Inibitori delle MAO

Istruzioni per l'uso:

Inibitori delle MAO - antidepressivi usati nel trattamento del parkinsonismo e della narcolessia.

Azione farmacologica degli inibitori MAO

Gli inibitori delle MAO sono classificati in base alle loro proprietà farmacologiche in non selettivi, irreversibili, reversibili, selettivi e irreversibili, selettivi..

Gli inibitori MAO irreversibili non selettivi sono simili nella struttura chimica agli iproniazidi, migliorano le condizioni generali dei pazienti con depressione e riducono gli attacchi di angina.

Gli inibitori selettivi reversibili delle MAO hanno effetti antidepressivi e psicoenergetici, sopprimono attivamente la deaminazione di serotonina e norepinefrina.

Gli inibitori selettivi irreversibili delle MAO hanno un effetto antiparkinsoniano, sono coinvolti nel metabolismo della dopamina e delle catecolamine.

Elenco dei farmaci inibitori delle MAO

L'elenco degli inibitori MAO irreversibili non selettivi include:

  • Fenelzina;
  • Iproniazide;
  • Isocarbossazide;
  • Nialamide;
  • Tranilcipromina.

Gli inibitori selettivi irreversibili delle MAO includono la selegilina.

L'elenco degli inibitori MAO selettivi reversibili include:

  • Metralindol;
  • Pirlindol;
  • Befol;
  • Moclobemide;
  • Derivati ​​della beta-carbolina.

Indicazioni per l'uso di inibitori MAO

Gli inibitori MAO irreversibili non selettivi sono prescritti per il trattamento dell'alcolismo cronico e delle depressioni (nevrotiche, involutive e ciclotimiche), selettivi reversibili - per la depressione di varia origine, sindrome depressiva, sindrome malinconica e disturbi asenoadinamici e selettivi irreversibili - nel trattamento del morbo di Parkinson.

Controindicazioni

Il ricevimento di inibitori MAO selettivi reversibili è controindicato in:

  • Ipersensibilità;
  • Malattie infiammatorie acute dei reni e del fegato;
  • Sindrome da astinenza da alcol;
  • Gravidanza e allattamento.

Inoltre, gli inibitori MAO selettivi reversibili non sono prescritti durante l'infanzia..

L'assunzione di inibitori MAO irreversibili non selettivi non è prescritta per:

  • Ipersensibilità;
  • Insufficienza epatica;
  • Disturbi della circolazione cerebrale;
  • Fallimento renale cronico;
  • Insufficienza cardiaca cronica.

L'uso di inibitori MAO selettivi irreversibili è controindicato in:

  • Gravidanza e allattamento;
  • Assunzione di altri antidepressivi;
  • Ipersensibilità;
  • Tremore essenziale;
  • Corea di Huntington.

Con cautela, gli inibitori MAO selettivi irreversibili sono prescritti per:

  • Demenza progressiva;
  • Discinesia tardiva;
  • Psicosi grave;
  • Ulcera peptica del tratto gastrointestinale;
  • Iperplasia della prostata;
  • Grave angina pectoris;
  • Glaucoma ad angolo chiuso;
  • Tremore grossolano;
  • Tachicardia;
  • Feocromocitoma;
  • Gozzo tossico diffuso.

Effetti collaterali

L'uso di inibitori MAO selettivi reversibili può causare:

  • Ansia;
  • Bocca asciutta;
  • Mal di testa;
  • Insonnia.

L'uso di inibitori MAO irreversibili non selettivi può causare:

  • Dispepsia;
  • Diminuzione della pressione sanguigna;
  • Ansia;
  • Insonnia;
  • Mal di testa;
  • Bocca asciutta;
  • Stipsi.

L'uso di inibitori MAO selettivi irreversibili può causare complicazioni da vari sistemi corporei, vale a dire:

  • Diminuzione dell'appetito, secchezza della mucosa orale, aumento dell'attività delle transaminasi, nausea, diarrea, costipazione e disfagia (sistema digerente);
  • Aumento della stanchezza, insonnia, vertigini, allucinazioni, mal di testa, ansia, discinesia, agitazione motoria e mentale, confusione e psicosi (sistema nervoso);
  • Aumento della pressione sanguigna, ipotensione ortostatica e aritmia (sistema cardiovascolare);
  • Diplopia e disturbi dell'acuità visiva (organi di senso);
  • Nicturia, ritenzione urinaria e voglia dolorosa di urinare (sistema urinario);
  • Mancanza di respiro, fotosensibilità, eruzione cutanea e broncospasmo (reazioni allergiche).

Inoltre, l'uso di inibitori MAO selettivi irreversibili può causare sudorazione, ipoglicemia e caduta dei capelli..

Le informazioni sul farmaco sono generalizzate, fornite a scopo informativo e non sostituiscono le istruzioni ufficiali. L'automedicazione è pericolosa per la salute!

Gruppo farmacologico - Antidepressivi

Sono esclusi i farmaci del sottogruppo. Abilitare

Descrizione

I farmaci che alleviano specificamente la depressione sono apparsi alla fine degli anni '50. Nel 1957 fu scoperto l'iproniazide, che divenne l'antenato di un gruppo di antidepressivi - inibitori MAO e imipramina, sulla base dei quali furono ottenuti antidepressivi triciclici.

Secondo i concetti moderni, in condizioni depressive, si ha una diminuzione della trasmissione sinaptica serotoninergica e noradrenergica. Pertanto, l'accumulo di serotonina e noradrenalina nel cervello è considerato un collegamento importante nel meccanismo d'azione degli antidepressivi. Gli inibitori delle MAO bloccano la monoamino ossidasi, un enzima che causa la deaminazione ossidativa e l'inattivazione delle monoammine. Attualmente sono note due forme di MAO - tipo A e tipo B, che differiscono per i substrati esposti alla loro azione. La MAO di tipo A causa principalmente la deaminazione di norepinefrina, adrenalina, dopamina, serotonina, tiramina e MAO di tipo B - deaminazione di feniletilamina e alcune altre ammine. Esistono inibizioni competitive e non competitive, inibizioni reversibili e irreversibili. Si può osservare la specificità del substrato: un effetto predominante sulla deaminazione di varie monoamine. Tutto ciò influisce in modo significativo sulle proprietà farmacologiche e terapeutiche di vari inibitori delle MAO. Quindi, iproniazide, nialamide, fenelzina, tranilcipromina bloccano irreversibilmente il tipo A MAO e pirindolo, tetrindolo, metralindolo, eprobemide, moclobemide, ecc. Hanno un effetto selettivo e reversibile su di esso..

Gli antidepressivi triciclici prendono il nome dalla loro caratteristica struttura triciclica. Il meccanismo della loro azione è associato all'inibizione della ricaptazione dei neurotrasmettitori monoammine da parte delle terminazioni nervose presinaptiche, con conseguente accumulo di mediatori nella fessura sinaptica e attivazione della trasmissione sinaptica. Gli antidepressivi triciclici, di regola, riducono simultaneamente il sequestro di varie ammine neurotrasmettitori (norepinefrina, serotonina, dopamina). Recentemente sono stati creati antidepressivi che bloccano prevalentemente (selettivamente) la ricaptazione della serotonina (fluoxetina, sertralina, paroxetina, citalopram, escitalopram, ecc.).

Esistono anche i cosiddetti antidepressivi "atipici", che differiscono da quelli "tipici" sia per struttura che per meccanismo d'azione. Sono comparsi preparati di struttura bi- e quadriciclica, in cui non è stato riscontrato alcun effetto pronunciato né sul sequestro dei neurotrasmettitori né sull'attività della MAO (mianserina, ecc.).

Una proprietà comune a tutti gli antidepressivi è il loro effetto timolettico, cioè un effetto positivo sulla sfera affettiva del paziente, accompagnato da un miglioramento dell'umore e dello stato mentale generale. Diversi antidepressivi differiscono, tuttavia, nella somma delle loro proprietà farmacologiche. Quindi, nell'imipramina e in alcuni altri antidepressivi, l'effetto timolettico è combinato con uno stimolante e in amitriptilina, pipofezin, fluacizina, clomipramina, trimipramina, doxepina, la componente sedativa è più pronunciata. La maprotilina combina un'azione antidepressiva con effetti ansiolitici e sedativi. Gli inibitori delle MAO (nialamide, eprobemide) hanno proprietà stimolanti. Pirlindol, rimuovendo i sintomi della depressione, mostra attività nootropica, migliora le funzioni "cognitive" ("cognitive") del sistema nervoso centrale.

Gli antidepressivi hanno trovato applicazione non solo nella pratica psichiatrica, ma anche per il trattamento di numerose malattie neurovegetative e somatiche, per le sindromi dolorose croniche, ecc..

L'effetto terapeutico degli antidepressivi, sia nella somministrazione orale che parenterale, si sviluppa gradualmente e di solito si manifesta in 3-10 o più giorni dall'inizio del trattamento. Ciò è dovuto al fatto che lo sviluppo dell'effetto antidepressivo è associato all'accumulo di neurotrasmettitori nell'area delle terminazioni nervose e ai cambiamenti adattativi che emergono lentamente nella circolazione dei neurotrasmettitori e nella sensibilità dei recettori cerebrali ad essi..

IMAO (inibitori delle monoaminossidasi)

Gli IMAO (inibitori delle monoaminossidasi) sono antidepressivi di "prima generazione". Inizialmente, questi farmaci sono stati sviluppati per il trattamento della tubercolosi, ma in seguito si è scoperto che hanno proprietà antidepressive. Pertanto, già negli anni '50, iniziarono a essere presi come antidepressivi. Alla fine, gli scienziati hanno sviluppato gli IMAO più adatti alla depressione. [R]

Gli inibitori della monoamino ossidasi agiscono inibendo l'attività della monoamino ossidasi. La monoamino ossidasi è un enzima che scompone alcuni neurotrasmettitori: serotonina, norepinefrina, dopamina. Inibendo (cioè bloccando) la monoamino ossidasi, gli IMAO aumentano il livello di questi neurotrasmettitori. È la carenza di serotonina, norepinefrina e dopamina che è alla base della depressione e dell'ansia..

Questi farmaci si sono dimostrati efficaci per la depressione (soprattutto nei tipi atipici) e sono ancora ampiamente utilizzati per curare il morbo di Parkinson (alcuni sono considerati farmaci di prima linea). Sono anche indicati per disturbo di panico, disturbo d'ansia sociale, ansia mista con depressione, disturbo da stress post-traumatico, alcuni disturbi alimentari e disturbo borderline di personalità..

Il principale svantaggio degli IMAO è che, a contatto con determinati prodotti alimentari, possono essere fatali. In quanto tali, sono visti come "l'ultima risorsa" per il trattamento della depressione. In altre parole, le persone si rivolgono agli IMAO quando hanno già provato vari SSRI / SNRI, antidepressivi atipici e triciclici. Ricerche più recenti suggeriscono che le interazioni tra cibo e IMAO potrebbero non essere così gravi come le affermazioni iniziali.

  1. Elenco IMAO
  2. Marplan (isocarbossazide)
  3. Moclobemide (Aurorix / Manerix)
  4. Nardil (Fenelzine)
  5. Parnat (Tranylcypromine)
  6. Pirindol (pirazidolo)
  7. Selegilina (Deprenyl / Eldepril / Yumex)
  8. Toloxaton (Humoril)
  9. Gli IMAO non sono antidepressivi
  10. IMAO ritirato dalla circolazione
  11. Conclusione

Elenco IMAO

Esistono due tipi comuni di inibitori delle monoaminossidasi, MAO-A e MAO-B:

  • MAO-A: specificamente mirato a tiramina, serotonina, noradrenalina e dopamina.
  • MAO-B: più concentrato su dopamina, feniletilammina e microammine.

Va notato che alcuni IMAO sono una combinazione di MAO-A e MAO-B.

Marplan (isocarbossazide)

Marplan è uno dei più antichi IMAO ed è ancora talvolta utilizzato nel trattamento. Oltre alla depressione, questo farmaco funziona bene per i disturbi d'ansia e, in alcuni casi, aiuta con malattie neurodegenerative come la demenza.

Sebbene questo farmaco sia considerato molto efficace, provoca molti gravi effetti collaterali, tra cui mal di testa, aumento di peso, vertigini, svenimenti e tremori. Per questo motivo, gli inibitori delle monoaminossidasi come Marplan vengono prescritti raramente. [R]

Moclobemide (Aurorix / Manerix)

La moclobemide è più comunemente prescritta per la depressione maggiore ed è efficace quanto gli SSRI, ma con meno effetti collaterali e un'azione più rapida. Agisce come un inibitore delle MAO-A e aumenta i livelli dei seguenti neurotrasmettitori: serotonina, norepinefrina e dopamina. A differenza della maggior parte dei moderni antidepressivi, questo farmaco aumenta la libido e migliora le prestazioni sessuali. Inoltre non induce aumento di peso..

L'uso a lungo termine di questo farmaco aumenta la neuroprotezione e aumenta i livelli di testosterone (al contrario degli SSRI, che possono abbassare i livelli di testosterone). È uno degli antidepressivi più sicuri e in molti casi può essere considerato un'opzione di trattamento di prima linea. [R]

Nardil (Fenelzine)

Nardil è considerato uno degli inibitori della monoamino ossidasi più efficaci, che è ancora prescritto per i disturbi depressivi e talvolta d'ansia. Questo farmaco funziona particolarmente bene tra le persone con depressione atipica e nevrotica. Nardil è spesso usato come farmaco di terza linea per il trattamento della depressione refrattaria.

Il farmaco agisce inibendo sia MAO-A che MAO-B in misura simile. Oltre ad aumentare i livelli di serotonina, noradrenalina e dopamina, questo IMAO aumenta anche le concentrazioni di GABA, il che contribuisce alla sua efficacia complessiva. [R]

Parnat (Tranylcypromine)

Parnat è usato come antidepressivo e in alcuni casi per alcuni tipi di disturbi d'ansia. È stato sintetizzato nel 1948 da una struttura simile all'anfetamina. Ha dimostrato di essere un trattamento molto efficace per la depressione refrattaria, ma molte persone che lo usano non tollerano gli effetti collaterali ad alti dosaggi..

Agisce inibendo MAO-B leggermente più di MAO-A, rilasciando noradrenalina e dopamina e aumentando le microammine. Ha proprietà stimolanti lievi come l'anfetamina. [R]

Pirindol (pirazidolo)

Il pirazidolo è usato principalmente in Russia per trattare la depressione maggiore. È molto simile a Metralindol perché agisce principalmente come un inibitore inverso delle MAO-A. Questo farmaco tende ad avere un profilo più stimolante di un sedativo. È anche efficace nel trattamento di alcuni casi di fibromialgia. [R]

Selegilina (Deprenyl / Eldepril / Yumex)

La selegilina in dosi standard agisce come un inibitore selettivo irreversibile delle MAO-B. È stato originariamente utilizzato per trattare il morbo di Parkinson, ma è stato poi approvato dalla Food and Drug Administration statunitense per il trattamento della depressione maggiore sotto forma di cerotto transdermico. A dosi più elevate, il farmaco diventa non selettivo e inibisce sia MAO-A che MAO-B. È attualmente in fase di studio per la cessazione del fumo e il trattamento dell'ADHD. [R]

Toloxaton (Humoril)

Agisce come un inibitore MAO-A inverso. Il toloxatone è stato introdotto in Francia nel 1984 per curare la depressione. Questo farmaco ha proprietà stimolanti e può aumentare i livelli di ansia in molti casi. Rispetto a Moclobemide, ha più effetti collaterali ed è meno efficace. Si ipotizza che le persone con bassi livelli di noradrenalina o senza ansia e depressione possano essere ideali per questo farmaco. [R]

Gli IMAO non sono antidepressivi

Inoltre, ci sono vari farmaci che funzionano come inibitori delle monoaminossidasi ma sono usati per trattare condizioni diverse dalla depressione. I seguenti sono farmaci con proprietà IMAO che non sono prescritti per il trattamento della depressione.

Idracarbazina. Questo è un farmaco con proprietà IMAO, che viene utilizzato principalmente per abbassare la pressione sanguigna. Non ci sono molti studi formali che utilizzano questo farmaco da solo..

Isoniazide (Nidrazid). È stato questo farmaco che ha spinto i ricercatori a studiare le cause biologiche della depressione maggiore. È ampiamente usato come profilassi e trattamento di prima linea per la tubercolosi. Negli anni '50 divenne ampiamente utilizzato per il trattamento della tubercolosi e molte persone iniziarono a notare effetti collaterali che potevano migliorare l'umore. In connessione con le numerose segnalazioni di innalzamento dell'umore, ciò ha portato i ricercatori a creare una nuova generazione di antidepressivi: gli IMAO (inibitori delle monoaminossidasi). [R]

Linezolid. È usato come antibiotico per infezioni che non possono essere trattate con altri antibiotici. È usato per trattare la polmonite, varie infezioni della pelle e infezioni del sistema nervoso centrale. [R]

Procarbazina (Matulan). È un IMAO leggero usato per trattare il linfoma di Hodgkin e vari tipi di cancro al cervello come farmaco antitumorale. È in circolazione dal 1969 e appartiene a un gruppo di farmaci chiamati "agenti alchilanti". A causa della sua lieve inibizione MAO, aumenta i livelli di neurotrasmettitori nel cervello. [R]

Razagilina (Azilect): questo farmaco è spesso usato nel trattamento durante l'insorgenza della malattia di Parkinson. Colpisce l'inibizione delle MAO-B 14 volte di più rispetto alle MAO-A. Ha un effetto neuroprotettivo ed è stato creato a seguito della possibile neurotossicità del farmaco Selegiline. [R]

IMAO ritirato dalla circolazione

Ci sono altri farmaci MAOI che sono stati ritirati dalla produzione a causa di gravi effetti collaterali. La maggior parte è stata commercializzata negli anni '50 e '60, ma è stata ritirata dal mercato a causa di gravi danni al fegato. Di seguito l'elenco:

  • Benmoxin. È stato creato nel 1967 e utilizzato come antidepressivo in tutta Europa.
  • Caroxazone (Surodil / Thymostenil). Questo farmaco ha avuto un effetto sulla MAO-B 5 volte di più rispetto alla MAO-A. Alla fine, è stato interrotto..
  • Iprocloside (Sursum). È stato ritirato dalla vendita fino al 1980 a causa del fatto che tre persone morirono a causa della sua vendita. Lo studio ha scoperto che porta a sintomi di ittero seguiti da insufficienza epatica acuta.
  • Iproniazide. Questo farmaco è stato sviluppato specificamente per il trattamento della tubercolosi, ma, come si è scoperto, ha un effetto antidepressivo. Alla fine degli anni '50 fu approvato ma successivamente ritirato dal mercato a causa di gravi danni al fegato..
  • Mebanazina (Actomol). Utilizzato negli anni '60 per curare la depressione, ma da allora è stato ritirato dal mercato.
  • Minaprin (Cantor). Utilizzato in tutta la Francia fino al 1996. Alla fine è stato interrotto a causa di convulsioni..
  • Nyamid (Nialamid). Chimicamente simile all'iponiazide come derivato dell'acido isonicotinico. È stato rimosso da Pfizer da Stati Uniti, Regno Unito e Canada nel 1963 a seguito di danni al fegato.
  • Octamoxin (Ximaol / Nimaol). Era usato per curare la depressione, ma è stato rimosso dal mercato negli anni '60.
  • Feniprazina (Cutron). È stato usato per curare la depressione negli anni '60 e in alcuni casi è stato prescritto per la schizofrenia. Vari effetti collaterali associati a questo farmaco includevano danni agli occhi e ittero. Di conseguenza, è stato ritenuto pericoloso e ritirato dal mercato..
  • Pivalbenzidrazina (Tersavid). Negli anni '60 è stato ampiamente utilizzato per curare la depressione, ma da allora è stato rimosso dal mercato..

Conclusione

In molti casi, gli IMAO possono essere farmaci molto efficaci per il trattamento della depressione maggiore. Mentre molti di questi hanno effetti collaterali e problemi indesiderati se combinati con il cibo, ce ne sono alcuni che si distinguono dalla massa, vale a dire Parnat, Nardil e Moclobemide. I migliori farmaci MAOI sono spesso sottoutilizzati come antidepressivi e danno ottimi risultati nelle persone resistenti al trattamento. Sfortunatamente, la classe degli IMAO tende ad avere la reputazione di essere obsoleta e con pericolose interazioni alimentari..

La classe degli IMAO è completamente unica nella loro funzione rispetto ad altri antidepressivi in ​​quanto non interferiscono con la ricaptazione dei neurotrasmettitori. Invece, questi farmaci agiscono per sopprimere la monoamino ossidasi, il che si traduce in un aumento dei livelli di tutti i neurotrasmettitori. Alcuni IMAO inibiscono MAO-A più di MAO-B e viceversa. L'inibizione delle MAO-A è associata ad un aumento dei livelli di tiramina, norepinefrina, serotonina e dopamina e l'inibizione delle MAO-B è associata ad un aumento della sola dopamina, quindi è più spesso usata nella malattia di Parkinson.

Antidepressivi. Inibitori delle MAO

Gli antidepressivi o i timoanalettici (tim + greco analepticos - rafforzamento, ripristino) attivano la trasmissione sinaptica alle sinapsi adreno-, dopamina-, serotonina, colina, tiraminergiche e altre nel sistema nervoso centrale. Questa azione viene svolta in diversi modi: 1) distruzione irreversibile, oppure 2) blocco temporaneo e reversibile dell'enzima che scompone i mediatori (monoaminossidasi di tipo A e tipo B, quest'ultimo fornisce la deaminazione della feniletilamina e di alcune altre ammine), 3) blocco generale o 4) blocco selettivo della riformulazione del mediatore, 5), inoltre, ci sono farmaci che non influenzano la ricaptazione dei mediatori. Alcuni antidepressivi sono quindi stimolanti, mentre altri, al contrario, hanno proprietà sedative, ansiolitiche o nootropiche. Presentiamo una descrizione dei principali gruppi di antidepressivi.

Nel frattempo, non c'è bisogno di saperlo. "Attenzione! Non iniziare il trattamento farmacologico senza consultare uno psichiatra

Inibitori MAO irreversibili

1. Nialamid (Nialamidum). Sinonimi: Nyamid, Novazid, Nuredal, Espril, Nyazin, ecc. L'unico di tutti i farmaci di questo tipo, che ha mantenuto il suo valore come antidepressivo. Secondo alcuni rapporti, è più efficace nella depressione atipica rispetto agli antidepressivi triciclici. L'indicazione principale per l'uso nella pratica psichiatrica è la depressione di varia origine in combinazione con letargia, spontaneità, apatia, letargia. Nella medicina somatica viene utilizzato nel trattamento della sindrome del dolore, nevralgia del trigemino, angina pectoris.

Viene prescritto per via orale dopo i pasti a partire da 50-75 mg al giorno in due dosi (mattina e pomeriggio). Se necessario, la dose giornaliera viene gradualmente aumentata di 25-50 mg al giorno e portata a 200-350 mg (a volte fino a 800 mg). L'effetto terapeutico di solito compare dopo 1–2 settimane. La durata del trattamento è individuale (da 1 a 6 mesi). La dose viene ridotta gradualmente.

Effetti collaterali: dispepsia, diminuzione della pressione sistolica, insonnia, ansia, mal di testa, secchezza delle fauci, costipazione, ipotensione ortostatica, ecc..

Controindicazioni d'uso: disfunzioni epatiche e renali, scompenso cardiaco, accidenti cerebrovascolari, agitazione. Non combinato con antidepressivi triciclici e altri inibitori MAO - è necessaria una pausa di 2-3 settimane. Durante il trattamento, per evitare la sindrome del "formaggio" (tiramina), è necessario escludere dal cibo formaggio, panna, caffè, birra, vino, carni affumicate contenenti ammine vasocostrittori. Inoltre non è combinato con reserpina e raunatin: è possibile un'agitazione acuta. Va ricordato che la nialamide potenzia l'azione di barbiturici, analgesici, altri sedativi, anestetici locali, farmaci antipertensivi.

Forma di rilascio: compresse (confetto) 25 mg.

Inibitori MAO reversibili

1. Pyrazidol (Pyrazidolum). Sinonimi: Pirlindol, Pirlindolum, Pirlindole. In modo selettivo e per un breve periodo inibisce le MAO di tipo A. Le principali indicazioni per l'uso sono depressione endogena con ritardo psicomotorio, componenti ansia-depressive e ansiose-deliranti, anestesia mentale, ipocondria e sintomi simil-nevrotici. È anche prescritto per il trattamento dei sintomi di astinenza da alcol che si verificano con depressione e ansia. Il farmaco ha un effetto nootropico e può essere raccomandato nel trattamento della demenza (morbo di Alzheimer, ecc.).

È prescritto per via orale in 2 dosi in dosi giornaliere fino a 300-400 mg. Il trattamento inizia con 50-75 mg al giorno, aumentando gradualmente la dose di 25–50 mg al giorno. L'effetto terapeutico si ottiene entro 7-14 giorni. Quando l'effetto è raggiunto, il trattamento viene continuato per 2-6 settimane, dopodiché la dose viene gradualmente ridotta a una dose di mantenimento (25-100 mg al giorno), durante la quale il trattamento dura 1-2 mesi. Per la depressione nevrotica e reattiva, il farmaco viene utilizzato in dosi minori e in un tempo più breve..

Gli effetti collaterali sono relativamente rari: una leggera secchezza delle fauci, sudorazione, tremori alle mani, tachicardia, nausea, vertigini. Di solito scompaiono quando la dose viene ridotta. La sindrome del "formaggio" di solito non si verifica.

Controindicazioni per l'uso: malattie infiammatorie acute del fegato, malattie ematopoietiche. Il farmaco non è combinato con altri inibitori MAO (pausa per almeno 2 settimane); c'è la possibilità di una maggiore reazione all'adrenalina.

Forma di rilascio: compresse da 25 mg e 50 mg in una confezione da 50, 100, 500 e 1000 pezzi.

2. Tetrindolo (Tetrindolum). Accanto al pirazidolo, come quest'ultimo, inibisce brevemente le MAO di tipo A. Le principali indicazioni per l'uso sono la depressione di varia origine, nel quadro clinico di cui si presentano i fenomeni di astenia, adynamia, inibizione ideativa e motoria, ipocondria.

È prescritto per via orale in 2 dosi in dosi giornaliere fino a 300-400 mg. Il trattamento inizia con una dose giornaliera di 25-50 mg, con un aumento graduale fino a una dose terapeutica entro 1-2 settimane. Il corso del trattamento è di 1–1,5 mesi, seguito da una graduale diminuzione della dose fino a una dose di mantenimento (25–100 mg), sulla quale il trattamento può essere continuato fino a 1–2 mesi. Gli effetti collaterali sono relativamente rari: secchezza delle fauci, mal di testa, ansia, disturbi del sonno (con una dose serale del farmaco). Non esiste praticamente la sindrome del "formaggio".

Controindicazioni per l'uso: malattie infiammatorie del fegato e dei reni durante un'esacerbazione, astinenza acuta da alcol. Non si combina con altri inibitori MAO.

Forma di rilascio: compresse da 25 mg e 50 mg in barattoli da 50 pezzi.

3. Incazanum. Sinonimi: Metralindol, Metralindolum. Attiva tane e processi adrenergici nel sistema nervoso centrale mediante la raccolta di monoamine, inibisce parzialmente le MAO di tipo B. L'effetto timoanalettico di incazan è combinato con uno stimolante. Le principali indicazioni per l'uso sono la depressione di varia origine con predominanza di disturbi ipoanergici, nonché la depressione con sintomi simili a nevrosi e ipocondriaci lievi..

È prescritto per bocca 2 volte al giorno (mattina e sera, non oltre le 17-18 ore), a partire da 25-50 mg. La dose giornaliera sale a 250-300 mg durante la settimana. La durata del trattamento e le dosi sono determinate individualmente..

Nei casi resistenti alla terapia, il farmaco viene somministrato per via intramuscolare (nella prima metà della giornata in dosi da 25 mg a 150-200 mg) o gocciolamento e flusso endovenoso in dosi fino a 200 mg. Con il gocciolamento endovenoso, una dose giornaliera di una soluzione all'1,25% del farmaco (in dosi fino a 200-250 mg) viene sciolta in 250-500 ml di soluzione isotonica di NaCl o soluzione di glucosio al 5%, la velocità di infusione è di 40-60 gocce al minuto. Con l'iniezione a getto endovenoso, la dose giornaliera è di 50-150 mg, il farmaco viene infuso nell'arco di 1-2 minuti. Dopo 5-15 giorni di somministrazione parenterale, passano all'assunzione del farmaco all'interno, continuandolo per 2-4 settimane e quindi riducendo gradualmente la dose a una dose di mantenimento di 25-100 mg al giorno. Per aumentare l'efficacia della terapia, l'assunzione del farmaco all'interno può essere combinata con la sua somministrazione i / m, nonché con la prescrizione di neurolettici e tranquillanti.

Possibili complicazioni: secchezza delle fauci, nausea, fluttuazioni della pressione sanguigna, bradicardia.

Quando la dose viene ridotta, questi fenomeni di solito scompaiono..

Controindicazioni all'appuntamento: agitazione psicomotoria, malattie epatiche e renali acute, astinenza acuta da alcol. Il farmaco non può essere combinato con altri inibitori MAO (è necessaria una pausa di 2 settimane).

Metodo di ottenimento: compresse da 25 mg in confezioni da 150 e 250 pezzi; Soluzione all'1,25% in fiale da 2 ml e 10 ml in una confezione da 10 fiale.

4. Befol (Befolum). Vicino alla droga straniera Moklobemide. L'inibitore delle MAO di tipo A, ha un effetto distinto positivo alla serotonina, non blocca la ricaptazione delle monoamine, è privo di attività anticolinergica e non si lega ai recettori dell'istamina, serotonina, dopamina, alfa e beta-adrenolina. Si riferisce a "piccoli" antidepressivi. L'indicazione principale per l'appuntamento è una depressione superficiale di varia origine con sintomi di apatia, adynamia, letargia, nonché depressione con sintomi ipocondriaci simili a nevrosi e lievemente espressi. Un effetto positivo si nota già nel 5-6 ° giorno di trattamento e con somministrazione endovenosa - nel 2-3 ° giorno.

Viene somministrato per via orale dopo i pasti due volte al giorno - al mattino e circa 17-18 ore nel pomeriggio, iniziando con una dose giornaliera di 20-30 mg. Entro una o due settimane, può essere aumentato a 100-400 mg. Le dosi terapeutiche medie per gli adulti se assunte per via orale sono, secondo alcune fonti, da 100 a 500 mg al giorno. Dosi elevate del farmaco - più di 500 mg al giorno - sono raramente prescritte a causa dell'aumento degli effetti collaterali della terapia. La durata del ciclo di trattamento è fino a 2-3 mesi, con un passaggio graduale a dosi di mantenimento di 10-50 mg al giorno.

In caso di depressioni prolungate e resistenti, il trattamento inizia con l'iniezione endovenosa del farmaco a goccia (40-60 gocce al minuto) o getto (1-2 minuti). Il trattamento inizia con 50 mg al giorno, quindi la dose viene gradualmente aumentata a 200-250 mg al giorno. Le dosi giornaliere per la somministrazione intramuscolare sono 20-50 mg.

Possibili complicazioni: abbassamento della pressione sanguigna, mal di testa, sensazione di pesantezza alla testa, aumento dell'ansia e della tensione affettiva. Dopo aver abbassato la dose del farmaco, questi fenomeni scompaiono. Si ritiene consigliabile combinare l'assunzione di Betol con la nomina di antipsicotici o tranquillanti..

Controindicazioni all'uso: malattie infiammatorie acute del fegato e dei reni, avvelenamento con farmaci narcotici, ipnotici e analgesici, astinenza acuta da alcol.

Metodo di produzione: compresse da 10 mg e 25 mg in una confezione da 50 pezzi; Soluzione allo 0,25% in fiale da 2 ml.

5. Moklobemide (Moklobemide). Sinonimo: Aurorix. Simile a befol. Viene utilizzato nel trattamento della depressione di varia origine. La dose terapeutica è di 250-400 mg / die. Complicazioni, controindicazioni - vedi "Befol".

6. Eprobemide. In modo selettivo e reversibile inibisce MAO tipo A. Antidepressivo con effetto psicoattivo. È indicato per il trattamento della depressione di varia origine con predominanza dei fenomeni di astenia, apatia, adynamia, letargia.

È prescritto per via orale, intramuscolare o endovenosa (flebo, getto). Al suo interno viene prescritto 2 volte al giorno dopo i pasti (la sera - entro e non oltre 18 ore), la dose terapeutica media per gli adulti è di 60-100 mg / giorno. La dose può essere aumentata a 200-300 mg / die, fino a un massimo di 400 mg / die.

Il trattamento della depressione psicotica e resistente alla terapia inizia con flebo endovenoso (40-80 gocce / min) o iniezione endovenosa a getto (entro 1-2 minuti), a partire da 50 mg / giorno, seguito da un aumento della dose di 50 mg / giorni fino a 150-250 mg / giorno. Il trattamento a goccia può essere continuato per 20-25 giorni, il metodo a getto - 15-20 volte. Quindi passano all'assunzione del farmaco per / o per via intramuscolare. Singola dose per iniezione intramuscolare - 10 mg, dose giornaliera - 20-50 mg. Prima dell'introduzione, la soluzione di eprobemide viene diluita con una soluzione isotonica di NaCl o una soluzione di glucosio al 5%. Il farmaco è compatibile con antipsicotici e tranquillanti, che vengono prescritti se nella struttura della depressione si presentano deliri, allucinazioni, ansia, irritabilità, aggressività, agitazione.

Effetti collaterali: mal di testa, sensazione di pesantezza alla testa, abbassamento della pressione sanguigna (effetti dipendenti dalla dose), aumento dell'ansia e dell'irritabilità, reazioni allergiche.

Controindicazioni da usare: ipersensibilità, malattie infiammatorie acute del fegato e dei reni, avvelenamento con narcotici, ipnotici e analgesici, intossicazione acuta da alcol.

Inibitori delle MAO: che cos'è, un elenco di farmaci e meccanismo d'azione

Inibitori MAO - che solo le persone interessate alle notizie mediche lo sanno. L'abbreviazione è semplice: questo è un gruppo di medicinali che si riferisce agli antidepressivi che bloccano la degradazione della monoamino ossidasi. Sono usati come farmaci per la depressione, per ripristinare il normale background emotivo e la salute mentale..

Cosa sono gli inibitori delle MAO

Per capire quali farmaci sono inibitori delle MAO, è necessario conoscere la loro azione farmacologica. Questi farmaci hanno la capacità di migliorare la qualità della vita e combattere le condizioni di ansia. Sono anche chiamati inibitori delle monoamino ossidasi (IMAO). Si tratta di sostanze di origine vegetale e chimica, ampiamente utilizzate in psichiatria..

L'effetto sul corpo si basa sul blocco dell'enzima monoamino ossidasi. Di conseguenza, la scomposizione di varie sostanze e neurotrasmettitori viene interrotta nello stomaco. I sintomi dei disturbi depressivi e mentali sono mitigati. È possibile classificare l'intero elenco di farmaci per azione farmacologica.

  • Marmellata di petali di rosa
  • Il tubino nero è sempre di moda: nuovi articoli per le donne con foto
  • Waffle viennesi: ricette

Inibitori MAO irreversibili

Gli IMAO irreversibili includono farmaci il cui principio d'azione si basa sulla formazione di legami chimici con la monoamino ossidasi. Il risultato è la soppressione della funzionalità enzimatica. Questi sono i farmaci di prima generazione con molti effetti collaterali. Scarsa compatibilità con altri agenti farmacologici. Il paziente deve attenersi a una dieta durante il trattamento. Possono anche essere suddivisi in idrazina (Nialamide, Iproniazide) e non idrazina (Tranylcypromine, Isocarboxazid).

Inibitori MAO reversibili

Gli IMAO reversibili sono prescritti per molte malattie. Sono rappresentanti della seconda generazione. Non hanno effetti negativi gravi; la dieta non è richiesta durante l'assunzione. Il principio di funzionamento di questo gruppo di medicinali si basa sulla cattura dell'enzima e sulla creazione di un complesso stabile con esso. Si dividono in: selettivi (Moklobemide, Tetrindol) e non selettivi (Karoxazon, Inkazan).

Inibitori selettivi delle MAO

Gli IMAO selettivi sono in grado di inattivare solo un tipo di monoamino ossidasi. Di conseguenza, la degradazione di serotonina, norepinefrina e dopamina diminuisce. L'uso simultaneo con farmaci che aumentano i livelli di serotonina porta alla comparsa della sindrome serotoninergica. Questa pericolosa malattia è un segno di intossicazione del corpo. Per curarlo, devi cancellare tutti gli antidepressivi..

Inibitori MAO non selettivi

Gli IMAO non selettivi bloccano l'enzima monoamino ossidasi nelle varietà A e B. Sono prescritti raramente perché hanno un forte effetto tossico sul fegato. L'effetto dell'uso di questi farmaci dura a lungo (fino a 20 giorni) dopo la fine della terapia. Tendono a ridurre la frequenza degli attacchi di angina, il che consente di prescriverli a pazienti con malattie cardiovascolari..

  • Trentanovesima settimana di gravidanza
  • Uncinetto del bordo - schemi. Descrizione della reggiatura del bordo del prodotto
  • Le gocce per la sinusite sono la migliore cura per il raffreddore. Applicazione di gocce nasali per sinusite

Inibitori MAO - Elenco dei farmaci

Quali farmaci appartengono all'IMAO e cosa può aiutare in un caso particolare, puoi scoprirlo in un istituto medico. L'uso di antidepressivi deve essere coordinato con il medico curante. Il medico seleziona i farmaci individualmente, in base ai sintomi della malattia. L'intero elenco dei farmaci è suddiviso in base alla classificazione farmacologica. Elenco degli inibitori delle MAO:

  1. Irreversibili non selettivi sono: fenelzina, tranilcipromina, isocarbossazide, nialamide.
  2. Il più piccolo è un elenco di rappresentanti selettivi irreversibili: Selegilin, Razagilin, Pargilin.
  3. I selettivi reversibili sono il gruppo più ampio, che comprende tali farmaci: Pirlindol (pirazidolo), Metralindol, Moclobemide, Betol, Triptamina, derivati ​​delle beta-carboline (nome commerciale Harmalin).

Inibitori MAO - istruzioni per l'uso

Applicazione di inibitori MAO:

  1. Non selettivi irreversibili sono usati per trattare:
  • depressione involutiva;
  • depressione nevrotica;
  • depressione ciclotimica;
  • nel trattamento dell'alcolismo cronico.
  1. Selettivo irreversibile utilizzato solo nel trattamento del morbo di Parkinson.
  1. Usi selettivi reversibili:
  • con sindrome malinconica;
  • con disturbi asenoadinamici;
  • con sindrome depressiva.

Le controindicazioni dipendono dal tipo di farmaco. Non selettivo irreversibile non deve essere utilizzato in presenza di insufficienza cardiaca, renale, epatica, disturbi della circolazione coronarica. La selettività irreversibile è proibita durante la gravidanza e l'allattamento e la corea di Huntington. Non sono prescritti in combinazione con farmaci antipsicotici. Le controindicazioni al ricevimento di selettivi reversibili saranno: infanzia, insufficienza epatica acuta.

Gli effetti collaterali quando si utilizza un farmaco che ha un effetto selettivo reversibile saranno espressi dai seguenti sintomi: insonnia, mal di testa ricorrente, costipazione, secchezza delle fauci, aumento dell'ansia. Con un aumento del dosaggio raccomandato o il mancato rispetto del regime di trattamento nei pazienti, questo farmaco aumenta la manifestazione degli effetti collaterali.

Il ricevimento di IMAO irreversibili non selettivi può causare tali effetti collaterali: dispepsia, interruzione del tratto gastrointestinale. Si osservano spesso ipotensione (diminuzione della pressione sanguigna), mal di testa nella parte frontale della testa. Quando si assumono IMAO reversibili, l'elenco degli effetti negativi viene reintegrato: ipertensione, diminuzione dell'appetito, ritenzione urinaria, eruzione cutanea, mancanza di respiro.

Antidepressivi senza ricetta: nomi, prezzi, listino

Recentemente, il numero di persone che soffrono di depressione è aumentato in modo significativo. Ciò è in gran parte dovuto al ritmo frenetico della vita moderna, all'aumento del livello di stress. A questo si aggiungono problemi economici e sociali. Tutto ciò non può influire sulla salute mentale e mentale delle persone..

Le persone avvertono cambiamenti nella loro psiche quando si riflettono nelle loro prestazioni e nelle relazioni sociali. Vanno dal medico per un consiglio e spesso li diagnostica con la depressione..

Cos'è la depressione e come è pericolosa?

Prima di tutto, va notato che non si dovrebbe aver paura di questa diagnosi. La malattia non indica che la persona che ne soffre sia mentalmente o mentalmente disabile. Non influisce sulle funzioni cognitive del cervello e può essere curato nella maggior parte dei casi..

Tuttavia, la depressione non è solo un cattivo umore o tristezza che può colpire di tanto in tanto le persone sane. Con la depressione, una persona perde ogni interesse nella vita, si sente sopraffatta e stanca tutto il tempo, non può prendere una sola decisione.

La depressione è pericolosa perché può colpire tutto il corpo, provocando cambiamenti irreversibili in alcuni dei suoi organi. Inoltre, con la depressione, le relazioni con gli altri si deteriorano, il lavoro diventa impossibile, compaiono pensieri di suicidio, che a volte possono essere eseguiti..

La depressione non è realmente il risultato della debole volontà di una persona, dei suoi sforzi insufficienti per correggere la situazione. Nella maggior parte dei casi, è una malattia biochimica causata da disturbi metabolici e una diminuzione della quantità di alcuni ormoni nel cervello, principalmente serotonina, norepinefrina ed endorfina, che agiscono come neurotrasmettitori..

Pertanto, di regola, non è sempre possibile curare la depressione con mezzi non farmacologici. È noto che in uno stato d'animo depresso una persona può essere aiutata da un cambiamento di ambiente, rilassamento e metodi di autoallenamento, ecc. ma tutti questi metodi richiedono uno sforzo significativo da parte del paziente, della sua volontà, desiderio ed energia. E con la depressione, semplicemente non lo fanno. Risulta essere un circolo vizioso. Ed è spesso impossibile romperlo senza l'aiuto di farmaci che modificano i processi biochimici nel cervello..

Classificazione degli antidepressivi secondo il principio di azione sul corpo

Esistono diverse opzioni per classificare gli antidepressivi. Uno di questi si basa sul tipo di effetto clinico che i farmaci hanno sul sistema nervoso. In totale, ci sono tre tipi di tali azioni:

  • Sedativo
  • Equilibrato
  • Attivazione

Gli antidepressivi sedativi hanno un effetto calmante sulla psiche, alleviando l'ansia e aumentando l'attività dei processi nervosi. I farmaci attivanti funzionano bene con tali manifestazioni di depressione come l'apatia e la letargia. I preparati bilanciati hanno un effetto universale. Di norma, l'effetto sedativo o stimolante dei farmaci inizia a farsi sentire fin dall'inizio dell'assunzione..

Classificazione degli antidepressivi secondo il principio dell'azione biochimica

Questa classificazione è considerata tradizionale. Si basa su quali sostanze chimiche sono incluse nel farmaco e su come influenzano i processi biochimici nel sistema nervoso..

Antidepressivi triciclici (TCA)

Un gruppo ampio e diversificato di farmaci. I TCA sono stati a lungo utilizzati nel trattamento della depressione e hanno una solida base di prove. L'efficacia di alcuni farmaci del gruppo ci permette di considerarli come lo standard per gli antidepressivi.

I farmaci triciclici sono in grado di aumentare l'attività dei neurotrasmettitori - norepinefrina e serotonina, riducendo così le cause della depressione. Il nome del gruppo è stato dato da biochimici. È associato all'aspetto delle molecole di sostanze di questo gruppo, costituito da tre anelli di carbonio collegati tra loro.

I TCA sono farmaci efficaci, ma hanno molti effetti collaterali. Sono osservati in circa il 30% dei pazienti.

I principali farmaci del gruppo includono:

  • Amitriptilina
  • Imipramina
  • Maprotilina
  • Clomipramina
  • Mianserin

Amitriptilina

Antidepressivo triciclico. Fornisce effetti sia antidepressivi che analgesici lievi

Ingredienti: 10 o 25 mg di amitriptilina cloridrato

Forma di dosaggio: pillole o compresse

Indicazioni: depressione, disturbi del sonno, disturbi del comportamento, disturbi emotivi misti, sindrome del dolore cronico, emicrania, enuresi.

Effetti collaterali: agitazione, allucinazioni, disturbi visivi, tachicardia, fluttuazioni della pressione, tachicardia, indigestione

Controindicazioni: infarto, intolleranza individuale, allattamento, intossicazione da alcol e farmaci psicotropi, disturbi della conduzione del muscolo cardiaco.

Applicazione: subito dopo i pasti. La dose iniziale è di 25-50 mg durante la notte. A poco a poco, la dose giornaliera viene aumentata a 200 mg in tre dosi.

Inibitori delle monoamino ossidasi (inibitori MAO)

Questi sono antidepressivi di prima generazione.

La monoamino ossidasi è un enzima che distrugge vari ormoni, inclusi i neurotrasmettitori. Gli inibitori delle MAO interferiscono con questo processo, a causa del quale aumenta il numero di neurotrasmettitori nel sistema nervoso, il che a sua volta porta all'attivazione dei processi mentali.

Gli inibitori delle MAO sono antidepressivi abbastanza efficaci ed economici, ma hanno molti effetti collaterali. Questi includono:

  • Ipotensione
  • Allucinazioni
  • Delirio
  • Insonnia
  • Agitazione
  • Stipsi
  • Mal di testa
  • Vertigini
  • Disfunzione sessuale
  • Deficit visivo

Quando si assumono alcuni farmaci, è necessario seguire anche una dieta speciale per evitare l'ingestione di enzimi potenzialmente pericolosi che vengono metabolizzati dalle MAO.

I più moderni antidepressivi di questa classe hanno la capacità di inibire solo uno dei due tipi di enzima: MAO-A o MAO-B. Questi antidepressivi hanno meno effetti collaterali e sono chiamati inibitori selettivi. Gli inibitori non selettivi sono usati raramente al momento. Il loro principale vantaggio è il basso costo..

I principali inibitori selettivi delle MAO:

  • Moclobemide
  • Pirindol (pirazidolo)
  • Bethol
  • Metralindol
  • Harmaline
  • Selegiline
  • Razagiline

Moclobemide

Antidepressivo, inibitore selettivo delle MAO. Agisce principalmente sulle MAO di tipo A, ha effetti antidepressivi e immunostimolanti.

Indicazioni: schizofrenia, fobia sociale, psicosi maniaco-depressiva, alcolismo, depressione reattiva, senile, nevrotica

Controindicazioni: esacerbazioni di malattia mentale, agitazione, confusione, agitazione, gravidanza e allattamento.

Effetti collaterali: mal di testa, vertigini, indigestione e disturbi intestinali

Applicazione: dopo i pasti. Il dosaggio giornaliero è di 300-600 mg, tre dosi al giorno. Il dosaggio viene gradualmente aumentato.

Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI)

Questi farmaci appartengono alla terza generazione di antidepressivi. Sono relativamente facilmente tollerabili dai pazienti e hanno meno controindicazioni ed effetti collaterali rispetto ai TCA e agli inibitori delle MAO. Il loro sovradosaggio non è così pericoloso rispetto ad altri gruppi di farmaci. L'indicazione principale per il trattamento farmacologico è il disturbo depressivo maggiore.

Il principio di funzionamento dei farmaci si basa sul fatto che il neurotrasmettitore serotonina, che viene utilizzato per trasmettere impulsi tra neuroni per contatto, non ritorna alla cellula trasmettendo l'impulso nervoso quando esposto a SSRI, ma viene trasmesso a un'altra cellula. Pertanto, gli antidepressivi come gli SSRI aumentano l'attività della serotonina nella catena neurale, che ha un effetto benefico sulle cellule cerebrali colpite dalla depressione..

Di norma, i farmaci in questo gruppo sono particolarmente efficaci per la depressione grave. Nei disturbi depressivi di gravità da lieve a moderata, l'effetto dei farmaci non è così evidente. Tuttavia, un certo numero di medici ha anche un'opinione diversa, ovvero che nelle forme gravi di depressione è preferibile utilizzare TCA comprovati..

L'effetto terapeutico degli SSRI non si manifesta immediatamente, di solito dopo 2-5 settimane di somministrazione.

Questa classe include sostanze come:

  • Fluoxetina
  • Paroxetina
  • Citalopram
  • Sertralina
  • Fluvoxamina
  • Escitalopram

Fluoxetina

Antidepressivo, inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina. Ha un effetto antidepressivo, allevia i sentimenti di depressione

Forma di rilascio: compresse da 10 mg

Indicazioni: depressione di varia origine, disturbo ossessivo-compulsivo, bulimia nervosa

Controindicazioni: epilessia, tendenza alle convulsioni, grave insufficienza renale o epatica, glaucoma, adenoma, tendenze suicide, assunzione di inibitori delle MAO

Effetti collaterali: iperidrosi, brividi, intossicazione da serotonina, indigestione

Applicazione: indipendentemente dall'assunzione di cibo. Il regime abituale è una volta al giorno, al mattino, 20 mg. Dopo tre settimane, la dose può essere raddoppiata.

Analoghi della fluoxetina: Deprex, Prodep, Prozac

Altri tipi di farmaci

Esistono anche altri gruppi di farmaci, ad esempio inibitori della ricaptazione della noradrenalina, inibitori selettivi della ricaptazione della noradrenalina, farmaci serotoninergici noradrenergici e specifici, antidepressivi melatonergici. Tra questi farmaci ci sono Bupropion (Zyban), Maprotiline, Reboxetine, Mirtazapine, Trazadone, Agomelatine. Tutti questi sono buoni antidepressivi, rimedi provati..

Bupropione (Zyban)

Antidepressivo, norepinefrina selettiva e inibitore della ricaptazione della dopamina. Antagonista dei recettori nicotinici, grazie ai quali è ampiamente utilizzato nel trattamento della dipendenza da nicotina.

Forma di rilascio: compresse da 150 e 300 mg.

Indicazioni: depressione, fobia sociale, dipendenza da nicotina, disturbo affettivo stagionale.

Controindicazioni: allergia ai componenti, età fino a 18 anni, uso concomitante con inibitori delle MAO, anoressia nervosa, disturbi convulsivi.

Effetti collaterali: un sovradosaggio del farmaco è estremamente pericoloso, che può causare crisi epilettiche (2% dei pazienti alla dose di 600 mg). Si osservano anche orticaria, anoressia o mancanza di appetito, tremori, tachicardia.

Applicazione: il medicinale deve essere assunto una volta al giorno, al mattino. La dose tipica è 150 mg, la dose massima giornaliera è 300 mg.

Antidepressivi di nuova generazione

Si tratta di nuovi farmaci, che includono principalmente antidepressivi SSRI. Tra i farmaci sintetizzati relativamente di recente, i farmaci si sono mostrati bene:

  • Sertralina
  • Fluoxetina
  • Fluvoxamina
  • Mirtazalin
  • Escitalopram

Differenza tra antidepressivi e tranquillanti

Molte persone credono che i tranquillanti siano un buon rimedio per la depressione. Ma in realtà non è così, sebbene i tranquillanti siano spesso usati per curare la depressione..

Qual è la differenza tra queste classi di farmaci? Gli antidepressivi sono farmaci che generalmente hanno un effetto stimolante, normalizzano l'umore e alleviano i problemi mentali associati alla mancanza di alcuni neurotrasmettitori. Questa classe di farmaci agisce a lungo e non colpisce le persone con un sistema nervoso sano..

I tranquillanti, di regola, sono rimedi ad azione rapida. Possono essere usati per combattere la depressione, ma soprattutto come adiuvanti. L'essenza del loro effetto sulla psiche umana non è nella correzione del suo background emotivo a lungo termine, come nei farmaci per la depressione, ma nella soppressione delle manifestazioni di emozioni negative. Possono essere usati come mezzo per ridurre la paura, l'ansia, l'agitazione, gli attacchi di panico, ecc. Pertanto, sono più farmaci anti-ansia e anti-ansia rispetto agli antidepressivi. Inoltre, durante il corso del trattamento, la maggior parte dei tranquillanti, in particolare i farmaci diazepina, creano dipendenza e dipendenza..

Puoi acquistare antidepressivi senza prescrizione medica??

Secondo le regole per l'erogazione di medicinali in vigore in Russia, per ricevere farmaci psicotropi nelle farmacie, è richiesto un appuntamento dal medico, cioè una prescrizione. E gli antidepressivi non fanno eccezione. Pertanto, in teoria, gli antidepressivi forti non possono essere acquistati senza prescrizione. In pratica, certo, i farmacisti a volte possono chiudere un occhio sulle regole in cerca di profitto, ma questo fenomeno non può essere dato per scontato. E se ti vengono somministrati farmaci senza prescrizione medica in una farmacia, ciò non significa che la situazione sarà la stessa in un'altra..

È possibile acquistare senza prescrizione medica solo farmaci per il trattamento di disturbi depressivi lievi come afobazolo, tranquillanti "diurni" e preparati a base di erbe. Ma nella maggior parte dei casi, sono difficili da classificare come veri antidepressivi. Sarebbe più corretto classificarli come sedativi..

Afobazol

Farmaco anti-ansia, ansiolitico e blando antidepressivo di produzione russa senza effetti collaterali. Farmaco da banco.

Metodo di rilascio: compresse da 5 e 10 mg

Indicazioni: disturbi d'ansia e stati di varia origine, disturbi del sonno, distonia neurocircolatoria, astinenza da alcol.

Effetti collaterali: gli effetti collaterali durante l'assunzione del farmaco sono estremamente rari. Questi possono essere reazioni allergiche, disturbi del tratto gastrointestinale, mal di testa.

Applicazione: si consiglia di assumere il farmaco dopo i pasti. Una singola dose è di 10 mg, una dose giornaliera è di 30 mg. Il corso del trattamento è di 2-4 settimane..

Controindicazioni: ipersensibilità ai componenti delle compresse, età fino a 18 anni, gravidanza e allattamento

Perché l'autotrattamento per la depressione è pericoloso

Ci sono molti fattori da considerare quando si cura la depressione. Questo è lo stato di salute del paziente, i parametri fisiologici del suo corpo, un tipo di malattia e altri farmaci che assume. Non tutti i pazienti saranno in grado di analizzare in modo indipendente tutti i fattori e scegliere il medicinale e il suo dosaggio in modo tale che sia utile e non provochi danni. Solo specialisti - psicoterapeuti e neuropatologi con una vasta esperienza pratica saranno in grado di risolvere questo problema e dire quali antidepressivi sono meglio utilizzati per un particolare paziente. Dopotutto, lo stesso medicinale utilizzato da persone diverse porterà in un caso a una cura completa, nell'altro - non avrà alcun effetto, nel terzo - potrebbe addirittura aggravare la situazione.

Quasi tutti i farmaci per la depressione, anche i più leggeri e sicuri, possono causare effetti collaterali. E non esistono farmaci potenti senza effetti collaterali. L'uso prolungato e incontrollato di farmaci o il superamento del dosaggio è particolarmente pericoloso. In questo caso, può verificarsi intossicazione del corpo con serotonina (sindrome serotoninergica), che può portare alla morte..

Come ottenere una prescrizione per un farmaco?

Se pensi di essere depresso, ti consigliamo di consultare uno psicoterapeuta o un neurologo. Solo lui può esaminare attentamente i tuoi sintomi e prescrivere il farmaco appropriato nel tuo caso..

Rimedi erboristici per la depressione

I preparati a base di erbe più popolari per l'elevazione oggi contengono estratti di menta, camomilla, valeriana, motherwort. Ma i farmaci contenenti l'erba di San Giovanni erano i più efficaci per la depressione..

Il meccanismo dell'azione terapeutica dell'erba di San Giovanni non è stato ancora chiarito, ma gli scienziati ritengono che l'enzima ipericina in esso contenuto possa accelerare la sintesi della norepinefrina dalla dopamina. L'erba di San Giovanni contiene anche altre sostanze che hanno un effetto benefico sul sistema nervoso e su altri sistemi del corpo: flavonoidi, tannini, oli essenziali.

I preparati a base di erba di San Giovanni sono antidepressivi delicati. Non aiuteranno con tutta la depressione, specialmente con le sue forme gravi. Tuttavia, l'efficacia dell'erba di San Giovanni nella depressione lieve e moderata è stata dimostrata da seri studi clinici, in cui si è dimostrato non peggiore e, in alcuni parametri, anche migliore dei popolari farmaci triciclici per la depressione e gli SSRI. Inoltre, i preparati a base di erba di San Giovanni hanno un numero relativamente ridotto di effetti collaterali. Possono essere presi da bambini a partire dai 12 anni. Tra gli effetti negativi dell'assunzione di preparati a base di erba di San Giovanni, va notato il fenomeno della fotosensibilizzazione, che consiste nel fatto che quando la pelle è esposta alla luce solare durante il trattamento con il farmaco, possono comparire eruzioni cutanee e ustioni su di essa.

I medicinali a base di erba di San Giovanni sono venduti senza prescrizione medica. Quindi, se stai cercando un rimedio anti-depressione da banco, questa classe di farmaci potrebbe essere la soluzione migliore..

Alcuni preparati a base di erba di San Giovanni:

  • Negrustin
  • Deprim
  • Gelarium Hypericum
  • Neuroplant

Negrustin

Agente antidepressivo e anti-ansia a base di estratto di erba di San Giovanni

Forma di rilascio: esistono due forme di rilascio: capsule contenenti 425 mg di estratto di erba di San Giovanni e una soluzione per somministrazione interna, versate in flaconi da 50 e 100 ml.

Indicazioni: depressione da lieve a moderata, depressione ipocondriaca, ansia, stati maniaco-depressivi, sindrome da stanchezza cronica.

Controindicazioni: fotodermatite, depressione endogena, gravidanza e allattamento, uso concomitante di inibitori MAO, ciclosporina, digossina e alcuni altri farmaci.

Effetti collaterali: eczema, orticaria, aumento delle reazioni allergiche, disturbi gastrointestinali, mal di testa, anemia da carenza di ferro.