qualità personali, aiutare il paziente a tornare nella società.

Lo psicologo è in grado di:

  • formare modelli di comportamento adeguati;
  • libero da sensi di colpa;
  • trova la causa dell'ubriachezza.

Molta attenzione viene prestata al rafforzamento del corpo. Insieme alle misure per liberare il paziente dalla dipendenza, vengono trattati gli organi colpiti.

Fasi della formazione della dipendenza

Ci sono tre fasi dell'alcolismo. Un segno sicuro della prima fase è una costante e forte voglia di bere:

  • il paziente può parlare di alcol per ore;
  • inizia a capire bene tutti i tipi di bevande forti;
  • sa come differiscono nel gusto, di cosa sono fatti e quando vengono utilizzati.

Altri sintomi della prima fase della dipendenza sono:

  • Ricerca patologica di un motivo per bere alcolici. Ormai non un solo evento può fare a meno di bevande forti, e ogni evento “va notato”;
  • Ridurre la tua lista di amici. Un uomo lascia nella sua cerchia solo chi ama la bottiglia;
  • La dose di alcol viene aumentata. Se prima un individuo consumava 150 grammi e gli andava bene, ora per raggiungere questo stato ha bisogno di bere 500 grammi;
  • Nessuna sbornia. Dopo l'ubriachezza, una persona non soffre di mal di testa, indigestione e intestino, poiché non c'è intossicazione del corpo.

La seconda fase dell'alcolismo è caratterizzata dall'insorgenza dell'abbuffata, questo è il nome del fenomeno in cui il paziente consuma continuamente alcol per 3, 7, 14 e più giorni. A causa del consumo frequente, una grande quantità di prodotti di decomposizione etilica si accumula nel corpo, si verifica avvelenamento: una sbornia.

Durante i sintomi di astinenza, una persona sperimenta:

  • nausea grave;
  • vomito;
  • vertigini;
  • brividi;
  • dolori muscolari;
  • emicrania;
  • depressione, ansia;
  • insonnia;
  • tremore alle braccia e alle gambe;
  • fiato corto;
  • forte sudorazione.

La sindrome da sbornia può verificarsi sia con l'alcolismo cronico che con un singolo uso di grandi quantità di alcol. Più ubriaco e più a lungo dura l'abbuffata, più grave sarà l'avvelenamento. Questo problema non può essere ignorato, i postumi di una sbornia devono essere trattati. L'intossicazione con prodotti di degradazione alcolica può portare a disidratazione, rottura dell'esofago e infarto.

Per alleviare le sue condizioni, il paziente beve una nuova dose di alcol e avverte un notevole miglioramento. Tuttavia, dopo aver smaltito la sbornia, si ammala di nuovo. Una persona si ubriaca di nuovo: è così che si forma un'abbuffata, pochissime persone possono uscirne. Questa condizione è pericolosa a causa del verificarsi di un coma alcolico, che porta alla morte..

Nella seconda fase della dipendenza, l'aspetto di una persona cambia:

  • il viso si gonfia molto, diventa gonfio;
  • il tipo di pelle cambia, diventa molto grassa o dolorosamente secca;
  • la rete venosa attorno al naso è visibile;
  • compaiono le borse sotto gli occhi;
  • il bianco degli occhi diventa giallo.

Più una persona beve alcol, più soffrono gli organi interni. Nella seconda fase della dipendenza, si può formare una cirrosi epatica incurabile. Per quanto tempo vivrà un paziente con una tale diagnosi dipende solo da lui, poiché ogni cento grammi di alcol vengono rubati diversi giorni della sua vita.

Prognosi deludente per altri organi. L'alcol influisce su:

  • Reni. Questi organi cessano di funzionare normalmente e possono fallire completamente e diventare inefficaci;
  • Cuore. Il 23% di tutti gli attacchi di cuore è dovuto all'alcolismo;
  • La cistifellea. L'alcol interferisce con il normale flusso della bile;
  • Organi riproduttivi. La maggior parte degli ovuli muore, lo sperma perde la sua mobilità;
  • Cervello. Le connessioni neurali vengono distrutte, la materia grigia si secca. A causa di ciò, le capacità mentali si deteriorano. Iniziano allucinazioni, stati deliranti e delirium tremens.

Il principale sintomo psicologico dell'inizio del secondo stadio dell'alcolismo sono i cambiamenti comportamentali. Persona precedentemente calma e cortese, diventa litigiosa e aggressiva. In uno stato di ubriachezza, il paziente provoca deliberatamente scandali e litigi. Questo vale anche per le donne. Una ragazza tranquilla e premurosa può diventare sfacciata, irresponsabile e scandalosa..

L'ultima fase dell'alcolismo

Lo stadio finale nella formazione della dipendenza è l'alcolismo di 3 ° grado. Di solito si avvicina ai 40 anni, quando il paziente ha un'esperienza impressionante nel bere.

Un sintomo lampante del fatto che il terzo stadio dell'alcolismo è corrucciato è una forte riduzione della dose di alcol. Il punto qui non è affatto un autocontrollo intensificato. La persona semplicemente non può più bere. Il fegato è consumato e non produce enzimi che abbattono l'alcol. L'alcol si accumula nel sangue. Il paziente si ubriaca molto rapidamente, può "disconnettersi" perfino da una pila.

C'è ancora una forte voglia di bere, il tossicodipendente non è quasi mai sobrio. Inizia una lunga serie di alcolici. L'alcol continuo è accompagnato da una completa mancanza di appetito. Lo stomaco smette di assimilare il cibo, di solito i pasti finiscono con il vomito. L'alcolista esaurisce finalmente il suo corpo, perde molto peso. La pelle diventa grigia e i capelli sono secchi e spenti.

Un'altra caratteristica di questa fase è la perdita di memoria. Una persona ubriaca potrebbe anche non ricordare cosa è successo 5 minuti fa. L'amnesia si sviluppa molto rapidamente. Di conseguenza, una persona dimentica il suo nome, non riconosce i propri cari. I problemi di memoria possono persistere anche dopo il recupero dal binge drinking, poiché si verifica a causa di danni al cervello causati dall'alcol.

La terza fase dell'alcolismo

Soddisfare:

  1. Caratteristiche del desiderio e della tolleranza per l'alcol nella terza fase dell'alcolismo
  2. Come cambia la natura dell'intossicazione nello stadio 3 dell'alcolismo
  3. Forme di ubriachezza e grado di alcolismo stadio 3
  4. Caratteristiche del trattamento di pazienti con alcolismo allo stadio 3

La fase 3 dell'alcolismo cronico è la fase finale di questa malattia. È caratterizzato da un quadro sintomatico, caratterizzato dallo sviluppo di gravi patologie tossiche. Nel paziente, quasi tutti gli organi interni sono colpiti, viene determinata l'encefalopatia pronunciata, tutti i meccanismi protettivi e protettivi sono indeboliti. Il periodo finale di dipendenza da alcol si forma 10-20 anni dopo l'inizio della malattia. Ma non sempre gli individui che soffrono di questa forma della malattia appartengono alla vecchiaia. Lo stadio finale della malattia può colpire anche la categoria dei giovani. Il principale contingente di pazienti ha 45 anni. I medici delle cliniche per farmaci devono spendere molti sforzi per aiutare i tossicodipendenti alcolici con questa patologia.

Caratteristiche del desiderio e della tolleranza per l'alcol nella terza fase dell'alcolismo

Il desiderio patologico di assumere alcolici assume caratteristiche specifiche.

Diventa tipico per lui:

  • La presenza di gravi disturbi a disagio durante l'astinenza. Sono spiegati da disturbi affettivi e depressione, sofferenza fisica.
  • Perdita completa del controllo situazionale, che porta a un'attrazione sfrenata per quasi qualsiasi motivo.
  • Una forte diminuzione della tolleranza, manifestata dall'intossicazione da piccole quantità di alcol, in contrasto con le enormi dosi della precedente fase di dipendenza fisica. Ma i pazienti bevono molto spesso durante il giorno, per cui la porzione totale di alcol consumata rimane alta..
  • Smettere di bere bevande forti e passare a bevande più deboli, a causa dell'esaurimento delle forze protettive, una diminuzione dell'attività degli enzimi che abbattono l'alcol.
  • La comparsa di un riflesso del vomito quando si assumono grandi quantità di prodotti a base di etanolo (nelle fasi 1 e 2, questo sintomo è assente).

Come cambia la natura dell'intossicazione nello stadio 3 dell'alcolismo

Poiché le singole dosi di alcol diventano piccole, la gravità della loro azione è piuttosto bassa. L'intossicazione acuta grave nei pazienti non si verifica più. L'euforia è quasi impercettibile, così come i comportamenti "violenti". Nelle fasi finali della malattia, i pazienti appaiono prevalentemente tranquilli e letargici. Entrambi i tipi di controllo - quantitativo e situazionale sono assenti. Gli ubriaconi bevono ovunque e senza motivo.
I sintomi di astinenza si sviluppano dopo aver consumato anche piccole quantità di prodotti contenenti alcol.

La sua struttura è dominata da:

  • Condizione dolorosa generale e umore.
  • Disturbi del sistema autonomo: tremori, brividi, difficoltà a parlare, discordanza.
  • Battito cardiaco lento, tendenza a svenire e insufficienza vascolare acuta.
  • Un'irresistibile voglia di sbornia per trovare sollievo.

I pazienti sono pronti a fare qualsiasi cosa per ottenere la dose "terapeutica". Implorano, si umiliano, ma possono anche essere aggressivi. Ci sono frequenti casi di ubriachezza con surrogati: acqua di colonia, smalto, ecc. In generale, i sintomi di astinenza sono piuttosto difficili..

Forme di ubriachezza e grado di alcolismo stadio 3

Con il passaggio dalla 2a alla 3a fase della malattia, compare un tipo di abuso intermittente. È caratterizzato dalla stratificazione di episodi di ubriachezza su una forma permanente di intossicazione. Quando la malattia acquisisce completamente le caratteristiche del grado finale, la tolleranza inizia a diminuire. I pazienti sviluppano due tipi di alcolismo.

Questi includono:

  • Ubriachezza costante sullo sfondo di una rapida intossicazione da piccole dosi.

Gli alcolisti bevono piccole porzioni - 100-150 grammi, il più delle volte di alcol debole. Questa quantità è sufficiente per resistere nella relativa "zona di comfort" per circa 2-4 ore. Quindi è necessaria una ripetizione del bere. Questa modalità ti consente di essere costantemente in un grado di intossicazione leggero o moderato. Quando compaiono segni di astinenza, gli ubriaconi cercano una sbornia urgente, anche di notte. I bevitori cercano di fare scorta della quantità necessaria di alcol per un uso futuro in modo da non provare disturbi somatovegetativi dolorosi, in particolare tremori dolorosi. Possono mantenere un tale ritmo per mesi e persino anni..

  • Bere alcolico periodico (ciclico).

Questo tipo di stato di ubriachezza ha il suo quadro e sintomi specifici. I primi 3-5 giorni, i pazienti bevono grandi dosi di alcol. Mostrano forme gravi di intossicazione. Il giorno successivo, la tolleranza diminuisce drasticamente. Per evitare dolorosi postumi di una sbornia, gli alcolisti consumano piccole porzioni di alcol ogni 2-3 ore. Ma anche ubriacarsi non li salva dall'astinenza. Non possono mangiare, soffrono di vomito e diarrea, dolori cardiaci e aritmie. In assenza di una dose di "risparmio", sviluppano la paura della morte. Alla fine di 7-8 giorni, i bevitori perdono la capacità di sbornia. Con grande difficoltà bevono solo acqua. I sintomi di astinenza raggiungono il loro apogeo con vomito atroce, bruschi aumenti della pressione sanguigna. A poco a poco la condizione migliora.
La fase 3 è caratterizzata da un grave degrado della personalità. Con esso, i pazienti perdono le manifestazioni residue di socializzazione nella società - smettono di lavorare nella loro specialità principale. A poco a poco, perdono le loro qualifiche e, per trovare un'opportunità per guadagnare denaro, cercano i tipi di attività più primitivi. Ben presto gli alcolisti iniziano a condurre uno stile di vita implorante e parassitario..

Sviluppano:

  • Gravi malattie croniche.
  • Psicosi alcoliche.
  • Disturbi mentali espliciti: perdita di memoria, apatia, tipo di umore depressivo.

Spesso commettono atti suicidi..

Caratteristiche del trattamento di pazienti con alcolismo allo stadio 3

La cura del paziente è per lo più sintomatica. In relazione al marcato degrado, i tentativi di motivazione non hanno alcun senso. Gli alcolisti possono essere supportati solo in ambiente ospedaliero.

Per fare questo, sono prescritti:

  • Programma disintossicante.
  • Terapia psicotropa, che aiuta ad alleviare temporaneamente le voglie di alcol ed eliminare le manifestazioni di disturbi psicotici.
  • Farmacoterapia di supporto per il sollievo delle principali funzioni degli organi.
  • Rimedi sintomatici.

Si consiglia ai pazienti di creare un alimento dietetico fortificato al fine di eliminare la disidratazione e la cachessia, l'ipovitaminosi. Se possibile, dovrebbero essere ricoverati in cliniche palliative.

Paternità e modifica del testo:
Capo del Dipartimento di Psichiatria e Narcologia, MC "Alkoklinik", psichiatra-narcologo A.G. Popov, psichiatra-narcologo L.A. Serova.