Fasi di sviluppo di alcolismo e metodi di trattamento

L'alcolismo è una malattia mentale cronica con grave dipendenza mentale e fisica dall'alcol. Come ogni altra malattia, l'alcolismo si sviluppa gradualmente e ha i suoi segni caratteristici. Lo sviluppo della dipendenza è caratterizzato da un graduale aumento della quantità di alcol consumato, una persona perde la capacità di controllare se stessa e il proprio comportamento, nonché di valutare adeguatamente ciò che sta accadendo intorno. Le fasi di sviluppo dell'alcolismo sono le stesse sia per gli uomini che per le donne. Ci sono tre fasi dell'alcolismo. È importante conoscere le fasi dell'alcolismo e le possibili cure.

Primo stadio - iniziale

Il primo stadio dell'alcolismo si esprime in un graduale aumento della quantità e della frequenza del consumo di alcol. Per bere, il tossicodipendente inizia a inventare varie scuse, ad esempio problemi sul lavoro; cattivo umore; una vacanza non sempre significativa. Il primo stadio dell'alcolismo è caratterizzato dalla manifestazione di un tale segno come comportamento inappropriato e sfacciato a seguito di una rapida perdita di controllo su se stessi. In questa fase della malattia, è caratteristico l'avvelenamento con bevande alcoliche e i loro prodotti di decadimento..

Dopo una festa, i seguenti sintomi sono caratteristici:

  • Mal di testa.
  • Sudorazione eccessiva.
  • Nausea.
  • Ansia.
  • Disturbi del sonno.
  • Deviazione della pressione sanguigna dalla norma.

Spesso si nota che l'assunzione di alcol ricomincia al mattino. Sembra essere con l'obiettivo di migliorare il benessere, anche se non c'è voglia di bere. Al contrario, l'odore di alcol può peggiorare la condizione. Ma vale la pena prendere un po 'di alcol e il disagio associato al consumo di alcol scompare. Una persona prova una sorta di euforia e dimentica di essersi sentita male recentemente.

Una persona dipendente, indipendentemente dalle sue condizioni, che sia sobria o ubriaca, si condanna per l'uso frequente di alcol. Ma allo stesso tempo non riesce a superare la voglia di bere. Nella fase iniziale, non ci sono ancora segni di sintomi di astinenza. Lo sviluppo di questa fase di dipendenza da alcol avviene gradualmente, il periodo può variare da uno a dieci anni, dopodiché passa senza problemi al secondo stadio. Quanto tempo passerà prima che si sviluppi la seconda fase dell'alcolismo, è impossibile prevederlo. Ogni organismo è diverso. Durante questo periodo, è più facile curare la dipendenza incipiente, poiché il paziente è consapevole del problema.

Trattamento iniziale

Il trattamento nella fase iniziale dello sviluppo della dipendenza dovrebbe iniziare con uno studio del corpo al fine di identificare i disturbi risultanti. È necessario esaminare gli organi del tratto gastrointestinale e il sistema nervoso. Se vengono rilevate violazioni, il medico prescriverà il trattamento necessario. Puoi essere trattato in regime ambulatoriale, mantenendo la solita routine: vai al lavoro, comunica con gli altri, partecipa a vari eventi. Nel processo di trattamento, le persone vicine dovrebbero supportare pienamente il paziente e in nessun caso condannare per comportamenti scorretti del passato. I loro giudizi possono provocare ulteriore stress, causare la progressione della malattia e svilupparsi nel secondo stadio..

Per un ulteriore supporto ed esclusione dello sviluppo della depressione, è utile sottoporsi a sedute di psicoterapia. Uno psicoterapeuta ti aiuterà a capire il motivo dello sviluppo della dipendenza e ti darà consigli su come prevenirne l'ulteriore progressione. Nel processo di tale trattamento, lo stato emotivo e mentale di una persona che ha abbandonato il solito modo di vivere sarà rafforzato. Gli esperti daranno consigli su come affrontare problemi e difficoltà senza bere. Il corso di psicoterapia ha un risultato positivo solo con un desiderio personale di sbarazzarsi della dipendenza.

Secondo stadio - medio

Per la seconda fase della malattia, la comparsa dei sintomi di astinenza è caratteristica. Una persona dipendente, al risveglio al mattino, è sicura che una certa dose di alcol gli fornirà il miglior aiuto. Si verifica un miglioramento a breve termine, ma i sintomi di astinenza ritornano presto. La persona dipendente continua a soffocare le sensazioni spiacevoli con l'alcol, si forma una sorta di circolo vizioso che porta a bere molto. Un netto rifiuto delle bevande alcoliche può comportare molte gravi conseguenze, nel qual caso è necessario l'aiuto dei medici.

Lo stadio intermedio dell'alcolismo è caratterizzato da esacerbazione o sviluppo di molte malattie croniche, ad esempio:

  • Gastrite.
  • Ulcere.
  • Gastroduodenite.
  • Epatite alcolica.
  • Pancreatite.
  • Sindrome da distonia autonomica.
  • Cardiomiopatia.
  • Altre malattie cardiache.

Il decorso della malattia in questa fase è complicato dal fatto che le persone circostanti condannano la persona dipendente. Lo stress aumenta, i conflitti si verificano al lavoro ea casa. Nella speranza di affrontare i problemi, i pazienti cambiano la loro cerchia sociale, composta da singoli agricoltori che convivono con la stessa dipendenza. L'alcol è un medicinale che allevia i problemi.

Trattamento per la fase intermedia dell'alcolismo

La seconda fase dell'alcolismo si manifesta in gravi segni della malattia. Di conseguenza, è necessario un atteggiamento responsabile nei confronti del trattamento. Il trattamento dovrebbe essere completo.

Trattamento avversivo: questo metodo viene utilizzato per trattare le persone che non vogliono liberarsi dalla dipendenza. Per il loro trattamento vengono utilizzati farmaci che provocano avversione all'alcol, agendo sui riflessi naturali.

La disintossicazione del corpo è un trattamento che si basa sull'uso di farmaci per purificare il corpo dai prodotti di degradazione dell'alcol. La disintossicazione allevia la dipendenza fisica e generalmente allevia la condizione. La dipendenza psicologica rimane.

La psicoterapia è un metodo di trattamento efficace. Come già notato, psicoterapeuti e psicologi ti aiuteranno ad abituarti a una nuova vita senza alcol. Con il loro aiuto, il paziente riconosce il problema e farà tutto il possibile per prevenirne lo sviluppo. Il lavoro di psicoterapeuti e psicologi sarà efficace solo se il paziente è consapevole della necessità di cure.

Adattamento sociale: ci sono casi in cui il paziente stesso decide di smettere di bere, ma non può farcela. In una situazione del genere, è importante applicare il metodo di adattamento sociale. Gli specialisti aiuteranno la persona dipendente a migliorare le relazioni con i propri cari, tornare al lavoro, iniziare di nuovo a interagire con le persone intorno a lui.

Liberarsi della dipendenza da alcol è un processo difficile e che richiede tempo. Prima di tutto, è necessario il desiderio del paziente. L'uso di tutti i metodi in combinazione può portare a buoni risultati..

La terza fase è l'ultima

La terza fase dell'alcolismo è considerata finale. Con questo grado di alcolismo, i sintomi della malattia sono pronunciati e si manifestano in forme gravi. La loro esposizione può portare a gravi conseguenze. Il terzo stadio dell'alcolismo è caratterizzato da disturbi significativi della psiche e di altri organi. Il paziente beve ogni giorno più volte al giorno. L'intossicazione nell'ultimo stadio dell'alcolismo si verifica rapidamente da una piccola quantità di alcol. La manifestazione dei sintomi di astinenza è grave.

Nell'ultima fase, una persona è completamente degradata. Le violazioni degli organi interni e del sistema nervoso sono così significative che spesso le loro manifestazioni portano a una limitazione della funzione motoria, disturbi del linguaggio, una persona può essere paralizzata, la probabilità di morte non è esclusa. Le persone dipendenti perdono molto peso. I loro movimenti diventano esitanti. L'ultima fase dell'alcolismo è caratterizzata da un segno come un aumento dell'addome, questo accade perché il fegato è notevolmente ingrandito.

I sintomi del disturbo mentale si esprimono in aggressività, irritabilità, propensione all'omicidio e al suicidio. I sintomi sono aggravati dai sintomi di astinenza. Quasi tutti i casi di malattia nella fase finale finiscono con la morte di una persona. La causa può essere dovuta a una malattia, ma ci sono casi in cui la loro morte avviene a seguito di omicidio o suicidio.

Trattamento nella fase finale

Il terzo stadio dell'alcolismo è una malattia molto grave e difficile da trattare. Ma il trattamento è ancora possibile. Il ricovero è richiesto in una struttura ospedaliera per ripristinare gli organi interessati. In questa fase dell'alcolismo, i pazienti raramente soffrono di postumi di una sbornia, poiché non si smaltiscono mai. Il paziente deve escludere completamente l'assunzione di alcol per disintossicare il corpo e iniziare il trattamento. La disintossicazione purificherà il corpo dalle tossine ed eliminerà la comparsa dei sintomi di astinenza.

La terapia farmacologica consiste nell'uso di farmaci che alleviano il dolore e ripristinano il funzionamento degli organi. Il trattamento farmacologico deve coincidere con la psicoterapia, soprattutto con segni pronunciati di disturbo mentale. Ci sono vari sintomi che compaiono con una completa cessazione dell'alcol, ma sono psicoterapeuti e psicologi che aiuteranno a trasferirli in una forma più facile. L'adattamento sociale del paziente aiuterà a migliorare il rapporto con i propri cari e con il mondo esterno..

La terza fase dell'alcolismo è considerata l'ultima ed è impossibile dire esattamente per quanto tempo una persona può vivere. Ma dovrebbe essere chiaro che se il trattamento non viene seguito, questo periodo sarà breve..

L'alcolismo è una malattia terribile che può distruggere famiglie, carriere e rovinare completamente la vita delle persone. L'aiuto dovrebbe essere fornito al paziente il prima possibile, principalmente dai parenti. Il loro aiuto è necessario durante il processo di trattamento. Le persone vicine dovrebbero sapere quali sono i segni caratteristici e come determinare lo stadio dell'alcolismo per valutare correttamente la complessità della situazione.

Fasi di sviluppo di alcolismo e loro segni

Il consumo moderato di bevande alcoliche non è un problema per la maggior parte degli adulti, sebbene sia irto di conseguenze molto spiacevoli. Quando una persona smette di controllarsi e inizia ad abusare di alcol ogni giorno, esiste già un rischio reale di sviluppare dipendenza da alcol.

Combattere la dipendenza è più facile nelle fasi iniziali, motivo per cui è necessario sapere quali sono le fasi dell'alcolismo e i loro principali segni.

Meccanismo di dipendenza da alcol

Gli scienziati non sono ancora in grado di raggiungere un consenso su come si verifica la formazione della dipendenza da alcol. Si ritiene che l'abitudine si sviluppi a causa delle caratteristiche del cervello, più precisamente, della sua capacità di produrre neurotrasmettitori - sostanze responsabili del corso dei processi neuropsichiatrici.

C'è un'area al centro del cervello chiamata centro del piacere. È in quest'area che vengono prodotti questi componenti biologicamente attivi, la cui quantità influenza direttamente lo stato emotivo e la gravità delle emozioni. Le bevande alcoliche stimolano l'attività di questa zona, a seguito della quale il cervello produce più neurotrasmettitori e una persona sperimenta euforia..

La difficoltà sta nel fatto che i tessuti di quest'area si esauriscono nel tempo, questo porta al fatto che i neurotrasmettitori possono essere rilasciati solo sotto l'influenza dell'alcol. Di conseguenza, una persona non può rallegrarsi e sentirsi felice senza alcol: si forma una dipendenza psicologica. Questo è l'alcolismo.

Se le misure non vengono prese in modo tempestivo, nel tempo l'abitudine si svilupperà da una fase psicologica a una fisiologica. In questo caso, la persona berrà non solo per rallegrarsi, ma anche per evitare disagi fisiologici..

Cause e trattamento della fase iniziale dell'alcolismo

Poiché il primo stadio dell'alcolismo non è accompagnato da sintomi gravi e in questa fase la persona non è ancora degradata, spesso non viene presa sul serio. I metodi di terapia e la durata del trattamento dipendono dai seguenti parametri:

  • l'età e il sesso della persona;
  • stadio della malattia;
  • background emotivo e atmosfera in famiglia;
  • predisposizione genetica;
  • ambiente;
  • stabilità mentale.

Inoltre, l'efficacia del trattamento dipende in gran parte da come il paziente stesso percepisce la situazione e se si considera un alcolista. Il primo stadio dell'alcolismo spesso non ha una manifestazione pronunciata e procede impercettibilmente sia per il paziente stesso che per i suoi parenti e amici.

Spesso, una persona che beve regolarmente alcolici non prende sul serio il problema e crede che non diventerà mai un alcolizzato. Ciò porta al fatto che dopo un po 'una persona inizia a consumare bevande forti a giorni alterni e ogni giorno, senza motivo, e le dosi vengono gradualmente aumentate. Di conseguenza, dopo alcuni mesi, si sviluppa la dipendenza da alcol, quando il paziente non può più vivere un giorno senza bere alcolici..

Per quanto riguarda il trattamento dell'alcolismo, è necessario capire che prima inizia, più breve sarà e maggiori sono le possibilità di successo. La prima cosa da fare è cercare di capire cosa ha causato il problema. I problemi sul lavoro o le difficoltà nei rapporti con i propri cari sono più spesso il fattore provocante. Ecco perché, nella maggior parte dei casi, al paziente vengono prescritte consultazioni con uno psicologo. Il medico non solo sarà in grado di capire perché tutto è iniziato, ma anche di spiegare al paziente cosa ha affrontato e quali potrebbero essere le conseguenze se non ti fermi.

Inoltre, il trattamento della dipendenza da alcol comporta una diagnosi completa. I pazienti che soffrono di dipendenza spesso affrontano i seguenti disturbi:

  • malattie dei reni, del fegato e del pancreas;
  • malattia vegetativa-vascolare;
  • problemi di pressione sanguigna;
  • disturbi nervosi e disturbi neurologici.

Poiché è quasi impossibile determinare in modo indipendente lo stadio dell'alcolismo e scegliere il trattamento appropriato, è più saggio cercare immediatamente l'aiuto di uno specialista qualificato.

Fasi di sviluppo dell'alcolismo

Nella medicina internazionale ci sono 4 fasi di dipendenza da alcol, ognuna delle quali si distingue per i sintomi e le condizioni del paziente. Va tenuto presente che l'efficacia del trattamento dipende direttamente da come viene avviata la terapia tempestiva.

1 stadio di alcolismo

Se classifichiamo l'alcolismo per fasi, la prima fase è la più semplice e meno evidente. È caratterizzato da una gravità minima dei sintomi fisiologici e mentali. Poiché il paziente rimane socialmente adattato, continuerà a studiare o lavorare e continuerà a comunicare con parenti e amici come prima. A causa di queste caratteristiche, i membri della famiglia non notano lo sviluppo dell'alcolismo e considerano il desiderio di bere e rilassarsi dopo una giornata lavorativa del tutto naturale..

Nella maggior parte dei casi, lo stadio è accompagnato dai seguenti sintomi:

  • il consumo di alcol sta gradualmente aumentando. Per sentirsi bene, una persona ha bisogno di sempre più dosi;
  • bere bevande alcoliche viene effettuato anche senza motivo;
  • una persona smette di controllarsi, dopo ogni bevanda che beve diventa più difficile per lui esprimere pensieri;
  • il paziente mostra periodicamente aggressività e rabbia nei confronti di parenti e amici;
  • se una persona ha bevuto troppo, il che ha causato il vomito, non si fermerà e continuerà a bere;
  • al mattino appare una grave sbornia, accompagnata da mal di testa, vertigini, nausea.

Un altro segno sicuro dello sviluppo della fase 1 dell'alcolismo è che una persona ha un atteggiamento negativo nei confronti degli alcolisti e mostra la sua negligenza in tutti i modi possibili, mentre non si considera dipendente. Se non inizi il trattamento in questa fase, la malattia progredirà e passerà inevitabilmente alla fase successiva..

2 fasi di alcolismo

La principale differenza tra questa fase e la precedente risiede nella formazione di dipendenza non solo mentale, ma anche fisica dall'alcol. Allo stesso tempo, aumenterà la gravità degli altri sintomi della malattia. Va tenuto presente che questa fase è considerata transitoria e la mancanza di assistenza tempestiva può causare conseguenze irreversibili..

I principali segni della seconda fase dell'alcolismo:

  • la quantità di bevute giornaliere aumenta ancora di più rispetto al 1 ° stadio;
  • dopo il risveglio, una persona ha il desiderio di ubriacarsi, mentre la sintomatologia del dolore si indebolisce immediatamente;
  • l'intossicazione si verifica più velocemente di prima;
  • sono possibili black-out periodici della memoria, reazioni inadeguate alle osservazioni;
  • se una persona non beve durante il giorno, sarà di cattivo umore, probabilmente mostrando aggressività e rabbia. Alla menzione dell'opportunità di bere, l'umore viene immediatamente normalizzato;
  • il paziente è sensibile alle critiche.

Con l'alcolismo del 2 ° stadio, arriva il momento in cui si verifica un plateau di tolleranza: smette di crescere e rimane allo stesso livello con le dosi massime di alcol che non provocano intossicazione. In questa fase è possibile far fronte alla dipendenza solo con un approccio integrato. Tipicamente, la terapia consiste in:

  • pulizia farmacologica del corpo da tossine e tossine;
  • codifica: le fiale vengono cucite sotto la pelle del paziente o vengono iniettati farmaci che causano il rigetto dell'alcol. In assenza di alcol, tali farmaci non influenzeranno in alcun modo la condizione, causano una risposta solo se l'alcol entra nel corpo;
  • supporto psicologico.

La durata del trattamento e la fissazione dell'effetto dipendono dall'umore e dalle caratteristiche individuali del paziente.

In una nota! Nella seconda fase, la malattia può passare in forma cronica o ubriaca. Nella prima variante, il paziente beve alcolici quotidianamente in dosi relativamente piccole, e nella seconda beve per diversi giorni, bevendo fino a perdere conoscenza.

3 fasi di alcolismo

In questa fase, la dipendenza da alcol causa problemi non solo al paziente stesso, ma anche ai suoi cari. Una persona si degrada, non può comportarsi normalmente nella società, viola le norme di comportamento. Di norma, in questa fase una persona perde il lavoro, amici e parenti smettono di comunicare con lui. A causa della mancanza di lavoro, una persona non può rifornirsi di alcol, che diventa il motivo del furto di denaro, elettrodomestici e altre cose che possono essere vendute da casa.

La fase 3 dell'alcolismo è accompagnata dai seguenti sintomi:

  • il paziente non può vivere un giorno senza bere alcolici;
  • i cambiamenti nell'aspetto diventano evidenti: le braccia e le gambe diventano gradualmente più sottili, l'addome aumenta di dimensioni, la pelle acquisisce una caratteristica tinta rossastra, l'edema appare sul viso;
  • disturbo mentale: una persona reagisce in modo inadeguato a cose banali, rifiuta di entrare in contatto con i propri cari;
  • l'alcol sostituisce il cibo per una persona - invece di mangiare, preferisce bere;
  • la parola diventa incoerente e priva di significato.

In questa fase, possono comparire gravi problemi di salute: spesso vengono rilevate paralisi di alcune parti del corpo, epatite, pancreatite e disfunzione gastrointestinale. L'alcolismo diventa cronico, quindi il trattamento dura a lungo e non sempre porta un risultato positivo.

4 fasi di alcolismo

L'ultima fase dell'alcolismo è accompagnata da cambiamenti irreversibili sia nello stato fisico che psicologico. La maggior parte dei terapisti farmacologici assicura che non è più possibile salvare una persona in questa fase. La persona a cui viene diagnosticato lo stadio 4 di alcolismo non ha nulla a che fare con la persona che parenti e amici conoscevano una volta: si verifica un completo degrado e tutti gli istinti vengono sostituiti da un solo desiderio di bere.

Conclusione

L'alcolismo è una malattia pericolosa che, in assenza di cure tempestive, può portare a conseguenze irreversibili. Per salvare una persona, la lotta contro la dipendenza da alcol deve essere condotta in una fase iniziale, motivo per cui è importante non perdere l'inizio del suo sviluppo. Se un membro della famiglia inizia a bere alcolici regolarmente, questo è già un motivo per cercare un aiuto professionale..

Fasi dell'alcolismo

Fasi dell'alcolismo

Prodrom

Prodromo è lo stadio zero dell'alcolismo, in cui non c'è ancora malattia, ma c'è ubriachezza quotidiana. Una persona beve alcolici a seconda della situazione, di solito con gli amici, non si ubriaca fino alla perdita di memoria o ad altre gravi conseguenze. Fino a quando la fase prodromo non si trasforma in alcolismo, una persona può facilmente smettere di bere alcolici in qualsiasi momento..

Nella fase prodromo, una persona è spesso indifferente al fatto che ci sarà da bere nel prossimo futuro o meno. Dopo aver bevuto in compagnia, una persona di solito non ha bisogno di continuare e quindi non beve da solo forte>. Ma, con l'ubriachezza quotidiana, di regola, dopo 6-12 mesi, lo stadio prodromo passa al primo stadio dell'alcolismo.

La prima fase dell'alcolismo

Il primo stadio dell'alcolismo è caratterizzato da un cambiamento nella sensibilità del corpo all'alcol (lo sviluppo della tolleranza all'alcol). La persona inizia a bere più alcol.

I principali segni della prima fase dell'alcolismo:

  • Il riflesso del vomito scompare. Il paziente passa al consumo solitario di alcol (la sera, nei fine settimana, "prima di cena"). Il desiderio di alcol diventa ossessivo, a volte nel momento più inappropriato per questo - di notte o per strada. Il tipo di intossicazione cambia: quando viene consumata una quantità significativa di alcol, compaiono vuoti di memoria.
  • Nella prima fase ci sono spesso scandali in famiglia, problemi sul lavoro, perdita di interesse per vari aspetti della vita: politica, letteratura, hobby, ecc. Se è impossibile bere alcolici, il desiderio di alcol scompare temporaneamente, tuttavia, in caso di consumo di alcol, il controllo in relazione alla quantità di alcol consumato viene smorzato.

La seconda fase dell'alcolismo

La seconda fase dell'alcolismo: la resistenza (tolleranza) all'alcol aumenta in modo significativo, una persona scopre che può assumere inaspettatamente dosi molto elevate di alcol. Anche dopo aver consumato una piccola dose di alcol, il paziente smette di controllare la quantità di alcol consumata. In uno stato di ubriachezza, si comporta spesso in modo imprevedibile, pretenzioso, a volte persino pericoloso per se stesso e per gli altri..

Sintomi della seconda fase dell'alcolismo:

  • Con l'inizio della seconda fase dell'alcolismo, compare una sbornia: la mattina dopo l'alcol che avevate bevuto il giorno prima, diventa brutto, c'è sicuramente una dipendenza fisiologica. La voglia di bere sta diventando più palpabile e ossessiva. Una persona si rende conto del male, ma non combatte, obbedisce al desiderio. C'è una perdita di controllo, possono verificarsi casi di intossicazione patologica.
  • La sbornia nella seconda fase è accompagnata da un'irresistibile voglia di assumere alcol in qualsiasi modo. Ciò si verifica sullo sfondo di uno stato d'animo cupo, teso e depressivo, combinato con nausea, ipertensione, battito cardiaco accelerato, febbre, tremori degli arti (tremori) e straziante ostilità a qualsiasi stimolo esterno, anche alla luce..
  • Il secondo stadio dell'alcolismo è caratterizzato da un cambiamento nella personalità di una persona: il paziente diventa ingannevole, a volte disinteressato al suo stato sociale. Compaiono irascibilità, rabbia, aggressione, si notano segni di diminuzione dell'intelligenza. In uno stato di intossicazione, l'autocontrollo è perso, non c'è sensazione di vergogna, imbarazzo per ciò che è stato fatto, l'avvelenamento con surrogati alcolici è possibile a causa della perdita di attenzione attiva.

La terza fase dell'alcolismo

La terza fase dell'alcolismo: - questa è la fase dell'alcolismo da ubriachezza, in cui la tolleranza all'alcol diminuisce, il consumo di alcol diventa quasi quotidiano.

Segni di alcolismo nella terza fase:

Nella terza fase, le abbuffate iniziano ad apparire con un certo ritmo. Spesso c'è un degrado visibile della personalità, cambiamenti mentali.

A tutto quanto sopra, aggiungi malattie del fegato (epatite alcolica o cirrosi epatica), dello stomaco (gastrite alcolica), del pancreas (pancreatite indurente alcolica), del cuore (cardiomiopatia alcolica), del cervello (encefalopatia alcolica), del sistema nervoso periferico (neuropatia alcolica), ecc.... Le violazioni degli organi interni sono in aumento e possono diventare irreversibili. Spesso si verificano cambiamenti irreversibili nel sistema nervoso, che portano a paresi e paralisi, a condizioni in cui le allucinazioni durano a lungo (sindrome di Kandinsky-Clerambo).

Nel terzo stadio si osservano tali complicazioni della malattia alcolica come delirio alcolico di gelosia e delirio alcolico, il cosiddetto «delirium tremens». Il delirio termina con la demenza o addirittura con la morte di una persona. L'alcol è particolarmente pericoloso nel diabete. Prenditi cura della tua famiglia e dei tuoi amici!

3 fasi di alcolismo

Sintomi della terza fase dell'alcolismo

Nella maggior parte delle classificazioni, l'elenco delle forme e degli stadi dell'alcolismo termina con la terza, chiamata anche forma cronica. In questa fase, è caratteristico che tutti gli interessi nella vita siano sostituiti dalla ricerca di alcolici e effettivamente ubriachezza..

La fase 3 dell'alcolismo è caratterizzata dalle seguenti manifestazioni.

Bere regolare ea lungo termine.

L'ubriachezza continua può durare fino a diverse settimane e cessare solo quando il corpo umano smette di percepire l'etanolo.

Aumento del contenuto di alcol nel sangue e diminuzione della resistenza all'alcol.

Poiché in questa fase il paziente ha costantemente bisogno di una quantità significativa di alcol, il livello di etanolo nel sangue è molte volte superiore alla norma. Pertanto, per ottenere l'intossicazione, il paziente deve consumare una piccola quantità di etanolo. In molti casi è sufficiente un bicchiere.

La presenza di gravi lesioni degli organi interni.

Questi includono malattie del sistema urinario (che possono essere espresse in insufficienza renale), cardiomiopatia (danno al muscolo cardiaco, in questo caso, etanolo), polineuropatia (danno al sistema nervoso periferico), encefalopatia (danno al cervello da etanolo e suoi metaboliti), cirrosi fegato e altri.

In combinazione con l'avvelenamento costante del corpo, questo di solito porta alla morte imminente del paziente..

A causa della prevalenza di danni al sistema nervoso centrale a seguito del consumo continuo di alcol, questo stadio della malattia è anche chiamato stadio encefalopatico dell'alcolismo..

Come risultato del danno cerebrale, il pensiero peggiora in modo significativo, si manifestano disturbi della memoria, aggressività verso gli altri.

Gravi sintomi di astinenza

Con una lunga pausa tra il consumo di alcol e in questa fase della malattia possono essere solo poche ore, il paziente può mostrare vari segni di comportamento inappropriato.

Tempo della terza fase dell'alcolismo

La durata di questa fase della malattia senza trattamento di solito non supera i cinque anni e porta alla morte del paziente.

Trattamento della terza fase dell'alcolismo

Data l'entità del danno al corpo, per curare i pazienti in questa fase è necessario un trattamento complesso, che includa sia tecniche psicologiche che terapia farmacologica..

L'impatto psicologico include sia la solita conversazione esplicativa sui danni dell'alcol, sia tecniche di influenza attiva sulla coscienza, tra cui si possono distinguere l'ipnosi passiva (classica) e la codifica psicologica..

In questo caso, la terapia farmacologica è finalizzata sia al ripristino dei tessuti degli organi colpiti dall'etanolo, sia al ripristino del normale funzionamento delle ghiandole endocrine, anche per avviare la produzione di etanolo da parte dell'organismo.

I metodi di trattamento utilizzati in questa fase sono in realtà simili a quelli utilizzati per il secondo stadio, solo in questo caso la durata e il volume di esposizione ai farmaci saranno incomparabilmente maggiori a causa di danni più profondi al corpo.

Un prerequisito per il trattamento è il rifiuto completo di bere alcolici..

Un fatto importante

A differenza delle fasi precedenti, nella fase della terza fase dell'alcolismo, la parte principale del trattamento deve essere eseguita in un ospedale sotto la supervisione di specialisti specializzati (neuropatologo, epatologo, narcologo, psicologo).

Prevenzione dell'alcolismo

La prevenzione è considerata necessaria e utile, perché è molto più facile anticipare e fermare che combattere le conseguenze, e la cura è difficile e non sempre ha successo. Molte persone ubriache dopo tale trattamento si sentono leggere, ma dopo un po 'ricominciano a bere alcolici. Il corso della terapia è suddiviso nelle seguenti tipologie:

  • primario;
  • secondario;
  • terziario.

La prevenzione avviene sotto forma di comunicazione. Questo aiuta a prevenire la dipendenza da alcol. Ciò include la chat, la visione di video diversi e l'ascolto di interviste con personalità diverse che hanno bevuto alcolici. Una persona che sta combattendo questo problema viene allontanata dalla società e inizia a promuovere uno stile di vita sano. Come mostrano le statistiche, la conversazione si riduce a una storia sulle malattie che possono verificarsi durante l'assunzione di bevande alcoliche. Il tratto gastrointestinale viene distrutto, il fegato e i reni, il pancreas inizia a ammalarsi, si verifica pancreatite, trasformandosi in diabete.

L'ideologia data influenza notevolmente. In precedenza, non esisteva un bicchiere di delizioso vino a colazione per una migliore digestione. Al giorno d'oggi, le cene sempre più serie si svolgono con alcol. Sempre più famiglie stanno crollando per le bevande alcoliche. Anche una normale bevanda alla birra può causare molti danni. Dopo tutto, la birra può disturbare il sistema nervoso e aumentare la quantità di ormone femminile negli uomini.

Fasi della malattia

Lo stato condizionatamente normale è uno stadio doloroso, l'ubriachezza quotidiana. Una persona beve per rilassarsi, divertirsi, celebrare qualcosa, alle riunioni con amici e familiari, per mantenere una conversazione. Il suo comportamento è socialmente accettabile e persino approvato. Se la mattina dopo si sente molto male, non vuole avere i postumi della sbornia e, di regola, non beve alcolici per molto tempo. Con il bere eccessivo, vengono attivati ​​tutti i riflessi: vomito, addormentamento incontrollato. Una persona senza dipendenza ha una sensazione di sazietà con l'alcol, conosce la sua dose e non berrà senza una ragione particolare. A volte una dolorosa forma di ubriachezza viene individuata in una fase separata, ma nella scienza spesso è possibile trovare una divisione in tre fasi.

  1. Primo stadio. La motivazione per bere sta cambiando. Un alcolista beve non per rilassarsi, ma semplicemente perché vuole, è facile convincerlo a bere. Il controllo di ciò che bevi diminuisce. Dopo una piccola dose tira per il supplemento. Iniziano i disturbi del sonno. In questo contesto, molti hanno un'avversione per le bevande alcoliche, soprattutto al mattino, e il desiderio di smettere di bere. L'alcol richiede diversi giorni e di solito non viene ripetuto nei giorni feriali. In questa fase, l'alcolismo è facilmente curabile. Puoi anche fare appello alla coscienza di una persona, cambiare la cerchia sociale e prendere buone abitudini.
  2. Seconda fase. L'attrazione psicologica per l'alcol aumenta. Per tutto il tempo è necessario un additivo, quindi vengono inviati "messaggeri", non ci sono bottiglie mezze vuote sul tavolo, tutto è finito pulito. C'è bisogno di ubriacarsi, di guarire. I sintomi di astinenza si formano quando è impossibile resistere alla dose successiva, ma una persona può comunque rompere il circolo vizioso. Questa è chiamata una forma di ubriachezza pseudo-ubriaca, quando il paziente si astiene per diverse settimane, ma poi la dipendenza prevale. L'inizio o la fine di un'abbuffata è associato a motivi sociali: un'abbuffata con gli amici implica un uso quotidiano e tutto finisce con la promessa del giuramento alla famiglia di smettere di bere. Sorge la massima tolleranza, una persona può bere molto e non ubriacarsi.
  3. Fase tre. Nell'alcolismo nella terza fase, i sintomi mentali si manifestano chiaramente. Forte dipendenza fisica dall'alcol, gravi sintomi di astinenza e necessità di ubriacarsi. Si formano vere abbuffate o una forma costante di ubriachezza. Questo è quando il paziente non viene fermato né dalle richieste della famiglia né dalla minaccia di licenziamento, è normale che venga a lavorare ubriaco. In questa fase, il sistema nervoso non può far fronte al carico. Un intervallo significativo di intossicazione alcolica cade dalla memoria, praticamente dall'inizio dell'ubriachezza. La tolleranza all'alcol diminuisce, una persona non può più bere molto. Una vasta gamma di lesioni del sistema somatico: assenza di riflesso del vomito, insonnia, amnesia, tremori alle mani.

Quanto velocemente una fase entra in un'altra? La fase iniziale dell'alcolismo può durare 6-8 anni. La seconda fase dura circa 20 anni ed è ad altissimo rischio di morte. La fase finale raggiunge il 20% degli autori di abusi. Questa è una malattia cronica che non può essere completamente curata, ma può essere trasferita solo allo stadio di remissione..
Come con qualsiasi dipendenza, l'alcolista negherà sempre di avere un problema. A livello familiare, una persona sta cercando il motivo per cui beve, o sostiene la regolarità dell'assunzione dal fatto che gli altri bevono ancora di più.

Fasi della dipendenza

In ogni fase dell'aumento della dose di alcol, aumenterà anche il grado di dipendenza

Non importa che tipo di alcol assumerà il bevitore, poiché qualsiasi bevanda può causare questa spiacevole condizione.

I medici distinguono 3 fasi della dipendenza, ognuna delle quali è caratterizzata da alcuni segni:

Fase uno

È caratterizzato da un forte desiderio di alcol: una persona non può superare una potente barriera mentale. Il paziente vuole costantemente bere, soprattutto spesso gli attacchi si verificano al mattino. Se una persona non prende alcol, i segni di dipendenza scompariranno per un po ', ma dopo di che il suo senso delle proporzioni scomparirà completamente e non sarà più in grado di fermarsi..

In questa fase, il paziente perde l'autocontrollo e diventa irritabile. Le conversazioni "cuore a cuore" con lui non funzionano più. A volte un alcolizzato nota una menomazione della memoria o una sensazione di avvelenamento da alcol.

In assenza di un trattamento corretto e completo, questa fase si trasforma rapidamente nella seconda.

Fase due

È in questo momento che il bevitore inizia a manifestare attivamente dipendenza fisica. In questo momento, una persona ha già un'interruzione nel funzionamento del corpo, poiché perde il controllo sulle bevande forti ubriache.

Già nella seconda fase, i medici diagnosticano i pazienti con cirrosi epatica, disturbi mentali, malattie del cervello e così via. Inoltre, in questo momento, i postumi di una sbornia sono troppo luminosi. Il paziente soffre di sete costante, insonnia, mal di testa. Dopo una lunga assenza di alcolici, le mani del bevitore iniziano a tremare e il suo cuore batte più forte. In questo caso, senza l'aiuto qualificato di un medico, sarà molto difficile per una persona..

Terza tappa

Una persona non può esistere senza alcol, poiché il corpo è già saturo di etanolo, il che significa che è necessaria una piccola dose ogni giorno. Con lo sviluppo di questa fase, anche una dose minima di birra o altro prodotto alcolico provoca una grave intossicazione..

In questa fase, possiamo tranquillamente assicurare che una persona ha iniziato a degradarsi - non può più capire quando e quanto ha bevuto. La perdita di memoria durante questo periodo è comune. Il terzo stadio è caratterizzato da un forte desiderio costante di bere, quindi ritardi nell'assunzione di alcol nel corpo possono portare a conseguenze spiacevoli che gli ubriaconi cronici non possono tollerare:

  • dispnea;
  • scambiarsi una stretta di mano;
  • intorpidimento degli arti;
  • perdita di memoria;
  • lo sviluppo di psicosi acute;
  • debolezza nel corpo.

In questo caso, il paziente ha bisogno dell'aiuto obbligatorio di diversi medici, che con sforzi congiunti possono normalizzare lo stato del corpo e ripristinare gli organi interni..

Psicosi alcoliche

L'alcolismo cronico sviluppa anche malattie mentali chiamate psicosi alcoliche. In precedenza, queste violazioni erano attribuite, di regola, agli uomini, considerando che la probabilità del loro verificarsi nelle donne è un fenomeno piuttosto raro. E questo non sorprende, poiché fino a poco tempo fa erano principalmente uomini ad essere ammessi negli istituti di trattamento della droga con la diagnosi di "psicosi alcolica". Tuttavia, con un aumento del numero di casi di alcolismo femminile, lo sviluppo di psicosi alcoliche nelle donne è diventato lo stesso problema urgente alla pari degli uomini..

Forme di manifestazione di psicosi alcoliche

Esistono varie forme di manifestazione delle psicosi alcoliche. Tra loro ci sono psicosi con un decorso breve, lungo e cronico. La probabilità di sviluppo di questi disturbi mentali non dipende dall'esperienza dell'alcolismo e può espandersi sia negli alcolisti cronici che in coloro che iniziano ad abusare sistematicamente di alcol..

Delirium tremens

La forma più comune di psicosi alcolica è il delirium tremens, che è accompagnato da una serie di sintomi precedenti: raffreddore, malattie infettive, polmonite, disturbi digestivi, traumi fisici o mentali, superlavoro significativo. Il decorso della malattia si manifesta in condizioni di disturbo della coscienza, con incapacità di orientarsi nel tempo e nello spazio, con presenza di allucinazioni (principalmente visive). I pazienti possono sperimentare "visioni" deliranti, che vengono scambiate per realtà, sentire "voci" e "suoni" diversi. C'è uno stato d'animo costantemente ansioso, i pazienti hanno costantemente fretta di camminare o correre in una direzione sconosciuta o assurda. Possono essere presenti tremori degli arti. Le funzioni dei principali organi interni, principalmente il cuore, sono compromesse. La durata del delirium tremens va da 2 a 3 giorni (potrebbe essere più lunga). La mancata fornitura di assistenza medica in modo tempestivo può portare alla morte. Le manifestazioni ricorrenti di delirium tremens lasciano inevitabilmente un'impronta irreversibile sulla salute fisica e mentale di una persona.

Allucinosi alcolica

Un'altra malattia mentale è l'allucinosi alcolica. Lui, come il delirium tremens, si verifica più spesso di notte o la sera tardi. Questa malattia procede con coscienza preservata ed è caratterizzata da abbondanti allucinazioni uditive. Il paziente sente "voci", generalmente di contenuto sgradevole. Su questa base nascono idee folli. Alla paziente sembra che si stia tramando qualcosa di scortese contro di lei, vogliono ucciderla o torturarla, giustiziarla, ecc. Da qui l'ansia, l'ansia, la paura. La malattia può durare da diversi giorni a diversi mesi, ma ci sono casi di decorso prolungato. I pazienti con delirium tremens e allucinosi alcolica sono pericolosi sia per se stessi (possono suicidarsi) sia per coloro che li circondano, che spesso attaccano.

Delirio di gelosia

Il cosiddetto delirio della gelosia è una malattia grave. Questa malattia è più comune negli uomini, ma si verifica anche nelle donne. Nasce anche da alcolismo cronico. Una tale paziente inizia a sembrare che suo marito o in generale una persona cara la tradisca. Comincia a monitorare attentamente il suo comportamento, interpreta in modo delirante ogni fatto insignificante e non si presta ad alcuna persuasione. Questi pazienti sono molto pericolosi. Possono commettere un omicidio, ferire gravemente.

Depressione alcolica

Spesso, dopo una lunga abbuffata, i pazienti sviluppano la cosiddetta depressione alcolica, accompagnata da uno stato d'animo depresso pronunciato, ansia, paure. Questi pazienti, lasciati incustoditi, possono commettere tentativi di suicidio. La malattia dura diverse settimane e talvolta si protrae per lunghi periodi.

La psicosi di Korsakov

Esistono altre forme di psicosi alcolica, in particolare la psicosi di Korsakov, accompagnata da una forte violazione della capacità di ricordare, la sostituzione di lacune di memoria con falsi ricordi, combinata con infiammazioni multiple dei nervi periferici.

Fasi dell'alcolismo

La graduale dipendenza dall'assunzione di alcol e la sua impercettibile introduzione in ogni ambito della vita portano all'alcolismo. Di solito negli uomini questo si esprime in un desiderio costante di lavare qualcosa, bugie e scuse incessanti, l'incapacità di tornare in sé senza ubriacarsi, per reclutare presto di nuovo.

1 ° stadio

È il primo stadio dell'alcolismo che è già caratterizzato da una violazione del regime lavorativo, della dieta e dell'ubriachezza. Il sonno diventa irrequieto, inquietante. Compaiono malattie causate dall'abuso di alcol: dolore addominale, mal di testa, picchi di pressione sanguigna, diminuzione dell'attività sessuale.

Altri sintomi: durante lo stesso periodo, molti uomini passano all'alcol più forte, e la mattina dopo un'abbuffata serale iniziano a ubriacarsi sempre più spesso, anche se finora non è stata osservata una voglia irresistibile di alcol. Ma non importa quanto una persona beva, non è abbastanza per lui. In questa fase, c'è un aumento costante della dose o dell'intensità dell'alcol consumato per un certo periodo di tempo..

Fase 2

Per la seconda fase dello sviluppo dell'alcolismo, le prime manifestazioni della sindrome da sbornia sono caratteristiche. Al mattino, un alcolizzato sa già che solo l'alcol lo aiuterà al meglio, cosa che fa. Tuttavia, la dolorosa sbornia non si interrompe e gli alcolisti uomini iniziano abbuffate croniche, quando ancora non possono e non vogliono smaltire la sbornia, versando ancora e ancora un bicchiere di sensazioni spiacevoli, o anche un bicchiere di vodka.

Altri sintomi: il secondo stadio dell'alcolismo è caratterizzato dalla cronicizzazione di molte malattie: gastrite, distonia vascolare vegetativa, varie malattie cardiache, epatite tossica e pancreatite, nonché la formazione della malattia degli alcolisti - cardiomiopatia alcolica

Nello stesso periodo, una persona sperimenta sempre più conflitti a casa e al lavoro, altri non vogliono sopportare la sua abitudine, molte donne e uomini cambiano la loro cerchia sociale, in cui le persone ubriache iniziano a prevalere, inoltre non importa per loro quanto bere e quali bevande di qualità.

Fase 3

Infine, l'ultimo, terzo stadio dell'alcolismo è l'epopea finale chiamata l'amore per l'alcol più che l'amore nella vita, c'è l'alcolismo cronico. In questa fase, tutte le fasi dell'alcolismo giungono a una conclusione logica: la vita di una persona collassa, perde salute, benessere materiale (se presente), parenti e amici, si verifica un declino della vitalità, le riserve interne del corpo e le sue capacità. C'è un marcato e costante degrado della personalità negli uomini e nelle donne: distrazione, vuoti di memoria, diminuzione dell'intelligenza, il pensiero diventa primitivo, di mentalità ristretta, una persona non capisce l'umorismo e le battute, inizia la demenza più vera. Qualsiasi stress fisico e intellettuale diventa insopportabile, provoca riluttanza a fare qualsiasi cosa, irritazione e apatia.

  • in relazione ai propri cari e solo agli altri in questa fase dell'alcolismo, c'è forte irritabilità, conflitto, pianto e risentimento, desiderio di stare da soli a tutti i costi, egoismo.
  • L'interesse per la vita scompare, la maggior parte degli uomini e delle donne ubriachi smette di prendersi cura di se stessi, diventa infelice, disordinata, trasandata.
  • Anche l'atteggiamento nei confronti dell'alcol sta cambiando: l'alcolista non può più bere, come prima, manca di salute e forza: molti passano a surrogati più economici, ma non possono bere più di 40-50 grammi, dopodiché diventano molto ubriachi, perdendo il controllo di se stessi.
  • Le malattie croniche progrediscono notevolmente, una persona cade letteralmente a pezzi: un'ulcera degenera in cancro, epatite - in cirrosi, l'ipertensione è complicata da infarti e ictus.
  • Il recupero dopo aver bevuto in 3 fasi è molte volte più lento e difficile, ma una persona beve e beve quanto può, rendendosi conto anche della sua malattia.

Ora sai quali sono le fasi dell'alcolismo e puoi facilmente determinare in quale fase si trova la persona amata.

Tuttavia, anche senza conoscere le 3 fasi principali dell'alcolismo e dei suoi sintomi, si può semplicemente determinare se una persona ha o meno una dipendenza dall'alcol - per questo ci sono segni di alcolismo negli uomini e nelle donne descritti dai narcologi. Questi includono sia le manifestazioni esterne della dipendenza, sia quelle comportamentali, che diventano più pronunciate man mano che la malattia diventa cronica e progressiva..

Fase uno

Il primo stadio dell'alcolismo è caratterizzato da una gravità minima della dipendenza mentale, mancanza di dipendenza fisica e sintomi offuscati e nascosti. Il paziente è socialmente adattato: lavora o studia, si trova in un ambiente familiare, non si allontana dalla sua famiglia e non considera il suo hobby per l'alcol pericoloso o dannoso. Inoltre, parenti e amici intimi in questa fase rifiutano anche di riconoscere una persona come alcolista, ritenendo perfettamente accettabile e normale per il suo desiderio di bere di tanto in tanto "per rilassarsi" o in vacanza.

Questo atteggiamento dei membri della famiglia nei confronti del paziente, la negazione dell'alcolismo già formato, sebbene sia ancora all'inizio, caratterizza la codipendenza: i cambiamenti nello stato mentale e nello stile di vita dei parenti dell'alcolista. La percezione del paziente della sua condizione è caratterizzata dall'assenza di autocritica e dalla capacità di valutare adeguatamente se stesso e le sue azioni, il non riconoscimento della malattia. Non accetterà mai di considerarsi un alcolizzato e troverà molte spiegazioni e scuse per la sua dipendenza.

Pertanto, è estremamente importante che almeno i parenti possano notare i sintomi tipici del primo stadio dell'alcolismo, lanciare l'allarme per tempo e consultare un medico.

I sintomi della fase uno includono:

Maggiore tolleranza all'alcol: una persona è in grado di bere, senza ubriacarsi, molto più alcol rispetto ad altre persone o con le loro precedenti dosi di alcol.

Allo stesso tempo, si nota la soppressione delle reazioni protettive, in particolare il vomito, in caso di sovradosaggio di etanolo. Il corpo, per così dire, si abitua all'assunzione costante di grandi dosi di alcol e smette di percepirlo come veleno. Tuttavia, l'effetto tossico dell'alcol etilico rimane lo stesso, il che crea un alto rischio di avvelenamento acuto da alcol nelle prime fasi dell'alcolismo: una persona beve, senza ubriacarsi e senza bavaglio, enormi dosi di alcol che possono causare gravi interruzioni nel lavoro del cervello, del cuore, del fegato e rene.

Diminuzione del controllo sulla quantità di alcol consumata - l'alcolista non beve solo uno o due bicchieri "per l'azienda" o per sostenere il pane tostato, beve la massima quantità di alcol possibile per se stesso. Non gli basta più provare una leggera intossicazione, si ubriaca sempre più spesso fino a svenire con vuoti di memoria.

Nella fase iniziale dell'alcolismo, inizia una sbornia: una serie di sintomi caratteristici che si sviluppano dopo l'intossicazione acuta da alcol. La mattina successiva, dopo aver assunto una grande quantità di alcol, si verificano una serie di sensazioni spiacevoli: nausea, vomito, tremori alle mani, mal di testa. Questi sintomi vengono livellati assumendo un'altra dose di alcol..

I blackout di alcol sono un altro sintomo che si verifica nella prima fase dell'alcolismo. Dalla memoria possono cadere sia episodi individuali che lunghi periodi di tempo..

Dipendenza psichica: la sua formazione separa chiaramente anche l'alcolismo precoce dall'ubriachezza domestica. Il paziente traccia chiaramente (soprattutto se visto di lato) la presenza di disagio psicologico, irritabilità, sbalzi d'umore per lunghi periodi senza alcool. E, al contrario, quando beve alcolici o addirittura pianifica, aspettando l'opportunità di bere, diventa compiacente, rinasce.

La dipendenza psichica in combinazione con una maggiore tolleranza e la soppressione delle reazioni protettive all'alcol portano ad un aumento della frequenza del bere. Le esperienze alcoliche (a volte inconsciamente) malinconiche senza la dose abituale, e lo sviluppo ritardato di intossicazione e l'assenza del riflesso del vomito creano una falsa sensazione di permissività, la capacità di bere senza danni anche ogni giorno.

L'inizio di un cambiamento nel sistema di valori: il ruolo dell'alcol sta diventando sempre più importante nella vita di un alcolista

Non è più sempre in grado di smettere di bere alla vigilia di un evento importante (un esame, un controllo al lavoro, una passeggiata programmata con i bambini, ecc.), E se rifiuta, allora si sopraffa e prova una sensazione di insoddisfazione per la vita

A poco a poco, l'alcol inizia a spostare tutti gli altri valori e priorità dalla vita del paziente..

Se in questa fase dello sviluppo del trattamento per l'alcolismo non è stato avviato, la malattia inevitabilmente progredirà e passerà alla fase successiva.

Impatto psicologico e prevenzione delle malattie

È molto importante che una persona con alcolismo cronico chieda il parere di uno psicoterapeuta e, se necessario, si sottoponga a un ciclo di trattamento aggiuntivo

Trattamento psicoterapeutico

L'impatto psicologico ha un effetto positivo su una persona, perché in questo modo si convince ancora una volta dei pericoli delle bevande alcoliche, e questo previene anche i guasti.

Per la maggior parte dei pazienti, specialmente quelli con gravi problemi al fegato, la psicoterapia è un trattamento più delicato rispetto alla terapia farmacologica.

È molto importante sottoporsi alla riabilitazione sociale dopo il trattamento principale della dipendenza. Con il suo aiuto, sarà molto più facile per il paziente integrarsi nella vita ordinaria, migliorare i rapporti familiari.

Anche il sostegno dei propri cari gioca un ruolo importante..

Alcolismo cronico e sua prevenzione

Per prevenire la malattia, è necessario conoscere le conseguenze negative e le morti. Condurre conversazioni con i bambini e sviluppare atteggiamenti negativi nei confronti del bere.

Se noti che il tuo amico è dipendente dall'alcol e con il suo aiuto allevia lo stress, parlagli, forniscigli il tuo sostegno, chiarisci che non è solo con il suo problema. Gli consiglia anche di non ubriacarsi al volante e di non comunicare con persone che bevono. E assicurati di dirlo ai suoi parenti..

Lo Stato dovrebbe essere coinvolto anche nella prevenzione. Deve controllare la qualità dell'alcol prodotto, il divieto di vendita di alcolici ai minori e la comparsa di individui ubriachi nei luoghi pubblici. Dovresti anche condurre eventi sociali, sviluppare pubblicità che influenzerà la coscienza delle persone e quindi combattere l'alcolismo.

Riassumendo, va detto che l'alcolismo cronico è una malattia molto grave e dipendente. Le conseguenze dell'ubriachezza costante possono essere cirrosi epatica, cancro ai polmoni, insufficienza epatica, infertilità, impotenza e aborti spontanei. Se non smetti di bere in tempo, tutto può finire con la morte. I sintomi di una tale malattia dovrebbero essere noti al fine di contattare un narcologo se succede qualcosa e capire cosa fare dopo e come essere salvati da questo disturbo per sempre. Per riprendersi da tale dipendenza, è necessario dedicare molto tempo e sforzi. E poi puoi solo sbarazzarti della dipendenza per sempre e tutte le malattie acquisite rimarranno con te per sempre. Pertanto, prima di iniziare a nasconderti dai problemi in una bottiglia, pensa se ne vale la pena..