Trattamento domiciliare per i sintomi di astinenza da alcol

Il sollievo dai sintomi di astinenza consente all'alcolista di uscire dall'abbuffata in modo relativamente indolore nel più breve tempo possibile. È estremamente difficile farlo da soli, a casa, poiché la sindrome da astinenza nell'alcolismo non è molto diversa dai sintomi di astinenza, che si osservano in un tossicodipendente dopo aver rinunciato alle droghe. Appare anche diverse ore dopo che l'alcolista smette bruscamente di bere alcolici, accompagnato da nausea, psicosi, stato di estrema depressione, allucinazioni. Pertanto, la domanda su quale tipo di trattamento a casa preveda i sintomi di astinenza nell'alcolismo, con una brusca uscita dal binge drinking, è più rilevante che mai.

Caratteristiche della malattia

La sindrome da astinenza è lo sviluppo di disturbi neurologici, mentali e fisici che compaiono in un alcolista dopo aver interrotto l'abbuffata o ridotto il numero di dosi utilizzate. La causa principale della malattia è che il corpo dell'alcolista è abituato a un'intossicazione costante e quindi protesta quando si interrompe l'assunzione di tossine alcoliche nel corpo. Inoltre, la dipendenza psicologica dall'alcol si fa sentire. Ciò aumenta il bisogno della persona di bere, quindi spesso non è in grado di resistere e la mano raggiunge la bottiglia.

Questa malattia si verifica solo nella seconda fase dell'alcolismo, ma le sue prime manifestazioni sono evidenti già nella fase iniziale della dipendenza. La sindrome ha sintomi simili a una sbornia, solo in misura significativamente maggiore. La presenza di sintomi da astinenza è un sintomo inconfutabile della dipendenza dall'alcol di un alcolista e segnala che è estremamente difficile far fronte alla malattia a casa, senza assistenza medica..

I sintomi da astinenza sono caratterizzati dai seguenti sintomi:

  • forti mal di testa;
  • vomito, nausea, diarrea;
  • vertigini, perdita di coordinazione;
  • aumento della temperatura corporea, febbre;
  • mani tremanti e anche tutto il corpo;
  • polso rapido, mancanza di respiro;
  • pressione sanguigna alta o bassa;
  • mancanza di appetito;
  • pallore della pelle del viso;
  • ansia, psicosi, depressione;
  • insonnia, incubi, allucinazioni.

I sintomi compaiono sei ore dopo l'interruzione del consumo di alcol, sono molto difficili, durano da quattro a quattordici giorni. Quanto dipende in gran parte dalla quantità di alcol, dal metodo di trattamento e dalla salute del paziente. Se riesce ad astenersi dal bere durante questo periodo, i sintomi della sindrome scompaiono nel tempo. Con l'incapacità dell'alcolista di resistere alla tentazione, si abbuffa di nuovo.

Gli esperti menzionano diverse fasi di questa condizione. Il grado più lieve è rappresentato dai sintomi di astinenza non complicati. È caratterizzato da un desiderio di alcol, tremore delle palpebre, della lingua e delle braccia distese. Anche il tossicodipendente suda molto, ha la nausea, compare il vomito e la frequenza cardiaca aumenta. La pressione sanguigna di solito aumenta, l'alcolista è molto agitato, ha mal di testa, si osservano insonnia, depressione e apatia. Possibili allucinazioni uditive, visive o tattili di breve durata.

Uno stadio più grave è accompagnato dagli stessi sintomi, ma è complicato da convulsioni. Lo stato di astinenza con delirio è il peggiore tollerato: tutti i sintomi di cui sopra accompagnano la forma più grave di disturbi mentali, che sono caratterizzati da annebbiamento della coscienza, delirio, allucinazioni e interruzione degli organi interni.

Perché è meglio vedere un dottore

È difficile per un alcolizzato uscire da un'abbuffata da solo, senza assistenza medica. Per ridurre le sue manifestazioni, è necessario interrompere l'astinenza da alcol. Questo è il nome del ritiro dal bere pesante con l'aiuto di droghe. Quali farmaci faranno fronte al compito dipende in gran parte dai sintomi, per i quali devi prima essere testato.

Quindi, in base ai risultati ottenuti, segni di disturbo, il medico prescrive una terapia complessa. È categoricamente impossibile agire a proprio rischio e pericolo durante l'assunzione del medicinale, determinando indipendentemente il dosaggio: questo può aggravare la situazione.

Il trattamento dei sintomi di astinenza può includere l'uso di contagocce, iniezioni, pillole, che sono usati per trattare l'avvelenamento. Questi possono essere i seguenti mezzi:

  • assorbenti (carbone attivo e altri prodotti);
  • hemodez e altri farmaci per la disintossicazione del corpo;
  • la reopoliglucina e altri farmaci, che aiutano a ridurre la viscosità del sangue, che si è ispessito sotto l'influenza dell'alcol, migliora la circolazione sanguigna nei capillari, previene la formazione di coaguli di sangue da eritrociti e piastrine;
  • Soluzione di glucosio al 5%, che fornisce energia al corpo;
  • diuretici osmotici per l'escrezione accelerata di prodotti di scarto insieme all'urina;
  • medicinali per rafforzare il fegato danneggiato dalle tossine;
  • con brividi, sudorazione, tachicardia, prescrivere pirroxan o grandaxina;
  • per sopprimere una forte eccitazione, sono prescritti sonapax, rispolept, relanium;
  • se l'ansia è accompagnata da depressione, possono essere prescritti coaxil o amitriptilina;
  • con l'insonnia, che è accompagnata da sonno pesante, allucinazioni, il tizercin aiuterà;
  • se una persona avverte aggressività, tensione, prescrivi neuleptil.

A tutti i tossicodipendenti vengono prescritte vitamine del gruppo B, prestando particolare attenzione alla tiamina (B1), la cui mancanza ha un effetto catastrofico sul funzionamento del cervello e sulla memoria. È prescritto per essere assunto entro una settimana..

Trattiamo noi stessi

Se il paziente rifiuta categoricamente di consultare un medico (e con i tossicodipendenti alcolici è del tutto possibile), puoi provare ad alleviarlo dal problema a casa. Ma questo processo sarà molto più lungo e potrebbe richiedere due settimane. Per rimuovere le manifestazioni della sindrome a casa, al paziente deve essere dato di bere quanta più acqua possibile (questo metodo è particolarmente efficace per i sintomi di astinenza non complicati).

Durante la lotta contro le tossine alcoliche, il corpo perde un'enorme quantità di liquidi, quindi ha bisogno di ricostituire le riserve d'acqua, che è segnalato da una gola secca e da alcuni altri sintomi.

Quando si inizia il trattamento, è necessario tenere presente: più velocemente le tossine alcoliche vengono rimosse dal corpo, più velocemente la malattia scomparirà. Medichronal aiuterà in questo. Questo medicinale promuove la rimozione dei veleni dal corpo e migliora anche il metabolismo, rafforza il sistema nervoso, allevia i sintomi della sindrome. Il farmaco viene prodotto sotto forma di polvere idrosolubile. La terapia domiciliare prevede l'assunzione del farmaco per due o tre giorni. Secondo le recensioni, questo è un rimedio efficace, non può essere utilizzato solo per il diabete mellito e le allergie ai componenti del farmaco.

Affinché il sollievo dalla sindrome da astinenza da alcol abbia successo, è necessario un sonno completo, di cui l'alcolista viene privato quando lascia l'abbuffata a casa. Per questo vengono prescritti tranquillanti. I parenti di un alcolista devono necessariamente consultare un medico e seguire le raccomandazioni senza fallo, altrimenti sorgerà dipendenza e un nuovo tipo di dipendenza. Se una persona è categoricamente contraria a farmaci così forti, l'estratto di valeriana aiuterà a calmare il sistema nervoso..

Se il tuo cuore è preoccupato, puoi prendere valocardin, corvalol o validol. Ma va tenuto presente: sono incompatibili con l'alcol, quindi non ha senso fare domanda prima che la persona sia uscita dall'abbuffata. L'alcol neutralizzerà gli effetti dei farmaci e la loro combinazione causerà gravi effetti collaterali.

Metodi tradizionali e nutrizione

Se parliamo di come rimuovere i sintomi di astinenza con rimedi popolari, allora questo può essere fatto con l'aiuto di un decotto di motherwort, nonché di preparati sedativi, che includono varie piante medicinali. Inoltre, i rimedi popolari aiuteranno a ripristinare il funzionamento del fegato, dei reni e di altri organi interni. Il lavoro dell'apparato digerente è positivamente influenzato da un decotto di rosa canina, betulla o succo d'uva.

Saranno utili complessi vitaminico-minerali che normalizzano i processi metabolici nelle cellule. Particolare attenzione dovrebbe essere prestata alle vitamine B e C, che contribuiscono alla normalizzazione del sistema nervoso. A tal fine, consiglia rimedi popolari come decotti di camomilla, menta, rosa canina e succhi di arancia, mela, pomodoro e carota..

Particolare attenzione dovrebbe essere prestata alla dieta. Quando una persona esce da un'abbuffata, nella maggior parte dei casi non vuole assolutamente mangiare. Banane, brodo di pollo, riso o zuppa di verdure aiuteranno a ripristinare la forza. Saranno utili anche i prodotti a base di latte fermentato che neutralizzano le tossine alcoliche. Man mano che l'appetito ritorna, è necessario prestare particolare attenzione a cereali, verdure, frutta. Non è desiderabile bere caffè e altre bevande che eccitano il sistema nervoso, poiché possono provocare la sindrome post-astinenza e restituire la voglia di alcol.

Cosa fare dopo?

Devi sapere: il sollievo dai sintomi di astinenza, sebbene allevia i sintomi fisici, non cura la dipendenza psicologica. Inoltre, può comparire la sindrome post-astinenza. Si manifesta immediatamente dopo la fase acuta dei sintomi da astinenza. La sindrome post-astinenza si manifesta nella difficoltà di pensiero, scarsa memoria, eccessiva emotività, scarso sonno e nervosismo. La sindrome post-astinenza abbassa l'autostima di una persona e contribuisce al suo ritorno alla bottiglia.

Quando esci dalla sindrome da sbornia, è vietato ubriacarsi. Anche piccole dosi sono pericolose, comprese le bevande a bassa gradazione alcolica: il tossicodipendente si libererà e tornerà all'abbuffata. Pertanto, è molto importante che i parenti non cedano alla persuasione ad acquistare alcolici e continuino il trattamento della sindrome da astinenza da alcol. Allo stesso tempo, il paziente deve essere monitorato: potrebbe benissimo convincere un amico o il ragazzo di un vicino a correre per una bottiglia.

Se diventa ovvio che la sindrome da astinenza è diventata grave, sono iniziate convulsioni, disturbi mentali, allucinazioni, è meglio mandare immediatamente l'alcolista in ospedale. Lì selezioneranno il regime di trattamento ottimale per lui, alleviando rapidamente i sintomi della malattia.

Per questo motivo, se un alcolista ha deciso di sbarazzarsi del desiderio di alcol, ha bisogno di un trattamento speciale che allevierà la sindrome post-astinenza. La terapia in questa direzione prevede corsi di psicoterapia, il cui scopo è insegnare all'alcol tossicodipendente a vivere di nuovo, a trovare piacere nella vita senza alcol..

Il successo nel trattare un paziente dipende in gran parte dai suoi amici e dalla sua famiglia. Anche dopo che una persona si è sbarazzata del desiderio di una bottiglia, non dovrebbe offrirgli da bere, così come non bere se stessa in sua presenza. Se il tossicodipendente beve almeno birra anche dopo pochi anni, si scatenerà e l'incubo ricomincerà..

Sindrome da astinenza da alcol (postumi di una sbornia): sintomi di avversità e trattamento

Bere grandi quantità di alcol non avviene indefinitamente e senza conseguenze sulla salute.

Come risultato della cessazione dell'assunzione di alcol nel corpo, inizia la sindrome da astinenza da alcol: suggeriamo di discutere i sintomi delle avversità e il trattamento di questo disturbo in modo più dettagliato.

L'intero processo è associato alla presenza e all'eliminazione di sostanze tossiche dal corpo. Le condizioni del paziente sono accompagnate da una serie di disturbi mentali e fisici.

Sviluppo di sintomi di astinenza nella malattia alcolica

La parola "astinenza" in psicologia significa astinenza o rifiuto. Se il termine è attribuito all'uso di alcol, la sindrome da astinenza nell'alcolismo indica un gruppo di sintomi e segni che si presentano con l'esposizione prolungata all'etanolo sul corpo e la sua cancellazione.

Questa condizione non si verifica in una persona sana che a volte abusa di alcol per un periodo. Sviluppa una sbornia, che si manifesta con sete, pesantezza alla testa, un po 'di nausea.

Se i sintomi di astinenza sono presenti per la prima volta, i sintomi possono inizialmente assomigliare a una sbornia. esso

  • bocca asciutta,
  • aumento del battito cardiaco,
  • sudorazione.

Con l'abuso di alcol di più giorni nella seconda fase più grave della malattia alcolica, appare un complesso di sintomi.

Segni di astinenza da alcol:

  1. pelle ipermatura (arrossata),
  2. c'è una pesantezza alla testa,
  3. la pressione sanguigna cala bruscamente,
  4. si verifica tachicardia,
  5. inizia il vomito,
  6. andatura spezzata,
  7. mani tremanti (tremore).

Pesantezza alla testa, uno dei segni dei sintomi di astinenza

Quanto dura la sindrome da astinenza dipende dal tipo di bere, dalla durata del consumo di alcol. La condizione peggiora in due o tre giorni. I sintomi aumentano con il passare delle ore man mano che la concentrazione di etanolo nel sangue diminuisce. La sindrome da astinenza nella sua forma più grave è nota come delirium tremens..

Sintomi di questa malattia:

  • confusione,
  • febbre,
  • convulsioni,
  • prurito, bruciore della pelle,
  • allucinazioni uditive e visive.

Allucinazioni visive e uditive, uno dei sintomi dei sintomi di astinenza

Per il terzo grado di gravità dello stesso stadio dell'alcolismo, i disturbi del sonno, gli incubi sono caratteristici. Il paziente sviluppa maggiore ansia, malinconia e senso di colpa. Le persone intorno sono percepite come nemici. In contrasto con il secondo grado di gravità, l'enfasi principale nella condizione è spostata sui disturbi mentali.

Nella terza fase della malattia alcolica, dopo la cessazione dell'abbuffata, una persona sviluppa una condizione caratterizzata da una combinazione di molti disturbi fisici e disturbi mentali. La soluzione ottimale in questa situazione è la rimozione dei sintomi di astinenza in ospedale oa casa. In entrambi i casi viene eseguita la terapia farmacologica..

Sintomi di astinenza

L'alcol eccita il sistema nervoso. Con il consumo quotidiano, il corpo si abitua a dosi più elevate di alcol etilico. In assenza di etanolo nel sangue, il sistema nervoso centrale "protesta".

Interruzione improvvisa o riduzione significativa del consumo di alcol e provoca sintomi di astinenza (AAS).

  1. aumento della frequenza cardiaca,
  2. emorragia interna,
  3. nausea e / o vomito,
  4. forte sudorazione,
  5. disidratazione,
  6. mal di testa,
  7. insonnia,
  8. edema cerebrale.

Forte sudorazione, uno dei sintomi dei sintomi di astinenza

Vomito

Il vomito con sintomi di astinenza contiene cibo non digerito, bile, a volte tracce di sangue.

Il sangue appare a seguito di trombosi e danni ai vasi del tratto gastrointestinale. La diarrea (diarrea) si unisce. Inoltre, se un paziente ha le emorroidi, inizia un'esacerbazione di questa malattia..

Emorragia interna

Questa condizione minaccia la vita del paziente. Un segno di emorragia interna nell'intestino - feci nere.

Quando compare un sintomo, il paziente necessita di cure mediche di emergenza. I parenti dovrebbero chiamare un'ambulanza.

Mal di testa

La condizione dolorosa è più spesso associata ad un aumento della pressione sanguigna e / o ai suoi salti.

I sintomi da astinenza esacerbano le malattie croniche, comprese quelle caratterizzate da mal di testa.

Insonnia e incubi

I disturbi del sonno e del riposo sono una condizione tipica dei sintomi di astinenza da alcol. Il paziente non riesce a dormire, soffre di insonnia.

Incubi, uno dei sintomi dei sintomi di astinenza

Di notte è tormentato da incubi, trame ossessive di sogni. Una situazione simile porta, dopo pochi giorni, ad allucinazioni visive, alterata percezione uditiva. Si sviluppa delirium tremens.

Edema cerebrale

Questa condizione porta a danni ai centri della respirazione e dell'attività cardiaca, che spesso è causa di morte..

Edema cerebrale, uno dei sintomi dei sintomi di astinenza

Esacerbazione di malattie croniche

Gli alcolisti di solito soffrono di un sacco di disturbi. Il più comune:

  • pancreatite acuta e cronica,
  • epatite,
  • cirrosi epatica,
  • colecistite cronica.

Questo è solo l'inizio della lista, infatti, in un alcolista, tutti gli organi e i sistemi del corpo sono influenzati in un modo o nell'altro..

Trattamento per astinenza da alcol

La diagnosi di una malattia comporta l'esame di una storia medica da parte di un medico. Lo specialista tiene anche conto dei sintomi caratteristici, principalmente battito cardiaco irregolare, tremori alle mani, disidratazione nel paziente.

Il medico può ordinare test tossicologici per determinare il contenuto di alcol del paziente.

Medicinali

Si raccomanda di trattare i sintomi da astinenza in una clinica narcologica, dove ci sono tutte le condizioni e le opportunità per eliminare i sintomi di AAS e prevenire le complicanze.

Il narcologo sceglie i mezzi tenendo conto dello stadio e della gravità della malattia alcolica. La scelta dei farmaci è influenzata dalle seguenti circostanze: periodo di abbuffata, malattie croniche nel paziente, bevande consumate, presenza di intolleranza ai farmaci.

Al paziente viene prescritta una terapia infusionale (contagocce). Soluzione salina e altre miscele di sale vengono iniettate per via endovenosa. Normalizzano l'equilibrio degli elettroliti, disturbati a causa di un processo tossico nel corpo. La durata della terapia è in media 3-7 giorni.

Trattamento dei sintomi di astinenza - farmaci utilizzati:

  • vasodilatatori,
  • antipsicotici,
  • diuretici,
  • cuore,
  • ipnotico.

La manifestazione dei sintomi ASC è ridotta da farmaci simili all'alcol etilico nel meccanismo di influenza sul sistema nervoso centrale. Questi sono tranquillanti o antipsicotici, in particolare le benzodiazepine.

I farmaci Diazepam, Tranxen, Lorazepam, Elenium, Chlosepid. hanno un effetto sedativo, rilassano i muscoli, alleviano l'ansia, facilitano l'addormentamento e migliorano il sonno. Le benzodiazepine elencate eliminano anche altre manifestazioni dei sintomi di astinenza..

Il diazepam aiuta con i sintomi di astinenza

Oltre all'uso di antipsicotici, il trattamento ACC include la disintossicazione del corpo del paziente. Al paziente vengono iniettate soluzioni: soluzione salina, glucosio, diuretici, tiamina (vitamina B1).

Quindi la terapia è integrata con preparati multivitaminici. Al paziente vengono prescritti nootropi - Piracetam o Nootropil. Dopo il completamento del trattamento, il ritiro dei farmaci e degli integratori alimentari, sarà richiesta la correzione nutrizionale.

Trattamento domiciliare

Alcuni pazienti hanno bisogno dell'aiuto qualificato dei narcologi per prevenire complicazioni pericolose.

I sintomi lievi di astinenza da alcol possono essere trattati in regime ambulatoriale ea casa.

Trattamento dei sintomi di astinenza

Come alleviare i sintomi di astinenza da alcol da solo:

  1. Bevande abbondanti (succhi, bevande alla frutta, bevande alla frutta, tè verde, acqua filtrata e minerale),
  2. Pulizia del tratto digestivo con clisteri purificanti,
  3. Bagno caldo, doccia di contrasto,
  4. Enterosorbenti che legano le tossine nel tratto gastrointestinale (carbone bianco, Enterosgel, Polysorb, Lactofiltrum),
  5. Medicinali che supportano il sistema nervoso, il cuore (Valocordin, Piracetam, Motherwort).

Sollievo dai sintomi di astinenza - sollievo dai postumi di una sbornia

I farmaci all'inizio del trattamento AAS mirano ad eliminare l'intossicazione da alcol.

Il sollievo dai sintomi di astinenza viene effettuato con l'aiuto di farmaci che neutralizzano e rimuovono l'etanolo dal corpo. Il paziente sente meno le conseguenze di una sbornia, gradualmente torna in sé.

Il trattamento ambulatoriale spesso porta a ricadute. Una persona malata che è a casa può continuare a consumare alcolici. Tuttavia, i sintomi di astinenza da alcol sono molto gravi e talvolta pericolosi per la vita..

Il ricovero del paziente è preferibile, poiché un istituto medico specializzato fornisce sollievo e terapia complessa per ACC, compresa l'assistenza psicologica.

Ritiro di alcol

La sindrome da astinenza (astinenza da alcol) è una condizione associata a una forte diminuzione o cessazione dell'uso di bevande alcoliche in una persona con alcolismo di stadio II - III. Con questa patologia, in varie combinazioni, si sviluppano sintomi mentali e vegetativi e il lavoro degli organi interni viene interrotto. Se la sindrome alcolica non viene trattata, può verificarsi delirium tremens.

Leggi anche

Leggi anche

Questa condizione è una grave condizione iperadrenergica, accompagnata da ipertermia, sudorazione, tachipnea (respiro rapido e superficiale), tachicardia, caratterizzata da disorientamento, ridotta attenzione e coscienza, allucinazioni visive o uditive.

Fisiopatologia

La maggior parte delle persone con alcolismo è vulnerabile agli effetti della cessazione improvvisa del consumo di etanolo a lungo termine. Tuttavia, la sindrome da astinenza di solito non si verifica nella popolazione generale perché la maggior parte delle persone beve sporadicamente, il che non si traduce in una concentrazione di alcol nel sangue costantemente elevata necessaria per sviluppare sintomi di astinenza..

I nostri lettori consigliano!

Il nostro lettore abituale ha condiviso un metodo efficace che ha salvato suo marito dall'ALCOLISMO. Sembrava che nulla aiutasse, c'erano diversi codici, cure al dispensario, niente aiutava. Il metodo efficace consigliato da Elena Malysheva ha aiutato. METODO EFFICACE

I sintomi da astinenza si verificano perché l'alcol è un depressivo del sistema nervoso centrale. Aumenta contemporaneamente il tono inibitorio (modulando l'attività dell'acido gamma-amminobutirrico) e inibisce il tono eccitatorio (modulando l'attività degli amminoacidi eccitatori). Solo la presenza costante di etanolo mantiene l'omeostasi. La cessazione improvvisa maschera le risposte adattative all'uso cronico di etanolo che porta all'iperattività del sistema nervoso centrale.

L'acido gamma-aminobutirrico (GABA) è il principale neurotrasmettitore inibitorio nel cervello. L'uso cronico di etanolo causa insensibilità al GABA, quindi è necessario più inibitore per mantenere il tono costante.

Con lo sviluppo della tolleranza all'alcol, l'individuo rimane agitato dall'alcol accumulato nel corpo, che di solito porta a uno stato doloroso di letargia (lentezza, letargia, affaticamento o persino coma). La cessazione del consumo di alcol o la riduzione da concentrazioni cronicamente elevate porta ad una diminuzione del tono inibitorio e ad un'eccitazione eccessiva non regolata.

Sintomi di astinenza

La sindrome da astinenza nell'alcolismo cronico è causata dall'iperattività del sistema nervoso centrale e può includere, dopo aver ridotto o interrotto il consumo di alcol, i seguenti sintomi:

  • insonnia;
  • ansia;
  • disturbi del tratto gastrointestinale;
  • anoressia (disturbo alimentare);
  • mal di testa;

L'astinenza da alcol è la reazione del corpo al bere eccessivo. La gravità del ritiro può essere suddivisa in tre fasi. I sintomi dello stadio I sono lievi e di solito non sono associati a segni vitali anormali. I sintomi dello stadio II sono più intensi e sono associati a segni vitali anormali (p. Es., Ipertensione, respirazione e temperatura corporea). Lo stadio III include delirium tremens o convulsioni. Se il trattamento viene ignorato, gli stadi II o III possono progredire rapidamente.

I sintomi sono generalmente presenti entro sei ore dall'interruzione dell'alcol e spesso si sviluppano mentre i pazienti hanno ancora una quantità significativa di alcol nel sangue. Se l'astinenza non progredisce, questi risultati si risolvono entro 24-48 ore. Specifici sintomi minori di astinenza nell'alcolismo di solito si ripresentano da un caso all'altro.

Le convulsioni di solito si verificano entro 12-48 ore dall'ultima bevanda alcolica, ma possono verificarsi dopo due ore di astinenza. Le convulsioni si verificano principalmente in pazienti con una lunga storia di alcolismo cronico. Si verificano convulsioni singole o frequenti.

Le convulsioni possono essere di natura epilettica. Le benzodiazepine, il fenobarbitale e il propofol possono essere usati per trattare le crisi epilettiche. Gli studi hanno dimostrato che la fenitoina è inefficace nel trattamento delle crisi da astinenza e non dovrebbe essere utilizzata per questo scopo..

L'allucinosi alcolica non è sinonimo di delirium tremens. L'allucinosi alcolica si riferisce alle allucinazioni che si sviluppano entro 12-24 ore dall'astensione dall'alcol e che di solito si risolvono entro 24-48 ore. Le allucinazioni sono generalmente visive, sebbene possano verificarsi anche allucinazioni uditive e tattili. I pazienti sono consapevoli di avere allucinazioni e spesso ne sono turbati. Tuttavia, a differenza del delirium tremens, l'allucinosi alcolica non è associata all'annebbiamento globale del sensorio (udito, vista, olfatto), ma solo a specifiche allucinazioni. I segni vitali sono normali..

Trattamento

Se il paziente ha convulsioni, il trattamento dell'astinenza da alcol viene effettuato in un ospedale sotto la supervisione 24 ore su 24 dei medici. Per eseguire misure di disintossicazione, al paziente viene somministrato un clistere che pulisce il sangue e viene dato da bere carbone attivo o altri adsorbenti (Polyphepam, Smecta). Successivamente, lo specialista prescrive la terapia endovenosa:

  • cloruro di sodio;
  • glucosio 5% con vitamina B1;
  • vitamine B e C.

Sotto il controllo del contenuto di elettroliti nel sangue, ai pazienti vengono prescritti sodio e magnesio, oltre al potassio. Il diazepam viene iniettato per via intramuscolare per alleviare l'ansia e l'ansia. La dose del farmaco viene selezionata individualmente per ciascun paziente. Spesso i pazienti hanno problemi cardiaci, gonfiore e mancanza di respiro e ipertensione. Il sollievo dalla sindrome da astinenza da alcol è accompagnato dalla normalizzazione del sonno del malato, per questo gli vengono prescritti Phenazepam e Tizercin. La soluzione salina viene somministrata con diuretici. La nutrizione è fornita da farmaci per via endovenosa.

Tranquillanti diurni

Il trattamento può includere uno o più farmaci. Le benzodiazepine sono farmaci che riducono l'ansia utilizzati per trattare i sintomi di astinenza come ansia e sonno povero e per prevenire convulsioni e delirio (un disturbo mentale che può variare dall'ottusità al coma). Questi sono i farmaci più comunemente usati durante la fase di disintossicazione. Dovrebbero essere usati con cautela in quanto creano dipendenza.

Se la sindrome da astinenza è accompagnata da convulsioni, uno psichiatra prescrive il trattamento con il tranquillante Grandaxin. Alcune persone bevono troppo e sono inclini a sintomi di ansia, depressione o stress. Anche le persone che soffrono di depressione, ansia o altri problemi simili possono usare Grandaxin per il trattamento. Il farmaco del gruppo dei derivati ​​delle benzodiazepine elimina le forme di disturbi vegetativi. Grandaxin rimuove i disturbi nevrotici non gravi. È prescritto per i sintomi di paura, ansia e disagio psicologico generale. La grandaxina ha una moderata attività stimolatrice ed è ampiamente utilizzata come sedativo per il dolore cardiaco.

Farmaci che rimuovono il desiderio di alcol

Non tutti prenderanno farmaci per aiutare se stessi ad astenersi dall'alcol. Tuttavia, alcune persone assumono farmaci che attenuano il desiderio di alcol. Esistono diversi farmaci da prescrizione sul mercato che vengono utilizzati per aiutare le persone a raggiungere e mantenere l'astinenza. I più comuni sono: Proproten 100, Kolme (forma un'allergia all'alcol, compaiono sintomi che spaventano un alcolizzato). Nel trattamento della dipendenza da alcol, viene assunto il farmaco metronidazolo. Topomax inibisce anche il consumo di alcol inibendo i recettori della dopamina. L'antigene è stato utilizzato per mesi e cambia lentamente l'atteggiamento nei confronti dell'alcol. Se una persona decide autonomamente di rinunciare all'alcol, ma è molto difficile per lui astenersi, può ottenere una prescrizione per uno di questi farmaci da uno psichiatra..

Diversi approcci al trattamento

Se l'abbuffata è pesante, la persona deve essere ricoverata in ospedale sotto la supervisione 24 ore su 24 dei medici in servizio. Dopo che i medici hanno rimosso il tossicodipendente dallo stato di astinenza, è necessario spiegargli cosa gli è successo.

  1. Alka-Seltzer e Antipohmelin: i farmaci accelerano il ritiro dei prodotti di decadimento dell'alcol etilico dal corpo.
  2. Fermare l'astinenza da alcol in 1-2 sedute rende stabile la sobrietà per lungo tempo.
  3. L'agopuntura influisce sull'energia di una persona ed elimina il desiderio di alcol in 7-10 sessioni.
  4. L'elettropuntura aiuta anche ad eliminare la voglia di alcol in 5-7 sedute. La persona sente di non aver più bisogno di alcol.
  5. ICT - la traslocazione intracranica è uno speciale effetto neurofisiologico su alcune parti del cervello.

Se il comportamento di un alcolizzato minaccia la vita dei parenti, è necessario rimuovere oggetti appuntiti e chiamare il team di salute mentale. I primi sintomi del delirium tremens: allucinazioni, ansia, sussulti, occhi spaventati, vede e sente ciò che non c'è realmente.

Suggerimenti su come smettere di bere

Se una persona si è astenuta dal bere per un giorno o più, ecco alcuni suggerimenti che possono aiutare..

  • Trova altri modi per rilassarti.
    Molte persone credono che l'alcol sia un modo per rilassarsi. Ma in effetti, eccita il sistema nervoso. Dopo aver rinunciato all'alcol, una persona ha bisogno di trovare altre gioie nella vita. Le cose semplici aiuteranno: bagno caldo, yoga, esercizio fisico, fede in Dio, meditazione e rilassamento..
  • Combatti l'insonnia.
    Un buon sonno è la chiave per una giornata di successo. L'alcol bevuto di notte eccita solo il sistema nervoso. Molte persone perdono forza a causa dell'insonnia. Esistono diversi metodi e farmaci che possono aiutare con l'insonnia, tra cui l'erba madre e la radice di valeriana. Devi andare a letto in tempo. L'orario ottimale sono le 22:00. Anche il tè alla menta, il latte, la mela e le vitamine B1, B6, B12 possono aiutare con l'insonnia.
  • Trova attività alternative.
    Il modo migliore per astenersi è impegnarsi in attività che sono incompatibili con il bere e sono molto più piacevoli. Attività sportive. Creazione di siti web. Scrivere un articolo o un libro. Maglieria. Tutto ciò che una persona ama davvero più dell'alcol è un ottimo modo per astenersi..
  • Usa strumenti comportamentali.
    Devi imparare a non ricordare gli eventi negativi della vita. Può aiutarti a smettere di bere. Dovresti sempre ricordare che una persona è il padrone della sua mente: se non c'è modo di controllare gli eventi intorno a lui, allora puoi reagire a loro in un modo diverso.

Nota: se la persona ha bevuto molto per molto tempo, potrebbe essere necessario ridurre gradualmente il livello di alcol per evitare la sindrome da astinenza potenzialmente pericolosa..

L'astinenza completa è l'unico rimedio per la dipendenza da alcol. L'errore più comune è la sottovalutazione della quantità di aiuto necessaria per fermare l'uso di alcol da parte di specialisti: psicologo, psicoterapeuta, psichiatra, narcologo. I pazienti che cercano di limitare il consumo di alcol per un po 'e non possono farlo si renderanno presto conto di aver già sviluppato una dipendenza. È necessario motivare i tossicodipendenti: cerca di astenersi.

È impossibile curare l'alcolismo.

  • Ho provato molti modi, ma niente aiuta?
  • Un'altra codifica si è rivelata inefficace?
  • L'alcolismo distrugge la tua famiglia?

Non disperare, è stato trovato un rimedio efficace per l'alcolismo. Un effetto clinicamente provato, i nostri lettori l'hanno provato su se stessi. Leggi di più >>

Sintomi e trattamento di astinenza da alcol

Cos'è l'astinenza da alcol? Analizzeremo le cause di occorrenza, diagnosi e metodi di trattamento nell'articolo del Dr.Seregin D.A., uno psicoterapeuta con 11 anni di esperienza.

Definizione di malattia. Cause della malattia

L'astinenza da alcol, o sindrome da astinenza da alcol, è una reazione del sistema nervoso centrale alla cessazione del consumo eccessivo di alcol prolungato, che è accompagnata da attacchi di tremori, agitazione, confusione, nausea, sudorazione, vomito, insonnia, convulsioni, febbre, tachicardia, ipertensione e allucinazioni [1] [2].

I sintomi di astinenza da alcol sono stati descritti già nel 400 a.C. e. Ippocrate [4] [5]. Si ritiene che questa sindrome sia diventata un problema comune dopo il 1800 [5].

L'astinenza da alcol può verificarsi in chiunque sia dipendente da alcol, sia dopo aver smesso di abbuffarsi, sia dopo una riduzione pianificata o non pianificata della dose di alcol [1].

I sintomi di astinenza compaiono 6-24 ore dopo l'ultima bevanda. Il 4% delle persone con sintomi di astinenza sviluppa sintomi gravi, il 15% dei pazienti con sintomi gravi muore [2].

Il trattamento per l'astinenza da alcol mira a ridurre al minimo i sintomi, prevenire complicazioni e facilitare l'astinenza prolungata dall'alcol.

I pazienti con sindrome da lieve a moderata possono essere trattati in regime ambulatoriale. Ciò riduce i costi e non interrompe la persona dal lavoro e dalla vita familiare. Le persone con sintomi gravi e ad alto rischio di complicanze devono essere monitorate quotidianamente da un medico fino alla scomparsa dei sintomi di astinenza.

Sintomi di astinenza da alcol

I sintomi di astinenza da alcol sono associati a danni al sistema nervoso centrale. Si va da lieve a grave, in pericolo di vita..

La gravità della condizione dipende dalla quantità e dalla durata dell'ultimo consumo di alcol, nonché dalla quantità e dalla gravità delle cancellazioni precedenti [8].

I sintomi lievi includono ansia, disturbi del sonno, tremori, sudorazione, vomito, palpitazioni cardiache e febbre lieve [1]. Di solito iniziano sei ore dopo l'ultimo drink.

I sintomi più gravi includono convulsioni e allucinazioni - visive, uditive o tattili [8]. Di conseguenza, può svilupparsi delirio alcolico - delirium tremens. Questi peggiori sintomi si sviluppano entro 24-72 ore, con miglioramento il settimo giorno [1] [2] [3].

Un attacco può verificarsi entro 48 ore dall'interruzione dell'assunzione di alcol. Appare o come una singola crisi generalizzata (diffusa) o come un breve episodio di più crisi [9].

Il delirium tremens è la forma più grave di sintomi da astinenza. È accompagnato da palpitazioni, aumento della pressione sanguigna, disorientamento, tremori (tremori alle mani), sudorazione, ridotta attenzione o coscienza, allucinazioni che il paziente non riesce a distinguere dalla realtà, nonché febbre che non si ferma entro 4-12 giorni [8] [dieci].

I pazienti con alcolismo possono inizialmente non manifestare alcun sintomo di astinenza, ma con ogni nuovo episodio di assunzione e astinenza di alcol, i sintomi di astinenza diventano più gravi. Di conseguenza, il delirium tremens in piena regola si sviluppa con convulsioni..

A volte i sintomi di astinenza, anche i più gravi, possono comparire già due ore dopo aver smesso di bere. Con un inizio così rapido e imprevedibile della sindrome, è richiesta un'urgente necessità di consultare un medico. Tuttavia, molto spesso i sintomi sono prevedibili e corrispondono a un certo periodo di tempo [10]:

  • Tremore, mal di testa, ansia, sudorazione, nausea o vomito e altri sintomi comparabili si verificano 6-12 ore dopo l'ultima bevanda.
  • Dopo 12-24 ore, la condizione peggiora: una persona si agita, la coscienza diventa confusa, le mani tremano, compaiono allucinazioni, mentre la consapevolezza della realtà non è persa.
  • Le convulsioni possono verificarsi dopo 24-48 ore. Nel frattempo, nessuno dei primi sintomi di astinenza da alcol diminuisce. Il rischio di morte aumenta.

Di norma, le condizioni del paziente iniziano a migliorare dopo 48 ore. A volte i sintomi di astinenza continuano a intensificarsi e progredire verso il delirium tremens. Ci sono stati casi di delirium tremens prolungato [15].

Sintomi di astinenza prolungati si verificano in molti alcolisti. In questo caso, i sintomi di astinenza rimangono dopo la fase acuta dell'astinenza, ma diventano subacuti e gradualmente si indeboliscono. Questa sindrome è a volte indicata come sintomi di astinenza subacuti. Una persona ha ancora voglia di alcol, non può godere di cose piacevoli, la sua sensibilità si attenua, si verificano disorientamento, nausea, vomito o mal di testa [11]. Alcuni sintomi possono persistere per almeno un anno dopo aver smesso di bere. In questo stato, c'è un'alta probabilità che il paziente inizi a bere di nuovo alcol, quindi è necessario non solo eliminare i sintomi di astinenza, ma anche trattare la dipendenza da alcol.

L'insonnia è un sintomo comune e di lunga durata. Persiste dopo la fase acuta di astinenza e influisce sul tasso di ricaduta. L'insonnia associata all'alcolismo è difficile da trattare, poiché molti sonniferi tradizionali hanno effetti temporanei e hanno gravi effetti collaterali [12] [13] [14].

Patogenesi dell'astinenza da alcol

L'astinenza da alcol è influenzata da due meccanismi.

Il meccanismo principale è una diminuzione della sensibilità dei recettori GABA nel cervello. In un corpo sano, questi recettori inibiscono la trasmissione degli impulsi nel sistema nervoso umano. Con l'uso cronico di alcol, la composizione chimica del cervello e il gruppo di neuroni inibitori cambiano, a seguito della quale i recettori GABA vengono soppressi [34].

Il secondo meccanismo è associato ai recettori NMDA. Sono coinvolti nell'aumentare l'eccitabilità del sistema nervoso centrale durante l'astinenza da alcol. Il livello di omocisteina (un amminoacido nel plasma sanguigno), che aumenta durante il consumo cronico di alcol, aumenta ancora di più durante i sintomi di astinenza. Questo può portare a danni e morte delle cellule nervose sotto l'influenza dell'iperattività del recettore NMDA [18].

La rottura dell'asse ipotalamo-ipofisi-surrene e l'aumento della secrezione di corticorelina (un ormone dell'ipotalamo) si verificano con astinenza dall'alcol sia recente che prolungata. Contribuiscono alla comparsa di sintomi di astinenza sia acuti che a lungo termine..

La perdita di piacere e irritabilità, che a volte persistono come parte di sintomi di astinenza prolungati, possono essere associate a dopamina inadeguata, un mediatore del piacere [19].

L'aumento dell'impulsività, la compromissione della memoria di lavoro spaziale e la percezione emotiva sono associati agli effetti neurotossici della sospensione ripetuta di alcol sulla plasticità neuronale ridotta e sul danno corticale.

Classificazione e fasi di sviluppo dell'astinenza da alcol

I sintomi di astinenza da alcol possono essere suddivisi in tre fasi [11]:

  • Primo stadio. Inizia otto ore dopo l'ultima dose di alcol. È accompagnato da ansia, nausea, insonnia e dolore addominale. I sintomi sono lievi, di solito non associati a segni vitali anormali (come ipertensione o temperatura corporea).
  • Seconda fase. Inizia 24-72 ore dopo l'ultimo consumo. I sintomi sono più intensi e associati a segni vitali anormali: ipertensione, febbre, battito cardiaco alto e confusione.
  • Fase tre. Di solito inizia 2-4 giorni dopo l'ultima bevanda. I sintomi includono delirium tremens: allucinazioni, febbre, convulsioni, agitazione.

Tutti i sintomi di solito scompaiono entro 5-7 giorni. Se il trattamento non viene avviato in tempo, la condizione progredisce rapidamente al secondo o terzo stadio..

Complicazioni di astinenza da alcol

L'astinenza da alcol aumenta il rischio di ricaduta dell'astinenza da alcol, danni cerebrali alcolici e deterioramento cognitivo.

Negli adolescenti che hanno ripetutamente sperimentato l'astinenza da alcol, la memoria non verbale a lungo termine è compromessa e negli alcolisti con due o più casi di astinenza da alcol si osserva una disfunzione cognitiva pronunciata del lobo frontale. Questi disturbi si verificano sullo sfondo dei cambiamenti di personalità: in un paziente con lesioni dei lobi frontali del cervello, la formazione di motivi associati al sistema del linguaggio e le intenzioni di eseguire determinate forme di attività cosciente è disturbata, il che si diffonde e influenza l'intero comportamento del paziente [23].

L'abuso cronico di alcol e ripetuti casi di astinenza da alcol possono portare a cambiamenti permanenti nei recettori GABA [20]. Il fatto è che il meccanismo alla base dell'astinenza dall'alcol è un aumento della sensibilità di alcuni sistemi neuronali e una diminuzione in altri, il che porta a uno squilibrio neurochimico sempre maggiore. Ciò provoca profondi sintomi di astinenza tra cui ansia, convulsioni e neurotossicità - effetti negativi sulla struttura o sulla funzione dei sistemi nervoso periferico e centrale [21].

L'astinenza da alcol è associata alla cardiopatia ischemica (CHD) e alla natura delle conseguenze dell'infarto miocardico. Sebbene in alcuni studi sia stato dimostrato che il consumo moderato di alcol riduce il rischio di morte per infarto miocardico e malattia coronarica [5] [9] [11], la cessazione improvvisa del consumo di alcol aumenta il rischio di esiti avversi di infarto miocardico [12].

Quando ricoverato in ospedale per un infarto miocardico acuto durante il binge drinking, il consumo di alcol si interrompe improvvisamente, il che può accelerare l'inizio dell'astinenza da alcol. Aumenta anche il rischio di complicanze di infarto e prognosi sfavorevole, persino la morte. Come dimostrato da casi clinici con un alto rischio di astinenza acuta da alcol, circa il 24% dei pazienti ha sviluppato delirium tremens, di cui l'11% è deceduto, e il 56% ha sviluppato complicanze gravi [14].

La prognosi dell'infarto del miocardio nei pazienti con astinenza è influenzata da un aumento delle catecolamine circolanti (adrenalina, norepinefrina, dopamina) e dall'aumento del consumo di ossigeno miocardico che si verifica durante l'astinenza da alcol. Interferiscono con la stabilizzazione e la guarigione del miocardio e possono causare fibrillazione ventricolare e morte improvvisa. Inoltre, la prognosi può peggiorare il comportamento del paziente durante il delirium tremens: autoironia, tentativi di alzarsi dal letto e rimuovere i tubi enterali per la nutrizione [15] [16] [17].

Diagnosi di astinenza da alcol

Al fine di determinare la gravità dell'astinenza da alcol, in molti ospedali viene utilizzato il protocollo di valutazione clinica CIWA-Ar [8] [12]. In questo test, il medico agisce come segue:

  • chiarisce se il paziente sta vivendo nausea, se stava vomitando;
  • valuta la natura del tremore (impercettibile, moderato o grave) e della sudorazione (leggera umidità nei palmi, gocce di sudore sulla fronte o sudorazione profusa);
  • chiede al paziente il momento di nervosismo (ansia lieve o moderata, vigilanza per mancanza di ansia, sensazione di panico);
  • nota quanto è eccitato il paziente (grado di attività, lancio);
  • controlla se il paziente ha allucinazioni (sensazione di inquietudine, prurito o intorpidimento, suoni o voci disturbanti, reazione dolorosa alla luce, comparsa di cose che gli altri non vedono);
  • chiarisce se il paziente è preoccupato per mal di testa o vertigini;
  • controlla l'orientamento e la percezione del mondo circostante (il paziente capisce chi è, dove si trova, che giorno è).

Tale test clinico aiuta a determinare non solo la gravità dei sintomi di astinenza, ma anche la quantità di farmaci necessari per il trattamento..

Poiché l'astinenza da alcol colpisce il sistema nervoso centrale, autonomo e la funzione cognitiva, la presenza di due sintomi dall'elenco è sufficiente per fare una diagnosi [8] [10]:

  • iperattività autonomica (aumento della sudorazione, battito cardiaco disturbato);
  • tremore pronunciato delle mani;
  • insonnia;
  • nausea o vomito;
  • la comparsa di allucinazioni o illusioni visive, tattili, uditive;
  • agitazione psicomotoria (ad esempio, camminare da un lato all'altro);
  • ansia;
  • convulsioni improvvise senza perdita di coscienza.

La misura in cui un paziente dipende dall'alcol è determinata valutando l'uso di alcol e il suo impatto sulla vita. Per fare ciò, usa il questionario CAGE - una valutazione dell'intossicazione cronica da alcol. Questo questionario include quattro domande:

  1. "Hai mai pensato di bere meno alcol?"
  2. "Sei stato infastidito dalle persone che ti hanno criticato per aver bevuto?"
  3. "Ti sei mai sentito male o in colpa per aver bevuto alcolici?"
  4. "Hai mai bevuto la mattina per calmare i nervi o per liberarti di una sbornia?"

Se il paziente ha risposto sì a 2-4 domande, è più probabile che dipenda dall'alcol.

Si raccomanda di utilizzare questo questionario per lo screening dei pazienti, per identificare coloro che sono a rischio di sviluppare alcolismo e astinenza da alcol. Se i risultati dello screening sono positivi, al paziente deve essere chiesto il grado di consumo di alcol e le eventuali complicazioni fisiche o psicologiche. L'alcolismo viene diagnosticato se al paziente si applicano due delle seguenti condizioni:

  • L'alcol viene consumato in più quantità del previsto.
  • C'è un desiderio costante, desiderio di alcol o tentativi falliti di ridurre / controllare il consumo di alcol.
  • La maggior parte del tempo libero (anche sul posto di lavoro, con la famiglia), una persona pensa a come ottenere alcol, ricominciare a berlo o riprendersi dai suoi effetti.
  • A causa dell'alcol, una persona non adempie alle responsabilità professionali e familiari.
  • È impossibile rinunciare all'alcol anche con problemi periodici o costanti in famiglia o al lavoro.
  • Bere alcol si verifica in situazioni fisicamente pericolose (guida in stato di ebbrezza).
  • La tolleranza (immunità) all'alcol si sviluppa, quindi, per ottenere l'effetto desiderato, è necessario aumentare la dose di alcol.
  • Ha o ha avuto sintomi di astinenza.

Trattamento di astinenza da alcol

Il trattamento per i sintomi di astinenza non cura la dipendenza da alcol. Ha i seguenti obiettivi:

  • ridurre i sintomi di astinenza;
  • prevenire convulsioni, delirium tremens e morte;
  • Elimina i problemi elettrolitici (sostanze che aiutano a trattenere i liquidi nel corpo) e aumenta la glicemia [2];
  • preparare il paziente all'astinenza prolungata dall'alcol.

Un trattamento adeguato e tempestivo dell'astinenza da alcol riduce la gravità dei futuri episodi di astinenza e il rischio che il paziente riprenda a bere [18].

Il trattamento ospedaliero viene effettuato presso [15]:

  • gravi sintomi di astinenza da alcol, incluso delirium tremens;
  • gravi problemi psichiatrici (pensieri suicidi, psicosi);
  • significative deviazioni di laboratorio, anche con una forma lieve di astinenza (indicatori di un esame del sangue generale - glucosio, elettroliti);
  • risultati positivi ai test antidroga delle urine.

Il trattamento domiciliare (ambulatoriale) è consigliabile quando:

  • sintomi di astinenza da lievi a moderati;
  • nessuna controindicazione;
  • non bere alcolici per almeno cinque giorni.

Il trattamento ambulatoriale è possibile previa visita regolare dal medico, assunzione dei farmaci prescritti e presenza di una persona che si prenderà cura del paziente e monitorerà il farmaco [6] [9].

Il sostegno familiare è fondamentale per il successo delle cure ambulatoriali. Pertanto, è importante che la persona che si prenderà cura del paziente lo faccia come desidera. [17].

Il trattamento ambulatoriale per l'astinenza da alcol è solitamente sicuro, efficace e meno costoso del trattamento ospedaliero [16]. Non separa il paziente dalla famiglia e dal lavoro, che è importante anche nel trattamento dell'alcolismo..

Le benzodiazepine, le vitamine e gli anticonvulsivanti vengono utilizzati per eliminare l'astinenza da alcol..

Benzodiazepine

Le benzodiazepine sono un trattamento tipico per i sintomi di astinenza da alcol. Allevia efficacemente i sintomi e previene le convulsioni [25] [26]. Come gli anticonvulsivanti, le benzodiazepine riducono l'agitazione psicomotoria e prevengono la progressione dei sintomi di astinenza [22]. Devono essere somministrati all'inizio della fase di astinenza.

Esistono due tipi di benzodiazepine: a lunga durata ea breve durata d'azione. Le benzodiazepine a lunga durata d'azione come il clordiazepossido e il diazepam sono più comunemente usate [2]. Si ritiene che siano superiori alle altre benzodiazepine nel trattamento del delirio e consentono pause più lunghe tra le dosi [23]. Le benzodiazepine a breve durata d'azione come il lorazepam sono più sicure per le persone con problemi al fegato [7]. Tuttavia, non vi è ancora consenso su quale tipo di farmaco sia più adatto per il trattamento dei sintomi di astinenza..

Il principale dibattito tra le benzodiazepine a lunga e breve durata d'azione è la facilità d'uso. Ad esempio, il trattamento con lorazepam è altrettanto sicuro ed efficace, ma ha una durata del trattamento più breve e la dose di farmaco utilizzata [7].

Le benzodiazepine devono essere usate con cautela: possono causare malattie respiratorie, depressione, azione suicida e morte se combinate con l'alcol. Pertanto, questo gruppo di farmaci può essere utilizzato solo durante il periodo di astinenza da alcol [29].

Con l'uso a lungo termine, c'è il rischio che l'alcolismo si trasformi in benzodiazepine o altra dipendenza. Pertanto, i farmaci dovrebbero essere usati solo per un breve periodo negli alcolisti che non sono ancora dipendenti da questi farmaci..

Le benzodiazepine vengono somministrate quando il paziente presenta sintomi significativi. Pertanto, le persone con lieve astinenza da alcol possono aver bisogno solo di cure di supporto..

L'uso di benzodiazepine in dosi che alleviano i sintomi di astinenza riduce la manifestazione clinica della sindrome, inclusa la frequenza delle crisi, mentre la dose totale dei farmaci assunti è inferiore rispetto al trattamento con dosi fisse.

Per l'astinenza da alcol, le benzodiazepine riducono il delirio e le convulsioni in modo più efficace delle fenotiazine e sono raccomandate come farmaci di prima linea.

Vitamine

I pazienti che soffrono di astinenza da alcol spesso presentano carenze nutrizionali, che possono portare a gravi complicazioni. Ad esempio, con una carenza di tiamina (vitamina B1), può svilupparsi la sindrome di Wernicke-Korsakoff. È accompagnato da carenza vitaminica, alterazioni della vista (oftalmopolegia, nistagmo), atassia e disturbi della memoria.

Per prevenire la sindrome di Wernicke, i pazienti devono usare tiamina, acido folico e piridossina prima di somministrare liquidi o alimenti contenenti carboidrati. Queste vitamine sono spesso combinate per la somministrazione endovenosa [30].

Anticonvulsivanti

Alcuni studi indicano che gli anticonvulsivanti, farmaci usati per trattare l'epilessia [31] [32] [33], possono aiutare a gestire le convulsioni durante l'astinenza da alcol. Tuttavia, questi studi sono rari, quindi il ruolo degli anticonvulsivanti nell'eliminazione delle crisi durante l'astinenza non è stato dimostrato..

La paraldeide combinata con il cloralio idrato ha dimostrato di essere superiore al clordiazepossido per gli effetti collaterali pericolosi per la vita. La paraldeide, come il cloralio idrato, non ha solo un effetto anticonvulsivante, ma anche ipnotico. Allo stesso tempo aiuta a prevenire le convulsioni ed eliminare l'insonnia durante l'astinenza da alcol..

La carbamazepina è prescritta per aumentare la soglia di prontezza convulsiva sullo sfondo dell'astinenza da alcol, che riduce anche la gravità delle manifestazioni cliniche della sindrome (ipereccitabilità, tremore, disturbi dell'andatura) [33]. Tuttavia, è associato a vertigini, atassia, visione doppia, nausea e vomito [31].

Altri farmaci

È stato dimostrato che i B-bloccanti e la clonidina riducono i sintomi dell'astinenza da alcol, ma non ci sono prove sufficienti della loro efficacia nel trattamento del delirio o delle convulsioni [22].

Fenotiazine e barbiturici non sono raccomandati per il trattamento ambulatoriale dell'astinenza da alcol [22]. La fenitoina (Dilantin) non è efficace nel trattamento o nella prevenzione delle convulsioni e il solfato di magnesio nei sintomi di astinenza.

Prevenire un ulteriore consumo di alcol

Esistono tre farmaci che possono aiutare a prevenire il bere nuovamente: naltrexone, acamprosato e disulfiram. Sono usati dopo l'annullamento della coppettazione [24].

Gli antipsicotici (aloperidolo) sono talvolta usati in aggiunta alle benzodiazepine per controllare l'agitazione o la psicosi [8]. Gli antipsicotici possono potenzialmente peggiorare l'astinenza da alcol perché abbassano la soglia convulsiva. In particolare, per le loro proprietà anticolinergiche, gli antidepressivi triciclici, in particolare l'amitriptilina, nonché l'azaleptina neurolettica (leponex, clozapina), somministrati durante un periodo in cui persistono i sintomi da astinenza, possono causare disturbi psicotici come il delirio. Inoltre, l'uso di amitriptilina e azaleptina nel periodo di sospensione come sonniferi è inappropriato, cosa che purtroppo è praticata [28].

Il trattamento efficace dell'astinenza da alcol è il primo passo verso l'astinenza a lungo termine. Se, dopo essersi liberato dell'astinenza da alcol, il paziente non si iscrive alla terapia individuale o di gruppo e non inizia un trattamento farmacologico a lungo termine per ridurre il rischio di ricaduta, è improbabile che si astenga dal consumo di alcol [9].

Monitoraggio del paziente per l'assistenza domiciliare

La frequenza delle visite mediche dipende dalla gravità dei sintomi, dalle caratteristiche del paziente e dal loro ambiente. La maggior parte dei pazienti si reca dal medico ogni giorno fino a quando i sintomi non si sono attenuati.

Ad ogni visita, il medico dovrebbe misurare la pressione sanguigna e il polso. Analizza periodicamente la respirazione alcolica e rivaluta la gravità utilizzando i criteri CIWA-Ar. Quando il CIWA-Ar è inferiore a 10, i dosaggi del farmaco vengono ridotti e alla fine i farmaci vengono completamente ritirati..

I sintomi dovrebbero essere risolti entro sette giorni dall'astensione dall'alcol. Se, dopo aver sospeso i farmaci, il paziente non ha bevuto alcolici per almeno tre giorni, può essere indirizzato a un programma di trattamento per l'alcolismo ambulatoriale a lungo termine.

I pazienti che non rispondono alla terapia con benzodiazepine, non assumono farmaci o ricominciano a bere devono essere indirizzati a un narcologo o ricoverati in ospedale per il trattamento.

Previsione. Prevenzione

Con un trattamento di astinenza da alcol improprio o inesistente, può provocare danni irreversibili al cervello o morte..

L'uso a lungo termine delle benzodiazepine può compromettere il recupero delle funzioni psicomotorie e cognitive [34]. Il fumo può anche interferire o rallentare il recupero delle vie cerebrali.

Lo sviluppo del delirium tremens è anche associato ad un aumentato rischio di morte [19]. I fattori di rischio per il suo aspetto includono:

  • consumo di alcol a lungo termine;
  • età superiore ai 30 anni;
  • un aumento del numero di giorni dall'ultimo consumo;
  • episodio precedente di delirium tremens [20].

Le allucinazioni comuni a questa condizione possono essere inquietanti, ma non pericolose. [19].

Il modo più efficace per prevenire l'astinenza è evitare il binge drinking e bere alcolici con moderazione..

Il modo più efficace per prevenire l'astinenza da alcol è cercare di prevenire lo sviluppo di alcolismo, soprattutto durante l'adolescenza, poiché prima si inizia ad abusare di alcol, maggiori sono le possibilità di sviluppare seri problemi di salute.

L'influenza della società - famiglia, terapia occupazionale, occupazione - è una condizione importante per la prevenzione dell'astinenza e dell'alcolismo.

È utile insegnare ai parenti del paziente come diagnosticare i segni prodromici di esacerbazione (peggioramento del sonno, diminuzione dell'umore e dell'attività, irritabilità, affaticamento, scomparsa dei soliti interessi, ecc.).

Psicoterapia finalizzata alla riabilitazione del paziente, all'adattamento alla vita in una società sobria, alla formazione e al consolidamento delle capacità di una vita sobria - fiducia in se stessi e capacità di risolvere i problemi della vita senza l '"aiuto" dell'alcol o la disponibilità a cercare il supporto tempestivo di un medico.