Overdose di amitriptilina

La depressione è un disturbo mentale che colpisce 300 milioni di persone, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità. Tuttavia, non tutti si rivolgono a specialisti per chiedere aiuto. L'accesso alle informazioni su Internet consente di diagnosticare in modo indipendente il disturbo e trovare una cura.

L'amitriptilina è un antidepressivo da banco e viene utilizzata dai consumatori come coadiuvante del sonno. Ma negli ambienti medici stanno cercando di sostituire il farmaco con farmaci alternativi a causa degli effetti collaterali e delle gravi conseguenze di un sovradosaggio..

Indicazioni e meccanismo d'azione

Il principio attivo amitriptilina ha le seguenti caratteristiche:

  1. Antidepressivo triciclico;
  2. Sedativo;
  3. Sonnifero;
  4. Analgesico nevralgico.

Indicazioni per l'uso:

  • Tutti i tipi di depressione;
  • Disturbi d'ansia;
  • Emicrania;
  • Fobie, psicosi, nevrosi;
  • Enuresi nei bambini;
  • Anoressia, bulimia;
  • Ulcera allo stomaco.

La sostanza blocca gli ormoni noradrenalina, dopamina, serotonina. La norepinefrina è paura. Dopamina: soddisfazione, euforia, amore. La serotonina è la felicità. I disturbi emotivi e mentali sono causati dall'alternanza di periodi di eccesso e mancanza di questi ormoni, ad esempio nel disturbo bipolare. L'amitriptilina regola il loro livello, rimuovendo paura, eccitazione o indifferenza. L'umore del paziente ritorna normale.

Come analgesico, il farmaco viene bevuto per reumatismi, nevralgie facciali, sindrome del dolore in oncologia.

Un potente farmaco è efficace per i disturbi del comportamento, delle emozioni, dei riflessi e per il dolore di natura neurogena.

Controindicazioni ed effetti collaterali

Gli aspetti negativi del farmaco includono un lungo periodo di insorgenza dell'effetto. Il sollievo dai sintomi arriverà 3 settimane dopo l'inizio del corso. La dose viene gradualmente aumentata. Il sovradosaggio è dovuto alla graduale manifestazione dei sintomi. Il paziente non attribuisce loro importanza fino a quando non iniziano seri cambiamenti nel funzionamento della psiche e degli organi interni.

  • Intolleranza individuale ai componenti;
  • Bambini sotto i 6 anni;
  • Insufficienza cardiaca;
  • Alcolismo;
  • Asma;
  • Ipertensione arteriosa;
  • Congestione intestinale;
  • Prostatite;
  • Gravidanza e allattamento;
  • Epilessia;
  • Trauma cranico;
  • Glaucoma.

Il farmaco influisce sulla capacità di guidare un'auto. È vietato assumere alcolici insieme al medicinale, i fondi aumentano a vicenda l'effetto rilassante. È anche incompatibile con altri antidepressivi e sedativi. Gli effetti collaterali includono:

  • Incapacità di concentrarsi a distanza ravvicinata;
  • Dilatazione degli alunni;
  • Bocca asciutta;
  • Grave stitichezza nell'intestino;
  • Sonnolenza, apatia, ubriachezza;
  • Delirio negli anziani;
  • Sindrome anticolinergica;
  • Mani tremanti.

Delirium significa uno stato ansioso di coscienza alterata seguito da allucinazioni uditive e visive. I pazienti hanno disturbi del sonno, compaiono confusione, pignoleria. Ma in generale, l'orientamento nello spazio e nel tempo viene preservato. Il delirio scomparirà quando la persona smetterà di prendere il farmaco.

La sindrome anticolinergica è caratterizzata da costrizione, contrazione dei vasi sanguigni, pupille, bronchi, sistema circolatorio, intestino, aumento del tono muscolare. Come sintomo complesso, una tale contrazione interna è pericolosa per gli asmatici, il soffocamento, il cuore è minacciato dalla tachicardia.

Le persone che soffrono di stitichezza sono a rischio di completa ostruzione intestinale. Durante la gravidanza, l'aumento del tono uterino è pericoloso per il sanguinamento e l'aborto spontaneo. Nel disturbo bipolare, la fase depressiva può diventare maniacale.

L'interruzione improvvisa del farmaco provocherà l'astinenza. La condizione è accompagnata da nausea, dispepsia e un ritorno di sintomi dolorosi.

Dose sicura e letale

L'amitriptilina è prodotta da società farmaceutiche russe e straniere. Non ci sono differenze nelle indicazioni e negli effetti collaterali. Le compresse sono disponibili in diversi dosaggi. Il farmaco Amitriptyline Nycomed del produttore europeo Takeda è confezionato in 50 compresse per flacone. Vengono prodotti tre dosaggi: 10, 25 e 50 mg. Le compresse dell'azienda slovacca Zentiva con un dosaggio di 25 mg sono distribuite in blister da 20, 50 e 100 pezzi per confezione.

Il dosaggio deve essere calcolato dal medico. Il manuale fornisce linee guida generali. La dose iniziale per il trattamento della depressione è di 25-50 mg durante la notte. Durante la settimana, l'assunzione giornaliera viene aumentata a 150-200 mg. La dose è suddivisa in più parti. Se l'effetto terapeutico non si verifica e non ci sono reazioni collaterali, la dose viene aumentata a 300 mg. Quando lo stato emotivo torna alla normalità, la quantità di farmaco viene gradualmente ridotta ai 50 mg iniziali. Il corso dura 3-8 mesi.

Ai pazienti anziani vengono prescritti 50-100 mg al giorno. Ai bambini dai 12 anni viene mostrata la dose giornaliera di 25 mg.

Si scopre che la dose massima sicura è di 300 mg. Una dose letale è di 1500 mg da assumere subito. Se la dose abituale viene assunta con l'alcol, si verificherà la morte a causa dell'asfissia - soffocamento.

Sintomi di overdose e pronto soccorso

Il gruppo degli antidepressivi triciclici ha preso il nome dalla sua struttura speciale: le molecole di una sostanza sono costituite da tre atomi uniti in un anello. La pratica medica ha dimostrato che il loro uso è efficace nella depressione con tendenze suicide..

La qualità positiva dei medicinali è l'accessibilità economica. Studi di laboratorio hanno stabilito chiaramente quanti milligrammi di una sostanza sono sicuri per il corpo. Ma c'è anche un punto negativo: i principi attivi concentrati causano un grave avvelenamento. L'amitriptilina come antidepressivo triciclico ha la proprietà specificata.

Il meccanismo di sviluppo dei sintomi

I sintomi di un sovradosaggio di amitriptilina si verificano gradualmente. Si distinguono le seguenti fasi.

Luce: si verifica quando la dose viene superata da una compressa. Espresso nei sintomi:

  • Voglia frequente di urinare
  • Oscillazioni emozionali;
  • Tensione nervosa;
  • Deficit visivo.

Con un leggero eccesso della quantità di sostanza, il paziente può cancellare la frequente voglia di andare in bagno per tensioni interne inspiegabili. In effetti, il farmaco provoca disidratazione, così come la secchezza delle fauci. La vista perde chiarezza, i contorni degli oggetti diventano sfocati. Poiché il trattamento spesso avviene senza interrompere il lavoro e le faccende domestiche, i sintomi non sono così fastidiosi da causare un disagio tangibile.

L'ulteriore azione della dose elevata trasferisce l'avvelenamento al secondo stadio. I suoi sintomi si manifestano anche quando si mescolano farmaci e alcol. Ciò comprende:

  • Sonnolenza;
  • Incoerenza, incoerenza di parola;
  • Difficoltà a respirare, vicino all'asfissia;
  • Tachicardia;
  • Temperatura fino a 38 gradi.

Il paziente cade in uno stato di trance, si confonde in pensieri, azioni, vede allucinazioni.

Ignorare i sintomi precedenti porta all'ultimo stadio. I suoi sintomi:

  • Ipotensione critica;
  • Convulsioni;
  • Soffocamento;
  • Non c'è reazione delle pupille alla luce;
  • Perdita di conoscenza.

Dopo aver perso conoscenza, c'è mezz'ora per fornire assistenza medica. Altrimenti, il paziente affronta la morte.

Primo soccorso

Nella prima fase dell'avvelenamento, è sufficiente contare attentamente il numero di compresse prima di prenderlo, dopo aver consultato le istruzioni. Quando i sintomi hanno raggiunto un punto critico, è necessario chiamare un'ambulanza.

Se lo stato di salute è peggiorato dopo aver assunto il medicinale, è necessario sciacquare lo stomaco nei modi tradizionali: dare una soluzione di sale, soda, permanganato di potassio da bere e indurre il vomito. Quindi dovrebbe prendere carbone attivo, Atoxil o un altro assorbente.

In caso di perdita di coscienza, la vittima deve essere girata su un fianco in modo che la persona non si soffochi con il vomito. In questo caso, la lavanda gastrica è impossibile. L'ulteriore condizione dipende dalla velocità di arrivo dei medici e dal grado di danno al corpo..

Trattamento e conseguenze

Il paziente incosciente verrà portato in terapia intensiva. Un trattamento approssimativo è simile a questo:

  • Somministrazione endovenosa di glucocorticoidi ormonali - prednisolone, desametasone e vitamina E.
  • Ventilazione artificiale dei polmoni.
  • Lavaggio gastrico aggiuntivo con un tubo.
  • Purificazione del sangue con contagocce con reamberina, reosorbilatto e altri farmaci disintossicanti.
  • Trattamento completo delle lesioni corporee concomitanti.

In caso di avvelenamento grave con trattamento ritardato, il coma e la morte si verificano a causa di arresto cardiaco. Se la condizione è stata riportata alla normalità, è necessario monitorare la frequenza cardiaca utilizzando un elettrocardiogramma.

Un antidoto che neutralizza l'azione dell'amitriptilina non è stato creato dalla scienza. Il pieno recupero dipende dalle difese del corpo. Tuttavia, una grave conseguenza sarà l'aggravamento del disturbo depressivo, anomalie neuropsichiatriche, a causa delle quali non è possibile un recupero completo. Inoltre, ci si dovrebbero aspettare conseguenze:

  • Diminuzione della coagulazione del sangue;
  • Disturbi del fegato, reni;
  • Malattie polmonari infettive;
  • Cambiamenti nel cervello;
  • Insufficienza cardiaca.

Complicazioni dopo un sovradosaggio: emorragia esterna e interna, depressione grave, danni a tutti i sistemi di organi interni.

Le persone sane, ma laboriose, assumono questo farmaco come sonnifero se hanno dovuto restare senza dormire per molto tempo. Una compressa da 25 mg prima di coricarsi aiuterà a spegnere la coscienza tesa e garantire un sonno riposante e profondo per le successive 12 ore. Una piccola dose viene eliminata dal corpo in tre giorni. È abbastanza per fare un buon fine settimana.

L'amitriptilina è un antidepressivo economico, un'alternativa ai sonniferi costosi e inefficaci, ad esempio Donormil. Il medicinale è sicuro se usato con giudizio. La depressione lo trasforma in uno strumento di suicidio, contro il quale viene creata la droga.

Overdose di amitriptilina

L'amitriptilina è un farmaco che ha effetti antidepressivi, sedativi, ansiolitici e timolettici. È ampiamente utilizzato nella pratica psichiatrica nel trattamento delle seguenti condizioni:

  • depressione;
  • psicosi schizofreniche;
  • disturbi del comportamento;
  • disturbi emotivi misti;
  • enuresi nei bambini;
  • bulimia nervosa.

A volte è anche prescritto per la prevenzione dell'emicrania e nella complessa terapia della sindrome del dolore cronico.

L'amitriptilina è un potente farmaco. Il loro trattamento deve essere effettuato rigorosamente secondo la prescrizione del medico e sotto la sua supervisione, altrimenti c'è un'alta probabilità di sviluppare effetti indesiderati, incluso il sovradosaggio.

Quanta amitriptilina è necessaria per un sovradosaggio?

L'assunzione di amitriptilina di solito inizia con una dose minima di 50 mg al giorno. Quindi questa dose viene aumentata quotidianamente di 25-50 mg, fino a ottenere un effetto terapeutico stabile, ma non più di 300 mg al giorno. Nel trattamento di forme gravi di depressione e soggetto a una buona tolleranza del paziente all'amitriptilina, la dose giornaliera può essere aumentata a 500 mg, ma la terapia a tali dosi viene eseguita esclusivamente in ambiente ospedaliero, con supervisione medica 24 ore su 24.

All'inizio della terapia, l'amitriptilina è in grado di manifestare un effetto suicida, che a volte induce i pazienti a prendere una dose eccessivamente alta. Un altro motivo per il sovradosaggio è la dipendenza dal farmaco, che si sviluppa nel tempo, grazie alla quale i pazienti aumentano autonomamente la dose..

Segni di sovradosaggio con amitriptilina compaiono quando si prendono più di 12 compresse (300 mg) al giorno e una dose giornaliera di 1200 mg (48 compresse) è fatale.

Segni di overdose

I sintomi di un sovradosaggio con Amitriptilina aumentano gradualmente, la velocità della loro manifestazione e gravità è determinata dalla quantità del farmaco assunto e dalle caratteristiche individuali dell'organismo.

Nelle prime ore dopo l'assunzione di una dose tossica, si possono notare agitazione psicomotoria o, al contrario, debolezza, sonnolenza e letargia. Quindi compaiono allucinazioni e altri segni associati all'azione m-anticolinergica dell'amitriptilina:

  • tachicardia;
  • midriasi;
  • mucose secche;
  • ritenzione urinaria acuta;
  • aumento della temperatura corporea;
  • convulsioni;
  • indebolimento della motilità intestinale.

Poche ore dopo, l'attività del sistema nervoso centrale viene bruscamente inibita, il che porta a disturbi della coscienza, fino al coma. Questo è accompagnato dai seguenti sintomi:

  • insufficienza respiratoria acuta;
  • aritmie cardiache (fibrillazione e flutter dei ventricoli, tachiaritmia ventricolare);
  • insufficienza cardiaca acuta;
  • ipotensione arteriosa grave.

In futuro si sviluppano acidosi metabolica, shock cardiogeno, ipopotassiemia. L'esito letale si verifica sullo sfondo di una progressiva insufficienza cardiovascolare e respiratoria.

Pronto soccorso per overdose con amitriptilina

Il primo soccorso dovrebbe essere avviato chiamando la squadra dell'ambulanza, in previsione del suo arrivo, vengono eseguite le misure di soccorso.

Se la vittima è cosciente:

  1. Sciacquare lo stomaco: bere 1 litro di sospensione di carbone attivo, quindi indurre il vomito irritando la radice della lingua. Ripeti la procedura 2-3 volte.
  2. Assumere carbone attivo in ragione di 1,0 g (4 compresse) per ogni chilogrammo di peso corporeo.

Se la vittima è incosciente:

  1. Date al corpo la posizione corretta: adagiatelo su un fianco, che eviterà che la lingua affondi e l'aspirazione del vomito.
  2. Fornire aria fresca: allentare gli indumenti stretti, aprire la finestra.

È impossibile lavare lo stomaco in fase preospedaliera e somministrare farmaci a pazienti incoscienti, poiché ciò può portare al blocco del lume (ostruzione) delle vie aeree.

Antidoto

Non esiste un antidoto specifico all'amitriptilina.

Quando è necessaria l'assistenza medica?

Un sovradosaggio di amitriptilina può essere fatale, quindi è necessaria l'assistenza medica nel 100% dei casi.

In ospedale, la vittima è collegata a un monitor cardiaco, che consente di controllare la frequenza respiratoria, la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca e il ritmo. Viene eseguito un regolare monitoraggio di laboratorio della concentrazione di elettroliti nel sangue, nonché dello stato acido-base (AChS). Anche con un decorso favorevole, tale osservazione dovrebbe durare almeno 3-5 giorni.

Non esiste un trattamento specifico per un sovradosaggio con amitriptilina, i metodi di disintossicazione extracorporea sono inefficaci, pertanto viene eseguita la terapia sintomatica:

  • con un aumento dell'insufficienza respiratoria - intubazione tracheale, collegamento della vittima a un ventilatore (ventilazione polmonare artificiale);
  • con acidosi metabolica - somministrazione endovenosa di soluzione di bicarbonato di sodio, ventilazione artificiale in modalità iperventilazione, infusione di soluzione ipertonica di cloruro di sodio;
  • con aritmie ventricolari, vengono prescritti agenti antiaritmici, se ciò non porta a un effetto terapeutico persistente, viene eseguita cardioversione o defibrillazione;
  • con insufficienza vascolare - somministrazione endovenosa di soluzioni saline e colloidi. In caso di grave collasso, può essere necessaria l'infusione di dopamina;
  • per alleviare convulsioni e agitazione psicomotoria - Valium o Seduxen.

Possibili conseguenze

Il sovradosaggio di amitriptilina, soprattutto di grado grave, spesso finisce fatalmente. Se la vittima può essere salvata, possono svilupparsi complicazioni precoci e tardive. I primi includono:

  • polmonite;
  • sindrome da ipocoagulazione, accompagnata da massicce emorragie interne ed esterne;
  • insufficienza renale acuta;
  • insufficienza epatica acuta.
  • malattie del sistema nervoso e della psiche causate da danno cerebrale tossico e / o ipossico;
  • aggravamento delle condizioni depressive;
  • insufficienza cardiaca, renale ed epatica cronica.

Sovradosaggio di amitriptilina: sintomi, trattamento e conseguenze

L'amitriptilina (Elavil, Triptanol, Laroxil, Tryptizol, Saroten) è un antidepressivo triciclico ampiamente utilizzato in psichiatria per nevrosi e disturbi depressivi. Il farmaco viene prodotto sotto forma di una compressa e una soluzione per uso parenterale. L'amitriptilina potenzia l'azione di alcuni farmaci, differisce nella disponibilità. Pertanto, si verificano spesso casi di overdose di droga, che portano a gravi disturbi nel corpo, possono causare la morte di una persona.

Indicazioni per l'uso di amitriptilina

Un antidepressivo è prescritto nelle seguenti situazioni:

  • Disturbi depressivi, che sono causati da ansia e depressione a causa delle proprie esperienze;
  • Paure o fobie patologiche. Il farmaco aiuta a normalizzare la percezione del mondo circostante, quindi l'ansia scompare;
  • Disturbi psicogeni che portano alla malnutrizione - anoressia, bulimia;
  • Litigi familiari, nevrosi, predisposizione ereditaria allo sviluppo di disturbi mentali;
  • Enuresi (incontinenza urinaria) nell'infanzia.

Sintomi di overdose

Non esiste una dose singola e giornaliera specifica: il medico determina il dosaggio individualmente in ciascun caso. Di solito, su base ambulatoriale, vengono prescritti 150 mg di amitriptilina al giorno. Durante la terapia ospedaliera, la dose può essere aumentata a 300 mg al giorno. In questo caso, la quantità del farmaco è divisa in 2-3 dosi. Il dosaggio del farmaco è determinato dal medico in base alla gravità del disturbo psicomotorio.

Posso essere avvelenato con l'amitriptilina? L'assunzione simultanea di più di 6 compresse del farmaco porta all'intossicazione del corpo. In caso di avvelenamento lieve, i pazienti notano secchezza nella cavità orale, agitazione, disturbi della vista e della minzione, diminuzione della motilità degli organi digestivi.

In caso di avvelenamento moderato da amitriptilina, possono svilupparsi i seguenti sintomi:

  • Sonnolenza;
  • Dispnea;
  • Leggero aumento della temperatura;
  • Allucinazioni;
  • Confusione di coscienza;
  • Tachicardia;
  • Violazione del ritmo e della conduzione;
  • Vomito.

I sintomi elencati aumentano gradualmente. In caso di sovradosaggio, è anche possibile il disturbo del linguaggio, lo sviluppo di convulsioni. Se il paziente non riceve cure mediche tempestive, è possibile la depressione della condizione fino allo sviluppo di un coma. Si distinguono i seguenti segni di coma:

  • Dilatazione degli alunni;
  • Mancanza di risposta alla luce;
  • Paresi intestinale;
  • Diminuzione della pressione sanguigna;
  • Insufficienza cardiaca;
  • Epatopatia tossica;
  • Smetti di respirare.

In assenza di misure di rianimazione, è possibile un esito fatale. Un dosaggio di antidepressivo superiore a 1,5 g è considerato letale, tuttavia anche l'assunzione simultanea di alcol con amitriptilina può portare alla morte..

Pronto soccorso per overdose

Se compaiono sintomi di intossicazione da amitriptilina, è necessario chiamare un'ambulanza. Quindi dare alla vittima molta acqua per provocare lo sviluppo del vomito. Dopo la lavanda gastrica, devono essere utilizzati enterosorbenti (carbone attivo, enterosgel, smecta). Ciò ridurrà la gravità dell'intossicazione..

Caratteristiche della terapia dell'avvelenamento

Il trattamento nell'unità di terapia intensiva prevede la lavanda gastrica con iniezione parallela di olio di ricino. Inoltre, vengono prescritti clisteri a sifone, un ciclo di emosorbimento. Ciò consente di rimuovere rapidamente l'amitriptilina dal corpo. La diuresi forzata e la dialisi non sono prescritte a causa della loro bassa efficienza. Ciò è dovuto all'elevata concentrazione di amitriptilina nei tessuti, alla capacità del farmaco di legarsi alle proteine ​​plasmatiche.

In parallelo, viene mostrata la terapia sintomatica. Nella maggior parte dei casi, un sovradosaggio di amitriptilina danneggerà il cuore e il fegato. Pertanto, il trattamento prevede la nomina di agenti cardiologici ed epatoprotettivi..

Principi di base della terapia:

  • Con le pupille dilatate, è indicato lo sviluppo della tachicardia, l'introduzione di proserina per via parenterale;
  • La correzione dell'acidosi comporta l'introduzione di bicarbonato di sodio;
  • Con lo sviluppo di un collasso, la poliglucina viene somministrata contemporaneamente a idrocortisone o prednisolone;
  • Il ritmo verrà regolato utilizzando isoptina, lidocaina;
  • Con lo sviluppo della sindrome convulsiva, viene prescritto seduxen;
  • Per prevenire l'arresto cardiaco improvviso, si consiglia di utilizzare unitiol, vitamina E, glucocorticosteroidi;
  • Con lo sviluppo dell'ipossia, è indicata l'inalazione di ossigeno; se è impossibile respirare indipendentemente, la ventilazione artificiale dei polmoni aiuterà;
  • Con l'ipertermia, è indicato il raffreddamento fisico.

Si consiglia di interrompere l'uso di glicosidi cardiaci. La nomina di barbiturici, derivati ​​della fenotiazina può portare ad un aumento dell'effetto tossico dell'amitriptilina sul sistema nervoso. Il personale medico deve monitorare costantemente lo stato della persona, monitorare la pressione, il cuore, la respirazione, la coscienza per 5 giorni dal momento dell'avvelenamento.

Le conseguenze dell'intossicazione

Anche con misure di rianimazione tempestive, è impossibile eliminare completamente le conseguenze di un sovradosaggio. Di conseguenza, i pazienti sviluppano gravi patologie cardiache e epatiche. Anche lo stato psico-emotivo peggiora: dopo l'avvelenamento, una persona può cadere in una profonda depressione.

Azioni preventive

L'amitriptilina può provocare lo sviluppo di gravi problemi di salute, quindi dovresti abbandonare l'uso indipendente del farmaco. Uno specialista esperto potrà scegliere il dosaggio terapeutico ottimale o sostituire il medicinale con un rimedio moderno e sicuro.

È importante attenersi esattamente al dosaggio prescritto. I parenti dovrebbero monitorare le condizioni del paziente, supportarlo. Si raccomanda di astenersi dal prescrivere amitriptilina a pazienti con tendenze suicide. Per la prevenzione dell'avvelenamento, il farmaco è sempre più utilizzato per curare i pazienti in ambiente ospedaliero.

Cosa fare in caso di sovradosaggio con amitriptilina

L'amitriptilina è un antidepressivo di origine chimica, un potente farmaco che blocca l'azione dei mediatori, sostanze biologicamente attive responsabili della trasmissione degli impulsi nervosi tra le cellule del corpo. Un sovradosaggio di amitriptilina è possibile con l'assunzione incontrollata, in caso di disturbo mentale, quando si tenta il suicidio.

Quanto è necessario per un sovradosaggio

Il farmaco è disponibile in compresse con un dosaggio di 10 e 25 mg. Un regime sicuro prevede una singola dose di 25-50 mg prima di coricarsi. La dose giornaliera massima consentita è di 300 mg, che è suddivisa in tre dosi: 100 mg ciascuna al mattino, all'ora di pranzo e alla sera.

I primi sintomi di avvelenamento si verificano quando vengono consumati 500 mg del farmaco alla volta (20 compresse da 25 mg). Una dose letale di amitriptilina - 1000-1200 mg una volta.

Il medicinale viene prodotto sotto forma di soluzione iniettabile ed è prescritto in un ambiente ospedaliero, dove il dosaggio è osservato dal personale medico: l'intossicazione è impossibile.

Sintomi di overdose

Le basi della patogenesi

Segni di sovradosaggio, la loro gravità dipende dalle circostanze:

  • il numero di pillole prese;
  • assumere il farmaco sullo sfondo di altri medicinali, bevande alcoliche;
  • reazione corporea individuale.

La patogenesi dell'avvelenamento tossico con amitriptilina si basa sul danno al sistema nervoso centrale e periferico, cuore. Gli effetti collaterali sono multidirezionali. La situazione è complicata dalla linea minima tra dosi terapeutiche e tossiche. In un bambino, cardiotossicità e neurotossicità si verificano a un dosaggio di amitriptilina ≥ 2,5 mg / kg di peso corporeo.

L'antidepressivo viene rapidamente assorbito nel flusso sanguigno attraverso il tratto gastrointestinale. L'intervallo di tempo per lo sviluppo dei sintomi di avvelenamento va da 2 a 8 ore dopo l'ingestione. In media, i primi segni di intossicazione compaiono dopo 4 ore. La disfunzione del cervello è dovuta al blocco dei recettori colinergici (responsabili della trasmissione del segnale e delle comunicazioni intercellulari).

Precursori di grave intossicazione

Precursori di grave intossicazione del sistema nervoso:

  • sonnolenza o agitazione;
  • cardiopalmus;
  • pupille dilatate, scarsa risposta alla luce;
  • secchezza delle mucose del naso, della bocca;
  • ritardata produzione di urina (funzione renale compromessa a seguito di un attacco tossico).

L'agitazione psicomotoria di una persona è in rapida crescita, le allucinazioni compaiono sullo sfondo di disturbi vestibolari e psicovegetativi. Gli sembra che gli oggetti nella stanza si capovolgano, i muri si sgretolino. Le metamorfopsie sono chiaramente espresse: una percezione distorta della struttura del corpo. Il mioclono è fisso: una contrazione rapida e ritmica dei singoli gruppi muscolari.

Da parte del sistema cardiovascolare, un sovradosaggio si manifesta con lo sviluppo di aritmie: flutter atriale, tachicardia sinusale e ventricolare, fibrillazione. Le prime 8 ore la pressione sanguigna aumenta, dopo 9-12 ore c'è un forte calo. L'ipotensione ortostatica (collasso) è una causa comune di morte.

Il pericolo maggiore in caso di sovradosaggio di un antidepressivo è l'aggiunta di una sindrome convulsiva. La termoregolazione è compromessa, la temperatura corporea aumenta rapidamente, causando danni al cervello, distruzione delle cellule del tessuto muscolare (rabdomiolisi) e insufficienza renale acuta. La morte si verifica il primo giorno dopo aver usato grandi dosi del farmaco. I bambini possono essere avvelenati a piccole dosi.

Importante! L'amitriptilina differisce dagli altri antidepressivi per la sua elevata biodisponibilità. Quando circola nel fegato, il suo volume aumenta al 30-60%. Il legame alle proteine ​​plasmatiche è del 95%. Il farmaco si accumula nei tessuti degli organi vitali. Viene escreto dal corpo lentamente, nella maggior parte dei casi, la morte avviene nel giro di poche ore.

Primo soccorso

La sostanza viene rapidamente assorbita attraverso lo stomaco nel sangue, ma il primo soccorso prevede la lavanda gastrica. Se non esiste un'opportunità tecnica e pratica per eseguire il lavaggio (mancanza di un tubo gastrico e conoscenza di come viene eseguita la procedura), viene indotto il vomito artificiale. Algoritmo:

  1. Dare alla vittima 3-4 bicchieri d'acqua, che devono essere bevuti entro 2 minuti.
  2. Premere sulla radice della lingua con un cucchiaio, le dita avvolte in un tovagliolo di cotone, provocare un riflesso del vomito.
  3. Posiziona un contenitore (bacinella, secchio) sotto i piedi per ricevere il contenuto dello stomaco.

Le raccomandazioni dei medici si riducono al fatto che per qualsiasi grado di intossicazione, è necessario bere un assorbente, riducendo il rischio di complicanze. Dopo la manipolazione, viene somministrato carbone attivo o qualsiasi altro assorbente: carbone bianco, Enterosgel, Polysorb, Sorbeks, Polyphepan, Atoxin, Filtrum-sti.

Dopo tutte le misure, chiamano un'ambulanza o trasportano autonomamente la vittima in ospedale.

Quando è necessaria l'assistenza medica

L'assistenza medica professionale per gli effetti tossici dell'amitriptilina è necessaria se compaiono i sintomi:

  • comportamento inappropriato: sbalzi d'umore improvvisi, aggressività o apatia, desiderio di dormire durante il giorno;
  • un inspiegabile aumento della sensazione di paura, ansia;
  • interruzioni nel lavoro del cuore, polso rapido o lento, arrossamento, tinta blu della pelle del viso;
  • instabilità respiratoria, mancanza di respiro;
  • aumento della sudorazione;
  • nausea.

Con la manifestazione di diversi segni, è necessario monitorare la persona in clinica, poiché la condizione può deteriorarsi bruscamente in qualsiasi momento. In un ospedale, monitorano attentamente l'attività del cuore, dei polmoni, dei reni e osservano i cambiamenti nella coscienza. È richiesto un controllo rigoroso del lavoro degli organi e dei sistemi vitali per 3-5 giorni.

Trattamento di intossicazione

Non esiste un antidoto specifico per neutralizzare l'amitriptilina. Il trattamento del sovradosaggio ha lo scopo di rimuovere le tossine dal corpo, mantenere il funzionamento di cuore, reni, polmoni e alleviare i sintomi che si presentano..

Al momento del ricovero in ospedale, la lavanda gastrica viene eseguita utilizzando soluzione salina (NaCl 0,9%), viene somministrato un clistere purificante.

Con grave aritmia, viene prescritta lo sviluppo di insufficienza cardiaca, l'infusione endovenosa di soluzioni alcaline. Una diminuzione dell'acidità del sangue stabilizza il lavoro del muscolo cardiaco, previene la progressione dell'aritmia.

Con una contrazione anormalmente rapida del miocardio, la cardioversione viene eseguita con urgenza: l'uso di correnti elettriche in combinazione con farmaci per stabilizzare le contrazioni cardiache.

Per prevenire l'arresto respiratorio, viene assicurata la pervietà delle vie aeree, secondo le indicazioni, viene effettuata la ventilazione artificiale dei polmoni. Il diazepam viene somministrato per alleviare le convulsioni.

Possibili conseguenze

Il complesso di sintomi che si sviluppano sullo sfondo dell'avvelenamento da antidepressivi è chiamato sindrome serotoninergica. Le complicanze vengono diagnosticate nel 20% dei casi. La misura del loro sviluppo non dipende più dal dosaggio, ma dalla somministrazione simultanea di altri farmaci.

Conseguenze negative e mortali di un sovradosaggio con amitriptilina:

  • insufficienza multiorgano: arresto dei reni, del fegato;
  • ossidazione del sangue, aumento dei livelli di calcio;
  • mancanza di attività dei muscoli respiratori (rigidità), che porta a polmonite estesa, carenza di ossigeno critica, broncospasmo persistente;
  • polmonite da aspirazione;
  • violazione della composizione quantitativa del sangue;
  • Sindrome DIC - blocco della microvascolatura, dove viene effettuato il metabolismo cellulare, in combinazione con una ridotta coagulazione del sangue (porta a massicce emorragie interne);
  • insufficienza della circolazione sanguigna;
  • convulsioni di tipo epilettico;
  • ictus.

Le circostanze portano alla morte: carenza di ossigeno, soffocamento sullo sfondo del broncospasmo, mioclono dei gruppi muscolari pettorali (contrazioni involontarie a breve termine).

Bere alcol con amitriptilina

L'avvelenamento da amitriptilina è notevolmente migliorato se le compresse vengono bevute con alcol. L'agente ha un effetto negativo più pronunciato sul sistema nervoso centrale, inibisce le sue funzioni.

  • un forte calo della pressione;
  • cessazione della respirazione;
  • insufficienza renale, anuria (mancanza di urina).

Con questo sviluppo di eventi, la vittima cade in coma. Il rischio di morire è grande.

Pericoli e conseguenze dell'avvelenamento da amitriptilina: una rassegna di antidoti e metodi di trattamento

L'amitriptilina è un antidepressivo con alti tassi di efficacia e ampie proprietà terapeutiche. L'avvelenamento (codice T36 T50 secondo ICD 10) si verifica a seguito di un sovradosaggio del farmaco, un aumento indipendente della frequenza di somministrazione.

  1. Cause e sintomi di avvelenamento
  2. Il grado di intossicazione
  3. Antidoto Amitriptilina
  4. Quante compresse si verificherà il sovradosaggio?
  5. Primo soccorso
  6. Le conseguenze dell'avvelenamento

Cause e sintomi di avvelenamento

L'amitriptilina è un antidepressivo triciclico. Il farmaco viene prescritto per un lungo periodo di tempo al fine di normalizzare la trasmissione adrenergica e serotoninergica degli impulsi nervosi, che sono disturbati nella depressione. Si verifica un sovradosaggio di amitriptilina:

  1. Aumento spontaneo del numero di compresse, frequenza di somministrazione.
  2. Assunzione di farmaci a scopo di suicidio.
  3. Assunzione di alcol durante il trattamento con amitriptilina. Le bevande alcoliche aumentano l'effetto tossico del farmaco.
  4. Il sovradosaggio di droga si verifica spesso nei bambini. Hanno l'abitudine di assaggiare compresse attraenti e diverse..
  5. L'avvelenamento si verifica se assunto contemporaneamente a ormonali, anticonvulsivanti, ipnotici, antipsicotici.

È severamente vietato assumere antidepressivi da soli. Qualsiasi medicinale dovrebbe essere bevuto solo dopo aver consultato un medico. Rivelerà le vere cause, determinerà la condizione patologica, le indicazioni per l'uso di droghe.

Il grado di intossicazione

Esistono tre gradi di intossicazione da Amitriptilina, che dipendono dalla gravità dei sintomi, dal benessere generale del paziente.

Il primo grado di sovradosaggio con Amitriptilina è una variante lieve del decorso della malattia. La prognosi è favorevole, una guarigione completa avviene in pochi giorni. Una causa comune di avvelenamento lieve è l'assunzione da parte del paziente di una dose giornaliera in una sola volta. Tali casi non sono rari nella pratica medica. Il secondo motivo più popolare è un leggero eccesso del dosaggio raccomandato (invece di uno, ne ho bevuti due).

Per il primo grado di avvelenamento da amitriptilina, i seguenti sintomi sono caratteristici:

  • il paziente diventa eccessivamente agitato, aggressivo, cerca di correre,
  • si osserva minzione frequente, che può trasformarsi in involontaria,
  • l'acuità visiva diminuisce gradualmente (gli oggetti diventano sfocati, indistinti, la percezione del colore è compromessa).
  • È possibile avvelenarsi con antidepressivi
  • Cause e sintomi di avvelenamento con il farmaco Naphtizin nei bambini
  • Pronto soccorso per avvelenamento con fenazepam

Il secondo grado è uno stato intermedio tra il primo e il terzo. Si verifica quando l'alcol viene miscelato con antidepressivi. La condizione patologica si manifesta con una clinica caratteristica:

  1. Appare la sonnolenza. Il paziente si addormenta in una posizione scomoda, la sua coscienza viene improvvisamente disattivata.
  2. Il polso accelera (tachicardia), la pressione sanguigna può aumentare.
  3. La respirazione diventa veloce, rumorosa. Si verificano sintomi del tipo di asma bronchiale (attacchi di mancanza di respiro, asfissia).
  4. Appare il vomito abbondante.
  5. La malattia può essere accompagnata da un disturbo mentale (allucinazioni).
  6. La parola diventa incoerente.
  7. La temperatura corporea sale a 38 ° C.

L'intossicazione da antidepressivi di grado 3 è una condizione grave che termina con la morte senza un trattamento adeguato e corretto.

Il paziente si carica rapidamente, cade in coma. I principali sintomi che indicano lo sviluppo del terzo grado di gravità della malattia:

  • bassa pressione sanguigna,
  • polso e respirazione rapidi,
  • compare la sindrome convulsiva,
  • non c'è risposta della pupilla alla luce,
  • la coscienza è disturbata, entra in coma.

Se al paziente non vengono fornite cure di emergenza in questa fase, si verifica arresto respiratorio e arresto cardiaco..

Antidoto Amitriptilina

L'amitriptilina è una componente importante del trattamento dei disturbi depressivi. La malattia può manifestarsi a qualsiasi età, dopo varie situazioni di stress (depressione postpartum, neurogena, involutiva, reattiva).

In caso di sovradosaggio di farmaci, viene prima di tutto utilizzato un antidoto, che rimuoverà i sintomi di avvelenamento.

Nessun tale agente è stato sviluppato per l'amitriptilina..

Il medico conduce una visita medica approfondita, scopre le possibili cause della condizione patologica, determina la gravità, i segni di complicazioni, esegue misure urgenti, sceglie ulteriori tattiche mediche.

Non esiste un antidoto, l'avvelenamento deve essere trattato solo sintomaticamente, mantenendo le funzioni degli organi interni vitali e dei sistemi corporei.

Quante compresse si verificherà il sovradosaggio?

Il dosaggio dell'amitriptilina viene selezionato individualmente in ciascun caso. La cosa principale è consultare il proprio medico prima dell'uso. Ad un adulto che si trova in uno stato depressivo vengono prescritti 50 mg del farmaco prima di coricarsi come dose singola. La compressa viene presa a piccoli sorsi. Quindi sono guidati dalla situazione (i sintomi diminuiscono o continuano a progredire), il dosaggio viene ridotto o, al contrario, aumentato.

Lo sviluppo di un lieve grado di avvelenamento si verifica già con l'uso di 6 compresse negli adulti. Nei bambini, questa cifra oscilla intorno a 3-4 compresse. L'effetto fatale appare dopo aver consumato 1,5 g del farmaco alla volta. La situazione non cambia anche quando la dose letale viene suddivisa in più dosi.

I parenti del paziente dovrebbero monitorare attentamente il comportamento del paziente. Quando compaiono i primi sintomi, coinvolgere immediatamente un medico per regolare la terapia.

Quali informazioni mancano nell'articolo?

  • Elenco di farmaci efficaci
  • Una panoramica dettagliata dei trattamenti alternativi
  • Opinione professionale di uno specialista
  • Panoramica dettagliata degli antidoti

Primo soccorso

La prognosi della malattia dipende direttamente dalla durata dell'avvelenamento, dalla gravità dei sintomi clinici, dalla resistenza del corpo ai fattori ambientali. Non esiste un antidoto per l'amitriptilina, quindi deve essere applicato un trattamento sintomatico.

Al primo segno di intossicazione da droghe, chiama urgentemente un'ambulanza.

Senza aspettare il suo arrivo, inizia le misure di trattamento:

  1. Metti il ​​paziente sul letto, solleva la testa.
  2. Bere molti liquidi, preferibilmente acqua calda. Cerca di indurre il riflesso del vomito premendo sulla radice della lingua con due dita.
  3. Per lavare lo stomaco a casa, una soluzione debole di permanganato di potassio è perfetta. Inonda e disinfetta il tratto gastrointestinale.
  4. Se le condizioni del paziente non migliorano, ripetere il risciacquo con acqua o permanganato di potassio.
  5. Quindi, dai alla vittima carbone attivo, Smecta, Enterosgel. Rimuovono le tossine dal tratto digestivo.

L'ambulanza determinerà le ulteriori tattiche di trattamento prima dell'ospedale. Il paziente può richiedere ventilazione meccanica, terapia infusionale, lavanda gastrica aggiuntiva. Con lo sviluppo di aritmie, vengono somministrati blocchi, farmaci antiaritmici (propranololo, anaprilina). Nei casi più gravi, se si verifica un coma, fino allo sviluppo della morte clinica, viene eseguita la rianimazione cardiopolmonare.

Le conseguenze dell'avvelenamento

Avvelenamento con il farmaco L'amitriptilina è una condizione pericolosa che minaccia di gravi complicazioni, nei casi più gravi, fatali. Le conseguenze di un sovradosaggio del farmaco sono diverse, tutto dipende dalla resistenza del corpo, dalle sue difese. In medicina, le complicanze dell'avvelenamento da amitriptilina sono suddivise in precoce e tardiva. I primi effetti comuni includono:

  1. Insufficienza renale acuta.
  2. Polmonite, che può essere complicata dalla pleurite.
  3. Funzione cerebrale compromessa: diminuzione della memoria, concentrazione.
  4. Malattie del fegato, delle vie biliari.
  5. Sanguinamento a seguito della formazione della sindrome da ipocoagulazione.
  6. Violazione del ritmo cardiaco (aritmie, blocco).
  7. Formazione di miopia.

Tra le ultime complicazioni ci sono:

  • malattie del sistema nervoso centrale (neuropatia, miastenia grave, sindrome extrapiramidale),
  • ricadute costanti di condizioni depressive (ansia immotivata, umore depresso, pensieri costanti di suicidio),
  • insufficienza renale, cardiaca, epatica cronica.

Non è difficile farsi avvelenare con i farmaci. È necessario seguire rigorosamente le istruzioni per l'uso del farmaco e le raccomandazioni del medico curante per evitare spiacevoli conseguenze.

L'intossicazione da amitriptilina è una situazione urgente acuta caratterizzata da alterazione della coscienza, disturbi respiratori e circolatori, manifestazioni neurologiche e mentali.

Avvelenamento negli esseri umani con amitriptilina

L'avvelenamento da amitriptilina è un disturbo grave pericoloso per la vita e la salute. Secondo la classificazione internazionale delle malattie ICD-10, l'intossicazione è codificata con il codice T.43. Avvelenamento con farmaci psicotropi, non classificato altrove. Cos'è l'amitriptilina? Questo farmaco appartiene alla categoria degli antidepressivi triciclici.

Lo strumento ha un effetto timoanalettico, che è combinato con effetti ipnotici e anti-ansia. Ciò è dovuto alla spiccata attività antistaminica e anticolinergica. Oggi questa sostanza è uno degli antidepressivi triciclici più affidabili. L'indubbio vantaggio del farmaco è il suo prezzo accessibile. Tuttavia, per ottenere l'effetto desiderato, il dosaggio deve essere rigorosamente osservato. Altrimenti, c'è il rischio di intossicazione del corpo..

  1. Cause
  2. Sintomi
  3. 1 ° grado
  4. 2 ° grado
  5. Livello 3
  6. Pronto soccorso per avvelenamento
  7. Trattamento
  8. Effetti
  9. Prevenzione

Cause

Il sovradosaggio di amitriptilina è associato a un uso improprio del farmaco. È importante sapere che anche un piccolo eccesso della dose della sostanza può causare coma e morte del paziente..

L'avvelenamento con questo agente si verifica per i seguenti motivi:

  • Superamento del dosaggio prescritto dal medico.
  • Uso accidentale del farmaco da parte di un bambino.
  • Assunzione di una sostanza a scopo di suicidio. Il farmaco è usato per trattare la depressione e problemi di salute mentale. Queste persone hanno spesso pensieri suicidi..
  • Uso di alcol con amitriptilina. Anche una piccola quantità di alcol aumenta l'effetto tossico delle compresse.
  • Combinazione di amitriptilina con altri medicinali. Il farmaco non deve essere assunto contemporaneamente ad anticonvulsivanti, ipnotici, ormoni corticosteroidi, antipsicotici. Inoltre, l'agente non può essere combinato con altri antidepressivi, analgesici e inibitori delle MAO..

Sintomi

L'intossicazione del corpo può verificarsi anche con un solo eccesso del dosaggio raccomandato di amitriptilina. Pertanto, è importante seguire chiaramente le istruzioni. I medici distinguono diversi gradi di gravità dell'avvelenamento. Ognuno di loro ha determinate caratteristiche..

1 ° grado

Questa è la forma più lieve di avvelenamento, che si verifica quando si utilizza la dose giornaliera del farmaco alla volta. È necessario dividere la dose giornaliera del farmaco in 2-3 dosi. L'intossicazione leggera si verifica con un piccolo sovradosaggio della sostanza - non più di 1 compressa.

Questa condizione è caratterizzata dalla seguente clinica:

  • aumento della minzione,
  • instabilità emotiva,
  • forte eccitazione nervosa,
  • deterioramento della vista: i contorni degli oggetti diventano meno chiari, la percezione dei colori è compromessa.

Il primo sintomo di avvelenamento lieve è l'eccessiva secchezza della bocca. Se compare questo sintomo, contattare immediatamente uno specialista.

2 ° grado

Se il dosaggio viene superato in modo significativo o il farmaco è combinato con l'alcol, possono verificarsi i seguenti sintomi:

  • aumento della sonnolenza: con il progredire dell'intossicazione, il paziente può perdere conoscenza,
  • disturbi del linguaggio,
  • mancanza di respiro - spesso si sviluppano insufficienza respiratoria e persino asfissia,
  • disturbi del ritmo cardiaco, tachicardia grave,
  • confusione.

Inoltre, uno dei segni di avvelenamento con questa sostanza sono le allucinazioni. Quasi sempre, un sovradosaggio di Amitriptilina provoca un leggero aumento della temperatura fino a 38 ° C.

Livello 3

Con un grave grado di avvelenamento, c'è il rischio di sviluppare un coma. In questo caso, compaiono i seguenti sintomi di sovradosaggio:

  • un forte calo della pressione a livelli critici,
  • sindrome convulsiva,
  • arresto respiratorio,
  • mancanza di risposta della pupilla alla luce,
  • svenimento.

Se non fornisci assistenza in caso di sovradosaggio per 20-30 minuti, il rischio di morte è dell'80%.

Pronto soccorso per avvelenamento

Prima di tutto, devi chiamare un'ambulanza. In attesa dei medici, è necessario il primo soccorso. Se il paziente è sveglio, eseguire le seguenti operazioni:

  • Lavanda gastrica. Per fare questo, è necessario bere 1 litro di sospensione di carbone attivo e quindi provocare un riflesso del vomito. La procedura viene eseguita 2-3 volte.
  • Ricezione di carbone attivo. Il farmaco deve essere consumato al ritmo di 1 g per 1 kg di peso umano.
  • Se una persona ha perso conoscenza, devi fare quanto segue:
  • Dai al corpo la posizione corretta ponendo la vittima su un lato. Grazie a ciò, sarà possibile prevenire l'ingresso di vomito negli organi respiratori e la retrazione della lingua..
  • Fornire aria fresca annullando i pulsanti sui vestiti, aprire la finestra.

Le persone in stato di incoscienza non possono eseguire la lavanda gastrica o somministrare farmaci. Ciò provoca un blocco del lume delle vie aeree..

La dose letale del farmaco è di 40-50 compresse e, in combinazione con l'alcol, qualsiasi quantità di amitriptilina può portare alla morte.

Trattamento

Il trattamento viene selezionato in base alla gravità della condizione. In casi semplici, è sufficiente lavare lo stomaco con soluzione salina. Dopodiché, la vittima deve prendere qualsiasi assorbente. Sorbex, Smecta, Polysorb sono adatti a questo scopo..

In situazioni più complesse, potrebbe essere necessario l'aiuto di un anestesista-rianimatore. Di solito, il paziente viene ricoverato in ospedale e viene selezionato un trattamento completo in base ai segni di un sovradosaggio con amitriptilina. Può includere i seguenti componenti:

  • Iniezione di ormoni glucocorticosteroidi. Tali procedure garantiscono il mantenimento del ritmo cardiaco e prevengono l'arresto cardiaco. La vitamina E viene utilizzata per gli stessi scopi..
  • Ventilazione artificiale dei polmoni se la vittima non riesce a respirare da sola. Inoltre, possono essere utilizzati farmaci che attivano le funzioni dei centri respiratori..
  • Inalazione di ossigeno.

Per malattie gravi come disturbi del ritmo cardiaco, tachicardia, disturbi neurologici e acidosi, vengono prescritti i seguenti farmaci:

  • Isoptin,
  • Prednisolone,
  • Proserin,
  • Idrocortisone,
  • Seduxen.

È importante tenere in considerazione che non esiste un antidoto specifico per l'amitriptilina. Durante i primi tre giorni dopo l'intossicazione, il paziente deve essere sotto costante controllo medico. Durante la settimana, gli specialisti monitorano la frequenza cardiaca, gli indicatori di pressione, il funzionamento del sistema respiratorio.

Effetti

In casi gravi di sovradosaggio, c'è il rischio di morte. La morte può verificarsi a causa di aritmie complesse, arresto cardiaco e insufficienza respiratoria. Se una persona è sopravvissuta, c'è ancora una minaccia di conseguenze a lungo termine.

Le complicanze dell'avvelenamento includono lesioni complesse del cervello e del sistema nervoso. Come risultato dell'uso eccessivo del farmaco, possono svilupparsi disturbi mentali e depressione complessa..

Inoltre, le conseguenze di un sovradosaggio di amitriptilina includono danni ai reni, al cuore e al fegato. I cambiamenti nel lavoro di questi organi possono durare una vita..

Hai avuto avvelenamento da amitriptilina?

  • si lo era
  • No non era
  • Ora ci sono sintomi di intossicazione

Le opzioni di sondaggio sono limitate perché JavaScript è disabilitato nel tuo browser.

  • No, non era il 70%, 222 voti 222 voti 70% 222 voti - 70% di tutti i voti
  • Sì, c'erano il 23%, 73 voti 73 voti 23% 73 voti - 23% di tutti i voti
  • Ora ci sono sintomi di intossicazione 7%, 21 voti 21 voti 7% 21 voti - 7% di tutti i voti

Voti totali: 316 10.11.2017 Tu o dal tuo IP avete già votato.

  • si lo era
  • No non era
  • Ora ci sono sintomi di intossicazione

Tu o dal tuo IP avete già votato. risultati

Prevenzione

Per evitare l'avvelenamento, è molto importante assumere correttamente l'amitriptilina. Lo specialista prescriverà il dosaggio del medicinale, che è severamente vietato superare.

Inoltre, solo un medico può dire in quali casi è consentito l'uso di pillole. In questa situazione non sono consentite opzioni di automedicazione..

Per evitare l'intossicazione, è severamente vietato combinare il farmaco con bevande alcoliche e altri farmaci. Tali combinazioni aumentano l'effetto tossico del farmaco..

Va tenuto presente che l'amitriptilina è in grado di provocare dipendenza. Con un'improvvisa interruzione del farmaco, si sviluppa la sindrome da astinenza. Se una persona è costretta a essere trattata con Amitriptilina per un lungo periodo, il medico riduce gradualmente il volume e solo allora annulla completamente il rimedio.

Se è necessario utilizzare le compresse di Amitriptilina, è molto importante seguire rigorosamente tutte le prescrizioni del medico. Altrimenti, c'è un'alta probabilità di sviluppare un sovradosaggio, che può portare a conseguenze pericolose per la salute..