Immagini del nervo glossofaringeo

N. glossofaringeo, nervo glossofaringeo, nervo del 3 ° arco brachiale, separato dalla coppia X di nervi durante lo sviluppo, n. vagus. Contiene tre tipi di fibre:
1) afferente (sensibile), proveniente dai recettori della faringe, della cavità timpanica, della mucosa della lingua (terzo posteriore), delle tonsille e delle arcate palatine;
2) efferente (motore), innervante uno dei muscoli della faringe (m. Stylopharyngeus);
3) efferente (secretorio), parasimpatico, per la ghiandola parotis.

Secondo i suoi componenti, ha tre nuclei: il nucleo solitario, a cui provengono i processi centrali delle cellule di 2 nodi afferenti - ganglia superius et inferius (vedi sotto). Vegetativa (secretoria), parasimpatica, nucleo, nucleo salivatorio inferiore (nucleo salivare inferiore), è costituita da cellule sparse nella formatio reticolare attorno al terzo nucleo, motorie, comuni con n. vago, nucleo ambiguo.

N. glossopharyngeus emerge con le sue radici dal midollo allungato dietro l'olivo, sopra n. vago, e insieme a quest'ultimo lascia il cranio attraverso il forame giugulare. All'interno di quest'ultimo, la parte sensibile del nervo forma un nodo, ganglio superiore, e all'uscita dal foro, un altro nodo, ganglio inferiore, che giace sulla superficie inferiore della piramide dell'osso temporale.
Il nervo scende, prima tra v. jugularis interna e a. carotis interna e poi si piega intorno a m dietro. stilofaringeo e lungo il lato laterale di questo muscolo si avvicina con un delicato arco alla radice della lingua, dove si divide nei suoi rami terminali.

Rami del nervo glossofaringeo

1. N. tympanicus parte dal ganglio inferiore ed entra nella cavità timpanica (cavitas tympani), dove forma un plesso, plesso timpanico, a cui si diramano e dal plesso simpatico dell'arteria carotide interna si avvicinano. Questo plesso innerva la mucosa della cavità timpanica e del tubo uditivo..

All'uscita dalla cavità timpanica attraverso la parete superiore sotto forma di n. il nervo petrosus minor passa nel solco omonimo, solco n. petrosi minoris, sulla superficie anteriore della piramide ossea temporale e raggiunge il ganglio otico.
Attraverso questo nervo, le fibre secretorie parasimpatiche per la ghiandola parotide provenienti dal nucleo salivatorio inferiore vengono portate al ganglio otico. Dopo una rottura nel nodo, le fibre secretorie si avvicinano alla ghiandola come parte del n. auriculotemporalis dal terzo ramo del nervo trigemino.

2. Ramus m. stylopharyngei al muscolo con lo stesso nome.

3. Rami tonsillare alla mucosa delle tonsille palatine e degli archi.

4. Rami pharyngei al plesso faringeo (plesso faringeo).

5. Rami liguales, rami terminali del nervo glossofaringeo alla mucosa del terzo posteriore della lingua, fornendogli fibre sensoriali, tra le quali vi sono anche fibre gustative alle papille vallate.

6.R. sinus carotidi - nervo sensoriale del seno carotico (glomus caroticum)

Come capire se si tratta di un nervo glossofaringeo?

Ci sono 12 paia di nervi nel cranio umano. Ogni coppia svolge i propri compiti funzionali. Tra questi c'è il nervo glossofaringeo. Contiene diversi tipi di fibre diverse. Per comprendere lo scopo di questo nervo nel corpo, è necessario considerare la struttura dettagliata e la posizione dei fasci, nonché studiare i principali problemi patologici di questa via nervosa..

Caratteristiche anatomiche

Il nervo glossofaringeo fa parte della nona coppia di nervi cranici. Il suo percorso all'uscita dal cervello corre vicino al decimo e undicesimo nervo. Quindi tutti e tre i fasci, cioè dalle 9 alle 11 vie nervose, vengono combinati in un unico insieme e continuano il loro percorso dietro il cranio della testa. All'uscita dal cranio c'è un ramo, che in medicina è chiamato nervo timpanico. Allo stesso punto, il glossofaringeo è diviso in due nodi:

  • nodo superiore;
  • nodo inferiore.

Questi nodi sono dotati di speciali impulsi neurali che danno sensibilità al corpo. Dopo aver lasciato il cranio, l'arteria glossofaringea viene diretta verso l'arteria carotide, dove si piega attorno ad essa e va al seno carotideo. Il nervo glossofaringeo viaggia quindi verso la faringe, dove si dirama in più piccoli rami. Tutti i rami possono essere suddivisi in tre rami principali:

  1. Ramo faringeo;
  2. Ramo linguale;
  3. Ramo di mandorle.

Pertanto, la via del nervo glossofaringeo ei suoi rami forniscono la conduzione alla faringe, alle tonsille e alla lingua. A causa di questa struttura e posizione, i tessuti muscolari della faringe e della lingua possono muoversi, provare sensazioni dolorose, trasmettere informazioni al cervello e alla schiena..

Compiti funzionali

Con uno studio più dettagliato della struttura del nervo glossofaringeo, può essere diviso in altri due nervi: sinistro e destro. Questa separazione è dovuta alla differenza di struttura: sono costituiti da diversi tipi di fibre, rispettivamente, svolgono compiti diversi. Pertanto, si possono distinguere le seguenti funzioni, in base al tipo di fibre:

  1. Le fibre motorie sono necessarie ad una persona per mettere in movimento la parte faringea, o meglio sono responsabili del suo sollevamento;
  2. I sensibili appartengono alla mucosa delle tonsille. Hanno un percorso abbastanza lungo, passando per la cavità laringea, orale e raggiungendo le orecchie. I sensibili sono responsabili del rilevamento;
  3. Le fibre aromatiche sono responsabili della trasmissione delle informazioni sulla presenza di un gusto particolare;
  4. Grazie al lavoro generale si formano alcuni riflessi della parte palatina;
  5. Anche le fibre parasimpatiche sono essenziali in quanto controllano il corretto funzionamento della ghiandola salivare..

In caso di interruzioni nella conduzione delle vie nervose delle fibre di cui sopra, una persona sviluppa processi patologici, la vita diventa difficile, a causa della perdita di alcune funzioni.

Nevralgia

Abbastanza spesso, ai pazienti viene diagnosticata la nevralgia. Esistono due modi di sviluppo della malattia: nevralgia primaria, nevralgia secondaria. L'idiopatico si distingue separatamente. La causa di questa malattia è difficile da determinare e in alcuni casi addirittura impossibile. Ma secondo gli esperti, molto probabilmente i problemi con il nervo glossofaringeo si sviluppano sullo sfondo di un malfunzionamento del sistema endocrino. Si segnalano anche le possibili cause:

  • neoplasie maligne nella regione faringea;
  • irritazione del tessuto glossofaringeo con qualsiasi oggetto estraneo bloccato in gola;
  • tipo malattie, aterosclerosi, danni virali al corpo, infezione batterica.

Indipendentemente dalla causa della nevralgia, i pazienti riferiscono gli stessi sintomi. I reclami frequenti includono un forte dolore alla radice della lingua e alle tonsille. Negli stadi avanzati, quando la malattia ha iniziato a progredire, il dolore si verifica nelle orecchie e nella faringe. È possibile l'irradiazione alla mascella, al collo e ai bulbi oculari. Il dolore si manifesta solo da un lato. Di regola, ci sono attacchi di dolore che durano non più di cinque minuti. I movimenti della lingua, come mentre si mangia o si parla, possono provocare sintomi. Il dolore appare anche sullo sfondo dell'irritazione delle tonsille. Tali pazienti cercano di dormire su un lato. Poiché in un sogno, la saliva si accumula nella cavità orale e la persona è costretta a ingoiarla, il che porta al dolore. E mentre dorme su un fianco, la saliva non irrita la gola. Alcuni pazienti hanno una sensazione di sete costante, c'è una maggiore salivazione. Allo stesso tempo, la bava è piuttosto viscosa con nevralgia. Nei casi più gravi compaiono cali di pressione sanguigna, vertigini, oscuramento degli occhi e svenimenti. La nevralgia è una malattia che si manifesta con periodicità, remissione ed esacerbazione.

Al fine di evitare conseguenze gravi e spiacevoli, è necessario, quando compaiono i primi sintomi, consultare un neurologo e iniziare il trattamento. È meglio superare la malattia "alla radice" piuttosto che affrontare la malattia sottostante, così come le sue conseguenze.

Nervo lingua-faringeo

Nervo glossofaringeo, n. glossofaringeo (IX coppia), di natura mista.

Contiene fibre secretorie sensoriali, motorie e parasimpatiche.

Fibre di diversa natura sono assoni di diversi nuclei e alcuni nuclei sono comuni con il nervo vago.

I nuclei del nervo glossofaringeo si trovano nelle regioni posteriori del midollo allungato. Assegna il nucleo sensibile di una via solitaria, nucleus tractus solitarius; doppio nucleo motore, nucleo ambiguo; nucleo salivare inferiore parasimpatico (secretorio), nucleo salivatorio inferiore.

Sulla superficie della fossa romboidale, questi nuclei sono proiettati nella parte posteriore del midollo allungato: il nucleo motore - nella regione del triangolo vago; nucleo sensibile - verso l'esterno dal solco del confine; nucleo vegetativo - corrispondente al solco di confine, mediale al doppio nucleo.

Il nervo glossofaringeo appare sulla superficie inferiore del cervello con 4-6 radici dietro l'oliva, sotto l'VIII coppia. Va verso l'esterno e in avanti ed esce dal cranio attraverso la parte anteriore del forame giugulare. Nell'area dell'apertura, il nervo si ispessisce un po 'a causa del nodo superiore situato qui, ganglio rostrale (superius).

Uscendo attraverso il forame giugulare, il nervo si ispessisce nuovamente a causa del nodo inferiore, ganglio caudale (inferio), che si trova nella fossa petrosa sulla superficie inferiore della piramide ossea temporale.

Le fibre sensoriali (afferenti) sono processi delle cellule dei nodi superiori e inferiori del nervo glossofaringeo, con quelle periferiche che seguono come parte del nervo agli organi, e quelle centrali che formano un unico percorso, attorno al quale le cellule nervose si raccolgono nel nucleo di un unico percorso (sensibile). Una parte delle fibre va alla parte superiore del nucleo posteriore del nervo vago.

Le fibre motorie (efferenti) sono gli assoni delle cellule nervose del doppio nucleo somatico, che si trova nella parte posteriore del midollo allungato. Queste fibre costituiscono il nervo del muscolo stilofaringeo..

Le fibre parasimpatiche (secretorie) hanno origine nel nucleo salivare inferiore vegetativo, nucleo salivatorius caudalis (inferiore), che si trova un po 'anteriore e mediale al doppio nucleo somatico.

Dalla base del cranio, il nervo glossofaringeo scende, va tra l'arteria carotide interna e la vena giugulare interna, formando un arco, segue in avanti, leggermente verso l'alto ed entra nello spessore della radice della lingua.

Nel suo corso, il nervo glossofaringeo emette una serie di rami.

I. Rami a partire dal nodo inferiore:

Nervo timpanico, n. tympanicus, nella sua composizione è afferente e parasimpatico. Parte dal nodo inferiore del nervo glossofaringeo, entra nella cavità timpanica e percorre la sua parete mediale. Qui il nervo timpanico forma un piccolo ispessimento timpanico (nodo), intumescenza (ganglio) timpanica, e poi si divide in rami, che nella mucosa dell'orecchio medio costituiscono il plesso timpanico, plesso timpanico.

La sezione successiva del nervo, che è una continuazione del plesso timpanico, lascia la cavità timpanica attraverso la fessura del piccolo canale del nervo petroso chiamato nervo petroso, n. petrosus minor. Il ramo di collegamento dal grande nervo pietroso si avvicina a quest'ultimo. Lasciando la cavità cranica attraverso la fessura sfenoidale, il nervo si avvicina al nodo dell'orecchio, dove le fibre parasimpatiche cambiano.

Tutte e tre le divisioni: il nervo timpanico, il plesso timpanico e il nervo petroso minore - collegano il nodo del nervo glossofaringeo inferiore al nodo dell'orecchio.
Il nervo timpanico o plesso timpanico ha connessioni con il nervo facciale (con il suo ramo - il grande nervo petroso) e con il plesso simpatico dell'arteria carotide interna attraverso i nervi carotidi, nn. caroticotympanici.

Il nervo timpanico emana i seguenti rami:

1) diramazione tubo, r. tubarius, alla mucosa del tubo uditivo;

2) un ramo di collegamento con il ramo auricolare del nervo vago, r. communicans (cum ramo auriculi n. vagi).

Inoltre, ci sono 2-3 sottili rami timpanici sulla mucosa che copre la membrana timpanica dal lato della cavità timpanica e sulle cellule del processo mastoideo, nonché piccoli rami alla finestra del vestibolo e alla finestra della coclea.

II. Rami a partire dal tronco del nervo glossofaringeo:

1. Rami faringei, rr. faringeo, - questi sono 3-4 nervi, iniziano dal tronco del nervo glossofaringeo dove quest'ultimo passa tra le arterie carotidi esterne e interne. I rami vanno alla superficie laterale della faringe, dove, connettendosi con i rami dello stesso nome del nervo vago (qui sono adatti anche i rami del tronco simpatico), formano il plesso faringeo, plesso faringe.

2. Ramo del seno, r. seno carotideo, uno o due rami sottili, entrano nella parete del seno carotideo e nello spessore del glomo carotideo.

3. Ramo del muscolo stilofaringeo, r. musculi stylopharyngei, va al muscolo corrispondente e vi entra in più rami.

4. Rami tonsille, rr. tonsillari, partono dal tronco principale 3-5 rami nel punto in cui passa vicino alle tonsille. Questi rami sono corti, diretti verso l'alto e raggiungono la membrana mucosa delle arcate palatine e delle tonsille.

5. Rami linguali, rr. linguales, sono i rami terminali del nervo glossofaringeo. Forano lo spessore della radice della lingua e sono divisi in rami più sottili e colleganti in essa. I rami terminali di questi nervi, che trasportano sia fibre gustative che fibre di sensibilità generale, terminano nella mucosa del terzo posteriore della lingua, occupando l'area dalla superficie anteriore della cartilagine dell'epiglottide alle papille scanalate della lingua, comprese.

Prima di raggiungere la mucosa, questi rami sono collegati lungo la linea mediana della lingua con gli stessi rami del lato opposto, nonché con i rami del nervo linguale (dal nervo trigemino).

Le fibre sensoriali del nervo glossofaringeo, che terminano nella mucosa del terzo posteriore della lingua, conducono stimoli gustativi attraverso i nodi periferici del nervo glossofaringeo al nucleo della via solitaria.

Qui vengono portati anche gli stimoli gustativi delle fibre del nervo intermedio (corda timpanica) e del nervo vago. Ulteriori irritazioni raggiungono il talamo e si ritiene che raggiungano l'area dell'amo.

Anatomia del nervo glossofaringeo umano - Informazioni:

Nervo glossofaringeo (IX) -

Sei preoccupato per qualcosa? Vuoi conoscere informazioni più dettagliate sul nervo glossofaringeo o hai bisogno di un esame? Puoi fissare un appuntamento con un medico: la clinica Euro lab è sempre al tuo servizio! I migliori medici ti visiteranno, ti consiglieranno, ti forniranno l'assistenza necessaria e ti diagnosticheranno. Puoi anche chiamare un medico a casa. La clinica Euro lab è aperta 24 ore su 24.

Come contattare la clinica:
Il numero di telefono della nostra clinica a Kiev: (+38 044) 206-20-00 (multicanale). La segretaria della clinica selezionerà un giorno e un'ora convenienti per la tua visita dal medico. La nostra posizione e le indicazioni stradali sono elencate qui. Guarda più in dettaglio tutti i servizi della clinica nella sua pagina personale.

(+38 044) 206-20-00

Se in precedenza hai eseguito ricerche, assicurati di portare i loro risultati per un consulto con un medico. Se la ricerca non è stata eseguita, faremo tutto il necessario nella nostra clinica o con i nostri colleghi in altre cliniche.

Devi stare molto attento alla tua salute in generale. Ci sono molte malattie che all'inizio non si manifestano nel nostro corpo, ma alla fine si scopre che, purtroppo, è troppo tardi per curarle. Per fare questo, devi solo essere esaminato da un medico più volte all'anno per non solo prevenire una terribile malattia, ma anche per mantenere una mente sana nel corpo e nel corpo nel suo insieme..

Se vuoi fare una domanda a un medico, usa la sezione della consultazione online, forse lì troverai le risposte alle tue domande e leggi i consigli per prenderti cura di te stesso. Se sei interessato alle recensioni di cliniche e medici, prova a trovare le informazioni di cui hai bisogno sul forum. Registrati anche sul portale medico Euro lab per essere costantemente aggiornato con le ultime novità e gli aggiornamenti delle informazioni sul nervo glossofaringeo presenti sul sito, che verranno automaticamente inviate alla tua mail.

Nervo glossofaringeo: sintomi, diagnosi e trattamento

La malattia a cui sarà dedicato questo materiale non è comune. Ma allo stesso tempo, i sintomi della lesione del nervo glossofaringeo appaiono molto luminosi, offrendo molti disagi al paziente. Come definire questa malattia, a causa di ciò che può sorgere, dice l'articolo. Inoltre introdurrà il lettore alle principali misure diagnostiche e terapeutiche in questo caso..

Che cos'è?

I sintomi delle lesioni del nervo glossofaringeo saranno discussi ulteriormente. Per prima cosa, definiamo che tipo di malattia è. Questo è il nome di una lesione unilaterale del nono nervo cranico. Il dolore alla radice della lingua, alla faringe, al palato molle, alle tonsille è caratteristico. Spesso cede all'orecchio.

Questa patologia è nota negli ambienti medici come sindrome di Sicard. Ciò è dovuto al fatto che la malattia fu descritta per la prima volta da Sicard nel 1920..

Informazione Generale

I sintomi delle lesioni del nervo glossofaringeo sono piuttosto spiacevoli nelle loro manifestazioni, peggiorano la qualità della vita del paziente. Questa è una violazione della percezione del gusto da parte del terzo posteriore della lingua, una diminuzione del riflesso palatino e faringeo, una violazione della salivazione.

La diagnosi di nevralgia del nervo glossofaringeo viene eseguita da specialisti ristretti: un neurologo, un dentista, un otorinolaringoiatra. Fondamentalmente, viene eseguita la TC o la risonanza magnetica del cervello. In alcuni casi, viene mostrato echo-EG.

Per quanto riguarda il trattamento, in questo caso è conservativo. Vengono prescritti farmaci anticonvulsivanti e antidolorifici. Inoltre - sedativi e ipnotici. Come terapia ausiliaria, possono essere utilizzati fisioterapia, complessi vitaminici, farmaci riparatori.

Dati di statistica medica

Se ci rivolgiamo alle statistiche mediche, scopriamo che la nevralgia glossofaringea (i sintomi e il trattamento della malattia verranno descritti in seguito) è una patologia piuttosto rara. Dopo tutto, si verifica in 16 su 10 milioni di persone.

Allo stesso tempo, la maggior parte dei pazienti sono persone di età superiore ai 40 anni. Per lo più questi sono uomini.

Forme della malattia

Fa male masticare? Questo sintomo può indicare sia problemi ai denti e alle gengive, sia danni al nervo glossofaringeo. Quanto a quest'ultimo caso, è ulteriormente suddiviso in due forme:

  1. Primario. O idiopatico.
  2. Secondario. Un altro nome è sintomatico. Può svilupparsi con lesioni, processi infettivi che si sviluppano nella fossa cranica posteriore. O quando questo nervo è compresso dai tumori.

Cause di patologia primaria

Se i sintomi di danno al nervo glossofaringeo sono simili in entrambe le forme della malattia, le loro cause saranno diverse.

Nella forma primaria della sindrome di Sicard, la nevralgia è di natura idiopatica. Pertanto, non è ancora possibile stabilirne la causa esatta. Tuttavia, si ritiene che questa forma di lesione del nervo glossofaringeo possa provocare quanto segue:

  1. Aterosclerosi.
  2. Infezioni che colpiscono gli organi ENT. Qualcosa: tonsillite, sinusite, otite media, faringite cronica.
  3. Intossicazione sia acuta che cronica del corpo.
  4. Malattie infettive virali. Un esempio lampante è l'influenza.

Cause di patologia secondaria

Per quanto riguarda la nevralgia secondaria, le ragioni possono essere stabilite con certezza. I più comuni sono i seguenti:

  1. Patologia infettiva che colpisce la fossa cranica posteriore. Aracnoidite, encefalite, ecc..
  2. Varie lesioni cerebrali traumatiche.
  3. Interruzione del processo metabolico. In particolare, ipertiroidismo, diabete mellito.
  4. Irritazione o compressione di un nervo in qualsiasi parte del suo passaggio. In particolare, questo è onnipresente nei tumori intracerebrali dell'angolo pontino-cerebellare. Cioè, con meningioma, glioma, emangioblastoma, medulloblastoma. La causa può essere ematomi intracerebrali, ipertrofia stiloidea, tumori rinofaringei, aneurismi dell'arteria carotide, aumento degli osteofiti del forame giugulare, ossificazione del legamento stiloioideo.
  5. Un certo numero di esperti ritiene che la nevralgia glossofaringea sia considerata il primo sintomo di condizioni pericolose come il cancro della faringe e il cancro della laringe..

Sintomi. Come riconoscere?

Determina i sintomi e il trattamento della nevralgia glossofaringea. Il sintomo più comune sono i parossismi dolorosi unilaterali, la cui durata può variare da pochi secondi a diversi minuti..

Cosa significa? Ad esempio, il paziente può sentire che il palato molle fa male. Se segue le sue sensazioni, noterà che il dolore inizia alla radice della lingua, dopodiché si irradia rapidamente nel palato molle, nelle tonsille, nella faringe e talvolta nell'orecchio. Il dolore può anche estendersi alla mascella inferiore, al collo o agli occhi.

L'infiammazione della radice della lingua non si verifica qui. I sintomi però sono abbastanza simili. La sindrome del dolore con nevralgia può provocare quanto segue:

  1. Masticare.
  2. Deglutizione.
  3. Sbadiglio.
  4. Tosse.
  5. Conversazione.
  6. Cibo troppo freddo o troppo caldo.

Sorprendentemente, durante un attacco, i pazienti notano secchezza delle fauci e, successivamente, aumento della salivazione. Con la stessa infiammazione della radice della lingua, ciò non accade. Va notato che la bocca secca non sarà un segno caratteristico di tale nevralgia, poiché l'insufficienza secretoria della ghiandola salivare parotide è spesso compensata con successo dall'attività delle ghiandole vicine..

Per quanto riguarda i disturbi della deglutizione, che possono essere causati dalla paresi del muscolo elevatore della faringe, non sono espressi. È spiegato dal fatto che il ruolo di questo muscolo nell'atto della deglutizione è insignificante. Tuttavia, il paziente può avere difficoltà a masticare e a deglutire ulteriormente il cibo. In questo caso, sono associati a una ridotta sensibilità. Compreso propriocettivo, che è responsabile della sensazione della posizione della lingua in bocca.

È importante notare che in alcuni casi le manifestazioni dei sintomi della nevralgia sono associate alle stagioni. Quindi, è più evidente in primavera e in autunno..

Quale specialista contattare?

La nevralgia del nervo glossofaringeo è determinata da uno specialista ristretto, un neurologo. Ma per escludere la possibilità di malattie della gola, del naso, dell'orecchio, del cavo orale, può essere richiesto anche un esame da parte di un dentista e di un otorinolaringoiatra..

Diagnostica neurologica

Durante l'esame, è importante che il medico determini l'analgesia (cioè l'assenza di sensibilità al dolore) in aree come la base della lingua, il palato molle, le tonsille e la parte superiore della faringe. Inoltre, viene effettuata l'identificazione della sensibilità al gusto. Per fare ciò, varie soluzioni aromatiche vengono applicate con una pipetta alle parti simmetriche della lingua del paziente..

In questo caso, è l'identificazione di un disturbo isolato unilaterale della percezione gustativa nel terzo posteriore della lingua che è di grande importanza. Dopotutto, una violazione bilaterale della sensibilità al gusto indica un'altra patologia: malattie della mucosa orale (ad esempio, nella forma cronica di stomatite).

Successivamente, lo specialista controlla il riflesso faringeo del paziente. Qui il medico tocca leggermente la parete posteriore della gola del paziente con un tubo di carta. In risposta a ciò, dovrebbero esserci movimenti di deglutizione e talvolta tosse, soffocamento..

Viene controllato anche il riflesso palatino. Toccare il palato molle con uno strumento in una persona sana fa alzare il palato e la sua ugola.

Se tutte le reazioni di cui sopra sono assenti in un particolare paziente, lo specialista ha motivo di sospettare esattamente la nevralgia glossofaringea. Ma l'assenza di tali riflessi può anche parlare di patologie del nervo vago..

Se, durante l'esame della faringe e della gola del paziente, sono state riscontrate eruzioni cutanee, ciò potrebbe indicare ganglionite dei nodi del nervo glossofaringeo. I sintomi di questa condizione sono molto simili alla nevralgia che stiamo descrivendo..

Diagnostica strumentale

Per fare la diagnosi corretta, oltre all'esame, il neurologo prescrive altre procedure diagnostiche per il paziente. Le più comuni oggi sono la risonanza magnetica e la tomografia computerizzata del cervello..

Se non è possibile condurli, può essere assegnato un echo-EG. Cos'è? Questo è abbreviato in echoencephalography. Questo è un metodo neurofisiologico diagnostico ecografico. Prima di tutto, è prezioso perché aiuta a valutare la presenza di processi patologici volumetrici che si verificano nella sostanza del cervello. Possono anche essere prescritti un EEG e un consulto con un oftalmologo. Come parte di quest'ultimo, l'oftalmoscopia è obbligatoria: esame del fondo.

Il complesso delle procedure diagnostiche consente allo specialista di assicurarsi che la diagnosi sia corretta. Ed escludere la possibilità che il paziente sviluppi le seguenti patologie:

  1. Nevralgia del nodo dell'orecchio.
  2. Nevralgia del trigemino.
  3. Glossalgia di diversa eziologia.
  4. Ascesso retrofaringeo.
  5. Ganglionite pterigopalatina.
  6. La sindrome di Oppenheim.
  7. Tumori della faringe e della laringe.

Indicazioni di terapia

Come abbiamo già accennato, il trattamento dell'infiammazione del nervo glossofaringeo è puramente conservativo. Le uniche eccezioni sono i casi in cui viene schiacciato. È necessario un intervento chirurgico per rimuovere l'elemento compressivo. Ad esempio, resezione di un processo stiloideo allargato.

Per eliminare la sindrome del dolore che tormenta il paziente, si rivolgono a lubrificare la radice della lingua e della gola con una soluzione di cocaina al 10%. Questo metodo aiuta a fermare il dolore per 6-7 ore. Se la sindrome del dolore è persistente e intensa, si rivolgono a una misura più seria: l'introduzione di una soluzione all'1-2% di novocaina. Inoltre, l'iniezione viene eseguita nella radice della lingua.

Per la somministrazione orale possono essere prescritti anche farmaci non narcotici. In particolare ibuprofene, fenilbutazone, metamizolo sodico, naprossene. In alcuni casi sono indicati anche gli anticonvulsivanti. Il medico può prescrivere farmaci con carbamazepina o fenitoina.

Nel caso in cui la sindrome del dolore con tale nevralgia sia pronunciata, tormenti il ​​paziente, verranno mostrati anche i seguenti farmaci:

  1. Ipnotici.
  2. Antidepressivo.
  3. Sedativi.
  4. Neurolettico.

In alcuni casi, le procedure di fisioterapia possono ottenere il recupero più veloce:

  1. CMT sulle aree della laringe e delle tonsille.
  2. Terapia diadinamica.
  3. Galvanizzazione.

Come terapia ausiliaria vengono prescritte vitamine B1, multivitaminici e farmaci riparatori.

La prognosi di guarigione in caso di nevralgia del nervo glossofaringeo è valutata dagli specialisti come favorevole. Nei casi in cui la sua causa viene identificata correttamente e successivamente viene rimossa o curata con successo. Ma va notato che il sollievo non arriva immediatamente qui. In alcuni casi sono necessari diversi anni di terapia.

Come trattare l'infiammazione del nervo glossofaringeo

L'attività motoria e sensoriale dei recettori nervosi è fornita da un intero sistema di fibre nervose controllate dagli impulsi del cervello. Tra le strutture vitali c'è il nervo glossofaringeo, la cui infiammazione e pizzicamento è riconosciuta come una rara patologia, accompagnata dalla luminosità dei sintomi dolorosi. Trattamento complesso della patologia neurologica: la terapia farmacologica è integrata dalla nomina di fisioterapia.

Anatomia e compiti

Dal punto di vista della struttura anatomica, il ramo nervoso ha una struttura complessa. La sorgente del nervo glossofaringeo (n. Glossopharyngeus), che è la IX coppia di nervi cranici, si trova nella zona di 4-5 radici del midollo allungato. Uscendo dalla parte anteriore del forame giugulare del cranio, il nervo si ispessisce, tende alla base del cranio, bypassando la superficie inferiore dell'osso temporale. Inoltre, il suo percorso corre tra le parti interne dell'arteria carotide e la vena giugulare, dove forma un arco verso l'alto, che si incunea nel sistema radicale della lingua.

Quando il nervo glossofaringeo si sposta alla radice della lingua, numerosi rami laterali si dipartono da esso:

  • un ramo del nervo timpanico, rinforzato dalle fibre sensoriali del plesso carotideo e del nervo facciale, forma il nodo timpanico (fonte del processo petroso);
  • i rami dei nervi faringei, costituiti da 3-4 strutture, diretti al bordo laterale della faringe, si connettono con il nervo vago, formano un nodo del plesso faringeo;
  • raggi sottili del ramo del seno (carotide) penetrano nel seno carotideo attraverso la sua parete, immergendosi nello spessore della ghiandola carotide (glomo assonnato);
  • il ramo stilofaringeo tende al muscolo omonimo, penetrando nella sua struttura;
  • Germogliando dal tronco principale vicino alle tonsille, il nervo glossofaringeo si incunea nella mucosa delle tonsille con rami corti;
  • il nervo termina con rami linguali che perforano la radice della lingua e divergono lungo di essa con sottili filamenti dotati di fibre gustative.

La vicinanza del nervo glossofaringeo con il suo analogo vago implementa i riflessi palatino-faringei, ma nella maggior parte dei casi si trasforma nella loro lesione combinata insieme ai processi nervosi accessori.

Focus funzionale

Il nervo glossofaringeo appartiene alle strutture miste. Come parte di una ramificazione nervosa complessa, esistono diversi tipi di fibre che forniscono determinate funzioni:

  1. Grazie alle fibre motorie, il meccanismo di sollevamento della faringe da parte del muscolo stilofaringeo è attivato da un segnale del sistema nervoso centrale. La combinazione di fibre motorie e sensoriali con il nervo vago forma un arco riflesso dei riflessi faringeo e palatino.
  2. Un ramo di fibre sensoriali che penetra nella mucosa delle tonsille si estende lungo la faringe, il palato molle, il timpano, il tubo uditivo e la lingua per fornire sensibilità in queste aree.
  3. Le fibre aromatizzanti sono simili alle delicate strutture delle fibre. I recettori modellano la percezione del gusto dei segmenti anteriore e posteriore della lingua.
  4. Il ramo delle fibre parasimpatiche ha origine nella parte inferiore del nucleo salivare autonomo. Il ramo nervoso svolge la funzione della ghiandola parotide per mantenere la salivazione regolare.

La patologia associata a una lesione isolata del nervo glossofaringeo è rara. La malattia è accompagnata da riflessi sensoriali, autonomici e motori alterati con la loro graduale estinzione dal lato colpito. In caso di danno bilaterale alla struttura nervosa, i nervi vago e ipoglosso sono coinvolti nel processo, che termina con la paralisi bulbare, che ha una prognosi sfavorevole.

Quadro clinico

Con lo sviluppo dell'infiammazione del nervo glossofaringeo, stiamo parlando della sindrome della nevralgia, accompagnata da vividi sintomi di dolore, altri segni caratteristici del danno ai recettori nervosi. Sulla base delle cause della patologia, ci sono due direzioni del suo sviluppo: la nevralgia primaria (tipo idiopatico) è dovuta all'influenza di una predisposizione genetica. La causa della forma secondaria (sintomatica) è associata alla complicazione di malattie croniche o allo sviluppo di cambiamenti anormali nella posizione del cervelletto o del ponte cerebrale.

Perché il nervo glossofaringeo soffre?

Le cause più comuni di nevralgia della ramificazione anatomica includono i seguenti fattori provocatori:

  • infezioni che causano danni al midollo allungato, situato nella fossa cranica posteriore;
  • malattie che colpiscono i vasi sanguigni, che porta a un insufficiente apporto di sangue ai tessuti;
  • trauma craniocerebrale, patologia del sistema endocrino, aterosclerosi;
  • la comparsa di tumori che comprimono una certa area del ramo nervoso, situazioni di emorragia nel tessuto cerebrale;
  • inalazione di vapori velenosi (benzina con piombo) durante il lavoro, che provoca intossicazione del corpo;
  • sviluppo di patologie infettive del rinofaringe (virali e batteriche), violazione dell'integrità delle tonsille;
  • neoplasie maligne che colpiscono la faringe o la laringe.

I segni di nevralgia glossofaringea possono essere il risultato di herpes o influenza: un'infezione virale influisce negativamente sul funzionamento del sistema nervoso. Nelle persone anziane, specialmente nelle donne durante la menopausa, l'insorgenza della malattia è associata alla calcificazione del processo stiloideo, un cambiamento nella sua struttura. La causa di un attacco doloroso di nevralgia può essere un aneurisma o un allargamento del letto dell'arteria carotide..

I segni di danno al nervo glossofaringeo sono simili all'infiammazione del nervo facciale, che si manifesta con spasmi parossistici della lingua, ma solo su un lato di esso. Il paziente avverte un dolore particolarmente acuto quando mangia cibi piccanti.

Come si manifesta l'infiammazione?

Il sintomo principale del problema è il dolore. Inizia nella parte della radice della lingua, cattura gradualmente le tonsille, si diffonde lungo il palato molle, spostandosi verso le strutture dell'orecchio. La medicina conosce i casi di irradiazione della sindrome del dolore nella zona degli occhi, nella mascella inferiore, nella colonna cervicale. Un'ondata di dolore che dura da 1 a 3 minuti può causare cibo che brucia la lingua, sbadiglia, parla.

Quali sono i sintomi caratteristici della sindrome glossofaringea:

  • debolezza e vertigini;
  • oscuramento degli occhi, perdita di coscienza;
  • una diminuzione degli indicatori della pressione sanguigna;
  • un brusco cambiamento nel gusto: qualsiasi tipo di cibo sembra amaro;
  • fallimento del processo di secrezione del liquido salivare.

Il problema della salivazione preoccupa la secchezza delle fauci durante un attacco doloroso, dopo la sua fine si sviluppa l'ipersalivazione (aumento della salivazione), che è ancora meno sul lato colpito del viso che sul lato della sua zona sana. La secrezione salivare secreta dalla ghiandola affetta da nevralgia glossofaringea è caratterizzata da un aumento della viscosità. In alcune circostanze, una condizione patologica può causare tinnito, ridotta percezione visiva, disturbi depressivi dovuti a una falsa paura di soffocare con pezzi di cibo.

Un paziente con nevralgia glossofaringea deve dormire sul lato sano. Sdraiarsi sul lato colpito è accompagnato da attacchi dolorosi durante la deglutizione della saliva.

Caratteristiche del decorso della malattia

Le manifestazioni di una malattia nervosa si sviluppano a causa dell'infiammazione dei rami del nervo glossofaringeo, che porta all'irritazione di uno di essi. C'è una soppressione del centro dell'attività vasomotoria situato nel cervello e la sua inibizione termina con un calo di pressione.

Il corso della patologia si svolge secondo lo scenario classico: periodi di esacerbazione si alternano a remissioni a lungo termine, la cui durata si estende per 12 mesi o anche di più. Tuttavia, nel tempo, gli attacchi diventano più frequenti, accompagnati da periodi di remissione più brevi su uno sfondo di maggiore intensità del dolore. Un aumento della soglia del dolore porta i pazienti a gemere e urlare con la bocca spalancata e la necessità di sfregamento attivo dei tessuti molli della faringe sotto la mascella inferiore.

Dal momento della cronicità della lesione del nervo glossofaringeo, la sindrome dolorosa perde la sua frequenza, trasformandosi in una sensazione costante, che si intensifica durante la conversazione, la deglutizione e la masticazione. Lo stadio cronico della malattia si manifesta con una diminuzione della sensibilità nelle zone: le tonsille, la parte posteriore della lingua, la regione palatino-faringea, la regione dell'orecchio. Le violazioni si manifestano con un cambiamento delle sensazioni gustative nella parte radicale della lingua e una diminuzione del volume della saliva. Il decorso della nevralgia sintomatica (sensibile) è caratterizzato da una progressione graduale di disturbi che rendono difficile masticare il cibo e deglutirlo.

Diagnostica

Una certa somiglianza della nevralgia glossofaringea con una patologia facciale simile richiede un'attenzione particolare nella diagnostica. L'anomalia facciale è caratterizzata da attacchi dolorosi a breve termine con disturbi della deglutizione a breve termine. Un punto distintivo è associato alla posizione dei punti trigger: in caso di infiammazione del processo del nervo facciale, il dolore è localizzato lungo il bordo delle labbra, con sindrome glossofaringea, il dolore si avverte lungo la radice della lingua.

Il criterio per la diagnosi di nevralgia è la presenza dei seguenti sintomi rilevati da un neurologo:

  • dolore parossistico nell'area del ramo nervoso;
  • riflesso della tosse, svenimento, salivazione;
  • dolore al punto dell'angolo mandibolare;
  • sviluppo di un attacco provocato dall'assunzione di cibi amari.

Il medico controlla il grado di reazione del gusto applicando soluzioni di vari piani di gusto alla lingua del paziente. Per testare il riflesso faringeo, toccare la parete posteriore della faringe con un tubo di carta per indurre una risposta alla deglutizione o un riflesso della tosse. Toccando il palato molle con lo strumento, si verifica la presenza di una risposta palatale: in assenza di problemi, il palato si solleva insieme alla sua ugola. Se non ci sono segni delle reazioni descritte, c'è motivo di sospettare la nevralgia glossofaringea. Sono necessarie ulteriori ricerche per differenziarlo dalla patologia del nervo vago..

Aiuta la diagnostica strumentale

I pazienti che inizialmente presentano una sospetta infiammazione del nervo glossofaringeo devono essere attentamente esaminati dopo aver esaminato i dettagli delle manifestazioni cliniche. Per chiarire la causa della condizione patologica, al paziente viene prescritto uno schema di esami aggiuntivi. Cosa è incluso nel programma di diagnostica strumentale:

  • I raggi X di entrambe le mascelle vengono utilizzati per rilevare segni di ipertrofia stiloidea, per chiarirne le dimensioni e le condizioni del legamento ioide;
  • con il metodo della tomografia (computer e risonanza magnetica), viene esaminato il cervello, che aiuta a identificare anomalie delle strutture ossee e infiammazioni nei tessuti molli;
  • in base ai risultati dell'elettroneuromiografia, viene registrato il danno al letto glossofaringeo, si notano violazioni che impediscono la normale conduzione dei segnali nervosi;
  • la diagnostica ecografica della testa e della zona cervicale consente di valutare le condizioni dell'arteria carotide (vasi), escludere aterosclerosi, segni di aneurisma, calcificazione e altre anomalie.

Prima di scegliere una tecnica terapeutica per la sindrome glossofaringea, è necessario assicurarsi che non ci siano altre malattie: infiammazione dei nervi della zona facciale (trigemino, vago, ecc.), Glossalgia (dolore della lingua), ascesso faringeo, tumori faringei.

Come sta andando il trattamento

Di solito, per alleviare i segni di nevralgia glossofaringea, è sufficiente una terapia conservativa, combinando farmaci e la nomina di procedure fisioterapiche. Il trattamento della patologia idiopatica ereditaria è finalizzato al ripristino della salute del paziente. Per prevenire attacchi di esacerbazione, è necessario regolare periodicamente il regime terapeutico selezionato.

Principi di assistenza medica

Quando si conferma la diagnosi di infiammazione del nervo glossofaringeo, è consuetudine prescrivere i seguenti tipi di farmaci:

Gruppi di farmaciBreve descrizione delle misure terapeutiche
Anestesia localeApplicare soluzioni di lidocaina, dikain per un'applicazione attenta lungo la zona della radice della lingua con movimenti massaggianti
Farmaci per anestesiaLe iniezioni di novocaina (soluzione all'1-2%) sotto la radice della lingua aiuteranno ad alleviare la sindrome del dolore doloroso se gli anestetici locali non portano sollievo
Analgesici non narcoticiIl gruppo comprende farmaci antinfiammatori non steroidei per uso orale o iniettabile. I farmaci più efficaci Diclofenac, Spazmalgon
AnticonvulsivantiLe compresse a base di carbamazepina (Finlepsin) iniziano a prendere con una dose minima (50 mg) con un aumento graduale del dosaggio fino a quando il dolore non scompare
Linea antidepressivaLa prescrizione di pillole è importante per aumentare la soglia di percezione del dolore, ridurre la paura prima dell'inizio di un attacco, eliminare i segni di depressione

Il regime terapeutico è integrato con la nomina di antipsicotici (iniezioni di aminazina), complessi vitaminico-minerali contenenti vitamine del gruppo B.Per ripristinare le difese dell'organismo, è collegata l'assunzione di farmaci immunomodulanti su base naturale (estratto di aloe, radice di ginseng).

Per eliminare la lancinante sindrome del dolore, la faringe e la radice della lingua vengono lubrificate con una soluzione di cocaina (10%). La procedura allevia il paziente dal dolore entro 6-7 ore. Con dolore costante ad alta intensità, è indicata un'iniezione di novocaina nella radice della lingua.

Procedure di fisioterapia

Oltre al corso principale di trattamento vengono utilizzati metodi fisioterapici per aiutare con lesioni del nervo glossofaringeo. Gli effetti positivi delle procedure includono una diminuzione delle sensazioni di dolore riducendo la frequenza del loro verificarsi a causa dell'aumento del flusso sanguigno nelle aree interessate. I metodi di fisioterapia aiutano anche a migliorare la nutrizione nelle aree non interessate da cambiamenti patologici..

Tra le procedure di fisioterapia, ai pazienti vengono prescritti i seguenti tipi di manipolazioni:

  1. Sessioni di correnti fluttuanti. L'impatto si estende all'area dei nodi simpatici superiori applicando elettrodi: il primo si trova 2 cm sopra l'arco angolare della mascella superiore.Il secondo elettrodo è disposto alla stessa distanza, ma dietro la struttura anatomica. La forza della corrente è selezionata in modo tale che il paziente avverta una vibrazione moderata. La durata dell'esposizione giornaliera alla corrente elettrica non deve superare gli 8 minuti, la durata del corso - 10 sessioni.
  2. Applicazione di correnti sinusoidali. L'area di influenza è la proiezione dei nodi cervicali (simpatici). Un elettrodo indifferente viene posizionato sulla regione occipitale, un conduttore di corrente biforcato viene applicato ai muscoli sternocleidomastoideo. Il tempo di esposizione è di circa 10 minuti, il corso è pensato per 10 sessioni giornaliere.
  3. Esposizione a ultrasuoni o fonoforesi. Le manipolazioni focalizzate sulla regione occipitale vengono eseguite con l'uso di antidolorifici. La durata dell'esposizione è di 10 minuti, le sessioni possono essere eseguite non tutti i giorni, ma ogni 2 giorni, il corso è progettato per 10 procedure.
  4. Prescrizione dell'elettroforesi medicinale. L'area delle vertebre cervicali e toraciche viene esposta per 15 minuti. Il corso di elettroforesi con Gangleron, che allevia gli spasmi della muscolatura liscia, è progettato per 10-15 procedure.
  5. Magnetoterapia hardware. Procedura utilizzando il dispositivo "Pole-1". Le vertebre cervicali insieme alle vertebre toraciche (sterno superiore) sono esposte all'induttore rettangolare. Le sessioni giornaliere per ripristinare la funzione del nervo glossofaringeo durano 15-20 minuti.
  6. Terapia ad onde decimali. Durante la seduta di trattamento viene utilizzato un emettitore rettangolare "Wave-2", che agisce sulla zona del collo per soli 10 minuti. La manipolazione viene eseguita in corsi fino a 15 sessioni.

Puntura laser

Tra i metodi progressivi per sbarazzarsi delle lesioni del nervo glossofaringeo, la tecnica della puntura laser viene utilizzata agendo sui punti di attività biologica corrispondenti alla IX coppia di terminazioni nervose craniche. La durata dell'esposizione non deve superare i 5 minuti di esposizione a un punto per 10-15 sessioni. L'effetto terapeutico può essere potenziato con tecniche di massaggio eseguite quotidianamente lungo la zona del colletto (fino a 12 procedure).

In caso di compressione del processo stiloideo ipertrofico, che irrita i tessuti circostanti, al paziente viene mostrato un tipo di trattamento operatorio per liberare il nervo glossofaringeo. Con la rimozione di una parte della struttura anormale viene eliminata la causa esterna che ha causato la compressione del nervo. La prognosi per qualsiasi tipo di trattamento è generalmente positiva. Non dimenticare le misure preventive: protezione contro l'ipotermia, rifiuto da cibi troppo caldi o piccanti, trattamento tempestivo delle malattie ORL, corsi di terapia vitaminica per aumentare le difese del corpo.

Fonti utilizzate:

  • Gusev E. I., Konovalov A. N., Burd G. S. Neurologia e neurochirurgia: libro di testo. - M.: Medicina, 2000
  • Duus P. Diagnosi topica in neurologia Anatomia. Fisiologia. Clinica - M. IPC "Vazar-Ferro", 1995
  • Adeyemo, TA; Adeyemo, WL; Adediran, A; Akinbami, AJ; Akanmu, AS (maggio - giugno 2011). Manifestazioni orofacciali di disturbi ematologici: anemia e disturbi emostatici. Giornale indiano di ricerca dentale.
  • Ministero della Salute della Federazione Russa

Nervo glossofaringeo e sintomi della sua sconfitta, trattamento

Manifestazioni cliniche

Questa patologia procede sotto forma di attacchi acuti di dolore, che ha origine alla radice della lingua o di una delle tonsille, e poi si diffonde al palato molle, alla faringe e alle strutture dell'orecchio. In alcuni casi, il dolore può essere dato alla zona degli occhi, all'angolo della mascella inferiore e persino al collo. Il dolore è sempre unilaterale.

Tali attacchi durano 1-3 minuti, provocano i loro movimenti della lingua (durante un pasto, una conversazione rumorosa), l'irritazione delle tonsille o della radice della lingua.

I pazienti sono spesso costretti a dormire esclusivamente sul lato sano, poiché nella posizione sdraiata sul lato affetto, la saliva scorre e il paziente è costretto a ingoiarla in sogno, e questo provoca attacchi notturni di nevralgia.

Oltre al dolore, una persona è preoccupata per la bocca secca e, alla fine dell'attacco, per il rilascio di una grande quantità di saliva (ipersalivazione), che, tuttavia, è meno dal lato della lesione che dal lato sano. Inoltre, la saliva secreta dalla ghiandola interessata è caratterizzata da una maggiore viscosità.

Alcuni pazienti possono manifestare i seguenti sintomi durante un attacco doloroso:

  • vertigini;
  • oscuramento negli occhi;
  • abbassamento della pressione sanguigna;
  • perdita di conoscenza.

Molto probabilmente, tali manifestazioni della malattia sono associate all'irritazione di uno dei rami del nervo glossofaringeo, che porta all'inibizione del centro vasomotore nel cervello e, di conseguenza, a un calo della pressione.

La nevralgia procede con periodi alternati di esacerbazioni e remissioni e la durata di quest'ultima in alcuni casi è fino a 12 mesi o più. Tuttavia, nel tempo, le convulsioni diventano più frequenti, le remissioni si accorciano e la sindrome del dolore diventa più intensa. In alcuni casi, il dolore è così forte che il paziente geme o urla, spalanca la bocca e si strofina attivamente il collo all'angolo della mascella inferiore (sotto i tessuti molli di quest'area c'è la faringe, che, in effetti, fa male).

I pazienti con esperienza spesso lamentano dolore non periodico, ma permanente, che diventa più forte quando mastica, deglutisce, parla. Possono anche avere una violazione (diminuzione) della sensibilità nelle aree innervate dal nervo glossofaringeo: nel terzo posteriore della lingua, tonsille, faringe, palato molle e orecchio, disturbi del gusto nell'area della radice della lingua, diminuzione della quantità di saliva. Nella nevralgia sintomatica, i disturbi sensoriali progrediscono nel tempo..

La conseguenza dei disturbi della sensibilità in alcuni casi diventa difficoltà nel masticare il cibo e nel deglutirlo.

Le ragioni per lo sviluppo della patologia

L'origine del nervo si trova nel midollo allungato. È composto da diverse fibre responsabili delle seguenti funzioni:

  • il motore;
  • vegetativo;
  • sensibile.

Queste ultime fibre iniziano nello stesso nucleo del nervo vago. Corrono attraverso la mucosa:

  • gola;
  • parte palatina della bocca;
  • tonsille;
  • linguaggio;
  • membrana timpanica.

Il nervo intermedio e queste fibre forniscono sensazioni gustative a 2/3 della lingua. Il restante 1/3 dell'organo è controllato dal glossofaringeo. Questa caratteristica spiega la perdita del gusto nella neurite..

Anatomia e funzione del nervo glossofaringeo

Le fibre parasimpatiche e le giunzioni del nervo trigemino sono intrecciate nella ghiandola parotide. Controllano il lavoro di quest'ultimo. Le fibre motorie attraversano il muscolo stilofaringeo, che è responsabile del sollevamento della laringe e della faringe.

Controlla anche i riflessi di base di queste aree. A causa del fatto che il nervo cranico è intrecciato con altre formazioni simili, nella patologia in esame, solo le sue fibre sono raramente colpite. Spesso il problema interessa varie parti della zona sottomandibolare.

La neurite è caratterizzata dall'infiammazione dei nervi, mentre la nevralgia è intesa come una sindrome del dolore che si manifesta nel luogo in cui scorrono le fibre. Se quest'ultimo si sviluppa separatamente dal primo, allora c'è un'altra condizione nota come neuropatia..

La nevralgia di questa giunzione nervosa è rara. La patologia viene rilevata in circa 16 pazienti su 10 milioni di persone. Fondamentalmente, la malattia colpisce persone di età superiore ai 40 anni e principalmente maschi. Esistono due tipi di nevralgia:

  • idiopatico;
  • secondario.

La causa della prima forma di patologia spesso non è possibile stabilire. I fattori che provocano l'infiammazione includono:

  • aterosclerosi;
  • infezione dei tessuti dell'orecchio, della gola o del naso (otite media, tonsillite, sinusite, ecc.);
  • intossicazione di natura acuta o cronica;
  • lesioni alle tonsille;
  • patologie virali.

La forma secondaria di nevralgia si sviluppa sotto l'influenza dei seguenti fattori:

  • patologie infettive che hanno colpito la fossa cranica posteriore (encefalite e altre);
  • trauma cranico;
  • disturbi metabolici (patologie endocrine);
  • compressione delle fibre nervose ovunque passino.

L'ultimo fattore si verifica quando:

  • glioma, meningioma e altri tumori che si sviluppano nell'angolo cerebellare pontino del cervello;
  • ematomi cerebrali;
  • aneurisma dell'arteria carotide;
  • la comparsa di osteofiti nel forame giugulare;
  • ossificazione del legamento stiloioideo;
  • tumori della laringe e della faringe.

Sintomi e diagnosi

I sintomi della nevralgia glossofaringea hanno sintomi simili all'infiammazione del nervo ternario. Il segnale principale sullo sviluppo di processi patologici è il dolore. Le sensazioni sono caratterizzate dal suo aspetto tagliente e dalla breve durata. Molto spesso, i sintomi compaiono con determinati movimenti della mascella e dei muscoli della laringe: durante la deglutizione, la masticazione, la conversazione o gli starnuti. I sintomi sono simili ai crampi.

Quasi sempre, si avverte dolore nell'area delle tonsille o alla base della lingua. I sintomi possono diffondersi al padiglione auricolare.

Il pericolo della malattia sta nel fatto che i sintomi possono verificarsi nella regione del cuore. Ciò è dovuto all'infiammazione del nervo vago, che porta a disturbi e pause nel lavoro del cuore. Tali sintomi si notano solo nel due percento dei pazienti. Un paziente che presenta questi sintomi può svenire in modo permanente..

La diagnostica viene eseguita sulla base dei sintomi della malattia e degli studi strumentali. Nella maggior parte dei casi, i dati clinici sono sufficienti per il medico. È obbligatorio un esame della laringe. Un esame per la presenza di neoplasie nell'area delle tonsille viene eseguito utilizzando una risonanza magnetica. Inoltre, il paziente dovrà superare test generali e sottoporsi a una serie di studi aggiuntivi per identificare le cause della malattia..

È necessario iniziare la lotta contro la nevralgia glossofaringea con il sollievo degli attacchi di dolore che causano tormento al paziente.

Per fare ciò, dopo aver superato la diagnosi, il medico prescrive al paziente un ciclo di iniezioni antidolorifiche e antinfiammatorie o procedure fisioterapiche.

Nei casi in cui le sensazioni dolorose diventano insopportabili, al paziente deve essere iniettata la soluzione di Dikain, che blocca l'attacco per sei ore. Il trattamento può essere completato con l'assunzione di analgesici. Tutti i farmaci possono essere assunti solo con il permesso di un medico; l'autotrattamento può portare a shock anafilattico e un generale deterioramento delle condizioni del corpo. A volte il trattamento delle convulsioni con tali farmaci non funziona. Quindi il medico curante consiglia l'uso di applicazioni di cocaina faringea.

In casi eccezionali, al paziente viene prescritto un intervento chirurgico. Una decisione simile può essere presa se il paziente non può mangiare e parlare normalmente o se c'è un rischio per la sua vita. Se le sensazioni dolorose si verificano solo nella laringe, l'operazione viene eseguita sulla parte esterna del cranio. Quando il dolore si diffonde, la chirurgia può essere eseguita dall'interno.

Trattamento con rimedi popolari

Insieme al trattamento farmacologico della nevralgia glossofaringea, puoi anche usare rimedi popolari. Non puoi evitare di visitare un medico e seguire i suoi consigli. Poiché i rimedi popolari hanno controindicazioni, vale la pena consultare il medico che si occupa del paziente prima di iniziare il trattamento.

Il trattamento con rimedi popolari consiste nell'utilizzare piante che hanno effetti antisettici, antinfiammatori, sedativi e analgesici..

Corteccia di salice. È necessario versare acqua bollente su 10 grammi di corteccia e far bollire per venti minuti. Dovrebbe essere preso quattro volte al giorno, 1 cucchiaio.

Rafano e ravanello nero. Il succo di verdura viene strofinato sulle aree interessate.

Foglie di ruta e radice di valeriana. La radice e le foglie tritate (1 cucchiaio ciascuna) vengono cotte a vapore con acqua bollente per mezz'ora. Bevono un bicchiere ogni giorno.

Miele ed eucalipto. Versare acqua bollente (0,5 l) sulle foglie di eucalipto essiccate (50 g) e far bollire per dieci minuti. Quindi aggiungere due cucchiai di miele. Prepara lozioni.

Rafano, miele e patate. Tutti i componenti devono essere miscelati (1 cucchiaio ciascuno). Grattugiare prima le patate. La miscela viene applicata all'area infiammata con uno strato di un centimetro. Dall'alto si consiglia di coprire il luogo con una sciarpa.

Durante il trattamento con la medicina tradizionale, il paziente può manifestare sintomi di un effetto collaterale. Se compaiono, è necessario consultare immediatamente un medico. Si consiglia inoltre di chiedere al proprio medico la possibilità di combinare tali metodi di trattamento con l'assunzione di farmaci..

Diagnostica

Prima di tutto, è richiesto un esame da un neurologo. Tuttavia, a causa del fatto che la malattia colpisce la cavità orale e gli organi ENT, sono necessarie le consultazioni di uno specialista ORL e di un dentista..

Un esame neurologico prevede:

  • identificazione della sensibilità al dolore dell'area interessata;
  • uno studio della sensibilità al gusto utilizzando un catalizzatore speciale (dovrebbe essere unilaterale, poiché il doppio è un segno di malattie dentali completamente diverse, molto spesso);
  • test del riflesso faringeo e palatino.

In questa fase, è importante distinguere tra nevralgia e ganglionite glossofaringea dei nodi nervosi, poiché hanno sintomi identici. L'unica caratteristica distintiva che indica l'infiammazione nodulare sono le eruzioni erpetiche nella faringe e nella gola.

Dopo un esame esterno, vengono prescritti metodi diagnostici neurovisuali. Prima di tutto, viene eseguita la risonanza magnetica o la tomografia computerizzata del cervello. Se ciò non è possibile, aiutano l'ecoencefaloscopia, l'elettroencefalografia e l'oftalmoscopia. Se il neurologo ha dei dubbi sulla diagnosi, può inviare al paziente una radiografia della mascella inferiore e superiore, elettroneuromiografia, ecografia della testa e del collo.

Risonanza magnetica per immagini del cervello.

Questi metodi diagnostici consentono di distinguere la nevralgia glossofaringea da altre malattie simili in termini di sintomi:

  • lesioni del nervo trigemino e dei nodi dell'orecchio;
  • Sindrome di Slader (ganglionite pterigopalatina);
  • Sindrome di Oppenheim (ganglionite del nodo ciliare);
  • glossalgia dovuta a trauma alla lingua o al cavo orale con oggetti estranei, otturazioni o protesi installate in modo improprio, frammenti di denti;
  • tumori della faringe (papillomi, fibromi, adenomi, lipomi, emangiomi, neuromi);
  • ascesso retrofaringeo (retrofaringeo).

Poiché la malattia è piuttosto rara ed è facile confonderla con altre patologie che causano attacchi di dolore in quest'area, la diagnosi dovrebbe essere eseguita da un medico esperto..

Anatomia e compiti

Dal punto di vista della struttura anatomica, il ramo nervoso ha una struttura complessa. La sorgente del nervo glossofaringeo (n. Glossopharyngeus), che è la IX coppia di nervi cranici, si trova nella zona di 4-5 radici del midollo allungato. Uscendo dalla parte anteriore del forame giugulare del cranio, il nervo si ispessisce, tende alla base del cranio, bypassando la superficie inferiore dell'osso temporale. Inoltre, il suo percorso corre tra le parti interne dell'arteria carotide e la vena giugulare, dove forma un arco verso l'alto, che si incunea nel sistema radicale della lingua.

Quando il nervo glossofaringeo si sposta alla radice della lingua, numerosi rami laterali si dipartono da esso:

  • un ramo del nervo timpanico, rinforzato dalle fibre sensoriali del plesso carotideo e del nervo facciale, forma il nodo timpanico (fonte del processo petroso);
  • i rami dei nervi faringei, costituiti da 3-4 strutture, diretti al bordo laterale della faringe, si connettono con il nervo vago, formano un nodo del plesso faringeo;
  • raggi sottili del ramo del seno (carotide) penetrano nel seno carotideo attraverso la sua parete, immergendosi nello spessore della ghiandola carotide (glomo assonnato);
  • il ramo stilofaringeo tende al muscolo omonimo, penetrando nella sua struttura;
  • Germogliando dal tronco principale vicino alle tonsille, il nervo glossofaringeo si incunea nella mucosa delle tonsille con rami corti;
  • il nervo termina con rami linguali che perforano la radice della lingua e divergono lungo di essa con sottili filamenti dotati di fibre gustative.

La vicinanza del nervo glossofaringeo con il suo analogo vago implementa i riflessi palatino-faringei, ma nella maggior parte dei casi si trasforma nella loro lesione combinata insieme ai processi nervosi accessori.

Focus funzionale

Il nervo glossofaringeo appartiene alle strutture miste. Come parte di una ramificazione nervosa complessa, esistono diversi tipi di fibre che forniscono determinate funzioni:

  1. Grazie alle fibre motorie, il meccanismo di sollevamento della faringe da parte del muscolo stilofaringeo è attivato da un segnale del sistema nervoso centrale. La combinazione di fibre motorie e sensoriali con il nervo vago forma un arco riflesso dei riflessi faringeo e palatino.
  2. Un ramo di fibre sensoriali che penetra nella mucosa delle tonsille si estende lungo la faringe, il palato molle, il timpano, il tubo uditivo e la lingua per fornire sensibilità in queste aree.
  3. Le fibre aromatizzanti sono simili alle delicate strutture delle fibre. I recettori modellano la percezione del gusto dei segmenti anteriore e posteriore della lingua.
  4. Il ramo delle fibre parasimpatiche ha origine nella parte inferiore del nucleo salivare autonomo. Il ramo nervoso svolge la funzione della ghiandola parotide per mantenere la salivazione regolare.

La patologia associata a una lesione isolata del nervo glossofaringeo è rara. La malattia è accompagnata da riflessi sensoriali, autonomici e motori alterati con la loro graduale estinzione dal lato colpito. In caso di danno bilaterale alla struttura nervosa, i nervi vago e ipoglosso sono coinvolti nel processo, che termina con la paralisi bulbare, che ha una prognosi sfavorevole.

Sintomi di sconfitta

La nevralgia ioide è caratterizzata da un decorso parossistico.

Il dolore è inizialmente localizzato alla radice della lingua o vicino alle tonsille. Quindi le sensazioni dolorose si diffondono al palato e all'orofaringe, irradiandosi verso il padiglione auricolare. Inoltre, non sono escluse sensazioni spiacevoli al collo, alla mascella inferiore e agli occhi..

Una diminuzione della temperatura ambiente può provocare un attacco. Ciò significa che la neuropatia spesso peggiora in primavera e in autunno, seguita dalla remissione..

La durata di un attacco di neuropatia ipoglossa è di 2-3 minuti. Nella maggior parte dei pazienti, i sintomi sono unilaterali. Cioè, il dolore si verifica a sinistra oa destra. Contemporaneamente a sensazioni dolorose, si verifica secchezza delle fauci, che viene sostituita dall'attivazione della secrezione delle ghiandole salivari.

Meno spesso, durante un attacco, vengono inibite le funzioni del palato superiore e del riflesso della deglutizione, a causa del quale si perde la capacità di deglutire il cibo. Sullo sfondo di una ricaduta, è possibile un aumento della percezione del gusto e il paziente avverte principalmente amarezza quando mangia.

Con un'esacerbazione della neurite, le funzioni dei muscoli innervati dal nervo interessato vengono interrotte. In questo caso, la lingua, quando sporge, devia nella direzione da cui è localizzato il processo patologico. La sconfitta delle fibre nervose provoca una violazione delle funzioni del linguaggio e l'insorgenza di mal di testa.

Quando si esamina la cavità orale, la radice della lingua viene sollevata sul lato in cui è localizzato il processo patologico. In quest'area, le contrazioni del tessuto muscolare o il bruciore sono disturbate..

L'intensità dei sintomi descritti è aumentata da tosse, alimentazione e altre irritazioni. Dal lato della localizzazione dell'infiammazione, si osserva arrossamento della pelle del viso e durante la tosse il paziente avverte la presenza di un oggetto estraneo in gola.

La diagnosi di nevralgia sublinguale è complicata dal fatto che il disturbo spesso causa fenomeni clinici sistemici. In particolare, dopo un'esacerbazione, la conduzione nervosa verso il cuore viene interrotta, che si manifesta sotto forma di aritmie e ipertensione. Possibile diminuzione del tono muscolare degli arti e vertigini con perdita di coscienza a breve termine.

Il resto dei sintomi, che indica una lesione del nervo ipoglosso, non si preoccupano durante questo periodo. Allo stesso tempo, la probabilità di un altro attacco non può essere esclusa quando sono coinvolti il ​​mangiare e altri fattori..

Misure preventive

La nevralgia, come la neurite, si sviluppa spesso per ragioni sconosciute. Pertanto, non è sempre possibile prevenire il disturbo dell'innervazione delle fibre di cui è responsabile il nervo glossofaringeo..

Per ridurre la probabilità che si verifichino tali violazioni, si consiglia di:

  • evitare l'ipotermia;
  • trattare tempestivamente patologie dell'udito e dell'apparato respiratorio;
  • osservare i principi di una corretta alimentazione e igiene orale;
  • curare le malattie dentali in tempo;
  • evitare il contatto con i portatori dell'infezione durante il periodo di manifestazione (esacerbazione) della loro malattia.

È importante dal punto di vista della prevenzione della nevralgia consultare un medico in modo tempestivo in caso di dolore frequente nella cavità orale. Questo sintomo può essere il segno principale di un cancro che cresce dai tessuti della laringe o della faringe..

È altamente sconsigliato l'auto-medicazione quando compaiono i sintomi della neurite glossofaringea. Per tali violazioni, vengono utilizzate sostanze stupefacenti che causano una dipendenza persistente..

Previsione e prevenzione

La prevenzione dello sviluppo della neurite dovrebbe includere:

  1. Vaccinazioni di routine e rafforzamento generale del sistema immunitario (per prevenire la contrazione di infezioni).
  2. Trattamento competente e tempestivo delle malattie infettive e virali.
  3. Visite preventive regolari.
  4. Evitare lesioni.

La neurite glossofaringea è una patologia rara. Tuttavia, come altre malattie simili, provoca un notevole disagio nel paziente, fino alla soppressione della perdita della sensibilità al gusto e del riflesso della deglutizione.

Per alleviare efficacemente i sintomi, è necessario identificare ed eliminare la causa della malattia. Con un inizio precoce del trattamento e l'eliminazione della causa principale della malattia, la prognosi è favorevole.

Tipi di nevralgia, sintomi principali

La principale caratteristica distintiva della nevralgia da neurite, che è simile in alcune manifestazioni, è considerata l'assenza di processi infiammatori nella nevralgia.

Con la malattia, il tessuto nervoso è interessato ei tessuti adiacenti non sono interessati.

Il sintomo principale della nevralgia di qualsiasi fibra nervosa è un forte dolore, che può avere una natura e una durata diverse della sua manifestazione: il dolore può essere sentito da una persona sia per pochi minuti che per lungo tempo - da giorni a mesi. Allo stesso tempo, con sintomi di dolore prolungati, il dolore esaurisce completamente il paziente.

Durante il dolore intenso, può verificarsi un certo gonfiore della pelle, la pelle può diventare leggermente infiammata e appare un rossore. Il dolore di solito non si diffonde oltre il nervo colpito.

Tipi di neurite

La classificazione della neurite è la seguente:

Genere:

  • Mononeurite: lo sviluppo del processo infiammatorio si verifica in un nervo;
  • Polineurite: lo sviluppo dell'infiammazione si verifica contemporaneamente in diversi nervi.

Per localizzazione

Neurite ottica: il processo infiammatorio si sviluppa nel nervo ottico; suddiviso in:

  • Neurite orbitale (retrobulbare) - l'infiammazione si sviluppa nel nervo ottico, situato all'esterno del bulbo oculare - dall'uscita dalla sclera al chiasma.
  • Neurite retrobulbare assiale: l'infiammazione si sviluppa nel fascio maculopapillare del nervo ottico, che è spesso accompagnata da atrofia del nervo ottico e perdita della vista.
  • Neurite retrobulbare interstiziale: l'infiammazione si sviluppa dalle guaine del nervo ottico al tronco del nervo, in profondità.
  • Neurite retrobulbare periferica: l'infiammazione inizia con le guaine del nervo ottico, quindi si diffonde lungo i setti fino al suo tessuto; procede di tipo interstiziale, con formazione di versamento essudativo, accumulandosi nello spazio subdurale e subaracnoideo;
  • Neurite trasversale: il processo infiammatorio si diffonde all'intero nervo ottico, sviluppandosi inizialmente nel fascio assiale o alla periferia, quindi cattura il resto dei tessuti;
  • La falsa neurite del nervo ottico è un'anomalia nello sviluppo del nervo ottico, che nel quadro clinico ricorda un processo infiammatorio, mentre sono assenti atrofia ottica e disfunzione visiva.

Neurite assiale: l'infiammazione si sviluppa nei cilindri assiali della fibra nervosa (assone).

Neurite interstiziale: l'infiammazione si sviluppa nel tessuto connettivo del nervo, che è più spesso causata da processi autoimmuni.

Neurite parenchimale: l'infiammazione si sviluppa inizialmente nelle fibre nervose (assoni e guaina mielinica), dopodiché si diffonde alle parti del tessuto connettivo del nervo.

Neurite vegetativa: l'infiammazione si sviluppa nelle fibre periferiche del sistema nervoso autonomo, accompagnata da disturbi trofici.

Neurite ascendente - si sviluppa principalmente quando viene ferita la parte periferica delle braccia e delle gambe, dopodiché il processo patologico si sposta dalla periferia al centro del sistema nervoso.

Neurite cocleare: l'infiammazione si sviluppa nella porzione cocleare del nervo uditivo, i cui sintomi sono l'acufene e la ridotta percezione del suono.

Per manifestazioni cliniche:

Neurite di Gombo - caratterizzata dalla disintegrazione della guaina mielinica delle fibre nervose, mentre il cilindro assiale rimane intatto.

Neurite ipertrofica di Dejerine-Sott - caratterizzata da ipertrofia della guaina delle fibre nervose, che porta, all'inizio, alla compressione della parte conduttiva del nervo, dopodiché il nervo inizia a degenerare gradualmente e perde la sua funzionalità.

La neurite di Rossolimo è una forma di neurite ipertrofica di Dejerine-Sott, caratterizzata da un decorso ricorrente e che si manifesta principalmente nell'infanzia.

Per eziologia (causa del verificarsi):

Neurite traumatica: lo sviluppo della malattia è causato da una lesione ai nervi.

Neurite professionale: lo sviluppo della malattia è causato dalle attività professionali di una persona: avvelenamento (vapori chimici, metalli pesanti e altre sostanze), esposizione alle vibrazioni.

Neurite infettiva: lo sviluppo della malattia è causato da infezione del corpo, malattie infettive.

Neurite alcolica - lo sviluppo della malattia è causato dall'uso di alcol, a causa dell'effetto sul corpo di cui è l'escrezione delle vitamine B dal corpo, che sono responsabili del funzionamento del sistema nervoso, nonché delle cellule cerebrali morte (il processo di morte cellulare si verifica durante l'intossicazione da alcol).