Nevralgia del rachide cervicale: sintomi e metodi di trattamento

La nevralgia cervicale è il risultato di un nervo occipitale schiacciato. La condizione patologica è caratterizzata da dolore lungo la colonna vertebrale, più spesso alle spalle e al collo. La malattia è particolarmente caratteristica delle persone che conducono uno stile di vita sedentario e sedentario, indipendentemente dall'età.

Perché sorge

La nevralgia cervicale è una conseguenza del fatto che le radici nervose, localizzate nella regione occipitale, iniziano a spremere i tessuti circostanti. Questo processo si verifica a causa di una violazione della struttura della colonna vertebrale e dei suoi dischi..

Le ragioni di tali cambiamenti nell'area del collo possono essere:

  • Deformazione del tessuto osseo. Questo è influenzato da malattie come l'osteocondrosi, la protrusione del disco o la presenza di un'ernia;
  • Grave sovraccarico dei muscoli cervicali, che iniziano a schiacciare il nervo e interferire con il suo normale apporto di sangue. Ciò può essere dovuto non solo a una posizione seduta prolungata, ma anche a una posizione errata della testa;
  • Lesione alla colonna vertebrale. Non devono essere di natura grave, possono essere solo lividi;
  • La presenza di malattie infettive nel corpo e, di conseguenza, la loro complicazione sotto forma di nevralgia;
  • Processi tumorali nel cervello e nelle vertebre cervicali;
  • Malattie autoimmuni;
  • Ipotermia del corpo, soprattutto se è nel collo o nelle orecchie;
  • Forte sconvolgimento emotivo, condizioni stressanti, aumento dell'ansia.

Sintomi

La nevralgia del rachide cervicale ha due principali forme di flusso. Questi includono:

  • Disestetico. Con questa forma, non ci sono complicazioni sotto forma di intorpidimento o paralisi delle mani;
  • Trunkalnaya. In questo caso, i pazienti hanno una paralisi parziale o completa degli arti superiori, così come il loro intorpidimento..
Nevralgia cervicale

Ci sono molti sintomi di un nervo schiacciato, ma il principale è il dolore..

La natura del dolore può essere diversa:

  • Palpitante;
  • Tiro;
  • Emicrania;
  • Coprendo solo un lato del viso o entrambi allo stesso tempo. La seconda opzione è molto meno comune;
  • Sensazioni dolorose derivanti da vari movimenti, tocchi, espressioni facciali e dall'osservazione di una luce intensa.
    Inoltre, si distinguono quattro sindromi patogenetiche, a seconda della fonte della malattia. Loro includono:
  • Ischemia spinale. Si esprime in sensazioni dolorose lungo l'intera colonna vertebrale. Le ernie intervertebrali diventano la causa;
  • Sindrome irrigativa. Nei muscoli del collo, oltre al dolore, ci sono sensazioni estranee che parlano di una violazione della funzione autonomica del sistema nervoso;
  • Sindrome vertebrale. È caratterizzato dalla presenza costante di mal di testa, vertigini e, in alcuni casi, perdita di coscienza;
  • Radicolopatia. Gravi dolori acuti lungo l'intera colonna vertebrale.

Oltre ai sintomi del dolore, ci sono altri sintomi della nevralgia cervicale. Di solito hanno questo aspetto:

  • Ipersensibilità dell'area interessata;
  • Nausea e vomito, aggravati da movimenti improvvisi;
  • Brividi;
  • Aumento della lacrimazione;
  • Rossore o, al contrario, pallore della pelle;
  • Debolezza generale del corpo, accompagnata da vertigini;
  • Pressione sanguigna alta o bassa;
  • Intorpidimento dell'area problematica.

In alcuni casi, la nevralgia del rachide cervicale può provocare temperatura corporea elevata, mancanza di respiro e persino stordimento..

Diagnostica

Già con un esame visivo del paziente, il medico può sospettare la presenza di nevralgia, poiché durante la palpazione delle vertebre e dei muscoli cervicali, il paziente avverte una risposta dolorosa. La diagnosi può essere confermata da metodi diagnostici così moderni come:

  • Esame a raggi X. Consente di rilevare i cambiamenti nella struttura del tessuto osseo della colonna vertebrale;
  • Scansione TC. Visualizza la struttura non solo delle ossa, ma anche dei tessuti e degli organi. Possono essere visualizzati da varie angolazioni e alla profondità richiesta;
  • Risonanza magnetica. Esegue funzioni simili a CT, ma a un livello più avanzato. Oggi è il modo più accurato per diagnosticare la malattia..

Prima si esegue l'esame e si inizia il trattamento appropriato, maggiori sono le probabilità di guarigione senza complicazioni per l'organismo.

La tomografia computerizzata può diagnosticare efficacemente la nevralgia cervicale

Trattamento

Molto spesso, il trattamento medico standard può aiutare a curare la nevralgia e sbarazzarsi dell'infiammazione. In altri casi, è sufficiente eseguire una terapia conservativa o, al contrario, è richiesto un passaggio più serio sotto forma di intervento chirurgico. La natura del trattamento può essere determinata solo dal medico sulla base dell'esame del paziente.

Trattamento conservativo non farmacologico

Questo approccio è adatto a persone che non hanno nevralgia del collo in un periodo acuto e il rischio di possibili complicanze è molto ridotto. I pazienti che vedono un medico in una fase iniziale della malattia possono contare su di esso..

La terapia include le seguenti misure:

  • Regime quotidiano. Si consiglia al paziente di riposare, riposare a letto e svolgere un'attività fisica moderata;
  • Massaggio. Per questo, non è necessario ricorrere all'aiuto di specialisti, è del tutto possibile eseguirlo in modo indipendente. I movimenti di massaggio contribuiscono non solo al rilassamento muscolare, ma anche a normalizzare la circolazione sanguigna. Molto spesso, con il massaggio per la nevralgia del collo, vengono utilizzati gel e unguenti, progettati per ridurre il dolore;
  • Fisioterapia. È una serie di esercizi speciali che mirano ad eliminare gli spasmi muscolari;
  • Terapia manuale. In questo caso, il medico interviene per ripristinare le articolazioni nella loro posizione originale, a causa della quale la loro pressione sul nervo si interrompe;
  • Fisioterapia. Esistono molte procedure diverse in questo segmento, compreso l'uso di laser, ultrasuoni, correnti.

Esistono anche metodi più specifici che possono aiutare a eliminare il dolore. Un esempio è la procedura di agopuntura..

Terapia farmacologica

Le pillole e le iniezioni per la nevralgia, di regola, sono prese in complessi. Il cardine del trattamento sono gli antidolorifici che, oltre ad alleviare il dolore, aumentano anche il flusso sanguigno nell'area problematica.

Questi includono:

  • Novocaina;
  • Lidocaina;
  • Farmaci antinfiammatori non steroidei. Ibuprofene, diclofenac;
  • Farmaci ormonali. Diprospan.
La novocaina allevia il dolore e aumenta il flusso sanguigno nell'area interessata

Inoltre, vengono prescritti farmaci che influenzano vari processi nel corpo, direttamente correlati al fenomeno della nevralgia. Molto spesso questi sono:

  • Farmaci anticonvulsivanti;
  • Sedativi e antidepressivi
  • Antispastici;
  • Complessi contenenti vitamine del gruppo B..

In questo caso, non è consigliabile utilizzare i metodi della medicina tradizionale per scopi medicinali, poiché la sindrome del dolore può essere ulteriormente aggravata.

Metodi chirurgici

Nei casi in cui la terapia conservativa e farmacologica non ha un effetto positivo, al paziente può essere prescritto un intervento chirurgico.

Per la nevralgia cervicale, esistono due metodi chirurgici principali:

  • Decompressione microvascolare. L'operazione consiste nel rimuovere o spostare i vasi che comprimono il nervo;
  • Neurostimolazione. Un impulso elettrico viene trasmesso attraverso un dispositivo speciale, che può eliminare la sindrome del dolore.

Quale metodo sarà utile in ogni singolo caso è determinato dal medico curante.

Prevenzione della nevralgia del collo

I medici raccomandano vivamente di sottoporsi a un esame in una fase precoce della malattia, che garantisce un trattamento più rapido ed efficace. Ma è meglio cercare di prevenire completamente lo sviluppo della nevralgia cervicale..

Per fare ciò, segui una serie di consigli:

  • Prevenire l'ipotermia del corpo. Non sostare direttamente di fronte a un condizionatore d'aria in funzione, sotto una corrente d'aria o vicino a una finestra aperta. Nella stagione fredda, è necessario non trascurare l'uso di cappelli e sciarpe;
  • Uno stile di vita sano. Lo stato del sistema immunitario gioca un ruolo importante nello sviluppo della nevralgia. Per prevenire il suo indebolimento, è necessario condurre uno stile di vita attivo, fare passeggiate all'aria aperta, aderire a una dieta sana;
  • Esami preventivi. Poiché varie malattie spesso diventano la causa dell'infiammazione dei nervi, è meglio prevenire la loro esacerbazione o transizione a un grado cronico. È meglio eseguire periodicamente esami medici preventivi per la presenza di alcune patologie nel corpo..

Tali misure aiuteranno a prevenire non solo la nevralgia cervicale, ma anche una serie di altre malattie..

Nevralgia cervicale

La nevralgia è un dolore acuto da taglio che si verifica lungo il nervo colpito. Molto spesso appare dove ci sono canali ossei stretti attraverso i quali passano le terminazioni nervose. Nel collo e nella schiena, possono essere schiacciati dai tessuti adiacenti per vari motivi..

La nevralgia del rachide cervicale si manifesta con dolore nella regione dalla parte posteriore della testa alle spalle, spesso simile a un'emicrania. Nei casi avanzati, sono presenti intorpidimento, disturbi della sensibilità cutanea e atrofia muscolare nell'area innervata dal nervo interessato.

Cause

La nevralgia cervicale è primaria e secondaria. La forma primaria di patologia è caratterizzata dall'assenza di cause visibili e si verifica, di regola, improvvisamente e acutamente. Il meccanismo del suo sviluppo non è ben compreso..

La nevralgia secondaria è causata dalla presenza di alterazioni patologiche nelle strutture vertebrali, traumi e varie malattie. Le possibili cause includono:

  • processi degenerativi-distrofici nelle vertebre e nei dischi intervertebrali situati nel rachide cervicale - osteocondrosi;
  • ernie e sporgenze, che si formano nelle ultime fasi della condrosi;
  • lesioni meccaniche - contusioni, lussazioni, fratture delle vertebre cervicali;
  • la crescita di neoplasie, sia benigne che maligne, nella zona cervico-spalla;
  • tosse grave su uno sfondo di ipotermia o raffreddore, che irrita le radici nervose e provoca dolore al collo e alla parte posteriore della testa;
  • malattie croniche che colpiscono la colonna vertebrale: diabete mellito, spondilite tubercolare, nonché patologie autoimmuni - reumatismi, lupus eritematoso sistemico, ecc.;
  • lesioni infettive - encefalite, meningite;
  • permanenza regolare e prolungata in una posizione scomoda, a causa della quale l'afflusso di sangue al cervello viene interrotto e i nervi cervicali si infiammano;
  • sovraccarico psico-emotivo prolungato;
  • interruzione del sistema nervoso centrale e periferico.

Vale anche la pena notare che la nevralgia del collo può manifestarsi in due forme: troncale e disestetica. Il primo - troncale - comporta un danno ai tronchi del nervo spinale, portando ad una diminuzione della forza dei muscoli degli arti superiori.

La forma disestetica della nevralgia è accompagnata dalla compressione di piccoli rami dei nervi e provoca il cosiddetto dolore "superficiale". La determinazione di una forma specifica ha un valore diagnostico cruciale, poiché è da essa che dipende la scelta delle tattiche terapeutiche..

Sintomi

Un sintomo principale della nevralgia è il dolore al collo, che spesso si estende alla parte superiore della schiena e al cingolo scapolare. Può avere un carattere e un'intensità diversi: da acuto e da tiro, da pugnale, a doloroso e opaco. La sindrome del dolore è molto simile all'osteocondrosi, che spesso porta a errori nella diagnosi primaria.

Molto spesso, il dolore si avverte come una lombalgia con una localizzazione ben definita: il paziente può mostrare con precisione una linea di dolore parallela al decorso del nervo. Nella maggior parte dei casi, si verifica su un solo lato del collo e dura non più di due minuti.

Il numero di attacchi di dolore al giorno varia. A volte il dolore può irradiarsi (irradiarsi) all'orecchio, cosa che alcuni pazienti assumono per l'otite media.

Il quadro clinico della nevralgia cervicale può includere una serie di altri sintomi:

  • mal di testa;
  • dolori taglienti, acuti, lancinanti al collo e alla parte posteriore della testa quando si gira e si inclina la testa;
  • rigidità, rigidità del cingolo scapolare;
  • disagio e dolore a una o entrambe le braccia, spalle, spesso raggiungendo le dita;
  • anche una leggera pressione sulla zona interessata provoca dolore vicino alla colonna vertebrale;
  • fotofobia, dolore agli occhi anche dalla luce fioca;
  • alcuni pazienti hanno un cuoio capelluto irritato, soprattutto quando vengono toccati.

Quando il nervo occipitale è coinvolto nel processo patologico, si osservano vertigini e disturbi della sensibilità, sia verso l'alto che verso il basso..

Se l'arteria vertebrale è interessata, può svilupparsi un'emicrania cervicale. A causa di una violazione dell'afflusso di sangue alle parti posterolaterali del cervello, si notano i seguenti sintomi:

  • mal di testa unilaterale, spesso dolorante e persistente, si diffonde dalla parte posteriore della testa alla fronte. Scientificamente si chiama cranialgia;
  • ronzio nelle orecchie, diminuzione dell'acuità uditiva, disturbo della coordinazione del movimento;
  • mosche lampeggianti davanti agli occhi; oscuramento, visione doppia;
  • nervosismo, irritabilità, disturbi del sonno, sbalzi d'umore;
  • vampate di calore alternate a brividi, mani e / o piedi freddi;
  • picchi di pressione sanguigna.

La nevralgia cervicale può essere accompagnata da diverse manifestazioni diverse, secondo le quali è suddivisa in 5 tipi. Tipo 1 - cervicalgia: questo è il dolore e la tensione nei muscoli del collo, combinati con la rigidità dei movimenti. Sono caratteristici vertigini, disfunzione autonomica (nevrosi, aumento della pressione, ecc.) E visione offuscata.

Tipo 2 - cervicocranialgia: il dolore è localizzato nel collo e nella parte posteriore della testa. Tipo 3 - cervicobrachialgia, in cui il collo e il braccio fanno male. La causa più comune è la compressione dei nervi spinali. Tipo 4 - sindrome del muscolo obliquo inferiore della testa, accompagnata da dolore doloroso su un lato dell'occipite. Il dolore aumenta con i movimenti del collo.

5 vista - sindrome costale-scapolare. Gli attacchi di dolore si notano nel collo e nella regione del bordo superiore della scapola. Il dolore si irradia alla spalla e al torace, aumenta quando la mano è posizionata dietro la schiena.

Trattamento

La terapia della nevralgia è sempre complessa e include diversi metodi. Nel periodo acuto, analgesici e farmaci antinfiammatori non steroidei vengono prescritti in iniezioni, compresse, unguenti. Se necessario, l'anestesia locale viene eseguita con l'aiuto di lidocaina, novocaina, ecc..

Molto spesso, la nevralgia viene trattata in modo conservativo; nei casi più gravi, può essere necessario un intervento chirurgico.

Al culmine della malattia, in presenza di forti germogli di dolore, si consiglia al paziente di rimanere a letto. Se i farmaci convenzionali non riescono ad alleviare il dolore, vengono utilizzati anche anticonvulsivanti: Gabapentin, Pregabalin o Carbamazepina. Alcuni pazienti richiedono antidepressivi e il loro medico prescrive Amitriptilina, Duloxitina.

Se gli spasmi muscolari sono la causa della nevralgia, vengono utilizzati miorilassanti: Sirdalud, Midocalm. La sindrome del dolore persistente, non suscettibile di sollievo dai farmaci tradizionali, viene eliminata mediante blocchi terapeutici con farmaci ormonali - Desametasone, Diprospan.

Benefici delle iniezioni

L'introduzione di farmaci per iniezione fornisce un rapido sollievo dalla sindrome del dolore, un dosaggio accurato del farmaco e un effetto diretto sull'epicentro dell'infiammazione. I contagocce per via endovenosa hanno un buon effetto..

Le iniezioni per la nevralgia cervicale possono essere intramuscolari, endovenose, sottocutanee. Separatamente, vale la pena menzionare i blocchi di novocaina, che vengono eseguiti solo in un ambiente ospedaliero..

Unguenti come aggiunta importante

Per migliorare l'effetto terapeutico, i medici consigliano di utilizzare agenti esterni: unguenti, gel, creme e balsami.
La nevralgia può essere trattata con farmaci antinfiammatori, analgesici e riscaldanti. Nella lista degli unguenti analgesici più popolari: Fastum-gel, Febrofid, Artrosilene, Bystrum-gel, Ketonal.

Il principio attivo dei fondi elencati è il ketoprofene. È un componente antinfiammatorio con una biodisponibilità del 5% e non si accumula nell'organismo. Gli unguenti al ketoprofene hanno attività antinfiammatoria e analgesica.

I seguenti rimedi possono anche aiutare ad alleviare il dolore e curare la nevralgia cervicale:

  • Voltaren. Il principio attivo è il diclofenac, che appartiene al gruppo dei farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) ed è il "gold standard" per il trattamento delle patologie dell'apparato muscolo-scheletrico e delle malattie neurologiche.
  • Viprosal V. Unguento naturale, principi attivi - veleno di vipera, trementina, canfora, acido salicilico. Grazie alla tossina del serpente, l'agente ha un effetto analgesico e riduce l'infiammazione. La canfora migliora la nutrizione dei tessuti, la trementina migliora il flusso sanguigno, l'acido salicilico combatte l'infiammazione.
  • Finalgon. È un unguento riscaldante con estratto di peperoncino nella sua composizione, che ha una tripla azione: analgesica, distraente e antinfiammatoria. È prescritto per il mal di schiena causato da vari motivi, è efficace in caso di pizzicamento delle radici nervose.
  • Menovazina. Un potente anestetico che viene utilizzato per sfregare con nevralgie, dolori articolari e problemi della pelle. La menovazina contiene mentolo, procaina e benzocaina: tutte e tre le sostanze hanno effetti analgesici. Il mentolo, inoltre, funge da ottimo conduttore per l'erogazione di componenti terapeutiche alla fonte del dolore, dilata i vasi sanguigni e dona una piacevole sensazione di fresco sulla pelle..
  • Unguento alla trementina. Ha un potente effetto antinfiammatorio riscaldando i tessuti e stimolando i recettori nervosi. L'indicazione principale per l'uso è proprio la nevralgia di varia origine, con i sintomi di cui l'unguento di solito affronta abbastanza rapidamente. Dopo aver applicato l'unguento, si consiglia di chiudere il punto dolente con un panno e isolarlo, avvolgendolo, ad esempio, con una sciarpa di lana.

Chirurgia

Con un'efficienza bassa o nulla delle tecniche conservative, ricorrono al trattamento chirurgico. L'intervento consiste nell'eliminare la compressione del nervo "neutralizzando" i tessuti patologicamente alterati. Può trattarsi di decompressione microvascolare o neurostimolazione..

Durante la procedura di decompressione microvascolare, viene posizionata una protezione in teflon per separare il vaso sanguigno e il nervo da esso bloccato. Al posto del teflon, può essere utilizzato un altro materiale sintetico. Pertanto, la catena patologica di trasmissione degli impulsi del dolore viene interrotta..

L'operazione descritta viene eseguita per la nevralgia del trigemino e alcune altre condizioni che causano dolore al collo. La compressione - compressione di un nervo - in questo caso è causata da un vaso sanguigno pulsante che preme sulla radice del nervo dove esce dal canale spinale. Per risolvere questo cosiddetto conflitto neurovascolare, l'operazione viene eseguita.

La neurostimolazione è indicata per il dolore neuropatico e vascolare. Viene eseguito solo quando i farmaci e altre tecniche chirurgiche hanno fallito. Innanzitutto, un elettrodo di prova viene posizionato sul paziente per un massimo di due settimane.

Se il dispositivo si rivela efficace, viene posizionato un sistema di stimolazione continua con un elettrodo selezionato individualmente. Dopo l'operazione, il paziente visita regolarmente il medico per monitorare e, se necessario, apportare modifiche al funzionamento del generatore.

L'unica limitazione della neurostimolazione è il divieto di passaggio del telaio magnetico negli aeroporti e nelle stazioni ferroviarie.

Trattamento domiciliare

Le ricette della medicina tradizionale sono ampiamente utilizzate nel trattamento della nevralgia cervicale. I più efficaci sono il riscaldamento delle aree problematiche utilizzando il calore secco e umido..

Il calore secco è fornito da sacchi di sale caldo, sabbia o grano saraceno. Vengono semplicemente applicati all'area malata e conservati fino a quando non si raffreddano completamente. Puoi eseguire la procedura più volte al giorno..

Per impacchi umidi, hai bisogno di 5 cucchiai. l. foglie di eucalipto e mezzo bicchiere di miele. Versare l'erba con due bicchieri di acqua bollente, tenerla per un paio di minuti a bagnomaria e lasciare per 2 ore. Quindi aggiungere il miele, mescolare e inumidire una benda o una garza nella soluzione risultante. Applicare l'impacco sul collo per 15 minuti. Puoi fare questa applicazione ogni 4 ore..

Per la somministrazione orale, le infusioni di camomilla e achillea vengono preparate al ritmo di 2 cucchiai. in un bicchiere d'acqua. Le materie prime vengono versate con acqua bollente e insistono per circa un'ora. Allevia bene il dolore al collo, l'infuso di corteccia di salice, che viene preparato allo stesso modo, ma un cucchiaio è sufficiente per un bicchiere di acqua bollente.

Il più importante

Lo sviluppo della nevralgia cervicale è molto più facile da prevenire che da curare. Le misure preventive sono estremamente semplici, ma molto efficaci. Sforzo fisico e nervoso, l'ipotermia dovrebbe essere evitata. È molto importante mangiare bene, non abusare di cibi grassi e piccanti, bevande alcoliche. Si raccomanda inoltre di trattare tempestivamente il raffreddore e altre malattie in modo che non diventino croniche.

Va ricordato che la nevralgia del rachide cervicale è molto pericolosa e può portare alla disabilità. Ecco perché, quando compaiono i sintomi caratteristici, è meglio consultare immediatamente un medico..

Nevralgia del collo: cause, sintomi e trattamento

La nevralgia del collo è un termine collettivo che implica la comparsa di dolore e disturbi funzionali in questa parte del corpo. La patologia è caratterizzata da un'origine polimorfica, ha un carattere acquisito, non è congenita. Se avverti dolore al collo e sintomi associati, è necessario fissare un appuntamento con un medico.

Lo specialista prescriverà procedure diagnostiche e, sulla base dei risultati dell'esame, redigerà un protocollo di trattamento. Nella clinica di Doctor Length vengono utilizzati metodi tradizionali e originali per il trattamento di una condizione dolorosa. Le tecniche di recupero aggressivo non vengono praticate qui, preferendo metodi di influenza delicati che hanno un successo innegabile. Tra le direzioni comprovate: kinesio taping, terapia Di-Tazin, osteopatia e tecniche manuali.

Motivi di sviluppo

La nevralgia del collo si verifica sia inizialmente (a parte altre patologie) che secondaria - sullo sfondo della malattia sottostante presente nel corpo del paziente. Lo sviluppo della violazione è facilitato da:

  • Ipotermia del corpo - locale o generale.
  • Grado di obesità 2 o più.
  • Disturbi ormonali, presenza di patologie endocrine.
  • Infezione da herpes nel sangue.
  • Osteocondrosi, artrite del rachide cervicale.
  • Permanenza prolungata in una posizione ferma e scomoda.
  • Rachiocampsis.
  • Encefalite, meningite (comprese quelle trasferite in precedenza).
  • Tumori benigni o maligni della colonna vertebrale, midollo spinale.
  • Infiammazione dei vasi sanguigni nella parte posteriore della testa.
  • Lesione spinale posticipata (indipendentemente dal tipo di lesione, dal periodo di prescrizione).

I fattori indirettamente associati allo sviluppo della nevralgia sono il diabete mellito, l'essere in un ambiente stressante, uno stile di vita sedentario, il trasferimento di una forma grave di influenza o ARVI. Meno spesso, la patologia aggrava la gravidanza o il periodo postpartum. Lo stato delle vertebre è influenzato negativamente da un lavoro fisico estenuante, carichi sportivi eccessivi. Ciò significa che gli sport irregolari e il lavoro "logorio" associato al sollevamento pesi creano le condizioni per lo sviluppo della nevralgia.

Sintomi della malattia: quali segni cercare

Per molto tempo, la malattia si sviluppa in modo asintomatico. Quindi, con il progredire della patologia, il paziente ha:

  • Dolore acuto al collo. Gli attacchi sono per lo più unilaterali e durano fino a 9-15 secondi. Tipo di disagio: acuto, sparante, acuto. Nel periodo che precede l'inizio di un attacco persiste una sensazione di bruciore al collo, una sensazione di tensione.
  • Rigidità, incapacità di girare la testa, inclinarla. Questa sindrome è particolarmente pronunciata al mattino, in seguito si indebolisce un po '..
  • Capogiri, visione offuscata, problemi di udito (osservati principalmente durante un attacco di dolore).
  • Aumento locale della temperatura corporea: la pelle del collo diventa calda al tatto, spesso si osserva arrossamento nel sito di localizzazione dei cambiamenti.
  • Difficoltà a concentrarsi.
  • Incapacità di cambiare la posizione del corpo in modo indolore. Ogni movimento della testa è accompagnato da un disagio acuto..
  • Sensazione della presenza di un corpo estraneo nelle vertebre cervicali.
  • Mal di testa che progredisce come un'emicrania.
  • Indebolimento della sensibilità della zona del collo: la copertura reagisce male al tatto.

Sentire l'area disturbante e cercare di cambiare la posizione del corpo contribuisce ad aumentare la gravità della sindrome del dolore. Ulteriori segni sono associati a disagio e significative limitazioni del movimento. Sullo sfondo della progressione della patologia, si verificano insonnia, irritabilità e diminuzione dell'appetito..

Il successo del trattamento dipende per il 90% dall'esperienza e dalle qualifiche del medico.

Consultazione e diagnosi gratuite di un medico

  • Chiropratico
  • Vertebrologo
  • Osteopata
  • Neurologo

Durante il consulto effettuiamo una diagnosi approfondita dell'intera colonna vertebrale e di ogni segmento. Individuiamo quali segmenti e radici nervose sono coinvolti e causano sintomi di dolore. Sulla base dei risultati della consultazione, forniamo raccomandazioni dettagliate per il trattamento e, se necessario, prescriviamo ulteriori diagnosi.

Effettueremo la diagnostica funzionale della colonna vertebrale

Eseguiremo una manipolazione che allevia in modo significativo il dolore

Elaboreremo un programma di trattamento individuale

Trattamento della nevralgia del collo

Al fine di stabilire correttamente la causa del deterioramento della condizione, è esclusa la presenza di malattie simili nelle manifestazioni cliniche ai segni di nevralgia. Diagnostica differenziale (comparativa) con crisi ipertensive, meningite, danni alle vertebre cervicali, un tumore del cervello o del midollo spinale.

La nevralgia viene rilevata sulla base dei risultati dell'esame e dell'interrogatorio del paziente, tenendo conto delle misure diagnostiche adottate. Durante la conversazione, il medico apprende i fattori che hanno preceduto il deterioramento della salute, i tempi dell'attacco, i metodi per alleviare la condizione. I metodi diagnostici più informativi sono l'esame a raggi X, la risonanza magnetica per immagini (MRI), la tomografia computerizzata (TC). Con l'aiuto di queste procedure, è possibile identificare i cambiamenti nella struttura della colonna vertebrale, valutare il grado di afflusso di sangue all'area problematica, rilevare tumori, distruzione e altre anomalie.

Il trattamento dei pazienti con nevralgia è caratterizzato da un approccio integrato. La malattia viene eliminata principalmente in modo conservativo, senza intervento chirurgico. Al paziente vengono prescritti farmaci, fisioterapia, massaggio dell'area disturbante, dieta.

Medicinali usati per la nevralgia del collo:

  1. Antidolorifici. Elimina il disagio, aiuta ad aumentare le capacità motorie del paziente: usa Dexalgin, Ketanov.
  2. Medicinali con proprietà antispasmodiche. Alleviare il dolore localizzato nel collo. I farmaci più efficaci - No-Shpa, papaverina cloridrato.
  3. Rilassanti muscolari. Promuovi l'eliminazione della tensione muscolare: usa Midocalm, Sirdalud o loro analoghi.
  4. Farmaci antinfiammatori non steroidei. Vengono utilizzati Voltaren, Meloxicam, Ibuprofen, Diclofenac. I farmaci elencati eliminano il processo infiammatorio, alleviano il disagio. I farmaci non steroidei sono caratterizzati da gastro- ed epatotossicità: hanno un carico farmacologico sullo stomaco e sul fegato. Pertanto, la presenza di ulcera peptica o forme aggravate di gastrite è una controindicazione per l'uso di farmaci in questo gruppo..
  5. Condroprotettori. Fornire il ripristino del tessuto cartilagineo dei dischi intervertebrali. L'uso di condroprotettori è particolarmente necessario nei casi in cui la nevralgia è causata dall'osteocondrosi del rachide cervicale. Usano Condroitin solfato, Alflutop, Glucosamina.
  6. Vitamine del gruppo B. Migliora l'afflusso di sangue, aumenta la sensibilità nel segmento problematico. Per un più rapido raggiungimento dell'efficacia terapeutica, le vitamine del gruppo B vengono utilizzate sotto forma di complessi: vengono introdotti Milgamma, Neurobin, Neurobeks.
  7. Farmaci diuretici (Furosemide, Lasix). La loro azione è volta a rimuovere il liquido in eccesso dai tessuti. L'eliminazione dell'edema riduce il carico sull'area problematica, riduce al minimo la gravità del disagio.
  8. Farmaci che migliorano l'afflusso di sangue locale all'area problematica.

Con la nevralgia del rachide cervicale, vengono prescritte procedure fisioterapiche: UHF, elettroforesi, magnetoterapia. Tipo di esposizione, durata di 1 sessione, durata del corso - fissata dal medico.

Durante il massaggio si consiglia di utilizzare gel che hanno un effetto riscaldante. L'influenza manuale può essere eseguita solo da uno specialista: le azioni non professionali portano all'aggravamento della condizione. La nostra clinica utilizza metodi avanzati di terapia manuale e osteopatia. Viene utilizzata la terapia di-Tazin, la cui pratica è sviluppata nei principali centri di trattamento d'America, Inghilterra, Germania.

Inoltre, il paziente deve monitorare la qualità del cibo - ridurre l'uso di cibi e piatti salati, acidi e piccanti; rifiutare di prendere alcol. Quando il deterioramento è una conseguenza di un nervo schiacciato (come un tumore o vertebre), viene eseguito un intervento chirurgico.

La nevralgia del collo è una patologia che si presta bene all'eliminazione, a condizione che si consulti un medico in modo tempestivo. Prima di visitare uno specialista, non è consigliabile assumere farmaci, spremere e riscaldare l'area problematica. È controindicato eliminare la malattia mediante la medicina tradizionale.

È possibile fissare un appuntamento presso la clinica del dottor Length per telefono o tramite il sito web. Lascia una domanda completa con le tue informazioni di contatto. Il nostro specialista ti contatterà al più presto per chiarire i dettagli di una visita e scegliere un giorno adatto per un consulto medico.

Siamo consigliati dal 94% dei pazienti.
Grazie per la fiducia e la scelta.

Cosa fare se compaiono nevralgie e dolore al rachide cervicale

Durante il pizzicamento dei nervi occipitali, la nevralgia si verifica nel rachide cervicale, i segni di disturbo si manifestano con un dolore intenso che si diffonde dalla parte posteriore della testa alle spalle.

Sono spesso combinati con emicrania e dolore nella parte posteriore della testa. Se inizi la malattia, la sensibilità peggiora, il tessuto muscolare si intorpidisce e si atrofizza. Per evitare tali difficoltà, è necessario familiarizzare con le cause ei sintomi dei disturbi dei tessuti nervosi nel rachide cervicale..

Cause

La nevralgia del rachide cervicale si manifesta spesso dopo la deformazione dei dischi intervertebrali. La patologia può essere primaria e secondaria. Lo sviluppo idiopatico della nevralgia è caratterizzato da una forte manifestazione dei sintomi della malattia senza cause caratteristiche. La forma secondaria è il risultato di qualsiasi patologia o neoplasia. In neurologia, ci sono 2 opzioni per il corso della patologia, che forniscono un'efficacia sufficiente della terapia:

  • Disestetico: un disturbo dei rami nervosi più sottili e la comparsa di dolore superficiale.
  • Troncale, in cui i tessuti nervosi del midollo spinale vengono pizzicati e le mani cedono.

La regione cervicale è la più mobile della colonna vertebrale; il peso e le dimensioni di tali vertebre sono inferiori rispetto alla parte bassa della schiena. C'è una forte pressione sulle vertebre cervicali. Le cause più comuni di cambiamenti neurologici includono:

  • Crampi muscolari derivanti da una scarsa attività motoria.
  • Problemi con il metabolismo, i tessuti spinali e le complicanze dell'osteocondrosi cervicale, accompagnati dalla comparsa di ernia e protrusioni.
  • Trauma con complicazioni, gonfiore nella parte posteriore della testa.
  • Ipotermia.

La nevralgia cervicale si manifesta spesso con complicanze indirette di disturbi cronici. Tali ragioni non si verificano così spesso e sono di natura secondaria:

  • Infiammazione localizzata nel sistema nervoso centrale.
  • Meningococco ed encefalite.
  • Patologie virali.
  • Diabete.
  • Teburcolosi.
  • Si depositano sali che causano patologie articolari.
  • Disturbi autoimmuni.
  • Patologie vascolari periferiche.
  • Polineuropatia, provocata da complicazioni.
  • Aumento dello stress e grave disagio emotivo.

Ulteriori fattori che aggravano la clinica della malattia sono i disturbi del sistema nervoso.

Sintomi

Il sintomo principale della malattia è la sindrome del dolore che si sviluppa nella regione del nervo cervicale, diffondendosi alle parti adiacenti delle vertebre:

  • Aspetto brusco causato dalla rotazione del corpo o dal contatto con i nervi vicino alla parte posteriore della testa.
  • Varie localizzazioni nelle fasi primarie nella parte inferiore del collo, nella regione occipitale, vicino agli occhi.
  • Irritazione delle terminazioni nervose.
  • Il dolore simile a una scossa elettrica appare e scompare all'improvviso.
  • Fotosensibilità intensa, dolore agli occhi.
  • Sintomi spiacevoli al contatto con il cuoio capelluto.

Spesso tali sintomi vengono confusi con l'insorgenza di emicrania, osteocondrosi, otite media, che può essere determinata da un consulto medico. Mal di testa spesso associato a sindrome dell'arteria vertebrale o emicrania cervicale.

La malattia provoca un disturbo circolatorio nelle parti posterolaterali del sistema nervoso, è caratterizzata dai seguenti sintomi:

  • Cranialgia: un sintomo si manifesta da un lato, dura a lungo, fa male, scorre nella parte frontale.
  • La pelle fa male se tocchi o graffi leggermente.
  • Trasformazioni cocleovestibolari, vertigini, problemi di udito.
  • Problemi di vista, mosche, visione doppia.
  • Sintomi neurastenici, irritabilità, scarso sonno.
  • Trasformazioni vegetative.
  • Calo della pressione sanguigna.

Sindrome miofasciale cervicale

La sindrome miofasciale è caratterizzata da dolore riflesso nell'area della scapola, del tessuto muscolare trapezio e delle fibre responsabili del raddrizzamento della schiena. Il dolore viene trasferito alle spalle, alla testa, alla parte posteriore della testa. La sindrome pseudo-radicolare si riferisce ai segni di una reale violazione delle fibre nervose nel midollo spinale. Il piccolo tessuto scaleno pettorale viene contratto anche durante la neurite alla spalla.

La cervicocranialgia è accompagnata da sintomi al collo, portati al lobo del lobo temporale e alla parte posteriore della testa.

Suggerimenti per il trattamento

Quando un paziente ha un forte dolore al collo e sono presenti sospetti di nevralgia, è necessario cercare aiuto. Se trattato in tempo, è necessario prevenire la successiva trasformazione patologica e garantire un recupero accelerato..

Se la nevralgia si verifica nella fase iniziale della malattia, il trattamento è limitato agli effetti dei farmaci, all'uso di impacchi e alle procedure di massaggio. Le persone che ignorano i segni della nevralgia e cercano di risolvere un problema del genere da sole, alla fine, non ci sono altre opzioni oltre alla chirurgia.

La terapia è divisa in diversi tipi:

  • Tecniche conservative.
  • L'azione delle droghe.
  • Procedure chirurgiche.

Tutti i metodi hanno le loro caratteristiche, consentendo l'eliminazione della nevralgia cervicale.

Metodi conservativi

Il trattamento non implica l'uso di procedure chirurgiche, l'attuazione di regole e regolamenti individuali consente di affrontare efficacemente la nevralgia:

  • Pace. In questo caso, non c'è tensione nella colonna vertebrale, quindi il carico e il dolore sono più facili da eliminare. È anche indesiderabile restare a letto tutto il tempo..
  • Procedure di massaggio. Per eliminare gli spasmi, è necessario agire sui muscoli nell'area problematica. Migliora la circolazione sanguigna e riduce la sensazione di disagio..
  • Impatto termico. L'impacco non dovrebbe essere eccessivamente caldo. Lo specialista determina per quanto tempo e quanto spesso verrà utilizzato l'impacco.
  • Fisioterapia. L'elenco delle procedure è determinato dal medico in base ai risultati della diagnosi. Spesso usato terapia laser, ultrasuoni.
  • Gli esercizi di fisioterapia hanno alcune caratteristiche. Gli esperti determinano le regole per osservare gli esercizi. La ginnastica è determinata individualmente per ciascun paziente.
  • La terapia manuale garantisce la ripresa delle articolazioni.
  • L'agopuntura viene utilizzata in alcuni casi, ma con l'aiuto dell'agopuntura è possibile agire sul punto dolente. Questo metodo ha dimostrato la sua efficacia per molti anni..

Medicinali

In caso di danni al rachide cervicale e nevralgie, gli esperti prescrivono farmaci. L'elenco dei farmaci include quanto segue:

  • Rilassanti muscolari.
  • Antinfiammatorio.
  • Sedativi.
  • Anticonvulsivanti.
  • Antidolorifici.
  • Vitamina B.
  • L'unguento viene utilizzato se i medici prescrivono trattamenti di massaggio.

Intervento chirurgico

Se la terapia conservativa e farmacologica non porta risultati adeguati, lo specialista decide di effettuare un intervento al quale si deve ricorrere in caso di patologia avanzata.

La nevralgia cervicale viene eliminata in due modi:

  • Decompressione microvascolare. I frammenti di tessuto che pizzicano i nervi occipitali vengono rimossi. I singoli vasi sanguigni vengono identificati e sezionati, quindi la sensibilità delle radici nel collo viene distrutta.
  • Neurostimolazione. I fili sono collegati alle fibre nervose danneggiate e la corrente viene fatta passare attraverso di essi. Di conseguenza, gli impulsi del dolore nella nevralgia vengono bloccati. Gli stimolanti vengono iniettati nel collo sotto la pelle. Tali adattamenti sono regolati per le caratteristiche individuali del corpo del paziente.

È meglio trattare la nevralgia cervicale nelle prime fasi. La diagnostica deve essere eseguita al primo disagio..

Effetti

Se la malattia viene trattata nel momento sbagliato, sorgono complicazioni. La condizione dei nervi occipitali si sta deteriorando, la distruzione è aggravata. Quando le fibre nervose vengono distrutte, il paziente avverte dolore tutto il tempo, si manifesta il torcicollo, fornendo uno stato di disabilità. Di conseguenza, si verificano vari disturbi mentali..

Prevenzione

Il trattamento della nevralgia cervicale richiede molto tempo, richiede costi materiali significativi. La prevenzione è necessaria per non dover affrontare trattamenti costosi:

  • Devi fornirti la dieta giusta, succhi, latte, alimenti vegetali dovrebbero prevalere. Non è desiderabile mangiare prodotti a base di carne grassi, pepati, fritti, affumicati, bevande al caffè, alcol. Questo può portare alla deformazione delle pareti vascolari, dei muscoli.
  • Necessità tempestiva di curare il raffreddore, utilizzare tutti i farmaci necessari prescritti dal medico. Gli agenti antibatterici in tali situazioni vengono utilizzati per primi. Non è desiderabile interrompere il corso del trattamento, anche quando i sintomi negativi scompaiono. Se la condizione non viene trattata e si sviluppa una forma cronica, le fibre nervose vicino al collo si infiammano, provocando nevralgie..

Quando i primi segni di nevralgia compaiono nella zona del collo, non è necessario posticipare le visite dal medico. La patologia è pericolosa, quindi, per prevenire le conseguenze, è necessario scegliere rapidamente la terapia appropriata, seguire tutti i consigli dei medici.

Sintomi e trattamento della nevralgia cervicale

Conoscendo i possibili sintomi della nevralgia cervicale, sarai in grado di identificare la malattia da solo in tempo, oltre a contattare uno specialista per un aiuto qualificato. La nevralgia cervicale è una malattia abbastanza comune che non dovrebbe in nessun caso essere ignorata. Pertanto, avendo sospettato i primi possibili segni di nevralgia del collo, visitare un medico per confermare la diagnosi e prescrivere un regime di trattamento individuale.

Cause

Il tipo cervicale di nevralgia si verifica a causa della compressione delle radici nervose, che si trovano direttamente nella zona occipitale. Le fibre delle radici sono molto sensibili, quindi, con lo sviluppo di disturbi strutturali, gli impulsi diventano più frequenti. Portano al dolore.

La nevralgia si sviluppa senza provocare fattori o sotto la loro influenza e gli effetti dannosi delle malattie concomitanti.

In totale, si possono distinguere diversi motivi che causano la sindrome nevralgica della regione cervicale o occipitale della colonna vertebrale:

  • osteocondrosi cervicale (la causa più comune di un nervo schiacciato e lo sviluppo di nevralgia);
  • lesioni meccaniche al collo e alla schiena, che hanno portato a un nervo schiacciato;
  • ipotermia della regione occipitale;
  • sovratensione fisica;
  • tipo di lavoro sedentario;
  • posizione errata della schiena e della testa durante il lavoro o altre attività;
  • malattie infettive associate a danni ai tessuti nervosi;
  • tumori delle vertebre cervicali, cervello;
  • Malattie autoimmuni;
  • diabete;
  • gotta;
  • infiammazione vascolare;
  • ragioni psico-emotive (stress, depressione, superlavoro);
  • fasi gravi di raffreddore.

Se si determina con precisione il motivo per cui si è verificata la nevralgia del collo negli adulti o nei bambini, sarà possibile eliminare rapidamente ed efficacemente il nervo schiacciato e ripristinare il lavoro del rachide cervicale. Ecco perché il trattamento prevede un esame preliminare obbligatorio utilizzando metodi diagnostici moderni..

Sintomi

Con la nevralgia del rachide cervicale, i sintomi sono piuttosto diversi. Ma appaiono tutti in modo tale che è quasi impossibile non notarli. La nevralgia del rachide cervicale si manifesta chiaramente. Non sarai in grado di tollerare i sintomi a lungo. Quindi, quando compaiono i primi segni di nevralgia cervicale, chiedi aiuto ai medici..

Il sintomo principale della nevralgia cervicale è la sindrome del dolore. Ma ha anche le sue caratteristiche. In totale, si possono distinguere alcuni dei principali segni di nevralgia del rachide cervicale:

  • dolore pulsante e bruciante nella regione occipitale;
  • la sindrome del dolore può manifestarsi come dolore lancinante;
  • in molti modi, le condizioni del paziente assomigliano a un'emicrania;
  • qualsiasi movimento (particolarmente acuto) del collo provoca attacchi di dolore;
  • nella maggior parte dei casi, il disagio si avverte solo da un lato;
  • molto meno spesso dolore bilaterale;
  • a volte anche il minimo tocco al collo, alla testa o alla parte posteriore della testa provoca un forte dolore;
  • quando si guardano fonti di luce intensa, il dolore si verifica agli occhi e alle sopracciglia;
  • alcuni pazienti hanno una sensazione di lacrimazione all'interno della testa;
  • quando si piega e si gira il collo, il disagio aumenta;
  • i sintomi compaiono quando si starnutisce o si tossisce.

Come puoi vedere, è principalmente un nervo schiacciato che provoca dolore in una persona con nevralgia cervicale. Ma questi non sono gli unici sintomi con cui viene identificata la nevralgia cervicale:

  • con i movimenti della testa, si verifica una sensazione di nausea e talvolta si verifica un riflesso del vomito;
  • le aree problematiche diventano ipersensibili e qualsiasi tocco peggiora solo la condizione;
  • pelle d'oca, sensazione di freddo e intorpidimento;
  • la pelle del rachide cervicale diventa rossa o bianca;
  • le lacrime vengono rilasciate attivamente;
  • con un decorso prolungato della malattia, l'area interessata dalla nevralgia perde la sua precedente sensibilità.

Raccomandazioni per il trattamento

Se ti fa male il collo o se sospetti una nevralgia del rachide cervicale, dovresti cercare immediatamente aiuto. È l'inizio tempestivo del trattamento che previene ulteriori cambiamenti patologici e garantisce un rapido recupero..

Quando la nevralgia viene rilevata nella fase iniziale del suo sviluppo, la terapia è limitata ai farmaci, all'applicazione di impacchi e alle sessioni di massaggio. Ma per i pazienti che ignorano tutti i sintomi della nevralgia o cercano di risolvere il problema da soli, di conseguenza, non resta altro che un intervento chirurgico..

Il trattamento può essere suddiviso in diverse categorie:

  • metodi conservativi;
  • effetti della droga;
  • Intervento chirurgico.

Ciascuno dei metodi ha le sue caratteristiche per far fronte alla nevralgia cervicale della colonna vertebrale.

Trattamento conservativo

Non prevede l'utilizzo di tecniche chirurgiche. Il rispetto di alcune regole e l'attuazione delle istruzioni ti consentiranno di far fronte alla nevralgia cervicale.

  1. Pace. A riposo, la colonna vertebrale non si affatica e quindi è possibile alleviare il dolore e ridurre il carico. Ma anche stare costantemente a letto e non muoversi è dannoso;
  2. Massaggio. Per alleviare gli spasmi, è necessario massaggiare delicatamente il tessuto muscolare nella zona interessata. A causa di ciò, la circolazione sanguigna viene normalizzata e il disagio del dolore viene eliminato;
  3. Un impacco termico consente di agire sull'area problematica della colonna vertebrale. Non rendere la compressa troppo calda. La frequenza e la durata dell'applicazione dell'impacco è determinata dal medico;
  4. Effetto fisioterapico. L'elenco delle procedure viene scelto dal medico curante in base ai risultati dell'esame del rachide cervicale. È consuetudine trattare un problema simile con terapia laser, ultrasuoni, ecc.
  5. Fisioterapia. Ha anche le sue caratteristiche, regole per eseguire esercizi che uno specialista ti dirà o ti mostrerà. Il complesso è selezionato individualmente;
  6. Terapia manuale. Il compito del chiropratico è quello di riportare le articolazioni nella posizione corretta e garantire l'effetto più efficace del corso di terapia prescritto;
  7. Il metodo dell'agopuntura non è offerto ovunque, ma con il suo aiuto è possibile agire sulla colonna cervicale. La tecnica si è dimostrata molto efficace.

Terapia farmacologica

Con danni al rachide cervicale e lo sviluppo della nevralgia, i medici di solito prescrivono un ciclo di farmaci.

L'elenco dei farmaci include i seguenti gruppi di farmaci:

  • miorilassanti;
  • anticonvulsivanti;
  • farmaci antinfiammatori per bloccare le terminazioni nervose interessate;
  • farmaci per ridurre il dolore;
  • sedativi;
  • Vitamine del gruppo B..

Se parallelamente a questo viene prescritto un massaggio regolare, è meglio usare un unguento speciale. Gli unguenti sono massaggi diretti, così come quelli che consolidano il risultato del massaggio, cioè vengono applicati dopo la procedura.

Metodi chirurgici

Se il trattamento conservativo e farmacologico non ha portato il risultato desiderato, il medico decide di utilizzare il metodo dell'intervento chirurgico. È anche rilevante per lo stadio avanzato della nevralgia cervicale..

La nevralgia cervicale viene trattata in due modi.

  1. Decompressione microvascolare. L'operazione elimina il processo di compressione dei nervi occipitali. La tecnica è rilevante nel caso in cui la nevralgia si sia verificata a causa della compressione. Il compito degli specialisti è trovare i vasi che hanno compresso il nervo e operare su di essi. Ciò consente di ridurre la sensibilità delle radici nel rachide cervicale;
  2. Neurostimolazione. Un cablaggio è collegato ai nervi interessati attraverso i quali passa un impulso elettrico. Agiscono come antidolorifici nella nevralgia cervicale. Lo stimolatore viene iniettato per via sottocutanea nel collo. Il dispositivo è regolabile, il che consente di adattarlo a ogni specifico paziente.

La nevralgia cervicale dovrebbe essere trattata il prima possibile. Pertanto, al primo sospetto e dolore al collo, passare attraverso le procedure diagnostiche.

Quando la nevralgia cervicale "presa": per guarire, è impossibile posticipare

Gli statistici notano che la nevralgia del collo si è notevolmente "ringiovanita" negli ultimi anni. Questa malattia, così simile all'inizio a una comune emicrania, può essere curata con successo con una visita tempestiva da un medico..

Tra le tante malattie "caratteristiche" del nostro tempo, la nevralgia del rachide cervicale è sempre più diagnosticata. I medici ritengono che ciò sia dovuto ad un aumento della quantità di stress emotivo, postura scorretta, mancanza di attività fisica, aumento del numero di fattori provocatori.

Come evitare di ammalarsi? Per fare ciò, è necessario conoscere le cause dell'insorgenza della malattia, i metodi di trattamento e prevenzione..

Definizione, forme della malattia

La nevralgia è una condizione dolorosa del corpo causata dalla compressione dei plessi nervosi. In questo caso si verifica un forte dolore a causa del pizzicamento delle radici dei nervi spinali. Una tale patologia può apparire in qualsiasi parte della colonna vertebrale..

La nevralgia cervicale deriva dalla compressione del nervo occipitale. L'eziologia della malattia comporta una divisione in nevralgia primaria e secondaria. Quest'ultimo (sintomatico) appare come una complicazione dopo altre malattie e il primo (idiopatico) si sviluppa in modo indipendente.

L'infiammazione del nervo cervicale, che causa lo sviluppo della patologia, può iniziare per vari motivi. Questi includono: lesioni, lesioni impreviste dovute a un incidente, ernia dei dischi intervertebrali, grave ipotermia, grave stress emotivo, eccessivo sforzo fisico.

Attenzione! Una predisposizione alla nevralgia del rachide cervicale può manifestarsi in un bambino con diagnosi di sottosviluppo fetale o come conseguenza di deformità spinale durante il parto.

Esistono forme disestetiche e troncoconiche della malattia. Nel primo caso, le sensazioni dolorose sono superficiali, poiché le piccole radici nervose sono sottoposte a compressione. Con la neuropatia troncale, il plesso nervoso del midollo spinale viene pizzicato, gli arti superiori sono paralizzati.

Ragioni per l'aspetto

La deformità dolorosa delle radici spinali nelle vertebre del rachide cervicale è spesso causata da complicazioni di osteocondrosi, artrite cervicale, ernia dei dischi intervertebrali. Anche le disfunzioni della tiroide, l'ipotermia, le formazioni neoplastiche nel collo, i traumi, gli spasmi muscolari sono considerate le cause più comuni della malattia.

La nevralgia sintomatica può svilupparsi sullo sfondo di alcune malattie che non sono state trattate in tempo. Questi includono:

  • meningite;
  • processi infiammatori del sistema nervoso centrale;
  • infezione virale;
  • encefalite;
  • patologie autoimmuni;
  • interruzioni nei processi metabolici dei tessuti della colonna vertebrale.

I medici ritengono che i fattori provocatori per lo sviluppo di manifestazioni nevralgiche siano: tensione regolare dei muscoli del collo associata a sovraccarico fisico, depressione di una persona.

Sintomi

Il sintomo principale della neuropatia cervicale è considerato una sindrome da dolore grave, che è localizzata nella parte occipitale della testa, a volte cattura l'area delle spalle, delle scapole e dei muscoli della schiena. Un sintomo caratteristico è l'insorgenza improvvisa del dolore. A volte scompare, poi riappare. Con i movimenti della testa o la palpazione della zona del collo, il dolore aumenta notevolmente.