Nevralgia occipitale: sintomi e trattamento

La nevralgia occipitale è un tipo di mal di testa. È associato all'irritazione e alla compressione delle fibre del nervo occipitale, caratterizzate dalle caratteristiche specifiche del dolore stesso. La nevralgia occipitale può essere una malattia indipendente, ma più spesso è dovuta alla presenza di altri problemi di salute che ne provocano lo sviluppo. In ogni caso, questa condizione richiede un intervento medico, poiché avvelena in modo significativo la vita di una persona. Questo articolo fornirà informazioni su cause, sintomi, diagnosi e trattamento della nevralgia occipitale..

In totale, una persona ha quattro nervi occipitali: due grandi e due piccoli (uno su ciascun lato, rispettivamente). I nervi occipitali maggiori sono formati dai rami posteriori del 2 ° nervo spinale cervicale (C.II). Le fibre nervose si piegano attorno al bordo inferiore del muscolo obliquo inferiore della testa, perforano il muscolo semispinale e il tendine del muscolo trapezio nel suo attacco all'osso occipitale, quindi si rompono in diversi rami nella pelle della regione occipitale e parzialmente parietale. Pertanto, il nervo occipitale maggiore è un nervo sensoriale che fornisce innervazione alla pelle. Non ha nulla a che vedere con l'innervazione dei muscoli, poiché li attraversa in transito, senza rinunciare ai rami.

Il piccolo nervo occipitale è formato dai rami anteriori del 2 ° e 3 ° nervo spinale (C.II e CIII), essendo il nervo del plesso cervicale. Anche il nervo è sensibile, sporge dietro il muscolo sternocleidomastoideo dove si attacca al processo mastoideo. Il nervo fornisce innervazione alla pelle sul lato posteriore della testa (dietro l'orecchio). L'irritazione o la compressione del nervo in qualsiasi punto del suo percorso provoca la nevralgia occipitale.

I dati anatomici dei nervi occipitali sono importanti per la diagnosi della nevralgia occipitale. La conoscenza del decorso delle fibre consente di determinare i punti trigger (di partenza), premendo sui quali si provocano i tipici sintomi della nevralgia occipitale e conferma la diagnosi. Ma ne parleremo un po 'più tardi. Ora diamo un'occhiata alle cause della nevralgia occipitale.

Cause

Esistono due forme di nevralgia occipitale:

  • idiopatica (primaria), che è anche chiamata nevralgia di Arnold;
  • sintomatico (secondario).

La nevralgia di Arnold non ha causa nota agli scienziati, cioè possiamo dire che si manifesta spontaneamente, in assenza di altri motivi.

La nevralgia occipitale sintomatica è il risultato di altre condizioni. In questo caso, può essere una manifestazione:

  • processi degenerativi-distrofici nel rachide cervicale (osteocondrosi, spondilosi, spondiloartrosi, protrusione o ernia dei dischi intervertebrali);
  • lesioni del rachide cervicale;
  • anomalie dell'articolazione craniovertebrale;
  • processo tumorale del rachide cervicale, regione occipitale;
  • sovraccarico prolungato dei muscoli del collo, che è accompagnato dallo sviluppo di spasmi (mantenendo una certa postura, ad esempio, chinandosi su un computer o una macchina da cucire durante la giornata lavorativa);
  • ipotermia della testa (nessun copricapo nella stagione fredda);
  • una serie di malattie somatiche e infettive (diabete mellito, artrite reumatoide, lupus eritematoso sistemico, tubercolosi spinale, gotta, endoarterite, infezioni virali del corpo).

La nevralgia sintomatica del nervo occipitale non scompare senza il trattamento della malattia sottostante. A volte le sue manifestazioni servono come primo segno di un'altra malattia. È imperativo scoprire la vera causa della nevralgia occipitale per non perdere una malattia più formidabile (ad esempio un tumore).

Sintomi

Poiché i nervi occipitali sono nervi sensoriali, le principali manifestazioni della malattia si trovano nella sfera delle sensazioni.

Il sintomo più importante della nevralgia occipitale è il dolore parossistico. Il dolore si verifica nella zona di innervazione dei nervi occipitali, cioè principalmente nella regione occipitale. Il dolore si irradia al collo, all'orecchio. Può essere unilaterale (che è molto più comune) o bilaterale, a seconda dell'estensione della cattura del nervo occipitale.

La natura del dolore è peculiare. I pazienti descrivono le loro sensazioni come lombalgia, il passaggio di una scarica elettrica, una pulsazione ardente. La sensazione si diffonde chiaramente lungo il corso delle fibre nervose. I dolori sono acuti, di intensità abbastanza forte (anche straziante), provocati da movimenti (girando) della testa, starnuti, tosse, sebbene sorgano spontaneamente da soli. Per non provocare dolore, i pazienti danno alla testa una posizione forzata, inclinandola leggermente indietro e lateralmente.

La durata di un attacco di dolore va da alcuni secondi a diversi minuti. Il numero di attacchi di dolore al giorno è molto variabile: da singoli a decine e centinaia. Certo, un gran numero di crisi è molto più difficile per il paziente, interferisce con il solito modo di vivere, diventa la causa della disabilità.

In alcuni casi, durante il periodo interictale, un dolore sordo e doloroso persiste nella regione occipitale.

Un segno caratteristico della malattia è la presenza di specifici punti trigger (trigger), la pressione sui quali provoca un attacco di dolore. Questi sono i seguenti punti:

  • per il nervo occipitale maggiore - è condizionatamente necessario tracciare una linea che collega il processo mastoideo e il tubercolo occipitale, dividerlo in tre parti uguali. Il punto si trova tra il terzo medio e il terzo interno;
  • per il piccolo nervo occipitale - nell'area di attacco del muscolo sternocleidomastoideo al processo mastoideo, lungo il suo bordo posteriore (punto di Kerer).

Un altro sintomo di nevralgia del nervo occipitale può essere una diminuzione della sensibilità nell'area innervata: l'iniezione è percepita come un tocco e un tocco leggero non è affatto percepito dal paziente. Nella regione occipitale possono verificarsi parestesie: spiacevoli sensazioni di formicolio, brividi striscianti, bruciore e sensazioni simili. La pelle in quest'area può cambiare colore: diventa pallida o rossa.

Diagnostica

La diagnosi di nevralgia occipitale è generalmente semplice. Questa è la diagnosi che viene fatta già al primo esame da un medico. I reclami tipici, così come il verificarsi di dolore quando si preme sui punti trigger, non lasciano dubbi. Tuttavia, la causa della malattia rimane poco chiara. Per cercare la fonte originale, sono prescritti metodi di ricerca aggiuntivi:

  • Raggi X del rachide cervicale;
  • imaging a risonanza magnetica o computerizzata del rachide cervicale.

In assenza di alterazioni patologiche nel corso degli studi, la nevralgia del nervo occipitale è riconosciuta come primaria. Questo gioca un ruolo nel trattamento della malattia. Con nevralgia sintomatica del nervo occipitale, insieme a misure terapeutiche volte ad eliminarlo, trattano contemporaneamente la malattia che ha causato la nevralgia.

Trattamento

Il trattamento della nevralgia occipitale può essere conservativo e operativo. Prima di tutto, cercano di farcela senza intervento chirurgico..

I metodi di trattamento conservativi includono:

  • l'uso di farmaci antinfiammatori non steroidei (diclofenac, ibuprofene, meloxicam, naprossene e altri). I farmaci hanno effetto anestetico e antinfiammatorio;
  • l'uso di miorilassanti, cioè farmaci che riducono il tono muscolare. Ciò è giustificato nei casi in cui lo sviluppo della nevralgia occipitale è dovuto a spasmi muscolari lungo il percorso del nervo. I più efficaci tra questo gruppo di farmaci sono la tizanidina (Sirdalud) e il Midocalm;
  • l'uso di anticonvulsivanti (Carbamazepina, Gabapentin, Pregabalin) e antidepressivi (Amitriptilina, Duloxetina). Azioni simili vengono intraprese in caso di sindrome da dolore persistente;
  • blocco del nervo occipitale. Questa manipolazione è l'introduzione di una miscela di sostanze medicinali nei punti di uscita dei nervi sulla pelle. Questi possono essere ormoni (idrocortisone, Diprospan, desametasone) o anestetici (lidocaina, novocaina) o una miscela di questi. Se il blocco viene eseguito correttamente, la sindrome del dolore viene eliminata. A volte dopo un po 'è necessaria una ripetizione del blocco;
  • metodi di fisioterapia (ultrasuoni, laserterapia, elettroforesi, magnetoterapia);
  • massaggio, complessi di esercizi di fisioterapia;
  • agopuntura;
  • terapia manuale e trazione spinale (appropriata per processi degenerativo-distrofici nel rachide cervicale).

Se con l'aiuto di metodi di trattamento conservativi non è stato possibile sbarazzarsi della nevralgia del nervo occipitale, ricorrono al trattamento chirurgico. L'intervento chirurgico può essere di due tipi:

  • decompressione microvascolare. Questo tipo di trattamento chirurgico viene utilizzato nei casi in cui il nervo occipitale è compresso da strutture vicine (in particolare vasi patologicamente alterati);
  • neurostimolazione. Uno speciale dispositivo che genera impulsi elettrici viene impiantato sotto la pelle nella regione cervicale. Gli impulsi sopprimono gli stimoli dolorosi. Il paziente stesso può regolare l'attività del neurostimolatore.

Eppure, nella maggior parte dei casi, è possibile far fronte alla nevralgia occipitale senza la partecipazione dei chirurghi.

Quindi, riassumendo quanto sopra, va detto che la nevralgia del nervo occipitale è una patologia del sistema nervoso periferico, la cui manifestazione principale è un mal di testa nell'occipite. La malattia non rappresenta una minaccia per l'uomo, ma la sindrome del dolore significativa diventa una mosca nell'unguento in un barile di miele in uno sfondo di salute normale. La nevralgia occipitale è facilmente diagnosticabile, ma richiede sempre una ricerca della vera causa del suo verificarsi. Puoi sbarazzarti della malattia con metodi conservativi o chirurgici. L'importante è non ritardare la visita dal medico..

Un neuropatologo della clinica Siena-Med, Bukhtoyarov S.N., parla di cos'è la nevralgia del nervo occipitale, quali sono i suoi sintomi, i principi di diagnosi e trattamento:

Nevralgia occipitale: classificazione, sintomi, diagnosi e trattamento

PrincipaleNeurologiaNeuralgia Nevralgia del nervo occipitale: classificazione, sintomi, diagnosi e trattamento

La nevralgia occipitale, o nevralgia occipitale, o occipitalgia è una sensazione dolorosa nella zona di innervazione del nervo occipitale. Il dolore è solitamente grave e, oltre a questo, ci sono diversi segni specifici.

Dove si trova il nervo occipitale e le sue funzioni?

Due grandi nervi occipitali (occipitali, dal latino - "occipitale") (destro e sinistro) lasciano il midollo spinale tra la seconda e la terza vertebra cervicale. Un paio di piccoli nervi occipitali (a volte chiamati suboccipitali) lasciano il midollo spinale in parte dal secondo forame intervertebrale, in parte dal terzo (tra la terza e la quarta vertebra cervicale).

Le fibre nervose vengono in superficie attraverso diversi strati di muscoli. La compressione muscolare può causare danni ai nervi temporanei (acuti) o cronici.

I quattro nervi occipitali sono necessari agli esseri umani per la sensibilità della pelle nella parte posteriore della testa: la parte posteriore della testa, la parte posteriore della regione parietale e la parte superiore del collo. Con il loro aiuto, il cervello percepisce dolore, alta e bassa temperatura e sensazioni tattili, una sensazione di pressione nella zona di innervazione.

Sebbene il nervo passi attraverso i muscoli, non si dirama verso di loro. È a causa della funzione sensibile che la neurite si verifica con una componente dolorosa pronunciata. La neurite motoria è meno dolorosa, ma la neurite occipitale appartiene ai nervi sensoriali.

Forme di nevralgia e caratteristiche del decorso della malattia

Esistono solo due tipi di nevralgia occipitale:

  1. Nevralgia occipitale primaria o morbo di Arnold.
  2. Nevralgia occipitale secondaria o sintomatica.

La differenza è la ragione dello sviluppo. Primaria inizia come una malattia indipendente senza malattie antecedenti. La seconda forma è una conseguenza di altre condizioni che portano a danni ai nervi occipitali, la loro infiammazione, che alla fine causerà sensazioni dolorose.

Le cause del primario, o idiopatico, sono sconosciute - questo è ciò che dice la parola "idiopatica". Il meccanismo di sviluppo della nevralgia secondaria è meglio compreso.

Ragioni per lo sviluppo della nevralgia

Molto spesso, l'infiammazione del nervo occipitale e il suo dolore sono causati da danni alla fibra nervosa da parte dei muscoli attraverso i quali passa. Ciò può essere dovuto a un prolungato sforzo del collo quando, ad esempio, si lavora al computer o si utilizza un telefono cellulare..

Come qualsiasi altra neurite dei nervi spinali, l'occipitalgia può essere causata dall'osteocondrosi. I cambiamenti nelle vertebre cervicali e nei dischi intervertebrali possono portare alla compressione del nervo dove passa attraverso i fori nella colonna vertebrale.

Allo stesso modo, le deformità spinali colpiscono in generale: cattiva postura, lesioni, sforzi fisici improvvisi.

Le malattie infettive e le loro complicanze possono anche portare alla nevralgia. Può essere sia infezioni specifiche del sistema nervoso che complicanze di altre infezioni..

L'ipotermia locale del collo e della parte posteriore della testa può anche causare dolore ai nervi sensoriali. Meno comunemente, gli attacchi sono associati a tumori e altre malattie croniche (diabete mellito, aterosclerosi, ipertensione arteriosa e altre).

I principali sintomi della nevralgia occipitale

Il principale e talvolta l'unico sintomo della nevralgia occipitale è il dolore lungo il decorso o nell'area di innervazione del nervo occipitale. Molto spesso si tratta di una forte sensazione di dolore che interferisce con le normali attività..

Ulteriori caratteristiche del dolore:

  • bruciore;
  • estenuante;
  • di solito si verifica bruscamente ("lombalgia");
  • può terminare immediatamente o durare fino a diversi minuti;
  • può pulsare se continuato per più di pochi secondi;
  • quasi sempre su un lato della testa;
  • localizzazione (posizione) - regione occipitale, parte superiore del collo, regione parietale, dietro le orecchie. Può dare via più vicino agli occhi e alla mascella inferiore;
  • gli attacchi possono essere sia singoli che ripetuti più volte al giorno, raggiungendo centinaia;
  • un attacco è associato a una certa posizione della testa o al contatto con la pelle dell'occipite (toccare, graffiare, ecc.).

Meno spesso, potrebbe esserci intorpidimento della pelle durante un attacco, parestesia - una sensazione di formicolio, brividi striscianti. Ancora meno spesso, gli attacchi sono accompagnati da nausea e vomito..

Diagnostica

Si può sospettare indipendentemente la nevralgia del nervo occipitale in base ai reclami e alla presenza di alcune possibili cause. Se la maggior parte dei sintomi coincide e c'è almeno un fattore di sviluppo, potrebbe essere la nevralgia occipitale. Ma una diagnosi accurata deve essere fatta da un medico..

La visita medica inizierà anche con la raccolta dei reclami e dell'anamnesi (anamnesi). Quindi il medico effettuerà un esame obiettivo: cercherà determinati sintomi, riflessi, controllerà i segni vitali. Possono essere nominate consulenze di altri specialisti, ricerche strumentali e di laboratorio.

Oltre al terapeuta, alla diagnosi della nevralgia occipitale possono partecipare un neurologo, un traumatologo ortopedico, un vertebrologo, un cardiologo e altri medici. Molto spesso, viene eseguito un tale esame strumentale:

  • Raggi X della testa e del collo;
  • tomografia computerizzata della testa e del collo;
  • imaging a risonanza magnetica della testa e del collo;
  • angiografia dei vasi della testa;
  • elettroencefalografia;
  • test dei recettori;
  • altri metodi di ricerca.

Gli esami di laboratorio sono raramente prescritti per diagnosticare l'occipitalgia. È difficile identificare cambiamenti specifici nella forma primaria. Il secondario applicherà i test di laboratorio necessari per la specifica malattia che causa la nevralgia.

Trattamento

L'aiuto per i pazienti con nevralgia occipitale si divide in due fasi: fermare un attacco doloroso e prevenire l'insorgenza di uno nuovo. Il cardine della gestione del dolore sono i farmaci.

Trattamento farmacologico

Tutti i farmaci hanno controindicazioni e possibili effetti collaterali. Prima di prendere la pillola, soprattutto con l'automedicazione, assicurati di leggere le istruzioni per il farmaco.

Vari gruppi di farmaci possono essere utilizzati durante un attacco. I FANS più comunemente usati sono farmaci antinfiammatori non steroidei. Influenzano i meccanismi di sviluppo dell'infiammazione, rallentando il processo, che porta a una diminuzione di tutti i sintomi. Alcuni FANS hanno un maggiore effetto analgesico e sono più spesso raccomandati per la nevralgia: diclofenac, ibuprofene, meloxicam e loro farmaci commerciali.

Possono anche essere usati antinfiammatori steroidei (glucocorticosteroidi), anticonvulsivanti, sedativi. La loro azione può anche essere diretta al processo infiammatorio (GCS) o influenzare indirettamente la nevralgia.

A volte i medici prescrivono farmaci che non hanno dimostrato di funzionare. Con la nevralgia, non c'è motivo di usare miorilassanti e vitamine, se non c'è diagnosi di carenza vitaminica.

Chirurgia

I metodi operativi sono usati raramente. Con frequenti ricadute (ripetizioni) di attacchi di dolore e l'identificazione di una causa organica ("reale") di nevralgia occipitale, può essere raccomandata la rimozione chirurgica della causa.

Viene utilizzato al di fuori delle crisi e per la nevralgia occipitale secondaria derivante da: compressione muscolare, deformità vertebrali, pizzicamento da tumori.

Possono essere utilizzate anche tecniche più sofisticate che alterano il lavoro dei nervi e la conduzione degli impulsi da parte loro. Con l'aiuto della neurostimolazione, un neurochirurgo può attivare o disattivare alcuni recettori e fibre nervose, rimuovendo la componente dolorosa. Questa variante dell'operazione è adatta per la forma primaria di nevralgia occipitale.

Fisioterapia

Le tecniche di fisioterapia medica e riabilitativa sono ampiamente utilizzate. Tipicamente utilizzati sono l'elettroforesi, l'esposizione al laser, la stimolazione magnetica, l'irradiazione a infrarossi per il riscaldamento, impacchi di calore locali.

Massaggio

Visitare massaggiatori, vertebrologi, chiropratici è un aumento significativo dell'efficacia della terapia generale. Il massaggio della testa, del collo e della "zona del collo" può aiutare ad alleviare l'ipertonicità e lo spasmo dei muscoli del collo, migliorare la circolazione sanguigna e migliorare la postura. Il massaggio è controindicato nel periodo acuto (durante le convulsioni), poiché spesso causa solo un aumento del dolore.

Può essere utilizzato anche l'automassaggio: accarezzando la pelle della parte posteriore della testa, seguito da un leggero sfregamento. Dopo - leggera pressione. Si consiglia di eseguire tutti i movimenti nella direzione dall'alto verso il basso.

Anche la terapia manuale può essere utile, ma dovrebbe essere usata con cautela e dovrebbero essere usati solo specialisti di qualità. Puoi fare a meno di "allungare la colonna vertebrale" e "riposizionare i dischi intervertebrali": queste procedure non hanno giustificazione scientifica e spesso portano a ulteriori danni.

Rimedi popolari

Una varietà di metodi tradizionali di trattamento della nevralgia occipitale consente a tutti di scegliere il metodo appropriato. Sebbene nessuno dei metodi sia considerato trattamenti medici convenzionali, il più delle volte fornisce un miglioramento temporaneo. È meglio se i rimedi popolari non vengono usati da soli, ma in combinazione con metodi della medicina tradizionale.

  1. Bagno alle erbe. Sono adatte sia le piante essiccate che gli oli essenziali. Le erbe essiccate (camomilla, origano, menta o altre erbe rilassanti) vengono preparate in un piccolo volume d'acqua (1-2 bicchieri) e quindi aggiunte a un bagno raccolto di acqua tiepida. Al posto della tintura si possono aggiungere alcune gocce di olio essenziale. Aiuta a rilassare in generale, rilassare i muscoli del collo e distrarre. Usare con cautela durante l'infiammazione.
  2. Comprimi sul collo. È usato come terapia di distrazione (quando si applicano cerotti e lattine di senape) e riscaldamento locale (cerotti di senape o impacchi riscaldanti). Per evitare la temperatura e le ustioni chimiche, è necessario monitorare la durata dell'applicazione, avvolgere impacchi caldi in diversi strati di tessuto. Usare con cautela durante l'infiammazione.
  3. Tè, tinture. Esistono molte ricette per preparare il tè o preparare un infuso adatto. Ad esempio, un cucchiaio di erba di San Giovanni essiccata viene preparato in un bicchiere di acqua bollente. La bevanda dovrebbe essere divisa in tre drink al giorno..

Cosa succede se l'infiammazione non viene trattata?

La conseguenza più frequente del rifiuto del trattamento è un aumento della frequenza degli attacchi, un decorso più pronunciato di essi. Con la nevralgia occipitale secondaria, se non trattata, la causa peggiorerà e il decorso della malattia sottostante.

Il dolore cronico causa sempre cambiamenti mentali e comportamentali. La tensione unilaterale costante dei muscoli del collo può portare a una cattiva postura, torcicollo.

Ci sono anche conseguenze più gravi, sebbene la loro probabilità sia molto più bassa. Questi includono varie neuropatie, fino a completo intorpidimento, paralisi: ad esempio, sordità o paralisi di alcuni muscoli del collo.

Prevenzione

La prevenzione di qualsiasi malattia dipende dallo stile di vita, dalla dieta e da fattori ambientali. Innanzitutto, è consigliabile escludere tutte le possibili cause dello sviluppo della malattia..

In secondo luogo, sono importanti un'attività fisica quotidiana moderata e l'esercizio dei muscoli del collo. Devono essere sicuri per la colonna vertebrale e non danneggiarla.

Il trattamento tempestivo di infezioni, malattie croniche, evitare l'ipotermia è il terzo componente della prevenzione della nevralgia occipitale.

Sintomi e trattamento della nevralgia occipitale

La neurite del nervo occipitale è una malattia espressa dalla patologia del sistema nervoso periferico. Può portare a gravi malfunzionamenti nel corpo, perché interrompe la trasmissione dei segnali dal cervello ai tessuti e agli organi. L'anatomia della parte interessata è piuttosto intricata: consiste in un piccolo e grande nervo occipitale. Dopo aver letto l'articolo fino alla fine, imparerai i principali sintomi e il trattamento di una malattia neurologica..

Sintomi della malattia

Il dolore con nevralgia è molto simile all'emicrania, aumento del tono arterioso. Una persona senza formazione medica non sarà in grado di determinare la malattia. Quando compaiono i primi sintomi, dovresti consultare immediatamente un neurologo. È pericoloso intraprendere un trattamento senza conoscere la diagnosi. Le principali differenze sintomatiche tra le malattie risiedono nella durata del dolore: con la neurite, un attacco di dolore può durare per diversi secondi, minuti e ripetersi fino a centinaia di volte al giorno. Le altre due malattie possono tormentare una persona con sintomi per diverse ore senza interruzione..

Il principale segno di nevralgia nella regione occipitale della testa e delle vertebre cervicali è il dolore acuto su entrambi i lati. Ma questa natura delle sensazioni è un fenomeno piuttosto raro, molto spesso i sintomi sono caratterizzati da una manifestazione unilaterale. I pazienti confrontano il dolore con una corrente elettrica: il dolore è acuto, lancinante, a volte doloroso, tirante. La natura delle sensazioni dipende dall'area interessata. Molti si lamentano di vertigini con nevralgia, nausea: il piccolo nervo occipitale è interessato. I sintomi della neurite del nervo occipitale coprono l'intera parte posteriore della testa, possono andare al lobo temporale, all'orecchio, alla mascella inferiore, agli occhi, a volte le ossa della testa fanno male.

Inoltre, c'è una sensazione di corsa, pelle d'oca, calore. Le sensazioni dolorose compaiono all'improvviso, intensificate da pressioni, starnuti, tosse, girando il collo. Le sensazioni sono di diversa natura: dolorose, acute, lancinanti, di varia gravità. In rari casi, può verificarsi uno shock doloroso.

Negli attacchi acuti, la sensibilità della pelle è disturbata: un tocco leggero sembra al paziente come un colpo, la puntura dell'ago non si sente affatto. Il cuoio capelluto può diventare bianco, irregolare.

La diagnosi avviene attraverso punti specifici sulla parte posteriore della testa. Quando viene premuto, compare il dolore o le sensazioni esistenti si intensificano. La porzione trigger si trova alle estremità dei processi nervosi. Lo specialista fa una diagnosi solo dopo aver eseguito questo test..

Cause della neurite del nervo occipitale

L'infiammazione del nervo occipitale è causata da una serie di motivi. Non c'è consenso tra gli esperti su questo tema. La maggior parte dei medici conclude che questa malattia è causata dalla nevralgia di Arnold: la malattia si manifesta all'improvviso, le ragioni esatte non sono chiare. Altri distinguono fattori sintomatici della comparsa della nevralgia: malattie di altri organi e sistemi che provocano l'infiammazione del nervo. Quindi, la neurite occipitale è solo la punta dell'iceberg. Per un trattamento efficace, è necessario sbarazzarsi della malattia, la fonte primaria.

Malattie che provocano l'infiammazione delle fibre nervose:

  • Diabete;
  • Tubercolosi;
  • Artrite;
  • Osteocondrosi;
  • Ernia del disco;
  • Lupus eritematoso sistemico;
  • Endarterite;
  • Gotta;
  • Infezione virale.

I fattori di cui sopra sono secondari. Influiscono solo indirettamente sul nervo occipitale. Ci sono cause primarie della sindrome del dolore:

  • Ipotermia della testa, del collo. Il più delle volte si trova tra gli appassionati di guida veloce o quelli a cui non importa stare seduti in una brutta copia.
  • Intrappolamento dei nervi: rotazione brusca della testa, esercizio improprio.
  • Spasmo muscolare causato dal mantenimento di una posizione della testa per un lungo periodo di tempo. Rilevante per studenti, impiegati che conducono uno stile di vita sedentario.
  • Instabilità della colonna vertebrale motoria.
  • Conseguenze del trauma: frattura del collo, spostamento delle vertebre.
  • Fattori psicosomatici: depressione, stress, paure nascoste, timidezza. La nevralgia occipitale può svilupparsi se sei spesso nervoso..

Trattamento farmacologico

Il trattamento con farmaci per la nevralgia occipitale è una componente importante della terapia. Quindi, l'infiammazione è alleviata, il dolore è alleviato. I neurologi prescrivono una serie di farmaci: antidepressivi, non steroidei, miorilassanti, anticonvulsivanti, farmaci steroidei. Considera i migliori farmaci in questi gruppi.

Meloxicam

Medicina dal Vietnam. Modulo di rilascio - fiale. Allevia l'infiammazione, abbassa la temperatura corporea, ha un effetto analgesico. Il principale ingrediente attivo è il meloxicam. Applicazione: applicato sulla zona interessata due volte al giorno.

Nurofen

Droga britannica. Il principio attivo è l'ibuprofene. Sono inclusi anche macrogol, idrossido di potassio. Ha effetti antinfiammatori e analgesici. Assumere 1-2 compresse tre volte al giorno.

Diclofenac

Farmaci antinfiammatori domestici. La base del farmaco è il diclofenac di sodio. Prendi una pillola una volta prima o durante un pasto.

Mydocalm

Medicina russa in formato pillola. Rilassante muscolare. Indispensabile per alleviare la tensione muscolare. Il principio attivo è il tolperisone cloridrato, componenti ausiliari: biossido di silicio, acido stearico, lattosio monoidrato. Bere una compressa 2-3 volte al giorno dopo i pasti.

Tizalud

Il farmaco appartiene allo stesso gruppo di Midocalm. Riduce l'aumento del tono muscolare, allevia lo spasmo. Paese di origine: Russia. Il componente principale è la tizanidina cloridrato. Prescrivi mezza compressa tre volte al giorno. In casi di emergenza, bere due compresse una volta prima di coricarsi.

Gabapentin

Capsule domestiche. Il principio attivo è gabapentin. Anticolvunsant, allevia lo spasmo. Bevono secondo uno schema speciale: iniziano con una compressa tre volte al giorno, aumentando gradualmente fino a tre capsule.

Carbamazepina

Le pillole sono prodotte in Russia. Il nome della sostanza principale è identico al nome del farmaco. Antidepressivo, ha effetti sedativi, neurotropi, psicotropi. Viene utilizzato per il dolore intenso che non può essere alleviato da altri farmaci. Bere una compressa due volte al giorno.

Desametasone

Antidepressivo. Prodotto da un'azienda russa. Il principio attivo è il desametasone. Bere una compressa al giorno, preferibilmente al mattino.

Il blocco del nervo occipitale è una procedura per alleviare il dolore di emergenza e la diagnosi della malattia. Viene eseguito come segue: una miscela di farmaci ormonali e antisettici viene iniettata nei punti di uscita del nervo occipitale. Questo evento è piuttosto doloroso. Nel processo, il paziente si siede. In caso di blocco del nervo occipitale, deve essere somministrata prima l'anestesia locale.

Trattamenti non farmacologici

Insieme all'assunzione di farmaci, vengono eseguite varie procedure terapeutiche, in rari casi è necessario un trattamento chirurgico. I farmaci alleviano solo il dolore, l'infiammazione, eliminano i sintomi, ma non risolvono il problema. Terapie aggiuntive influenzano le cause della malattia.

Oggi sono prescritte le seguenti procedure:

  • Massaggio della regione occipitale. Effettuato nel periodo tra gli attacchi. Con la nevralgia, il deflusso di sangue è compromesso. I movimenti del massaggio normalizzano la circolazione sanguigna, i muscoli si rilassano - l'aumento del tono viene eliminato.
  • Procedure fisioterapiche di vario tipo: ultrasuoni, terapia laser, metodi di trattamento con corrente elettrica, magnetoterapia.
  • Agopuntura. La pratica orientale dà risultati eccellenti nel trattamento di malattie di vari organi e sistemi. L'impatto attraversa determinati punti del corpo, viene inviato un messaggio al cervello sul problema, il corpo dirige risorse nascoste per curare la nevralgia.
  • Neurostimolazione da entrambi i lati, a volte agisce su un lato. Possibile solo all'estero. Il paziente viene impiantato sotto la pelle con un dispositivo speciale che emette impulsi elettronici che sopprimono il sintomo del dolore. Il paziente può regolare personalmente la frequenza del dispositivo.
  • Terapia manuale.
  • Intervento chirurgico - decompressione microvascolare. Prescritto per pizzicare il nervo occipitale. L'organo è liberato dall'influenza di arterie, vene, muscoli vicini.
  • Inoltre, prescrivono lezioni di cultura fisica medica, yoga. Particolarmente efficace quando un nervo viene pizzicato.

Medicina tradizionale

Con l'inefficacia del trattamento con metodi conservativi, si consiglia la terapia con rimedi popolari. A casa vengono preparati decotti speciali, tinture, unguenti.

Decotto di corteccia di salice

Mescolare un cucchiaio di erbe aromatiche tritate in un bicchiere di acqua bollente. Mettere il composto sul fuoco e cuocere per venti minuti, coperto con un coperchio. Prendi un cucchiaio tre volte al giorno.

Infuso di achillea

È estremamente efficace per l'infiammazione delle fibre nervose. Versare due cucchiaini di erbe con duecento millilitri di acqua bollente, avvolgere il contenitore in una coperta, lasciar riposare per un'ora. Bere un terzo di bicchiere prima dei pasti due volte al giorno.

Olio all'aglio

Venduto nelle farmacie omeopatiche. Elimina la violazione, allevia il dolore alle ossa del cranio, previene lo sviluppo di infiammazioni. Prima dell'uso, fare una tintura: diluire un cucchiaio di olio in mezzo litro di brandy, vodka. Lubrificare quotidianamente con tintura di whisky, fronte e nuca.

Unguento ai boccioli di lillà

Un unguento a base di grasso di maiale e un decotto di gemme di lillà aiuteranno a curare la neurite nella regione occipitale. Per preparare il brodo, prendi trenta grammi di gemme essiccate, versa due bicchieri d'acqua, fai bollire per trenta minuti. Raffredda il brodo. Sciogliere il grasso di maiale a bagnomaria, aggiungere il brodo, raffreddare fino a quando non si sarà indurito. Spalmali sul collo quando le protuberanze occipitali fanno male.

Vino e punch alle erbe

Ha un effetto sedativo. Mescolare 250 millilitri di vino rosso semidolce, 20 grammi di motherwort, valeriana, semi di cumino, finocchio. Mettere il composto a fuoco basso, portare a ebollizione. Fai un corso di due settimane al primo segno di infiammazione. Bere un cucchiaio tre volte al giorno dopo i pasti.

Fame di aiutare

Le pratiche orientali implicano il trattamento di qualsiasi malattia attraverso il digiuno. Il rifiuto temporaneo del cibo elimina le vertigini con nevralgia, previene l'irritazione del sistema nervoso centrale. Attraverso il digiuno, alcuni recettori nervosi riposano. Può essere di un giorno, tre giorni, sette giorni, quaranta giorni. È meglio eseguire un lungo digiuno, durante questo periodo il corpo ha il tempo di purificarsi completamente. Per i pazienti non addestrati, periodi così lunghi senza cibo sono controindicati.!

Per la nevralgia del nervo occipitale, si consiglia un digiuno di sette giorni. La preparazione per esso comincia in anticipo: in tre settimane vale rinunciare a cibi pesanti, fritti, in sette giorni il passaggio a bere. Esse escono dalla fame prima attraverso frutta e verdura, arricchendo gradualmente la dieta con altri alimenti. La pulizia del corpo previene danni al tessuto nervoso, possibili complicazioni.

E se non tratti?

Il trattamento inadeguato, la diagnosi errata, la malattia trascurata comportano conseguenze irreparabili:

  • Il dolore costante sviluppa nevrosi, sullo sfondo di questo, una persona può sviluppare un disturbo mentale.
  • Deformazione delle vertebre cervicali. L'infiammazione persistente influisce sulla struttura fisiologica. Nel tempo, c'è una curvatura del collo, disabilità.
  • C'è un cambiamento patologico nella struttura dei tessuti e delle ossa, appare un'eccessiva sensibilità, il paziente avverte costantemente dolore, il sollievo arriva dopo aver assunto farmaci forti.
  • Se l'infiammazione non viene rimossa, si diffonde ad altri organi, le fibre del nervo ottico possono essere interessate. La cecità si sviluppa.

L'eliminazione delle conseguenze è impossibile, i danni ai nervi e ai tessuti porteranno inevitabilmente alla disabilità. Quando compaiono i primi sintomi di nevralgia, consultare immediatamente uno specialista.

Trattamento della neurologia del nervo occipitale: sintomi e cause

Le sensazioni dolorose, indipendentemente dalla causa principale del loro verificarsi, causano molti problemi, soprattutto se diventano croniche.

Nel caso di una concentrazione di disagio e dolore nella zona occipitale-parietale, la fonte è spesso la nevralgia del nervo occipitale - danno (lesione, compressione) di una o più terminazioni nervose. Questa malattia del sistema nervoso è provocata da una serie di fattori e si manifesta in una varietà di sintomi..

Nevralgia del nervo occipitale, forme e caratteristiche del decorso della malattia

La nevralgia del nervo occipitale è una lesione frammentaria o totale dei processi del nervo occipitale, che può interessare sia i nervi spinali grandi che quelli piccoli (situati nella zona della 2a e 3a vertebra cervicale).

L'infiammazione del nervo occipitale provoca dolore ciclico che può influire negativamente sulla qualità della vita se non vengono prontamente prese misure per eliminarle.

Il corpo umano ha un nervo occipitale grande e uno piccolo.

Sono responsabili della sensibilità della pelle:

  • grande - nella regione occipitale e parietale;
  • piccolo - dietro le orecchie.

Questi nervi non sono coinvolti nella suscettibilità del tessuto muscolare. La violazione di uno o più processi porta ad un indebolimento della frequenza degli impulsi trasmessi dal cervello ai tessuti della regione cervicale. Di conseguenza, si sviluppa la neurite occipitale, caratterizzata da manifestazioni specifiche..

In caso di danno al grande nervo occipitale, una sensazione di disagio, accompagnata da improvvise e acute esplosioni di dolore, si concentra nella parte posteriore della testa.

Se il piccolo nervo occipitale è influenzato negativamente, i dolori vengono registrati vicino a un punto chiamato punto di Kerer.

Questa malattia appartiene alle patologie del sistema nervoso (classe VI). La classificazione per codici viene effettuata in base alla causa principale (G-53, ecc.).

Esistono le seguenti forme di manifestazione della nevralgia:

  1. Primaria (altri nomi popolari sono la nevralgia di Arnold, idiopatica o acuta) - si verifica spontaneamente e spontaneamente.
  2. Secondario (sintomatico, cronico) - è spesso il risultato di altri processi patologici nel corpo e, quindi, non può essere completamente curato senza eliminare le fonti della malattia sottostante.

Cause di nevralgia

La nevralgia può essere provocata da:

  • malattie della colonna vertebrale, che sono sorte a causa di stress meccanico e violazione delle terminazioni nervose;
  • osteocondrosi o artrosi;
  • attività fisica eccessiva;
  • malattie infettive che interrompono il normale funzionamento dei tessuti nervosi;
  • neoplasie ed ematomi di varia natura, localizzati nelle vertebre cervicali (meno spesso nel cervello);
  • malfunzionamenti del sistema immunitario e patologia del tessuto connettivo;
  • ipotermia del nervo occipitale;
  • sovraccarico regolare dei muscoli della spalla e del collo, che causa spasmi e porta a nevralgia cronica;
  • diabete mellito (indipendentemente dal tipo);
  • un gran numero di grave stress e superlavoro;
  • processi infiammatori nei vasi;
  • avvelenamento del corpo con veleni o alcol;
  • gotta, ecc..

Le cause della nevralgia nei pazienti giovani e anziani possono differire.

Ad esempio, il diabete in una persona di 60 anni può causare nevralgie, mentre nelle persone più giovani la presenza di questa malattia sullo stato delle terminazioni nervose è molto probabile che non lo sia..

L'efficacia della terapia e la ripresa del funzionamento delle terminazioni nervose danneggiate dipendono direttamente dalla rapidità con cui si trova la fonte della nevralgia.

Sintomi e decorso della malattia

I sintomi della nevralgia occipitale possono variare a seconda della forma della malattia. Il sintomo principale del processo infiammatorio nei processi nervosi è il dolore:

  • nella zona occipitale - spesso pulsante, ma spesso possono anche sparare;
  • a volte ricorda un'emicrania;
  • per lo più sentito su un lato della testa, molto meno spesso su entrambi;
  • aggravato da movimenti del collo e leggeri tocchi sulla pelle nel sito della lesione;
  • a volte sorgono dentro e sopra gli occhi sotto l'influenza di una luce intensa;
  • che si verificano durante la tosse o gli starnuti ordinari;
  • che appare anche nelle orecchie o nella mascella inferiore.

I movimenti della testa sia improvvisi che fluidi, indipendentemente dalla direzione, influenzano l'intensità del dolore, che può durare da un secondo a diversi minuti. In alcuni casi, possono verificarsi più di 100 crisi epilettiche di durata variabile in 24 ore.

Parallelamente al mal di testa, possono comparire:

  • brividi, accompagnati da una caratteristica sensazione di "gattonare" sulla pelle;
  • pallore e talvolta lieve cianosi della pelle;
  • intorpidimento degli arti superiori (questo praticamente non si applica a quelli inferiori);
  • diminuzione o completa perdita di sensibilità della pelle dell'occipite;
  • altri segni di disturbi vegetativi.

La nevralgia del piccolo nervo occipitale può essere accompagnata da:

  • maggiore sensibilità nella zona interessata;
  • nausea e vomito (piuttosto rari);
  • aumento della sensazione di disagio durante l'esplorazione dell'area interessata;
    lacrimazione.

Poiché molti sintomi di infiammazione del nervo occipitale sono simili a quelli dell'emicrania, è necessario in ogni caso il ricorso ad uno specialista specializzato (neurologo), poiché dalla professionalità del medico dipende la velocità nel determinare una diagnosi accurata con la successiva stesura di un piano di cura.

Metodi diagnostici

Una diagnosi completa è essenziale per la diagnosi e il trattamento..

Il modo più accessibile ed efficace di autodiagnosi della nevralgia è la pressione su determinati punti, accompagnata da improvvisi scoppi di dolore:

  • per un grande nervo - tra il ramo mastoideo e la protuberanza occipitale;
  • per un piccolo nervo - al punto Kerer nella parte posteriore del collo.

L'esame iniziale include la raccolta della storia del paziente e l'esame dell'area interessata. Solo allora possono essere nominati:

  1. TC (tomografia computerizzata): consente di esaminare le condizioni dei tessuti e delle ossa del rachide cervicale e di determinare la presenza di patologie.
  2. MRI (risonanza magnetica per immagini): consente di eseguire un esame dettagliato dei tessuti molli.
  3. Raggi X: consente di valutare le condizioni del tessuto osseo.

Oltre ai metodi sopra indicati, parte integrante della diagnosi è un esame con la partecipazione di un neurologo e / o ortopedico.

Dopo la loro conclusione, può essere prescritto un esame aggiuntivo, necessario per chiarire la diagnosi e scegliere le tattiche di trattamento per una determinata persona, poiché le raccomandazioni generali non sono adatte a tutti..

Trattamento: tecniche di base e metodi della loro applicazione

Il trattamento della nevralgia del nervo occipitale è più efficace con l'accesso tempestivo a un medico. Prima vengono effettuate le ricerche necessarie, maggiore è la probabilità che sia possibile limitarsi alla nomina di determinati farmaci e fare a meno della chirurgia..

Gli interventi di trattamento per la nevralgia occipitale includono quanto segue:

Conservativo: il loro obiettivo principale è eliminare il dolore e l'infiammazione causati dal pizzicamento:

  • limitare l'attività fisica (sdraiarsi di più, camminare di meno, ecc.);
  • massaggio terapeutico (professionale o automassaggio) - aiuta ad alleviare lo spasmo e migliorare il flusso sanguigno attraverso i vasi dell'area danneggiata;
  • ultrasuoni, trazione spinale e altri tipi di manipolazioni fisioterapiche;
  • esercizi di fisioterapia - aiuta a rafforzare i tessuti dei muscoli del collo e della schiena, eliminando così i crampi muscolari;
  • agopuntura - per normalizzare il metabolismo e il flusso sanguigno;
  • terapia manuale.

Farmaci: trattamento della causa alla base della malattia ed eliminazione dei sintomi con l'aiuto di farmaci:

  • anticonvulsivanti;
  • sedativi;
  • non steroideo - bloccando il processo infiammatorio;
  • miorilassanti - neutralizzando il sovraccarico del tessuto muscolare;
  • steroide antinfiammatorio;
  • anticonvulsivanti e antidepressivi;
  • altri medicinali, se i processi patologici nel corpo diventano la fonte di infiammazione;

Chirurgico: usato come ultima risorsa se l'infiammazione del nervo occipitale è cronica e non viene eliminata con nessuno dei metodi conservativi o medici.

Queste opzioni includono:

  • decompressione microvascolare - disattivazione dei nervi strangolati con una diminuzione parallela della loro suscettibilità;
  • neurostimolazione - la sindrome da blocco del dolore è assicurata dall'impianto di uno speciale sensore in grado di trasmettere impulsi elettrici specifici.

È importante sapere! Un blocco del nervo occipitale comporta la somministrazione di farmaci steroidei antinfiammatori che vengono iniettati sotto la pelle dell'area interessata. Il tipo di farmaco è prescritto dal medico a seconda della forma in cui procede la nevralgia occipitale e dei risultati del test. Questo metodo è altamente efficace, i primi segni di sollievo dalla nevralgia si osservano entro pochi minuti dalla somministrazione del farmaco, gli attacchi successivi diventano meno intensi e prolungati. Non è consigliabile utilizzare questa tecnica su base continuativa, poiché può portare a conseguenze negative sulla salute..

etnoscienza

La medicina alternativa che può trattare i sintomi e talvolta curare la neurite occipitale include:

  • impacchi (a base di cipolle, patate, rafano e altri ingredienti);
  • bagni alle erbe (menta piperita, timo, olio di abete rosso, ecc.);
  • gocce per le orecchie (prodotte indipendentemente dal succo di barbabietola);
  • infusi di erbe (tè di iperico, lombalgia aperta).

Puoi ridurre autonomamente il disagio con l'aiuto dell'automassaggio, che dovrebbe essere eseguito con delicati movimenti delle dita sulla zona interessata (circolare, a forma di rastrello, a zigzag).

Esistono diverse ricette per rimedi popolari, che differiscono per i componenti e la durata del corso di ammissione.

Utilizzando metodi non tradizionali, non dimenticare che possono mostrare un'elevata efficienza solo se combinati con competenza con metodi tradizionali..

Conseguenze della malattia trasferita

Le conseguenze del trattamento prematuro della nevralgia possono essere complicazioni sotto forma di:

  • la diffusione del processo infiammatorio ad altri organi;
  • mal di testa occipitale incessante a causa di cambiamenti patologici irreversibili nelle terminazioni nervose (neuropatia);
  • un forte calo della vista (a volte per completare la cecità);
  • torcicollo, che può portare a disabilità;
  • disturbi mentali che si sono sviluppati sullo sfondo di un dolore incessante.

È molto più difficile affrontare le conseguenze che la causa della malattia, perché molto spesso questi processi sono irreversibili e non possono essere corretti o completamente eliminati. Le operazioni neurochirurgiche e un lungo periodo di riabilitazione sono a volte l'unico modo per riprendersi, per tornare al solito modo di vivere.

Prevenzione dell'insorgenza della malattia

I mezzi per prevenire la nevralgia che danno il massimo effetto sono:

  • attività fisica costante;
  • protezione del collo da correnti d'aria, basse temperature;
  • riscaldamento sistematico ed esercizi ginnici con uno stile di vita sedentario;
  • assunzione regolare di complessi vitaminici.

Non garantiscono che sarà possibile evitare una malattia così spiacevole, ma vale la pena provare, perché i metodi di cui sopra non sono solo innocui, ma, al contrario, rafforzano il corpo.

Informazioni dettagliate su come trattare la nevralgia occipitale possono essere fornite solo da uno specialista specializzato dopo un esame completo. È meglio non auto-medicare la nevralgia, perché ciò potrebbe non alleviare il decorso della malattia, ma esacerbare significativamente la situazione.

Nevralgia occipitale

Si parla della presenza di nevralgia del nervo occipitale quando, a seguito dell'irritazione di alcuni fattori di due grandi o due piccoli nervi occipitali, si osservano forti mal di testa. Le convulsioni possono raggiungere una frequenza tale da disabilitare completamente la capacità di una persona di lavorare..

Ma puoi far fronte alla malattia se ti rivolgi a un neurochirurgo. Il medico sarà in grado di determinare con precisione le cause della nevralgia e scegliere le tattiche di trattamento più appropriate in un caso particolare, compreso un intervento chirurgico. Gli specialisti di SL Clinic hanno una vasta esperienza e conoscenza nel campo dei disturbi neurologici e sono in grado, utilizzando moderne tattiche di trattamento, di migliorare significativamente la qualità della vita del paziente o di ottenere la completa eliminazione dei segni di nevralgia. Il prezzo di una consulenza specialistica è disponibile per tutti ed è indicato nel listino prezzi.

Anatomia del nervo occipitale

Ci sono 2 nervi occipitali grandi e 2 piccoli. Si trovano simmetricamente a coppie su entrambi i lati dell'occipite. Quelli grandi sono responsabili dell'innervazione della pelle dell'occipite e sono formati dai rami posteriori del secondo nervo spinale cervicale. Passano sotto i bordi inferiori del muscolo obliquo della testa, nello spessore del semispinale, lungo il tendine del trapezio e si diramano in rami di diverse dimensioni nella pelle della zona occipitale e parte della zona parietale. I grandi nervi occipitali non sono responsabili dell'innervazione delle fibre muscolari.

I piccoli nervi occipitali sono responsabili della sensibilità delle superfici laterali della testa, dell'area dietro le orecchie e in parte dei padiglioni auricolari. Sono formati dai rami anteriori del 2 ° e 3 ° nervo spinale e passano sotto il muscolo sterno-succlavia.

La conoscenza delle peculiarità della posizione delle fibre nervose consente al neurologo di diagnosticare correttamente la causa della sindrome del dolore dovuta all'impatto manuale su punti speciali. Con la nevralgia, questo provoca un forte inizio di un attacco di dolore..

Cause della nevralgia del nervo occipitale

La nevralgia è il risultato dell'irritazione delle fibre nervose in qualsiasi punto del loro passaggio. Ciò può essere dovuto a:

  • processi degenerativi-distrofici del rachide cervicale, che provocano la formazione di osteofiti, assottigliamento del tessuto cartilagineo, deformazione dei dischi intervertebrali, che porta all'intrappolamento dei nervi (osteocondrosi, dischi intervertebrali erniati, spondilosi, spondiloartrosi);
  • lesioni al collo;
  • la formazione di tumori di varia natura nell'area dei nervi occipitali;
  • forte spasmo dei muscoli del collo derivante dalla permanenza prolungata in una postura statica forzata;
  • ipotermia;
  • anomalie dell'articolazione craniovertebrale;
  • diabete mellito, tubercolosi spinale, gotta, artrite reumatoide, ecc..

In questi casi, può essere considerato come un sintomo della malattia esistente, poiché la sua eliminazione porta all'eliminazione del mal di testa. Per le peculiarità dell'attività professionale, il gruppo di rischio comprende impiegati, autisti.

C'è anche una nevralgia occipitale spontanea, chiamata nevralgia di Arnold. Si dice della sua presenza in assenza di altri fattori che possono portare a compressione o irritazione dei nervi, cioè la natura idiopatica dello sviluppo.

Sintomi della malattia

La principale manifestazione del disturbo sono gli attacchi di dolore. Possono verificarsi con frequenze diverse ed essere di natura diversa. Ma il dolore appare sempre inizialmente nella parte posteriore della testa, si irradia al collo e alle orecchie. Più spesso è unilaterale, in alcuni casi si osservano lesioni bilaterali.

Il dolore può manifestarsi con lombalgia, simile a una scarica elettrica o avere un carattere pulsante. È sempre acuto e può raggiungere un'intensità straziante, aumentare con i movimenti della testa, tossire. Il paziente può sperimentare da un attacco a centinaia al giorno, il che lo priva completamente della gioia di vivere. La durata di ciascuno varia da pochi secondi a un paio di minuti.

Gli attacchi si verificano spontaneamente, più spesso dopo movimenti improvvisi, starnuti o tosse. Una caratteristica distintiva è che i pazienti cercano di assumere una postura forzata con la testa leggermente inclinata all'indietro e di lato. Ciò aumenta ulteriormente la tensione nel collo e può contribuire ad aumentare le convulsioni..

Inoltre possono essere presenti:

  • nausea e vomito;
  • lacrimazione;
  • sentire freddo;
  • fotofobia;
  • intolleranza ai suoni forti;
  • perdita di capelli nella parte posteriore della testa;
  • arrossamento o pallore della pelle nella zona interessata.

Tra un attacco e l'altro, di solito la persona non è preoccupata per nulla. Sebbene in alcuni casi sia possibile preservare un dolore sordo e doloroso nella regione occipitale, una sensazione di corsa si insinua, brucia, formicolio.

Si osserva spesso una diminuzione della sensibilità della pelle della regione occipitale. Il paziente non si sente toccarlo e con un'iniezione ha solo una leggera sensazione al tatto. Ma questo è vero solo se non si toccano i cosiddetti punti trigger..

Diagnostica

La diagnosi della nevralgia occipitale non è difficile. Di solito questo può essere fatto al primo consulto con un neurochirurgo. Il dolore della pelle della parte posteriore della testa o il suo intorpidimento sono sintomi specifici luminosi della malattia. Il medico può finalmente confermare la sua presenza agendo su speciali punti trigger situati lungo il nervo occipitale grande o piccolo dal lato interessato. Esso:

  1. Impatto su un punto situato su una linea condizionale che passa tra il processo mastoideo e la protuberanza occipitale. Se è diviso in 3 parti e premuto su un punto situato al confine del terzo superiore e medio, il paziente avvertirà un forte dolore con nevralgia del grande nervo occipitale.
  2. Pressione sul sito nell'area di giunzione del muscolo sternocleidomastoideo con il processo mastoideo quando il piccolo nervo occipitale è danneggiato, si verifica un attacco di dolore.

Ma lo scopo principale della diagnostica è cercare fattori e malattie che hanno causato il suo sviluppo. In caso contrario, qualsiasi trattamento sarà inefficace e gli attacchi di dolore diventeranno più frequenti, più lunghi e più frequenti. Per rilevare le cause dello sviluppo della nevralgia occipitale, il vertebrologo può prescrivere al paziente:

  • radiografia;
  • Risonanza magnetica;
  • CT;
  • UAC;
  • chimica del sangue;
  • test della glicemia.

Se nel corso degli studi non si riscontrano anomalie patologiche, viene riconosciuta come primaria la nevralgia, che determina l'ulteriore tattica di cura della malattia.

Trattamento della nevralgia occipitale

Senza influenzare la causa della violazione, è impossibile eliminare completamente le sue manifestazioni. L'unico caso in cui la terapia è esclusivamente sintomatica è la nevralgia occipitale idiopatica.

Fino a quando non si ottengono i risultati della ricerca, a tutti i pazienti viene prescritta una terapia sintomatica. Dopo che la causa principale è stata conosciuta, il trattamento viene integrato con mezzi volti ad eliminarlo..

Nella maggior parte delle situazioni, è possibile far fronte direttamente alla nevralgia con l'aiuto della terapia conservativa. Lei suggerisce:

  • trattamento farmacologico;
  • massaggio;
  • Terapia fisica;
  • fisioterapia.

Se non trattata, la nevralgia del nervo occipitale può portare alla distruzione del tessuto nervoso e allo sviluppo di complicanze, tra cui perdita di capelli e disturbi depressivi.

Terapia farmacologica

A seconda della natura delle manifestazioni cliniche e delle cause dell'irritazione dei nervi, ai pazienti può essere prescritto:

  • miorilassanti - un gruppo di farmaci che aiutano ad eliminare lo spasmo muscolare;
  • FANS - medicinali con proprietà antinfiammatorie e analgesiche;
  • corticosteroidi - hanno potenti proprietà antinfiammatorie, sono prescritti in brevi corsi con insufficiente efficacia dei FANS;
  • anticonvulsivanti: aiutano a ridurre il tono muscolare;
  • antidepressivi - necessari per normalizzare lo stato psico-emotivo nei pazienti;
  • Vitamine del gruppo B - necessarie per migliorare lo stato del tessuto nervoso e la conduttività degli impulsi.

Con un grave attacco di dolore, è possibile eseguire un blocco, coinvolgendo iniezioni puntuali di anestetici in punti specifici lungo il nervo interessato.

Fisioterapia

Per aumentare l'efficacia della terapia farmacologica, si raccomanda ai pazienti di sottoporsi a corsi di procedure fisioterapiche:

  • UFO: il metodo prevede l'esposizione ai raggi ultravioletti a onde medie. Ciò porta ad un'intensificazione del rilascio di neurotrasmettitori specifici, che ha un effetto benefico sulla trasmissione degli impulsi nervosi. Di solito il corso del trattamento include 10 procedure.
  • UHF: la procedura si basa sull'azione di correnti ad alta frequenza, che provocano un aumento della qualità della circolazione sanguigna e il ripristino delle membrane sodio-potassio delle cellule nervose. Durata del trattamento - da 15 a 20 sessioni di 15 minuti.
  • L'elettroforesi è una procedura in cui gli antidolorifici o altri farmaci vengono iniettati direttamente nell'area interessata a causa dell'azione di una corrente elettrica. Tradizionalmente vengono prescritte 10 procedure, eseguite a giorni alterni.
  • induttometria;
  • Terapia laser: il metodo si basa sull'effetto positivo dell'energia termica dei raggi laser sulle fibre nervose. Questo effetto fornisce una diminuzione della loro sensibilità, che consente di ridurre il grado di irritazione e la frequenza degli attacchi. Ai pazienti sono consigliate 10 procedure, di 4 minuti ciascuna.
  • Correnti diadinamiche: la procedura prevede il fissaggio degli elettrodi nei punti trigger e il passaggio della corrente Bernard attraverso di essi. Questa è una corrente ad altissima frequenza, il cui effetto fornisce una rapida diminuzione della soglia del dolore e l'inibizione della trasmissione degli impulsi nervosi. La durata del ciclo di trattamento è di 5 sessioni, tenute a giorni alterni.
  • La trazione spinale è una procedura volta ad aumentare le dimensioni dei dischi intervertebrali e normalizzare la posizione delle vertebre. Può essere eseguito a secco e sott'acqua. La sua durata varia da alcuni minuti a un'ora e il corso del trattamento comprende circa 15 sessioni. Con il metodo a secco, la trazione viene eseguita sotto il proprio peso in posizione verticale o orizzontale. Nel trattamento subacqueo, la procedura viene eseguita dopo che il paziente è stato immerso nell'acqua. Il secondo metodo è più delicato sulla colonna vertebrale..

Inoltre, ai pazienti possono essere consigliate sessioni di riflessologia. È stato a lungo notato che un effetto mirato su punti biologicamente attivi provoca un'attivazione della circolazione sanguigna, un miglioramento del flusso linfatico e una diminuzione della gravità del dolore..

Massaggio

Il massaggio eseguito correttamente aiuta ad eliminare la pressione sulle terminazioni nervose, migliorare la circolazione sanguigna nella testa ed eliminare lo spasmo muscolare. Il processo mastoideo e l'area sottostante sono esposti alla manipolazione manuale. È importante che la procedura venga eseguita da uno specialista qualificato. Altrimenti, è possibile influenzare accidentalmente i punti trigger, che provocheranno un nuovo attacco di dolore.

Tradizionalmente, viene prescritto un corso, composto da 12-14 procedure. La durata di ciascuno di essi è di circa un quarto d'ora..

Fisioterapia (terapia fisica)

Classi regolari di terapia fisica secondo programmi progettati individualmente aiuteranno a normalizzare il lavoro del rachide cervicale. Sono particolarmente importanti nell'osteocondrosi, poiché consentono di accelerare i processi di ripristino naturale del tessuto cartilagineo ed eliminare i prerequisiti per la compressione dei nervi.

Per ogni paziente, viene selezionata una serie di esercizi separatamente, tenendo conto delle caratteristiche delle malattie esistenti. Dovrebbero essere eseguiti quotidianamente almeno una volta al giorno. In media, una seduta di fisioterapia dura circa 20-30 minuti.

Tutti gli esercizi vengono eseguiti con attenzione, senza movimenti bruschi. Se si verifica un nuovo attacco di dolore nevralgico o disagio nella colonna cervicale, è necessario interrompere immediatamente l'esercizio e consultare un medico in un prossimo futuro per comprendere le cause del dolore e modificare la natura degli esercizi in una più delicata..

Trattamento chirurgico della nevralgia occipitale

Con la nevralgia idiopatica, così come con l'inefficacia del trattamento conservativo, ai pazienti può essere offerto un trattamento chirurgico. Può consistere in:

  • decompressione microvascolare;
  • ablazione con radiofrequenza;
  • neurostimolazione.

Inoltre, ai pazienti possono essere raccomandate operazioni volte ad eliminare la causa dello sviluppo della nevralgia. Molto spesso si trovano in violazioni nella struttura del rachide cervicale, pertanto gli interventi chirurgici vengono eseguiti nella stessa area con un'alta frequenza..

Decompressione microvascolare

La decompressione microvascolare preserva completamente il nervo. Può essere utilizzato quando una fibra nervosa viene compressa da un vaso sanguigno di passaggio vicino, da cui vengono trasmesse le pulsazioni del sangue, che provoca sensazioni dolorose.

L'operazione viene eseguita in modo aperto in anestesia generale. La sua essenza consiste nel separare il vaso dal nervo nel punto di contatto e installare tra loro una guarnizione in teflon. Questo è un mezzo affidabile per eliminare il dolore e porta al completo recupero, a condizione che la nevralgia fosse il risultato dell'irritazione del nervo occipitale dalla pulsazione di un vaso sanguigno..

Ma questo metodo di trattamento chirurgico richiede grande attenzione da parte del neurochirurgo operante, poiché può facilmente danneggiare la fibra nervosa durante la sua attuazione. Ciò porterà a una perdita di sensibilità nell'intera area che innerva. Pertanto, ci si può fidare solo di un neurochirurgo altamente qualificato..

Ablazione con radiofrequenza

La procedura è caratterizzata da un trauma minimo e da un alto livello di sicurezza. La sua essenza consiste nell'introduzione di un ago sottile attraverso la pelle sotto il controllo di un intensificatore di brillanza. Viene portato direttamente al nervo, dopo di che un elettrodo attivo o dannoso viene immerso attraverso la cavità in esso. È collegato a un generatore, in modo che dopo aver acceso l'apparato, venga applicata una corrente all'estremità non isolata dell'elettrodo. Agendo sulla fibra nervosa, viene distrutta, il che porta all'eliminazione del dolore.

Con la nevralgia del nervo occipitale, è indicato l'uso di una corrente di 100 Hz. Ciò porta al riscaldamento dei tessuti attorno all'estremità non isolata dell'elettrodo fino a 42 ° C. L'ablazione diretta dura circa 2 minuti e l'esposizione a temperature estremamente basse elimina il rischio di danni termici ai tessuti circostanti.

Poiché la procedura non richiede gravi danni ai tessuti, il paziente può muoversi e tornare alle attività quotidiane quasi immediatamente dopo la procedura. Nessun ricovero richiesto.

L'ablazione con radiofrequenza viene eseguita in anestesia locale, quindi non ci sono rischi associati all'anestesia generale quando la si sceglie. La durata della procedura è di circa mezz'ora. Quasi sempre, porta al completo recupero e al sollievo immediato dal dolore..

Il metodo viene utilizzato anche se la causa della sindrome del dolore è la spondiloartrosi che non risponde al trattamento conservativo. In questo caso, l'essenza della procedura è la stessa, ma l'elettrodo dannoso viene immerso sotto il controllo di un intensificatore di brillanza nei tessuti molli nelle immediate vicinanze dell'articolazione interessata..

Neurostimolazione

L'essenza della procedura è impiantare elettrodi sotto la pelle, che generano impulsi elettrici, che aiutano a ridurre il dolore. Uno o due elettrodi a 8 pin sono installati in totale. L'importo dipende dal fatto che avvenga un processo unidirezionale o bidirezionale.

Gli elettrodi vengono posizionati nell'area dei nervi occipitali grandi e piccoli. Sono collegati a un generatore ricaricabile e dotati di telecomando. I pazienti possono attivare autonomamente la fornitura di impulsi elettrici quando si verifica un attacco, il che consente loro di liberarsi completamente delle sensazioni dolorose.

Operazioni finalizzate all'eliminazione delle patologie del rachide cervicale

Poiché una delle ragioni per lo sviluppo della nevralgia occipitale sono le malattie degenerative-distrofiche del rachide cervicale, ai pazienti possono essere prescritti interventi chirurgici volti a eliminarli. Il tipo di operazione dipende dalla natura delle deviazioni rilevate. Può essere:

  • Metodi microchirurgici per il trattamento delle sporgenze dei dischi intervertebrali (plasma freddo, onde radio, nucleoplastica laser) - consentono di ridurre le dimensioni della protrusione del disco sclerosando una parte del nucleo polposo con plasma freddo, energia termica di un laser o corrente ad alta frequenza. Non vengono eseguiti in anestesia locale, consentono di tornare subito a casa e non lasciano cicatrici sulla pelle, poiché tutti gli strumenti necessari vengono introdotti nel corpo del paziente attraverso una sottile cannula.
  • La microdiscectomia è un'operazione di rimozione di un'ernia del disco, eseguita in anestesia generale attraverso un'incisione, solitamente sulla superficie laterale del collo, di dimensioni fino a 3 cm, che richiede una breve degenza ospedaliera e una serie di restrizioni nel periodo di recupero, ma ha un rischio di recidiva notevolmente inferiore. Allo stesso tempo, utilizzando la microdiscectomia, è possibile rimuovere ernie di quasi tutte le dimensioni.
  • La chirurgia endoscopica viene eseguita per i dischi intervertebrali erniati, ma viene eseguita attraverso una puntura di tessuti molli fino a 1 cm di dimensione.Ha un effetto più delicato sul corpo, che facilita il corso del periodo di riabilitazione. È indicato anche per la spondilosi grave. In questi casi, la crescita ossea in eccesso viene rimossa, il disco intervertebrale viene spostato o rimosso e, se necessario, vengono installati gli impianti..

Trattamento della nevralgia del nervo occipitale nella "Clinica SL"

Presso la Clinica SL puoi ottenere un trattamento qualificato per la nevralgia occipitale. I nostri vertebrologi saranno in grado di comprendere a fondo le cause del dolore e di affrontarle in modo mirato. Questo approccio massimizza l'efficacia della terapia e aumenta le possibilità di un completo recupero..

Il costo del trattamento a radiofrequenza per la nevralgia del grande nervo occipitale è di 68.000 rubli e dipende da:
- Costo degli aghi per l'ablazione con radiofrequenza;
- Cliniche e aule.
Il prezzo comprende:
- Arrivo in clinica prima e dopo l'intervento;
- Operazione;
- Costo degli aghi per l'ablazione con radiofrequenza;
- Osservazione e consultazione durante il periodo di riabilitazione.
Tutti i servizi e i costi della clinica sono indicati nel listino prezzi.

Nella maggior parte dei casi, la terapia conservativa, costruita con competenza dai nostri medici, in combinazione con il trattamento a radiofrequenza, dà buoni risultati e consente di eliminare le manifestazioni della nevralgia. L'aiuto dei vertebrologi può essere fornito presso la "Clinica SL" al massimo livello. Sale operatorie moderne, le migliori attrezzature e neurochirurghi altamente qualificati che possiedono tecniche avanzate sono la chiave del successo del trattamento chirurgico e della sua sicurezza. Tutto questo può essere fornito da "SL Clinic".

Con noi, puoi svolgere rapidamente tutti gli studi necessari in un momento conveniente per te. I nostri specialisti, se necessario, condurranno un blocco o condurranno un trattamento a radiofrequenza al fine di fermare un attacco grave e normalizzare le condizioni del paziente. I nostri prezzi rendono accessibile la chirurgia leader a livello europeo.

Non tollerare il dolore, iscriviti per un consulto presso la "Clinica SL".