Anoressia: cause psicologiche e loro trattamento

L'anoressia si sviluppa spesso su uno sfondo di frustrazione causata dall'eccesso di peso. Alcune persone usano persino la fame come un modo per cambiare la coscienza per ottenere ispirazione, il che, ovviamente, non può essere definito un metodo costruttivo. Ma questo è lontano dall'unica possibile causa, fattori di rischio e prerequisiti per lo sviluppo dell'anoressia..

Famiglia

Molto spesso, le cause dell'anoressia si trovano durante l'infanzia. Ad esempio, è così che si manifesta un duplice atteggiamento nei confronti dei genitori a causa della dura educazione, delle punizioni corporali e di altre forme di violenza. Anoressico, da un lato, odia i suoi genitori per le torture che gli hanno inflitto, ma dall'altra, ama. Il rifiuto di mangiare è una manifestazione di aggressività nascosta.

Evitare il cibo può anche significare cercare di riprendere il controllo con una spiccata paura di perderlo. L'impulso in questo caso è il divorzio dei genitori, la morte di uno dei parenti o la separazione.

Di regola, tutte le persone anoressiche hanno un rapporto difficile con i genitori, in particolare con la madre:

  • Ad esempio, le condizioni sono sfavorevoli quando la madre ha accentuazioni isteriche di carattere ed elevate esigenze sul bambino, la leadership è coltivata ovunque e in ogni cosa, l'ideale della figura. Al momento della malattia del bambino, questi tratti caratteriali della madre sono ulteriormente acuiti, il che porta a conflitti ancora più pronunciati e distruttivi..
  • Altrettanto sfavorevole è la prognosi in una famiglia in cui la madre ha accentuazioni paranoiche e segue il mito della famiglia ideale. Al bambino vengono imposti soprattutto requisiti morali elevati. Seguendo il mito di una famiglia prospera, la madre protegge a lungo il bambino dagli altri, e ancora di più dagli psichiatri, trova spiegazioni apparentemente razionali per i cambiamenti comportamentali e seleziona lei stessa il trattamento. Quando non è più possibile ignorare il problema, la malattia raggiunge stadi gravi e avanzati, la madre abbandona semplicemente il bambino.
  • In una relazione simbiotica (che si trova nelle famiglie monoparentali), la madre sostiene qualsiasi parola e scelta del bambino. Nega l'anoressia del bambino e, anche nelle ultime fasi, aiuta a "trovare un corpo ideale", a continuare il lavoro o lo studio, ignorando la ricerca dell'aiuto di specialisti.
  • Nelle famiglie in conflitto, dove il padre agisce da aggressore e la madre mostra timidezza, il bambino è soggetto alla connivenza della madre e severa punizione fisica dal padre. Cerca di costringere il bambino a fermare il "bullismo" (disturbo alimentare). In casi isolati, i genitori alla fine si uniscono e aiutano il bambino a riprendersi. Più spesso, qualcuno dai parenti premurosi lo guida per il trattamento..

Le relazioni inizialmente problematiche con i genitori e il loro ulteriore deterioramento al momento della malattia rendono difficile il trattamento dell'anoressia. Necessaria terapia familiare.

Negli uomini, terreno aggiuntivo per lo sviluppo dell'anoressia in futuro è creato da schizofrenia ereditaria, psicopatia schizoide, psicosi delirante, depressione ansiosa, anomalie del carattere, fobie e alcolismo.

Mara Selvini Palazzoli, una delle fondatrici dell'Istituto di Psicoterapia Familiare di Milano, ha sviluppato la teoria dell'anoressia come malattia familiare. Il ritratto di una tale famiglia include:

  • mancanza di un leader in famiglia, subordinazione del comportamento a fattori esterni;
  • la cooperazione aperta è contraria alla moralità familiare;
  • nessun membro della famiglia si assume la responsabilità di accumulare gradualmente problemi.

Inoltre, le specifiche della famiglia anoressica sono le seguenti:

  • La famiglia non è flessibile, l'idea di lealtà e devozione alla famiglia è più forte dell'idea di autorealizzazione e indipendenza personale.
  • Il bambino sviluppa perfezionismo e comportamento ossessivo-compulsivo a causa del desiderio di conquistare l'amore e l'attenzione dei genitori.
  • In famiglia prevale l'iperprotezione, il bambino è privato dell'autonomia. La sua vita e ogni azione è controllata da genitori "premurosi". L'altruismo in relazione alla famiglia, la lealtà, la sua protezione sono incoraggiati. L'iniziativa e le obiezioni sono considerate tradimento.
  • Le relazioni al di fuori della famiglia sono condannate, strettamente controllate.
  • I confini intra-familiari sono sfocati, ma i confini esterni sono rigorosamente definiti. Spesso si formano coalizioni con la generazione più anziana, il bambino viene utilizzato come mezzo per evitare conflitti tra generazioni.
  • Priorità familiari - Nutrizione e funzione somatica.

Quindi, in generale, si possono distinguere 4 meccanismi di sviluppo dell'anoressia (due interni e due esterni):

  1. La fame è un mezzo per combattere i genitori. Non ricevendo attenzione e amore con un comportamento accettabile, il bambino costringe i genitori a preoccuparsi della sua salute e lo costringe a mangiare.
  2. L'eccessiva coercizione dei genitori in relazione a nutrizione, controllo, punizione provoca una diminuzione dell'appetito e del vomito.
  3. L'ansia è causata dal pensiero di completezza reale o fittizia e dalle osservazioni di altri su un cambiamento di peso netto e pronunciato (anche in termini di perdita di peso). L'appetito diminuisce a causa dell'ansia.
  4. La fame induce processi biochimici che vengono percepiti come ansia. Non avendo fame, ma vivendo questo stato, l'anoressico con particolare zelo rifiuta di mangiare.

Quasi tutti gli psicoanalisti affermano che il cibo è percepito inconsciamente come sicurezza, amore, piacere. La voglia di mordere è una manifestazione di aggressività orale (aggressività congenita). Con lo sviluppo della coscienza, queste tendenze causano sentimenti di colpa e il bisogno di auto-punizione, che si manifesta con il rifiuto del cibo..

Altri motivi

Le possibili cause dell'anoressia includono l'immaturità personale. In risposta alla richiesta degli altri di essere indipendenti, autosufficienti, attivi (socialmente, sessualmente, professionalmente), una persona reagisce con ansia, che si traduce in anoressia.

La mancanza di prontezza per l'attività sessuale è la causa più popolare di anoressia nelle ragazze giovani:

  • paura di separarsi dalla madre;
  • paura della gravidanza e dell'obesità (non necessariamente cosciente);
  • paura dell'intimità.

Negli uomini di quest'area, i prerequisiti per l'anoressia sono considerati l'edipo e il complesso di castrazione. Il narcisismo e il desiderio di rinunciare a tutti i bisogni carnali, l'idea di diventare un superuomo è un altro motivo popolare.

Il problema dell'aggressività latente e della negazione della sessualità (le persone anoressiche sembrano creature asessuali, eterni adolescenti) viene preso in considerazione principalmente quando si lavora con i pazienti.

Fattori di rischio

I fattori di rischio per l'anoressia includono condizioni biologiche, culturali, familiari e intrapsichiche:

  • gli anni dell'adolescenza;
  • sesso femminile (90-95%);
  • il culto della magrezza;
  • stress causato da elevate esigenze su te stesso;
  • scarsa capacità di comprendere i tuoi sentimenti;
  • conflitti familiari o relazioni di dipendenza;
  • inizio precoce dell'adolescenza;
  • diabete insulino-dipendente;
  • fattore gemello.

Un nome popolare alternativo per l'anoressia è "malattia della pupilla eccellente". Molto spesso le adolescenti ne soffrono, sforzandosi di essere le migliori, brave, esemplari in tutto, per soddisfare le aspettative dei loro genitori.

L'anoressia è un'opzione errata per l'automedicazione negli adolescenti dipendenti dai genitori. Quando acquisiscono il controllo del corpo, vogliono ottenere l'autonomia dai loro genitori..

Trattamento

Vale la pena notare che le vere cause dell'anoressia potrebbero non essere riconosciute dal paziente stesso, anche se ammette il fatto del problema. Ad esempio, negli adolescenti, l'ansia è causata dallo sviluppo psicosessuale, che rallenta con la perdita di peso. L'anoressia non è una malattia che puoi affrontare da solo. Assicurati di cercare aiuto da specialisti.

Il trattamento ha un carattere complesso: include l'assunzione di farmaci, il lavoro con uno psichiatra e psicologo, un nutrizionista. Nelle prime fasi, l'obiettivo del trattamento è di riportare l'attenzione del paziente dai suoi problemi somatici ai problemi psicosociali, problemi nei rapporti con gli altri.

Il trattamento ha approssimativamente il seguente piano:

  1. Discussione con uno psicologo e / o psichiatra di paure individuali e problemi interpersonali. Fare raccomandazioni per l'autocontrollo.
  2. Discutere la tua dieta con un nutrizionista.
  3. Conclusione di un accordo con il paziente per migliorare la salute, il sonno, l'umore e le relazioni con gli altri; raggiungere un peso specifico utilizzando il riposo a letto e la supervisione del personale medico.
  4. Mangiare formazione. Prima viene prescritta una dieta liquida e / o un'alimentazione endovenosa o mediante sondino. I pasti si svolgono sotto la supervisione del personale, per altre 2 ore dopo il ricevimento, gli operatori sanitari osservano per evitare attacchi e richiami di vomito nel paziente.
  5. Ripristino delle capacità psicomotorie e ripristino del comportamento alimentare tramite ricompense. Ad esempio, aumento di peso di 200 grammi - pranzo nella sala da pranzo comune.
  6. Psicoterapia cognitiva individuale e di gruppo. Il posto principale è occupato da una discussione sul diario di autoosservazione del paziente. Ciò consente di identificare i pregiudizi cognitivi inconsci.
  7. Terapia di gruppo per la consapevolezza dei pazienti dei propri sentimenti e dei veri bisogni.
  8. La terapia familiare o altre forme di relazione funzionano se i genitori rifiutano di partecipare al processo.

Secondo le ragioni dell'anoressia, il lavoro dello psicoterapeuta è diretto:

  • indebolire la dipendenza psicologica fornendo al paziente uno spazio individuale più ampio, separazione dei legami con la famiglia;
  • eliminazione della sovracompensazione;
  • formazione in tattiche di risoluzione dei conflitti e cessazione dell'evitamento;
  • combattere la rigidità della famiglia come sistema.

Durante la terapia cognitiva, l'anoressica impara:

  • una comprensione più accurata dei tuoi pensieri e della loro espressione;
  • essere consapevoli della relazione tra pensieri distruttivi ed emozioni e sentimenti;
  • analizzare le tue convinzioni e verificarne la correttezza;
  • formare idee realistiche e adeguate, cambiamento distorto.

Allo stesso tempo, il lavoro viene svolto con una bassa autostima, una sensazione di inferiorità, alla ricerca di difetti nel loro aspetto e percezione di sé sbagliata. Il campo di valutazione viene ampliato, i giudizi categorici e la dualità di pensiero ("bianco e nero") vengono eliminati.

Psicologia della malattia: anoressia

1. ANORESSIA - (Louise Hay)

Cause della malattia

Negazione della vita. Paure esagerate, disprezzo di sé e abnegazione.

Possibile soluzione per favorire la guarigione

Posso essere me stesso. Sono bella così come sono. La mia scelta è la vita. La mia scelta è gioia e autoaccettazione.

2. ANORESSIA - (V. Zhikarantsev)

Cause della malattia

Negazione della vita stessa. La presenza di estrema paura, disgusto di sé e abnegazione.

Possibile soluzione per favorire la guarigione

È sicuro essere te stesso (te stesso). Va tutto bene con me. Scelgo la vita. Scelgo la gioia e mi accetto come (come) come (come) sono.

3. ANORESSIA - (Liz Burbo)

Blocco fisico

L'anoressia è una mancanza di appetito, che porta alla perdita di peso e al deterioramento delle condizioni fisiche generali. Nella maggior parte dei casi, c'è anche pallore e opacità della pelle. Questa malattia si verifica spesso nelle ragazze o nelle giovani donne, molto meno spesso nei ragazzi e negli uomini, anche se recentemente ho sentito un'opinione completamente opposta. Molto spesso l'anoressia è accompagnata da bulimia. Poiché in questo caso una persona non è in grado di controllarsi, mangia avidamente fino a quando non inizia a vomitare. In caso di sintomi gravi di questo "appetito da lupo" vedere anche l'articolo BULIMIA.

Blocco emotivo

Rifiutando il cibo, che è il simbolo della nostra madre Terra, il paziente anoressico rifiuta sua madre. Rifiutando sua madre, rifiuta il principio femminile, che è presente in ognuno di noi. Una donna anoressica dovrebbe riconsiderare la sua vita e mostrare la sua femminilità invece di scappare da lei. Un paziente con anoressia parte facilmente per il mondo astrale o immaginario, poiché non vuole fare ciò che dovrebbe fare su questo pianeta. Perde l'appetito perché nega il desiderio di vivere e agire. Vedi anche HUDOBA

Blocco mentale

Se soffri di anoressia, devi prima cambiare atteggiamento nei confronti di tua madre. Renditi conto che ti ha sempre augurato ogni bene e che lei, come qualsiasi altra persona, può avere le sue paure e i suoi difetti. Forse in qualche modo ti ha turbato o deluso, ma non dimenticare che il tuo atteggiamento nei confronti di questo o quell'evento ti fa soffrire, e non l'evento stesso. È in tuo potere cambiare questo atteggiamento. Accettando tua madre e il suo amore, in qualunque forma si manifesti, accetti il ​​tuo principio femminile e riacquisti gusto per la vita e appetito.

Che cos'è l'anoressia nervosa: sintomi e come aiutare

L'anoressia nervosa è un disturbo alimentare. Le persone con anoressia sono ossessionate dalla magrezza, rifiutano di mangiare e si sfiniscono. Se non agisci in tempo, inizieranno processi irreversibili nel corpo e la persona morirà.

In questo articolo ti diremo: da quali segni riconoscere l'anoressia, a quali complicazioni porta il disturbo e come aiutare una persona cara a uscire da questo stato.

Da dove viene l'anoressia nervosa e chi è a rischio?

L'anoressia è una condizione complessa causata da una combinazione di diversi fattori: psicologici, biologici, sociali. Ecco alcune delle cause dell'anoressia nervosa.

Ripetute condizioni di stress possono essere un fattore scatenante. Ad esempio, i genitori hanno sempre confrontato la loro figlia con altri bambini, e non a suo favore. Quando la ragazza è cresciuta e si è innamorata, voleva sembrare irresistibile. Oppure la ragazza è andata in un'agenzia di modelle, ma lì non è stata accettata: la figura non si adattava.

L'anoressia può essere provocata da un trauma psicologico di lunga data: abuso sessuale e fisico. Oppure, quando tra amici, parenti, qualcuno soffre di disturbi nervosi, obesità, depressione, alcolismo, tossicodipendenza.

Il desiderio doloroso di perdere peso può essere ereditato. Una bassa autostima e insicurezza possono causare anoressia.

Il culto della magrezza è attivamente coltivato dalle riviste di moda. Questo fa una forte impressione sulla fragile psiche degli adolescenti. Oppure una persona vive in un'area in cui le donne magre sono considerate lo standard di bellezza.

Non sottovalutare la condizione patologica - la disfunzione dei neurotrasmettitori - sostanze attive che regolano il comportamento alimentare umano. Questi includono serotonina, dopamina, norepinefrina.

L'anoressia nervosa è più comune negli adolescenti. La maggior parte delle persone con questa diagnosi sono ragazze di età compresa tra 12 e 27 anni. Meno comunemente, il disturbo si verifica in donne e uomini maturi.

Segni di anoressia

Le persone con anoressia tendono a nascondere attentamente il loro disturbo. Non la considerano una patologia e sono sicuri di non aver bisogno di aiuto. Pertanto, è piuttosto difficile riconoscere la malattia in una fase iniziale. Ma probabilmente.

Esistono tre tipi di segni di anoressia: comportamentale, esterno, psicologico. Considerali.

1. Segni comportamentali dell'anoressia nervosa

Una persona con anoressia inizia a comportarsi in modo strano: sembrano abitudini che prima non c'erano.

  • Evita i cibi che lo fanno sembrare grasso..
  • Induce il vomito dopo aver mangiato.
  • Assunzione di lassativi e diuretici, farmaci che sopprimono l'appetito.
  • Mangia in modo innaturale: in piedi, frantuma il cibo in piccoli pezzi, non mastica.
  • Non partecipa ai pasti in famiglia con nessun pretesto.
  • Appassionato di nuove ricette.
  • Cucina per i propri cari, ma non mangia se stesso.

2. Segni esterni

Nel tempo compaiono segni esterni di anoressia, che non dipingono affatto una persona.

  • Dolorosa magrezza senza motivo medico. Se parliamo di un adolescente, non ingrassa durante un periodo di crescita attiva.
  • Una persona è costantemente pesata, ha un'ossessione per il suo eccesso di peso in generale o in singole parti del corpo: addome, cosce, glutei.
  • Coinvolto attivamente nello sport.
  • Il sistema endocrino è interrotto. Per questo motivo, le donne smettono di avere le mestruazioni e gli uomini hanno una diminuzione della libido e problemi di potenza..
  • Le ragazze adolescenti non sviluppano le ghiandole mammarie, i ragazzi non sviluppano i genitali.
  • Compaiono spasmi muscolari, aritmie.
  • L'uomo nega il problema della sua magrezza. Può bere molta acqua prima di pesare, indossare abiti larghi.

3. Segni psicologici

Una persona con anoressia nervosa cambia non solo esternamente ma anche internamente. C'è una paura patologica dell'obesità e un'ossessione per perdere peso ad ogni costo. Il paziente pensa che essere magro gli darà bellezza e tranquillità..

In questo contesto, il sonno peggiora nel tempo. La persona diventa permalosa e irascibile. Gli sbalzi d'umore, dall'euforia alla depressione profonda, sono comuni. A causa della psiche instabile, i pazienti con anoressia sono spesso suicidi.

Come riconoscere l'anoressia in un adolescente?

L'anoressia nervosa è più comune negli adolescenti, quindi i genitori dovrebbero essere in grado di riconoscere i sintomi pericolosi prima che la loro salute ne risenta.

Ecco i segni con cui puoi identificare l'anoressia in un adolescente.

  1. Il bambino è insoddisfatto del suo aspetto, si gira costantemente davanti allo specchio, parla di bellezza.
  2. Il conteggio delle calorie sta diventando una routine quotidiana indispensabile.
  3. Le abitudini alimentari del bambino cambiano. Comincia a mangiare da piccoli piatti, smette di masticare, taglia il cibo in piccoli pezzi o si rifiuta di mangiare con qualsiasi pretesto.
  4. Può assumere segretamente diuretici e lassativi, pillole dimagranti.
  5. Si esaurisce con uno sforzo fisico eccessivo e diete discutibili.
  6. L'adolescente diventa nervoso, riservato, depresso. Perde amici a causa di questo.
  7. Indossa abiti larghi cercando di nascondere i difetti nella sua figura.
  8. L'aspetto è allarmante: occhi infossati, capelli spenti che cadono, unghie fragili che si staccano, pelle secca e sottile, sotto la quale risplendono le costole e le clavicole. Le articolazioni sembrano esorbitanti.

C'è un punto particolarmente importante che non dovrebbe essere trascurato. Di regola, gli adolescenti con anoressia comunicano con persone che la pensano allo stesso modo su moduli e in gruppi di social media. Lì si supportano a vicenda nella loro ricerca per perdere peso. Sostengono infatti la malattia: incoraggiano lunghi scioperi della fame e gioiscono per i chili persi. A cosa porta questo, ora lo scoprirai.

Quali sono le conseguenze dell'anoressia nervosa

Questa malattia è considerata una delle più pericolose. Se non raggiungi il tempo, una persona può rovinarsi per sempre la salute o morire..

  1. Il lavoro del cuore viene interrotto, a causa del quale si verificano attacchi di aritmia potenzialmente letali. La carenza di potassio e magnesio porta a vertigini, svenimenti, aumento della frequenza cardiaca.
  2. Immunità ridotta. Una persona è costantemente perseguitata da raffreddori complicati, stomatite.
  3. Si verifica depressione, disturbo ossessivo-compulsivo. L'uomo non può concentrarsi.
  4. Il lavoro del sistema endocrino è interrotto. Il metabolismo rallenta, si sviluppa l'infertilità.
  5. La digestione funziona male. Costipazione, pesantezza allo stomaco, crampi, nausea.
  6. La persona ha un esaurimento nervoso costante, prestazioni ridotte, scarsa memoria e sbalzi d'umore.
  7. Le ossa diventano sottili e fragili. Compaiono l'osteoporosi e il rischio di fratture.

Fasi dell'anoressia nervosa

Il disturbo si sviluppa gradualmente, in più fasi. I medici distinguono quattro fasi dell'anoressia nervosa. Ognuno è caratterizzato dai propri cambiamenti nel corpo, modelli di comportamento e segni esterni. Prima inizi il trattamento, maggiori sono le possibilità di uscire da questa condizione senza gravi complicazioni..

La fase iniziale dell'anoressia nervosa

La fase iniziale dura da due a quattro anni. In questo momento sorgono pensieri sulla propria inferiorità dovuta all'eccesso di peso..

La persona è sicura: per la felicità ha bisogno di perdere peso. Diventa irritabile, depresso, passa molto tempo davanti allo specchio. Le abitudini alimentari iniziano a cambiare: una persona sta cercando la sua dieta ideale, limitandosi gravemente. Nel tempo, si arriva alla conclusione che il modo più corretto è il digiuno..

Stadio anoressico

Questa fase può essere lunga, fino a due anni. Il digiuno lungo porta alla fase anoressica. Compaiono nuovi segni:

  • Il peso è ridotto del 20-30%.
  • Invece di suonare l'allarme, una persona sperimenta l'orgoglio e l'euforia..
  • La dieta si sta stringendo: dopo aver rinunciato a proteine ​​e carboidrati, una persona passa a latticini e alimenti vegetali.
  • Il paziente convince se stesso e gli altri della mancanza di appetito.
  • Si esercita con l'attività fisica.
  • Il corpo è disidratato, quindi la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca diminuiscono.
  • La pelle diventa secca e più sottile.
  • I capelli cadono.
  • L'uomo ha sempre freddo.
  • Il lavoro delle ghiandole surrenali è interrotto.
  • Gli uomini si fermano nelle donne, il desiderio sessuale negli uomini.

Stadio cachettico dell'anoressia

Questa fase inizia da un anno e mezzo a due anni dopo la fase anoressica. Processi irreversibili si verificano nel corpo: si verifica la distrofia di tutti gli organi.

A questo punto, la persona ha già perso almeno il 50% del suo peso. Inizia ad avere un edema privo di proteine, una condizione in cui il corpo riceve meno proteine ​​e le prende dal sangue. I sistemi circolatorio e linfatico iniziano a funzionare male e l'escrezione di liquidi dalle cellule diminuisce.

Tutti i sistemi di organi non funzionano correttamente, l'equilibrio idrico-elettrolitico è disturbato, si verifica una carenza di potassio e il cuore si ferma.

Fase di riduzione

La fase di riduzione o ricorrente è una ricaduta. Il corso del trattamento per i pazienti con anoressia è finalizzato al ripristino del peso. Ma a volte questo porta di nuovo a idee folli. Il paziente ricomincia a morire di fame, esaurendosi con esercizi fisici.

La fase di riduzione è pericolosa perché può manifestarsi per diversi anni. Pertanto, dopo il corso del trattamento, il paziente dovrebbe sempre essere sotto la supervisione di medici, psicologi e parenti..

Come aiutare una persona cara con anoressia

Non appena noti segni di anoressia nervosa in una persona cara, suona l'allarme - portalo immediatamente in ospedale. Poiché l'anoressia nervosa è un disturbo psicologico, devi andare in una clinica psichiatrica, al dipartimento di nevrosi. Ricorda che ogni giorno conta per questi pazienti. Ogni giorno potrebbe essere l'ultimo.

Per diagnosticare un disturbo alimentare, i medici eseguono un esame completo. Include:

  1. Colloquio. Al paziente viene chiesto cosa mangia, come si percepisce e vengono rivelati problemi psicologici nascosti..
  2. Analisi. Il sangue del paziente viene prelevato per lo zucchero e gli ormoni. Con l'anoressia, i tassi saranno bassi.
  3. Radiografia. Aiuta a rivelare l'assottigliamento di ossa e articolazioni.
  4. Tomografia computerizzata - per escludere un tumore al cervello.
  5. Esame ginecologico - per assicurarsi che il ciclo mestruale sia interrotto a causa dell'anoressia.

I pazienti con anoressia vengono curati in regime di ricovero da un team di specialisti: neuropatologo, psichiatra, gastroenterologo, psicologo clinico. Allo stesso tempo, il paziente viene sottoposto a terapia di gruppo, quindi riceve un feedback adeguato. Ad esempio, a una paziente viene detto che è bella, ha appena perso molto peso e ha bisogno di stare meglio..

Il trattamento consiste in diverse fasi. In primo luogo, viene prescritto il riposo a letto e viene prescritta la dieta. Ai pazienti vengono somministrate iniezioni di insulina per creare appetito. Se una persona non mangia, viene iniettata una soluzione di glucosio con insulina e l'alimentazione forzata - attraverso un tubo. La fase dura da due a tre settimane.

Dopo che il paziente guadagna da due a tre chilogrammi, inizia la terapia specifica. Il paziente può alzarsi e viene gradualmente trasferito a una normale modalità di vita e nutrizione. In questa fase viene eseguita la psicoterapia comportamentale e cognitiva. Il primo aiuta ad aumentare di peso, include esercizio moderato e terapia nutrizionale. Il secondo aiuta il paziente a cambiare la percezione distorta del proprio corpo..

Il trattamento principale è integrato con farmaci per ridurre l'ansia, fermare la depressione, ripristinare gli ormoni e sostenere un corpo impoverito con vitamine e minerali.

Dopo un ciclo di trattamento, una persona deve essere costantemente monitorata - per monitorare la sua dieta, mostrarla ai medici. Il rischio di recidiva persiste per diversi anni.

Ricapitolare

L'anoressia nervosa è una malattia pericolosa difficile da riconoscere nella fase iniziale. Dopotutto, le persone con un disturbo alimentare nascondono attentamente la situazione e non la considerano problematica. Se ignori la malattia, causerà danni a tutti gli organi e morte..

È importante essere attenti ai tuoi cari: coniugi, figli adolescenti. Se noti segni di anoressia nervosa, ricoverare immediatamente il paziente: questo gli salverà la vita.

Dopo il corso del trattamento, non allentare il controllo: assicurati che la persona mangi davvero bene e non finga. Resta in contatto con il tuo medico e psicologo. Solo in questo modo salverai la tua salute e i tuoi cari da una terribile malattia..

Preparato da: Alexander Sergeev
Foto di copertina: Depositphotos

Anoressia psicogena: cause e trattamento dell'esaurimento nervoso

L'anoressia nervosa o psicogena è una malattia terribile, i cui segni (sintomi) vengono diagnosticati nella maggior parte dei casi negli adolescenti e nelle ragazze. La malattia divenne nota molto tempo fa, ma una grande attenzione apparve solo nella seconda metà del 19 ° secolo, dopo che gli scienziati Lasegue e Gall pubblicarono i loro articoli su questo argomento, tuttavia, il primo chiamato anoressia mentale malattia e il secondo - nervoso.

Cos'è l'anoressia nervosa

Questa mancanza di desiderio di mangiare cibo in presenza di questo bisogno fisiologico, come risultato di ciò, deriva una completa mancanza di appetito. Le ragioni di ciò sono diverse: in precedenza si credeva che la malattia si sviluppasse a seguito di lesioni organiche del cervello, nonché del centro dell'appetito. Al giorno d'oggi, gli esperti stanno cercando le cause psicologiche dell'anoressia, poiché la malattia neuropsichiatrica è caratterizzata dalla disfunzione dell'ipotalamo.

Il rapido aumento dell'incidenza è dovuto alla maggiore attività sociale del gentil sesso, a partire dagli anni Sessanta del secolo scorso. È interessante notare che gli individui che soffrono di questo disturbo hanno un livello culturale molto alto, appartengono a un certo tipo di personalità (coloro che sono inclini a stati ossessivi) e hanno caratteristiche di educazione (soppressione della personalità del bambino da parte dei genitori).

Caratteristiche della malattia

Oggi chiunque può ammalarsi di anoressia psicogena, e questa malattia è diventata un vero disastro sociale, perché non c'è solo l'anoressia femminile, ma anche quella maschile. Il giudizio è dovuto alle caratteristiche specifiche della malattia:

  • L'anoressia è caratterizzata da un'elevata mortalità: il 20% dei pazienti muore. Vale la pena notare che la metà delle morti è il risultato del suicidio. La morte naturale si verifica a causa di insufficienza cardiaca, che si verifica sullo sfondo dell'esaurimento generale del corpo.
  • La malattia può svilupparsi a seguito dell'assunzione di determinati farmaci in dosaggi eccessivi.
  • Il 15% delle donne che sono troppo dipendenti dalla dieta si porta all'anoressia e la maggior parte di loro sono ragazze e adolescenti.
  • Anoressia e bulimia sono un problema tipico del 72% delle ragazze che lavorano come modelle in passerella.
  • Le anoressiche, come gli alcolisti e i tossicodipendenti, non ammettono di avere una malattia e non ne percepiscono la piena gravità.

Come inizia l'anoressia mentale?

L'anoressia psicogena inizia spesso nell'adolescenza, uno o diversi anni dopo la prima mestruazione. In media, i diciassettenni si ammalano. L'anoressia si sviluppa gradualmente: una ragazza, dipendente dall'opinione dei suoi coetanei o sotto l'influenza della moda, crede di essere in sovrappeso, che deve essere eliminata in qualsiasi modo. Un ruolo speciale è stato stabilito nell'insorgenza della malattia e di alcuni fattori psicogeni: ambientali, psicologici e biologici.

  • Quando una ragazza si pone un obiettivo, ricostruisce gradualmente il suo stile di vita passato: si limita nel cibo, inizia a fare sport, aumenta l'attività fisica, ecc. Durante la fase preanorettica, l'appetito non scompare, quindi il peso corporeo diminuisce e aumenta. Ogni pasto è un test per la coscienza, quindi, per calmarla, la ragazza che inizia ad avere l'anoressia psicogena cerca di rimuovere il cibo dal corpo, provocando specificamente il vomito.

Segni

La malattia, terribile con le sue conseguenze, deve essere curata ed è meglio chiedere consiglio a uno specialista nella fase iniziale, quando compaiono i primi sintomi. In nessun caso tali manifestazioni dovrebbero essere ignorate:

  • perdita di appetito;
  • cambiare le abitudini alimentari;
  • drastico cambiamento nel comportamento;
  • stato mentale instabile;
  • la comparsa di disturbi fisiologici.

Sintomi dei cambiamenti alimentari

La diagnosi precoce e il trattamento psichiatrico tempestivo della malattia aiuteranno a prevenirne lo sviluppo e cambiamenti irreversibili. Un'urgente necessità di agire se il paziente ha segni così precoci:

  • desiderio ossessivo di perdere peso, indipendentemente dal peso basso o appropriato;
  • il verificarsi di fatfobia (caratterizzato da una paura ossessiva del sovrappeso);
  • pensieri e idee ossessivi legati al cibo, calcolo fanatico del contenuto calorico del cibo, restringimento degli interessi, focalizzazione su questioni legate alla perdita di peso;
  • evitare di andare a eventi in cui ci sarà cibo al 100%, disagio psicologico dopo ogni pasto;
  • trasformare un pasto in un rituale, masticare troppo a fondo o, al contrario, deglutire senza masticare, tagliare in piccoli pezzi, applicare porzioni minime;
  • regolare restrizione della quantità di cibo, rifiuto di esso, motivata dalla recente assunzione di cibo o dalla mancanza di appetito.

Segni comportamentali

I pazienti hanno un rischio molto alto di suicidio, quindi è importante che la famiglia e gli amici prestino attenzione alla manifestazione di eventuali sintomi della malattia. Ad esempio, quelli comportamentali includono:

  • la tendenza di una persona alla solitudine, l'evitamento della comunità;
  • ricerca della massima attività fisica, irritazione in caso di mancato esercizio con sovraccarico;
  • tipo di pensiero fanatico e duro, comportamento isterico, aggressività nelle discussioni o nella difesa delle proprie opinioni;
  • scelta a favore di abiti larghi di tipo baggy (per nascondere un eccesso di peso immaginario).

Condizione mentale

L'anoressia nervosa è una malattia in cui la percezione della forma o del peso è compromessa. L'inizio non è solo un cambiamento nelle abitudini alimentari, ma anche un deterioramento dello stato mentale di una persona:

  • Depressione, apatia, stato mentale depresso, prestazioni ridotte, capacità di concentrazione, ritiro, insoddisfazione con se stessi, successo nel perdere peso, aspetto fisico, fissazione sui propri problemi anche minori. Nei casi avanzati, la depressione è accompagnata da esaurimento, letargia.
  • Sensazione di perdita di controllo sulla propria vita, incapacità di fare qualsiasi cosa.
  • Disturbi del sonno, insorgenza di labilità psicologica.
  • Anoressica non riconosce la presenza della malattia, rifiuta la necessità di cure, dal cibo.

Segni fisiologici

La malattia è evidenziata da tristezza, ansia, ridotta attenzione e depressione prolungata in un giovane di qualsiasi genere. Inoltre, la malattia psicogena è anche determinata dai seguenti segni:

  • I capelli diventano opachi, diventano molto sottili, cadono, i capelli si assottigliano.
  • La pressione sanguigna del paziente diminuisce, a seguito della quale si verifica l'aritmia e quindi si sviluppa un'insufficienza cardiovascolare.
  • Spesso le articolazioni, i muscoli fanno male, si verificano rotture dei tessuti molli.
  • A causa della quantità insufficiente di potassio, sodio e magnesio nel corpo, si verifica urolitiasi, che minaccia l'insufficienza renale.
  • La pelle diventa secca, flaccida, i peli sottili iniziano a crescere sul corpo.
  • Le ragazze smettono di avere le mestruazioni, il desiderio di intimità scompare.
  • L'intestino e lo stomaco soffrono. Il metabolismo è disturbato, c'è un disturbo del tratto digestivo.

Fasi della malattia

Esistono diverse fasi dell'anoressia psicogena:

  1. Dismorfomania: quando prevalgono i pensieri sulla loro inferiorità, l'inferiorità dovuta alla completezza immaginaria. Il periodo è caratterizzato da uno stato d'animo depresso, prolungato guardarsi allo specchio, ansia. Compaiono i primi tentativi di limitarsi al cibo, la ragazza inizia a cercare la dieta ideale. La prognosi del recupero in questa fase è favorevole: molte ragazze sono aiutate da visite regolari da uno psicologo o uno psichiatra.
  2. Anoressica: si verifica a seguito di un digiuno regolare. In questa fase, si ottiene una perdita di peso del 20-30%, che è accompagnata da un inasprimento della dieta per "perdere ancora più peso". Il paziente afferma di non avere appetito, si esaurisce con lo sforzo fisico. Una percezione distorta del suo corpo non gli consente di valutare il grado di perdita di peso. Nella stessa fase sorgono conseguenze negative: a causa della diminuzione del volume del fluido circolante nel corpo, iniziano bradicardia e ipotensione (accompagnate da pelle secca, freddo, alopecia). Nelle donne, c'è la fine del ciclo mestruale, una diminuzione del desiderio sessuale, negli uomini - la spermatogenesi. La funzione delle ghiandole surrenali nel corpo è compromessa e può svilupparsi un'insufficienza surrenalica. La ripartizione attiva dei tessuti aiuta a ridurre l'appetito. È possibile riprendersi da una malattia in questa fase - per questo è necessario sottoporsi a un corso di psicoterapia, riabilitazione del corpo per neutralizzare le conseguenze negative. Vale la pena ricordare che anche dopo aver guadagnato l'85% del peso iniziale, una donna può ricadere..
  3. Cachettico - il periodo in cui si verificano conseguenze irreversibili - distrofia degli organi interni. La cachessia si verifica 1,5-2 anni dopo l'inizio del digiuno, momento in cui una persona perde il 50% o più del suo peso corporeo. L'edema privo di proteine ​​si verifica sul corpo, l'equilibrio elettrolitico dell'acqua è disturbato e il livello di potassio diminuisce drasticamente. Di regola, i cambiamenti distrofici portano a conseguenze irreversibili: l'oppressione di tutti gli organi, i sistemi, di conseguenza, alla morte di una persona. Se durante questo periodo una donna viene ricoverata in ospedale e riceve cure mediche qualificate, le possibilità di guarigione aumenteranno in modo significativo.

Sindrome da anoressia nervosa: cause e conseguenze

Si verifica se una persona ha una delle malattie neuropsichiatriche:

  • nevrosi, patologia organica del cervello, psicopatia, schizofrenia, ecc.;
  • spesso sorgono difficoltà nella diagnosi differenziale della sindrome da anoressia nervosa sia nelle suddette patologie sia in numerose patologie endocrine o somatiche;
  • la sindrome può ancora formarsi sullo sfondo dell'influenza di determinati prerequisiti biologici o sociali;
  • un ruolo importante nell'aspetto è giocato da tali fattori: ereditario, microsociale e personale.

Fattori di rischio

Anche una ragazza o una ragazza che non pensa a una nuova dieta può diventare vittima di una malattia come l'anoressia psicogena. L'evento è influenzato da uno dei seguenti fattori:

  1. Genetico. Secondo i risultati della ricerca, si può affermare che, probabilmente, la vulnerabilità genetica alla malattia risiede in una predisposizione a un disturbo mentale (ansia o disturbo affettivo), a un certo tipo di personalità, oppure è possibile a seguito di disfunzioni dei sistemi neurotrasmettitori del cervello. Da ciò ne consegue che il fattore genetico avviene in condizioni sfavorevoli: dopo aver sperimentato stress emotivo, con una dieta rigida o un'aderenza impropria ad essa.
  2. Biologico. Inizio precoce della prima mestruazione, sovrappeso. La causa della malattia potrebbe risiedere nella disfunzione dei neurotrasmettitori che regolano il comportamento alimentare, tra cui dopamina, serotonina, norepinefrina. Anche la carenza di zinco gioca un ruolo nello sviluppo dell'anoressia, ma non è la causa.
  3. Famiglia. È più probabile che sviluppi l'anoressia in una persona che ha parenti o amici che sono obesi, bulimia nervosa o anoressia. Il tuo rischio di sviluppare questo disturbo alimentare aumenta se un membro della famiglia soffre di droga, alcol o depressione.
  4. Personale. Più suscettibili alla malattia sono le persone appartenenti al tipo di personalità ossessivo-perfezionista. I fattori di rischio in cui si sviluppa l'anoressia psicogena sono sentimenti di insicurezza, inferiorità, inadeguatezza, bassa autostima.
  5. Età. Gli psicologi affermano che l'età è una delle condizioni più importanti che determinano la predisposizione all'anoressia psicogena. A rischio adolescenza e adolescenza.
  6. Culturale. Questo fattore include vivere in un paese (città) dove la magrezza è un segno distintivo di bellezza. Anche situazioni stressanti, abusi fisici o sessuali sono considerati fattori di rischio.

Conseguenze fisiche e possibili complicazioni

L'anoressia psicogena non è solo insoddisfazione del corpo e rifiuto di mangiare. La malattia ha un effetto devastante su tutti gli organi e sistemi del corpo. Si osservano spesso le seguenti conseguenze fisiche:

  1. Disturbi che causano la pelle secca e pallida. Perdita di capelli, comparsa di una "pistola" sulla schiena, sul viso, violazione della struttura dell'unghia sullo sfondo di una mancanza di proteine.
  2. Disturbi del sistema digerente: crampi allo stomaco, nausea, costipazione, dispepsia funzionale, edema addominale.
  3. Interruzione del normale funzionamento del sistema endocrino. È caratterizzato da un rallentamento del metabolismo e una mancanza di ormoni tiroidei, amenorrea, incapacità di concepire.
  4. Si verifica un'interruzione del sistema cardiovascolare, cioè aritmia o bradicardia, che spesso porta alla morte improvvisa a causa dello squilibrio degli elettroliti, della mancanza di magnesio e potassio nel corpo. Ci sono attacchi di vertigini, svenimenti, una persona sente costantemente freddo a causa di un battito cardiaco lento.

Diagnosi della malattia

L'anoressia psicogena è caratterizzata dal rifiuto di mangiare, dall'assenza di mestruazioni per almeno 3 cicli e da una diminuzione del peso corporeo superiore al 10% del valore iniziale. Allo stesso tempo, una persona non ha segni di alcuna malattia mentale (i sintomi sono simili a quelli della schizofrenia), trauma cerebrale organico (tumore). La malattia può iniziare nelle ragazze di età non superiore ai 35 anni. Per diagnosticare un disturbo dell'appetito, l'esclusione di malattie degli organi interni, malattie mentali e organiche, a cui il cervello potrebbe essere esposto.

Oltre ad escludere una serie di malattie, vengono eseguiti anche i seguenti test e procedure per confermare la diagnosi:

  • tomografia computerizzata del cervello o suo esame a raggi X - al fine di escludere formazioni tumorali, neuroinfezioni, conseguenze di traumi craniocerebrali, alterazioni vascolari nel cervello, ecc.;
  • un'analisi per gli ormoni tiroidei (livelli ridotti di ormoni nel sangue);
  • prelievo di sangue per lo zucchero (lo zucchero si abbassa ed è inferiore a 3,3 mmol / l);
  • consultazione con un ginecologo - per escludere cause organiche di sterilità, amenorrea.

Come trattare l'anoressia psicogena

Un corretto trattamento della malattia aiuterà a ridurre significativamente il rischio di complicanze. La terapia nella fase dismorfomanica comprende un trattamento psichiatrico complesso, l'osservazione di un nutrizionista, uno psicologo al fine di cambiare la percezione di una persona del proprio corpo, migliorare l'autostima. Nella fase iniziale, il trattamento viene spesso eseguito su base ambulatoriale..

A seconda delle patologie degli organi e dei sistemi del paziente che ha raggiunto lo stadio anoressico, può essere necessario consultare un endocrinologo, dermatologo, ginecologo, gastroenterologo, terapia farmacologica, trattamento in un centro specializzato. Le donne che si trovano nella fase cachetica della malattia psicogena, quando i sintomi sono pronunciati e le conseguenze possono diventare irreversibili, necessitano di ricovero urgente, cure mediche e psichiatriche..

Psicoterapia comportamentale

Secondo E.V. Bezisyuk, questo tipo di trattamento è il più efficace, utilizzato per aumentare il peso corporeo. Nella psicoterapia comportamentale vengono fissati 4 obiettivi: migliorare l'immagine corporea, normalizzare il comportamento alimentare, migliorare le relazioni con i parenti e cambiare l'autostima. Se il paziente riesce nelle aree di cui sopra, gli è permesso di guardare un programma televisivo interessante, gli è permesso fare una passeggiata o vedere la sua famiglia. La mancanza di risultati positivi è la ragione per trasferire il paziente a riposo a letto, per isolarlo dagli altri pazienti.

Esiste anche la psicoterapia cognitiva, che ha lo scopo di correggere formazioni cognitive distorte, ad esempio, la percezione di sé come grasso, la determinazione del proprio valore in base all'immagine del proprio corpo, un profondo senso di inferiorità e inefficienza. Il paziente impara a controllare il proprio comportamento. Un altro elemento della terapia cognitiva insegna al paziente a risolvere i problemi sviluppando diverse soluzioni. Il monitoraggio è un altro elemento del trattamento cognitivo: la persona dovrebbe prendere appunti sui pasti quotidianamente..

Terapia familiare per adolescenti

Questo metodo di trattamento viene utilizzato quando il paziente non ha più di 18 anni. La terapia familiare è un metodo più efficace per superare la malattia psicogena rispetto a un programma individuale. Varie forme di terapia familiare prevedono di vedere un terapeuta con o senza un adolescente. I punti principali del trattamento sono simili: la famiglia è una risorsa per il trattamento di successo, i genitori ricevono consigli specialistici sull'alimentazione del bambino, per loro vengono sviluppati programmi comportamentali che aiutano a realizzare l'aumento di peso del paziente.

Quando la nutrizione è normalizzata e il peso inizia a riprendersi, il medico espande la zona di influenza dell'effetto psicoterapeutico: viene effettuata una ricerca per problemi intra-familiari e vengono risolti i conflitti tra genitori e figli. Grazie alla terapia familiare, il 90% dei pazienti che soffrono di perdita di appetito si è completamente ripreso. Vale la pena ricordare che l'anoressia psicogena è una malattia insidiosa e il 70% di coloro che guariscono può ricadere. Consultazioni regolari con uno psicoterapeuta e uno psicologo aiuteranno a evitarlo..

Quando è necessario il ricovero

L'indicazione per il trattamento di un disturbo psicogeno in un ospedale è un processo patologico sviluppato a 3-4 gradi. In questo caso, una terapia complessa viene eseguita in una clinica psichiatrica, che include il trattamento farmacologico, una dieta obbligatoria, mentre il paziente è costantemente sotto la supervisione di specialisti. Inoltre, i motivi del ricovero sono:

  • inefficacia del trattamento ambulatoriale;
  • tendenze suicide;
  • depressione;
  • malattia metabolica;
  • significativa perdita di peso.

Farmaci per l'anoressia nervosa

I disturbi patologici dell'omeostasi sono la causa dello stato borderline di anoressica. Un paziente ricoverato in un istituto medico con segni di insufficienza cardiaca acuta, i medici forniscono assistenza di emergenza:

  • regolare lo stato acqua-elettrolita;
  • ripristinare l'equilibrio ionico (ripristinare il contenuto di potassio sierico);
  • prescrivere vitamine, complessi minerali;
  • entrare in una dieta ipercalorica ricca di proteine;
  • prescrivere farmaci psicotropi.

Farmaco antipsicotico Olanzapina

Un antipsicotico atipico è usato per trattare il disturbo bipolare, la schizofrenia. In combinazione con Fluoxetina, è usato per combattere la depressione resistente e gli episodi depressivi bipolari. Olanzapina può essere prescritta per trattare la mancanza di appetito in una persona compulsiva o agitata. Il dosaggio del farmaco viene selezionato individualmente, in base alla gravità delle condizioni del paziente.

Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina

Gli SSRI sono antidepressivi di terza generazione utilizzati in mono e politerapia per il trattamento dei disturbi d'ansia e depressivi. A causa dell'assunzione di farmaci di questo gruppo nel corpo, l'attività del neurotrasmettitore aumenta, a causa della quale i processi patologici di disturbi fobici, ansia, depressivi e ansia-depressivi sono livellati, lo stato mentale di una persona è regolato, il deficit emotivo viene reintegrato.

Antipsicotici atipici

I farmaci di nuova generazione hanno un ampio spettro d'azione, quindi vengono utilizzati con successo come coadiuvanti per il trattamento delle anoressiche. Un antipsicotico atipico è un rimedio efficace, la cui ricezione non influisce negativamente sui pazienti affetti da vari tipi di disturbi mentali. Come risultato dell'assunzione di un farmaco da questo gruppo, lo stato mentale del paziente è notevolmente migliorato, mentre la sua salute fisica non ne risente.

Cibo sano

L'aumento di peso non è il punto più importante della terapia. In caso di conferma di una malattia psicogena, occorre prima ripristinare il corretto funzionamento delle cellule del corpo e la composizione chimica dei tessuti. Per questo, è importante organizzare correttamente il cibo:

  1. Nella fase iniziale, assicurati che il cibo a basso contenuto calorico entri nel corpo. Ciò è dovuto al fatto che il paziente non ha bisogno di un'alimentazione adeguata a causa del basso consumo energetico e gli alimenti ipercalorici sono inaccettabili per loro. Inoltre, sarà necessario aumentare il contenuto calorico della dieta quotidiana.
  2. Inizia con piccole quantità di cibo, aumentando gradualmente le porzioni.
  3. Nutrire il paziente con una dieta vegetariana (1400 kcal), grazie alla quale l'aumento di peso è di 0,3 kg / settimana. Fornisci cibo più nutriente dopo 7-10 giorni.
  4. È meglio iniziare una dieta ipercalorica con cibi liquidi e succhi diluiti con acqua. Introduci gradualmente del cibo simile al porridge.
  5. Fornire al paziente pasti frazionari frequenti (5-6 volte / giorno) (50-100 g). Ciò contribuirà a evitare il disagio e una sensazione di pienezza allo stomaco..
  6. Organizzare il corretto regime alimentare, perché i pazienti che usano lassativi o diuretici soffrono di disidratazione. Va tenuto presente che l'edema può comparire dopo la ripresa della nutrizione..
  7. Utilizzare additivi alimentari contenenti composti organici e oligoelementi: zinco, vitamine D e B12, sodio, magnesio, glicina.
  8. Le persone che si rifiutano di mangiare devono introdurre il cibo nello stomaco con un tubo. L'alimentazione mediante sondino è completata dall'introduzione di soluzioni nutritive.
  9. La dieta per ogni paziente con malattia psicogena è fatta individualmente, e inizialmente la dieta consiste in alimenti che, a suo avviso, è in grado di tollerare. Il menu si basa sul tavolo numero 11 di Pevzner.

Anoressia: cause psicologiche

L'anoressia ha una natura psicologica complessa, è ufficialmente chiamata la "malattia del XXI secolo" e si sta rapidamente diffondendo in tutto il mondo. Lo psicologo / parapsicologo Sergei Shevtsov-Lang ci ha raccontato cosa si trova al cuore dell'anoressia e quali meccanismi di difesa psicologica aiuteranno a sconfiggere una grave malattia.

Conflitto interno

Secondo gli psicologi, la formazione dell'anoressia dipende per il 90% dallo stato interno di una persona, dalle sue fobie e dai suoi complessi. Grave stress emotivo, insoddisfazione accumulata con se stessi, problemi nella vita personale possono diventare un catalizzatore della malattia. L'anoressia diventa molto spesso una conseguenza dell'antipatia del bambino, delle critiche eccessive da parte dei genitori o dei coetanei. Se la ragazza non ha ricevuto il sostegno di sua madre o suo padre in un momento difficile, non ha mai sentito calde parole di elogio, incluso il suo aspetto, questo potrebbe diventare la base per la formazione dell'anoressia. Nel mondo moderno, dato il potere dell'influenza dei media sulla società, anche le persone psicologicamente stabili possono essere a rischio. Inoltre, se 10 anni fa solo le ragazze sotto i 25 anni erano esposte all'anoressia, oggigiorno i giovani spesso soffrono della malattia del 21 ° secolo, a volte con orientamento sessuale non tradizionale. In aumento anche la fascia di età dell'anoressia: già si registrano morti per questa malattia negli uomini e nelle donne dopo i 35 anni.

Combattere la malattia

La parte più difficile nell'affrontare l'anoressia è ammettere che il digiuno non è la chiave per la magrezza, la bellezza e il successo, ma un serio problema psicologico. E anche se il paziente se ne è reso conto, ha bisogno di fare ogni sforzo per resistere all '"abitudine". La cosa principale da fare è risolvere i tuoi sentimenti. Analizzare continuamente le tue emozioni è il percorso verso la guarigione. Dopotutto, questo è il caso in cui è necessario eliminare non l'effetto, ma la causa. Devi capire cosa sta divorando la ragazza dall'interno, da dove è nato un desiderio incontrollabile di perdere peso. L'introspezione è il modo più efficace per "tirare fuori" la causa della malattia. E dopo può essere eliminato. Inoltre, le persone con anoressia devono accettarsi per come sono. Perché l'aspetto è così importante per una ragazza, perché ha molte altre virtù per le quali i suoi parenti e amici la amano. E per loro, l'aspetto non è affatto l'indicatore principale di una brava persona, un amico affidabile o una moglie amorevole..

Quando la ragazza se ne rende conto, il suo meccanismo di difesa psicologica si attiverà automaticamente. Ti aiuterà a difendere il tuo diritto alla felicità. Inoltre, per le persone che stanno lottando con l'anoressia, è importante concedersi il relax, per ritrovare la serenità. Solo le emozioni positive possono aiutare in questo. Le ragazze devono imparare a coccolarsi e ad amare se stesse: fare piccoli regali, incontrare amici, visitare luoghi interessanti. Sorprendentemente, anche uno di questi "eventi" può dare un serio impulso psicologico al recupero.