Proprietà degli stati mentali

Il comportamento e le attività di una persona in qualsiasi periodo di tempo dipendono da quali caratteristiche dei processi mentali e delle proprietà mentali dell'individuo si manifestano durante questo periodo.

In questo caso, i processi mentali, gli stati mentali, le proprietà mentali di una persona sono interconnessi e si influenzano a vicenda (Fig.8).

Figura: 8. La relazione dei principali tipi di manifestazione della psiche, secondo M. Gamezo, I. Domashenko

Gli stati mentali influenzano il corso dei processi mentali; e, ripetendolo spesso, aver acquisito stabilità, può diventare un tratto della personalità.

I tipi di stati mentali si distinguono in base ai seguenti parametri:

· Influenza sulla personalità (positiva e negativa, stenica e astenica);

· Forme prevalenti della psiche (emotiva, volitiva, intellettuale);

· Profondità (profonde, superficiali);

· Tempo di flusso (a breve termine, a lungo termine, ecc.);

Lo sviluppo scientifico del concetto di stato mentale nella psicologia russa è iniziato con un articolo di N.D. Levitov, scritto nel 1955. Possiede anche il primo lavoro scientifico su questo tema: la monografia "Sugli stati mentali dell'uomo", pubblicata nel 1964. Secondo la definizione di N.D. Levitova, lo stato mentale è una caratteristica integrale dell'attività mentale per un certo periodo di tempo, mostrando l'originalità del corso dei processi mentali a seconda degli oggetti e dei fenomeni riflessi della realtà, dello stato precedente e delle proprietà mentali dell'individuo.

Gli stati mentali, come altri fenomeni della vita mentale, hanno la loro causa, che molto spesso è l'effetto dell'ambiente esterno. Ogni stato è un prodotto dell'inclusione del soggetto in qualche tipo di attività, durante la quale si forma e si trasforma attivamente, influenzando il successo di questa attività. Gli stati mentali in continua evoluzione accompagnano il corso di tutti i processi mentali e i tipi di attività umana.

Se consideriamo fenomeni mentali nel piano di tali caratteristiche come "situazionale - a lungo termine" e "variabilità - costanza", possiamo dire che gli stati mentali occupano una posizione intermedia tra i processi mentali e le proprietà mentali dell'individuo. Esiste una stretta relazione tra questi tre tipi di fenomeni mentali ed è possibile una transizione reciproca. È stato stabilito che i processi mentali (come attenzione, emozioni, ecc.) In determinate condizioni possono essere considerati come stati e stati spesso ripetuti (ad esempio, ansia, curiosità, ecc.) Contribuiscono allo sviluppo dei corrispondenti tratti di personalità stabili..

Sulla base della ricerca moderna, si può sostenere che le proprietà non innate di una persona sono una forma statica di manifestazione di determinati stati mentali o dei loro aggregati. Le proprietà mentali sono una base a lungo termine che determina l'attività dell'individuo. Tuttavia, il successo e le caratteristiche dell'attività sono anche fortemente influenzati da stati mentali temporanei e situazionali di una persona..

È possibile dare una tale definizione di stati: uno stato mentale è un fenomeno mentale complesso e diversificato, relativamente stabile, ma mutevole che aumenta o diminuisce l'attività e il successo della vita di un individuo nella situazione attuale. Sulla base delle definizioni di cui sopra, è possibile distinguere le proprietà degli stati mentali.

Integrità. Questa proprietà si manifesta nel fatto che gli stati esprimono la relazione di tutti i componenti della psiche e caratterizzano tutta l'attività mentale nel suo insieme durante un dato periodo di tempo.

Mobilità. Gli stati mentali sono mutevoli nel tempo, hanno le dinamiche di sviluppo, manifestate nel cambiamento delle fasi del corso: inizio, sviluppo, completamento.

Stabilità relativa. La dinamica degli stati mentali si esprime in misura molto minore rispetto alle dinamiche dei processi mentali (cognitivi, volitivi, emotivi).

Polarità. Ogni stato ha i suoi antipodi. Ad esempio, interesse - indifferenza, allegria - letargia, frustrazione - tolleranza, ecc..

Le proprietà degli stati mentali includono

Uno stato mentale è una peculiarità temporanea dell'attività mentale, determinata dal suo contenuto e dall'atteggiamento di una persona nei confronti di questo contenuto. Gli stati mentali sono un'integrazione relativamente stabile di tutte le manifestazioni mentali di una persona con una certa interazione con la realtà. Gli stati mentali si manifestano nell'organizzazione generale della psiche. Lo stato mentale è il livello funzionale generale dell'attività mentale, a seconda delle condizioni dell'attività di una persona e delle sue caratteristiche di personalità.
Gli stati mentali possono essere a breve termine, situazionali e stabili, personali.
Tutti gli stati mentali sono classificati in quattro tipi:

1. Motivazionale (desideri, aspirazioni, interessi, pulsioni, passioni).

2. Emotivo (tono emotivo delle sensazioni, risposta emotiva ai fenomeni della realtà, umore, stati emotivi conflittuali - stress, affetto, frustrazione).

3. Stati volitivi - iniziativa, intenzionalità, determinazione, persistenza (la loro classificazione è associata alla struttura di un'azione volitiva complessa)

4. Stati di diversi livelli di organizzazione della coscienza (si manifestano in diversi livelli di consapevolezza).

Lo stato mentale di una persona si manifesta in 2 varianti:

1) nella variante di uno stato individuale (individualizzato)

2) stato di massa (effetto di gruppo)

Gli stati mentali includono:

-manifestazioni di sentimenti (stati d'animo, affetti, euforia, ansia, frustrazione, ecc.),

-attenzione (concentrazione, distrazione),

-volontà (determinazione, confusione, compostezza),

-immaginazione (sogni), ecc..

L'argomento di studio speciale in psicologia sono gli stati mentali delle persone sotto stress in circostanze estreme (in una situazione di combattimento, durante gli esami, se necessario, processo decisionale urgente), in situazioni critiche (stati mentali pre-inizio degli atleti, ecc.). Inoltre, vengono studiate forme patologiche di stati mentali - stati ossessivi, in psicologia sociale - stati psicologici massicci.

Caratteristiche psicopatico. stati:

integrità (copertura dell'intera psiche)

sufficientemente stabile e può accompagnare attività per diverse ore, o anche di più (ad esempio, uno stato di depressione).

Le condizioni mentali negative sono:

l'affetto come stato mentale è una caratteristica generalizzata degli aspetti emotivi, cognitivi e comportamentali della psiche del soggetto in un certo periodo di tempo relativamente limitato; come processo mentale, è caratterizzato da fasi nello sviluppo delle emozioni; può anche essere considerato come una manifestazione delle proprietà mentali dell'individuo (irascibilità, incontinenza, rabbia).

Classificazione e proprietà degli stati mentali

La classificazione degli stati mentali viene effettuata per molti motivi. In particolare, questi possono essere:

  • la componente personale principale (emotiva, intellettuale, volitiva);
  • il grado del loro sviluppo (superficiale, profondo);
  • durata della manifestazione (a breve termine, a lungo termine);
  • il grado di consapevolezza (scarsamente cosciente, cosciente);
  • il grado di coinvolgimento di una persona nella situazione (attivazione, soppressione);
  • fonte (personale, situazionale);
  • direzione dell'influenza su una persona (stenica, astenica);
  • influenza sull'attività professionale (disponibilità psicologica all'attività, interesse professionale, tensione mentale);
  • salute mentale (norma, stati borderline, patologia);
  • il livello di attività mentale di varie strutture umane (affaticamento, sonno, veglia, rilassamento, prestazioni ottimali, allenamento).

Ciascuno degli stati mentali elencati può avere il proprio schema di classificazione o varietà. Ad esempio, molti stati mentali emotivi includono: stati d'animo, affetti, frustrazione, stress, ecc..

Le principali proprietà degli stati mentali li includono:

  • integrità (inclusione in qualsiasi stato di tutte le strutture della psiche umana);
  • mobilità (condizionata dalla dinamica del corso dei processi mentali);
  • intervallo di tempo limitato;
  • stabilità relativa;
  • misurabilità, controllabilità e controllabilità;
  • polarizzazione (la presenza di uno stato "antipodale": "depresso - sublime", "triste - gioioso").

A causa del fatto che il più delle volte gli stati mentali sono classificati in base al livello di attività delle strutture mentali e della salute mentale, è consigliabile considerarli in modo più dettagliato.

Proprietà degli stati mentali

Una persona è in grado di svolgere qualsiasi attività in vari modi. E uno di questi è noto per essere stati mentali.

Uno stato mentale è una modalità di vita umana, che si distingue per speciali caratteristiche energetiche a livello fisiologico e un complesso di filtri psicologici a livello psicologico. Questi filtri, infatti, forniscono una percezione soggettiva della realtà circostante da parte di una persona..

Insieme ai tratti della personalità e ai processi mentali, gli stati mentali sono le principali classi di fenomeni mentali studiati dalla psicologia. Gli stati mentali influenzano il modo in cui procedono i processi mentali e, ripetendosi regolarmente e diventando più stabili, sono in grado di entrare a far parte della struttura della personalità, giocando il ruolo delle sue proprietà specifiche..

E se questo argomento ti sembra interessante, e vuoi svilupparlo ancora di più, ti consigliamo il nostro corso "Mental Self-Regulation", dove imparerai tecniche pratiche reali per l'auto-motivazione, la gestione dello stress e l'adattamento sociale al fine di controllare sempre il tuo stato emotivo e mentale.
Ulteriori informazioni sul corso

Quali sono i tipi di stati mentali?

Tutti i tipi di stati mentali sono strettamente interconnessi. E questa relazione è così forte che è molto, molto difficile separare e isolare gli stati mentali individuali. Ad esempio, lo stato di rilassamento è associato a stati di piacere, sonno, stanchezza, ecc..

Tuttavia, esistono alcuni sistemi per classificare gli stati mentali. Molto spesso si distinguono stati di intelligenza, stati di coscienza e stati di personalità. Naturalmente, ci sono altre classificazioni: considerano ipnotico, crisi e altri tipi di stati. Allo stesso tempo, vengono utilizzati molti criteri per classificare gli stati.

Criteri per la categorizzazione degli stati mentali

Nella maggior parte dei casi, si distingue il seguente gruppo di criteri per la categorizzazione degli stati mentali:

  1. Fonte di formazione:
  • Condizioni dovute alla situazione (reazione alla punizione, ecc.)
  • Stati condizionati personalmente (forte emozione, ecc.)
  1. Gravità esterna:
  • Stati lievi e superficiali (lieve tristezza, ecc.)
  • Stati forti e profondi (amore appassionato, ecc.)
  1. Colorazione emotiva:
  • Stati negativi (sconforto, ecc.)
  • Stati positivi (ispirazione, ecc.)
  • Stati neutri (indifferenza, ecc.)
  1. Durata:
  • Condizioni a lungo termine che possono durare per anni (depressione, ecc.)
  • Brevi affermazioni che durano pochi secondi (rabbia, ecc.)
  • Condizioni di media durata (paura, ecc.)
  1. Consapevolezza:
  • Stati di coscienza (mobilitazione delle forze, ecc.)
  • Stati inconsci (sonno, ecc.)
  1. Livello di manifestazione:
  • Stati psicologici (entusiasmo, ecc.)
  • Condizioni fisiologiche (fame, ecc.)
  • Condizioni psicofisiologiche

Guidati da questi criteri, puoi presentare una descrizione completa di quasi tutti gli stati mentali..

È anche importante ricordare che contemporaneamente agli stati mentali ci sono i cosiddetti stati di "massa" - stati mentali caratteristici di comunità specifiche: società, popoli, gruppi di persone. Fondamentalmente, queste condizioni sono il sentimento pubblico e l'opinione pubblica..

Ora vale la pena parlare degli stati mentali di base di una persona e delle sue proprietà..

Condizioni mentali di base. Proprietà degli stati mentali

Le condizioni mentali più comuni e tipiche insite nella maggior parte delle persone nella loro vita quotidiana e professionale sono le seguenti condizioni:

Condizioni operative ottimali - Fornisce le massime prestazioni per le attività che si svolgono a un ritmo e intensità medi.

Proprietà dello stato: aumento della concentrazione, attività del pensiero, affinamento della memoria e presenza di un obiettivo.

Lo stato di intensa attività lavorativa - si verifica quando si lavora in condizioni estreme.

Proprietà dello stato: stress mentale, dovuto alla presenza di un obiettivo di maggiore importanza o maggiori requisiti, forte motivazione per ottenere il risultato desiderato, aumento dell'attività dell'intero sistema nervoso.

Lo stato di interesse professionale - gioca un ruolo fondamentale nella produttività del lavoro.

Proprietà dello stato: l'importanza percepita dell'attività professionale, il desiderio e il desiderio di apprendere quante più informazioni possibili sul lavoro svolto, la concentrazione dell'attenzione sugli oggetti associati all'attività. In un certo numero di casi, c'è un'attivazione del potenziale creativo, un aggravamento della percezione, una maggiore capacità di ripetere ciò che è già stato riconosciuto, un maggiore potere di immaginazione.

La monotonia è una condizione che si sviluppa con carichi a lungo termine e regolarmente ripetuti di intensità media o bassa, nonché con informazioni monotone ripetitive.

Proprietà dello stato: indifferenza, scarsa concentrazione di attenzione, noia, percezione alterata delle informazioni ricevute.

La fatica è uno stato di diminuzione temporanea delle prestazioni che si verifica durante carichi prolungati e elevati. È associato all'esaurimento del corpo.

Proprietà dello stato: diminuzione della motivazione al lavoro, disfunzione della memoria e dell'attenzione, aumento dei processi di inibizione del sistema nervoso centrale.

Lo stress è uno stato di stress prolungato e aumentato, che è associato all'incapacità di una persona di adattarsi alle esigenze dell'ambiente. Qui i fattori ambientali giocano un ruolo importante, superando la capacità di adattamento del corpo umano.

Proprietà dello stato: stress mentale, ansia, infelicità, spesso - apatia e indifferenza. Inoltre, c'è un esaurimento delle riserve di adrenalina, di cui il corpo ha bisogno..

Uno stato di rilassamento è uno stato di recupero, rilassamento e tranquillità che si verifica durante l'allenamento autogeno o, ad esempio, le preghiere o la lettura di mantra, ecc. La ragione principale di questa condizione è la cessazione di qualsiasi attività faticosa da parte di una persona..

Proprietà dello stato: una sensazione di calore che si diffonde in tutto il corpo, una sensazione di calma e rilassamento a livello fisiologico.

Lo stato di sonno è uno stato mentale speciale caratterizzato dalla disconnessione della coscienza di una persona dalla realtà esterna. È interessante notare che lo stato di sonno ha due fasi distinte, che si alternano costantemente: sonno lento e sonno REM. Entrambi possono spesso essere visti come stati mentali indipendenti. E il processo del sonno stesso è associato alla necessità di sistematizzare i flussi di informazioni che sono stati ricevuti nel processo di veglia, nonché alla necessità per il corpo di ripristinare le sue risorse.

Proprietà dello stato: spegnimento della coscienza, immobilità, attività temporanea di varie parti del sistema nervoso.

Lo stato di veglia è uno stato opposto allo stato di sonno. In una forma calma, può manifestarsi in attività come, ad esempio, guardare un film, leggere un libro, ascoltare musica. In una forma più attiva, si manifesta con esercizio fisico, lavoro, passeggiate, ecc..

Proprietà dello stato: attività media del sistema nervoso, assenza di emozioni pronunciate (in uno stato calmo) o, al contrario, emozioni violente (in uno stato attivo).

Ripetiamo che gli stati mentali di cui sopra sono tipici della maggior parte delle persone. Qualsiasi relazione tra questi stati, così come le dinamiche del processo del loro sviluppo, sono di grande importanza, sia nella vita ordinaria di una persona che nella sua attività professionale..

Sulla base di ciò, gli stati mentali possono essere tranquillamente definiti una delle materie di studio in varie aree della scienza psicologica, come la psicologia generale, la psicologia dello sviluppo, la psicologia della personalità, la psicologia della motivazione o la psicologia del lavoro..

Nel corso del tempo, le persone hanno cercato di comprendere l'essenza degli stati mentali e questi tentativi non si fermano nemmeno nel nostro tempo. La ragione di ciò è, forse, il fatto che una persona e i suoi tratti di personalità sono un grande mistero sia per le persone comuni che per le menti erudite. E non si può non dire che oggi sono stati compiuti enormi progressi nello studio della personalità umana, che prosegue coraggiosamente il suo cammino in avanti. Ma è probabile che questo enigma non sarà mai completamente risolto, perché la natura in tutte le sue forme è veramente incomprensibile..

Processi mentali, proprietà e condizioni di una persona

I processi mentali, le proprietà e gli stati di una persona possono essere separati dal sistema integrale della psiche umana. In effetti, tutti questi fenomeni mentali non possono esistere e funzionare separatamente l'uno dall'altro. Separarli in gruppi indipendenti è dovuto a necessità metodologiche, in modo che possano essere studiati più in dettaglio, per capire cosa sono.

Processo mentale

I processi mentali sono fenomeni mentali raggruppati secondo funzioni specifiche. Il processo mentale è un concetto dinamico. I processi mentali possono essere:

  • cognitivo (cognitivo)
  • volitiva (motivazionale)
  • emotivo

I processi cognitivi realizzano la loro funzione sotto forma di acquisizione, archiviazione ed elaborazione di informazioni sulla realtà circostante. I processi cognitivi si dividono in due fasi. Il primo stadio è rappresentato dalla cognizione sensoriale, che si realizza tramite sensazioni e percezione. Riflettono la realtà di ciò che accade quando gli stimoli influenzano i sensi. I sentimenti riflettono le proprietà individuali della realtà circostante, la percezione forma l'immagine del mondo nel suo insieme. Quelle immagini che si riflettono come risultato del processo di percezione sono chiamate primarie. Dopo l'elaborazione delle immagini primarie, compaiono immagini secondarie che rappresentano il secondo stadio dei processi cognitivi. Le immagini secondarie forniscono una conoscenza razionale del mondo ricorrendo a processi come la memoria, l'immaginazione e il pensiero.

Lavori finiti su un argomento simile

  • Corsi di studio Processi mentali, proprietà e condizioni di una persona 410 rubli.
  • Processi mentali astratti, proprietà e condizioni di una persona 260 rubli.
  • Esame Processi mentali, proprietà e condizioni di una persona 210 rubli.

I processi volontari controllano le attività umane, questi processi possono indurre un individuo ad agire, controllare la sua attività e dirigerla in una certa direzione. La principale componente normativa in questo processo è rappresentata dal bisogno umano. L'individuo cerca di trovare un modo per soddisfare il suo bisogno, in base al motivo, l'obiettivo è formulato e il conseguente processo decisionale.

La funzione principale del processo emotivo è la valutazione: c'è una valutazione della realtà circostante, di te stesso e delle tue azioni. Questa funzione si manifesta sotto forma di esperienze ed è associata a processi volitivi.

Proprietà mentali

Nel processo dell'attività di una persona, si sviluppano le sue proprietà mentali. Durante il lavoro, la formazione, i giochi, la formazione e l'attuazione di tutti gli aspetti della psiche dell'individuo hanno luogo.

Le proprietà mentali si formano durante la vita di una persona. Le proprietà mentali significano le caratteristiche di una persona in particolare.

Proprietà psicologiche e stati di personalità

Idee generali sulla psiche

La psiche è una struttura multiforme che determina la personalità di una persona e ci sono diversi collegamenti in essa:

  • Processo mentale. Questi sono indicatori dinamici, che sono criteri per comprendere il mondo, aiutano a prendere e analizzare le informazioni da tutto ciò che circonda una persona, modellano le sue emozioni in un episodio specifico della vita, il suo comportamento, obiettivi e motivazioni e regolano anche la comunicazione, a seconda della situazione, cambiando i posa, volume e tono di voce, espressioni facciali. Nel processo di sviluppo della personalità, variano costantemente..
  • Proprietà mentali. Le proprietà includono:
  1. temperamento che è posto alla nascita;
  2. carattere, che, nello studio della personalità, si è rivelato anche in gran parte dipendente dal fattore ereditario e solo il 10% da quello esterno;
  3. abilità che sono entrambe inerenti alla natura e si formano durante lo sviluppo della personalità.

Le proprietà sono un concetto statico, ma sono soggette a variazioni relative se esposte a una sostanza irritante prolungata..

  • Stati mentali. Determina quali processi e proprietà umane si manifesteranno in una data situazione e quali prevarranno sugli altri.

È interessante

Condizioni psicologiche come criteri principali per la ricerca sulla personalità

La personalità di una persona in una situazione particolare viene visualizzata con l'aiuto di uno stato psicologico, che forma la sua risposta a uno stimolo. Cioè, alcune emozioni prevalgono su altre, i gesti cambiano, il comportamento cambia, a volte anche la motivazione e altri processi. Lo stato è un indicatore relativamente statico, tuttavia, con stimoli identici a lunga durata d'azione, lo stato variabile nel tempo si trasforma in una proprietà praticamente non variabile.

Nel processo di ricerca sulla personalità, sono state identificate le seguenti componenti dello stato mentale:

  • Fisiologia (indicatori del piano fisico, ad esempio polso);
  • Funzioni motorie (espressioni facciali, linguaggio, ecc.);
  • Emozioni (a seconda della situazione, sia positive che negative);
  • Processi cognitivi (la capacità di pensare adeguatamente, riflettere sulle loro ulteriori azioni, analizzare la situazione);
  • Comportamento (qualsiasi azione dovuta a una situazione specifica);
  • Comunicazione (capacità di contatto e comunicazione adeguata con una persona).

Tutti gli stati psicologici sono divisi in due gruppi: situazionale e stabile (personale). Ciascuno dei gruppi ha la propria classificazione.

Gli stati situazionali sono caratterizzati da instabilità e risposta della personalità a una certa situazione atipica. Possono essere:

  • funzionale generale;
  • stress mentale;
  • conflitto.

Stabili, cioè quelli che persistono a lungo, si dividono in:

  • ottimo o crisi;
  • vari stati borderline (demenza, psicopatia);
  • disturbi della coscienza.

Dovremmo soffermarci separatamente sulle condizioni di crisi, che possono manifestarsi sotto forma di:

  • negativismo (la predominanza di emozioni negative anche in condizioni ottimali);
  • opposizione (aggressività in certe situazioni simili o verso personalità separate, ma simili in qualche modo);
  • autismo (completa alienazione sociale).

Criteri per una personalità matura

Prima di condurre la ricerca sulla personalità, si dovrebbe decidere i criteri che una personalità integrale formata deve soddisfare. Non esiste un approccio generale a questo concetto, tuttavia, è consuetudine considerare i criteri di V.V. Petukhov come i più affidabili, che afferma che la personalità:

  • deve essere capace di creatività;
  • può essere multiplo con integrità simultanea;
  • in continua evoluzione.

L. I. Bozhovich ha affrontato la questione in modo più semplice, evidenziando solo due criteri per l'individuo: la capacità di dare priorità, sacrificando il proprio "desiderio" per amore del "dovere", nonché la capacità di gestire le proprie azioni, fissare obiettivi e superare gli ostacoli.

Ricerca psicologica della personalità

Tutti i metodi di ricerca sono suddivisi in 4 categorie, accomunate da qualche approccio generale allo studio della personalità.

  • Osservazione. I metodi principali per valutare la personalità sono l'esame, l'interrogatorio sia della persona stessa che del suo ambiente, la lettura della storia medica, se presente, la lettura di diari o autobiografie. Le ultime due fonti, come dimostra la pratica, sono informazioni molto preziose..
  • Sperimentare. Comprende vari studi che utilizzano apparecchiature. È anche possibile simulare alcune emergenze o situazioni importanti per una determinata persona per valutare il suo stato mentale.
  • Questionari e altre tecniche simili. Consentono di valutare molti criteri: motivazione, concentrazione, autostima, forza di volontà, ecc..
  • Design. Utilizzando le tecniche di quest'area, si determina la personalità nel suo insieme, senza evidenziarne i criteri individuali.

Tuttavia, in pratica, tutti e 4 i metodi vengono utilizzati attivamente, che, inoltre, possono essere miscelati, completandosi a vicenda, quindi la loro separazione è condizionale.

È interessante

Sulla base degli studi di personalità condotti, è possibile determinare in modo affidabile tutti i criteri e gli indicatori della psiche umana al fine di comporre un ritratto personale olistico.

Lezione numero 6. Stati mentali

L'inizio dello sviluppo scientifico del concetto di stato mentale nella psicologia russa fu posto da un articolo di ND Levitov, scritto nel 1955. Possiede anche il primo lavoro scientifico su questo tema: la monografia "Sugli stati mentali di una persona", pubblicata nel 1964.

Secondo la definizione di Levitov, uno stato mentale è una caratteristica integrale dell'attività mentale per un certo periodo di tempo, mostrando l'originalità del corso dei processi mentali, a seconda degli oggetti e dei fenomeni riflessi della realtà, dello stato precedente e delle proprietà mentali dell'individuo.

Gli stati mentali, come altri fenomeni della vita mentale, hanno la loro causa, che molto spesso è l'effetto dell'ambiente esterno. In sostanza, ogni stato è un prodotto dell'inclusione del soggetto in una sorta di attività, durante la quale si forma e si trasforma attivamente, esercitando un'influenza reciproca sul successo di questa attività.

Gli stati mentali in continua evoluzione accompagnano il corso di tutti i processi mentali e i tipi di attività umana.

Se consideriamo fenomeni mentali nel piano di tali caratteristiche come "situazionale - a lungo termine" e "variabilità - costanza", possiamo dire che gli stati mentali occupano una posizione intermedia tra i processi mentali e le proprietà mentali dell'individuo. Esiste una stretta relazione tra questi tre tipi di fenomeni mentali ed è possibile una transizione reciproca. È stato stabilito che i processi mentali (come attenzione, emozioni, ecc.) In determinate condizioni possono essere considerati come stati e stati spesso ripetuti (ad esempio, ansia, curiosità, ecc.) Contribuiscono allo sviluppo dei corrispondenti tratti di personalità stabili..

Sulla base della ricerca moderna, si può sostenere che le proprietà non innate di una persona sono una forma statica di manifestazione di determinati stati mentali o dei loro aggregati. Le proprietà mentali sono una base a lungo termine che determina l'attività dell'individuo. Tuttavia, il successo e le caratteristiche dell'attività sono anche fortemente influenzati da stati mentali temporanei e situazionali di una persona. Sulla base di ciò, è possibile dare la seguente definizione di stati: uno stato mentale è un fenomeno mentale complesso e diversificato, relativamente stabile, ma mutevole che aumenta o diminuisce l'attività e il successo della vita dell'individuo nella situazione specifica attuale.

Sulla base delle definizioni di cui sopra, è possibile distinguere le proprietà degli stati mentali.

Integrità. Questa proprietà si manifesta nel fatto che gli stati esprimono la relazione di tutti i componenti della psiche e caratterizzano tutta l'attività mentale nel suo insieme durante un dato periodo di tempo.

Mobilità. Gli stati mentali sono mutevoli nel tempo, hanno le dinamiche di sviluppo, manifestate nel cambiamento delle fasi del corso: inizio, sviluppo, completamento.

Stabilità relativa. La dinamica degli stati mentali si esprime in misura molto minore rispetto alle dinamiche dei processi mentali (cognitivi, volitivi, emotivi).

Polarità. Ogni stato ha i suoi antipodi. Ad esempio, interesse - indifferenza, allegria - letargia, frustrazione - tolleranza, ecc..

La classificazione degli stati mentali può essere basata su vari criteri. I più comuni sono i seguenti segni di classificazione.

1. Secondo quali processi mentali prevalgono, gli stati si dividono in gnostici, emotivi e volitivi.

Gli stati mentali gnostici di solito includono curiosità, curiosità, sorpresa, stupore, sconcerto, dubbio, perplessità, sogni ad occhi aperti, interesse, concentrazione, ecc..

Stati mentali emotivi: gioia, dolore, tristezza, indignazione, rabbia, risentimento, soddisfazione e insoddisfazione, allegria, malinconia, destino, depressione, depressione, disperazione, paura, timidezza, orrore, attrazione, passione, affetto, ecc..

Stati mentali volitivi: attività, passività, risolutezza e indecisione, fiducia e insicurezza, moderazione e incontinenza, distrazione, calma, ecc..

2. Simile alla precedente, ma con alcune differenze, la classificazione degli stati basata su un approccio sistematico. Secondo questa classificazione, gli stati mentali si dividono in volitivi (risoluzione - tensione), affettivi (piacere - dispiacere) e stati di coscienza (sonno - attivazione). Gli stati volitivi si dividono in prassici e motivazionali; affettivo - umanitario ed emotivo.

3. Classificazione sulla base dell'attribuzione a sottostrutture personali - la divisione degli stati in stati di un individuo, stati di un soggetto di attività, stati di personalità e stati di individualità.

4. Al momento del flusso, si distinguono stati a breve termine, protratti ea lungo termine.

5. Per la natura dell'influenza sulla personalità, gli stati mentali possono essere stenici (stati che attivano l'attività vitale) e astenici (stati che sopprimono l'attività vitale), nonché positivi e negativi.

6. In base al grado di consapevolezza, gli stati sono più consci e meno consci.

7. A seconda dell'influenza predominante di una persona o di una situazione sul verificarsi di stati mentali, gli stati personali e situazionali si distinguono.

8. A seconda del grado di profondità, gli stati possono essere profondi, meno profondi e superficiali..

Lo studio della struttura degli stati mentali ha permesso di identificare cinque fattori della formazione degli stati: umore, valutazione della probabilità di successo, livello di motivazione, livello di veglia (componente tonica) e attitudine all'attività. Questi cinque fattori sono combinati in tre gruppi di stati, che differiscono nelle loro funzioni:

1) incentivo-motivazionale (umore e motivazione);

3) energia di attivazione (livello di veglia).

Il più importante e significativo è il gruppo di stati motivazionale e incentivante. Le loro funzioni includono la stimolazione cosciente del soggetto della sua attività, l'inclusione di sforzi volontari per la sua attuazione. Questi stati includono interesse, responsabilità, concentrazione, ecc. La funzione degli stati del secondo gruppo è la fase iniziale, inconscia della formazione della motivazione per l'attività basata sull'esperienza emotiva dei bisogni, una valutazione dell'atteggiamento verso questa attività e, al suo completamento, una valutazione del risultato, nonché la previsione del possibile successo o fallimento dell'attività. La funzione degli stati del terzo gruppo, che precede tutti gli altri stati, è il risveglio: l'estinzione dell'attività sia della psiche che dell'organismo nel suo insieme. Il risveglio dell'attività è associato all'emergere di un bisogno che richiede soddisfazione, all'estinzione dell'attività - con la soddisfazione del bisogno o con la fatica.

Di tutto il vasto spazio degli stati mentali umani, è consuetudine individuare tre grandi gruppi: stati tipicamente positivi (stenici), stati tipicamente negativi (astenici) e stati specifici.

Gli stati mentali positivi tipici di una persona possono essere suddivisi in stati legati alla vita quotidiana e stati legati al tipo principale di attività umana (in un adulto si tratta di formazione o attività professionale).

Gli stati tipicamente positivi della vita quotidiana sono gioia, felicità, amore e molti altri stati che hanno una brillante colorazione positiva. Nell'attività educativa o professionale, questi sono interesse (per la materia studiata o per il soggetto dell'attività lavorativa), ispirazione creativa, risolutezza, ecc. il rilascio di forza, conoscenza, piena rivelazione delle capacità. Lo stato di ispirazione creativa è un insieme complesso di componenti intellettuali ed emotive. Migliora la concentrazione sull'argomento dell'attività, aumenta l'attività del soggetto, acuisce la percezione, migliora l'immaginazione e stimola il pensiero produttivo (creativo). La determinazione in questo contesto è intesa come uno stato di disponibilità a prendere una decisione e portarla a termine. Ma questa non è affatto fretta o sconsideratezza, ma, al contrario, equilibrio, prontezza a mobilitare funzioni mentali superiori, attualizzare la vita e l'esperienza professionale.

Gli stati mentali tipicamente negativi includono sia gli stati polari rispetto a quelli tipicamente positivi (dolore, odio, indecisione) sia forme speciali di stati. Questi ultimi includono stress, frustrazione, uno stato di tensione..

Il concetto di stress è stato discusso in dettaglio in una conferenza sulla sfera emotiva della psiche. Ma se l'enfasi era sullo stress emotivo, allora in questo contesto lo stress è inteso come una reazione a qualsiasi impatto negativo estremo. A rigor di termini, lo stress non è solo negativo, ma anche positivo: una condizione causata da un potente impatto positivo è simile nelle sue manifestazioni allo stress negativo. Ad esempio, lo stato di una madre che scopre che suo figlio, che si credeva fosse morto in guerra, è in realtà vivo, è uno stress positivo. Lo psicologo G. Selye, un ricercatore di stati di stress, ha proposto di chiamare stress positivo eustress e negativo - angoscia. Tuttavia, nella moderna letteratura psicologica, il termine "stress" senza specificarne la modalità è usato per denotare stress negativo.

La frustrazione è una condizione vicina allo stress, ma è una forma più lieve e specifica. La specificità della frustrazione è che è una reazione solo a un tipo speciale di situazione. In generale, si può dire che si tratta di situazioni di "aspettative deluse" (da cui il nome). La frustrazione è l'esperienza di stati emotivi negativi quando, sulla strada per soddisfare il bisogno, il soggetto incontra ostacoli inaspettati che sono più o meno suscettibili di rimozione. Ad esempio, in una calda giornata estiva, una persona torna a casa e vuole fare una doccia fresca e rinfrescante. Ma lo attende una spiacevole sorpresa: l'acqua viene chiusa per il giorno successivo. La condizione che si verifica in una persona non può essere chiamata stress, poiché la situazione non rappresenta una minaccia per la vita e la salute. Ma un bisogno molto forte è rimasto insoddisfatto. Questo è lo stato di frustrazione. Le reazioni tipiche all'influenza dei frustratori (fattori che causano uno stato di frustrazione) sono aggressività, fissazione, ritiro e sostituzione, autismo, depressione, ecc..

La tensione mentale è un'altra condizione tipicamente negativa. Nasce come reazione a una situazione personalmente difficile. Tali situazioni possono essere causate da ciascuna individualmente o da una combinazione dei seguenti fattori.

1. Una persona non ha informazioni sufficienti per sviluppare un modello di comportamento ottimale, per prendere una decisione (ad esempio, un giovane ama una ragazza, ma sa troppo poco di lei per prevedere la sua reazione ai suoi tentativi di corteggiamento o spiegazione, quindi quando la incontrerà sperimenterà stato di tensione).

2. Una persona svolge attività complesse al limite della concentrazione e attualizza il più possibile le sue capacità (ad esempio, richiede simultaneamente uno stato di vigilanza, risoluzione di un problema intellettuale, azioni motore-motorie complesse - la situazione di una missione di combattimento).

3. Una persona si trova in una situazione che provoca emozioni contrastanti (ad esempio, il desiderio di aiutare la vittima, la paura di fargli del male e la riluttanza ad assumersi la responsabilità della vita di qualcun altro - questo complesso insieme di emozioni provoca uno stato di tensione).

La perseveranza e la rigidità sono due stati mentali negativi simili. L'essenza di entrambi gli stati è una tendenza al comportamento stereotipato, ridotto adattamento ai cambiamenti della situazione. Le differenze stanno nel fatto che la perseveranza è uno stato passivo, vicino all'abitudine, flessibile, stereotipato, e la rigidità è uno stato più attivo, vicino alla testardaggine, inflessibile, resistente. La rigidità caratterizza una posizione personale in misura maggiore della perseveranza, mostra l'atteggiamento improduttivo di una persona a qualsiasi cambiamento.

Il terzo gruppo è stato mentale specifico. Questi includono stati di sonno - veglia, stati alterati di coscienza, ecc..

La veglia è uno stato di interazione attiva di una persona con il mondo esterno. Ci sono tre livelli di veglia: veglia calma, veglia attiva, livello estremo di tensione. Il sonno è uno stato naturale di completo riposo, quando la coscienza di una persona è tagliata fuori dall'ambiente fisico e sociale e le sue reazioni agli stimoli esterni sono ridotte al minimo.

Gli stati suggestivi si riferiscono a stati alterati di coscienza. Possono essere sia dannosi che utili per la vita e il comportamento umano, a seconda del contenuto del materiale suggerito. Gli stati suggestivi sono suddivisi in etero-suggestivi (ipnosi e suggestione) e auto-suggestivi (autoipnosi).

L'eterosuggestione è il suggerimento da parte di una persona (o comunità sociale) di alcune informazioni, stati, modelli di comportamento e altre personalità (comunità) in condizioni di ridotta consapevolezza in materia di suggestione. L'impatto della pubblicità televisiva sulle persone è un suggerimento proveniente da una comunità e che interessa un'altra comunità di persone. Lo stato di abbassamento della consapevolezza è raggiunto dalla struttura stessa degli spot pubblicitari, nonché dal "incunearsi" di annunci pubblicitari in tali momenti di film o programmi televisivi, quando l'interesse degli spettatori è accresciuto e la criticità della percezione è ridotta. La suggestione diretta da una personalità all'altra si verifica durante l'ipnosi, quando il soggetto della suggestione è immerso in un sonno ipnotico - un tipo di sonno speciale, indotto artificialmente, in cui rimane un punto focale di eccitazione, che reagisce solo alla voce del suggeritore.

L'autoipnosi può essere arbitraria e involontaria. Arbitrario: il suggerimento cosciente di una persona a se stesso di determinati atteggiamenti o stati. Sulla base dell'autoipnosi si costruiscono metodi di autoregolazione e gestione dello stato, come l'auto-training di G. Schultz, il metodo di affermazione (principalmente associato al nome di Louise Hay, la più famosa divulgatrice di questo metodo), il metodo dell'umore originale sviluppato da G.N. Sytin. L'autoipnosi involontaria nasce come risultato della fissazione di reazioni ripetitive a un determinato stimolo: un oggetto, una situazione, ecc..

Gli stati alterati di coscienza includono anche trance e meditazione..

L'euforia e la disforia sono due condizioni più specifiche. Sono agli antipodi l'uno dell'altro..

L'euforia è uno stato di maggiore allegria, gioia, compiacimento, incuria non giustificato da ragioni oggettive. Può essere sia il risultato dell'esposizione a farmaci psicotropi o sostanze stupefacenti, sia la reazione naturale del corpo a qualsiasi fattore mentale interno.

Ad esempio, l'esposizione prolungata a uno stress estremo può causare una reazione paradossale sotto forma di euforia. La disforia, al contrario, si manifesta in uno stato d'animo irragionevolmente basso con irritabilità, rabbia, tristezza, maggiore sensibilità al comportamento degli altri, con tendenza all'aggressività. La disforia è più caratteristica delle malattie organiche del cervello, dell'epilessia e di alcune forme di psicopatia..

Riassumendo, possiamo dire che, in termini di struttura, gli stati mentali sono formazioni complesse che differiscono per segno (positivo - negativo), orientamento del soggetto, durata, intensità, stabilità e allo stesso tempo si manifestano nelle sfere cognitive, emotive e volitive della psiche..

La diagnostica degli stati mentali viene effettuata a due livelli: psicofisiologico e psicologico vero e proprio.Gli studi psicofisiologici rivelano la struttura, l'andamento del flusso, l'intensità degli stati e alcuni altri fattori che consentono di rivelarne la natura. Lo studio della dinamica del contenuto degli stati mentali, cioè ciò che successivamente consente di controllare gli stati e correggerli, viene effettuato con metodi psicologici. Uno dei metodi psicodiagnostici più comuni sono i questionari. Tra i più apprezzati, ad esempio, il questionario SAN, finalizzato alla diagnosi di benessere, attività e umore. È costruito sul principio della scala Likert e contiene 30 coppie di affermazioni relative agli stati mentali (10 per ogni scala). Viene spesso utilizzata anche la tecnica sviluppata da Ch.D. Spielberger e adattata da Yu. L. Khanin. Con il suo aiuto, viene eseguita la diagnostica dell'ansia personale e dell'ansia reattiva. Quest'ultimo agisce come uno stato mentale. Puoi anche indicare il "Questionario dello stress neuropsichico" T. A. Nemchina.

Tra i metodi proiettivi per la diagnosi degli stati mentali, viene spesso utilizzato il test del colore di Luscher: la preferenza per il blu significa il motivo di affiliazione (benevolenza - ostilità), la preferenza per il verde significa il motivo di autoaffermazione (dominio - sottomissione), preferenza per il rosso significa la ricerca di sensazioni (eccitazione - noia), giallo significa il motivo autoespressione costruttiva (reattività - letargia).

Tra gli altri metodi di diagnosi degli stati mentali, si può individuare il metodo di determinazione visiva esperta dello stato emotivo mediante espressioni facciali, diagnostica automatizzata della reattività emotiva basata sulla preferenza per il colore o la forma nella struttura dell'immagine mentale, diagnostica della tensione emotiva basata sulle caratteristiche del linguaggio, ecc..

Qual è lo stato mentale di una persona, esempi

Gli stati mentali sono necessari affinché una persona possa svolgere con successo vari tipi di attività. In psicologia, sono classificati su vari motivi, il più popolare dei quali è il dispendio energetico di una persona. Lo stato mentale di una persona ha un impatto diretto sul lavoro generale del sistema nervoso, inserendosi organicamente nel costrutto generale della personalità.

È necessario avere una comprensione generale del funzionamento della psiche e della sua influenza sulle prestazioni dell'attività di una persona per essere in grado di controllare le proprie emozioni e mantenere le prestazioni del sistema nervoso. Questa conoscenza sarà rilevante sia per gli scolari e gli studenti, sia per gli adulti impegnati nel lavoro intellettuale o fisico nell'impresa..

Definizione del concetto di stato mentale

Per capire come formulare la definizione di stato mentale è necessario rivolgersi allo studio dei principi biologici e psicofisiologici del sistema nervoso..

In psicologia, le caratteristiche della vita mentale sono considerate una categoria della metodologia generale della scienza, che determina le caratteristiche dell'attività di un particolare individuo. La diversità dei fenomeni della sfera emotiva come oggetto di ricerca scientifica è stata scoperta per la prima volta nelle opere di N.D. Levitova.

In articoli teorici, l'autore ha definito lo stato della sfera mentale umana come una caratteristica peculiare della psiche, che riflette il lavoro del sistema nervoso, rafforzando i suoi giudizi con risultati empirici. Allo stesso tempo, il ricercatore attira l'attenzione del lettore sul fatto che le conclusioni sull'effettivo stato emotivo di un individuo al momento del suo studio devono necessariamente essere tratte sulla base di eventi che gli sono accaduti di recente. Allo stesso tempo, lo scienziato non nega che i tragici eventi del passato possano farsi sentire dopo tanti anni, quando una persona, a quanto pare, non li ricorda più. Ne consegue che i segni di uno stato mentale aumentano o diminuiscono l'efficienza del corpo..

Lo stato psicologico è la base per l'assimilazione delle norme e delle regole del comportamento di un individuo nella società. Occupano una posizione intermedia tra i tratti della personalità e processi come l'attenzione volontaria, la memoria a breve e lungo termine, il pensiero logico, l'immaginazione, la parola. Nella psicologia del lavoro, questo fenomeno viene preso in considerazione durante la formazione di una riserva di personale di rappresentanti di diverse professioni..

Esempi di stati mentali sono stati d'animo, sentimenti ed emozioni e lo stato di sonno e veglia. Le fasi di sviluppo degli stati mentali sono dovute alla predominanza di processi di inibizione o eccitazione nel sistema nervoso.

Criteri di categorizzazione

È consuetudine dividere le esperienze psicologiche in categorie indipendenti in base a caratteristiche di base come:

  • la fonte del loro verificarsi (nato all'interno sotto l'influenza dei pensieri di una persona o formato a seguito di fattori esterni);
  • il grado di consapevolezza (formato nello strato inconscio, nella precoscienza o nello strato cosciente della psiche);
  • durata (breve, medio o lungo termine);
  • gravità (appena percettibile, moderata, pronunciata);
  • background emotivo (positivo o negativo);
  • area di manifestazione (comportamento, lavoro, umore, volontà, motivazione).

Tipi di stati mentali

A seconda dei processi principali nella psiche, si distinguono gli stati psicologici emotivi, gnostici (cognitivi) e volitivi di una persona. Esempi di varietà emotive sono la passione amorosa e il desiderio sessuale, la gioia immediata e il buon umore, la tristezza e il destino, la depressione e l'oppressione, la malinconia e la disperazione, il dolore, il risentimento e il risentimento, il panico, la rabbia e l'affetto..

L'essenza delle esperienze gnostiche è trasmessa da emozioni a breve termine come interesse cognitivo, curiosità, concentrazione e immersione nel lavoro, sconcerto e smarrimento, sorpresa, dubbio e scetticismo, sogni ad occhi aperti e tendenza a fantasticare. Tutte le emozioni elencate qui sono inestricabilmente legate al processo di attività e non esistono isolatamente da esso..

Le varietà volitive includono: attività e iniziativa, determinazione e determinazione, fiducia, calma e autocontrollo, moderazione e caratteristiche diametralmente opposte. A differenza del gruppo precedente, queste caratteristiche della personalità non sorgono da sole, si formano nel processo di educazione nell'infanzia e nell'adolescenza.

La direzione del sistema-vettore della psicologia si basa su una classificazione simile. In questo approccio, i fenomeni emotivi della psiche sono rappresentati da gruppi come tensione e rilassamento nell'attività e nella motivazione, una sensazione di piacere e dispiacere nel processo di cognizione o esperienza, attività e passività come tipi di personalità permanenti..

Va detto che i sostenitori di questo approccio alla classificazione sottolineano che non tutto può essere corretto. Alcune esperienze sono dovute al tipo di sistema nervoso e alla sua mobilità, che non può essere modificata. Pertanto, la passività e l'indolenza di alcune persone, così come l'eccessiva attività di alcuni individui, a volte devono essere date per scontate e si deve insegnare a una persona a convivere con queste caratteristiche tipologiche individuali..

Secondo il criterio di connessione con i componenti strutturali della personalità in psicologia, è consuetudine distinguere tali varietà di fenomeni mentali come esperienze personali legate all'attività, emozioni di individualità.

Quali sono gli stati mentali che influenzano una persona? Varietà steniche: stimolano l'attività della personalità; tipi astenici: inibiscono l'attività dell'individuo.

Quale sarà la classificazione semplificata degli stati mentali?

Morale e psicologico

Questo tipo nasce come risultato di esperienze personali (soggettive) dell'individuo quando contempla la realtà circostante. Il grado di corrispondenza tra il fenomeno visto e l'esperienza emotiva emergente caratterizza il livello di adeguatezza della risposta dell'individuo. La struttura e i tipi di sentimenti morali sono determinati dalle caratteristiche del sistema nervoso umano e dal tipo del suo temperamento, nonché dalle caratteristiche caratterologiche.

Emotivo e psicologico

La definizione di questo gruppo si basa sulle caratteristiche psicologiche della personalità e sulle emozioni di una persona che sorgono in una particolare situazione di vita. I tipi di questo gruppo sono gli affetti, la passione, l'umore di una persona, la sua esperienza di stress o disagio derivante dalla frustrazione. L'umore riflette lo stato di una persona impegnata in uno o un altro tipo di ricerca, attività pratica, lavorativa e creativa. La predominanza della colorazione positiva o negativa degli stati emotivi e mentali è determinata anche dal tipo di temperamento della personalità. Lo stato mentale di una persona energica collerica sono esperienze dai colori vivaci (esplosioni) che si sostituiscono rapidamente a vicenda, mentre la caratteristica principale dello sfondo emotivo di una persona flemmatica lenta sarà la calma e l'assenza di esplosioni luminose e sbalzi d'umore senza causa. Gli stati mentali negativi prevalgono nelle persone malinconiche inclini alla depressione e in quelli positivi - nelle persone spensierate, allegre e sanguigne.

Lo stress e lo stato mentale di frustrazione sono tipi di stati emotivi che richiedono l'eliminazione immediata. A volte una persona stessa non può farcela, ha bisogno dell'aiuto di uno psicologo o psicoterapeuta qualificato. In alcuni casi, per correggere il benessere di un individuo, necessita di terapia farmacologica e supervisione da parte di uno psichiatra.

Stati psicologici umani

Il blocco psicologico della personalità comprende tutte le componenti della psiche umana: caratteristiche del sistema nervoso, visione del mondo, orientamenti di valore, blocco dei bisogni motivazionali. Il concetto di atteggiamenti e credenze dell'individuo nella formazione degli stati mentali è di fondamentale importanza.

Lo stato psicologico del bambino

La struttura e i tipi di stati mentali del bambino sono spiegati dalle caratteristiche dell'età del suo sviluppo. La possibilità di una valutazione oggettiva dello stato psicologico dei bambini non appare fino a quando non raggiungono l'età di 15-16 anni. Fino a questo momento, i bambini sono caratterizzati da cambiamenti momentanei di umore e percezione superficiale di ciò che sta accadendo..

Le caratteristiche dei processi mentali e degli stati emotivi del bambino dipendono dall'ambiente domestico e dal clima psicologico della famiglia.

Socio-psicologico

Cosa si riferisce agli stati sociali e mentali dell'individuo? Prima di tutto, questi sono tutti i contatti sociali di una persona. L'orientamento emotivo di una persona è determinato dal livello di sviluppo delle capacità di comunicazione di una persona, dalla sua autostima e dall'immagine.

La valutazione negativa di una persona del suo stato mentale nei momenti di interazione con gli altri può portare al verificarsi di malattie psicosomatiche in lui.

Proprietà

Tutti gli stati mentali hanno proprietà speciali:

  1. L'integrità è la relazione e l'interdipendenza di tutte le componenti della psiche. Questa proprietà influisce sull'efficienza dell'attività umana..
  2. Stabilità. Tutti i tipi di stati mentali umani sono più costanti delle emozioni momentanee.
  3. La mobilità è la proprietà degli stati mentali di cambiare le loro funzioni a seguito di un cambiamento della situazione.
  4. Polarità: questa proprietà esprime l'accoppiamento di esperienze emotive. Per ogni esperienza positiva, puoi raccogliere un'esperienza emotiva diametralmente opposta (negativa).

Livelli

L'essenza e la classificazione degli stati mentali in psicologia si manifestano a diversi livelli:

  • il livello fisiologico rivela le caratteristiche neurofisiologiche, biologiche e morfologiche della risposta di una persona a quanto sta accadendo;
  • livello psicofisiologico, che determina le reazioni sensoriali e autonome del corpo;
  • livello socio-psicologico, tenendo conto dello stato di una persona nelle relazioni interpersonali, della sua attitudine al lavoro;
  • livello psicologico che determina l'umore emotivo generale dell'individuo.

Fattori di formazione

Quali fattori influenzano lo stato psicologico di una persona? È generalmente accettato che i fattori degli stati mentali della personalità includano: tono generale della personalità, motivazione, umore, aspettativa di successo, atteggiamento soggettivo nei confronti dell'attività. Sulla base di questi componenti, i fattori sono stati denominati come:

  1. Motivazionale e incentivo è il fattore più potente che stimola l'attività della personalità. Le componenti principali qui sono la soddisfazione di una persona con una relazione con una persona cara, la sicurezza finanziaria.
  2. Emotivo-valutativo: un fattore che indica l'atteggiamento di una persona verso un particolare tipo di attività e il risultato del suo lavoro.
  3. L'attivazione energetica è un fattore che caratterizza l'attività fisiologica di una persona e si manifesta in un cambiamento naturale del sonno e della veglia. La salute umana viene anche definita fattore energetico attivo. Le esperienze forti sono solitamente associate all'eccitazione e quelle deboli all'inibizione nel sistema nervoso..

Funzioni degli stati mentali

Gli stati mentali sono una componente strutturale della psiche. L'elenco delle funzioni che svolgono è simile a questo:

  • la formazione dell'autostima personale;
  • discussione di una persona per eseguire determinate azioni;
  • prevedere il successo di determinate imprese;
  • costringere una persona a completare il lavoro iniziato fino alla fine;
  • la formazione dell'atteggiamento di una persona verso l'attività;
  • valutare il risultato del proprio lavoro;

Queste 6 funzioni sono spiegate dalla natura e dalla classificazione degli stati mentali.

Diagnostica

Alcune persone hanno la capacità unica di valutare accuratamente la propria salute mentale. Allo stesso tempo, il benessere fisico è per loro il principale "barometro". Altre persone hanno bisogno dell'aiuto di uno psicologo in questa materia..

In psicologia, la definizione dello stato mentale di una persona è un'analisi dei suoi livelli psicofisiologici e psicologici. Lo studio del livello psicofisiologico consente di studiare la natura del sentimento che è apparso e determinare (se necessario) modi per correggerlo.

Gli strumenti diagnostici più popolari sono i test psicologici. Con il loro aiuto vengono diagnosticati l'umore, lo stato di salute e il livello di attività della personalità. I risultati più indicativi sono dati da metodi come il test del colore di Luscher, SAN, PAT, "Questionario di stress neuropsichico", "Sollievo dalle emozioni", test di ansia personale.

Problemi di condizioni psicologiche

Quali sono i problemi nello studio degli stati psicologici? Prima di tutto, questa è la complessità di separare fattori soggettivi e oggettivi che generano questa o quella esperienza emotiva..

La predominanza di esperienze psicologiche negative porta a una sensazione di insoddisfazione per la propria vita. La consapevolezza dei problemi in termini psicologici e la capacità di analizzare il proprio stato non sono i metodi con cui una persona può far fronte alla psicosomatica. Per ripristinare le prestazioni, normalizzare il sonno e sbarazzarsi di mal di testa irragionevoli, una persona ha bisogno di vedere uno psicologo. Solo uno specialista qualificato sarà in grado di determinare correttamente la causa dei problemi e scegliere metodi efficaci per eliminarlo..

I miei consigli

I clienti spesso si rivolgono a me lamentando stanchezza cronica, diminuzione dell'appetito, mancanza di desiderio di fare affari. Non capiscono cosa sta succedendo loro, riferiscono di essere stati da molti medici, hanno superato una serie di test e il motivo della diminuzione dell'efficienza e dell'apatia non è stato stabilito. "Cosa mi è successo?" Mi chiedono. La mia risposta che questi sintomi sono legati ad anomalie nello stato mentale dell'individuo di solito li sorprende. Tuttavia, le mie ipotesi iniziali sono confermate dai risultati dei test psicologici. Nella fase successiva del lavoro con un cliente, gli dico quali tipi di stati mentali si distinguono nella psicologia moderna, poiché spesso, avendo familiarizzato con i risultati della diagnostica, dicono: "Indicare cosa si riferisce agli stati mentali di una persona"..

Nella maggior parte dei casi, 5-10 sessioni con uno psicologo sono sufficienti per correggere lo stato psicologico, che si verifica con un umore basso. Fornisco raccomandazioni sullo sviluppo delle capacità di riflessione, insegno tecniche di rilassamento. Il metodo principale nel mio lavoro è l'arte terapia. A mio parere, questo metodo è la chiave per il mondo interiore dell'individuo. Attraverso gli esercizi di arteterapia, una persona trova l'armonia con se stessa, impara a gestire il proprio campo emotivo.

Conclusione

Il tono del corpo umano può essere valutato attraverso lo studio di processi che riflettono il lavoro del suo sistema nervoso. Le loro forme e proprietà sono studiate dagli psicologi utilizzando strumenti psicodiagnostici..

È importante capire cos'è uno stato mentale, poiché un vettore dell'umore è mutevole. Ogni giorno, un numero enorme di fattori esterni agisce su una persona che può trasformare un atteggiamento positivo in uno negativo. Affinché le prestazioni non ne risentano, devi imparare a gestire il tuo campo emotivo..