Neurite facciale o paralisi di Bell: cosa è andato storto e perché il viso è "storto"?

L'herpes e altre malattie infettive possono essere complicate dall'infiammazione del nervo facciale. I sintomi caratteristici della malattia includono debolezza facciale e asimmetria facciale. La gravità delle condizioni del paziente dipende dalla causa della malattia e dall'area di danno alle fibre nervose. Il medico può diagnosticare rapidamente, concentrandosi sui segni esterni, tuttavia, sono necessari esami strumentali e di laboratorio per ottenere dati accurati. Il trattamento viene effettuato con farmaci, fisioterapia e chirurgia.

Informazioni sulla malattia

La neurite facciale è una malattia infiammatoria del nervo facciale, responsabile della contrazione dei muscoli facciali. Nella letteratura medica, la patologia è anche chiamata paralisi di Bell. Di norma, il danno alle fibre nervose provoca un'interruzione unilaterale del lavoro dei muscoli facciali. Altri sintomi includono contrazioni spontanee delle fibre muscolari, debolezza e desensibilizzazione della pelle del viso. Segni di paralisi compaiono entro 24-48 ore dal danno tissutale. Nella maggior parte dei casi, i medici riescono a curare la neurite facciale e ripristinare le espressioni facciali senza complicazioni..

Il nervo facciale emerge dal cervello e si biforca nella regione facciale del cranio. Questa struttura anatomica trasmette impulsi elettrici dal cervello per controllare le espressioni facciali. Il nervo intermedio, che si collega alle fibre del nervo facciale, è responsabile del trasporto di informazioni sensoriali al cervello. Con l'aiuto di questa parte dell'organo, una persona riceve informazioni sensibili dai recettori della pelle e dai tessuti sottocutanei del viso. I danni al sistema nervoso influiscono principalmente sul lavoro dei muscoli facciali e di solito le funzioni su un lato del viso sono compromesse.

La neurite facciale è talvolta chiamata paralisi facciale idiopatica perché la causa esatta della condizione è sconosciuta. È una malattia comune diagnosticata negli uomini e nelle donne a qualsiasi età. Secondo i dati epidemiologici, la patologia almeno una volta nella vita si è verificata nell'1,5% della popolazione, ea rischio sono i pazienti con infezioni croniche di età compresa tra 15 e 60 anni..

Perché sorge

Le cause della neurite del nervo facciale sono sconosciute. Numerosi studi non hanno consentito agli scienziati di stabilire le esatte fonti di danno alle fibre nervose. Si presume che la patologia possa essere una complicazione di malattie neurologiche e infettive esistenti. Si distingue anche una forma idiopatica di neurite, in cui la paralisi può apparire sullo sfondo di un completo benessere clinico. In precedenza, l'ipotermia del viso era considerata la causa principale della malattia, ma i dati moderni confutano il significato di questo fattore eziologico..

  1. L'herpes è un'infezione di natura virale, caratterizzata da danni alla pelle e alle mucose. Molto spesso, la malattia colpisce i genitali esterni, la pelle del viso e la mucosa dell'occhio. I virus sono principalmente trasmessi sessualmente. Secondo i risultati della ricerca, con un'infezione da herpes della superficie delle labbra, i virus penetrano nei lunghi processi (assoni) dei neuroni sensibili. Gli agenti patogeni possono distruggere la guaina mielinica.
  2. Altre malattie infettive: rosolia, malattia di Lyme, influenza, virus Coxsackie, infezioni da citomegalovirus e fuoco di Sant'Antonio. La probabilità di una malattia in presenza di un'infezione cronica dipende dallo stato di immunità.
  3. Le malattie autoimmuni sono patologie in cui il sistema immunitario inizia ad attaccare i tessuti sani. La sclerosi multipla e altre malattie sono caratterizzate dalla distruzione delle guaine mieliniche delle fibre nervose e da gravi complicanze neurologiche.
  4. Tumore cerebrale maligno o benigno. La formazione patologica può comprimere i nuclei del nervo facciale.
  5. Ictus ischemico o emorragico - una violazione acuta della circolazione cerebrale, in cui il tessuto cerebrale viene distrutto.

Nella paralisi secondaria di Bell, affrontare la causa alla base del disturbo è la chiave del trattamento. La neurite cronica del nervo facciale è solitamente infettiva.

Fattori di rischio

È possibile una predisposizione ereditaria. La neurite acuta associata a una storia familiare complicata si riscontra nel 4% dei casi. Il disturbo può essere associato a un meccanismo di trasferimento genico autosomico dominante. La presenza di altre malattie neurologiche in parenti stretti, come la nevralgia del trigemino e la sclerosi multipla, aumenta il rischio di malattia del paziente. I medici considerano anche gli effetti di altre condizioni e segni, comprese le scelte di vita..

Fattori di rischio noti:

  1. Età. La neurite viene diagnosticata più spesso nei pazienti di età compresa tra 15 e 60 anni. I bambini di solito hanno una paralisi facciale secondaria.
  2. Diabete. L'aumento del livello di glucosio nel sangue porta a danni ai piccoli vasi che riforniscono le fibre nervose.
  3. Trauma cranico. Con il trauma cranico è possibile danneggiare il midollo e la deformazione delle ossa del cranio, seguita dalla compressione del nervo facciale.
  4. Gravidanza. La paralisi facciale è particolarmente comune durante l'ultimo trimestre o una settimana dopo il parto..
  5. Infezioni croniche del tratto respiratorio superiore. Dal tratto respiratorio, i virus possono diffondersi ai tessuti adiacenti.
  6. Condizioni neurologiche preesistenti, tra cui sclerosi multipla, oftalmoplegia e tremore essenziale.
  7. Immunità ridotta congenita o acquisita. Di solito parliamo dell'infezione da HIV e delle sue complicanze, in cui aumenta il rischio di formazione di forme di herpes o citomegalovirus della malattia.

Le misure preventive volte ad eliminare i fattori di rischio sono efficaci nella nevralgia secondaria.

Meccanismo di sviluppo

I nervi cranici hanno i loro nuclei nel cervello, costituiti da corpi neuronali. Di per sé, le fibre nervose sono lunghe escrescenze di cellule che emergono dal cervello. Alcuni processi trasmettono informazioni sensibili ai nuclei del sistema nervoso centrale, mentre altri rispondono alla contrazione muscolare. Le cellule helper formano una guaina isolante (mielina) attorno ai processi neuronali per condurre rapidamente gli impulsi elettrici. I nervi sono strutture molto fragili che possono essere danneggiate da agenti infettivi, tossine e stress fisico. Inoltre, se il flusso sanguigno è compromesso, è possibile la distruzione dei tessuti..

L'esatto meccanismo attraverso il quale si sviluppa la paralisi di Bell rimane oggetto di controversia. Una delle varianti della patogenesi della malattia è l'edema nella regione del canale del nervo facciale dell'osso temporale. In questo caso, le fibre nervose vengono compresse e si verificano cambiamenti ischemici. L'edema può essere causato da lesione cerebrale traumatica, emorragia intracerebrale, infezione o una malattia autoimmune.

Classificazione

La malattia è classificata a causa del verificarsi, della localizzazione dell'infiammazione e della forma del decorso. Quindi, è possibile una neurite cronica o acuta del nervo facciale. La forma cronica è caratterizzata da esacerbazioni periodiche e periodi di remissione, in cui i sintomi scompaiono temporaneamente. Questo tipo di patologia può formarsi con un trattamento improprio o prematuro. Dal punto di vista dell'eziologia, si distingue la neurite facciale di origine traumatica e infettiva. La paralisi idiopatica di Bell è il disturbo principale che non può essere diagnosticato come causa.

Classificazione della neurite facciale per sito di origine:

  • centrale, c'è una debolezza dei muscoli facciali solo nella parte inferiore del viso;
  • periferica, la patologia è caratterizzata da un danno unilaterale a vari muscoli facciali.

Determinare il tipo di malattia è importante per la selezione di cure terapeutiche o chirurgiche efficaci.

Manifestazioni della malattia

I sintomi si sviluppano in più fasi. Nelle prime ore dopo un danno alle fibre nervose, i pazienti lamentano dolore all'orecchio o al processo mastoideo dell'osso temporale. In un giorno compaiono i principali sintomi della malattia, tra cui l'asimmetria facciale e la paralisi dei muscoli facciali. Le pieghe naso-labiali vengono levigate e gli angoli delle labbra abbassati. C'è un pregiudizio del viso in una direzione sana. Il paziente non può chiudere completamente le palpebre, aggrottare la fronte o sorridere. Possibile diminuzione della sensibilità al gusto.

Sintomi della neurite del nervo facciale

I sintomi delle malattie del sistema nervoso periferico dipendono dall'area del danno tissutale. Pertanto, il danno ai nuclei nervosi causa complicazioni neurologiche più gravi. La paralisi periferica, diagnosticata nella maggior parte dei pazienti, si riflette principalmente nelle espressioni facciali. Un segno specifico di patologia è un sollevamento riflesso degli occhi verso l'alto quando si cerca di chiudere le palpebre (sintomo di Bell).

Sintomi di un nervo nell'osso temporale

Il canale del nervo facciale passa attraverso l'osso temporale. Quest'ultimo può essere danneggiato da edema, lesioni ossee, infezioni e altri fattori patologici. Le manifestazioni cliniche della paralisi dipendono dal sito di danno alle fibre nervose.

Tipi di sintomi correlati al danno ai nervi:

  • nell'area della corda del tamburo: una diminuzione della sensibilità gustativa della parte anteriore della lingua e secchezza delle fauci su uno sfondo di rottura delle ghiandole salivari;
  • nell'area del nervo pietroso: diminuzione della sensibilità gustativa della parte anteriore della lingua, bocca secca, mancanza di lacrimazione e sordità nervosa;
  • nell'area del nervo della staffa: secchezza delle fauci, alterata percezione del gusto e aumento della sensibilità dell'organo uditivo ai toni bassi.

Pertanto, l'infiammazione del nervo nell'osso temporale è spesso accompagnata da problemi di udito e compromissione della funzione ghiandolare..

Sintomi di danno al nucleo nervoso

La sconfitta della parte intracerebrale del nervo facciale ha segni specifici che il medico può rilevare durante l'esame iniziale:

  • curvatura delle espressioni facciali sul lato opposto della lesione;
  • movimenti involontari del bulbo oculare (nistagmo);
  • incapacità di spostare l'occhio verso l'area interessata;
  • mancanza di coordinamento nello spazio.

Il nucleo nervoso è danneggiato nelle malattie vascolari del cervello, traumi e oncologia cerebrale.

Segni aggiuntivi

Altri sintomi si verificano quando si danneggiano le strutture nervose vicine e alcune forme eziologiche di patologia.

  • mal di testa e vertigini;
  • aumento della temperatura corporea;
  • piegatura della mucosa della lingua;
  • gonfiore del viso;
  • diffusione del dolore al collo e alla parte posteriore della testa;
  • debolezza e stanchezza.

Febbre, mal di testa e debolezza sono comuni con la neurite infettiva..

Complicazioni

Le pericolose conseguenze della neurite del nervo facciale sono notate con gravi danni alle fibre nervose e un trattamento inadeguato. Nella maggior parte dei pazienti è presente una forte contrazione dei muscoli facciali, in cui anche la parte sana del viso appare paralizzata. C'è spasmi muscolari spontanei, accompagnati da un forte dolore. Con un trattamento tempestivo, questa conseguenza negativa scompare dopo poche settimane..

  • danno irreversibile al nervo facciale, a seconda della localizzazione del processo patologico, il paziente può avere varie manifestazioni di nevralgia per tutta la vita, tra cui asimmetria facciale e alterata sensibilità al gusto;
  • diminuzione dell'acuità visiva dovuta all'incapacità di abbassare la palpebra, la cornea si secca e viene danneggiata;
  • lacrimazione abbondante, che si verifica a causa dell'azione di vari stimoli, le ghiandole lacrimali possono secernere le loro secrezioni quando il paziente mangia o utilizza attivamente i muscoli facciali.

Misure di riabilitazione competenti consentono di sbarazzarsi della maggior parte delle conseguenze negative della malattia.

Diagnostica

Quando compaiono i sintomi della malattia, è necessario fissare un appuntamento con un neurologo. Lo stabilimento di reclami e dati anamnestici del paziente è necessario per identificare i fattori di rischio per la formazione della paralisi di Bell. Un esame neurologico generale consente di valutare lo stato dei riflessi e rilevare i segni caratteristici di varie forme della malattia. Già in questa fase, lo specialista fa una diagnosi preliminare, poiché la neurite ha segni caratteristici. La valutazione dello stato neurologico consente di escludere pericolose cause alla radice della malattia, tra cui cancro al cervello e ictus. Una diagnosi accurata viene effettuata solo dopo aver superato gli esami strumentali e di laboratorio.

Ricerca strumentale

Il neurologo ha bisogno di ottenere un'immagine delle strutture nervose, valutare la pervietà degli impulsi elettrici ed escludere le cause alla radice della paralisi causata da danni cerebrali.

  1. La tomografia computerizzata o la risonanza magnetica è uno studio di alta precisione che consente di ottenere immagini volumetriche stratificate di varie aree anatomiche. Il neurologo scatta immagini del cervello e del nervo facciale. Viene determinata la localizzazione dell'effetto patologico e viene valutato il grado di danno d'organo. Utilizzando i dati TC o MRI, il paziente viene preparato per un intervento chirurgico per neurite secondaria.
  2. L'elettroneurografia è un metodo per misurare la velocità di conduzione degli impulsi elettrici nei nervi cranici. Con l'aiuto di sensori speciali, lo specialista riceve informazioni sulla sicurezza delle strutture nervose. Questa manipolazione diagnostica è importante per determinare la causa della malattia e valutare la gravità del danno d'organo..
  3. L'elettromiografia è uno studio della relazione tra fibre nervose motorie e muscoli. Il medico riceve informazioni sulla velocità e l'efficienza della trasmissione degli impulsi ai muscoli facciali. Questo studio viene effettuato non solo durante la diagnosi iniziale, ma anche durante l'esame del paziente dopo il trattamento..
  4. Metodo potenziale evocato. Lo studio valuta il cambiamento nell'attività del sistema nervoso che si verifica in risposta all'esposizione a determinati stimoli. È un metodo per diagnosticare le cause cerebrali della neurite, comprese le patologie vascolari e autoimmuni..
Elettroneurografia

Ulteriori esami vengono eseguiti da oftalmologi e otorinolaringoiatri.

Test di laboratorio

Vengono prescritte analisi per valutare le condizioni generali del paziente, nonché per escludere patologie infettive e autoimmuni.

  1. Analisi del sangue generali e biochimiche. Si stima la quantità e il rapporto delle cellule del sangue. Un test biochimico può rilevare segni di diabete o di una malattia autoimmune.
  2. Esami sierologici del sangue: ricerca di anticorpi prodotti dal sistema immunitario in risposta alla penetrazione dell'infezione nel corpo. Viene inoltre eseguita una ricerca di antigeni virali specifici. Prima di tutto, è necessario identificare la borreliosi, l'infezione da HIV, la sifilide o l'herpes.

La diagnosi differenziale consente al medico di escludere malattie con sintomi simili. Alcuni sintomi sono comuni ad altri disturbi neurologici.

Metodi di trattamento

I sintomi della malattia nella maggior parte dei casi scompaiono da soli dopo alcune settimane, tuttavia, senza un trattamento tempestivo, il paziente può avere complicazioni. Il compito principale del medico è eliminare rapidamente la causa identificata della neurite. Quando si sceglie la terapia, vengono prese in considerazione le raccomandazioni cliniche. Quindi, nel caso della paralisi facciale idiopatica, la terapia è volta a ripristinare le funzioni dei muscoli facciali e ad alleviare le condizioni del paziente. Vengono selezionati farmaci, procedure di fisioterapia e, se necessario, metodi chirurgici per correggere la malattia. Riabilitazione in corso.

Trattamento medico della neurite del nervo facciale

  1. Terapia con corticosteroidi. Si tratta di farmaci antinfiammatori che aiutano ad eliminare l'edema nell'area di passaggio delle fibre nervose. Di conseguenza, le funzioni dell'organo vengono ripristinate e la trasmissione dell'impulso nervoso ai muscoli facciali è facilitata. È meglio iniziare a usare i corticosteroidi nei primi giorni dopo la comparsa dei sintomi della neurite.
  2. L'uso di farmaci antivirali. Tale terapia è giustificata solo se viene rilevato l'herpes. Al paziente viene prescritto un corso di Valacyclovir o un altro farmaco. Prevenire l'ulteriore diffusione del virus nel corpo aiuta a prevenire la formazione di una forma cronica della malattia.
  3. L'uso di diuretici per combattere l'edema. Ai pazienti viene prescritto Furosemide, Triamteren o un altro agente. I diuretici sono garantiti per l'edema grave che comprime le fibre nervose.
  4. L'uso di farmaci antidolorifici. Di solito i farmaci antinfiammatori non steroidei sono sufficienti per alleviare il dolore.
  5. Terapia con farmaci vasodilatatori. Farmaci prescritti di acido nicotinico, scopolamina e altri farmaci.

Nella prima settimana di trattamento è indicato un riposo costante. Le vitamine possono essere utilizzate come terapia riparatrice..

Chirurgia

La decisione di eseguire l'operazione viene presa dopo aver ricevuto i risultati della diagnostica visiva. Può essere necessario un intervento chirurgico per un paziente con danno cerebrale, rottura completa delle fibre nervose e difetti congeniti del sistema nervoso periferico. Il nervo lacerato viene suturato utilizzando tecniche microchirurgiche. Con la crescita delle cicatrici del tessuto connettivo nell'area delle fibre nervose, viene eseguita la neurolisi.

Un trattamento chirurgico efficace è possibile solo entro 12 mesi dall'insorgenza dei primi sintomi di neurite facciale. In futuro si verificano cambiamenti irreversibili. Allo stesso tempo, la moderna pratica chirurgica consente il trapianto autologo per ripristinare l'organo. Le fibre nervose vengono rimosse dall'arto inferiore e suturate al nervo facciale.

Metodi di riabilitazione

Il recupero dalla neurite facciale di solito si verifica entro un mese. La riabilitazione viene eseguita sotto la supervisione di un medico di terapia fisica e un neurologo. Vari tipi di stimoli fisici aiutano a ripristinare le funzioni del sistema nervoso periferico. Si consiglia di iniziare la fisioterapia il prima possibile, poiché questi metodi completano perfettamente la terapia farmacologica. Alcune procedure possono essere eseguite a casa.

Fisioterapia e altri metodi di riabilitazione:

  1. La terapia UHF è un effetto terapeutico delle correnti ad alta frequenza. La procedura migliora il flusso sanguigno locale, normalizza il drenaggio linfatico ed elimina l'infiammazione.
  2. La darsonvalutazione è l'effetto delle correnti impulsive ad alta frequenza per migliorare le proprietà rigenerative dei tessuti e normalizzare il flusso sanguigno. Viene utilizzato un dispositivo speciale (Darsonval).
  3. Trattamento alla paraffina: l'effetto termico della paraffina riscaldata. Questo metodo viene utilizzato principalmente per alleviare il dolore ed eliminare i focolai di infiammazione..
  4. Il massaggio con digitopressione è un metodo di terapia manuale che coinvolge effetti fisici in determinate aree. Di solito è usato per trattare la forma cronica della malattia nella fase di remissione. Il massaggio facciale per la neurite del nervo facciale consente ai muscoli facciali di recuperare più velocemente.
  5. Educazione fisica. Il dottore spiega al paziente come eseguire gli esercizi facciali.

Ulteriori metodi di riabilitazione includono il taping del viso, la terapia con ozocerite, la fonoforesi, l'agopuntura e la stimolazione elettrica muscolare. L'agopuntura e altri metodi non tradizionali vengono utilizzati solo dopo un consulto medico.

Quante neuriti del nervo facciale vengono trattate?

Solo un neurologo che cura un paziente può rispondere a questa domanda in modo accurato. La durata della terapia farmacologica varia solitamente da diversi giorni a un mese. Con interventi chirurgici complessi, il paziente può richiedere un lungo corso di riabilitazione. Spesso, la piena attività motoria viene ripristinata solo 6-12 mesi dopo il trattamento. Le procedure speciali di ginnastica e fisioterapia accelerano significativamente il recupero.

Neurite del nervo facciale (paralisi di Bell)

Informazione Generale

La neuropatia del nervo facciale (sinonimo - neurite del nervo facciale, paralisi di Bell) è la paralisi / paresi del nervo facciale, accompagnata da disturbi sensoriali, motori e autonomici nell'area di innervazione dei muscoli facciali e asimmetria facciale. La neuropatia del nervo facciale (FN) è uno dei problemi più comuni e urgenti della neurologia..

Le lesioni specifiche del nervo facciale, secondo diversi autori, vanno dal 9,3 al 12,8% di tutte le malattie del sistema nervoso periferico. Codice ICD-10 per la neurite del nervo facciale: G51.0 - Paralisi di Bell. Nella terminologia moderna, il termine "paralisi di Bell" viene solitamente utilizzato solo per denotare una lesione del nervo facciale di eziologia sconosciuta (origine idiopatica), mentre la neuropatia del nervo facciale è un concetto più ampio che include tutta la varietà di forme.

Innanzitutto va notato che la NLN si sviluppa sempre solo con il danneggiamento della fibra nervosa dal nucleo motore del nervo facciale alla sua uscita dal forame stiloideo (paresi periferica) e sempre dalla parte omonima, in contrasto con la paresi centrale, che si manifesta principalmente nell'ictus e spesso è abbinata a paresi degli arti che si sviluppano sul lato opposto al fuoco (Fig. sotto).

Il nervo facciale (LN) si riferisce ai nervi prevalentemente motori che forniscono espressioni facciali, i processi di sbattere le palpebre, masticare, deglutire, aggrottare la fronte. Tuttavia, le parti costitutive del nervo intermedio - le fibre parasimpatiche (secretorie) e sensoriali (gustative), che innervano le ghiandole salivari, nonché la sensibilità del gusto della lingua - passano anche attraverso il tronco del nervo facciale..

La frequenza relativamente alta di danni al nervo facciale è in gran parte dovuta alle sue caratteristiche anatomiche e topografiche intrinseche: il nervo ha un decorso lungo e complesso nello stretto canale osseo dell'osso temporale. Il segmento più vulnerabile del LN (in cui viene violato / schiacciato) è il segmento situato in uno stretto canale contorto dove, in caso di edema causato da vari motivi (ad esempio infiammazione), viene compresso.

Tra le diverse localizzazioni di lesioni nella FN periferica, la paralisi di Bell è una delle patologie più comuni (16-25 casi / 100.000 abitanti) ed è causata dallo sviluppo di edema e dalla sua successiva compressione nel canale osseo (sindrome del tunnel). L'elevata vulnerabilità della FN nel canale di Falloppio è spiegata dalla sua prevalenza nella sezione trasversale del canale, dove occupa il 40% -70% dell'intera area. Inoltre, nonostante il fatto che il canale si restringa in alcuni punti, lo spessore del tronco nervoso stesso rimane invariato.

Nella stragrande maggioranza dei casi, la paresi periferica del nervo facciale si manifesta come una lesione unilaterale del nervo facciale. La faccia destra / sinistra è influenzata alla stessa frequenza. La quota di neuropatia FN bilaterale rappresenta solo il 6,2% di tutte le sue lesioni. L'età media all'esordio è di circa 40 anni, ma può manifestarsi a qualsiasi età. Il tasso di incidenza più basso si osserva nei bambini di età inferiore ai 10 anni, gli aumenti nelle persone della fascia di età 10-29 anni, i tassi stabili sono tipici per le persone di 30-69 anni e raggiungono i tassi massimi nella popolazione dei pazienti dopo i 70 anni.

La malattia è caratterizzata da un'alta incidenza di complicanze (7–18% dei casi); le neuropatie FN ricorrenti sono osservate nel 24,5%. Le neuropatie ricorrenti sono più difficili delle neuropatie primarie, più difficili da trattare e raramente si completano con il recupero completo. La neuropatia del nervo facciale, come scrivono molti pazienti che partecipano ad un forum speciale, è una situazione estremamente traumatica per i pazienti e ha un effetto estremamente negativo sulla sfera psicoemotiva e sulla condizione fisica dei pazienti fino allo sviluppo della nevrosi. La paralisi FN è una causa comune di disabilità a lungo termine e riduce significativamente la qualità della vita.

Patogenesi

Il fattore scatenante per LN è l'irritazione dei vasi della regione cranio-cervicale, che contribuisce allo sviluppo dell'angiospasmo della colonna vertebrale e dei rami dell'arteria carotide esterna, che porta all'ischemia primaria della radice LN. L'aumento dei disturbi del microcircolo nelle strutture del LN porta all'edema del nervo anossico. Ciò, a sua volta, porta alla compressione (spremitura) del tessuto nervoso nel canale facciale (falloppio) dell'osso temporale, alterata conduzione neuromuscolare causata dal blocco del rilascio di acetilcolina dalle terminazioni degli assoni motori e da un disturbo nell'interazione dell'acetilcolina con i recettori situati sulla membrana postsinaptica. Man mano che i disturbi nel tessuto nervoso crescono, si sviluppa l'ischemia FN secondaria..

Classificazione

Isolare la lesione primaria di FN causata da ipotermia e secondaria, come complicanza di altre malattie.

Eziologicamente, ci sono:

  • Paralisi di Bell (neuropatia idiopatica).
  • Neurite otogena (con infiammazione dell'orecchio medio / processo mastoideo dell'osso temporale).
  • Neurite infettiva (con influenza, herpes, parotite, poliomielite, ecc.).
  • Neurite traumatica (danno al nervo facciale).
  • Ischemico (in caso di alterato afflusso di sangue al nervo).

Cause di neurite del nervo facciale

Nel caso di lesioni periferiche di FN, è piuttosto difficile stabilire le cause della malattia nella maggior parte dei casi. È generalmente accettato che le cause della neuropatia FN siano polietiologiche (ischemica, otogenica, idiopatica, traumatica, infettiva e di altra genesi). Come già accennato, la paralisi di Bell si sviluppa a seguito della compressione del nervo nello stretto canale tortuoso dell'osso temporale, che si verifica per vari motivi (infiammazione, predisposizione ereditaria sotto forma di ristrettezza congenita del canale del nervo facciale).

I fattori provocatori della neuropatia da FN includono ipotermia, infezioni, compressione del nervo da parte di un tumore (neuroma), trauma alle ossa della base cranica / viso con danno meccanico / rottura delle fibre nervose e avvelenamento. Inoltre, la neuropatia può svilupparsi come complicanza di otite media, parotite, mesotimpanite, infezione virale neurotropica (poliomielite, herpes), processi infiammatori nel cervello.

Sintomi

I sintomi della neurite del nervo facciale sono determinati dal livello della sua lesione. Consideriamo solo i sintomi della lesione ischemica da compressione della FN (paralisi di Bell). Molto spesso, la neuropatia ischemica da compressione si manifesta con una paresi / paralisi acutamente sviluppata dei muscoli facciali sotto forma di:

  • Levigatezza pronunciata di tutte le pieghe della pelle del viso sul lato interessato, la palpebra e l'angolo della bocca sono abbassati.
  • Gonfiore della guancia quando si espira / si parla quando si pronunciano le consonanti (sintomo della vela).
  • "Occhio di lepre": quando si socchiude gli occhi, l'occhio non si chiude sul lato colpito, mentre il bulbo oculare gira leggermente verso l'esterno / verso l'alto.
  • Incapacità di sollevare un sopracciglio, chiudere gli occhi, arricciare la fronte, fischiare, la fessura della bocca viene tirata sul lato sano quando viene scoperta.
  • Ingestione di cibo solido tra la gomma e la guancia durante la masticazione e il versamento di liquido oltre il bordo della bocca sul lato colpito.
  • Problemi di dizione (non sempre).
  • Dolore dietro l'orecchio.

L'asimmetria facciale è estremamente specifica e difficile da perdere (foto sotto). Nella fase acuta della malattia, il viso del paziente è asimmetrico ea riposo, mentre il lato "sano" del viso tira i muscoli paretici, provocando così ulteriore disagio.

La paralisi facciale inizia per lo più all'improvviso. All'inizio della malattia, alcuni pazienti, 1-2 giorni prima dell'insorgenza di disturbi del movimento o contemporaneamente, sviluppano dolore da moderato a lieve e parestesia nella zona mastoidea / orecchio.

Analisi e diagnostica

La diagnosi si basa sui sintomi clinici e sui reclami dei pazienti. Al fine di escludere la natura secondaria della malattia, vengono prescritti ulteriori esami strumentali (MRI / TC del cervello). Per chiarire la localizzazione della lesione della FN, è possibile prescrivere il grado della sua lesione, l'elettromiografia e l'elettroneurografia.

Trattamento della neurite del nervo facciale

È possibile curare la paresi del nervo facciale solo utilizzando un trattamento complesso, tra cui terapia farmacologica, massaggi, fisioterapia, terapia fisica ed esercizi speciali. Le misure terapeutiche mirano a migliorare la circolazione sanguigna / linfatica nella zona del viso, normalizzare la conduzione del nervo facciale, prevenire la comparsa di contratture muscolari e ripristinare la funzione dei muscoli facciali. Il trattamento, a seconda della gravità della malattia, può essere effettuato in regime ambulatoriale o stazionario nel reparto neurologico.

Trattamento farmacologico

Il principio principale del trattamento farmacologico della neuropatia è la rimozione dell'edema e il ripristino precoce della microcircolazione. Nel periodo acuto della malattia, i glucocorticosteroidi sistemici sono abbastanza efficaci. A tale scopo viene eseguita la terapia del polso: Metipred viene gocciolato per via endovenosa per 3 giorni e quindi GCS viene somministrato per via orale per 5 giorni, quindi la dose viene gradualmente ridotta quotidianamente di 5 mg. Oppure, il prednisolone viene prescritto per 7 giorni a 60-80 m / giorno con una graduale cancellazione in 5-6 giorni. Alcuni autori ritengono che con la paralisi di Bell sia più appropriata la somministrazione perineurale di ormoni (idrocortisone con novocaina), il che contribuisce a una più rapida decompressione del nervo facciale. In parallelo, vengono prescritti diuretici: Furosemide, Diakarb, Triamteren.

Per ridurre il dolore e la terapia antinfiammatoria, vengono prescritti FANS: Ksefokam, Diclofenac, Ibuprofen, Ketorolac, Zornika. I farmaci vasodilatatori sono efficaci (scopolamina, acido nicotinico, xantinolo nicotinato). È stata dimostrata la nomina di vitamine del gruppo B, che hanno un effetto neurotropico, migliorano la rigenerazione ei processi trofici nel tessuto nervoso e riducono il dolore (Neuromultivitis, Milgamma, Neurobion, ecc.).

Sono prescritti preparati di acido alfa-lipoico (Thioctacid, Berlition, Thiogamma), che aiutano a ripristinare la struttura del nervo e fermare i processi di demielinizzazione.

Al di fuori del periodo acuto (nei giorni 7-10), viene eseguita una terapia stimolante per normalizzare la conduzione del nervo facciale - vengono prescritti farmaci anticolinesterasici (Galantamina, Neuromidina, Ipidacrina, Axamon). La neurite facciale prolungata richiede la nomina di antidepressivi: imipramina, amitriptilina, duloxetina, venlafaxina. Come agente aggiuntivo, si raccomanda la nomina di ossidanti: Thioctacid, Berlition. Per l'anestesia locale, puoi usare un unguento anestetico / lidocaina, che viene applicato alle aree dolorose. Se durante i primi 2-3 mesi il ripristino del nervo facciale non si è verificato completamente, vengono prescritti Lidaza e farmaci biostimolanti (FIBS, Aloe). Con lo sviluppo di contratture, vengono mostrati Midocalm, Tegretol.

Il trattamento domiciliare si riduce principalmente ad alleviare il dolore con i mezzi disponibili. A tale scopo, è possibile utilizzare pomata Menovazin, balsamo riscaldante "Golden Star" (con cautela in piccole quantità), impacchi alcolici di ruta profumata, lillà, fiori di acacia, olio di melaleuca, olio di pino / abete. Nella fase di remissione instabile, le procedure di riscaldamento (calore secco a temperatura confortevole) possono essere eseguite utilizzando sabbia, sale, che vengono applicati al sito del dolore prima di coricarsi.

Neurite del nervo facciale

La neurite è un'infiammazione delle fibre nervose periferiche.

Una malattia molto grave, a volte irreversibile ed esteticamente traumatica è la neurite del nervo facciale. In cui, c'è una perdita unilaterale totale o parziale dell'espressione facciale.

La malattia non dipende dal sesso e dall'età. Molto spesso, i cambiamenti patologici compaiono nella stagione fredda a causa dell'ipotermia..

Cos'è?

In totale, una persona ha XII paia di nervi cranici, che contengono i loro nuclei centrali nel cervello e la rete periferica in diverse parti della testa. Ogni coppia svolge solo le proprie funzioni e innervazione..

VII coppia - il nervo facciale innerva i muscoli che prendono parte alle espressioni facciali - il muscolo circolare della bocca, il gruppo occipitale, il muscolo stiloioide, il muscolo digastrico (addome posteriore), il muscolo sottocutaneo del collo. I nuclei motori di questa coppia cranica si trovano vicino al midollo allungato. La struttura anatomica del nervo facciale è molto complessa. Il percorso dai nuclei nervosi ai muscoli è molto tortuoso e passa attraverso varie strutture anatomiche della testa..

Cause di occorrenza

Il nervo facciale (ce ne sono due: sinistro e destro) dopo aver lasciato il cervello, passa nel canale dell'osso temporale nella cavità cranica.

Entra nel viso attraverso un foro speciale nell'osso temporale e qui innerva (si collega con il sistema nervoso centrale) i muscoli del viso, che forniscono le espressioni facciali. Inoltre, il nervo contiene fibre che forniscono lacrimazione, salivazione, senso del gusto nei due terzi anteriori della lingua e udito. Tutte queste funzioni possono soffrire insieme o in parte, a seconda del livello di danno ai nervi lungo il percorso. Come la maggior parte delle malattie neurologiche, la neurite del nervo facciale non ha una sola causa..

I colpevoli del suo sviluppo possono essere:

  • tumori;
  • meningite, encefalite, aracnoidite;
  • malattie diffuse del tessuto connettivo (lupus eritematoso sistemico, sclerodermia, periarterite nodosa, dermatosi e polimiosite - le cosiddette collagenosi);
  • disturbi metabolici (diabete mellito, per esempio);
  • Poliradicoloneuropatia di Hyena-Barre;
  • disturbi circolatori acuti del cervello;
  • infezioni virali: virus di herpes simplex, influenza, parotite, Epstein-Barr, adenovirus;
  • infezioni batteriche: sifilide, brucellosi, leptospirosi, borreliosi, difterite, ecc.;
  • malattie infiammatorie dell'orecchio (nell'area dell'orecchio esterno, medio e interno - otite media, mesotimpanite);
  • ristrettezza anatomica congenita del canale del nervo facciale;
  • fratture della base cranica con danno all'osso temporale, interventi chirurgici in quest'area;
  • sclerosi multipla.

I fattori che provocano la malattia includono ipotermia del viso (specialmente sotto forma di una brutta copia - un viaggio in un'auto con un finestrino aperto, aria condizionata), gravidanza (a causa dello sviluppo di edema, il canale per il nervo facciale si restringe).

Sviluppo di neurite

Il meccanismo di sviluppo del nervo facciale si basa sulla disfunzione dei nervi. Tumori, traumi, infezioni distruggono gradualmente mielina e lemmociti, che sono coinvolti nella trasmissione degli impulsi lungo le fibre; nei casi difficili, il cilindro assiale viene distrutto. Di conseguenza, le fibre nervose interrompono la trasmissione degli impulsi dal cervello ai tessuti, che poi cessano di funzionare..

La forma più comune di paralisi del nervo facciale, che si verifica a causa di neurite o neuropatia acuta, è idiopatica: la sindrome di Bell (o paralisi di Bell). La patologia si sviluppa bruscamente. Innanzitutto, c'è un dolore insolito dietro l'orecchio e dopo 2-3 giorni i muscoli del viso si indeboliscono.

La paralisi di Bell si verifica in più fasi:

  • un graduale aumento dei sintomi (da 48 ore a 8 giorni), comparsa di edema, ischemia, nervo schiacciato;
  • recupero precoce - fino a 1 mese - il ritorno della precedente funzionalità dell'apparato muscolare del viso e l'eliminazione dell'edema delle fibre;
  • recupero tardivo (da 3 a 4 mesi) - le violazioni nei muscoli facciali del viso vengono ripristinate lentamente e non completamente, il che indica gravi cambiamenti nel nervo facciale;
  • lo stadio finale, che è caratterizzato da segni residui di paralisi - atrofia dei muscoli facciali, movimenti involontari di frammenti del viso (punta della bocca, occhio).

Sintomi della neurite del nervo facciale

La neurite del nervo facciale si sviluppa sempre in modo acuto. Prima della piena formazione delle manifestazioni cliniche, il paziente può avvertire dolore dietro l'orecchio, che si irradia al viso, alla parte posteriore della testa, all'orbita (insorgenza di edema nervoso). L'incapacità del cervello di controllare i muscoli del viso sul lato della lesione nervosa si sviluppa gradualmente.

Il paziente ha:

  • viso simile a una maschera sul lato doloroso e perdita di simmetria;
  • morso frequente della guancia del paziente mentre mangia;
  • bocca secca - una conseguenza di una violazione dell'innervazione della ghiandola salivare, o viceversa - salivazione abbondante dall'angolo inferiore della bocca;
  • problemi con la parola - indistinzione, soprattutto quando si cerca di pronunciare suoni - "p", "b", "c", "f";
  • secchezza degli occhi, raro battito di ciglia e incapacità di chiudere l'occhio sul lato dolente, secchezza e infiammazione della mucosa. Alcune persone si lamentano di lacrimazione eccessiva;
  • ampia apertura dell'occhio, abbassamento dell'angolo della bocca, levigatura della piega naso-labiale. Questi segni sono particolarmente evidenti quando si parla, si cerca di ridere o si piange;
  • versare cibo liquido dall'angolo della bocca;
  • perdita di gusto sulla superficie anteriore della metà interessata della lingua;
  • aumento della sensibilità ai suoni sul lato malato (a causa della vicinanza della posizione dei nuclei dei nervi facciali e uditivi). Il paziente suona più forte, particolarmente basso.

In base ai reclami e ai sintomi esistenti, un neurologo esperto può suggerire la posizione della lesione del nervo facciale.

Diagnostica

La diagnosi di neurite del nervo facciale viene effettuata sulla base di:

  1. Reclami e anamnesi, esame obiettivo del viso e valutazione della sua simmetria a riposo e durante l'articolazione e tentativo di sorridere.
  2. Test diagnostici speciali per la neurite del nervo facciale: chiudere gli occhi contemporaneamente e alternativamente, chiudendo gli occhi, muovendo le sopracciglia (simmetricamente e asimmetricamente), cercando di aggrottare la fronte del naso e delle sopracciglia, piegare le labbra con un tubo.
  3. Controllo del gusto e della sensibilità alla temperatura della lingua (disgeusia) - ridotta differenziazione tra salato e dolce, rimane invariata solo la sensazione di amaro.
  4. Identificazione dei sintomi patologici della neurite del nervo facciale:
    • Un segno spiacevole e immediatamente evidente è il sintomo di Bell: girare il bulbo oculare verso l'alto quando si cerca di chiudere gli occhi. Di conseguenza, il segno successivo diventa evidente: lagoftalmo o "occhio di lepre", questa è l'apertura della zona bianca della sclera.
    • Il sintomo di Revillau è la discinesia delle palpebre, che si manifesta quando si cerca di chiudere gli occhi. Sul lato sano, gli occhi rimangono socchiusi, a causa della mancanza di controllo sul muscolo orbicolare dell'occhio.
    • Il sintomo della vela: quando provi a prendere aria in bocca e chiudi bene le labbra, spegni una candela o un fischio, l'aria fischia dall'angolo paralizzato della bocca e la guancia "vela" allo stesso tempo.
    • Sintomo della "racchetta" - quando si tenta di scoprire i denti, la loro esposizione avviene solo sul lato sano, in quanto la bocca aperta assume la forma di una racchetta da tennis sdraiata.
    • Strabismo convergente in tratti.
    • Nistagmo orizzontale nella sindrome di Hunt.
  5. I metodi di ricerca strumentale sono utilizzati per la neurite del nervo facciale con uno scopo eziologico: imaging a risonanza magnetica o computerizzata.
  6. Per determinare la localizzazione del sito infiammatorio, viene utilizzata l'elettroneuromiografia.

Complicazioni

Se inizi il trattamento per la neurite del nervo facciale o ignori le raccomandazioni del medico, le conseguenze possono essere gravi:

  • synkinesis - movimenti amichevoli. A causa della malattia, parte delle fibre nervose muore. Pertanto, un nervo può controllare molti muscoli. Così per
  • lampeggiante, l'angolo della bocca può sollevarsi;
  • atrofia muscolare - può verificarsi a causa di una violazione dell'innervazione dei muscoli e della loro inazione;
  • congiuntivite - si sviluppa a causa dell'incapacità di chiudere completamente gli occhi;
  • contrazione spontanea dei muscoli facciali;
  • contrattura muscolare - irrigidimento dei muscoli facciali sul lato interessato del viso.

Trattamento della neurite del nervo facciale

Il trattamento dell'infiammazione del nervo facciale ha lo scopo di aumentare l'afflusso di sangue e il drenaggio linfatico del viso e del collo, normalizzando la conduzione degli impulsi nervosi e ripristinando il lavoro dei muscoli danneggiati. Il momento più favorevole per iniziare la terapia è i primi tre giorni dopo la comparsa dei sintomi.

Se il trattamento viene avviato più tardi, le possibilità di un esito favorevole diminuiscono..

Trattamento farmacologico

La neurite acuta viene trattata con diversi gruppi di farmaci contemporaneamente.

  1. Glucocorticosteroidi e farmaci antinfiammatori non steroidei - iniezioni di Prednisolone, Desametasone, Meloxicam, Nimesulide, Piroxicam - riducono l'infiammazione, aiutano a sopprimere i processi patogeni nel corpo.
  2. Antibiotici - Amoxicillina, Tetraciclina - inibiscono lo sviluppo di infezioni batteriche.
  3. Farmaci vasodilatatori - Euphyllin, Acido nicotinico, Complamin - stimolano la circolazione sanguigna nell'area interessata.
  4. Compresse diuretiche - Torasemide, Furasemide - riducono l'edema.
  5. Analgesici e antispastici - Analgin, Solpadein, Drotaverin, Spazmolgon - alleviano il dolore, riducono gli spasmi.
  6. Farmaci neurometabolici - Espalipon, Berlition, thiogamma - migliorano i processi di recupero nei muscoli colpiti.

Per combattere il virus dell'herpes, che ha causato l'infiammazione del nervo facciale, vengono utilizzati farmaci antivirali: Acyclovir, Valacyclovir. Al fine di migliorare i processi metabolici nei tessuti della fibra nervosa, vengono utilizzati preparati con vitamine del gruppo B..

Sollievo dal dolore

Per alleviare il dolore con l'infiammazione del nervo facciale, puoi usare forti anticonvulsivanti, come la carbamazepina. La dose del farmaco viene selezionata dal medico individualmente e dopo due giorni i pazienti notano una diminuzione del dolore.

A volte è necessario assumere carbamazepina per un lungo periodo (fino a sei mesi) fino a quando il paziente non nota una diminuzione della gravità della sindrome del dolore.

Tuttavia, non è consigliabile assumere questo farmaco durante la gravidanza, poiché influisce negativamente sul feto e sull'afflusso di sangue intrauterino..

Massaggio per la neurite

Puoi iniziare a fare un massaggio per la neurite del nervo facciale 5-7 giorni dopo la comparsa dei primi sintomi della malattia. È meglio affidarlo a uno specialista esperto, perché il massaggio ha alcune caratteristiche..

  1. Prima del massaggio, è necessario allungare i muscoli del collo. Per fare ciò, inclina la testa avanti e indietro, gira e ruota la testa. Tutti gli esercizi vengono eseguiti 10 volte a un ritmo molto lento. Fai attenzione a non avere le vertigini.
  2. Il massaggio inizia dalla parte posteriore della testa e del collo. In questo modo si preparano i vasi linfatici, perché devono ricevere una porzione aggiuntiva di linfa dalla parte anteriore della testa..
  3. Massaggia il lato sano e dolorante della testa.
  4. Particolare attenzione è riservata a viso, mastoide e collo. Impasta anche l'area del colletto.
  5. Il massaggio al viso dovrebbe essere superficiale, soprattutto nei primi giorni. In caso contrario, possono verificarsi contrazioni muscolari dolorose..
  6. Massaggiare con movimenti di carezza, la leggera vibrazione dà un buon effetto.
  7. I movimenti vengono eseguiti lungo le linee del deflusso linfatico.
  8. Passa le dita dalla metà del mento, del naso e della fronte alle ghiandole parotidi. Ripeti questo movimento molte volte.
  9. Non massaggiare le aree in cui si trovano i linfonodi. Ciò può causare infiammazione..
  10. Fai questo esercizio da solo. Il pollice di una mano è nascosto dietro la guancia e allunga facilmente i muscoli. Con il pollice e l'indice dell'altra mano massaggiare i muscoli della guancia dall'esterno.
  11. Dopo il massaggio al viso, i muscoli dell'occipite e del collo vengono rimassaggiati per migliorare l'afflusso di linfa ai condotti principali.
  12. La seduta di massaggio si conclude con esercizi per i muscoli del collo.

La durata della seduta di massaggio è di 10-15 minuti. Il massaggio è necessario finché i sintomi non scompaiono completamente. Di solito il massaggiatore conduce 10-20 sessioni e in futuro puoi fare l'automassaggio usando la stessa tecnica..

Fisioterapia

L'esercizio per la neurite facciale viene eseguito più volte al giorno per 20-30 minuti. Dovrebbe essere fatto davanti a uno specchio, concentrandosi sul lavoro dei muscoli facciali del lato colpito. Quando si eseguono gli esercizi, è necessario tenere i muscoli della metà sana del viso con la mano, altrimenti possono "tirare" su se stessi l'intero carico..

Una serie di esercizi per la neurite facciale:

  1. Chiudi bene gli occhi per 10-15 secondi.
  2. Alza le palpebre superiori e le sopracciglia il più possibile, fissa la posizione per alcuni secondi.
  3. Aggrottare le sopracciglia lentamente, fissare questa posizione per alcuni secondi.
  4. Prova a gonfiare lentamente le ali del naso.
  5. Inspira lentamente l'aria attraverso il naso, mentre devi mettere le dita sulle ali del naso e premere su di esse, resistendo al flusso d'aria.
  6. Sorridi il più ampiamente possibile, cerca di mostrare i molari quando sorridi.
  7. Sorridi ampiamente con la bocca chiusa e le labbra chiuse mentre pronunci il suono "e".
  8. Metti una piccola noce sul lato interessato della guancia e cerca di parlare in questo modo.
  9. Gonfia le guance e trattieni il respiro per 15 secondi.
  10. Piega la lingua in un tubo, copri le labbra e inspira ed espira lentamente attraverso la bocca..
  11. Muovi la lingua tra la guancia e i denti in un cerchio.

Hirudoterapia

Il trattamento della neurite del nervo facciale con le sanguisughe sta guadagnando popolarità. L'effetto curativo si osserva a causa delle proprietà della saliva delle sanguisughe: ripristina la nutrizione dei tessuti necessaria, dilata i vasi sanguigni, allevia il dolore. Pertanto, l'uso dell'irudoterapia per la neurite dà:

  • rimozione dell'infiammazione;
  • ridurre il dolore;
  • migliorare il lavoro dei vasi sanguigni;
  • rafforzare il sistema immunitario;
  • rimozione dell'edema.

Le sanguisughe sono posizionate lungo il nervo infiammato. Usa 4-6 persone alla volta, a seconda dell'area interessata. Tale trattamento deve essere concordato con il medico..

Metodi tradizionali

A casa, puoi provare i rimedi popolari come aiuto se tratti dal punto di vista medico un nervo che si è raffreddato:

  1. Riscaldare i punti dolenti con 200 g di sale caldo o sabbia. Per fare questo scaldare la sostanza in una padella senza olio, metterla in un sacchetto di stoffa e tenerla sulle zone colpite per almeno mezz'ora;
  2. Bere camomilla e fare impacchi dalle bustine di tè avanzate;
  3. Bevi un tè ai petali di rosa. 3 cucchiai sostanza secca, versare un bicchiere di acqua bollente, lasciare fermentare il tè e prendere un bicchiere tre volte al giorno per un mese;
  4. Prepara un unguento curativo dai boccioli di pioppo nero. Avrai bisogno di 2 cucchiai. sostanza secca o fresca e la stessa quantità di burro. Mescolare gli ingredienti e applicare l'unguento risultante sui punti dolenti dopo aver riscaldato con sale una volta al giorno. La durata della terapia è di un mese.

Operazione

Se i metodi di trattamento conservativi non danno risultati entro 8-10 mesi, è necessario un intervento chirurgico. Darà i risultati desiderati solo durante il primo anno di malattia, dopo di che si verificano cambiamenti irreversibili nei muscoli..

Nella maggior parte dei casi, è necessario un intervento per la neurite ischemica, quando il nervo è compresso in un canale stretto. Ciò può essere dovuto a un'infiammazione prolungata dell'orecchio oa una frattura delle ossa craniche. Inoltre, l'operazione è necessaria per l'origine traumatica della neurite, quando si verifica una rottura del nervo a causa di un danno.

Se la neurite è dovuta alla compressione di un nervo, viene praticata un'incisione semicircolare dietro il padiglione auricolare. La parete del canale nervoso viene rimossa utilizzando uno strumento speciale.

Questo deve essere fatto con molta attenzione per non interrompere il tronco nervoso. Di conseguenza, viene posizionato in un solco aperto, a causa del quale la compressione dell'osso temporale si interrompe. Questa procedura viene eseguita in anestesia generale..

Se diventa necessario suturare il nervo, viene praticata un'incisione nell'area del padiglione auricolare. Dopodiché, il medico trova le estremità del nervo e pulisce l'area strappata: ciò garantirà una migliore fusione.

Se la distanza tra le estremità del nervo non è superiore a 3 mm, vengono suturate. Se questa distanza supera i 12 mm, diventa necessario liberare il nervo dai tessuti vicini e posare un nuovo canale. Questa procedura consente a una sutura di collegare un nervo, ma allo stesso tempo ne soffre la circolazione sanguigna..

È anche possibile ripristinare l'integrità del nervo mediante un innesto automatico. In questo caso, una parte del nervo della lunghezza richiesta viene prelevata dalla coscia e posizionata nel sito di rottura..

Ciò consente di ripristinare una parte del nervo lunga diversi centimetri. Tuttavia, diventa necessario suturare il nervo in 2 punti, il che porta a una trasmissione del segnale compromessa.

Prevenzione

È possibile prevenire le malattie del nervo facciale aderendo a semplici regole:

  • escludere l'ipotermia, rimanere in una brutta copia;
  • monitorare le condizioni dei denti;
  • trattare tempestivamente raffreddori, infezioni, malattie sistemiche;
  • evitare infortuni, tensione nervosa, situazioni stressanti;
  • condurre uno stile di vita sano e attivo;
  • non permettere l'eccesso di peso;
  • impegnarsi in educazione fisica e sport;
  • rifiutare le cattive abitudini;
  • mangiare bene, prendere periodicamente le vitamine.

Se sospetti danni ai nervi, contatta immediatamente uno specialista.

Corso e previsione

La prognosi di questa malattia nella maggior parte dei pazienti è favorevole: il recupero completo si osserva nel 75% dei pazienti. Se la paralisi dei muscoli facciali persiste per più di 3 mesi, le possibilità del paziente di un recupero completo diminuiscono rapidamente..

Se la neurite è causata da una lesione o da una malattia dell'organo uditivo, il ripristino della normale funzione muscolare potrebbe non verificarsi affatto. Per quanto riguarda la neurite ricorrente, ogni episodio successivo della malattia è un po 'più grave del precedente e il periodo di recupero è allungato.